Articolo
30 mag 2020

La compagnia aerea DAT risponde ai sindaci di Lampedusa e Pantelleria

di mobilita

Nei giorni scorsi, i sindaci dei comuni delle isole di Lampedusa, Linosa e Pantelleria avevano espresso malcontento nei confronti della compagnia aerea danese Dat, che opera sugli scali isolani. Queste le parole di Totò Martello (primo cittadino di Lampedusa e Linosa) e Vincenzo Campo (sindaco di Pantelleria): «La compagina Dat continua a creare disservizi poiché mantiene ancora oggi un solo collegamento aereo giornaliero con capienza ridotta per Lampedusa, che fa scalo a Pantelleria, così come avveniva durante la ‘Fase 1’ dell’emergenza Covid quando lo spostamento fra i comuni era fortemente limitato. Ma ora che gli spostamenti sono più liberi, capita quasi ogni giorno che vengano lasciati a terra diversi passeggeri, anche persone che devono viaggiare per lavoro o esigenze di prima necessità. Oltretutto dal momento che alcuni posti a bordo sono riservati al personale delle Forze dell’Ordine, succede che a restare a terra siano anche malati che si recano a Palermo per cure sanitarie e che poi non hanno la possibilità di tornare a casa». «È bene ricordare che la compagnia area Dat è tenuta a garantire i collegamenti aerei con Lampedusa e Pantelleria non come ‘tratta commerciale’ ma come ‘tratta sociale in regime di continuità territoriale’: se alla luce delle norme Covid i posti a bordo sono ridotti – aggiungono Martello e Campo- o si utilizzano aerei più grandi o si ripristinano immediatamente i tre collegamenti giornalieri diretti con Lampedusa, ed i voli diretti per Pantelleria.» Pronta la replica della compagnia aerea Dat: Con riferimento alla nota stampa dei sindaci di Lampedusa e Pantelleria sui presunti disservizi degli ultimi giorni, siamo nuovamente costretti a rispondere a critiche strumentali e non circonstanziate mosse nei confronti di DAT Volidisicilia. Il nostro programma operativo durante l’emergenza non è stato imposto dalla Compagnia bensì concertato con la Regione Siciliana e l’ENAC, come doveroso e testimoniato dalla fitta corrispondenza che è stata intrattenuta con entrambi gli enti prima di ogni aggiornamento. Tale operativo è stato tarato sulle effettive esigenze del traffico da e per le isole, crollato di oltre il 95%, e per rispondere alla necessità di ridurre al minimo i movimenti nella fase critica dell’epidemia. Inoltre, durante il periodo di emergenza, ogni qualvolta vi è stata la reale necessità, DAT Volidisicilia si è resa disponibile ad introdurre capacità supplementare per rispondere alle esigenze delle due isole, organizzando anche voli addizionali non previsti dal programma concordato. Appare grave dover segnalare che i Signori Sindaci non parlino ai cittadini, o risultino essere disinformati, di quello che sarà invece il programma voli della continuità territoriale a partire dal prossimo lunedì primo giugno, come sempre concordato con la Regione Siciliana e l’ENAC, peraltro ampiamente comunicato attraverso gli organi di stampa. Infatti, da quella data, contando su una sia pur lieve, auspicata ma ancora ipotetica ripresa del traffico, saranno nuovamente posizionati due aeromobili, uno per ciascuna isola, con servizi dedicati e incrementati di oltre il 100% rispetto alla programmazione della settimana che si sta concludendo. Nello specifico, nel mese di giugno, DAT Volidisicilia assicurerà fino a tre voli giornalieri da Palermo verso Lampedusa e Pantelleria e viceversa, fino a cinque collegamenti settimanali sulla Lampedusa-Catania e due collegamenti settimanali sulla Pantelleria-Catania in base al periodo, con possibili incrementi nel caso la richiesta di traffico dovesse esigerlo. Si auspica, a partire da luglio 2020, il ritorno al programma operativo originale previsto dalla convenzione, con il ripristino anche dei collegamenti da Trapani a Pantelleria e vv, ora sospesi per improcrastinabili lavori di manutenzione sulle infrastrutture di volo dell’aeroporto di Birgi. Rimane peraltro disponibile la navetta gratuita di superficie offerta da e per l’aeroporto di Palermo per i passeggeri con origine o destinazione Trapani che ne facciano richiesta. Si ricorda ai due sindaci che le criticità insorte a livello di capacità offerta sulle rotte in questo periodo sono dovute a normative nazionali di distanziamento fisico che allo stato risultano essere un unicum in Europa.  La IATA, organismo che raggruppa buona parte dei vettori mondiali, e la EASA, l’agenzia europea che si occupa di sicurezza per i vettori europei, si sono espresse molto chiaramente su come gestire il distanziamento fisico a bordo. Le problematiche che si sono venute a creare in questi giorni hanno purtroppo riguardato tutti i vettori operativi in Italia, con cambi normativi repentini che in alcuni casi non hanno permesso un immediato assorbimento e la risoluzione del problema contingente. Chi desidera criticare onestamente e non strumentalmente l’operato di DAT Volidisicilia non può negare che la Compagnia ha profuso il massimo impegno per garantire una pronta risposta agli stessi e assicurare i collegamenti vitali nonostante le difficoltà dovute all’emergenza e allo scenario operativo. Infine, si ricorda ai Sig. Sindaci, che DAT Volidisicilia si è aggiudicata i servizi di continuità territoriale con un bando che prevedeva condizioni di normalità. Non può essere attribuita in toto ad un privato la necessità di assorbire situazione emergenziali come quella venutasi a creare, semplicemente perché non è previsto da convenzione e, soprattutto, perché il vettore non può avere le forze da solo, in tali situazioni, per far fronte a richieste che vanno ben oltre quanto di sua normale competenza. Lo stesso vettore ha dovuto rispondere all’emergenza subendo anche gli effetti di vincoli normativi che i sindaci dovrebbero conoscere benissimo. La limitazione della capacità a bordo per il distanziamento fisico, problema di fondamentale importanza per la sopravvivenza del comparto, è la situazione da risolvere al più presto e che sta mobilitando vettori ben più grandi di DAT Volidisicilia e che potrebbe compromettere l’intera ripresa del traffico aereo da e per l’Italia.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
05 mag 2020

