Articolo
18 lug 2019

Grandi Navi Veloci blocca la commessa di due navi Ro-Pax con i cantieri Gsi in Cina

di mobilita

Grandi Navi Veloci blocca, al momento, la commessa delle due navi adibite sia al trasporto passeggeri sia al trasporto merci per un importo previsto di circa 150 milioni di euro ognuna. L'accordo era stato siglato a febbraio del 2018 a Pechino con i cantieri Gsi, e prevedeva la costruzione a Guangzhou, in Cina, di nuove unità adibite sia al trasporto passeggeri che a quello merci. Le navi previste dovevano essere quattro, di cui due destinate alla famiglia Onorato e le restanti a GNV. Al momento restano confermate solo le due navi destinate alla famiglia Onorato la cui consegna è prevista nel 2022 e verranno utilizzate sulle rotte tra la Sardegna e la Penisola. Ti potrebbe interessare: L’armatore Achille Onorato annuncia la costruzione in Cina di due nuove navi ro-pax

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 lug 2019

Stadler Rail si aggiudica l’appalto per 80 tram a Milano

di mobilita

Stadler vince la gara d'appalto per l'accordo quadro per fornire 80 tram TRAMLINK per Milano per una base d’asta di 213 milioni di euro.  Grazie al suo TRAMLINK Stadler è emerso come il vincitore della gara d'appalto per un accordo quadro per consegnare fino a 80 tram per Azienda Trasporti Milanesi (ATM). L'ordine iniziale è per 30 veicoli, la durata dell'accordo quadro è di sei anni.  TRAMLINK è un tram multiarticolato a piano ribassato, accessibile ai portatori di handicap, ha una struttura leggera e soddisfa la norma anticollisione ai sensi di EN 15227.  Esiste anche una versione per il funzionamento senza linea di contatto. L'abitacolo interno può essere configurato in maniera personalizzata, anche le posizioni delle porte possono essere adeguate alle esigenze.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 lug 2019

