Articolo
08 lug 2020

Galleria di base del Brennero: abbattuto l’ultimo diaframma del cunicolo esplorativo

di Fabio Nicolosi

Alle ore 08:27, la fresa meccanica "Günther" partendo da nord verso sud, perforando l'ultima roccia presente nel suo cammino, è giunta a destinazione. Questa "fabbrica nella montagna" ha scavato per ben 16,7 km partendo dal cantiere di Ahrental, (Innsbruck). La caduta del diaframma è avvenuta nel comune di Steinach am Brenner. Il primo tratto di galleria è stato realizzato in tradizionale per 1,7 km, partendo dalla valle Wipptal in direzione nord, fino al punto di incontro con la fresa, per poi procedere con lo scavo meccanizzato, proveniente dalla direzione opposta. La statua di Santa Barbara, consacrata dal Vescovo diocesano di Innsbruck, Hermann Glettler, è stata portata con orgoglio dai minatori mentre attraversavano il diaframma appena abbattuto. La soddisfazione delle maestranze delle imprese costruttrici e di BBT SE per l'abbattimento del diaframma è stata grande. Per via delle misure anti-contagio dovuto al COVID-19, soltanto un piccolo team di cantiere ha potuto partecipare in real time alla caduta del diaframma, raggiungendo cosi un ulteriore importante traguardo nel progetto di costruzione della Galleria di base del Brennero. La Galleria di base del Brennero può ora contare su 36 km di collegamento ininterrotto transitabile da Tulfes a St. Jodok/Schmirn. Una delle principali caratteristiche che rende il progetto della Galleria di base del Brennero unico nel suo genere è la presenza del cunicolo esplorativo. Esso assolve, attualmente, la funzione di prospezione geologica e topografica. Una volta in esercizio la Galleria di base del Brennero, il cunicolo, consentirà di svolgere la manutenzione dei tunnel principali ed ospiterà gli impianti necessari per il funzionamento della linea ferroviaria. Nel mese di maggio 2017 si parlò già della TBM Günther per la possibilità di realizzare lo scavo di oltre 61 metri in solo 24 ore all'interno della fillade quarzifera presente nel terreno. La produzione media di scavo giornaliera è stata pari a 11 metri al giorno. Con l'abbattimento del diaframma si uniscono i due cantieri più grandi della Galleria di base del Brennero in territorio austriaco. Il lotto costruttivo Tulfes-Pfons, è affidato al consorzio di imprese Strabag/Salini-Impregilo, è ora raggiungibile in sotterraneo attraverso il lotto costruttivo Pfons-Brennero, realizzato dal consorzio Porr/Hinteregger/Condotte/Itinera, e viceversa. La realizzazione del cunicolo aumenta notevolmente anche il fattore di sicurezza e logistica per i futuri lavori. E' stato detto: Pat Cox, Commissione Europea, Coordinatore TEN-T, corridoio SCAN-MED: "Desidero esprimere i più sentiti auguri in occasione dell'abbattimento del diaframma, un ulteriore importante passo nella realizzazione della Galleria di base del Brennero. Una volta completata, la Galleria di Base non collegherà soltanto l'Austria e l'Italia, ma costituirà la parte centrale del corridoio Scandinavo-Mediterraneo che si estende dalla Finlandia a Malta." Leonore Gewessler, Ministro Federale per la Protezione del clima, l'Ambiente, l'Energia, la Mobilità, l'Innovazione e la Tecnologia: "Attualmente, il 72% delle merci vengono trasportate su mezzi pesanti. Ne consegue che 2,5 milioni di camion attraversano ogni anno il passo del Brennero. Pertanto, la galleria di base garantirà lo spostamento del traffico dalla strada alla rotaia. Queste non sono soltanto buone notizie per il clima, vale a dire una notevole riduzione delle emissioni di CO2, ma anche per la popolazione in Tirolo. Saremo, inoltre in grado di aumentare il numero di treni merci da 66 a 225 al giorno." Franz Bauer, membro del Consiglio di Gestione di ÖBB-Infrastruktur AG e membro del Consiglio di Sorveglianza di BBT SE: "Con la Galleria di base del Brennero stiamo realizzando un'opportunità di mobilità attraente ed ecologica per le generazioni future su questo importantissimo asse nord-sud. Per questo motivo, la caduta del diaframma nel cunicolo esplorativo costituisce un elemento fondamentale per questo progetto ferroviario più grande del mondo. Vorrei cogliere l'occasione per ringraziare tutti coloro che sostengono questo progetto e in particolare coloro che, giorno per giorno, s'impegnano a far procedere il progetto." Günther Platter, Presidente del Land Tirolo: "Esprimo soddisfazione che l'abbattimento del diaframma con la fresa meccanica 'Günther' sia riuscito con successo. Le mie congratulazioni ai minatori e ai responsabili di BBT SE. La giornata di oggi è di grande importanza per il Tirolo, per l'Austria e per l'intera Europa. Sono assolutamente entusiasta di questo grandioso progetto infrastrutturale. In particolare il record mondiale nello scavo con TBM di 61 metri e 4 centimetri nell'arco di solo 24 ore è qualcosa di davvero particolare di cui si deve essere orgogliosi." Gilberto Cardola e Martin Gradnitzer, membri del Consiglio di Gestione di BBT SE: "Con l'abbattimento del diaframma avviene un altro grande passo verso l'obbiettivo, a beneficio della popolazione attraverso la costruzione del collegamento ferroviario sotterraneo più lungo del mondo sotto le Alpi - una grande performance da parte di tutti i lavoratori." Thomas Birtel, Amministratore delegato della società STRABAG SE: "La Galleria di base del Brennero è un progetto eccezionale in molti sensi: Non siamo solamente riusciti a raggiungere un record mondiale di scavo con 61,04 metri nell'arco di 24 ore, ma con l'impiego di treni automatici senza binari abbiamo anche fatto ricorso a tecnologie recentissime." Thomas Stiegler, Direttore operativo della società PORR AG: "Siamo molto orgogliosi di far parte del progetto del secolo, la realizzazione della Galleria di base del Brennero e di poter in tal modo utilizzare il know-how di PORR nel settore del tunneling. L'ultimazione dei lavori nella parte settentrionale del cunicolo esplorativo e in corrispondenza del camerone di smontaggio costituisce una pietra miliare particolare."

