Articolo
08 set 2020

Autorizzati 300 milioni di spesa per le Regioni e le Province Autonome sul fronte del trasporto pubblico locale

di mobilita

"Con il decreto in pubblicazione oggi saranno autorizzati 300 milioni di spesa per le Regioni e le Province Autonome sul fronte del trasporto pubblico locale e 150 milioni per i Comuni e le Città metropolitane da destinare all'implementazione del servizio di scuolabus". Ad annunciarlo, la ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli intervenuta oggi al forum della Pwc Italia sulla mobilità dove ha precisato che, nella prossima legge di bilancio, verranno stanziate le risorse aggiuntive richieste nel corso dell’ultima Conferenza unificata del 31 agosto. Grazie al decreto legge pubblicato oggi, le Regioni e gli Enti locali potranno disporre delle somme già previste e attribuite dal DL Rilancio e dal Dl Agosto anche per far fronte alle esigenze del trasporto pubblico locale e scolastico, somme queste che verranno poi reintegrate con la prossima legge di bilancio. Sarà una verifica a consuntivo a quantificare l’effettivo fabbisogno delle Regioni e degli enti locali che dovrà tener conto delle perdite dovute alla mancata bigliettazione e all’incremento dei costi sostenuti. Attualmente le risorse destinate alle regioni per il TPL, aggiuntive rispetto al fondo ordinario, sono pari a 500 milioni con il DL Rilancio e 400 con il Dl Agosto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 apr 2020

BRESCIA | 15.300 mascherine per gli autisti del trasporto pubblico locale

di Fabio Nicolosi

Con un breve comunicato l'Agenzia Tpl di Brescia ha reso noto che da questa mattina, giovedì 15 aprile, alla presenza del Presidente dell’Agenzia del TPL di Brescia, dell'assessore regionale all’Agricoltura e di alcuni rappresentati dell’Aziende del servizio del TPL del Bacino di Brescia, saranno consegnate 15.300 mascherine da destinare agli autisti del servizio del TPL, urbano e extraurbano, del bacino bresciano.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

CASERTA | CLP, modifiche al servizio per le festività pasquali

di Antonio Somigliato

La C.L.P. Sviluppo Industriale S.p.A. fa sapere, con un post su Facebook di ieri 09/04/2020 che fa da link al comunicato stampa ufficiale sulla pagina web aziendale, che nelle giornate di Pasqua e Lunedì in Albis son sospesi tutti i servizi su bus «in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania» con ord. 27/2020 per di evitare possibili assembramenti; delle possibili «modifiche intercorreranno anche per le giornate del 10 e dell'11 aprile 2020» ossia Venerdì e Sabato Santi: di seguito, la nota stampa integrale. COVID-19 | +++ AVVISO ALL’UTENZA +++ Modifiche al servizio per le festività di Pasqua e Pasquetta e per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 Si avvisa la spett.Le clientela che per i giorni festivi del 12 e 13 aprile 2020, Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo, tutti i Servizi di linea esercitati dalla CLP SpA saranno sospesi (compresa la Linea Napoli-Foggia), in ottemperanza alle indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania allo scopo di evitare possibili assembramenti. Per i giorni 10 ed 11 aprile 2020 tutti i Servizi termineranno alle ore 20.00. Per quel che concerne linee specifiche, sempre nei giorni del 10 e 11 aprile 2020, sulla Linea 8 (Caserta-Castelvolturno) l’ultima partenza da Caserta verso Castelvolturno sarà alle ore 17.50 da Stazione FS, mentre le partenze delle ore 17.55 e 18.55 da Castelvolturno termineranno a Capua. Sulla Linea 10 l’ultima corsa da Sessa Aurunca verso Sparanise sarà alle ore 18.15. Sulla Linea 18 le corse delle ore 16.30 da Capriati verso Napoli e delle ore 18.35 da Napoli verso Letino saranno sospese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

