Articolo
19 lug 2021

Milano Linate | Blu Air introduce 3 nuove rotte

di mobilita

Blue Air espande il proprio network da Milano Linate, introducendo 3 nuove rotte chiave per Catania, Barcellona e Parigi Charles de Gaulle a partire dal 16 agosto 2021. I voli sono già disponibili per la prenotazione e i prezzi dei biglietti partono da 9,99 Euro (Catania)/ 14,99 euro (Barcellona e Parigi), solo andata – tasse ed un cambio gratuito inclusi. Dopo il successo dello sviluppo delle sue operazioni da Milano Linate, Blue Air ha anche incrementato il servizio tra Bucarest-Milano Linate portandolo a due voli al giorno, operando servizi mattutini e serali tra le due città. “Abbiamo un marchio ben consolidato in Italia e siamo continuamente alla ricerca di opportunità in mercati poco serviti e molto richiesti e tutte le nostre nuove rotte si adattano perfettamente alla nostra clientela esistente in Italia. Con l’allentamento delle restrizioni ed il recente picco della domanda, siamo felici di poter aggiornare le nostre operazioni da/per Milano Linate già con il nostro attuale orario estivo, introducendo servizi giornalieri per Catania e un servizio diretto unico per Barcellona e Parigi, offrendo così ai nostri clienti a Milano opzioni di viaggio ancora migliori a prezzi convenienti”, ha detto Krassimir Tanev, Chief Commercial Officer di Blue Air. “SEA Aeroporti di Milano è lieta di accogliere a Linate le tre nuove rotte di Blue Air che vanno ad ampliare il portfolio delle destinazioni offerte. L’atterraggio di questi nuovi voli a Linate, una rotta nazionale e due rotte internazionali di cui, Barcellona, non è attualmente servita da Linate, rappresenta un importante miglioramento della connettività del City Airport e crea ulteriori opportunità di mercato a vantaggio di tutti i passeggeri, operatori economici e comunità residenti a Milano e in Lombardia. La futura inaugurazione della fermata “Linate Aeroporto” della nuova linea M4 rappresenta un’ulteriore opportunità per il nostro City Airport, sempre più collegato al cuore della città e al resto d’Europa”, afferma Andrea Tucci, VP Aviation Business Development SEA.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 lug 2021

Verso l’Alta Capacità delle ferrovie in Sicilia

di antony977

Riceviamo e pubblichiamo comunicato Ansa circa  lo sblocco delle risorse finanziarie destinate alle infrastrutture in Sicilia. Spiccano interventi per le infrastrutture ferroviarie quali il completamento del raddoppio Palermo-Catania (sono attualmente in corso i lavori per il raddoppio relativi alla tratta Bicocca-Catenanuova), l'elettrificazione della linea Alcamo-Trapani via Milo. Relativamente al raddoppio della Palermo-Catania, si avvieranno i lavori suddivisi per lotti lungo la tratta Fiumetorto-Catenanuova.  Più precisamente Catenanuova-Dittaino e Dittaino-Enna (non si escludono le gare entro il 2021) che rappresentano il secondo e terzo lotto dell'intero raddoppio Palermo-Catania.    ROMA, 02 LUG - "Il ministro delle Infrastrutture e della Mobilita' sostenibile ha annunciato lo sblocco di 25 miliardi di euro per la rete ferroviaria nazionale. Di questi, 1,4 miliardi saranno destinati per la realizzazione della rete di alta velocita' Palermo-Catania-Messina, 64 milioni per l'elettrificazione della Palermo-Trapani via Milo, 460 Mln per il completamento dei lavori di raddoppio della Ogliastrillo Cefalu'-Castelbuono, 100 Mln per l'upgrading e l'elettrificazione della Palermo-Agrigento-Porto Empedocle, 40 Mln per l'intermodalita' e l'accessibilita' di Trapani Birgi e 156 Mln per il ripristino e l'ammodernamento della Caltagirone-Gela. Conti alla mano, le somme sbloccate per la Sicilia ammontano a quasi 2,3 miliardi, ovvero al 10% circa delle somme stanziate in totale. Numeri che testimoniano meglio di ogni altra cosa che grazie al governo Draghi e al Pnrr anche in Sicilia e' arrivato il cambio di passo sulla mobilita' sostenibile che aspettavamo da decenni. Sono certo che a tempo debito i siciliani ricorderanno chi voleva uscire dall'euro e dall'Europa e chi, come il Partito Democratico, con costanza e serieta', ha consentito anche alla Sicilia di rimanere, e' il caso di dirlo, attaccata al treno europeo della ripartenza". Cosi' Carmelo Miceli, deputato siciliano del Partito Democratico.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
23 giu 2021