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2020

Lufthansa, dal 4 maggio obbligatorio, per i passeggeri, indossare la mascherina

di mobilita

Da lunedì 4 maggio, le compagnie aeree di Lufthansa Group chiederanno a tutti i passeggeri di indossare a bordo una mascherina per i loro voli. Inoltre, la compagnia raccomanda che i passeggeri le indossino durante l’intero viaggio, vale a dire anche prima o dopo il volo in aeroporto, ogni volta che la distanza minima richiesta non può essere garantita senza restrizioni. Nonostante le numerose modifiche alle procedure di assistenza, non è sempre possibile mantenere la distanza richiesta su un volo. Pertanto, questa misura funge da protezione aggiuntiva per tutti i passeggeri. Anche tutti gli assistenti di volo sui voli di Lufthansa Group a diretto contatto con i clienti indosseranno una maschera. Lufthansa Group si conforma quindi alle normative ufficiali di numerosi paesi europei in cui l’uso di una copertura per bocca e naso è ora obbligatoria nei luoghi pubblici. A tutti i passeggeri è richiesto di portare la propria mascherina.Si consiglia una maschera di tessuto riutilizzabile, ma sono possibili anche tutti gli altri tipi di rivestimenti come semplici maschere usa e getta. Le compagnie aeree informeranno in anticipo i loro passeggeri via SMS o e-mail e sui loro siti Web in merito al nuovo regolamento. L’obbligo di indossare la maschera si applicherà in via preliminare fino al 31 agosto 2020. L’attuale normativa di Lufthansa Group Airlines per mantenere libero il posto vicino in Classe Economy e Premium Economy non sarà più applicabile, poiché indossare la copertura offre un’adeguata protezione della salute. A causa dell’attuale basso tasso di occupazione, i posti saranno comunque assegnati il più ampiamente possibile in tutta la cabina. “In linea di principio, l’infezione a bordo rimane molto improbabile. Dallo scoppio della pandemia, non sono stati noti casi concreti di trasmissione sui voli di Lufthansa Group. Tutti gli aeromobili di Lufthansa Group sono dotati di filtri dell’aria della massima qualità, che garantiscono una qualità dell’aria simile a quella di una sala operatoria. Inoltre, l’aria circola verticalmente anziché essere distribuita in tutta la cabina”, afferma Lufthansa Group. Anche Swiss ha precisato: “A partire da lunedì 4 maggio 2020, a tutti i passeggeri SWISS verrà chiesto di portare una mascherina da indossare a bordo di tutti i voli. La compagnia aerea consiglia inoltre l’uso della maschera in aeroporto prima o dopo i voli, qualora non sia possibile osservare adeguatamente una distanza sociale sufficiente. Nonostante le modifiche alle procedure, il distanziamento sociale non è sempre possibile e questa misura fornisce un ulteriore livello di protezione contro la trasmissione di SARS CoV2 per tutti. Il rivestimento raccomandato è una semplice maschera monouso (maschera chirurgica), sebbene sia accettabile anche qualsiasi altro tipo come maschere di tessuto fatte in casa riutilizzabili. SWISS informerà i passeggeri della nuova raccomandazione via SMS o e-mail e anche attraverso i siti Web della compagnia. La raccomandazione si applicherà inizialmente fino al 31 agosto 2020. SWISS è in stretto contatto con le autorità competenti per garantire la migliore protezione possibile a passeggeri ed equipaggi”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 apr 2020

