Articolo
15 gen 2020

DiscoverEU: altri 20.000 giovani esploreranno l’Europa nel 2020

di mobilita

Quasi 20.000 diciottenni sono stati selezionati per la quarta e ultima sessione di DiscoverEU e potranno viaggiare nel 2020. DiscoverEU è un’iniziativa dell’Unione europea che offre l’opportunità di scoprire l’Europa attraverso esperienze di apprendimento. Ci si sposterà principalmente in treno (sono previste eccezioni per consentire di partecipare a coloro che vivono su isole o in zone remote), scoprendo i paesaggi mozzafiato d'Europa e la sua varietà di piccole e grandi città. I giovani possono partecipare alle due tornate di candidatura che si svolgono ogni anno. I candidati selezionati sono premiati con un pass di viaggio. DiscoverEU offre la possibilità di viaggiare per sfruttare appieno la libertà di circolazione nell’Unione europea, scoprire la diversità dell'Europa, apprezzarne la ricchezza culturale e la storia ed entrare in contatto con persone provenienti da tutto il continente. Inoltre, DiscoverEU  permette di sviluppare competenze preziose per il tuo futuro, ad esempio l’indipendenza, la fiducia e l’apertura verso altre culture. Il vicepresidente Margaritis Schinas , responsabile della promozione del nostro stile di vita europeo, ha dichiarato:   " Ad aprile 20.000 giovani vivranno un viaggio europeo indimenticabile alla scoperta dell'UE. Il fatto che la condivideranno con i loro coetanei e persone di altri paesi renderà questa esperienza sia piacevole che indimenticabile. Faranno anche parte di una più ampia rete informale e inclusiva, che esplora i mezzi per scoprire il nostro continente, la sua ricchezza, la sua diversità e la sua solidarietà. »  Mariya Gabriel, Commissario per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù ha aggiunto:   "Viaggiare in Europa e incontrare giovani di altri paesi rafforza la comprensione interculturale, migliora le competenze linguistiche e migliora la fiducia in se stessi. Con attività di solidarietà e di volontariato, finanziate nell'ambito del Corpo europeo di solidarietà, DiscoverEU è un'iniziativa preziosa per l'apprendimento informale. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 gen 2020

Lo Zefiro Express di Bombardier si aggiudica anche il Good Design Award

di mobilita

Arriva un altro riconoscimento, dopo il Brandenburg Design Award, per lo Zefiro Express di Bombardier. Il treno si è infatti aggiudicato il prestigioso premio del Good Design Award rilasciato dal Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design. Il Good Design Award è un premio di disegno industriale assegnato dal Chicago Athenaeum: Museum of Architecture and Design e promosso dall'European Centre for Architecture Art Design and Urban Studies. Il riconoscimento viene assegnato ai prodotti maggiormente innovativi dell'anno, e i prodotti premiati vengono esposti in maniera permanente all'interno del Chicago Athenaeum. I criteri scelti per la selezione sono stati: l'innovazione, l'impatto funzionale ed ecologico di ciascun prodotto selezionato. Ti potrebbe interessare: Il treno intercity Bombardier Zefiro Express vince il Brandenburg Design Award

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 gen 2020

ROMA | Un treno ogni 15 minuti per raggiungere la Nuova Fiera di Roma

di mobilita

Un treno ogni 15 minuti per la Nuova Fiera di Roma, che da mercoledì 8 a lunedì 20 gennaio ospiterà il concorso indetto dal ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MIBACT). Sono oltre 6mila i posti messi a disposizione ogni ora da Trenitalia sulla linea Roma - Fiumicino Aeroporto (FL1) in entrambe le direzioni. Per l’occasione Trenitalia potenzierà il servizio di assistenza nelle stazioni di Roma Ostiense, Roma Trastevere, Fiera di Roma e Fiumicino Aeroporto. Inoltre, sarà possibile acquistare i biglietti direttamente attraverso il customer care. Trenitalia invita le persone che raggiungeranno la Fiera di Roma in treno di dotarsi preventivamente sia del biglietto di andata che di ritorno

