Articolo
03 lug 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Genova

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Genova Società di gestione: AEROPORTO DI GENOVA SpA L’aeroporto di Genova è lo scalo di riferimento della Liguria e del basso Piemonte ed è situato su una penisola artificiale la cui realizzazione ha richiesto otto anni di lavori e lo sbancamento della vicina collina di Monte Croce. Riveste un ruolo importante per il supporto fornito alle strutture del porto mercantile insieme alle industrie degli eventi fieristici. Nato come pista alternativa del Nord Italia e cresciuto come aeroporto d’affari per le industrie che dovevano viaggiare in tutto il mondo, si è sviluppato negli ultimi anni come aeroporto sempre più leisure e di incoming.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2017

Trenitalia: Veronatrenobici per gli amanti delle due ruote

di mobilita

Una nuova coppia di treni per gli amanti delle due ruote circolerà tutti i sabati e festivi fino al 9 settembre fra Venezia Villafranca di Verona con prosecuzione su Mantova. È l’iniziativa VeronaTrenoBici presentata alla stampa nella stazione di Villafranca di Verona dall’Assessore regionale Infrastrutture e Trasporti Elisa De Berti e dal Direttore regionale Veneto di Trenitalia, Tiziano Baggio. Il servizio è effettuato con i confortevoli treni Stadler attrezzati con 24 posti bici prenotabili: il Regionale 1764 partirà da Venezia alle 8:12 fermerà a Villafranca di Verona alle 9:56 e arriverà a Mantova alle 10:32; il Regionale 1766 partirà da Mantova alle 18:28, fermerà a Villafranca di Verona alle 18:59 e arriverà a Venezia alle 20:48. Per chi sale con la bici il prezzo globale è comprensivo del biglietto del treno e della prenotazione del posto bici con origine o destinazione Villafranca di Verona, stazione dalla quale parte la pista ciclabile che arriva a Valeggio sul Mincio. Da Villafranca si possono comodamente raggiungere anche altre piste del Veronese e la ciclabile Peschiera-Mantova. Grazie a un accordo con il Parco Sigurtà di Valeggio sul Mincio, chi presenterà alle casse il biglietto del treno avrà uno sconto di 3 euro sull’ingresso. Il connubio treno+bici si configura come viaggio ecologico per eccellenza, dedicato a tutti gli appassionati delle gite fuori porta che apprezzano la mobilità dolce, slow, salutare. Per favorire lo spostamento in famiglia, i bambini sotto i quattro anni viaggiano gratuitamente, mentre quelli tra i quattro e i 12 con uno sconto del 50%. E il proprio animale domestico viaggia gratuitamente se portato nel trasportino.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2017

Rfi | Manutenzione straordinaria della galleria San Gerlando, treni sospesi tra Agrigento Bassa e Agrigento Centrale

di Fabio Nicolosi

Importanti interventi di manutenzione straordinaria saranno realizzati da Rete Ferroviaria Italiana, tra Agrigento Bassa e Agrigento Centrale, da lunedì 3 luglio a mercoledì 16 agosto 2017. I lavori interesseranno la Galleria San Gerlando e consisteranno nel consolidamento della volta e degli elementi portanti della struttura, realizzazione di una paratia costituita da pali e contestuale sostituzione di rotaie e scambi. Investimento economico circa 2,7 milioni di euro. Per l’intera durata dei lavori, fra Agrigento Bassa e Agrigento Centrale sarà sospesa la circolazione dei treni. Per garantire la mobilità saranno attivati servizi sostitutivi con autobus. Le informazioni di dettaglio sui provvedimenti, con l’elenco completo dei treni interessati, orari e punti di fermata, saranno disponibili nelle stazioni, uffici assistenza clienti e su tutti i canali informativi del Gruppo FS Italiane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 lug 2017