Air France-KLM Group e Air France si assicurano un finanziamento di 7 miliardi di euro per superare la crisi

di mobilita

Air France-KLM Group e Air France si assicurano un finanziamento di 7 miliardi di euro per superare la crisi e prepararsi per il futuro Si tratta di un prestito finanziato dallo Stato francese di 4 miliardi di euro concesso da un sindacato di sei banche a Air France-KLM e Air France. Lo stato francese garantisce questo prestito fino al 90% e ha una scadenza di 12 mesi, con due opzioni consecutive di proroga di un anno esercitabili da Air France-KLM e di un prestito diretto dell’azionista di €3 miliardi dallo stato francese ad Air France-KLM con una scadenza di quattro anni, con due opzioni consecutive di proroga di un anno esercitabili da Air France-KLM. Questo meccanismo di aiuto, che rimane soggetto all’approvazione della Commissione europea, consentirà ad Air France-KLM Group di fornire ad Air France i mezzi necessari per adempiere ai propri obblighi, continuando la sua trasformazione al fine di adattarsi in un settore che la crisi globale ha gravemente disturbato. Lo stato olandese ha inoltre dichiarato la sua intenzione di sostenere KLM Group. Sono in corso discussioni per finalizzare gli aspetti e le condizioni di un aiuto aggiuntivo. Il piano di trasformazione, che sarà finalizzato nei prossimi mesi, includerà impegni economici, finanziari e ambientali. Ciò comporterà in particolare una revisione delle attività di Air France volte ad adattarle alla nuova realtà di mercato causata dalla crisi, rafforzando la sua situazione finanziaria. Questa trasformazione conterrà anche un’ambiziosa roadmap ambientale per accelerare la transizione sostenibile del Gruppo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 apr 2020