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 gen 2020

MONDOVI’ | In scena il 32° Raduno aerostatico internazionale dell’Epifania

di mobilita

Ritorna il tradizionale Raduno Aerostatico Internazionale dell’Epifania in scena a Mondovì (CN), la “Capitale italiana del volo in mongolfiera”, dal 4 al 6 gennaio 2020. L’evento è organizzato dall’Aeroclub Mongolfiere di Mondovì, col contributo e il patrocinio del Comune di Mondovì, col contributo della Fondazione “Cassa di Risparmio di Cuneo”, col supporto di Banca CRS – Filiale di Mondovì, di Generali – Agenzia Generale di Federica Alasia e Mario Marinaccio, e di Eni – Area di servizio Gallesio e con la collaborazione di Confcommercio-Ascom Mondovì e dell’Associazione “La Funicolare”. Da sempre le mongolfiere speciali sono una delle principali attrazioni del Raduno dell’Epifania di Mondovì. Con le loro forme buffe e coi loro colori sgargianti entusiasmano il pubblico a ogni volo.  PROGRAMMA Sabato 4 gennaio Ore 9: decollo delle mongolfiere Ore 14,30: decollo delle mongolfiere Ore 18,30: show serale in musica: Night Glow “Ballooning Rhapsody - School of Rock” Domenica 5 gennaio Ore 9: decollo delle mongolfiere Ore 14,30: decollo delle mongolfiere A partire dalle ore 14,30: voli vincolati riservati ai bambini Lunedì 6 gennaio Ore 9: decollo delle mongolfiere Ore 14,30: decollo delle mongolfiere Tutti i decolli si svolgeranno dall’area verde di Parco Europa (Corso Manzoni, Mondovì - CN). Come sempre, teniamo a precisare che l’effettivo svolgimento di ogni volo è strettamente legato alle condizioni meteo e alle disposizioni date dal direttore della manifestazione al momento dei briefing A ogni volo corrisponderà una “gara”, secondo le modalità stabilite dai giudici: il punteggio finale determinerà il nuovo “Re dei cieli” di Mondovì. Torna anche lo speciale “Trofeo Bongioanni”, messo in palio da Edmondo Bongioanni in memoria dei genitori, dedicato al pilota che vincerà la gara più spettacolare, quella che avrà come bersaglio i giardini sotto la Torre civica. Il pubblico potrà assistere al gonfiaggio e al decollo dei palloni nelle aree attorno e al centro del Parco, a fianco dei due grandi campi-volo, in zone idonee e delimitate. La postazione speaker, quest’anno affidata a un team di conduttori, intratterrà il pubblico e presenterà agli spettatori le mongolfiere e i piloti. Tutti i voli saranno preceduti da briefing tecnico coordinato dal direttore di manifestazione che sarà, ancora una volta, la pilota Donatella Ricci. Per un maggiore coinvolgimento del pubblico, i briefing pomeridiani del 5 e 6 gennaio si svolgeranno direttamente a Parco Europa. Il sindaco Paolo Adriano ha affermato: "In questi giorni Mondovì torna ad essere capitale italiana del volo in mongolfiera con equipaggi e turisti provenienti da tutta Europa. L’evento taglia il traguardo della trentaduesima edizione con un programma ampliato ed arricchito, capace di coinvolgere tutte le fasce d’età e di rispondere alla domanda crescente dello straordinario pubblico che ogni anno raggiunge la città per contemplare le avvincenti sfide tra le regine dell’aria. Sono orgoglioso che Mondovì risponda in maniera sempre più forte e corale: dal tessuto commerciale alle attività ricettive, dai rioni storici all’Altipiano, il raduno aerostatico internazionale dell’Epifania è una manifestazione che ciascun monregalese sente propria. L’obiettivo è ora trasformare questo attaccamento in un 'marchio territoriale', quello di Mondovì 'città del volo'". Trasporti Tutti i decolli avvengono da Parco Europa, corso Manzoni, Mondovì (CN) Treni: la stazione ferroviaria di Mondovì si trova sulla linea FS Torino-Savona ed è a 15 minuti a piedi dall’area di decollo Pullman: http://www.grandabus.it/orari/ (cercare Mondovì) Auto: per chi viaggia in autostrada, l’uscita sulla A6 (Torino-Savona) è Mondovì Bus urbani e funicolare: http://www.grandabus.it/orari/ (cercare Mondovì) Trenino di Natale: effettua collegamenti tra il centro città e Parco Europa Posteggi Lungo le strade che circondano Parco Europa c’è abbondanza di posteggi per auto, liberi (no parchimetro, no zona disco)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 dic 2019

MILANO | A San Silvestro in piazza Duomo, dalle ore 20, il primo Capodanno d’Italia sul tema della sostenibilità