Salini Impregilo: ok da assemblea, ora è WeBuild

di Fabio Nicolosi

Salini Impregilo cambia nome e diventa Webuild, “più grande e più forte al servizio del Paese”. Questo il messaggio della campagna pubblicitaria che parte oggi sulle principali testate e sui più importanti siti web di informazione italiani. Un lancio che avviene nel giorno dell’Assemblea degli Azionisti Salini Impregilo, chiamata ad approvare il nuovo nome di un Gruppo pronto a dare il suo contributo per riattivare l’economia italiana, nell’ambito di un piano di investimenti in infrastrutture in grado di creare da subito migliaia di posti di lavoro. Il lancio del nuovo naming della Società, che a breve sarà online al sito www.webuildgroup.com e sui social con il nuovo account Webuild, segna infatti una ulteriore tappa nel processo di evoluzione del Gruppo, sempre più globale e con forte radicamento in Italia. Un processo di crescita per la Società, soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di Salini Costruttori S.p.A., realizzato nell’ambito di Progetto Italia anche grazie al supporto di CDP Equity S.p.A. e dei principali istituti finanziari del Paese (UniCredit, Intesa Sanpaolo, Banco BPM) e degli investitori che hanno creduto nel progetto. Progetto Italia crea valore per gli azionisti, e con l’unione di Salini Impregilo/Webuild ed Astaldi, il nuovo Gruppo arriverà ad un backlog complessivo di €42,5 miliardi, considerando il portafoglio ordini totale di Salini Impregilo (€36 miliardi) e quello di Astaldi (€6,5 miliardi). Il nuovo Gruppo valorizzerà il know how italiano e creerà opportunità di crescita per le PMI italiane della filiera delle costruzioni: Salini Impregilo e Astaldi hanno acquistato presso fornitori del Paese per quasi €1.300 milioni nel biennio 2018/2019, e la sola Salini Impregilo ha lavorato nel 2019 con oltre 1.500 aziende, il 90% delle quali di piccole e medie dimensioni. Il Gruppo Webuild, risultante dal progetto di integrazione con Astaldi, impiegherà circa 70.000 lavoratori diretti ed indiretti a livello globale, che arrivano a circa 130.000 considerando l’intero indotto. Solo in Italia l’occupazione di Webuild post integrazione con Astaldi arriverà a contare 11.000 dipendenti diretti ed indiretti, con un totale di circa 25.000 persone occupate considerando l’intero indotto. La campagna sottolinea la strategia di crescita del Gruppo: competere sempre più attivamente sui mercati internazionali, grazie all’aggregazione delle eccellenze italiane del settore delle infrastrutture, a partire da Astaldi, e mettersi al servizio del Paese, come dimostra l’esperienza di successo del nuovo Ponte di Genova. Come a Genova, dove istituzioni e imprese collaborano unite per portare a termine quest’opera simbolo, anche Progetto Italia nasce dalla visione condivisa da Salini Impregilo insieme ai principali attori istituzionali e finanziari italiani, che hanno creduto nel valore di un progetto che può far ripartire il settore delle infrastrutture in Italia, facendo lavorare migliaia di persone e le piccole e medie imprese che costituiscono la filiera. Sfondo della campagna è il Nuovo Ponte di Genova, che il Gruppo sta realizzando insieme a Fincantieri a tempi record, e che Webuild ha vestito della magia delle luci tricolore negli ultimi giorni, a seguito del completamento della struttura portante dell’opera, illuminando il ponte in tutta la sua lunghezza e ciascuna delle 18 pile con i colori della bandiera italiana, effetto che si è aggiunto al laser tricolore che illumina il ponte da sopra. La campagna ruota attorno al nuovo naming, in grado di evocare con chiarezza la visione di un’azienda ancorata al verbo “Build” per rappresentare il DNA di chi costruisce infrastrutture da 114 anni, in tutti i continenti e in tutte le condizioni, dalle grandi città, ad aree tropicali, ai deserti e alle aree ghiacciate del mondo. “We” esprime il ruolo fondamentale delle persone e della squadra, per la realizzazione di un business in cui sostenibilità e sicurezza rappresentano elementi essenziali. L’innovazione del naming si concilia con la volontà di valorizzare le solide fondamenta costruite finora, con il mantenimento dell’elemento grafico del logo, la sfera con i 5 “whirl”. Il naming mantiene inoltre l’ancoraggio alla promessa di settore, “costruire per creare valore”, una definizione già patrimonio del brand del Gruppo Salini Impregilo, con il suo payoff e con il nome del magazine digitale proprietario nato nel 2015, “We Build Value”. Per rappresentare questa evoluzione in continuità, nel complesso del sistema di “brand identity” oltre al nome è stato sviluppato un font proprietario, il cosiddetto “We Build type”. Una decisione finalizzata a dare ulteriore forza al brand, per renderlo immediatamente distinguibile ed innovativo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