TOSCANA | Obbligo di guanti monouso e mascherine sui mezzi pubblici

di mobilita

La Regione Toscana si prepara alla riapertura delle attività che verrà decisa dal governo, alzando l’asticella delle misure di sicurezza nei luoghi di lavoro per ridurre il rischio di contagi. Le nuove raccomandazioni e prescrizioni, contenute nell’ordinanza del Presidente della Regione prevedono l'obbligo di guanti monouso e mascherine sui mezzi pubblici e pulizia delle mani prima e dopo l’utilizzo. Consigliato dove possibile l’uso di bicicletta e mezzi elettrici. Raccomandata la mascherina nell’auto propria, se con due persone a bordo. Inoltre la distanza sociale in fabbrica, nei laboratori artigianali e negli uffici non sarà un metro ma almeno un metro e ottanta centimetri, come prescrive l’Organizzazione mondiale per la sanità. Se nella riorganizzazione dei processi produttivi questa distanza non potrà essere garantita, dovranno essere inseriti elementi di separazione tra le persone oppure usate mascherine FFP2 senza valvola (o due mascherine chirurgiche contemporaneamente) per chi lavora all’interno di uno stesso ambiente. Le mascherine chirurgiche saranno obbligatorie sempre e dovranno essere fornite dal datore di lavoro: negli spazi chiusi in presenza di più persone, si specifica al punto tre, ma anche negli spazi aperti quando non è garantito il mantenimento della distanza personale. Chi ha febbre od altri sintomi influenzali, suggestivi di Covid-19, dovrà rimanere a casa: il datore di lavoro potrà misurare la temperatura ai dipendenti all’ingresso oppure raccogliere una loro dichiarazione. La frequente e minuziosa pulizia delle mani è raccomandata in più momenti dell’attività lavorativa e non solo a inizio turno: per questo dovranno essere installati appositi dispenser. Gli ambienti dovranno essere sanificati almeno una volta al giorno, pulendo con candeggina o altri prodotti simili porte, maniglie, tavoli e servizi igienici e annotando il tutto su appositi registri. Dovrà essere garantito, per quanto possibile, anche il ricambio di aria e la sanificazione periodica, secondo precise indicazioni, degli impianti di aerazione, che altrimenti dovranno rimanere spenti. Il decalogo si conclude con la riorganizzazione del servizio mensa, dove si dovrà porre attenzione alla distanza tra le persone e le sanificazione dei tavoli dopo ogni pasto. Per i negozi ci sono alcune misure in più: obbligo di accessi regolamentati e scaglionati con percorsi diversi, se possibile, di entrata e uscita, pannelli di separazione tra lavoratori e clienti alle casse e sui banchi, ingressi per non più di una persona a famiglia (salvo casi di bambini e persone non autosufficienti), obbligo per tutti di mascherine, guanti monouso o comunque pulizia delle mani. La distanza di un metro e ottanta centimetri tra le persone dovrà essere garantita anche nei mercati all’aperto. Tutti i datori di lavoro hanno l’obbligo di redigere un protocollo di sicurezza anticontagio, da spedire alla Regione entro trenta giorni da oggi, in cui si impegnino a mettere in pratica le misure previste dall’ordinanza. Controlli saranno previsti da parte dei servizi di igiene e da chi si occupa di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 apr 2020

Costa Deliziosa, i passeggeri saranno sbarcati nel porto di Genova

di mobilita

Sarà Genova il porto finale di attracco della nave da crociera Costa Deliziosa, in mare dall’inizio del mese di gennaio. La soluzione individuata dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, in accordo con il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Un cambio di programma reso necessario dopo il diniego delle autorità francesi all’attracco dell’imbarcazione motivato dalle misure di contenimento per l’emergenza sanitaria Covid19. La nave con a bordo 453 cittadini italiani, tra passeggeri e membri dell’equipaggio, più 8 membri dello staff, è ora in navigazione verso la Spagna dove domenica lascerà i cittadini spagnoli presenti a bordo nel porto di Barcellona. Riprenderà poi la navigazione per raggiungere, tra lunedì e martedì, il porto di Genova, meta finale della crociera dove si procederà allo sbarco di tutti i passeggeri con le dovute verifiche sanitarie già attuate per altre navi in arrivo nei porti italiani durante l’emergenza Coronavirus. Costa Crociere provvederà ad organizzare il trasporto e il rientro dei passeggeri presso i Paesi di residenza. Non risultano casi di contagio al Covid19 a bordo della nave.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 apr 2020

Rinviate, per l’emergenza coronavirus, le due gare per le tratte sociali negli aeroporti di Trapani e Comiso

