Articolo
25 mar 2021

VENETO | Aperta al traffico la nuova variante di Vittorio Veneto, in provincia di Treviso

di mobilita

Anas (Gruppo FS Italiane) ha aperto al traffico la nuova variante di Vittorio Veneto (Tangenziale Est), in provincia di Treviso. La nuova opera, del valore complessivo di circa 65 milioni di euro, rientra nell’ambito degli interventi del primo Stralcio del nuovo tracciato “La Sega- Rindola” per il più ampio progetto di collegamento “La Sega-Ospedale”. L’apertura al traffico è stata effettuata nel corso di un incontro online in diretta, sui canali social e youtube di Anas, alla presenza del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e della Vicepresidente Elisa De Berti, del Sindaco di Vittorio Veneto Antonio Miatto, del Presidente di Anas Claudio Andrea Gemme e dell’Amministratore delegato di Anas Massimo Simonini. “Quando ho preso le redini del Veneto, – ha dichiarato Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia – erano due i fronti problematici su cui mi sono subito ripromesso che avremmo garantito delle migliorie che i cittadini avrebbero potuto toccare con mano: la sanità e i trasporti. Una sanità al passo con i tempi, capace di rispondere in maniera ampia e concreta ai bisogni dei veneti ed infrastrutture e trasporti all’avanguardia, capaci di proiettarci nel futuro, non solo con l’immaginazione, per una tecnologia sempre più innovativa e una mobilità più green”. “L’importante risultato – ha continuato il Presidente Zaia - che presentiamo oggi è la dimostrazione che, condividendo obiettivi e progetti, a trarne vantaggio sono ancora una volta i cittadini verso cui è rivolta la nostra massima attenzione. Cittadini che risiedono a Vittorio Veneto e che necessitano, nella loro quotidianità, di una viabilità sicura, snella e veloce, ma anche cittadini-turisti che, per vacanza e svago, potranno percorrere e godere di questo nuovo passante. Con oggi, infatti, debutta un altro tassello dei lavori sulla viabilità veneta, attesa da molti anni e, finalmente, completato: il primo lotto della tangenziale di Vittorio Veneto è ora una realtà. Con questa infrastruttura, oltre a raggiungere più agevolmente la SS51, anche in vista dei prossimi Giochi Olimpici, si potrà alleggerire dal normale traffico pesante l'abitato di Serravalle. Infine, mi auguro che, assieme ad ANAS, si potranno per il futuro attivare ancor nuove ed efficaci migliori sinergie”. “Stiamo potenziando la viabilità in Veneto con infrastrutture che possano accogliere in maniera adeguata una mobilità sostenibile – ha dichiarato il Presidente di Anas Claudio Andrea Gemme. Sono fermamente convinto che si possano gestire le reti viarie con modalità green, anche grazie alle nuove tecnologie, con risultati significativi in termini di maggiore sicurezza e di innalzamento degli standard di servizio delle strade. Ottenendo vantaggi concreti sia per chi si sposta ogni giorno per lavoro, sia per tutti coloro che scelgono di visitare questo territorio che rappresenta la prima regione turistica d’Italia. Il nostro impegno continua su questa linea, in vista delle grandi sfide che ci attendono, tra cui le Olimpiadi Invernali Milano Cortina 2026”. “Anas continua a garantire il suo impegno e la sua attenzione verso il territorio e le persone che lo abitano – ha dichiarato l’Ad di Anas Massimo Simonini. La variante che oggi apriamo al traffico comporta benefici in termini di tempi di percorrenza, comfort di guida e sicurezza stradale, liberando il borgo antico di Serravalle soprattutto dai mezzi pesanti e consente di raggiungere la strada statale 51 “di Alemagna” tramite l’innesto con via Carso. Il completamento di questo tracciato si inquadra anche nel piano di investimenti Anas in Veneto, investimenti per un valore complessivo pari a circa 2 miliardi e 923 milioni di euro, ripartiti tra nuove opere per circa 2 miliardi, manutenzione programmata per 922 milioni di euro. In particolare, i 2 miliardi di Nuove Opere comprendono 110,95 milioni di euro di interventi ultimati, 70,4 milioni di euro in corso di esecuzione, 35 milioni di euro di prossimo avvio e 1.278 milioni di euro di interventi previsti in Contratto di Programma. A questi si aggiungono 472,5 milioni di ulteriori Nuove opere in corso di progettazione inserite nel Piano Milano Cortina 2026. Gli oltre 922 milioni in manutenzione programmata riguardano lavori ultimati per 103,60 milioni di euro, in corso di esecuzione per 182,62 milioni di euro, di prossimo avvio per 14,63 milioni di euro e in progettazione per 621,41 milioni di euro. Nel 2020 la manutenzione programmata ha avuto un valore di 55,76 milioni di euro, con un incremento del 49,6% rispetto al 2019 dove sono stati impiegati 37,28 milioni di euro, a testimonianze concreta dell’impegno aziendale nel migliorare la rete esistente”. La variante, lunga 2,05 km, attraversa in galleria la dorsale di Serravalle e si sviluppa sulla sinistra del fiume Meschio. E’ costituita da un tratto principale delimitato da 2 rotatorie denominate “la Sega” e “Rindola”, aventi un diametro di circa 45 metri, ed un ramo di collegamento sud denominato “Vittorio Veneto centro” che termina con la rotatoria su via Carso. L’opera d’arte principale della variante è la galleria “Sant’Augusta”, che risponde ai più elevati standard di sicurezza ed è dotata di Illuminazione a led, garantendo così una alta efficienza energetica. Il nuovo tunnel è lungo circa 1,5 km, realizzato con una superficie di scavo di 175 metri quadrati e un diametro di 15 metri. All’interno della galleria è stato anche realizzato un cunicolo, collegato all’esterno in corrispondenza di entrambe gli imbocchi e munito di 5 uscite di sicurezza, da utilizzarsi come via di fuga in caso di emergenza. Le altre opere realizzate sono il ponte “Meschio” per una lunghezza pari a 22 metri; è stato inoltre realizzato un tratto di circa 200 metri all’interno di una trincea, in corrispondenza dell’imbocco sud della galleria, caratterizzato da un’importante opera di sostegno costituita da pali di grande diametro e rivestita con pannelli prefabbricati che riproducono i tipici muri di confine della zona al fine di mitigare l’impatto paesaggistico dell’opera. La funzionalità dell’opera si completa con il cavalcavia di Rindola con una estensione di 13 metri che sovrappassa la viabilità comunale. I lavori di realizzazione della Variante proseguiranno con gli interventi previsti nel 2° Stralcio Rindola-Savassa il cui progetto è in fase di avvio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mar 2021