CASERTA | CLP, modifiche al servizio per le festività pasquali

di Antonio Somigliato

La C.L.P. Sviluppo Industriale S.p.A. fa sapere, con un post su Facebook di ieri 09/04/2020 che fa da link al comunicato stampa ufficiale sulla pagina web aziendale, che nelle giornate di Pasqua e Lunedì in Albis son sospesi tutti i servizi su bus «in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania» con ord. 27/2020 per di evitare possibili assembramenti; delle possibili «modifiche intercorreranno anche per le giornate del 10 e dell'11 aprile 2020» ossia Venerdì e Sabato Santi: di seguito, la nota stampa integrale. COVID-19 | +++ AVVISO ALL’UTENZA +++ Modifiche al servizio per le festività di Pasqua e Pasquetta e per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 Si avvisa la spett.Le clientela che per i giorni festivi del 12 e 13 aprile 2020, Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo, tutti i Servizi di linea esercitati dalla CLP SpA saranno sospesi (compresa la Linea Napoli-Foggia), in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania allo scopo di evitare possibili assembramenti. Per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 tutti i Servizi termineranno alle ore 20.00. Per quel che concerne linee specifiche, sempre nei giorni del 10 e 11 aprile 2020, sulla Linea 8 (Caserta-Castelvolturno) l’ultima partenza da Caserta verso Castelvolturno sarà alle ore 17.50 da Stazione FS, mentre le partenze delle ore 17.55 e 18.55 da Castelvolturno termineranno a Capua. Sulla Linea 10 l’ultima corsa da Sessa Aurunca verso Sparanise sarà alle ore 18.15. Sulla Linea 18 le corse delle ore 16.30 da Capriati verso Napoli e delle ore 18.35 da Napoli verso Letino saranno sospese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