Metropolitana di Bari, il 3 luglio apre la stazione Cecilia

di mobilita

Martedì 4 luglio 2017 entrerà in esercizio la fermata Cecilia del servizio ferroviario metropolitano di Bari. La linea FM1 avrà quindi 10 stazioni e la fermata Cecilia diventerà il nuovo capolinea, dopo la fermata Ospedale. I treni in servizio sulla FM1 partono dalla stazione di Bari Centrale della Ferrotramviaria, attigua all'omonima stazione FS, e percorrono il primo tratto della linea per Barletta, toccando le fermate urbane di Quintino Sella, Brigata Bari e Francesco Crispi; tale tratto è a binario unico. Alla stazione di Fesca-San Girolamo ha inizio la tratta di nuova costruzione, in viadotto e a doppio binario; dopo la fermata di Tesoro, posta sul viadotto, la linea scende al piano di campagna e si interra, toccando le fermate sotterranee di Cittadella della Polizia e San Gabriele, fino alla stazione di Ospedale San Paolo, I lavori del prolungamento della tratta sono iniziati nel 2013 mediante la costruzione di un tratto di galleria artificiale lungo circa 600m, che si sviluppa nel territorio comunale di Modugno.  L’architettura proposta per il fabbricato della Stazione Cecilia nasce da due elementi fondamentali di studio: Il primo, tutto Ambientale, è relativo al recepimento delle indicazioni di massima riduzione dell’impatto volumetrico del progetto sul territorio, richiesto dagli Enti territoriali nel corso delle approvazioni di competenza e alla definizione del progetto valutato alla luce delle strategie suggerite nelle linee guida Regionali in merito al miglioramento del microclima e confort, individuando i temi e le soluzioni applicabili come il controllo delle radiazioni solari e il contributo della vegetazione per la qualità degli spazi aperti ed interni; sono stati approfonditi gli aspetti della progettazione finalizzata a migliorare le prestazioni energetiche , tecnologiche e manutentive dell’edificio. Pertanto rispetto all’area di valutazione CONSUMO RISORSE sono stati proposti materiali idonei, e previsti sistemi per il contenimento dei consumi di energia elettrica e di acqua (uso di fotovoltaico e sistemi di raccolta delle acque); rispetto all’area di valutazione QUALITA’ DEL SITO si sono utilizzate soluzioni per ridurre l’Isola del calore; rispetto all’area di valutazione QUALITA’ ENERGETICA sono state utilizzate soluzioni di ombreggiamenti e ventilazione incrociata e di facciata. Il secondo, tutto architettonico, è relativo al mantenimento della “immagine architettonica” congruente con le altre fermate sia pure con piccole variazioni che ne determinano la dovuta riconoscibilità dell’opera architettonica e della stazione in particolare; inoltre sono stati ottimizzati i volumi dei due corpi scala, riducendone la parte ininfluente ai fini funzionali e recuperando tale volumetria ampliando la superficie di piano terra ( hall) migliorando così la funzionalità degli spazi di distribuzione. L'opera è stata commissionata da Ferrotramviaria ed è costata circa 25 milioni di euro (fondi ministeriali ed europei) e consentirà ai 4mila residenti della zona Cecilia di raggiungere il centro di Bari.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 giu 2017

Trenitalia Regionale Veneto: consegnato l’ultimo Swing

di mobilita

Consegnato l’ultimo dei nove treni Swing destinati ai pendolari veneti. Finita l’era delle automotrici 668. Ieri nella stazione di Conegliano Veneto il presidente della Regione Luca Zaia ha ufficialmente “pensionato” le ALN 668 serie 1200. Con lui l’assessore regionale Infrastrutture e Trasporti Elisa De Berti e il direttore regionale Veneto di Trenitalia, Tiziano Baggio, è stata così salutata definitivamente la gloriosa automotrice, in servizio dal 1979. Lo Swing consegnato ieri è l’ultimo dei nove nuovi treni diesel che, grazie agli investimenti previsti nella proroga del Contratto di Servizio con la Regione, sono entrati in esercizio sui binari del Veneto. I nuovi convogli circolano fra Venezia, Conegliano, Belluno, Calalzo e Padova, con indubbi miglioramenti sulla qualità complessiva del viaggio. L’entrata in esercizio degli Swing ha portato benefici anche su altre linee, è stata infatti riprogrammata tutta l’offerta fra Calalzo, Belluno e Treviso (via Conegliano), con treni Minuetto al posto appunto delle ormai vetuste “668”. Il bellunese può ora contare su treni moderni, confortevoli e affidabili. L’età media della flotta diesel in Veneto passa così da 23 a 18 anni. Quella dell’intera flotta veneta è di 15,8 anni, grazie appunto all’entrata in esercizio di Swing e Vivalto. Gli Swing sono treni progettati e realizzati secondo le più avanzate concezioni di ingegneria, con accessori e dotazioni tecnologiche all’avanguardia, tali da elevare i correnti standard di affidabilità, puntualità, comfort, security e informazione ai passeggeri. Realizzati dalla Pesa, offrono 161 posti a sedere (due postazioni per persone a mobilità ridotta) e sono attrezzati per il trasporto delle bici. Possono raggiungere la velocità di 130 chilometri orari e sono dotati di monitor e apparati audio per una migliore comunicazione con i passeggeri. Sono dotati di sei telecamere interne e quattro esterne per garantire la video sorveglianza live che diffonde in diretta, sui monitor del treno, le immagini riprese dalle telecamere di bordo. Inoltre, registra le immagini rendendole rapidamente fruibili, nel rispetto delle disposizioni di legge sulla privacy, alle forze dell’ordine. Il sistema, insieme a una corretta comunicazione sulle sue funzioni, mira quindi ad avere un effetto dissuasorio verso vandali e malintenzionati e, in caso di azioni illecite, a individuare più efficacemente i responsabili. Presentano la nuova livrea esterna che contraddistingue tutta la flotta regionale, caratterizzata da un forte contrasto tra lo sfondo antracite opaco e le marcate pennellate di colore. I nove Swing sono un ulteriore tassello del piano nazionale di rinnovo della flotta regionale che Trenitalia sta attuando attraverso ingenti investimenti in autofinanziamento, sostenibili grazie al flusso di cassa generato dai Contratti di Servizio con le Regioni. In tutto il Veneto nel mese di maggio si registra una percentuale di puntualità dei treni regionali pari al 93,0%, con la punta record del 96,7% sulla linea Belluno - Conegliano e del 99,1% sulla Belluno - Calalzo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Foggia