di mobilita

Per accogliere l’arrivo del nuovo anno, il 31 dicembre piazza Duomo sarà teatro del concerto-spettacolo “Milano Capodanno For Future”, il primo Capodanno d’Italia attento alla sostenibilità, tanto nei messaggi quanto nell’organizzazione. Una grande festa aperta a tutta la città per pensare al futuro in maniera diversa e innovativa per la serata del 31 dicembre. Un grande evento dedicato alla sostenibilità promosso e realizzato dal Comune di Milano, la cui organizzazione è affidata ad Artificio23, a seguito di procedura ad evidenza pubblica, e che vede la partecipazione di Rai Radio 2 come radio ufficiale dell’evento. Che 2020 vogliono quelli che oggi nel mondo hanno vent’anni? Questa sarà la domanda che riecheggerà sulla piazza e nell’etere per tutta la sera. Attraverso i contributi video di ragazzi e ragazze che in tutte le parti del mondo sono impegnati in prima linea nelle battaglie per la salvaguardia del nostro pianeta e che scorreranno sui maxi schermi, costruiremo un grande mosaico dei desideri per l’anno che verrà. A loro testimonianza sarà presente sul grande palco di piazza Duomo l’attivista per il clima Federica Gasbarro, unica italiana scelta dalle Nazioni Unite per rappresentare la sua generazione al vertice sul clima dell’Onu e all’Assemblea Generale. Oltre agli attivisti saranno coinvolti tutti coloro che, attraverso una call to action lanciata attraverso i canali di Yes Milano e Rai Radio 2, saranno invitati a postare un video su Instagram con gli hashtag #CapodannoForFuture #MilanoForFuture, per raccontare il loro buon proposito per un futuro migliore per tutti noi. I migliori video verranno selezionati per vivere Milano Capodanno For Future 2020 da un’area riservata sotto il palco. La serata avrà inizio alle ore 20 con il Social Dj Set, format di Billboard Italia con cui il pubblico sceglierà, tramite Instagram stories, le tracce del dj set della notte di Capodanno. Un'iniziativa che parte dalle piattaforme social di Billboard Italia e che coinvolge tutti coloro che vorranno ballare sulle note delle proprie canzoni preferite l'ultima notte dell'anno. Durante la serata si assisterà ad una vera e propria battle in cui Stefano Fisico farà ballare il pubblico coi brani più votati dagli utenti in tempo reale. A seguire, dalle ore 21, inizieranno i concerti con il live di MYSS KETA, artista che partendo da Milano sta facendo parlare di sé in tutta Italia; COMA_COSE, formazione milanese che sta raccogliendo grandi consensi e che arriva da una serie di sold out estivi, e infine LO STATO SOCIALE!, la band bolognese che non può mancare alle feste più belle e che dopo un anno di pausa dai live torna con una performance unica creata appositamente per l’evento. Tre artisti con un grande seguito di pubblico e ambasciatori di un messaggio globale che parte da Milano con destinazione il resto del mondo. Il “2020 che vorrei” vedrà alla conduzione Filippo Solibello, voce storica del mattino di Rai Radio2. Solibello, da sempre in prima linea nelle battaglie ambientaliste e autore del recente “Spam. Stop Plastica A Mare”, sarà accompagnato da Ludovica Azzali direttore di Radio Immaginaria, web radio degli adolescenti dagli 11 ai 17 anni e unico network in Europa con più di 300 speaker provenienti da 50 città in 8 Paesi diversi.  Nello scorso mese di agosto undici speaker adolescenti delle radio hanno percorso in Apecar oltre 4.900 Km da Bologna a Stoccolma, alla ricerca di Greta Thunberg. In occasione del Fridays For Future dello scorso 15 marzo, Radio Immaginaria e i suoi giovani hanno fatto dialogare in diretta radio, 42 città di 10 diversi Paesi nel mondo, fra cui anche l’Australia. Radio ufficiale dell’evento sarà Rai Radio2, che fa di questo Capodanno anche il suo Capodanno. Tanti i contenuti e gli speciali studiati appositamente per tenere viva l’attenzione sul tema di questo importante appuntamento milanese: il futuro che vorrei.  Dal 9 dicembre, infatti, è stata avviata una campagna di sensibilizzazione all’eco-sostenibilità, per incentivare azioni quotidiane affinché l’ambiente possa beneficiarne. “E tu cosa farai per un anno migliore?” sarà il tema che il popolo della rete potrà sviluppare e postare su Instagram con l’hashtag #capodannoforfuture: i video più originali saranno proiettati durante la serata del 31 dicembre in Piazza Duomo e saranno visibili anche sui canali social di Radio2. Capodanno For Future sarà tema ricorrente anche all’interno di CATERPILLAR AM, de I LUNATICI e de LO STATO SOCIALE SHOW, fino ad arrivare al 31 dicembre, giorno della grande diretta radiofonica della serata, che a partire dalle ore 21 scandirà il vostro Capodanno con la doppia conduzione di Filippo Solibello dal palco e Marco Ardemagni dal backstage. L’attenzione all’ambiente sarà massima, non solo nei contenuti, ma anche nella produzione dell’evento aderendo a quelle che sono le linee guida e i dettami di Legambiente, di recente sviluppati per rendere “più sostenibili” i grandi concerti e i grandi eventi pubblici. Tutto questo sarà realizzato attraverso una serie di azioni concrete con l’aiuto anche di Amsa, Amat, A2A e MM che stanno partecipando a vario titolo al progetto con le loro attività e pratiche orientate all’ecosostenibilità. Pratiche che coinvolgeranno l’ambito dei trasporti, invitando la cittadinanza all’utilizzo dei mezzi pubblici per raggiungere l’area dell’evento; dell’energia, attraverso l’utilizzo di lampade a basso consumo e muletti elettrici per il carico e scarico nella fase di cantiere e nella fornitura di energia da fonti rinnovabili certificata; dell’acqua, mediante la distribuzione a tutto il personale che lavorerà all’evento di borracce per evitare l’utilizzo di bottiglie di plastica; e all’utilizzo della carta e della plastica riciclata per tutto il periodo di realizzazione dell’evento. Seguendo quindi l’impegno già profuso con l’Estate Sforzesca – il primo evento plastic free promosso dal Comune di Milano – questo Capodanno vuole essere una sorta di “prova generale” per comprendere quanto si possa fare per rendere anche un evento di questa portata rispettoso delle risorse naturali e dell’ambiente, prevedendo quindi anche la valutazione della carbon footprint (il parametro che viene utilizzato per stimare le emissioni di gas serra  causate da un evento), permettendo al Comune e a tutti gli organizzatori di “prendere le misure” per migliorare progressivamente ma con la dovuta rapidità. Scaletta della serata: ore 20 Billboard dj-set ore 21 Myss Keta ore 22 Coma_Cose ore 23 Lo Stato Sociale ore 00:00 The future is now! Saluto finale di tutti gli artisti sul palco Informazioni utili Per garantire la sicurezza dell’evento la piazza sarà presidiata dalle forze dell’ordine.  Al fine di agevolare le operazioni di controllo e sicurezza si consiglia di presentarsi con largo anticipo in area concerto e, per velocizzare gli ingressi, evitare di portare borse e zaini. L’ingresso in piazza Duomo sarà consentito fino alla capienza massima di circa 20mila persone. Il concerto termina alle ore 00.15, per consentire ai partecipanti di utilizzare il trasporto pubblico per gli spostamenti. La sera di San Silvestro le linee M1, M2, M3 e M5 seguono l’orario del sabato e restano in servizio fino a tarda notte (M1 e M2 solo sulle tratte urbane, rispettivamente tra M. Dorino/Bisceglie e Sesto e tra Gobba e Abbiategrasso). Ultimi passaggi intorno alle 2.00. Dalle 17 sarà chiusa la stazione di Duomo e i treni delle linee M1 e M3 salteranno la fermata fino al termine del servizio. Per raggiungere piazza del Duomo usare le stazioni di Cordusio, San Babila, Montenapoleone o Missori. È vietato introdurre nell’area concerto bottiglie in vetro e plastica, lattine, petardi, fuochi pirotecnici e spray urticante. La zona del sagrato alto del Duomo sarà riservata a persone con disabilità e ai loro familiari con accesso consigliato da piazza Fontana o via Marconi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 dic 2019