Gli e-commerce si fanno green per una maggiore attenzione all’ambiente 

di ospite

Anche gli e-commerce mostrano il loro interesse verso l’ambiente rivedendo il processo di logistica e optando per corrieri espressi green. La sostenibilità ambientale è un problema sempre più sentito e anche gli e-commerce si stanno muovendo per mostrare tutta la loro attenzione ai problemi ambientali che potrebbero essere causati dagli imballaggi utilizzati e dal numero sempre più crescente di veicoli utilizzati per le consegne. Dai grandi colossi, come Amazon e eBay, fino ai negozi online di produttori locali, tantissimi e-commerce si stanno muovendo per rendere il loro processo sempre meno impattante sulla salute del pianeta. Il problema dell’inquinamento prodotto dai mezzi di trasporto viene affrontato già da anni all’interno delle città con misure di limitazione del traffico, targhe alterne e controllo delle emissioni. Non è quindi un problema da sottovalutare, soprattutto dal punto di vista degli e-commerce che si avvalgono in modo massiccio dell’uso di mezzi di trasporto. I negozi online che desiderano essere più competitivi sul mercato si stanno muovendo per adeguare i loro processi, partendo proprio dall’utilizzo di corrieri espressi green. Corrieri green per città e centri storici Per dotarsi di un sistema di spedizioni green, gli e-commerce hanno optato per le biciclette a pedalata assistita al posto dei furgoni. Passeggiando per le città, soprattutto nelle più grandi, può capitare spesso di vedere ragazzi con le biciclette e gli zaini brandizzati che si apprestano a svolgere le consegne dei pacchi di dimensioni più contenute. La scelta di corrieri green ha due principali risvolti positivi. Il primo è quello di limitare in modo consistente l’inquinamento ambientale e, il secondo, è di riuscire a raggiungere in breve tempo qualsiasi zona pedonale con grandi concentrazioni di persone, dove un furgone farebbe fatica ad accedere. Oltre all’impatto ambientale, una scelta sostenibile viene percepita in modo molto positivo anche dai clienti. I brand sono orientati a migliorare la cosiddetta customer journey, il percorso di acquisto dei clienti. Questo studio parte dal presupposto che anche le persone fisiche sono molto attente alla situazione ambientale, all’inquinamento e alla qualità dell’aria. Per questi motivi, molti e-commerce si affidano ad aziende specializzate nella gestione delle spedizioni. Una di queste è Packlink PRO che organizza in modo veloce ed efficiente le spedizioni di pacchi scegliendo tra corrieri nazionali ed internazionali. Inoltre, Packlink PRO offre tariffe spedizioni e-commerce estremamente vantaggiose. Come rendere la logistica più green Oltre all’attenzione verso i mezzi di trasporto, un altro aspetto da considerare è la grande quantità di plastica utilizzata dai negozi online per imballare i prodotti e per assicurare la consegna in buono stato. Amazon ha dato l’esempio con la creazione di un imballaggio ad “apertura facile”. I produttori possono richiedere direttamente ad Amazon di spedire la loro merce con questa nuova tipologia di imballaggio certificata. Come spiega l’azienda stessa, si tratta di un imballaggio riciclabile, progettato per ridurre gli sprechi, facile da aprire e con un design testato in laboratorio. Un’altra scelta che stanno facendo gli e-commerce è quella di utilizzare carta riciclata per i loro imballaggi, cercando di eliminare in modo massiccio tutti gli altri materiali. Inoltre, si stanno testando sempre più soluzioni al fine di poter riutilizzare gli imballi per la restituzione e il reso al negozio. Rimanere al passo con le aspettative Gli e-commerce, nel tempo, hanno educato i clienti ad aspettarsi un servizio celere, sicuro ed economico. Oggi, a queste condizioni, si aggiunge anche un approccio più ecologico, rispettoso dell’ambiente e in linea con le aspettative della clientela. Lo sviluppo sostenibile sta oggi interessando tantissimi rami dell’industria e cerca di rivedere metodi, tecnologie e processi per cercare di inquinare l’ambiente nel minor modo possibile. L’e-commerce idealo.it ha svolto un sondaggio sugli stili di vita sostenibili. Il risultato è stato che il 70,3% dei partecipanti hanno dichiarato di essere disposti a pagare di più per ottenere un prodotto ecosostenibile. Il dato estremamente rilevante è che, la maggior parte di coloro che hanno fornito questa risposta, si trovano in una fascia di età fra i 18 e i 24 anni, quindi le nuove generazioni che si stanno accorgendo proprio ora di quanto sia importante trattare bene il pianeta. Questo sottolinea quanto la clientela sia attenta all’argomento e quando sia maggiormente incline ad acquistare quando si imbatte in un negozio che applica una politica ecosostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 lug 2019

Da ottobre 2019 tutti i voli British Airways diretti a Heathrow, Pechino saranno operati nel nuovo Daxing Airport

di mobilita

British Airways ha annunciato che tutti i voli diretti da Heathrow a Pechino e ritorno saranno operati nel nuovo Daxing Airport dal 27 ottobre 2019, con voli disponibili su ba.com da oggi. British Airways è la prima compagnia aerea internazionale a confermare che trasferirà tutte le operazioni a Pechino Daxing. Con 52.000 m2 disponibili per vendita al dettaglio, cibo, bevande e servizi, le strutture di Beijing Daxing per i clienti di British Airways comprenderanno oltre 300 negozi e ristoranti e, per gli idonei all’accesso, una nuova partner lounge. Il nuovo aeroporto dista circa 50 km dal centro di Pechino e dalla nuova area di Xiong’an e solo 80 km da Tianjin. I collegamenti di trasporto da e per Pechino Daxing includono quattro nuove autostrade, due nuove linee della metropolitana e una ferrovia ad alta velocità, che porteranno i clienti alla stazione di Pechino Ovest in meno di 20 minuti. Nei prossimi anni è prevista l’apertura di una nuova stazione terminale nel Lize Business District. Noella Ferns, British Airways Executive Vice President in Greater China and the Philippines, ha dichiarato: “Siamo molto entusiasti di trasferirci a Beijing Daxing. Il nuovo aeroporto offrirà ai nostri clienti che volano da e verso Pechino un’esperienza di livello mondiale, con strutture all’avanguardia tra cui una lounge migliorata per i nostri clienti Club World e First. Sosterrà anche la nostra ambizione di aumentare gli spostamenti per lavoro e tempo libero tra la Cina e il Regno Unito”. Beijing Daxing, che dovrebbe essere inaugurato a settembre 2019, ospiterà inizialmente quattro piste e un terminal. In futuro, includerà altre tre piste e un secondo terminal. La mossa aiuterà inoltre British Airways a rafforzare e sviluppare la propria rete attraverso il suo accordo di codeshare con China Southern Airlines, che avrà base anche nel nuovo aeroporto. La rotta da Londra a Pechino continuerà come servizio giornaliero, operata da un Boeing 787-9 in inverno e da un Boeing 777-300 in estate, con quattro cabine: First, Club World (Business Class), World Traveller Plus (Premium Economy) e World Traveller (Economy). British Airways inoltre ha inaugurato la sua nuova lounge a San Francisco, la terza lounge degli Stati Uniti, in seguito alla recente apertura della sua First and Club lounge al Terminal 7 di New York JFK. La nuova lounge si sviluppa su 665 metri quadrati, con una serie di zone per soddisfare le esigenze dei propri clienti. Carolina Martinoli, Director of Brand and Customer Experience di British Airways, ha dichiarato: “Sappiamo che le lounge rappresentano una parte importante del viaggio per alcuni dei nostri clienti, quindi siamo lieti di poter aprire questo nuovo spazio a San Francisco, la terza lounge negli Stati Uniti che beneficia del nostro programma di investimenti”. Questa lounge con il nuovo concetto di design segue le Club e First lounge a New York JFK, Roma e Aberdeen in Scozia. La lounge British Airways a Johannesburg sarà la prossima, con ulteriori investimenti programmati a Ginevra, Chicago e presso l’hub della compagnia aerea, London Heathrow.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 lug 2019