Le smart road di Anas sempre più tecnologiche e digitali

di mobilita

Promuovere la corretta diffusione dell’utilizzo di tecnologie e sistemi digitali nell’ambito del progetto Smart Road di Anas, e sviluppare le iniziative per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture viarie e migliorare quindi la sicurezza stradale. Sono i principali contenuti del protocollo d’intesa per lo sviluppo della smart mobility del Gruppo FS guidato Gianfranco Battisti. L’accordo è stato firmato il 17 marzo 2021 dal Comitato Italiano dell’Associazione Mondiale della Strada (Piarc) e dall’Associazione Nazionale per la Telematica per i Trasporti e la Sicurezza (TTS), durante il webinar “Sicurezza passiva. Impianti, tecnologie e normativa”. “La collaborazione tra Piarc Italia e TTS Italia – ha dichiarato Massimo Simonini, amministratore delegato di Anas e Presidente di Piarc Italia – sarà fondamentale sul tema degli ITS, i sistemi intelligenti di trasporto e quindi le Smart Road. Nel medio periodo, puntiamo allo sviluppo della Smart Road Anas, tecnologia abilitante per lo sviluppo della Smart Mobility e propedeutica ai futuri scenari di guida autonoma dei veicoli, che porterà un innalzamento degli standard di guida. La nostra Smart Road è infatti orientata al miglioramento della sicurezza stradale e a rendere più efficienti i flussi di traffico”.  SMART ROAD E SMART MOBILITY Un’intesa tra le due associazioni che mira alla pianificazione dello sviluppo delle reti, alle nuove tecnologie e alla mobilità autonoma e connessa. La Smart Road Anas è una tecnologia abilitante per lo sviluppo della Smart Mobility e propedeutica ai futuri scenari di guida autonoma dei veicoli. Si tratta di un passaggio epocale, dalla strada vista come mera opera civile di asfalto e cemento alla strada intelligente, interconnessa e intermodale. Nel dettaglio, il progetto Smart Road Anas, orientato al miglioramento della sicurezza stradale e a rendere più efficienti i flussi di traffico, si basa su una complessa piattaforma digitale che si articola sulla rete stradale come un ‘sistema nervoso’ con il supporto delle tecnologie quali IoT (Internet of Things), AI (Artificial Intelligence), Big Data e sensoristica avanzata attraverso lo sviluppo della rete di banda ultralarga nazionale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2021