ROMA | Capodanno al Circo Massimo con protagonisti d’eccezione e tutte le informazioni per muoversi in città

di mobilita

Carmen Consoli calcherà, in versione rock, uno dei palchi della Festa di Roma 2020 la sera del 31 dicembre al Circo Massimo. Altra novità del Capodanno di Roma Capitale è la partecipazione di Priestess, una delle più promettenti artiste della scena urban italiana. La Festa di Roma 2020, che celebra quest’anno la bellezza e la grandiosità della Terra, inizia il 31 dicembre al Circo Massimo alle 21.15 con uno spettacolo di luci, proiezioni e musica dedicato al pianeta con immagini del videoartista olandese Armand Dijks e degli italiani Officine_K. Seguirà alle ore 21.30 il cantastorie Ascanio Celestini che intratterrà il pubblico raccontando favole inedite scritte appositamente sul tema della festa, La Terra inventata, e duetterà per l’occasione con la Rustica X Band diretta da Pasquale Innarella: una grossa orchestra di bambini e adolescenti, nata all’interno del centro diurno della coop sociale onlus Nuove Risposte come attività di formazione e intrattenimento per prevenire il disagio giovanile nella periferia romana. Le fiabe di Celestini apriranno la strada a una serata con grandi artisti italiani e stranieri: si vivrà il racconto della terra madre, sciorinato da una fertilità artistica capace di raccontare, con la musica e con lo spettacolo dal vivo, una terra diversa e migliore. Alle 22.15, poi, lo spettacolo aereo di grande impatto e rara delicatezza dedicato alle silfidi, figure dei boschi: Sylphes della compagnia spagnola Aerial Strada, con le coreografie di Eduardo Zúñiga, la regia di Roberto Strada e la musica della PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble, diretta da Tonino Battista che, in questa felice coproduzione Italia-Spagna, suonerà dal vivo Le quattro stagioni di Vivaldi riscritte dal compositore contemporaneo Max Richter. Violino solista Francesco Peverini. Dalla danza aerea si passerà agli echi di sirena del rock di Carmen Consoli (ore 22.55) che eseguirà dal vivo alcuni dei suoi brani più famosi accompagnata da Massimo Roccaforte alla chitarra, Luciana Luccini al basso, Antonio Marra alla batterie ed Elena Guerriero alle tastiere. Alle 23.50 inizieranno il countdown per la mezzanotte e lo spettacolo pirotecnico a cura di Acea, con la musica dal vivo della PMCE che suonerà December del noto e geniale compositore statunitense Michael Torke. Dieci minuti dopo la mezzanotte salirà sul palco Priestess, sacerdotessa della musica urban che si sta affermando nel mondo del rap e che ha dedicato a nomi di donne famose la maggior parte dei suoi pezzi. Surriscalderà il Circo Massimo con una performance che unisce sonorità hip-hop e trap al suo talento nel canto e lo consegnerà direttamente nella mani dell’artista più in grado, fra tutte e tutti, di essere il simbolo di una terra che esplode e ingloba: Skin, icona pop rock, leader della band londinese Skunk Anansie e portavoce indiscussa dei diritti umani. Skin, dal centro del Circo Massimo, come in un ideale centro della Terra, proporrà 2 ore di djset con una miscela esplosiva di suoni di derivazione tech-house. E per tutta la serata alla musica si alterneranno le incursioni di Andrea Rivera, attore-stornellatore che, armato della sua chitarra, proporrà al pubblico il suo teatro-canzone improvvisando e giocando con le parole. Questo il programma della sera del 31 dicembre. La Festa di Roma 2020 proseguirà fino alla sera dell’1 gennaio con interventi artistici di importanti compagnie internazionali, parate, spettacoli, installazioni site specific, performance musicali e video; il tutto tra piazza dell’Emporio, Isola Tiberina, Giardino degli Aranci e piazza Bocca delle Verità. Consulta qui il programma completo della Festa. La manifestazione, a ingresso gratuito, è promossa da Roma Capitale con la collaborazione del Tavolo Tecnico per la Produzione Culturale Contemporanea coordinato dal Dipartimento Attività Culturali. Ne fanno parte l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Associazione Teatro di Roma, l’Azienda Speciale Palaexpo, la Casa del Cinema, la Fondazione Cinema per Roma, la Fondazione Musica per Roma, la Fondazione Romaeuropa, la Fondazione Teatro dell’Opera, l’Istituzione Biblioteche di Roma con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura. Quest’anno la regia e il coordinamento artistico della Festa di Roma 2020 sono a cura di Fabrizio Arcuri, Claudia Sorace e Francesca Macrì. Per raggiungere l’area del Circo Massimo è consigliabile l’uso della metropolitana con fermata Circo Massimo. La notte di Capodanno saranno aperte fino alle ore 2.30 (ora delle ultime partenze dal capolinea) le linee metro A-B/B1-C, le ferrovie regionali Roma-Lido e la tratta urbana della linea Roma - Viterbo. Le ultime partenze della ferrovia Termini-Centocelle saranno invece alle ore 21.30 con partenza da Termini e alle 21.03 con partenza da Centocelle. Dalle ore 2.30 alle ore 8.00 entreranno in servizio le linee bus notturne che seguono i percorsi di metro e ferrovie: nMA (Battistini-Anagnina), sul percorso della linea A della metropolitana; nMB (Laurentina-Rebibbia) sul percorso della linea B della metropolitana; nMB1 (Termini-Conca d'Oro) sul percorso della linea B/B1 della metropolitana; nMC (San Giovanni-Pantano) sul percorso della linea C della metropolitana; nME (piazza Venezia-stazione Colombo) sul percorso della ferrovia regionale Roma-Lido. La rete di superficie diurna Atac e Roma Tpl terminerà le proprie corse alle ore 21.00 sull’intera rete ad eccezione delle linee bus e tram H, 128, 170, 200, 280, 301, 336, 544, 766, 881, 905, 913 e MA13 che prolungheranno il servizio sino alle 2.30 di notte. Il 1 gennaio il servizio sull'intera rete inizierà alle ore 8.00 con l'orario dei giorni festivi. Per la ferrovia regionale Roma Lido: prima e ultima corsa da Piramide alle ore 8.00 e alle ore 23.30, prima e ultima corsa da Colombo alle ore 7.45 e alle 23.30. Per la ferrovia regionale Termini Centocelle: prima e ultima corsa da Termini alle ore 8.00 e alle ore 23.00, prima e ultima corsa da Centocelle alle ore 8.03 e alle ore 22.33. Per la tratta urbana della ferrovia regionale Roma Viterbo: prima e ultima corsa da Flaminio alle ore 8.20 e alle ore 21.40, prima e ultima corsa da Montebello alle ore 8.48 e alle ore 22.08.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 dic 2019

