Articolo
17 mag 2021

SICILIA | Pubblicato il bando da 130 milioni per due nuovi traghetti

di mobilita

«Finalmente ci siamo. Dopo un lungo lavoro di approfondimento tecnico, il governo regionale si appresta a scrivere una nuova pagina per la navigazione siciliana. Questo grazie al via libera al bando per la costruzione e l’acquisto di due grandi navi traghetto per le tratte fra la Sicilia e le isole minori. Siamo la prima Regione d’Italia a mettere in campo i fondi che il ministero dei Trasporti ha destinato ai collegamenti via mare, snodo vitale per la nostra economia isolana. Un altro impegno mantenuto per riqualificare l’offerta di servizi turistici e per allineare la qualità dei trasporti marittimi agli standard europei. Il turismo diventa competitivo se ci sono servizi di qualità». Lo afferma il presidente della Regione Nello Musumeci, annunciando l’avvenuta pubblicazione della procedura aperta per l’affidamento della fornitura di due unità navi traghetto (Ropax Classe A) per i trasporti da e per le isole minori siciliane. Il bando è consultabile sul sito www.appalti.regione.sicilia.it e c’è tempo fino alle ore 13 del 29 giugno per la presentazione delle offerte. La procedura seguirà il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo. «Avvieremo presto – aggiunge l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, che ha seguito in prima persona l’iter – la progettazione e la costruzione di due nuove navi che rinnoveranno, dopo anni d’attesa e disagi, il parco navi della Regione anche guardando alla tutela dell’ambiente. Per i futuri traghetti abbiamo infatti previsto una propulsione non più esclusivamente diesel, ma anche elettrica e a gas naturale. Le navi saranno naturalmente adibite al trasporto di passeggeri, auto, mezzi pesanti, cisterne e tutto quei rifornimenti che, in questo momento, passano attraverso mezzi molto datati. Inoltre, con una nuova dotazione che stiamo rinvenendo, abbiamo l’obiettivo di estendere l’acquisto a una terza nave. Per gli abitanti delle isole, ma anche per l’intera Sicilia – conclude Falcone – arriva un investimento che migliora economia, scambi, turismo e qualità della vita».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 gen 2021

ANAS | Nuovo bando da 80 milioni di euro per la manutenzione di ponti, viadotti e gallerie

di mobilita

Continua l’impegno di Anas (Gruppo FS Italiane) nell’ambito della manutenzione programmata sulla propria rete di strade e autostrade con un bando di 80 milioni di euro per l’esecuzione di servizi di progettazione esecutiva, indagini diagnostiche e rilievi strutturali relativi a ponti, viadotti e gallerie artificiali.  Il bando è suddiviso in 16 lotti per il valore di 5 milioni di euro ciascuno. Nel dettaglio: Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria (lotto 1); Lombardia (lotto 2); Veneto e Friuli Venezia Giulia (lotto 3); Emilia Romagna e Toscana (lotto 4); Umbria (lotto 5); Marche (lotto 6); Lazio (lotto 7); Abruzzo e Molise (lotto 8); Puglia (lotto 9); Campania (lotto 10); Basilicata (lotto 11); Calabria (lotti 12 e 13); Sicilia (lotti 14 e 15); Sardegna (lotto 16). Gli affidamenti, di durata quadriennale, saranno attivati mediante Accordo Quadro che garantisce la possibilità di avviare le attività di progettazione e delle relative indagini con la massima tempestività in relazione alla programmazione della manutenzione delle strade.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 ago 2020

Toscana: nuovo bando per la mobilità sostenibile

di Luca Ricci

Un nuovo bando regionale da 1,5 milioni è stato pubblicato ieri (sul Burt), destinato ai piccoli comuni. Si tratta di una forma di finanziamento per la realizzazione di ciclovie e misure di supporto alla mobilita sostenibile. Risulta abbastanza evidente il parallelo con l’altro bando creato recentemente dal Ministero dei trasporti, che ha predisposto oltre 137 milioni per progetti di mobilitá sostenibile in Città metropolitane ed in comuni con popolazione superiore i 50.000 abitanti. In effetti questo bando della Regione Toscana va a stanziare risorse aggiuntive per i Comuni esclusi dal bando nazionale perché troppo piccoli. Lo scopo del nuovo bando è il supporto alla realizzazioni di interventi urgenti, che dovranno essere realizzate in tempi estremamente ridotti. Ecco alcuni esempi di progetti che possono accedere ai finanziamenti: piste ciclabili su corsia riservata, percorsi misti pedonali e ciclabili, ciclostazioni e parcheggi attrezzati per biciclette, corsie preferenziali per bus e taxi, ‘zone 30’ e interventi volti a favorire la coesistenza in sicurezza del traffico veicolare con la mobilità ciclabile e la micro-mobilità alternativa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mag 2020