SICILIA | Entro novembre la posa della prima pietra della superstrada Ragusa-Catania

di mobilita

Il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, ha confermato che il commissario per la superstrada Ragusa-Catania sarà il governatore Nello Musumeci, col quale il ministero concorderà la nomina di un sub-commissario tecnico. Cancelleri ha poi anticipato che la posa della prima pietra avverra' entro novembre di quest'anno L’infrastruttura, che assicurerà un collegamento stradale strategico, veloce e sicuro nel settore sud-orientale della Sicilia, verrà realizzata da Anas che subentrerà al precedente  concessionario. La Ragusa-Catania costituisce il primo esempio di applicazione dell’articolo 35 del Milleproroghe, che prevede la possibilità da parte di ANAS di eseguire direttamente lavori per conto dello Stato subentrando anche nei contratti di concessione non più efficaci. Cancelleri ha inoltre confermato le voci di revoca della concessione al Cas: "Abbiamo il dovere come ministero delle Infrastrutture e dei trasporti di mantenere una condizione di sicurezza per strade e autostrade. E devo constatare, purtroppo, che le autostrade siciliane a pagamento sono in una condizione inaccettabile. Per questo si parla sempre con maggiore insistenza di revoca della concessione al Consorzio autostrade siciliane. Non vedo, invece, alcun rischio di rescissione del contratto col consorzio Cmc  -ha detto ancora Cancelleri - perche' piano piano si stanno aprendo vari tratti di strada, completando lotti. Mi dispiace per le affermazioni di Falcone, che poi e' bravo e sta lavorando bene, ma sbaglia nel lanciare questi comunicati che rischiano di far danno perche' chi fornisce i cantieri legge del rischio di rescissione e si ferma. E questo, non deve avvenire".     