Blu Air: Dal 25 Giugno via al nuovo collegamento da Torino per Reggio Calabria

di mobilita

Blue Air annuncia l’avvio della nuova rotta Torino-Reggio Calabria. Il collegamento prenderà il via il 25 giugno 2021 con prezzi a partire da €29,99 (tasse incluse), e sarà effettuato due volte a settimana, con partenze venerdì e domenica. Il nuovo volo si inserisce nel piano di investimenti sul segmento nazionale che Blue Air ha avviato in Italia, collegando la città con 9 tra le principali destinazioni italiane: Alghero, Cagliari, Catania, Lamezia Terme, Napoli, Olbia, Palermo, Trapani e infine Reggio Calabria. Gli orari della nuova rotta Torino-Reggio Calabria sono i seguenti: Giorno Torino - Reggio Calabria Reggio Calabria - Torino Venerdì 7:20 - 9:10 10:10 - 12:00 Domenica 18:20 - 20:10 21:10 - 23:00 Krassimir Tanev, Direttore Commerciale di Blue Air, ha dichiarato: “Siamo lieti di annunciare il nostro nuovo servizio ultra-low cost tra Torino e Reggio Calabria che offre ai nostri clienti destinazioni ancora più entusiasmanti quest'estate. Blue Air si impegna a fornire prezzi più bassi e opzioni ancora migliori per volare tra il Piemonte e la Calabria, offrendo fino a 9 connessioni settimanali tra il Piemonte e la Calabria”. Andrea Andorno, Amministratore Delegato di Torino Airport, ha dichiarato: “Con l’avvio del volo per Reggio Calabria operato in esclusiva da Blue Air, l’Aeroporto di Torino amplia il network di collegamenti verso la Calabria, andando a rispondere a un’esigenza da tempo manifestata dalla nostra catchment area di riferimento: il nuovo volo consentirà infatti una maggiore mobilità ai passeggeri che desiderano riavvicinarsi ai propri familiari e a coloro che intendono trascorrere le proprie vacanze in una delle destinazioni balneari più belle d’Italia, potendo sfruttare i comodi orari anche solo per il fine settimana”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 giu 2021

SICILIA | Wetaxi: app per prenotare il taxi direttamente via smartphone lancia “Sicilia Taxi Connect”