NAPOLI | ANM, taglio dello stipendio dirigenziale per sostegno alla CIG

di Antonio Somigliato

L’Azienda Napoletana Mobilità fa sapere, tramite una nota sulla pagina Facebook aziendale pubblicata oggi 10/04/2020, del provvedimento aziendale preso dai dirigenti societari quale il taglio del salario personale per contribuire alla cassa integrazione dei dipendenti. Nel comunicato di seguito riporta, si da anche la parola a Nicola Pascale, Enrico Panini ed Amedeo Manzo, rispettivamente amministratore unico dell'ANM, vicesindaco e assessore ai trasporti e le infrastrutture, e amministratore unico della Napoli Holding S.r.l. Crisi Covid19: i dirigenti ANM si tagliano lo stipendio per sostegno al personale in CIG Napoli 10 Aprile 2020 - I dirigenti di Anm hanno deciso di operare un taglio del 10% del loro stipendio di marzo e aprile per contribuire al Fondo con cui l'azienda integrerà lo stipendio dei dipendenti che sono in cassa integrazione. «Noi dirigenti di ANM, consapevoli del grave stato di crisi che sta investendo il mondo produttivo e mettendo in enorme difficoltà la prosecuzione ordinaria della vita di ognuno e delle prestazioni lavorative, stiamo compiendo ogni sforzo per affrontare queste circostanze complesse e ignote, in termini professionali ed umani, con l'obiettivo di essere punto di riferimento per chi opera sul campo e nelle strutture di supporto. Naturalmente siamo altrettanto coscienti che non è finita qui ed altre sollecitazioni e scossoni bisognerà affrontare prima di rivedere un ritorno alla normalità, ma noi ci siamo. In questo "esserci", abbiamo ritenuto di dover dare un segno materiale e tangibile, nella attuale fase aziendale, con una proposta, su base volontaria, di riduzione delle nostre retribuzioni del 10% per i mesi di adesione al Fondo di Solidarietà dei lavoratori dell'Anm. Non è la soluzione a nessuno degli enormi problemi che stiamo vivendo, ma intendiamo manifestare la nostra partecipazione alla difficile fase aziendale». Così i dirigenti hanno annunciato la loro decisione nell'emergenza Covid19. Le somme che i dirigenti hanno volontariamente tagliato dal loro stipendio verranno inserite nel fondo che Anm ha costituito per integrare la busta paga dei dipendenti che andranno in cassa integrazione. All’iniziativa dei dirigenti di Anm ha aderito anche l’Amministratore Unico Nicola Pascale. «La decisione dei dirigenti di Anm e dell’Amministrato Unico - commenta l'assessore ai trasporti del Comune di Napoli Enrico Panini - di ridurre volontariamente la loro retribuzione in questo momento di grandissima difficoltà è un fatto rilevante. Ringrazio ognuno di loro perché la solidarietà nei momenti di difficoltà vale doppio». La decisione è sottolineata anche dall'amministratore unico di Napoli Holding Amedeo Manzo: «In un momento molto duro e soprattutto incerto per gli effetti del post Covid-19 è bello sapere che un'azienda è fatta da persone che conoscono il senso della solidarietà e dell'inclusione. Questa è l'unica strada per la ripresa».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2020