di mobilita

Rinviate, per l'emergenza coronavirus, le due gare per le tariffe calmierate negli aeroporti di Trapani e Comiso in scadenza rispettivamente il 13 aprile e il 12 maggio. La richiesta è arrivata al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e all'Enac dall'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e dal dirigente generale Fulvio Bellomo: “A seguito dell'emergenza Covid venutasi a creare e della conseguente limitazione degli spostamenti e dei collegamenti aerei si ritiene, sentite le amministrazioni interessate, di dover proporre un congruo slittamento dei termini per la presentazione delle offerte relative alle procedure concorsuali”. Le tariffe calmierate per l'aeroporto di Trapani riguardano la tratta Trapani-Trieste 45 euro, Trapani-Brindisi 35 euro, Trapani-Parla 45 euro, Trapani-Ancona 35 euro, Trapani-Perugia 35 euro, Trapani-Napoli 35 euro. Le tariffe calmierate per l'aeroporto di Comiso riguardano i voli a/r per Fiumicino – due giornalieri – con tariffa massima di 38 euro per tratta, escluso IVA e tasse aeroportuali, e i voli a/r sui tre scali milanesi (Linate, Malpensa e Orio al Serio) che avranno frequenza giornaliera e avranno tariffa massima di 50 euro per tratta, escluso IVA e tasse aeroportuali.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

CASERTA | CLP, modifiche al servizio per le festività pasquali

di Antonio Somigliato

La C.L.P. Sviluppo Industriale S.p.A. fa sapere, con un post su Facebook di ieri 09/04/2020 che fa da link al comunicato stampa ufficiale sulla pagina web aziendale, che nelle giornate di Pasqua e Lunedì in Albis son sospesi tutti i servizi su bus «in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania» con ord. 27/2020 per di evitare possibili assembramenti; delle possibili «modifiche intercorreranno anche per le giornate del 10 e dell'11 aprile 2020» ossia Venerdì e Sabato Santi: di seguito, la nota stampa integrale. COVID-19 | +++ AVVISO ALL’UTENZA +++ Modifiche al servizio per le festività di Pasqua e Pasquetta e per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 Si avvisa la spett.Le clientela che per i giorni festivi del 12 e 13 aprile 2020, Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo, tutti i Servizi di linea esercitati dalla CLP SpA saranno sospesi (compresa la Linea Napoli-Foggia), in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania allo scopo di evitare possibili assembramenti. Per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 tutti i Servizi termineranno alle ore 20.00. Per quel che concerne linee specifiche, sempre nei giorni del 10 e 11 aprile 2020, sulla Linea 8 (Caserta-Castelvolturno) l’ultima partenza da Caserta verso Castelvolturno sarà alle ore 17.50 da Stazione FS, mentre le partenze delle ore 17.55 e 18.55 da Castelvolturno termineranno a Capua. Sulla Linea 10 l’ultima corsa da Sessa Aurunca verso Sparanise sarà alle ore 18.15. Sulla Linea 18 le corse delle ore 16.30 da Capriati verso Napoli e delle ore 18.35 da Napoli verso Letino saranno sospese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

NAPOLI | ANM, taglio dello stipendio dirigenziale per sostegno alla CIG

di Antonio Somigliato

L’Azienda Napoletana Mobilità fa sapere, tramite una nota sulla pagina Facebook aziendale pubblicata oggi 10/04/2020, del provvedimento aziendale preso dai dirigenti societari quale il taglio del salario personale per contribuire alla cassa integrazione dei dipendenti. Nel comunicato di seguito riporta, si da anche la parola a Nicola Pascale, Enrico Panini ed Amedeo Manzo, rispettivamente amministratore unico dell'ANM, vicesindaco e assessore ai trasporti e le infrastrutture, e amministratore unico della Napoli Holding S.r.l. Crisi Covid19: i dirigenti ANM si tagliano lo stipendio per sostegno al personale in CIG Napoli 10 Aprile 2020 - I dirigenti di Anm hanno deciso di operare un taglio del 10% del loro stipendio di marzo e aprile per contribuire al Fondo con cui l'azienda integrerà lo stipendio dei dipendenti che sono in cassa integrazione. «Noi dirigenti di ANM, consapevoli del grave stato di crisi che sta investendo il mondo produttivo e mettendo in enorme difficoltà la prosecuzione ordinaria della vita di ognuno e delle prestazioni lavorative, stiamo compiendo ogni sforzo per affrontare queste circostanze complesse e ignote, in termini professionali ed umani, con l'obiettivo di essere punto di riferimento per chi opera sul campo e nelle strutture di supporto. Naturalmente siamo altrettanto coscienti che non è finita qui ed altre sollecitazioni e scossoni bisognerà affrontare prima di rivedere un ritorno alla normalità, ma noi ci siamo. In questo "esserci", abbiamo ritenuto di dover dare un segno materiale e tangibile, nella attuale fase aziendale, con una proposta, su base volontaria, di riduzione delle nostre retribuzioni del 10% per i mesi di adesione al Fondo di Solidarietà dei lavoratori dell'Anm. Non è la soluzione a nessuno degli enormi problemi che stiamo vivendo, ma intendiamo manifestare la nostra partecipazione alla difficile fase aziendale». Così i dirigenti hanno annunciato la loro decisione nell'emergenza Covid19. Le somme che i dirigenti hanno volontariamente tagliato dal loro stipendio verranno inserite nel fondo che Anm ha costituito per integrare la busta paga dei dipendenti che andranno in cassa integrazione. All’iniziativa dei dirigenti di Anm ha aderito anche l’Amministratore Unico Nicola Pascale. «La decisione dei dirigenti di Anm e dell’Amministrato Unico - commenta l'assessore ai trasporti del Comune di Napoli Enrico Panini - di ridurre volontariamente la loro retribuzione in questo momento di grandissima difficoltà è un fatto rilevante. Ringrazio ognuno di loro perché la solidarietà nei momenti di difficoltà vale doppio». La decisione è sottolineata anche dall'amministratore unico di Napoli Holding Amedeo Manzo: «In un momento molto duro e soprattutto incerto per gli effetti del post Covid-19 è bello sapere che un'azienda è fatta da persone che conoscono il senso della solidarietà e dell'inclusione. Questa è l'unica strada per la ripresa».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, orari bus per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