di mobilita

Il servizio taxi nella Regione Siciliana diventa più smart, sicuro e conveniente: Wetaxi, l’app chiama taxi 100% italiana che per prima ha introdotto la Tariffa Massima Garantita, espande il suo network arrivando su tutta l’isola. Per cittadini e turisti, dunque, questa estate sarà ancora più facile viaggiare in sicurezza e in comodità per raggiungere aeroporti, hotel e luoghi di interesse siciliani. Per far ripartire il turismo sull’isola in sicurezza e convenienza, dal 17 giugno i taxi di Social Taxi Società Cooperativa di Catania, Cooperativa Radio Taxi Palermo e Radio Taxi Jolli Società Cooperativa di Messina abbracceranno la tecnologia di Wetaxi e permetteranno a turisti e cittadini la possibilità di prenotare nell’app di Wetaxi il proprio taxi visualizzando in anticipo quanto si spenderà, grazie alla Tariffa Massima Garantita di Wetaxi. A destinazione, Wetaxi garantisce infatti il pagamento in app del valore inferiore tra quello calcolato al momento della prenotazione e quello indicato dal tassametro. Inoltre, con Wetaxi i passeggeri possono pagare con ​carta di credito, PayPal, Satispay e portafoglio ricaricabile in app o direttamente a bordo taxi; in caso di corse aziendali, possono gestire le ricevute via mail o comodamente in app e ricevere a fine mese fattura elettronica. Inoltre, con l’obiettivo di supportare la ripartenza del settore taxi, Wetaxi lancia Sicilia Taxi Connect, il primo servizio unico taxi regionale: grazie alle cooperative siciliane partner di Wetaxi, tutti i tassisti della regione potranno infatti aderire all’iniziativa. I tassisti dovranno semplicemente scaricare sul proprio smartphone l’app Sicilia Taxi Connect e registrarsi. Non ci sono vincoli contrattuali o di esclusiva nei confronti della rete. In questo modo i tassisti avranno a disposizione un’ulteriore risorsa per gestire le corse ​e per offrire un servizio innovativo,​ coniugando trasparenza e comodità. “Siamo felici di affiancare Wetaxi e le cooperative siciliane – commenta Marco Falcone, l’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità della Regione Siciliana – nella presentazione di questa iniziativa che conferma lo sforzo verso l’innovazione che sta compiendo l’intero comparto taxi in Sicilia, nell’ottica di un miglioramento sempre crescente della soddisfazione degli utenti. Anche questo tipo di mobilità, per l’Isola, assume un ruolo cruciale che già ha spinto il Governo Musumeci, fin dal deflagrare della crisi del Covid-19, ad accordare sostegni economici e un pieno riconoscimento alla categoria taxi, dopo lunghi anni di assenza di segnali in tale direzione”. “La mission di Wetaxi è da sempre quella di rendere più semplice ed economicamente sostenibile il muoversi in taxi, non solo per vivere al meglio le città ma anche tutto il territorio italiano. Ora insieme alle cooperative siciliane e al primo servizio unico regionale rendiamo questo obiettivo sempre più concreto: raggiungiamo gli utenti in maniera capillare e creiamo un’ampia rete al servizio dei cittadini e dei turisti che si recheranno sull’isola per le vacanze, sostenendo la ripresa italiana all’insegna della sicurezza”, spiega Massimiliano Curto, CEO di Wetaxi. “Con Wetaxi nella Regione Siciliana e con il primo servizio unico taxi regionale in Sicilia – aggiunge Curto – mettiamo a disposizione dei cittadini una modalità più smart per prenotare il taxi e allo stesso tempo supportiamo le radiotaxi e i tassisti stessi, offrendo loro gli strumenti digitali necessari per intercettare anche target più giovani e diventare più competitivi e vantaggiosi”. “La cooperativa Taxi Jolli da sempre investe sull’innovazione puntando su una tecnologia proprietaria che le ha consentito in questi anni di personalizzare i servizi e di semplificarne l’utilizzo. Grazie a Wetaxi, possiamo integrare questa nostra esperienza locale anche a livello nazionale ed ampliare così l’offerta per i nostri clienti”, commenta Massimiliano Vita, Presidente di Radio Taxi Jolli Società Cooperativa di Messina. “Social Taxi da anni sta portando avanti un dialogo costruttivo con le principali Cooperative Radiotaxi della Sicilia e con le Amministrazioni Locali per garantire un servizio omogeneo e qualitativamente elevato nell’intera Regione Siciliana. In tal senso la partnership con Wetaxi rappresenta un contributo positivo a questo progetto grazie anche al know how tecnologico messo a nostra disposizione”, aggiunge Salvatore Cesarotti, Presidente di Social Taxi Società Cooperativa di Catania. “In qualità di Cooperativa più grande della Regione Siciliana, da tempo sentiamo la necessità di farci promotori di un processo di cambiamento del servizio taxi in ambito regionale e di adeguarci ai più moderni standard qualitativi. La scelta di sviluppare questo progetto con Wetaxi è determinata dalla possibilità di lavorare con una realtà completamente italiana che della collaborazione con le Cooperative Radiotaxi ha fatto il suo modello di business”, spiega Massimiliano Federico, Presidente Cooperativa Radio Taxi Palermo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 apr 2021

ENAC pubblica i Dati di Traffico 2020: sono stati 52.759.724 i passeggeri transitati negli scali nazionali, -72,5% rispetto al 2019