Come sono cambiate le città con l’alta velocità

di mobilita

In Italia, il sistema Alta Velocità ha rivoluzionato lo stile di vita delle persone e la mobilità del Paese. Da un lato ha cambiato il concetto di viaggio e pendolarismo, dall’altro contribuisce anche alla rigenerazione dei grandi centri urbani e delle aree urbane limitrofe. Spazi da connettere, riscoprire e vivere. Di questi temi ha parlato Carlo De Vito, Presidente di FS Sistemi Urbani - la società di FS Italiane che valorizza il patrimonio immobiliare del Gruppo non più funzionale alle attività ferroviarie – al MAXXI di Roma nel corso dell’incontro Spazi urbani: come cambiano, e come ci stanno cambiando, terzo appuntamento del progetto Roma-Milano. Andata e Ritorno. L’appuntamento - organizzato dal MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, e dalla Triennale di Milano con la sponsorship di Trenitalia - è stato occasione per approfondire il ruolo dell’alta velocità ferroviaria come strumento di sviluppo dei territori e delle città, a partire da Roma e Milano collegate ogni giorno da 104 Frecciarossa. Le nuove stazioni dell’alta velocità, progettate da importanti archistar selezionate con Concorsi internazionali, sono l’elemento centrale della nuova architettura che si sta sviluppando e si svilupperà nelle aree urbane in cui sono inserite. Oltre ad essere occasione di sviluppo sono fattore per la valorizzazione degli immobili del terziario (uffici e attività commerciali). A Milano, ad esempio, secondo i dati di Nomisma, gli uffici attorno alle stazioni Rogoredo e Porta Garibaldi hanno registrato, in dieci anni, un incremento dei canoni medi, rispettivamente del 10,1% e del 9,6%, a fronte di un calo medio complessivo del 20,5% nel Capoluogo lombardo. A Roma, nello stesso periodo, i canoni medi dei negozi sono complessivamente scesi del 24,1%, mentre il calo registrato nelle aree intorno alla stazione Tiburtina è stato dell’ordine del 2%. Torino Porta Susa, Reggio Emila AV Mediopadana, Bologna Centrale AV, Roma Tiburtina e Napoli Afragola hanno ridefinito anche il concetto stesso di stazione. La stazione non è più solo un luogo dove iniziare o terminare un viaggio, ma una nuova piazza urbana dove incontrarsi, fare acquisti e riappropriarsi del proprio tempo. I nuovi hub, in alcuni casi vere proprie opere d’arte, oltre ad essere funzionali per le persone sono elemento trainante per la riqualificazione del tessuto urbano circostante.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
09 lug 2019