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo e su previsioni di sviluppo futuro da Contratto di Programma 2015-2018. Aeroporto di Foggia. Società di gestione: AEROPORTI DI PUGLIA SpA L’aeroporto di Foggia è inserito nell’articolato sistema viario e ferroviario della Capitanata. Il completamento degli interventi di potenziamento infrastrutturale contribuirà al rilancio dello scalo a beneficio del traffico commerciale, sia di linea che charter, funzionale alle esigenze dell’industria delle vacanze che ha nel Gargano uno dei più importanti poli attrattivi della Puglia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Firenze

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Firenze. Società di gestione: TOSCANA AEROPORTI SpA L’aeroporto di Firenze ha vissuto fortune alterne fino al 1986, anno a partire dal quale ha iniziato un progressivo sviluppo sia infrastrutturale che commerciale, che oggi si attua su due fronti: l’integrazione con lo scalo di Pisa e la realizzazione di una nuova pista. Questi obiettivi consentiranno al sistema toscano di accogliere la crescita di passeggeri prevista nei prossimi anni, anche alla luce dell’incremento delle frequenze giornaliere programmate dalle compagnie aeree sulle principali destinazioni esistenti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2017

Trenitalia, Frecciargento Foggia – Roma: dal 4 settembre al via un nuovo collegamento

di mobilita

Partirà il prossimo 4 settembre un nuovo collegamento giornaliero Frecciargento di Trenitalia tra Foggia e Roma. Le due corse faranno fermate intermedie a Benevento e a Caserta impiegando il mattino 2 ore e 42 minuti da Foggia a Roma e il pomeriggio 2 ore e 50  minuti da Roma a Foggia. Dal capoluogo la partenza è prevista alle 5.00 con arrivo a Roma Termini alle 7.42. Da Roma Termini la corsa pomeridiana partirà alle 16.55 con arrivo a Foggia alle 19.45. Il nuovo collegamento, realizzato interamente a rischio d’impresa da parte di Trenitalia, verrà realizzato estendendo le due attuali corse tra Roma e Benevento, introdotte lo scorso 11 giugno con l’attivazione del nuovo orario. I nuovi servizi saranno inseriti nei sistemi di consultazione e vendita di Trenitalia nelle prossime settimane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Cuneo

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Cuneo. Società di gestione: GEAC SpA Comoda porta d'accesso a un'area ricca di esclusive eccellenze, l'aeroporto di Cuneo, strategicamente situato nel cuore della Regione Piemonte a soli 50 km da Torino, rappresenta un tassello importante per lo sviluppo del territorio sia in termini di incremento di accessi turistici, grazie alla prossimità alla zona UNESCO di Langhe e Roero, sia in relazione alla peculiare caratteristica dello scalo di avere nella sua catchment area aziende leader a livello mondiale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Comiso

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Comiso. Società di gestione: SOACO SpA L’aeroporto di Comiso, ex base missilistica NATO, nasce dall’attuazione del programma europeo KONVER che, tra l’altro, finanziava misure di riconversione dei siti militari. Dal 30 maggio 2013 l’aeroporto è aperto all’attività di traffico commerciale intracomunitario e attualmente è classificato anche come aeroporto doganale e inserito come tale nel Piano Nazionale degli Aeroporti.

Leggi tutto    Commenti 0