NAPOLI | ANM, taglio dello stipendio dirigenziale per sostegno alla CIG

di Antonio Somigliato

L’Azienda Napoletana Mobilità fa sapere, tramite una nota sulla pagina Facebook aziendale pubblicata oggi 10/04/2020, del provvedimento aziendale preso dai dirigenti societari quale il taglio del salario personale per contribuire alla cassa integrazione dei dipendenti. Nel comunicato di seguito riporta, si da anche la parola a Nicola Pascale, Enrico Panini ed Amedeo Manzo, rispettivamente amministratore unico dell'ANM, vicesindaco e assessore ai trasporti e le infrastrutture, e amministratore unico della Napoli Holding S.r.l. Crisi Covid19: i dirigenti ANM si tagliano lo stipendio per sostegno al personale in CIG Napoli 10 Aprile 2020 - I dirigenti di Anm hanno deciso di operare un taglio del 10% del loro stipendio di marzo e aprile per contribuire al Fondo con cui l'azienda integrerà lo stipendio dei dipendenti che sono in cassa integrazione. «Noi dirigenti di ANM, consapevoli del grave stato di crisi che sta investendo il mondo produttivo e mettendo in enorme difficoltà la prosecuzione ordinaria della vita di ognuno e delle prestazioni lavorative, stiamo compiendo ogni sforzo per affrontare queste circostanze complesse e ignote, in termini professionali ed umani, con l'obiettivo di essere punto di riferimento per chi opera sul campo e nelle strutture di supporto. Naturalmente siamo altrettanto coscienti che non è finita qui ed altre sollecitazioni e scossoni bisognerà affrontare prima di rivedere un ritorno alla normalità, ma noi ci siamo. In questo "esserci", abbiamo ritenuto di dover dare un segno materiale e tangibile, nella attuale fase aziendale, con una proposta, su base volontaria, di riduzione delle nostre retribuzioni del 10% per i mesi di adesione al Fondo di Solidarietà dei lavoratori dell'Anm. Non è la soluzione a nessuno degli enormi problemi che stiamo vivendo, ma intendiamo manifestare la nostra partecipazione alla difficile fase aziendale». Così i dirigenti hanno annunciato la loro decisione nell'emergenza Covid19. Le somme che i dirigenti hanno volontariamente tagliato dal loro stipendio verranno inserite nel fondo che Anm ha costituito per integrare la busta paga dei dipendenti che andranno in cassa integrazione. All’iniziativa dei dirigenti di Anm ha aderito anche l’Amministratore Unico Nicola Pascale. «La decisione dei dirigenti di Anm e dell’Amministrato Unico - commenta l'assessore ai trasporti del Comune di Napoli Enrico Panini - di ridurre volontariamente la loro retribuzione in questo momento di grandissima difficoltà è un fatto rilevante. Ringrazio ognuno di loro perché la solidarietà nei momenti di difficoltà vale doppio». La decisione è sottolineata anche dall'amministratore unico di Napoli Holding Amedeo Manzo: «In un momento molto duro e soprattutto incerto per gli effetti del post Covid-19 è bello sapere che un'azienda è fatta da persone che conoscono il senso della solidarietà e dell'inclusione. Questa è l'unica strada per la ripresa».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

NAPOLI | Al via la compilazione del PUMS cittadino 2020

di Antonio Somigliato

L’assessora con delega alla mobilità Alessandra Clemente, con un post sulla sua pagina Facebook pubblica di oggi 10/04/2020 che riporta parimenti un post sulla pagina dell'Assessorato ai Giovani, Patrimonio e Lavori Pubblici del Comune di Napoli, rende noto che si sta «lavorando al PUMS, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, per definire la mobilità di Napoli del futuro»: il PUMS è uno «strumento per realizzare una mobilità cittadina sempre più intelligente, sicura ed ecosostenibile», e per meglio definire la visione della città del prossimo futuro «è necessario innanzitutto approfondire ed aggiornare la nostra conoscenza della mobilità cittadina»; a tal fine, «è stato predisposto un semplice questionario online, finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità, le opinioni, i bisogni e i desideri» di chi si sposta in città. Di seguito, il comunicato ufficiale sul sito dell'assessorato. Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (P.U.M.S.) - Questionario finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità dei cittadini Il Comune di Napoli, a partire dagli strumenti di pianificazione dei trasporti già approvati, ha avviato la predisposizione del Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS), con l'obiettivo di definire, in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo (10 anni), gli interventi necessari a soddisfare i fabbisogni di mobilità della popolazione, contribuire alla riduzione dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico, contenere i consumi energetici, aumentare i livelli di sicurezza del trasporto e della circolazione stradale, riorganizzare la distribuzione delle merci in città. Il 30 maggio 2016, la Giunta comunale, con deliberazione n. 434, ha approvato un primo documento "il cosiddetto livello direttore" del PUMS della città di Napoli, che definisce gli obiettivi strategici da perseguire e opera le principali scelte relative alle infrastrutture da realizzare, ai servizi da offrire, alle azioni di carattere gestionale da intraprendere e agli strumenti di comunicazione da attivare. I servizi tecnici relativi al completamento del PUMS, a partire dal documento approvato, sono stati affidati alla società Sintagma srl con determinazione dirigenziale del 30 agosto 2019. Il relativo contratto è stato stipulato in data 6 dicembre 2019. Come stabilito dal contratto e dal capitolato speciale d'appalto, la società affidataria ha avviato la fase di approfondimento e aggiornamento del quadro conoscitivo del sistema della mobilità attraverso l'acquisizione delle informazioni idonee a descrivere la domanda e l'offerta della mobilità, nelle sue diverse componenti e modalità. A tal fine, la stessa società, di concerto col gruppo di lavoro interdisciplinare interno all'Amministrazione, ha predisposto un questionario finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità, le opinioni, i bisogni e i desideri dei cittadini in modo che il PUMS sia ispirato e tenga conto anche delle loro esigenze. Le interviste sono anonime, non serve registrazione per accedere al questionario e non vengono richiesti dati sensibili (nome, telefono o mail). Il questionario viene creato tramite il servizio Google Moduli e ogni risposta può essere visualizzata in tempo reale solo dalla società Sintagma srl. In ogni caso tutte le risposte vengono utilizzate in forma aggregata e per fini statistici. Il questionario è disponibile a questo indirizzo: https://forms.gle/KcXH6q8SxWzGMJ537