Completata la costruzione del secondo aeroporto internazionale di Pechino Daxing

di Roberto Lentini

Completata la costruzione del secondo aeroporto internazionale di Pechino Daxing con l'obiettivo di iniziare le operazioni entro il 30 settembre 2019. In questa fase, in attesa di iniziare le operazioni, ci saranno sei serie di test principali con decolli e atterraggi. Il primo di questi si è svolto il 13 maggio, con aerei di varie dimensioni da Air China, China Southern Airlines, China Eastern Airlines e Xiamen Airlines. I collegamenti stradali e ferroviari tra l'aeroporto e la città principale sono già in fase di completamento e dovrebbero essere pienamente operativi con la messa in esercizio dell'aeroporto. L'aeroporto internazionale di Pechino Daxing sarà in grado di gestire 72 milioni di passeggeri all'anno entro il 2025 e 100 milioni entro il 2040. Ti potrebbe interessare: Il più grande aeroporto al mondo a terminal singolo è in Cina e sarà inaugurato nel 2019

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2019

Meyer Turku incassa il terzo contratto da Royal Caribbean per una nuova nave crociera Icon

di mobilita

Royal Caribbean Cruises Ltd. e il cantiere navale Meyer Turku hanno firmato un accordo (ancora soggetto a finanziamento) sulla consegna di una terza nave da crociera di classe Icon, da consegnare da Turku nella primavera del 2025. Le precedenti navi Icon devono essere consegnate nel 2022 e 2024. Le navi da crociera Icon avranno una stazza lorda di 200.000 e saranno alimentate da GNL. "A Royal Caribbean, siamo costantemente concentrati sul miglioramento dell'esperienza degli ospiti costruendo nuove navi da crociera in cinque diversi paesi.Il design della nave Icon si sta sviluppando bene con Meyer Turku e spingerà i confini di ciò che definisce una moderna nave da crociera. progettato con la massima attenzione alla sostenibilità ambientale e alla riduzione delle nostre emissioni. Insieme al Meyer Turku, abbiamo sfruttato le ultime tecnologie e cerchiamo congiuntamente di svilupparne di nuove. "È con grande sicurezza che ordiniamo orgogliosamente Icon III. Per costruire le tre Icon, ci affidiamo allo sviluppo e alla flessibilità del cantiere di Turku e del cluster marittimo finlandese e ad un ambiente imprenditoriale adatto in Finlandia ", commenta il Vicepresidente esecutivo per il settore marittimo e newbuilding per Royal Caribbean Cruises Harri Kulovaara. Meyer Turku ha una storia di lunga data insieme a Royal Caribbean che è stata dimostrata più e più volte con molte innovazioni e navi che erano e sono ancora le caratteristiche del settore delle costruzioni di navi da crociera. Questi includono tra gli altri la prima passerella Royal Promenade costruita per la Voyager of the Seas nel 1999 e all'epoca rivoluzionarie e grandi navi da crociera Oasis e Allure of the Seas nel 2009 e nel 2010. La costruzione della prima nave Icon inizierà nel cantiere navale Meyer Turku nella primavera del 2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2019

MIT al lavoro per le barriere antirumore sulla rete RFI

di mobilita

Prosegue il proficuo lavoro al MIT in merito al dossier delle barriere antirumore sulla rete RFI, in vista di soluzioni alternative visivamente meno impattanti sul paesaggio. Il tema è molto sentito, in particolare, tra le popolazioni che vivono a ridosso della linea adriatica: non a caso i tavoli del Ministero stanno ricevendo un apporto determinante anche dai senatori marchigiani di maggioranza Mauro Coltorti, presidente dell'VIII commissione Lavori pubblici e Trasporti, e Giorgio Fede, membro della stessa commissione. Si avvicina, dunque, la soluzione normativa che consentirà, in alcuni tratti, di risolvere l'annosa questione ed evitare barriere antirumore che arrivano fino a 7-8 metri di altezza. Si sta agendo, di concerto anche con il Ministero dell'Ambiente, oltre che con le società del gruppo FS Italiane, per ridurre all'origine l'inquinamento acustico, intervenendo sulla linea e sul materiale rotabile. In questo modo si potranno coniugare al meglio esigenze ambientali e paesaggistiche.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2019

