Articolo
11 gen 2019

Modifiche alla circolazione ferroviaria tra La Spezia, Genova e Ventimiglia

di mobilita

Adeguamento del tracciato ferroviario per migliorare le performance dell’infrastruttura. Le attività, programmate da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) dalle 23.00 di sabato 12 alle 7.00 di domenica 13 gennaio, si svolgeranno nei pressi di Genova Cornigliano. Per consentire l’operatività del cantiere sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Genova Voltri e Genova Sampierdarena con conseguenti modifiche al programma di viaggio di alcuni treni - cancellazioni totali o parziali e sostituzioni con bus - tra La Spezia, Genova e Ventimiglia. Nelle stazioni di Genova Voltri, Cornigliano e Sampierdarena sarà presente personale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) dedicato all’assistenza delle persone in viaggio. Il dettaglio delle modifiche è consultabile sul sito trenitalia.com, sull’App Trenitalia, sull’orario ufficiale “In Treno”. Qui la locandina con le modifiche alla circolazione

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

FIRENZE | Lunedì sospensione del servizio tranviario dalle 10 alle 16

di mobilita

È stato programmato per lunedì prossimo il taglio dell’albero nel giardino di Villa Vittoria, adiacente alla linea tranviaria in via Valfonda. L’intervento, concordato con la Soprintendenza, è motivato dall’instabilità della pianta e i collegati rischi per la sicurezza. L’aera verde sarà oggetto di un complessivo progetto di sistemazione a verde richiesto dalla stessa Soprintendenza. Per consentire il taglio sarà necessario interrompere il servizio tranviario tra le fermate Alamanni e Strozzi-Fallaci nella fascia oraria 10-16. Sarà quindi attivato il bus sostitutivo sull’itinerario da Valfonda a Strozzi-Fallaci; il bus poi ripartirà per effettuare una fermata intermedia in piazza Indipendenza per tornare a Valfonda. Frequenza prevista 5 minuti. Alle fermate ci sarà personale di GEST per fornire informazioni ai passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

Già da marzo 2019 il catamarano San Giovanni Paolo II sarà impegnato sulla tratta Malta/Sicilia

di mobilita

M/V San Giovanni Paolo II, (Scafo 089) che si trova attualmente presso il cantiere Incat di Hobart, in Tasmania, sarà consegnato agli armatori della Virtu Ferries il 24 gennaio 2019. Alcuni giorni dopo, la nave inizierà un viaggio di 9.600 miglia (17.780 chilometri), per circa 20 giorni di navigazione verso Malta. Il viaggio inaugurale vedrà la nave attraversare l'Oceano Indiano, facendo scalo nei porti di Fremantle in Australia Occidentale e Colombo in Sri Lanka per fare rifornimento, proseguirà per la Somalia, nella punta orientale dell'Africa, per poi attraversare il Mar Rosso effettuando l'ultimo scalo nel porto di Jedda ed infine entrerà nel Mediterraneo attraverso il Canale di Suez. L'ultima tappa del viaggio, da Port Said a La Valletta, dovrebbe essere effettuata in 30 ore. La nave sarà impegnata sulla tratta Malta/Sicilia a marzo del 2019. San Giovanni Paolo II è stato costruito non solo per essere conforme alle norme obbligatorie del Codice Internazionale Marittimo sugli High-Speed Craft 2000, ma anche alle Direttive Europee 1999/35/CE dell'Agenzia Europea Marittima per quanto concerne la sicurezza della Commissione europea. La nuova costruzione è inoltre conforme al Regolamento Marittimo dell'UE, sulle Green Policy, in risposta alle strategie oceaniche di nuova generazione basate su scienza, tecnologia e innovazione. I costruttori navali, Incat, sono riconosciuti come leader mondiali nella progettazione e nella costruzione di imbarcazioni ad alta velocità, in quanto costruttori delle più efficienti ed ecologiche navi ad alta velocità del mondo. Il catamarano San Giovanni Paolo II è alimentato da quattro motori MTU che generano un totale di 36.4 Mega Watts. Questi motori soddisfano gli standard IMO Marpol Annex VI Tier II che regolano le emissioni di gas di scarico, con l'obiettivo di ridurre l'inquinamento atmosferico locale e in generale. Quattro idrogetti Wärtsilä conferiscono alla nave una velocità di crociera superiore a 38 nodi (oltre 70,4 km/orari). Con una stazza lorda di 1000 tonnellate, una capacità di 900 passeggeri in 5 sale e un garage capiente per 167 auto o 23 rimorchi, il catamarano Saint John Paul II sarà il più grande catamarano ad alta velocità Ro-Pax che opererà nel Mediterraneo e il secondo più grande al mondo. San Giovanni Paolo II è il quinto catamarano commissionato e costruito per Virtu Ferries, e l'undicesima nave ad alta velocità, consegnata alla compagnia dal 1988, cioe’ dall'inizio del servizio di collegamento tra Malta e la Sicilia con traghetti ad alta velocità. La compagnia ha investito oltre 175 milioni di euro in navi ad alta velocità che sono state messe in funzione sulla tratta Malta/Sicilia, rivoluzionando efficacemente il trasporto di passeggeri e merci tra le due isole vicine. Attualmente Virtu gestisce anche con navi ad alta velocità altre tratte internazionali: tra Venezia e i Porti adriatici in Slovenia e Croazia, e tra Tarifa, in Spagna, e Tangeri in Marocco. Virtu Ferries è riconosciuta a livello internazionale come pioniere degli operatori di passeggeri ad alta velocità e traghetti merci. In tempi di crisi umanitaria, Virtu ha operato con proprie navi con viaggi charter ultra rapidi collaborando con Governi di Australia, Stati Uniti, Italia e Malta e con organizzazioni e istituzioni internazionali come ad esempio la Croce Rossa e Medici Senza Frontiere. Il catamarano prende il nome dal Papa San Giovanni Paolo II. Virtu Ferries ha avuto l'onore di accogliere S.S. il Papa Giovanni Paolo II a bordo dell'ACC San Frangisk nel suo memorabile viaggio di ritorno al Grand Harbour La Valletta dalle Isole di San Paolo e Gozo, il 27 maggio 1990. Come tutte le altre navi ad alta velocità Virtu, il San Giovanni Paolo II battera’ bandiera maltese e sara’ certificata, per i viaggi internazionali, dalla Societa’ di Classificazione Internazionale, DNV GL. Ti potrebbe interessare: Incat vara il catamarano Saint John Paul II ad alta velocità per la Virtu Ferries di Malta