Emirates presenterà il suo Airbus A380 al Kuwait Aviation Show 2020

di mobilita

Emirates presenterà il suo Airbus A380 a visitatori e spettatori il 15 gennaio al Kuwait Aviation Show 2020. L’A380 di Emirates sarà decorato con una livrea blu, che rappresenta il tema ‘mobility’ di Expo 2020. Expo 2020 Dubai si svolgerà tra il 20 ottobre 2020 e il 10 aprile 2021. Adil Al Ghaith, Senior Vice President, Commercial Operations, Gulf, Middle East & Central Asia for Emirates, ha dichiarato: “Emirates è orgogliosa di far parte del Kuwait Aviation Show 2020, un evento che accoglie gli spettatori nonché i membri del settore aeronautico e aerospaziale nella regione del Golfo. L’Expo 2020 ‘mobility’ themed Emirates A380 in mostra durante l’Aviation Show dimostra il nostro impegno e il nostro contributo di lunga data nel settore del trasporto aereo del Kuwait, che sta investendo in progetti di sviluppo, posizionandosi progressivamente per la crescita futura. Sottolinea inoltre l’importanza della connettività aerea e della mobilità come facilitatore del commercio, del turismo e delle relazioni forti tra Kuwait e Emirati Arabi Uniti”. Emirates serve il Kuwait da 30 anni e oggi opera nella capitale del paese con 6 voli giornalieri, offrendo ai viaggiatori business e leisure connettività verso oltre 150 destinazioni globali. La compagnia aerea opera anche i suoi ultimi prodotti in Kuwait, incluso il suo ultimo Boeing 777-300ER equipaggiato con le First Class suites. L’Emirates A380 presenterà 14 lussuose First Class suites, 76 flatbed seats in Business Class e 429 seats in Economy Class. Gli ospiti potranno anche vedere le 380 Shower Spas and Onboard lounge, che saranno completamente allestite e attrezzate per imitare un’autentica esperienza in volo. Emirates vola con l’A380 in oltre 50 destinazioni in tutto il mondo e attualmente ha 115 A380 in servizio. Il Kuwait Aviation Show 2020 si svolgerà dal 15 al 18 gennaio 2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2019