di mobilita

Sono stati 52.759.724 i passeggeri transitati negli aeroporti italiani nel 2020, tra traffico nazionale e internazionale, con un decremento rispetto al 2019 del -72,5%. Il traffico nazionale, con i suoi 25 milioni di passeggeri ha registrato una diminuzione più moderata, -61,1%, rispetto al traffico internazionale, -78,3%, con un totale di circa 27.700.000 passeggeri. L’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per numero di passeggeri, seguito da Milano Malpensa che, invece, è risultato in prima posizione per il trasporto cargo. La graduatoria complessiva dei collegamenti nazionali e internazionali di linea e charter vede al primo posto la compagnia Ryanair, seguita da Alitalia e da EasyJet Europe. Alitalia, invece, si consolida come prima compagnia per il traffico nazionale. Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha dichiarato: "Tornare a viaggiare in piena sicurezza non è solo un auspicio, ma un obiettivo di ripresa verso il quale devono convergere tutte le categorie interessate. La crisi pandemica ha reso evidente la fragilità del nostro sistema economico e in particolare quei settori in cui la ripresa è legata all’aumento della mobilità, messa in crisi dalle restrizioni sanitarie. L’auspicio è che campagna vaccinale e comportamenti responsabili possano comportare una ripresa degli spostamenti in aereo e dei flussi turistici in vista della stagione estiva. Il governo è al lavoro non solo per riportare i settori colpiti dalla crisi alla normale attività ma per individuare, attraverso l’analisi dei possibili scenari, soluzioni in grado di produrre tassi di crescita elevati e sostenibili nel lungo periodo per rendere il Paese resiliente”. “Una diminuzione media del –72,5% di traffico aereo con punte di oltre il -90% in alcuni momenti dell’anno - ha commentato il Direttore Generale dell’ENAC Alessio Quaranta – è un fenomeno mai registrato nell’aviazione civile moderna che, al contrario, ha avuto una crescita più o meno costante nel tempo. Dobbiamo pensare al presente e al futuro del settore, puntando sulla domanda e sulla voglia di ricominciare a viaggiare per turismo e per affari. Ora tutti i player del settore, colpiti in maniera trasversale dalla crisi pandemica,devono operare con l’obiettivo di un rapido riavvio del traffico aereo, partendo dalla ricostruzione della fiducia da parte dei passeggeri. La combinazione tra le disposizioni sanitarie, la campagna vaccinale, i voli Covid-free e l’auspicato pass sanitario aiuteranno tutti noi a ricominciare a scegliere, con consapevolezza e fiducia, il trasporto aereo: un passo per contribuire alla ripresa del settore e, più in generale, dell’economia diretta e indiretta generata dal comparto”. MOVIMENTI AEREI I movimenti complessivi del 2020 sono stati 551.071, con una diminuzione del -61,8% rispetto al 2019. A fronte di una generale contrazione dei movimenti, singoli scali hanno avuto variazioni in controtendenza, come quello di Brescia che ha registrato una crescita importante del +42% (5,3 mila movimenti), supportata dalla movimentazione delle merci. CARGO Il settore cargo, infatti, pur avendo anch’esso risentito della crisi dell’intero sistema, ha registrato una contrazione inferiore, rispetto al comparto passeggeri, in quanto le merci hanno continuato, seppur in maniera più limitata, a viaggiare. Complessivamente, nel 2020, il settore cargo ha registrato un totale di circa 804.000 tonnellate, con una flessione del -24,2% rispetto al 2019. Si segnalano Milano Malpensa che ha confermato il proprio primato con una contrazione nettamente inferiore (-7,5%) e l’aeroporto di Brescia che, in controtendenza, ha registrato un incremento del +61,4% rispetto al 2019. AVIAZIONE GENERALE Per il traffico di aviazione generale (registrato sia sugli aeroporti aperti al traffico commerciale che sugli aeroporti e sulle avio/eli/idrosuperfici aperte al solo traffico di aviazione generale), dai dati trasmessi all’ENAC emerge una sostanziale tenuta di questo segmento, con una variazione di segno negativo del -17,3% rispetto ai dati 2019. TRAFFICO AEROPORTUALE Sono stati analizzati 45 aeroporti nazionali aperti al traffico commerciale. A seguire la graduatoria dei primi aeroporti per numero di passeggeri. 1. Roma Fiumicino 2. Milano Malpensa 3. Bergamo 4. Catania 5. Venezia VETTORI Anche per il 2020, la graduatoria complessiva dei collegamenti nazionali e internazionali di linea e charter vede al primo posto la compagnia Ryanair con 11.836.904 passeggeri, seguita da Alitalia, con 6.514.570 passeggeri e da EasyJet Europe con 3.545.247 passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2021