TOSCANA | Approvato bando da 1,5 milioni di euro per potenziare la rete di piste ciclabili

di mobilita

Un bando da 1,5 milioni di euro per potenziare la rete di piste ciclabili e favorire azioni di mobilità sostenibile. Lo ha approvato la giunta regionale nella sua ultima seduta. Si tratta di un provvedimento funzionale a questa fase di emergenza Covid-19: le forme di mobilità alternativa, come le ciclovie, da una parte contribuiscono a alleggerire la pressione dei mezzi pubblici e privati, dall’altra permettono a chi le utilizza di potersi muovere in condizioni di piena sicurezza. Anche le altre azioni finanziabili con il bando, come la realizzazione di corsie preferenziali di bus e taxi, e azioni per consentire la convivenza tra il traffico veicolare e quella alternativi (bici o monopattini) vanno nella stessa direzione. Il bando si rivolge a tutti i Comuni, con particolare riferimento ai principali centri urbani. Proprio in funzione dell’urgenza di intervenire, le opere che avranno maggior punteggio sono quelle rapidamente cantierabili e più capaci di integrarsi con il sistema della mobilità locale. Gli interventi ammessi potranno essere finanziati sino all’80%. “La mobilità sostenibile – è il commento del presidente della Regione Enrico Rossi - contribuisce sempre a sollevare le nostre città dal traffico e dalle polveri sottili, ma in questa fase dirada anche le occasioni di contatti a rischio negli spostamenti cittadini. Questo provvedimento è dunque prezioso sia in questa fase di emergenza sia a lungo termine: più ci si muove con queste forme di mobilità alternativa più si migliora la qualità della vita nelle nostre città. Inoltre gli spazi pubblici rimasti liberi grazie a un maggior utilizzo di queste forme di mobilità alternativa e a un minor uso dell'auto potrebbero essere usati come spazio per quelle attività di socialità e convivialità in cui è richiesta la distanza". “Il bando che abbiamo approvato – sono parole dell’assessore regionale a infrastrutture e trasporti Vincenzo Ceccarelli - si inserisce in un lavoro che va avanti da cinque anni: la nostra è una delle regioni italiane che ha investito di più nella mobilità ciclabile con la realizzazione di un sistema di ciclovie regionali che è ormai entrato nell’uso comune di tanti cittadini. La situazione che stiamo vivendo incentiva questo sistema e di fatto la nostra delibera ha anticipato di poco le misure decise dal Governo nel decreto di rilancio varato proprio in questi giorni”. Gli interventi ammissibili potranno riguardare: piste ciclabili in sede propria o su corsia riservata, percorsi promiscui pedonali e ciclabili, ciclabili e veicolari, comprese le dotazioni di servizi e attrezzature strettamente necessarie all’utilizzo dell’infrastruttura (aree di sosta, parcheggi attrezzati dedicati alle biciclette, ciclostazioni); e ancora realizzazione di corsie preferenziali bus e taxi che svolgono trasporto pubblico, ed opere a queste strettamente collegate, funzionali allo svolgimento del servizio. Infine l’ istituzione di zone 30, cio è di aree nei quali sono previsti interventi di moderazione del traffico (la velocità massima, per esempio, è di 30 all’ora) per favorire la coesistenza in sicurezza del traffico veicolare con la mobilità ciclabile e la micromobilità alternativa (è il caso dei monopattini).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mar 2020

Alitalia, pubblicato il bando per le manifestazioni di interesse per acquisire la compagnia

di mobilita

E’ stato pubblicato il bando per le manifestazioni di interesse per acquisire la compagnia in amministrazione straordinaria. Il termine per presentarle è il 18 marzo alle 24. Saranno considerate preferibili prima le offerte che avranno ad oggetto il Lotto Unico e successivamente quelle che avranno ad oggetto più di un Lotto. Tra i requisiti – per la divisione aviation – chi ha “realizzato negli ultimi tre esercizi sociali un fatturato lordo annuo medio di almeno 1 miliardo, con un patrimonio netto di almeno 250 milioni”. Per la divisione handling “un fatturato lordo pari almeno a 50 milioni e 25 milioni di patrimonio netto” e per la manutenzione “30 milioni di fatturato annuo lordo” e “15 milioni di patrimonio netto”. In linea generale è consentito, nel corso della procedura, “costituire e modificare cordate anche unendosi a soggetti che non abbiano manifestato interesse”. Dopo il 18 marzo, il commissario straordinario comunicherà al soggetto risultato in possesso dei requisiti richiesti l’ammissione alla successiva fase della Procedura, la Data Room relativa all’oggetto della manifestazione di Interesse.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 feb 2020