NAPOLI | Al via la compilazione del PUMS cittadino 2020

di Antonio Somigliato

L’assessora con delega alla mobilità Alessandra Clemente, con un post sulla sua pagina Facebook pubblica di oggi 10/04/2020 che riporta parimenti un post sulla pagina dell'Assessorato ai Giovani, Patrimonio e Lavori Pubblici del Comune di Napoli, rende noto che si sta «lavorando al PUMS, il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, per definire la mobilità di Napoli del futuro»: il PUMS è uno «strumento per realizzare una mobilità cittadina sempre più intelligente, sicura ed ecosostenibile», e per meglio definire la visione della città del prossimo futuro «è necessario innanzitutto approfondire ed aggiornare la nostra conoscenza della mobilità cittadina»; a tal fine, «è stato predisposto un semplice questionario online, finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità, le opinioni, i bisogni e i desideri» di chi si sposta in città. Di seguito, il comunicato ufficiale sul sito dell'assessorato. Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (P.U.M.S.) - Questionario finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità dei cittadini Il Comune di Napoli, a partire dagli strumenti di pianificazione dei trasporti già approvati, ha avviato la predisposizione del Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS), con l'obiettivo di definire, in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo (10 anni), gli interventi necessari a soddisfare i fabbisogni di mobilità della popolazione, contribuire alla riduzione dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico, contenere i consumi energetici, aumentare i livelli di sicurezza del trasporto e della circolazione stradale, riorganizzare la distribuzione delle merci in città. Il 30 maggio 2016, la Giunta comunale, con deliberazione n. 434, ha approvato un primo documento "il cosiddetto livello direttore" del PUMS della città di Napoli, che definisce gli obiettivi strategici da perseguire e opera le principali scelte relative alle infrastrutture da realizzare, ai servizi da offrire, alle azioni di carattere gestionale da intraprendere e agli strumenti di comunicazione da attivare. I servizi tecnici relativi al completamento del PUMS, a partire dal documento approvato, sono stati affidati alla società Sintagma srl con determinazione dirigenziale del 30 agosto 2019. Il relativo contratto è stato stipulato in data 6 dicembre 2019. Come stabilito dal contratto e dal capitolato speciale d'appalto, la società affidataria ha avviato la fase di approfondimento e aggiornamento del quadro conoscitivo del sistema della mobilità attraverso l'acquisizione delle informazioni idonee a descrivere la domanda e l'offerta della mobilità, nelle sue diverse componenti e modalità. A tal fine, la stessa società, di concerto col gruppo di lavoro interdisciplinare interno all'Amministrazione, ha predisposto un questionario finalizzato a conoscere le abitudini di mobilità, le opinioni, i bisogni e i desideri dei cittadini in modo che il PUMS sia ispirato e tenga conto anche delle loro esigenze. Le interviste sono anonime, non serve registrazione per accedere al questionario e non vengono richiesti dati sensibili (nome, telefono o mail). Il questionario viene creato tramite il servizio Google Moduli e ogni risposta può essere visualizzata in tempo reale solo dalla società Sintagma srl. In ogni caso tutte le risposte vengono utilizzate in forma aggregata e per fini statistici. Il questionario è disponibile a questo indirizzo: https://forms.gle/KcXH6q8SxWzGMJ537

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, orari bus per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

Poche ore fa, l’Ente Autonomo Volturno ha annunciato, tramite un post sulla pagina ufficiale Facebook con link al comunicato stampa sul sito aziendale, che ci saranno delle limitazioni per alcune autolinee a servizio di Napoli e provincia, sia in termini di orario che di tracciato, nei giorni di Pasqua e Lunedì in Albis (12 e 13 Aprile pp.vv.). Le autolinee in questione sono: Baia-Torregaveta; Boscoreale-Torre Annunziata; Urbani di Castellammare (2N e 12R); Linee per l'Ospedale del Mare (Ercolano, S.Giorgio a Cremano, S.Sebastiano al V.-Cercola); Linee dell'isola d'Ischia (3-7, 14, 16, 21-22, C12-13, dx-sx); Marine di Sorrento; Meta-Massa Lubrense; Linee per Napoli (Monte di Procida, Sarno, Scafati, Nola-Monteforte Irpino); Napoli ospedale Monaldi-Monte di Procida; Napoli piazzale Tecchio-Monteruscello; Circolare "rossa" di S.Giorgio a Cremano; Navetta del porto di Napoli; Urbano di Bacoli; Urbano di Pomigliano d'Arco; Urbani di Torre del greco (Circolare B, linee C-F); Torregaveta-Monte di Procida; Circolare ridotta di Vico Equense. Per maggiori dettagli, si consultino le singole voci (PDF) nel comunicato ufficiale cliccando QUI.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, interdizione transito auto-ferroviario in Madonna dell’Arco