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 feb 2021

Smart Road, Anas porta l’Italia verso la mobilità del futuro

di mobilita

Oltre 3.000 km di strade intelligenti con un investimento complessivo di 1 miliardo di euro. Sono i valori del programma Smart Road Anas. Con grande anticipo in Europa, ed in linea con gli indirizzi ricevuti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Anas (Gruppo FS Italiane) ha scelto di investire nel progetto Smart Road, una tecnologia propedeutica allo sviluppo della Smart Mobility e ai futuri scenari di guida autonoma dei veicoli. I dettagli di questo programma sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Cortina d’Ampezzo, nell’ambito dei Mondiali di Sci, Cortina 2021. La manifestazione sportiva ha rappresentato l’occasione per illustrare la prima esperienza italiana del progetto che si è svolta proprio nel territorio bellunese. “Questo è stato il primo banco di prova per la mobilità Smart - spiega Claudio Andrea Gemme, Presidente di Anas nonché Commissario di Governo per l’attuazione del piano straordinario di potenziamento della viabilità per i Mondiali di Sci, Cortina 2021. Abbiamo dotato la strada statale 51 “di Alemagna”, nella tratta tra il comune di Ponte nelle Alpi e il passo Cimabanche, di una infrastruttura tecnologica che migliorerà in modo sensibile la qualità degli spostamenti nel territorio. Questa è la prima strada in Italia ad essere stata attrezzata con tecnologie avanzate che consentiranno lo scambio di informazioni infrastruttura-utenti e il dialogo fra gli utenti. Una strada idonea a dialogare con i veicoli di nuova generazione anche nell’ottica dell’impiego dei più avanzati livelli di assistenza automatica alla guida prodromici alla guida autonoma. Sulla SS51 per le opere relative alla smart road abbiamo investito complessivamente circa 27 milioni di euro su di un percorso lungo 80km che attraversa 7 centri abitati dotato di 336 postazioni polifunzionali e di una control room ubicata nella nostra casa cantoniera Bigontina a Cortina d’Ampezzo. Quando il progetto diverrà operativo i principali beneficiari di questa straordinaria innovazione tecnologica saranno gli utenti che percorrono quotidianamente queste strade per lavoro o per turismo”. Lo sviluppo della Smart Road sugli 80km della statale 51, con l’installazione di “Road Site Unit” con tecnologia CV2X (Cellular Vehicle to Everything), rappresenta la copertura su singola tratta più estesa in Europa. Il progetto Smart Road Anas interessa l’intera rete italiana come spiega Massimo Simonini, Amministratore Delegato di Anas: “Siamo testimoni di un cambiamento radicale, una nuova concezione del settore, dove l’utente si colloca al centro di un sistema multi-modale, integrato e digitale. Il volume e la velocità con cui oggi i dati vengono generati, elaborati e memorizzati è senza precedenti. Nell’obiettivo di potenziare la sicurezza degli utenti consentendo una visione dell’infrastruttura sempre più completa, responsive e connessa, abbiamo in programma di investire nelle Smart Road Anas 1 miliardo di euro ed è in corso una prima fase con un investimento di circa 250 milioni euro, anche grazie a contributi europei che hanno riconosciuto il valore innovativo del nostro piano. Questo primo step riguarda alcuni dei più importanti assi strategici del nostro Paese. Oltre alla statale 51 “di Alemagna”, rientrano nel progetto, anche l’itinerario E45-E55 ‘Orte-Mestre’, in Sicilia la Tangenziale di Catania e la A19 ‘Autostrada Palermo-Catania’, nel Lazio le autostrade A90 ‘Grande Raccordo Anulare di Roma’, A91 ‘Autostrada Roma-Aeroporto di Fiumicino’ e la A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’. L’intera penisola sarà interessata da questa tecnologia che si sviluppa nel segno dell’ecosostenibilità e del rispetto dell’ambiente, valori da sempre al centro della mission di Anas”. Lungo il tragitto della Smart Road, all’incirca ogni 20/30 Km, saranno ubicate le Green Island, aree al cui interno verrà distribuita energia proveniente da fonte rinnovabile, in grado di alimentare tutti i sistemi in materia autonoma, per il modulo di competenza. Oltre all’installazione di sistemi di ricarica per veicoli, in ciascuna Green