SICILIA | Webuild e Research Consorzio Stabile si aggiudicano le gare per la Taormina-Giampilieri e per il ripristino del viadotto tra Caltagirone e Niscemi

di mobilita

Aggiudicate da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) due importanti gare per il rilancio infrastrutturale della Sicilia. Perfezionate le gare d’appalto relative ai lavori di raddoppio della linea Messina-Catania e alla ricostruzione del Viadotto fra Caltagirone e Gela; due opere che miglioreranno sensibilmente la mobilità dei viaggiatori siciliani. La realizzazione degli interventi, oltre alle ricadute vantaggiose in termini occupazionali e per l’indotto, consentirà una riduzione dei tempi di viaggio e l’aumento della capacità di traffico. LINEA MESSINA - CATANIA I lavori del secondo lotto, Taormina-Giampilieri (raddoppio della linea ferroviaria Messina-Catania), sono stati aggiudicati all’ATI composta da WEBUILD SPA (Consorziata Capofila) con IMPRESA PIZZAROTTI & C. SPA (Consorziata Mandante) e ASTALDI SPA (Consorziata Mandante) e Progettista: RTP Rocksoil S.p.A. (Mandataria) con Proger S.p.A. (Mandante) e Pini Swiss Engineers S.r.l. (Mandante), che avrà il compito di sviluppare il progetto esecutivo e successivamente realizzare l’opera. Valore dell’appalto a base di gara, 1.113.074.021 euro. I lavori aggiudicati consistono nella realizzazione di oltre 28 km di linea a doppio binario, dei quali più di 25 in galleria. RFI realizzerà anche le opere di viabilità connesse alla nuova linea ferroviaria e gli impianti funzionali all’intervento, fra cui la nuova stazione di S. Alessio-S. Teresa Riva e le nuove fermate di Nizza di Sicilia-Alì Terme e Itala-Scaletta. I lavori completeranno il doppio binario fra Messina e Catania e imprimeranno un decisivo passo in avanti verso la realizzazione dell'asse ferroviario TEN T Messina – Catania – Palermo, parte del Corridoio Scandinavia-Mediterraneo. A lavori ultimati, tra Messina e Catania il tempo di percorrenza sarà ridotto di circa 30’, consentendo così di sviluppare un servizio di tipo metropolitano da Catania fino a Taormina/Letojanni. LINEA CALTAGIRONE-GELA RFI ha aggiudicato anche la gara di appalto integrato per i lavori di progettazione e ricostruzione del Viadotto fra Caltagirone e Niscemi, primo intervento finalizzato al ripristino della circolazione ferroviaria nella tratta Caltagirone – Gela. L’importo dei lavori a base d’asta è di oltre 10 milioni di euro. La ditta che si è aggiudicata l’appalto è la RESEARCH CONSORZIO STABILE SCARL con il consorziato indicato Ricciardello Costruzioni Srl, con il Progettista RTP TECHPROJECT S.R.L. (Capogruppo) – INGEGNERIA DEL TERRITORIO S.r.l. (Mandante).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 lug 2020

SICILIA | Viadotto Imera: concluso ieri sera il varo dell’impalcato

di Fabio Nicolosi

Ieri sera è stato portato a termine il varo in quota dell’impalcato del nuovo viadotto Imera, sull’autostrada A19 “Palermo-Catania”. Quello varato ieri è stato infatti l’ultimo dei sette conci. Le sette sezioni, di lunghezza variabile tra i 28 e i 52 metri e di massa compresa tra le 120 e le 260 tonnellate, costituiranno le tre campate per lo sviluppo complessivo di 270 metri. La campata centrale di luce 130 metri consentirà di scavalcare la parte centrale del corpo di frana. L’impegno di Anas proseguirà, allo scopo di ultimare l’opera nel più breve tempo possibile, con il successivo step, ovvero l’installazione delle predalles, lastre piane utilizzate per la realizzazione delle solette dell’impalcato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 giu 2020