di Antonio Somigliato

L’Ente Autonomo Volturno, tramite due diverse note stampa di ieri 07/04/2020 ed oggi 08/04/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che per Sabato 11/04/2020 e i giorni seguenti è stato interdetto il traffico per la frazione di Madonna dell'Arco nel Comune di Sant'Anastasia (NA), sia della Circumvesuviana Napoli - Sarno che delle autolinee di supporto alla stessa. In particolare, per il traffico ferroviario, le stazioni interdette nella sola giornata di Sabato sono sia "Madonna dell'Arco" che "S.Anastasia". Per il traffico autoviario, invece, è la sola frazione di Madonna dell'Arco ad essere interdetta al servizio ma per tutto il periodo pre- e post-pasquale (da Sabato 11 a Lunedì 13): i bus provenienti da Carbonara di Nola, transiteranno per la SS268 "del Vesuvio" da Sant'Anastasia a via Argine; viceversa per quelli provenienti da Napoli. Entrambi i provvedimenti sono stati presi come misura cautelare da emergenza Coronavirus per evitare possibili assembramenti per celebrazioni religiose, in ossequio all'ord. 27/2020 della Regione Campania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2020

NAPOLI | ANM, modifiche di servizio per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

L’Azienda Napoletana Mobilità fa sapere, tramite un post sulla pagina Facebook aziendale di poche ore fa contenente un “Bit.ly” rimandante alla nota stampa sulla pagina web aziendale, dei provvedimenti disposti per Pasqua e Pasquetta in merito agli orari e alle modalità di servizio di bus, metropolitana e funicolari attive. A seguire, la nota stampa inclusiva dei link ulteriori. PASQUA E PASQUETTA: LE MODIFICHE AL SERVIZIO DI TRASPORTO ANM A Pasqua, domenica 12 Aprile, linee Bus e Funicolari Centrale e Montesanto resteranno in funzione fino alle ore 13.00, mentre la Linea 1 metropolitana e la Funicolare di Chiaia resteranno chiuse per l’intera giornata. Per il lunedì in Albis 13 Aprile invece, i bus e le Funicolari Centrale e Montesanto saranno attive per l’intera giornata con orario festivo, mentre la Linea 1 metropolitana e la Funicolare di Chiaia resteranno chiuse. La rimodulazione del servizio di Pasqua nel periodo di emergenza Covid19, è stata decisa da Anm in condivisione con il Comune di Napoli per contribuire al necessario stop degli spostamenti dei cittadini, in osservanza del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e delle Ordinanze della Regione Campania per limitare al massimo i contagi. La mobilità di alcune linee viene tuttavia assicurata per favorire gli spostamenti necessari di chi è chiamato a svolgere attività indispensabili per la salute della comunità. Segui info e aggiornamenti anche ai canali social media anmnapoli facebook e twitter oppure contatta il Contact Center al numero verde 800 639525.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mar 2020

REGIONE TOSCANA | Conservare l’abbonamento TPL del mese di marzo

di mobilita

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. Questa è l’indicazione che arriva dalla Regione Toscana a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo con la conferenza delle Regioni – spiega l’assessore Ceccarelli – per ottenere dal Governo le risorse necessarie a definire una forma di compensazione, a vantaggio di quegli utenti che, dopo aver pagato l’abbonamento ai servizi di trasporto pubblico per il mese di marzo non hanno poi potuto utilizzare il servizio a causa dei provvedimenti assunti dal Governo nella gestione dell’emergenza Coronavirus”. “Mentre attendiamo dal Governo che vengano definiti a livello nazionale i provvedimenti attesi – conclude Ceccarelli – raccomando ancora a tutti gli abbonati toscani di conservare il loro titolo di viaggio. La prospettiva su cui stiamo lavorando è quella di una proroga della validità dell’abbonamento, ma modi e forme devono essere ancora definite definite”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mar 2020