Island sono previste aree di ricarica e sosta per droni, i quali consentiranno di monitorare il traffico stradale in punti strategici per la viabilità e permetteranno la pianificazione e la gestione efficiente dei flussi di traffico lungo l'arteria stradale. Il progetto Smart Road Anas orientato al miglioramento della sicurezza stradale e a rendere più efficienti i flussi di traffico, si basa su una complessa piattaforma digitale che si articola sulla rete stradale come un ‘sistema nervoso’ con il supporto delle tecnologie quali IoT (Internet of Things), AI (Artificial Intelligence), Big Data e sensoristica avanzata attraverso lo sviluppo della rete di banda ultra larga. A pieno regime con la Smart Road, l’utente potrà godere di servizi informativi riguardanti la deviazione dei flussi di traffico nel caso di sinistri, suggerimenti di percorsi o traiettorie alternative, gestione di accessi, parcheggi e rifornimenti. E in proiezione futura diventerà la strada che ospiterà le auto a guida autonoma. Un comparto che, secondo le ultime stime del settore, elaborato da Allied Market Research, vale globalmente 54,2 miliardi di dollari. In particolare, in Europa, i veicoli a guida autonoma, secondo le stime di P&S Intelligence, daranno vita ad un mercato stimato intorno ai 191,6 miliardi di euro entro il 2030, con un tasso di crescita annuo del 18,4%, ed una previsione di più di 4 milioni di veicoli a guida autonoma in circolazione entro il 2030. “Stiamo parlando di un orizzonte sempre più vicino - conclude Simonini - Anas sta lavorando perché l’Italia per prima in Europa traguardi questo scenario e abbracci il futuro. Un futuro fatto di mobilità interconnessa e sostenibile con infrastrutture all’avanguardia. Perché noi, siamo fermamente convinti che dalle infrastrutture, specie in una congiuntura quale quella attuale, passa il rilancio del sistema Paese”.  Nel corso della conferenza stampa, tra gli altri, è intervenuto Valerio Toniolo, Commissario per le opere dei Mondiali di Cortina 2021: “La collaborazione con Anas per i Mondiali di sci Cortina 2021 ha consentito al Commissario di Governo l’investimento su infrastrutture stradali che hanno migliorato e miglioreranno la viabilità del paese, trasformando il volto di Cortina. Non solo, saranno un valore aggiunto per le Olimpiadi 2026. L’innovazione tecnologica, unita ad un nuovo concetto di mobilità saranno lo schema vincente non solo per Cortina, ma per l’intero Paese. In questa chiave la struttura commissariale, in collaborazione con Microsoft, ha sviluppato una piattaforma digitale Open Cortina capace di connettere le attività amministrativo-contabili con gli aspetti tecnici, costruendo un modello nel campo delle opere pubbliche 4.0. Un esempio di efficienza, sicurezza, trasparenza e legalità». Progetto Smart Road Cortina – Le imprese Per lo sviluppo e le sperimentazioni in corso sul progetto Smart Road Cortina, hanno collaborato con Anas: RTI SITE S.p.A e Valtellina S.p.A. Realizzazione dei lavori e attivazione della infrastruttura tecnologica per la Smart Road CARLO RATTI ASSOCIATI Concept Design delle postazioni polifunzionali e green island ALMAVIVA Sviluppo della piattaforma tecnologica e test dei servizi C-ITS di connettività V2V (veicolo-veicolo) e V2I (veicolo-infrastruttura). QUALCOMM Chip set Tecnologia CV2X (Cellular Vehicle to Everything) TECNOSITAF Integrazione dei sistemi RMT (Road Management Tool) per il controllo dalla “Control Room” Anas WATERVIEW RWIS (Road Weather Information System): piattaforme ed algoritmi di analisi video avanzate per la misura real time delle condizioni meteo e del manto stradale. GRUPPO FILIPPETTI Sistema AREA (Automatic Roadworks Extension Alert System): dispositivi IoT innovativi per il controllo e la segnalazione di cantieri mobili e fissi. MIT BOSTON – SENSEABLE CITY LAB. Sviluppo e sperimentazione dell’App Good Vibrations utilizzata dal personale per il monitoraggio delle infrastrutture attraverso la tecnica dello smartphone sensing, per la raccolta di dati accelerometrici e con algoritmi di analisi avanzati e pre-alert real time di anomalie vibrazionali delle infrastrutture per la manutenzione preventiva.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2021