Tayaran Jet collega la Sicilia con Bologna: 3 nuove rotte

di Mobilita Catania

Partiranno dal 20 luglio i collegamenti da Catania Palermo e Comiso da parte di Tayaran Jet. Stamani, negli uffici di SAC, società che gestisce l'aeroporto di Catania, la compagnia bulgara di proprietà italiana ha presentato le nuove rotte che collegheranno i tre aeroporti siciliani con il capoluogo emiliano con frequenze settimanali dalla città etnea, cinque giorni la settimana dal capoluogo siciliano e due volte la settimana dallo scalo ibleo. Da Catania, inoltre, sarà possibile volare anche a Roma e Sofia. “Voli in ogni angolo della Sicilia” è infatti il claim che la compagnia ha scelto per promuovere le nuove destinazioni, sottolineando la centralità dell’Isola nel proprio progetto di sviluppo. Un lavoro portato avanti con impegno anche dalle società di gestione dei tre scali, che hanno operato con l’obiettivo di aumentare l’offerta non solo per la mobilità dei siciliani, ma anche per i tanti turisti che continuano a scegliere la Sicilia. “Come aeroporto, ci siamo impegnati ad aumentare i vettori e le destinazioni per l’Isola– ha affermato Sandro Gambuzza, presidente SAC. Un lavoro che continua costantemente, anche perché siamo coscienti di quanto, in questo territorio, vi sia fame di voli e a prezzo accessibili a tutti”. “La destinazione Bologna è molto richiesta – hanno aggiunto il presidente e l’amministratore delegato di Soaco, che gestisce l’aeroporto di Comiso, Giuseppe Mistretta e Rosario Dibennardo – e siamo convinti che, dopo aver ripreso ieri i voli per Milano Malpensa insieme all’avvio delle altre tratte, Bologna sia un ottimo segnale di ripartenza per il nostro scalo”. L’unicità del momento, che ha visto partecipare le società di gestione dei tre principali scali siciliani, è stato l’amministratore delegato di Gesap, Giovanni Scalia. “L'apertura di una nuova rotta da e per la Sicilia è sempre una notizia positiva – ha detto - Tayaran Jet è la seconda compagnia che, in meno di un mese, riparte mettendo la Sicilia al centro dei progetti di sviluppo e business”. In collegamento Skype, anche il presidente della società di gestione dell’aeroporto di Bologna, Enrico Postacchini. “Una rotta utilissima per viaggi per business, sanitari e di studio – ha evidenziato: c’è una popolazione siciliana che vive a Bologna e una parte di bolognesi che hanno scelto di vivere in Sicilia che adesso sono più connessi”. Una consapevolezza, questa, che ha spinto i soci di Tayaran Jet a investire negli scali siciliani. “Da oggi sarà possibile prenotare i voli – ha sottolineato il vicepresidente della compagnia bulgara di proprietà italiana, Massimo La Pira. Abbiamo creato Tayaran Jet tre anni fa, e negli anni ci siamo strutturati e stiamo facendo molti investimenti. Si parla sempre di ripartenza e noi cerchiamo di dare un segnale reale, radicandoci nel territorio e promuovendolo”. Un aspetto su cui ha puntato anche il country manager per l’Italia, Gianfranco Cincotta. “Vogliamo connettere la Sicilia con il continente e con l’Est Europa – ha ribadito –e per questo siamo qui, pronti a scommetterci”. “Ringraziamo Tayaran per l’investimento effettuato e per le scelte fatte – ha detto in conclusione Nico Torrisi, amministratore delegato di SAC. La conferenza congiunta di oggi è motivo di grande piacere e un importante segnale di compattezza. Mi auguro che questo sia solo il principio”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2020

A19 Palermo – Catania | In fase di avvio le operazioni di varo del nuovo impalcato del viadotto imera

di Fabio Nicolosi

Nell’ambito dei lavori di ricostruzione del nuovo viadotto Imera, sull’autostrada A19 “Palermo-Catania”, sono ormai in fase di avvio le operazioni di varo in quota del nuovo impalcato in acciaio. Per consentire il prosieguo delle attività necessarie alla definitiva riapertura è necessario ripristinare gli elementi del viadotto che in fase di realizzazione della bretella avevano subìto importanti modifiche e, pertanto, risulta essenziale interdire al traffico la bretella in by-pass al viadotto, realizzata per dare continuità alla circolazione autostradale in direzione Catania. In questa fase di cantierizzazione, la bretella risulta non più utilizzabile dall'utenza, sia per la necessità di eseguire le operazioni di ripristino degli elementi del viadotto, sia perché interferente con le operazioni di varo. Dalla giornata di oggi e fino al prossimo 31 luglio l’intero traffico sarà deviato, tra il km 56,900 al km 59,400, sulla carreggiata in direzione Palermo, in regime di doppio senso di circolazione.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
08 giu 2020