Poche ore fa, l’Ente Autonomo Volturno ha annunciato, tramite un post sulla pagina ufficiale Facebook con link al comunicato stampa sul sito aziendale, che ci saranno delle limitazioni per alcune autolinee a servizio di Napoli e provincia, sia in termini di orario che di tracciato, nei giorni di Pasqua e Lunedì in Albis (12 e 13 Aprile pp.vv.). Le autolinee in questione sono: Baia-Torregaveta; Boscoreale-Torre Annunziata; Urbani di Castellammare (2N e 12R); Linee per l'Ospedale del Mare (Ercolano, S.Giorgio a Cremano, S.Sebastiano al V.-Cercola); Linee dell'isola d'Ischia (3-7, 14, 16, 21-22, C12-13, dx-sx); Marine di Sorrento; Meta-Massa Lubrense; Linee per Napoli (Monte di Procida, Sarno, Scafati, Nola-Monteforte Irpino); Napoli ospedale Monaldi-Monte di Procida; Napoli piazzale Tecchio-Monteruscello; Circolare "rossa" di S.Giorgio a Cremano; Navetta del porto di Napoli; Urbano di Bacoli; Urbano di Pomigliano d'Arco; Urbani di Torre del greco (Circolare B, linee C-F); Torregaveta-Monte di Procida; Circolare ridotta di Vico Equense. Per maggiori dettagli, si consultino le singole voci (PDF) nel comunicato ufficiale cliccando QUI.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, interdizione transito auto-ferroviario in Madonna dell’Arco

di Antonio Somigliato

L’Ente Autonomo Volturno, tramite due diverse note stampa di ieri 07/04/2020 ed oggi 08/04/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che per Sabato 11/04/2020 e i giorni seguenti è stato interdetto il traffico per la frazione di Madonna dell'Arco nel Comune di Sant'Anastasia (NA), sia della Circumvesuviana Napoli - Sarno che delle autolinee di supporto alla stessa. In particolare, per il traffico ferroviario, le stazioni interdette nella sola giornata di Sabato sono sia "Madonna dell'Arco" che "S.Anastasia". Per il traffico autoviario, invece, è la sola frazione di Madonna dell'Arco ad essere interdetta al servizio ma per tutto il periodo pre- e post-pasquale (da Sabato 11 a Lunedì 13): i bus provenienti da Carbonara di Nola, transiteranno per la SS268 "del Vesuvio" da Sant'Anastasia a via Argine; viceversa per quelli provenienti da Napoli. Entrambi i provvedimenti sono stati presi come misura cautelare da emergenza Coronavirus per evitare possibili assembramenti per celebrazioni religiose, in ossequio all'ord. 27/2020 della Regione Campania.

Leggi tutto    Commenti 0