SICILIA | Proseguono gli interventi per la nuova connessione tra A19 e la SS640

di mobilita

Nell’ambito dei lavori di realizzazione della nuova statale 640 “Strada degli Scrittori” e della relativa connessione con l’autostrada A19 “Palermo-Catania”, è attiva da oggi la nuova viabilità di cantiere finalizzata alla prosecuzione della realizzazione del nuovo svincolo autostradale. I veicoli in transito lungo l'autostrada A19 "Palermo-Catania", in entrambe le direzioni, saranno incanalati sulle rampe di cantiere che consentono, mediante una rotatoria, la reimmissione in autostrada oppure la prosecuzione dell'itinerario verso Caltanissetta e le statali 626 e 640. La rotatoria consente anche, naturalmente, l'immissione in autostrada verso Palermo o Catania ai veicoli provenienti da Caltanissetta e dalle statali 626 e 640.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 gen 2021

ANAS | Nuovo bando da 80 milioni di euro per la manutenzione di ponti, viadotti e gallerie

di mobilita

Continua l’impegno di Anas (Gruppo FS Italiane) nell’ambito della manutenzione programmata sulla propria rete di strade e autostrade con un bando di 80 milioni di euro per l’esecuzione di servizi di progettazione esecutiva, indagini diagnostiche e rilievi strutturali relativi a ponti, viadotti e gallerie artificiali.  Il bando è suddiviso in 16 lotti per il valore di 5 milioni di euro ciascuno. Nel dettaglio: Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria (lotto 1); Lombardia (lotto 2); Veneto e Friuli Venezia Giulia (lotto 3); Emilia Romagna e Toscana (lotto 4); Umbria (lotto 5); Marche (lotto 6); Lazio (lotto 7); Abruzzo e Molise (lotto 8); Puglia (lotto 9); Campania (lotto 10); Basilicata (lotto 11); Calabria (lotti 12 e 13); Sicilia (lotti 14 e 15); Sardegna (lotto 16). Gli affidamenti, di durata quadriennale, saranno attivati mediante Accordo Quadro che garantisce la possibilità di avviare le attività di progettazione e delle relative indagini con la massima tempestività in relazione alla programmazione della manutenzione delle strade.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2020

SICILIA | Al via la gara per la costruzione del nuovo viadotto Milena sulla SS189

di mobilita

Sulla Gazzetta Ufficiale di oggi è stato pubblicato il bando di gara finalizzato ai lavori di costruzione del nuovo viadotto Milena, al km 39,800 della strada statale 189 "Della Valle del Platani". La nuova opera, che presenterà tre campate per 170 metri complessivi, sostituirà quella esistente, attualmente soggetta a limitazioni della viabilità. Le analisi tecniche ed economiche sulla gestione degli aspetti strutturali dell’opera hanno portato ad individuare la migliore soluzione possibile tra il ripristino della struttura esistente e la sua ricostruzione. Il degrado delle strutture del viadotto ha fatto propendere, tenendo conto del rapporto costi / durabilità dell’opera, per la seconda ipotesi. Il nuovo viadotto sarà costruito in affiancamento a quello esistente, che continuerà ad essere percorribile pur soggetto alle attuali limitazioni e che sarà demolito soltanto in seguito al completamento della nuova opera, in modo da non interrompere la viabilità in esercizio lungo l'importante arteria stradale durante l'esecuzione dei lavori. L'appalto prevede un importo complessivo pari a oltre 3 milioni e 600 mila euro, di cui 260 mila euro per oneri relativi alla sicurezza, non soggetti a ribasso. Le offerte digitali, corredate dalla documentazione richiesta, dovranno pervenire sul portale acquisti di Anas (https://acquisti.stradeanas.it) entro le ore 12:00 del 27 gennaio 2021. I documenti di gara sono disponibili sul portale acquisti, nella sezione "Bandi e Avvisi". Anas ha aderito al Protocollo d’Intesa tra le Prefetture della Regione Sicilia del 14 Novembre 2016, per garantire il rispetto della legalità nei cantieri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 dic 2020

SICILIA | Anas aggiudica sei ulteriori gare per risanamento strutturale di opere d’arte