Piaggio Aerospace: via al bando internazionale per la vendita

di Claudio Abramo

Dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, è formalmente partito il bando per la cessione di Piaggio Aerospace, attualmente in amministrazione straordinaria. Nel dettaglio, il bando ha ad oggetto i complessi industriali di Piaggio Aero Industries e Piaggio Aviation, le due società che compongono il gruppo. I soggetti interessati a rilevare l’interezza o parte dei complessi aziendali delle due aziende avranno tempo sino al 3 aprile 2020 per inviare al Commissario Straordinario, Vincenzo Nicastro, le manifestazioni di interesse. Dopo aver valutato qualità e completezza di ciascuna proposta, sarà prerogativa del Commissario ammettere quanti hanno manifestato interesse alla successiva fase della procedura di vendita. Allo stesso modo, come recita testualmente il bando, “ogni definitiva determinazione in ordine alla vendita è […] soggetta al potere autorizzativo del Ministero dello Sviluppo Economico, sentito il parere del Comitato di Sorveglianza”. Piaggio Aerospace opera in due settori del mercato aeronautico: la costruzione di velivoli turboelica executive (il Piaggio P180 Avanti) e nel campo dei motori aeronautici . Il portafoglio ordini in esecuzione, con cui l'azienda si presenta ai potenziali investitori, è pari a 450 milioni di euro a cui se ne dovrebbero aggiungere a breve altri 450 milioni, portando così il totale a 900 milioni di euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 feb 2020

ANAS, cento milioni di euro per la manutenzione di tunnel stradali

di mobilita

Anas (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando relativo ad un accordo quadro quadriennale, del valore complessivo di 100 milioni di euro, per l'esecuzione di lavori di manutenzione programmata delle gallerie suddiviso in 8 lotti. Nel dettaglio il bando riguarda 8 lotti, ripartiti per regione e riguardanti tutte le arterie viarie gestite da Anas. Per ciascuna regione gli investimenti sono: 10 milioni di euro per il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e l’Emilia Romagna (lotto 1), 14 milioni per il Piemonte, la Liguria e la Valle d’Aosta (lotto 2), 12 milioni per la Lombardia (lotto 3), 16 milioni per la Toscana, le Marche e l’Umbria (lotto 4), 15 milioni per il Lazio, l’Abruzzo, il Molise e la Campania (lotto 5), 12 milioni per la Basilicata, la Puglia e la Calabria (lotto 6), 16 milioni per la Sicilia (lotto 7), 5 milioni per la Sardegna (lotto 8). Anas nel corso del 2019 ha investito nella manutenzione programmata delle gallerie circa 160 milioni di euro con l’obiettivo di migliorare gli standard di efficienza e il comfort di guida. In esito alla procedura di gara sarà stipulato un accordo quadro per ciascuno dei lotti al fine di garantire la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo, maggiore efficienza e qualità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 gen 2020

VERONA | Pubblicato il bando per il Parco della Cultura Urbana all’interno delle Mura Magistrali cittadine