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

Alitalia: prosegue crescita ricavi passeggeri, +7% nel 2018

di mobilita

Continuano a migliorare i ricavi da traffico passeggeri di Alitalia: la Compagnia italiana ha registrato a dicembre il tredicesimo mese consecutivo di crescita, con un aumento del 5,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Un dato che ha portato Alitalia a chiudere il 2018 con un aumento dei ricavi da traffico passeggeri del 7% rispetto al 2017. L’incremento – ottenuto senza ampliamento della flotta -  è stato registrato in tutti i settori del network (domestico, internazionale e intercontinentale) ed è stato possibile grazie al miglioramento del prodotto offerto in termini di segmento (in particolare l’area corporate), frequenze e performance operative, di cui il secondo posto in Europa per regolarità e puntualità costituiscono un’ottima sintesi. Positivi i risultati anche per quanto riguarda il numero dei passeggeri: nel mese di dicembre Alitalia ha trasportato 1.572.257 viaggiatori con una crescita del 2,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nel 2018 il totale dei passeggeri è stato di 21.491.659 (+0,9% rispetto al 2017). L’aumento è stato determinato, in particolare, dalla crescita record del lungo raggio che, con 2.722.050 passeggeri trasportati nell’anno, ha registrato un incremento dell’7,1% rispetto al 2017. In crescita anche i ricavi legati al settore cargo, aumentati a dicembre del 4% rispetto allo stesso mese del 2017. Tale crescita si è attestata al 9,3% su base annua.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

GENOVA | Proseguono i lavori sulla viabilità di ponente, via Siffredi chiusa per tutta domenica