GENOVA | Riparte l’aeroporto con tante destinazioni nazionali ma anche collegamenti con l’estero

di mobilita

Si torna a volare dall’Aeroporto di Genova. Nelle prossime settimane numerosi collegamenti si aggiungeranno a quello per Roma operato da Alitalia, rimasto operativo per tutta la durata del lockdown. Tante destinazioni nazionali, ma anche collegamenti con l’estero. Al Colombo tornano anche i jet privati. Germania, Austria, Svizzera e Francia: sono questi i principali paesi di provenienza dei voli privati che nei giorni scorsi sono atterrati all’Aeroporto di Genova. Circa 25 gli arrivi di aerei e altrettante le partenze che si sono registrati tra mercoledì 3 giugno, giorno della riapertura delle frontiere europee, e domenica 7. “È un segnale positivo che dimostra l’attrattività della Liguria per un turismo di fascia alta e che evidenzia come la nostra regione abbia tutte le carte in regole per ripartire dopo l’emergenza”, commenta il Presidente dell’Aeroporto di Genova, Paolo Odone. Nel corso del 2019 il “Cristoforo Colombo” aveva registrato 5.515 movimenti di aerei privati, per un totale di 6.031 passeggeri, in aumento del 6% rispetto al 2018. “Sono numeri molto contenuti rispetto al 1.530.105 passeggeri di voli di linea registrati nello stesso periodo, ma significativi perché rappresentano la clientela delle strutture ricettive e del commercio di lusso, con un impatto estremamente importante per l’economia del territorio. I clienti di questo livello sono anche importanti testimonial per il turismo nella nostra regione. Lo scorso anno abbiamo accolto tra gli altri Steven Spielberg, ormai un habitué del nostro aeroporto, che era arrivato dagli Stati Uniti insieme a Bruce Springsteen. Speriamo di poterli rivedere anche quest’estate”, aggiunge Odone. Nei giorni scorsi sono già arrivate prenotazioni di parcheggi per gli aerei sino al mese di agosto. Ora si aspetta la graduale riapertura delle frontiere anche da parte di paesi lontani, come Stati Uniti, Russia ed Emirati Arabi, che tradizionalmente generano flussi significativi di voli privati da e per l’Aeroporto di Genova. Un’attività sulla quale il Cristoforo Colombo ha investito costantemente per migliorare la qualità dei servizi offerti e che è resa possibile anche dalla presenza sullo scalo genovese di importanti operatori di aviazione generale. Riguardo i voli di linea, è prevista per giovedì 18 giugno la ripartenza dei collegamenti, in aggiunta a quello per Roma di Alitalia. Si prenderà il via con il volo per Palermo, seguito da Catania, Napoli, Olbia, Cagliari, Alghero, Brindisi, Lamezia Terme, Pantelleria e Lampedusa, tutti operati da Volotea, oltre a Tirana (Blu express), Amsterdam (KLM), Bari e Londra Stansted (Ryanair). Tutti i voli sono già in vendita nelle agenzie di viaggio e sui siti delle compagnie aeree. Qui l’elenco aggiornato, con la data della ripartenza e le frequenze settimanali. Roma, Alitalia, già operativo, un volo al giorno. Palermo, Volotea, dal 18 giugno, 3 volte alla settimana e poi un volo al giorno dal primo luglio. Catania, Volotea, dal 19 giugno, 4 volte alla settimana e poi 7 su 7 dal 1° luglio. Napoli, Volotea, dal 19 giugno, 3 volte alla settimana e poi 6 su 7 dal 1° luglio. Olbia, Volotea, dal 21 giugno, 1 volta alla settimana e poi 7 su 7 dal 3 luglio. Bari, Ryanair, dal 26 giugno, due volte alla settimana. Tirana, Blu express, dal 26 giugno, 2 volte alla settimana, 3 volte alla settimana da fine luglio. Londra Stansted, Ryanair, dal 2 luglio, 2 giorni alla settimana, 4 su 7 da agosto. Cagliari, Volotea, dal 4 luglio, 4 volte alla settimana. Alghero, Volotea, dal 4 luglio 2 volte alla settimana. Brindisi, Volotea, dal 4 luglio, 2 volte alla settimana. Lamezia Terme, Volotea, dal 3 luglio, 2 volte alla settimana. Pantelleria, Volotea, dal 4 luglio, una volta alla settimana. Lampedusa, Volotea, dal 4 luglio, una volta alla settimana. Amsterdam, KLM, dal 4 luglio, 3 volte alla settimana.

Leggi tutto    Commenti 0