di Fabio Nicolosi

L'obiettivo dell'Amministrazione del Comune di Verona è acquisire uno studio di fattibilità finalizzato alla realizzazione del “Parco della Cultura Urbana” all’interno delle Mura Magistrali cittadine, in un’area situata nell’ambito compreso tra Porta San Zeno e Porta Palio. L’inserimento di questa funzione all’interno del parco dovrà essere stimolo e motivo di riqualificazione e rigenerazione dell’intera area, favorendo la fruizione dell’ambito tra le due Porte e creando un nuovo sistema di percorsi e relazioni, pur garantendo la conservazione dei caratteri morfologico / ambientali / architettonici, in coerenza con il carattere storico ambientale dell’area. La proposta progettuale dovrà considerare con attenzione il suo inserimento in un contesto di altissimo interesse storico artistico, soggetto a vincolo monumentale ai sensi D.Lgs. 42/2004 e tutelato con Decreto del Ministro per i Beni Culturali e Ambientali 25/05/1996 nonchè inserito nella World Heritage List UNESCO (sito “Città di Verona” e relativa buffer zone). Con la terminologia “Parco della Cultura Urbana” si intende indicare un’area verde che consenta di soddisfare un’importante esigenza ricreativa e sociale rivolta soprattutto ai giovani attratti dalle tendenze europee degli sport di strada quali ad esempio parkour, skateboard, street workout, nonché arrampicata/bouldering. Si ritiene utile valorizzare e trovare spazio per queste nuove espressioni motorie in quanto sviluppano la coordinazione, l’equilibrio, i salti, la corsa, ma anche abilità cognitive come la consapevolezza visuo-spaziale e i processi decisionali. Richiamando la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità dovrà essere adottato un approccio all'insegna dell'universalità nella progettazione orientata all'inclusione di tutti gli utenti. Le linee guida per la progettazione, con la descrizione dettagliata dei contenuti e degli obiettivi da perseguire, si trovano nel “Documento di Indirizzo alla Progettazione” e nella documentazione tecnica allegata, parte integrante del presente Disciplinare di concorso. Oggetto del presente Concorso di progettazione è l’acquisizione, dopo l’espletamento del secondo grado, di un progetto con livello di approfondimento pari a quello di un "Progetto di fattibilità tecnica ed economica", con la conseguente individuazione del soggetto vincitore a cui, previo reperimento delle risorse economiche necessarie, affidare, con procedura negoziata senza bando, le fasi successive della progettazione, fino al progetto esecutivo, con l’impegno di assegnare anche l’incarico della direzione lavori, coordinamento della sicurezza (in presenza dei necessari requisiti tecnico-professionali) e tenuta della contabilità, in caso di realizzazione dell’opera. Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, comprensivo degli oneri della sicurezza, è pari a € 500.000,00, al netto di I.V.A. È adottata una procedura aperta in due gradi, in forma anonima. In particolare: 1° grado (elaborazione idea progettuale): la partecipazione al 1° grado è aperta a tutti i soggetti ammessi di cui al punto 3.2 del presente Disciplinare di concorso, fatti salvi i casi di esclusione di cui al punto 3.6. In questa fase i partecipanti dovranno elaborare una proposta ideativa che, nel rispetto dei costi, del Documento di indirizzo alla Progettazione e delle prestazioni richieste, permetta alla Commissione giudicatrice di scegliere, secondo i criteri di valutazione di cui al punto 4.6, le migliori 5 proposte, selezionate senza formazione di graduatorie , da ammettere al 2° grado; 2° grado (elaborazione progettuale): la partecipazione al 2° grado è riservata agli autori delle 5 migliori proposte ideative, che sviluppate nel rispetto dei costi, del Documento di Indirizzo alla Progettazione e delle prestazioni richieste, saranno valutate dalla Commissione giudicatrice, che, applicando i criteri di valutazione di cui al punto 5.6, formulerà la graduatoria, individuando la proposta progettuale vincitrice. Per le procedure del concorso e per i rapporti fra Ente banditore e concorrenti, al fine di garantire anonimato e condizioni uniformi di partecipazione, saranno utilizzate esclusivamente procedure telematiche, attraverso il seguente sito web, appositamente predisposto: https://www.concorsiawn.it/parco-cultura-urbana-verona Il termine della prima fase é stabilito alle ore 12.00 di giorno 25/02/2020. Il termine della seconda fase é stabilito alle ore 12.00 di giorno 23/04/2020. Scarica il testo integrale del bando