di mobilita

Dopo la realizzazione di una rampa di collegamento in entrambi i sensi tra la strada Guido Rossa e il casello autostradale di Genova Aeroporto (cosiddetto lotto 10) prosegue il lavoro dell’amministrazione comunale sulla mobilità, a seguito del crollo del ponte Morandi. Per abbattere la rampa nord di collegamento all’autostrada e realizzarne a breve una nuova, verrà chiusa alla circolazione veicolare via Siffredi per un totale di 30 ore, dalle 00.01 di domenica 13 gennaio alle 6 di lunedì 14 gennaio. Sono state pertanto individuale viabilità alternative per consentire la continuità del collegamento stradale agli automezzi privati e al servizio di trasporto pubblico, in particolare: Direttrice ponente-levante: tutto il traffico privato e il servizio di trasporto pubblico saranno dirottati sulla nuova via della Superba. Pertanto i veicoli diretti verso Levante per bypassare il blocco stradale dovranno, tramite la rampa che si imbocca da via Albareto, proseguire in direzione Aeroporto e percorrere via della Superba fino alla rotatoria di San Giovanni d’Acri da dove potranno proseguire per tutte le direzioni. I mezzi di trasporto pubblico, giunti fino alla rotatoria di San Giovanni d’Acri, tornano verso piazza Savio e riprendono il percorso su via Cornigliano. Direttrice levante-ponente: i veicoli provenienti dalla strada Guido Rossa e Via Cornigliano saranno dirottati sulla rampa di ingresso all’autostrada da dove potranno imboccare l’autostrada o, tramite il sovrappasso che conduce alla collina di Erzelli, riprendere in discesa la rampa che conduce a ponente verso Sestri. Il collegamento tra Sestri e la Valpolcevera in entrambe le direzioni è garantito anche attraverso Borzoli. Via della Superba continuerà ad assorbire il transito del traffico pesante in entrambe le direzioni, che nelle giornate di sabato e domenica è comunque molto ridotto rispetto ai giorni feriali. "La chiusura di via Siffredi per 30 ore - ha detto l'assessore alla mobilità e vicesindaco Stefano Balleari – è un altro piccolo sacrifico che chiediamo ai cittadini per realizzare lavori importanti dal punto di vista della mobilità del ponente. Visti i buoni risultati registrati con l’apertura della rampa del lotto 10, che ha permesso di collegare con una corsia per ogni senso di marcia via Guido Rossa con il casello autostradale di Genova Aeroporto, ci aspettiamo un ulteriore miglioramento con questo raddoppio. La consegna della nuova rampa avverrà entro la fine di marzo, come da programma". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

ROMA | Domenica 13 gennaio ritorna la terza domenica ecologica

di mobilita

Domenica 13 gennaio torna il divieto totale della circolazione con il terzo appuntamento delle domeniche ecologiche, il provvedimento della Giunta capitolina per contenere le emissioni inquinanti e contribuire a sensibilizzare la cittadinanza sui tema della qualità dell’aria e dell'uso responsabile delle fonti energetiche. Divieto totale, dunque, di circolazione per i veicoli con motore "endotermico" (benzina e diesel) all'interno della nella "Fascia Verde" del PGTU. La limitazione è estesa anche agli autoveicoli diesel Euro 6. Il blocco del traffico è efficace nelle fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30. Inoltre gli impianti di riscaldamento dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C, in funzione del tipo di edificio. La Polizia Locale di Roma Capitale provvederà alla vigilanza per garantire l'osservanza del provvedimento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

MILANO | Al via la riqualificazione del Giardino dei Giusti

di mobilita

 Valorizzare un luogo di commemorazione nel rispetto del patrimonio verde esistente. Con questo obiettivo l’Associazione Giardino dei Giusti di Milano ha avviato i lavori di riqualificazione del Giardino dei Giusti, l’area verde di ottomila metri quadrati situata all’interno del parco Monte Stella in memoria degli uomini esemplari che si sono opposti ai genocidi e ai crimini contro l’umanità, ai quali viene dedicata periodicamente la piantumazione di un albero. "Abbiamo voluto con questi lavori di riqualificazione fare del Giardino dei Giusti un luogo vivo di educazione alla responsabilità per i ragazzi delle scuole milanesi e di tutta la Lombardia - dichiara il Presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti, Gabriele Nissim-. Gli studenti con i loro insegnanti potranno così ritrovarsi in strutture adatte allo studio della storia e del pensiero dei migliori maestri dell’Umanità. Con questa nuova realizzazione Milano si conferma la capitale morale della Giornata Europea dei Giusti del 6 marzo e si rafforza come modello per gli oltre cento giardini che nel mondo seguono da anni la sua attività.”  “Ringraziamo l’Associazione Giardino dei Giusti per aver promosso un intervento che contribuirà a tenere viva la memoria di tanti Giusti di tutto il mondo valorizzando al contempo la fruizione dell’area verde – dichiara l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran -. Il progetto è stato rivisto rispetto a quello inizialmente presentato dall’Associazione, reso meno impattante e di più semplice realizzazione, e ha ottenuto il via libera della Sovrintendenza e del Municipio 8”.  L’intervento, in carico all’Associazione che ha in concessione il giardino, prevede la realizzazione di nuovi percorsi in pietra, che culmineranno in un auditorium all’aperto per circa duecento persone. Lungo i sentieri verranno installate alcune targhe commemorative poste su un supporto prismatico in ferro e valorizzate da un’apposita illuminazione. Il tracciato sarà suddiviso in tre tappe: il Giardino del Dialogo, una sorta di piccola piazza con al centro un albero,  il Giardino delle Sculture, che ospiterà un’esposizione temporanea di opere scultoree e il Giardino della Meditazione, concepito come una grande camera a cielo aperto dedicata alla sosta con sedute in pietra e una lunga panca.  Le piante ad alto fusto presenti nell’area verranno conservate mentre l’ingresso Nord e quello Sud al camminamento saranno posti in evidenza con la posa di totem illuminati per consentire la fruizione del giardino anche nelle ore buie. L’intervento durerà quattro mesi per un costo di 800mila euro a carico dell’Associazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