di mobilita

Anas ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale sei ulteriori esiti di gara - a completamento dei primi sei esiti, pubblicati lo scorso 2 novembre - relativi alle gare in accordo quadro di durata quadriennale finalizzate al risanamento strutturale di opere d'arte sulla rete stradale e autostradale siciliana di competenza Anas.   Ogni gara prevede un investimento complessivo pari a 5 milioni di euro, per un totale - considerando i primi sei esiti dello scorso mese - pari a 60 milioni di euro.   L'iter per affidamento mediante procedure di Accordo Quadro garantisce la possibilità di eseguire i lavori con tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare una nuova gara d'appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza.  Due gare, il cui esito è stato pubblicato mercoledì 16 dicembre, sono state aggiudicate alle Imprese Ares srl e Consorzio Stabile Alveare Network, entrambe con sede in Roma.  Le altre quattro gare, il cui esito è stato pubblicato in data odierna, sono state aggiudicate alle imprese Soter srl di Roma, Research Consorzio Stabile di Napoli, Costruzioni Ruberto srl di Corleto Monforte (SA) e Strade 2010 srl di Bagheria (PA).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2020

MIT | Terremoto 2016: autorizzati 443 interventi ad Anas per oltre 230 milioni sulle strade

di mobilita

Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha autorizzato Anas a realizzare gli interventi classificati in “priorità 4” nell’ambito del Programma di ripristino della rete stradale interessata dal terremoto del 2016. I lavori saranno realizzati da Anas in qualità di soggetto attuatore. Si tratta di 443 interventi straordinari per il ripristino di danni non strutturali prodotti dagli eventi sismici su strade prevalentemente provinciali e comunali, per un investimento complessivo di oltre 230 milioni di euro. Gli interventi interessano 117 Comuni del cratere sismico, ricompreso nelle Regioni Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio, ed assumono particolare rilevanza in quanto direttamente connessi alla mobilità locale e alla ripresa sociale ed economica del territorio. Il Programma di ripristino della rete stradale è stato varato nel 2016 dal Dipartimento della Protezione Civile e dal Mit per far fronte ai complessi e diffusi danni prodotti dagli eventi sismici che si sono succeduti da agosto del 2016 nell’Italia centrale. I sette stralci operativi che lo compongono avevano ad oggi finanziato l’attuazione di 1056 interventi con un investimento complessivo di circa 978 milioni di euro. Con questo ulteriore stanziamento, il Programma sale a circa 1500 interventi con un investimento complessivo di oltre 1,2 miliardi di euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 nov 2020

Anas, bando di 1,2 miliardi di euro per il risanamento strutturale di ponti e viadotti

di mobilita

Continua l’impegno di Anas (Gruppo FS Italiane) nell’ambito della manutenzione programmata sulla propria rete di strade e autostrade con un bando di 1,2 miliardi di euro per il risanamento strutturale delle opere d’arte con interventi mirati alla conservazione, al consolidamento statico e alla protezione sismica di ponti e viadotti sull’intero territorio nazionale. “La sicurezza delle infrastrutture – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Anas Massimo Simonini – è una delle nostre priorità. Con questo significativo investimento per la manutenzione programmata di ponti e viadotti, puntiamo ad ammodernare ulteriormente la nostra rete stradale e autostradale a beneficio non solo degli utenti della strada ma dell’intera comunità. Investire infatti, soprattutto nell’attuale congiuntura, rappresenta un contributo al rilancio dell’economia del Paese”.    Il bando è suddiviso in 24 lotti, per il valore di 50 milioni di euro ciascuno, per l’affidamento di altrettanti accordi quadro di durata quadriennale ripartiti in tutte le strutture territoriali di Anas.  Nel dettaglio: Piemonte e Valle d’Aosta (lotti 1 e 2); Lombardia (lotti 3 e 4); Veneto e Friuli Venezia Giulia (lotti 5 e 6); Emilia-Romagna (lotti 7 e 8); Liguria (lotto 9); Toscana (lotto 10); Umbria (lotto 11); Marche (lotto 12); Lazio (lotto 13); Campania (lotto 14); Basilicata (lotto 15); Abruzzo e Molise (lotto 16); Puglia (lotto 17); Sardegna (lotti 18 e 19); Calabria (lotto 20); A2 “Autostrada del Mediterraneo” (lotto 21); Sicilia (lotti 22, 23 e 24). Gli appalti, di durata quadriennale, saranno attivati mediante Accordo Quadro che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività in relazione alla programmazione della manutenzione delle strade.

Leggi tutto    Commenti 0