Air Italy, niente code con il Fast Track

di mobilita

 In previsione dell'alto traffico di turisti atteso per le vacanze, Air Italy velocizza i passaggi aeroportuali per i propri passeggeri. Air Italy si afferma come prima compagnia aerea italiana ad introdurre l'acquisto del servizio Fast Track direttamente sul proprio sito web, risparmiando così ai propri passeggeri ancora più tempo in aeroporto e rendendo più confortevole l'attesa della prossima partenza per le vacanze. L'iniziativa arriva inoltre in tempo per offrire ai viaggiatori milanesi un po' di sollievo e una migliore esperienza aeroportuale a seguito del previsto aumento di traffico dell'aeroporto di Malpensa durante la chiusura per tre mesi dell'aeroporto di Linate, a partire dal prossimo 27 luglio. "Continuiamo a crescere ed espandere la nostra rete e ci dedichiamo contemporaneamente alla ricerca di nuovi modi per migliorare e ottimizzare l'esperienza di viaggio dei nostri passeggeri", ha dichiarato Rossen Dimitrov, Chief Operating Officer di Air Italy. "La possibilità di acquistare il servizio Fast Track sul nostro sito web che offriamo ai nostri clienti, risponde a questo obiettivo e rende la loro esperienza di viaggio sempre più fluida". Il servizio Fast Track è ora acquistabile sul sito web di Air Italy durante il regolare flusso di prenotazione dei biglietti aerei, al prezzo di 9 euro e acquistandolo i passeggeri potranno usufruire di una coda dedicata al controllo di sicurezza, che raggiungendo più rapidamente il gate di partenza. Air Italy include questo servizio nell'ambito dei pacchetti Fly Pass Silver card (200 euro) e Fly Pass Gold card (500 euro), oppure attraverso il programma Frequent Flyer @MyAirItalyClub tramite il riscatto di punti Avios. Acquistare il Fast Track pass di Air Italy è semplice: basta cliccare su “Servizi on line” nella sezione “Prima del volo”, dove sono disponibili anche i link per prenotare il posto a bordo, effettuare il web check-in e acquistare il servizio d’imbarco prioritario. Si potrà inoltre scegliere di usufruire del servizio Fast Track anche in un secondo momento, senza alcun limite di tempo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2019

Milano Linate chiude per tre mesi per rifarsi interamente il look: il dettaglio dei lavori

di Amedeo Paladino

L’aeroporto di Milano Linate resterà chiuso per tre mesi: dal 27 luglio al 27 ottobre 2019 lo scalo milanese subirà un restyling radicale della pista e dell'aerostazione. I voli verranno spostati a Malpensa e Orio al Serio. Dal 27 luglio al 27 ottobre 2019 Linate chiude per intervenire sulla pista di decollo e atterraggio, lunga 2,4 chilometri e larga 60 metri, e quella di rullaggio, come previsto dalla normativa vigente che ne impone la manutenzione ogni 15/20 anni. Ne verrà completamente rifatto il manto, per uno spessore totale di circa 60 centimetri, e verranno sostituite le testate in calcestruzzo con altre testate in cemento, un materiale più flessibile, moderno e sicuro. Questo intervento è fattibile soltanto nel periodo estivo, poiché la lavorazione della pista e delle sue componenti richiede un meteo stabile, sereno, e un clima caldo per essere apportata al meglio. Un’altra parte dei lavori riguarderà l’installazione dei quattro nuovi sistemi di BHS (Baggage Handling System), ovvero l’impianto che gestisce le valigie e le prepara prima dell’imbarco sull’aereo (10,9 milioni di euro di investimento). Questi sistemi di ultima generazione permettono controlli più accurati delle valigie, aumentando i livelli di sicurezza e accorciando i tempi di controllo e smistamento. Gli interventi più radicali riguarderanno il restyling e l’ampliamento dell’aerostazione (per un investimento di 27,2 milioni). Sarà volta alla creazione di una nuova area commerciale (dedicati principalmente agli affari e in grado di incontrare i gusti della nostra clientela business), di un’area food&beverage (in cui freschezza e qualità degli alimenti saranno al centro dell’offerta) e di spazi più ampi, luminosi e accoglienti per rendere il percorso del viaggiatore più piacevole. Questa fase inizierà contestualmente all’avvio dei lavori di rifacimento della pista, ma non si concluderà con la riapertura di Linate prevista per il 27 ottobre, continuando invece fino alla prima metà del 2021. Al termine di tutti gli interventi Linate sarà un city airport moderno e all’avanguardia, votato all’accoglienza dei passeggeri per garantire loro sempre il massimo in termini di sicurezza, di comfort e di servizio.

Leggi tutto    Commenti 0