NAPOLI | Invitalia, proclamato il vincitore del concorso progettuale per riqualificare l’area est

di Antonio Somigliato

La Invitalia - Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A., società partecipata al 100% dal Ministero dell'Economia, tramite una nota stampa di Lunedì 23/03/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che è stato proclamato il vincitore del concorso di progettazione per la riqualificazione dell’area orientale di Napoli: il concorso in questione, indetto il 2/08/2019, prevede interventi infrastrutturali con sistemazione delle aree verdi e realizzazione tram o Bus Rapid Transit, in particolare prevede una "metropolitana di superficie" che collegherà piazza Garibaldi con l’Ospedale del Mare; a vincere è il consorzio Tecnosistem S.p.A. - S.I.A. Servizi per Ingegneria e Ambiente S.r.l. - Prof. Arch. Pasquale Miano, a cui è stato assegnato un montepremi di €150'000. A seguire, si riporta il comunicato ufficiale integrale. Napoli, proclamato il vincitore del concorso di progettazione per la riqualificazione dell’area orientale Si è concluso il concorso internazionale di progettazione che punta a riqualificare e a ridare identità a Napoli Est, attraverso il potenziamento del sistema di trasporto pubblico locale. Ad aggiudicarsi il premio di 150 mila euro è stato il costituendo raggruppamento temporaneo di progettisti Tecnosistem S.p.A. (mandataria), S.I.A. Servizi per Ingegneria e Ambiente S.r.l., Prof. Arch. Pasquale Miano (mandanti). Invitalia, Centrale di Committenza per il Comune di Napoli, ha gestito tutte le fasi del Concorso fino alla proclamazione del vincitore, avvenuta il 18 marzo 2020. Con il concorso, inserito nell’ambito del Patto per lo Sviluppo della Città di Napoli e finanziato con risorse FSC, viene affidata l’esecuzione di un progetto di fattibilità tecnica ed economica, con facoltà per la Stazione Appaltante di assegnare al vincitore i successivi livelli di progettazione. La proposta vincitrice prevede la realizzazione di un sistema di trasporto pubblico locale BRT - Bus Rapid Transit. Si tratta, cioè, di una metropolitana di superficie che collegherà il nodo di piazza Garibaldi con l’Ospedale del Mare, passando per il Centro Direzionale e via Argine, asse portante della prevista riqualificazione. “B(r)est” – questo il nome del nuovo sistema - diventerà la spina dorsale di un più ampio impianto plurimodale, integrando le altre tipologie di trasporto già presenti e creando al contempo una cucitura tra tutti i tessuti urbanistici lungo le aree del tracciato. Contestualmente, sarà creato un asse verde attrezzato lungo il quale trovano spazio alberature di nuovo impianto, elementi di arredo urbano, piste ciclo/pedonali, fermate di BRT, sistemi di ITS. Cerniera tra la città e i territori vesuviani, l’area orientale di Napoli – un tempo a vocazione prevalentemente agricola – è oggi occupata da industrie, in molti casi dismesse; il Piano regolatore generale e i piani urbanistici attuativi prevedono la realizzazione di residenze pubbliche e private, attività terziarie, alberghiere e commerciali. Infine, uno schema che mostra il tracciato definitivo scelto già il 16/05/2019 così come accordato tra Comune di Napoli ed Invitalia in merito all'ipotesi 1 in uso della tecnologia BRT, presente tra gli allegati della D.G. 220/2019; lo stesso, partendo dall'andirivieni su via Argine, percorrerebbe: via delle Repubbliche Marinare - via G. Ferraris - via E. Gianturco - via T. da Sessa - via G. Porzio - piazza Salerno - via Rimini - piazza Nazionale - via Casanova - corso Novara - corso Meridionale - via T. da Sessa - via E. Gianturco - via G. Ferraris - via delle Repubbliche Marinare. Dall'andirivieni su via Argine, si determinano due sotto-percorsi: 1) via Masseria Sanità e Pace - via L. Pacioli - viale delle Metamorfosi - via E. Russo - cupa Censi dell'Arco - via Martiri della Libertà - via M. Malibran; 2) scavalcando direttamente il sotto-cavalcavia della SS162 "del Centro Direzionale", tutta via M. Palermo ossia dall'incrocio con via V. Woolf alla rotonda con la cupa Tierzo.

Leggi tutto    Commenti 4