Il 2020 anno del treno turistico: il ruolo di Ferrovie dello Stato

di mobilita

Un patrimonio straordinario di ferrovie turistiche capaci di regalare emozioni e paesaggi mozzafiato. Lo ha voluto ricordare il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini che, in un’audizione in commissione Attività produttive alla Camera, in merito agli indirizzi programmatici del dicastero, ha sottolineato il ruolo fondamentale della Fondazione FS Italiane e dei suoi treni storici nella valorizzazione del patrimonio italiano. Nell’occasione ha definito il prossimo 2020 come “l’anno del treno turistico, per un turismo sostenibile”, il cui obiettivo sarà quello di governare la crescita dei flussi delle persone in viaggio nei prossimi anni, che non potranno concentrarsi nelle sole grandi città d’arte. Obiettivo condiviso dal Gruppo FS Italiane che, con il suo amministratore delegato, Gianfranco Battisti, presidente della Fondazione FS e alla guida di Federturismo-Confindustria, promuove un’accessibilità sempre più diffusa sul territorio, anche valorizzando il trasporto regionale in funzione turistica, proprio per redistribuire e destagionalizzare i flussi. Dal 2015 il MiBACT è aderente istituzionale della Fondazione FS Italiane che, sotto l’egida del Gruppo, ha avviato nel 2014 il progetto Binari senza tempo per creare una nuova forma di turismo ferroviario, che consenta di raggiungere mete del Belpaese meno conosciute, ma di straordinaria bellezza, alla scoperta di arte, paesaggi ed enogastronomia. In particolare, il progetto, sostenuto dal MiBACT, ha permesso di riaprire all’esercizio turistico, fra il 2014 e il 2018, 600 chilometri di linee ferroviarie, da Nord a Sud della Penisola. Offrendo così la possibilità di muoversi lungo 10 linee storiche per visitare alcuni tra i luoghi più affascinanti e suggestivi d’Italia. I treni d’epoca della Fondazione FS Italiane hanno trasportato circa 100mila persone nel 2019 (460 eventi treno). Nel 2020 ritornerà sui binari anche l’elettrotreno di lusso Arlecchino e sarà iniziato il restauro del treno Settebello.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2019

Un’esperienza unica con il New Year’s Eve flight di Austrian Holidays

di mobilita

Per tutti coloro che sono alla ricerca della vista migliore degli spettacolari fuochi d'artificio della città di Vienna, Austrian Holidays offre un'esperienza unica con il New Year’s Eve flight.  Al check-in - e in seguito a bordo - i passeggeri vengono trattati con specialità culinarie DO & CO. Dopo essere stati accolti dall'equipaggio dell'Austrian Airlines presso il gate dell'aeroporto di Vienna, i passeggeri saranno portati a elevate altezze poco prima delle 23:00. Il volo turistico ha quasi 20 anni di tradizione presso Austrian Airlines.  A causa della domanda, il numero di voli di Capodanno è stato aumentato a tre già nel 2017/2018. Durante il volo di quasi un'ora, i passeggeri sorvoleranno Vienna nei cosiddetti otto anelli e potranno vedere i fuochi d'artificio dall'alto. Una visione che nessuno dimenticherà facilmente.I voli turistici per la notte di San Silvestro sono stati effettuati per tre anni con gli austriaci Embraer 195. A causa dell'altezza e della larghezza della cabina sarà assicurato a tutti gli ospiti, sia sui sedili lato finestrini, sia a quelli lato corridoio. Un tour a 360 offre ai passeggeri l'opportunità di dare un'occhiata all'interno dell'aereo in anticipo e quindi trovare il posto ideale. Il volo di fine anno può essere prenotato telefonicamente al Call Center Austrian Holidays al numero +43 5 1766-76700 (lun-ven 8: 00-19: 00, sab-dom 8: 00-16: 30). I posti vicino al finestrino sono disponibili a € 149, posti a corridoio a € 139. Come ogni anno, la domanda è alta - i biglietti dovrebbero essere garantiti rapidamente per non perdere questa esperienza unica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 dic 2019