16,6 milioni per il progetto di fattibilità della Ciclovia Adriatica

di mobilita

Le Marche, capofila delle sei Regioni interessate, avranno a disposizione 16,6 milioni di euro per il progetto di fattibilità, tecnica ed economica, dell’intera Ciclovia Adriatica, da predisporre entro il 31 dicembre 2020. La Corte dei conti ha registrato il decreto del ministero Infrastrutture e Trasporti che ripartisce, a livello nazionale e per nove annualità, 361,7 milioni destinati a finanziare il sistema nazionale di ciclovie turistiche, con relative ciclostazioni e interventi per la sicurezza ciclistica cittadina. Oltre all’Adriatica, sono interessate al riparto le ciclabili Acquedotto pugliese, Vento (da Venezia a Torino), Sole (da Verona a Firenze), Tirrenica,  Sardegna, Magna Grecia, Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia, Garda, Grab (Roma Capitale). Lo comunica la vicepresidente Anna Casini che esprime soddisfazione per il provvedimento e ringraziamento per i tecnici che hanno lavorato al conseguimento di questo traguardo. “Un traguardo che è anche un punto di partenza, perché ora si entra nella fase operativa, con scadenze definite e l’obbligo di individuare almeno un lotto funzionale, immediatamente realizzabile, per ciascuna regione della singola ciclovia”, commenta Casini. L’Adriatica attraverserà i territori di Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, da Chioggia (VE) al Gargano, seguendo la fascia costiera. Il tratto marchigiano sarà lungo 211 chilometri e attraverserà 23 comuni. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

Treni più veloci sulla direttrice Adriatica già dalla prossima primavera

di mobilita

Nella giornata di martedì 8 gennaio rappresentanti di Trenitalia e Federconsumatori si sono incontrati a Roma, nella sede centrale del Gruppo FS Italiane, per affrontare insieme alcune questioni che ruotano intorno al miglioramento dell’offerta ferroviaria lungo la Direttrice Adriatica. All’appuntamento, a cui ha partecipato anche il responsabile della mobilità della Regione Abruzzo, erano presenti dirigenti Trenitalia coordinati dal Direttore della Divisione Passeggeri Long Haul, Paolo Attanasio, e il Presidente Nazionale dell’Associazione dei consumatori. Tra le iniziative intraprese, che vedranno i primi risultati già dalla prossima primavera, l’inserimento di nuovi treni in grado di aumentare la velocità commerciale dalla Puglia a Milano. A seguito del completamento di alcuni interventi sulla linea Adriatica, l’impegno di Trenitalia è di agire sia sulle fermate, riducendole in modo da ridurre i tempi di viaggio, sia sulla qualità del servizio, con l’obiettivo di raggiungere Milano da Pescara in tre ore e mezzo. L’occasione ha fornito a Federconsumatori la possibilità di manifestare ancora una volta il proprio assenso verso la decisione di Trenitalia di emettere, in caso di necessità, un massimo 30 biglietti per treno anche senza la certezza del posto sui servizi della lunga percorrenza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

PORTO SAVONA | Aggiudicati i lavori alla banchina dedicata al terminal crociere

di mobilita

Sono stati aggiudicati i lavori relativi all’approfondimento della banchina principale del terminal crociere ( zone 8-9-10 del bacino di Savona), che porteranno il fondale utile di accosto da – 9 mt a – 11 mt L’importo a base d’appalto era stato fissato a 17 milioni di euro. Nella sessione pubblica conclusiva, convocata per giovedì scorso, è stato affidato all’ ATI composto da RCM Costruzioni s.r.l./FINCOSIT s.r.l l’appalto che è stato assegnato con il criterio dell’ offerta economicamente più vantaggiosa, tenuto conto non solo del ribasso economico e temporale, ma anche della valenza tecnica delle soluzioni esecutive proposte nonché delle attenzioni ambientali. Il ribasso offerto dall’Ati RCM Costruzioni e Fincosit è stato del 21,81 . La riduzione sui tempi esecutivi, invece, pari al 20 (da 252 giorni a 202). I lavori, compatibilmente con le condizioni meteo marine, avranno inizio a gennaio 2019.

Leggi tutto    Commenti 0