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, orari bus per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

Poche ore fa, l’Ente Autonomo Volturno ha annunciato, tramite un post sulla pagina ufficiale Facebook con link al comunicato stampa sul sito aziendale, che ci saranno delle limitazioni per alcune autolinee a servizio di Napoli e provincia, sia in termini di orario che di tracciato, nei giorni di Pasqua e Lunedì in Albis (12 e 13 Aprile pp.vv.). Le autolinee in questione sono: Baia-Torregaveta; Boscoreale-Torre Annunziata; Urbani di Castellammare (2N e 12R); Linee per l'Ospedale del Mare (Ercolano, S.Giorgio a Cremano, S.Sebastiano al V.-Cercola); Linee dell'isola d'Ischia (3-7, 14, 16, 21-22, C12-13, dx-sx); Marine di Sorrento; Meta-Massa Lubrense; Linee per Napoli (Monte di Procida, Sarno, Scafati, Nola-Monteforte Irpino); Napoli ospedale Monaldi-Monte di Procida; Napoli piazzale Tecchio-Monteruscello; Circolare "rossa" di S.Giorgio a Cremano; Navetta del porto di Napoli; Urbano di Bacoli; Urbano di Pomigliano d'Arco; Urbani di Torre del greco (Circolare B, linee C-F); Torregaveta-Monte di Procida; Circolare ridotta di Vico Equense. Per maggiori dettagli, si consultino le singole voci (PDF) nel comunicato ufficiale cliccando QUI.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, interdizione transito auto-ferroviario in Madonna dell’Arco

di Antonio Somigliato

L’Ente Autonomo Volturno, tramite due diverse note stampa di ieri 07/04/2020 ed oggi 08/04/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che per Sabato 11/04/2020 e i giorni seguenti è stato interdetto il traffico per la frazione di Madonna dell'Arco nel Comune di Sant'Anastasia (NA), sia della Circumvesuviana Napoli - Sarno che delle autolinee di supporto alla stessa. In particolare, per il traffico ferroviario, le stazioni interdette nella sola giornata di Sabato sono sia "Madonna dell'Arco" che "S.Anastasia". Per il traffico autoviario, invece, è la sola frazione di Madonna dell'Arco ad essere interdetta al servizio ma per tutto il periodo pre- e post-pasquale (da Sabato 11 a Lunedì 13): i bus provenienti da Carbonara di Nola, transiteranno per la SS268 "del Vesuvio" da Sant'Anastasia a via Argine; viceversa per quelli provenienti da Napoli. Entrambi i provvedimenti sono stati presi come misura cautelare da emergenza Coronavirus per evitare possibili assembramenti per celebrazioni religiose, in ossequio all'ord. 27/2020 della Regione Campania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2020

NAPOLI | ANM, modifiche di servizio per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