FIRENZE | La città si accende con F-light, Firenze Light Festival

di mobilita

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento natalizio con “F-Light”, il Firenze Light Festival, che per un mese, dall’8 dicembre al 6 gennaio, ridisegnerà il volto notturno della città. L’evento rivestirà di nuova luce piazze e monumenti attraverso video-mapping, proiezioni, lightshow e installazioni artistiche e proporrà mostre, attività educative, visite speciali nei musei, spettacoli e incontri culturali. Ad ispirare il tema deI festival, promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E, con la direzione artistica di Sergio Risaliti, il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna, punto d’arrivo di un’impresa senza precedenti che ci ha lasciato una grandissima eredità. Moon F-Light, questo il titolo scelto per l’edizione 2019, realizzata grazie anche al prezioso supporto di Terna S.p.A., coinvolgerà come sempre numerosi spazi della città: da Ponte Vecchio a Piazza Santa Maria Novella, da Palazzo Medici Riccardi all’Oltrarno, senza dimenticare Torri e Porte della città, che, insieme ai quartieri fuori dal centro storico, godranno di un’attenzione speciale. Simbolo dell’inarrestabile curiosità che muove l’uomo, la Luna sarà il fil rouge che percorrerà i giochi di luce di F-light, riservando il consueto posto d’elezione alla luce, fonte di energia universale. L’evento avrà ufficialmente inizio domenica 8 dicembre: il Sindaco, dopo i saluti di fronte all’albero di Natale nel cortile di Palazzo Vecchio alle ore 17.00, andrà in Piazza Duomo per l’accensione dell’imponente abete di fronte alla cattedrale, alle 17.30 circa. Seguirà, alle 18.00, l’illuminazione dell’albero di Natale in Piazza della Repubblica, realizzato da Michelangelo Pistoletto, che sarà uno dei tre alberi di Natale creati da artisti e installati in piazze cardine di Firenze. Il 14 dicembre si accenderanno quelli posizionati in Piazza Santa Maria Novella e in Piazza SS. Annunziata, affidati rispettivamente a Mimmo Paladino e a Domenico Bianchi. L’iniziativa, dal titolo THREE ARTIST TREE, sperimentata quest’anno per la prima volta, nasce da un progetto del Museo Novecento, a cura di Sergio Risaliti: i tre alberi di Natale d’artista, elaborazione di un simbolo universale del Natale, non sono decorazioni ma vere e proprie opere d’arte che si aggiungono al percorso di questi artisti italiani riconosciuti a livello internazionale. Inevitabilmente in relazione con il patrimonio artistico in cui si inseriscono, queste opere site specific schiudono la possibilità preziosa per l’arte contemporanea e per quella del passato, che permea il tessuto urbano, di diventare reciproco veicolo di conoscenza. Il Museo Novecento sarà sempre uno dei luoghi di F-light: particolarmente rilevante per la connessione tematica con Moon – Flight, Lucciole per Lanterne di Wang Yuyang, a cura di Lorenzo Bruni. L’esposizione fiorentina, con tre cicli pittorici e due installazioni luminose, è la prima personale europea dell’artista cinese e un’importante tappa nella sua ricerca artistica legata ad una riflessione su come i mezzi di riproduzione tecnica, sia di tipo analogico che digitale, influenzino la percezione della vita quotidiana, della memoria collettiva e del ruolo dell’arte. Spiccano i quadri Moon, copia fedele delle immagini prodotte dalle agenzie spaziali, i cui colori sono l’esito di accostamenti cromatici del tutto casuali. La manifestazione comprenderà altre due esposizioni, progetti Museo Novecento, entrambi ideati e a cura di Sergio Risaliti, organizzati da MUS.E, e ospitati in Palazzo Vecchio. Novecento Lunare, nel Museo di Palazzo Vecchio fino al 15 gennaio, vuole essere un omaggio poetico alla Luna e alla sua conquista attraverso una selezione di opere di artisti italiani che evocano la luna e lo spazio celeste, fra cui figurano Concetto spaziale di Lucio Fontana, Riflesso del cielo di Eliseo Mattiacci, Superficie lunare di Giulio Turcato e La cometa di Fausto Melotti. In molte opere d’arte nate dopo la Seconda Guerra Mondiale, il linguaggio astratto e quello informale sembrano evocare la superficie lunare, l’assenza di gravità, le teorie scientifiche contemporanee, le nuove osservazioni astronomiche. Marco (I Mark) di Grazia Toderi è un insieme di sette proiezioni video, una nuova produzione pensata appositamente per la Sala d’Armi, dove sarà visibile fino al 6 gennaio. Non casuale la scelta del numero, dai molteplici significati: fa pensare alla Genesi, ai sette continenti, ai sette metalli, ai giorni della settimana, ricordando come nello spazio e sulla terra tutto sia connesso. Un numero che mette in relazione l’uomo con l’astronomia e la cosmologia. Anche in questa edizione Ponte Vecchio assumerà temporaneamente le sembianze di una tela: un suggestivo video-mapping, realizzato ancora una volta da The Fake Factory, celebrerà l’anniversario dell’evento che ha cambiato radicalmente la nostra relazione con lo spazio celeste. Sarà coinvolta nuovamente la sede storica di Palazzo Medici Riccardi con un’installazione nel cortile di Michelozzo, dedicata ai ritratti della cappella dei Magi di Benozzo Gozzoli, a cura di MB Vision con la collaborazione degli studenti di ISIA. Nel palinsesto anche il Mercato Centrale e la Loggia del Grano, che accoglierà un’installazione artistica realizzata