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 gen 2020

AEROPORTO TRAPANI | Firmato il bando per la continuità territoriale

di mobilita

La ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli ha firmato il bando per la continuità territoriale dell'aeroporto di Trapani e a breve firmerà anche quello per Comiso. I bandi mettono a disposizione circa 50 milioni di euro per garantire prezzi calmierati da e per i due scali siciliani. Con una distinzione tra residenti e non residenti, ma per entrambe le categorie fissando dei tetti massimi per i biglietti.  A spingere molto per l'approvazione di questo bando è stato il viceministro dei 5 stelle Giancarlo Cancelleri.Il bando parte dai seguenti tetti massimi: per la tratta Trapani-Trieste 45 euro, Trapani-Brindisi 35 euro, Trapani-Parla 45 euro, Trapani-Ancona 35 euro, Trapani-Perugia 35 euro, Trapani-Napoli 35 euro. Il bando di Trapani è già in pubblicazione. Non c'è ancora la firma, ma arriverà a breve, per il bando di Comiso: qui si parte da un tetto masismo di 38 euro per la tratta Comiso-Roma Fiumicino e di 50 euro per il Comiso-Linate. Le compagnie che parteciperanno al bando potranno fare offerte anche minori su questi prezzi in cambio del sostegno pubblico. In una nota su Facebook il presidente di Airgest, Salvatore Ombra ribadisce: "La notizia della firma, da parte della Ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli, del bando per la continuità territoriale dell'Aeroporto "Vincenzo Florio" di Birgi, rappresenta un primo tassello importante per il nostro territorio, per il quale esprimo soddisfazione. Vi anticipo, a tal riguardo, che a breve ho in programma alcuni incontri interlocutori con altre compagnie aeree per aggiungere altre destinazioni, attese e necessarie. Da cinque mesi il nostro Aeroporto vive una nuova stagione di interventi per recuperare la vitalità dimenticata. Vi comunicherò presto ogni novità. I voli interessanti dal bando, che saranno attivati entro l'estate, riguardano le tratte Trapani-Trieste, Trapani-Brindisi, Trapani-Parma, Trapani-Ancona, Trapani-Perugia, Trapani-Napoli".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 dic 2019

ANAS, bando da 360 milioni per lavori sul corpo stradale

di mobilita

Continua l'impegno di Anas (Gruppo FS Italiane) nell'ambito della manutenzione programmata sulla propria rete di strade e autostrade con un bando, pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale, del valore di 360 milioni di euro per l'esecuzione di lavori sul corpo stradale e sulle relative pertinenze (opere di sostegno, sistemazione e regimazione delle acque, risanamento e consolidamento delle scarpate, ripristino degli elementi profondi del corpo stradale, adeguamento di intersezioni). "Anas – ha dichiarato l'Amministratore Delegato Massimo Simonini – sta intervenendo in modo veloce ed efficace per programmare la manutenzione della propria rete stradale e autostradale. Stiamo lavorando per avviare nuovi cantieri su tutto il territorio nazionale sia per contribuire al rilancio del settore e sia per rendere più moderne ed efficienti le infrastrutture viarie del Paese. L'obiettivo è garantire un viaggio confortevole e una guida sicura agli automobilisti che ogni giorno percorrono le nostre arterie". Il bando è suddiviso in 23 lotti per l'affidamento di altrettanti accordi quadro di durata quadriennale e ripartiti in tutte le strutture territoriali o regionali di Anas: 15 milioni di euro per le strade afferenti all'area compartimentale di Palermo in Sicilia (lotto 1); 15 milioni di euro per le strade afferenti all'area compartimentale di Catania in Sicilia (lotto 2); 10 milioni di euro per le autostrade della Sicilia (lotto 3); 10 milioni di euro per le strade afferenti all'area compartimentale di Cagliari in Sardegna (lotto 4); 10 milioni di euro afferenti all'area compartimentale di Sassari in Sardegna (lotto 5); 15 milioni di euro per la Calabria (lotto 6); 20 milioni di euro per la A2 "Autostrada del Mediterraneo" (lotto 7); 20 milioni di euro per la Basilicata (lotto 8); 15 milioni di euro per la Puglia (lotto 9); 15 milioni di euro per la Campania (lotto 10); 20 milioni di euro per il Lazio (lotto 11); 10 milioni di euro per l'Abruzzo (lotto 12); 10 milioni di euro per il Molise (lotto 13); 10 milioni di euro per le Marche (lotto 14); 20 milioni di euro per l'Umbria (lotto 15); 20 milioni di euro per la Toscana (lotto 16); 25 milioni di euro per l'Emilia-Romagna (lotto 17); 30 milioni di euro per il Veneto (Lotto 18); 5 milioni di euro per il Friuli Venezia Giulia (lotto 19); 30 milioni di euro per la Lombardia (lotto 20); 15 milioni di euro per la Liguria (lotto 21); 10 milioni di euro per il Piemonte (lotto 22); 10 milioni di euro per la Valle d'Aosta (lotto 23). Gli appalti, di durata quadriennale, saranno attivati mediante Accordo Quadro che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività in relazione alla programmazione della manutenzione delle strade.

Leggi tutto    Commenti 0