L’Azienda Napoletana Mobilità fa sapere, tramite un post sulla pagina Facebook aziendale di poche ore fa contenente un “Bit.ly” rimandante alla nota stampa sulla pagina web aziendale, dei provvedimenti disposti per Pasqua e Pasquetta in merito agli orari e alle modalità di servizio di bus, metropolitana e funicolari attive. A seguire, la nota stampa inclusiva dei link ulteriori. PASQUA E PASQUETTA: LE MODIFICHE AL SERVIZIO DI TRASPORTO ANM A Pasqua, domenica 12 Aprile, linee Bus e Funicolari Centrale e Montesanto resteranno in funzione fino alle ore 13.00, mentre la Linea 1 metropolitana e la Funicolare di Chiaia resteranno chiuse per l’intera giornata. Per il lunedì in Albis 13 Aprile invece, i bus e le Funicolari Centrale e Montesanto saranno attive per l’intera giornata con orario festivo, mentre la Linea 1 metropolitana e la Funicolare di Chiaia resteranno chiuse. La rimodulazione del servizio di Pasqua nel periodo di emergenza Covid19, è stata decisa da Anm in condivisione con il Comune di Napoli per contribuire al necessario stop degli spostamenti dei cittadini, in osservanza del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e delle Ordinanze della Regione Campania per limitare al massimo i contagi. La mobilità di alcune linee viene tuttavia assicurata per favorire gli spostamenti necessari di chi è chiamato a svolgere attività indispensabili per la salute della comunità. Segui info e aggiornamenti anche ai canali social media anmnapoli facebook e twitter oppure contatta il Contact Center al numero verde 800 639525.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 apr 2020

LAZIO | Sospeso il servizio viaggiatori nella stazione FS di Fondi-Sperlonga

di Antonio Somigliato

Le Ferrovie dello Stato, tramite il loro canale di infomobilità, informano che a partire da oggi 06/06/2020 è disposto che i treni Regionali della relazione Roma - Formia - Napoli non fermano per servizio viaggiatori nella stazione di Fondi-Sperlonga. Il provvedimento è stato preso in seguito al prolungamento del lockdown totale per la prevenzione e gestione dell'emergenza sanitaria da Covid-19 nel Comune di Fondi (LT), così come già disposto nell'ordinanza della Regione Lazio n. 4238 del 19/03/2020. Per sopperire alle necessità di mobilità impellenti da e per il Comune, è stato attivato un call center gratuito al numero verde 800 89 20 21.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 apr 2020

CAMPANIA | ANAS, lavori di pavimentazione sull’A2 nell’alto-salernitano

di Antonio Somigliato

L'ANAS S.p.A., società del gruppo Ferrovie dello Stato, tramite una nota stampa di ieri 1/04/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che proseguono gli interventi di pavimentazione stradale dell'A2 "Autostrada del Mediterraneo" nella parte nord della Provincia di Salerno, precisamente tra i chilometri 3,700 e 25,500 in direzione nord (Baronissi>Fisciano): l'azienda, ci tiene a precisare, «che in ottemperanza alle disposizioni governative per l’emergenza Coronavirus è importante limitare i viaggi» non solo al fine di non vanificare lo sforzo che il settore della logistica sta compiendo per sostenere il sistema-Paese in questi tempi difficili ma, ancor più, per assicurare una celere ed efficace ripartenza nel post-emergenza; di seguito, il comunicato integrale, già in vigore e valido fino al 20 Aprile p.v. CAMPANIA, ANAS: PROSEGUONO GLI INTERVENTI DI PAVIMENTAZIONE LUNGO L' A2 'AUTOSTRADA DEL MEDITERRANEO' IN PROVINCIA DI SALERNO risanamento della pavimentazione con stesa di tappeto drenante interventi eseguiti a completamento della riqualificazione dello spartitraffico centrale brevettato da Anas Lungo l'A2 'Autostrada del Mediterraneo' sono in corso, da parte di Anas, gli interventi di risanamento della pavimentazione, nel tratto campano compreso tra Fisciano e Baronissi in provincia di Salerno. Per consentire gli interventi, fino al 20 aprile 2020, sulla carreggiata nord - dal km 3,700 al km 25,500 - sarà in vigore la chiusura della corsia di marcia e/o di sorpasso con transito consentito sulla corsia di emergenza. Le attività, nel dettaglio, riguardano la stesa di tappeto drenante lungo tutto il tratto. Si tratta di interventi che vengono eseguiti progressivamente a completamento della riqualificazione dello spartitraffico centrale con dispositivi NDBA (National Dynamic Barrier) la nuova barriera brevettata da Anas. Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che in ottemperanza alle disposizioni governative per l’emergenza Coronavirus è importante limitare i viaggi (#iorestoacasa). Per una mobilità informata l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148

Leggi tutto    Commenti 0