da un collettivo di artisti australiani di Skunk Control. Anche quest’anno SilfiSpa si occuperà, oltre che dell’illuminazione di Ponte Santa Trinita, di quella delle Torri e delle Porte storiche della città: da anni al centro di una monumentale opera di restauro e valorizzazione, Porta alla Croce,Torre della Zecca, Torre di San Niccolò, Porta al Prato, Porta Romana, Porta San Gallo, Porta San Frediano saranno accese con illuminazioni dinamiche colorate per tutta la durata del festival, ogni giorno dalle 17 e per tutta la notte. Molte sono le novità di questa edizione 2019. In Piazza dei Giudici, troviamo le proiezioni video a cura dell’adiacente Museo Galileo Galilei, in collaborazione con la Camera di Commercio. In onore alle rivoluzionarie scoperte astronomiche di Galileo, Piazza dei Giudici ospiterà una doppia proiezione che celebrerà la Luna e le meraviglie dell’Universo. Sulla facciata del Museo Galileo e della Camera di Commercio un suggestivo videomapping ripercorrerà la storia dell’astronomia attraverso splendide immagini antiche, fra le quali le Lune disegnate da Galileo che per primo ne osservò l’aspetto con un cannocchiale. Video ideati e realizzati dal Museo Galileo. Moon F-light propone, in questo programma, anche l’illuminazione delle rampe di Piazza Poggi (inaugurazione ufficiale venerdì 20 dicembre, ore 18.00), restituite a nuova vita con un restauro finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze grazie all’Art Bonus e conclusosi nell’anno in corso. Le cinque grotte e la grande vasca che si trovano su tre diversi livelli, ripulite con il recupero della superficie decorata, saranno valorizzate ulteriormente grazie a un nuovo impianto permanente di illuminazione bianca e colorata ad opera di SilfiSpa. Anche la facciata di San Miniato – che ha celebrato nel 2018 il Millenario – continuerà ad essere valorizzata grazie a regie a luce colorata da “accendere in occasioni speciali” e all’illuminazione permanente introdotte lo scorso anno da SilfiSpa. Interventi che confermano l’impegno assunto da F-Light nel lasciare un “segno permanente” sulla città, oltre alle attività temporanee del periodo natalizio. Altri esempi ne sono la Loggia del Pesce, la Basilica di Santa Croce, il mercato e la chiesa di Sant’Ambrogio e i recenti interventi su Palazzo Medici Riccardi e via Cavour. Sempre grazie a SilfiSpa, nell’ambito dellle Celebrazioni del Seicentenario dell’Ente, il Loggiato dell’Istituto degli Innocenti, in Piazza SS. Annunziata, si vestirà di una nuova illuminazione (inaugurazione giovedì 12 dicembre, ore 17.30). Anche la Palazzina Reale di Santa Maria Novella sarà tra i nuovi luoghi del festival. Adiacente alla Stazione Centrale di Firenze – uno degli edifici simbolo della città, opera degli anni Trenta di Giovanni Michelucci, oggi Casa dell’Architettura – sarà oggetto di una proiezione artistica a cura della Fondazione Architetti Firenze, che coinvolgerà le candide superfici di marmo dell’esterno (dal 16 dicembre al 6 gennaio, ore 17.30 – 22.00) Come per la precedente edizione, F-Light uscirà dal centro storico, e toccherà tutti i quattro quartieri cittadini, con una luminaria d’artista che verrà installata in diversi punti: via del Gignoro, a Campo di Marte, per il Q2, Piazza Niccolò Acciaiuoli nel Q3, la Passerella delle Cascine all’Isolotto per il Q4 e il Parco di San Donato a Novoli, per il Q5. Le luminarie sono a cura di Gasparotto Srl. L’illuminazione colorata permanente è protagonista anche in piazza delle Cure, grazie sempre a SilfiSpa, nella nuova pensilina del mercato recentemente inaugurata, che tutte le notti per la durata di F-Light si accenderà con una speciale illuminazione. E nel quartiere di Campo di Marte, l’Artemio Franchi, la casa dell’ACF Fiorentina, si mostrerà nuovamente sotto la veste scenografica della scorsa edizione tingendosi dei colori della ACF Fiorentina e dei 4 quartieri del calcio storico di Firenze. Infine saranno realizzati altri due alberi di Natale a Palazzo Vecchio e Palazzo Medici Riccardi, frutto di una preziosa sinergia tecnica, artistica e culturale. Entrambe le piante sono infatti donate da Euroambiente-Gruppo Zelari, azienda pistoiese specializzata nel verde, mentre gli addobbi sono realizzati dai giovani artisti dei licei artistici cittadini, in ispirazione al tema della Luna e dell’Allunaggio. L’Albero di Palazzo Vecchio vede infatti appesi alle sue fronde gli allestimenti progettati ed eseguiti dagli allievi del Liceo Artistico Leon Battista Alberti, in un gioco di colori metallici e di forme che evocano le diverse fasi lunari, mentre l’Albero di Palazzo Medici Riccardi è il risultato del lavoro degli studenti del Liceo Artistico Statale di Porta Romana, in grado di interpretare in chiave magica le sfere della luna e dei pianeti: a partire dagli stessi materiali artistici, ogni elemento risulta infatti elaborato individualmente con effetti diversi. L’accensione dell’albero di Palazzo Vecchio avverrà alle 17.00 di domenica 8 dicembre alla presenza del Sindaco di Firenze, accompagnata da una breve esecuzione musicale degli studenti del Liceo Dante e da un Reading sui Global Goals dell’Agenda 2030. L’accensione dell’Albero di Palazzo Medici Riccardi è prevista alle 17.30 dello stesso giorno. Le installazioni luminose saranno visibili dalle 17.30 alle 24.00.

Leggi tutto    Commenti 0