Articolo
20 ott 2018

Costa Crociere rinnova la partnership con Singapore Tourism Board e Changi Airport Group

di mobilita

Il nuovo accordo triennale potrà contare sulla presenza a livello globale di Costa, sull’offerta di Singapore come homeport crocieristico e sulla connettività dell'aeroporto di Changi per rafforzare ulteriormente l'attrattività del Sud-est asiatico come destinazione crocieristica. La partnership prevede l'avvio di iniziative di co-marketing in diversi paesi in cui Costa opera e include la creazione di pacchetti unici dedicati agli ospiti di Costa Crociere. L’obiettivo è quello di portare oltre 100.000 crocieristi internazionali a Singapore con la formula fly&cruise nei prossimi tre anni. Costa Crociere è stata la prima compagnia al mondo ad effettuare crociere regolari in Asia a partire dal 2006. Attualmente sono 4 le navi, su 14 totali della flotta Costa, ad essere posizionate in Asia e destinate al mercato asiatico durante tutto l’anno. Tra queste Costa Fortuna, nave con una capacità totale di 3.470 ospiti, che al momento opera in Estremo Oriente e a partire da metà novembre 2018 fino a marzo 2019 avrà come homeport Singapore. "Costa Crociere è un’azienda pioniera nel settore crocieristico, che innova costantemente i propri prodotti per offrire agli ospiti un'esperienza di crociera indimenticabile. Siamo entusiasti di esplorare l'opportunità di sviluppare ulteriormente una destinazione così esotica come Singapore, dove Costa ha una presenza di lunga data e che offre un grande potenziale per l’industria delle crociere, grazie anche alla presenza dell'aeroporto internazionale di Changi",  ha affermato Neil Palomba, Direttore Generale di Costa Crociere. Singapore è un’importante crocevia nella regione del Sud-est asiatico per i crocieristi, grazie alla sua posizione strategica, al dinamico mercato del turismo e alle sue principali infrastrutture aeree e crocieristiche. Nel 2017, Singapore ha accolto 421 scali di navi da crociera e ha registrato un numero di passeggeri pari a 1,38 milioni. Ciò rappresenta un aumento rispettivamente del 3% e del 17% se confrontato con i dati del 2016. "STB è lieta di aver stipulato una nuova partnership con Costa Crociere e Changi Airport Group. Costa Crociere è un partner di valore che ha come homeport Singapore da oltre 10 anni. Questa collaborazione farà leva sulla forza del marchio Costa nei principali mercati a lungo raggio in Europa per diversificare ulteriormente i mercati di provenienza dei visitatori e rafforzerà la posizione di Singapore come homeport della regione", ha dichiarato Yap Chin Siang, Assistant Chief Executive, Policy & Planning Group di STB. Lim Ching Kiat, Managing Director di Changi Airport Group per Air Hub Development, ha dichiarato: "Grazie agli ottimi collegamenti aerei di Changi Airport con più di 400 città in tutto il mondo, Singapore è ben posizionata per fungere da crocevia per la regione. Siamo entusiasti di entrare a far parte di una seconda partnership con Costa Crociere e Singapore Tourism Board, in quanto ciò offrirà maggiori opportunità di crescita del segmento fly&cruise, che rappresenta parte della nostra strategia per garantire una crescita sostenuta per i nostri partner e per l'hub aereo di Changi." 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 ott 2018

Eurowings e Deutsche Telekom consentono la navigazione gratuita a bordo

di mobilita

Navigare in internet fra le nuvole gratuitamente con Eurowings e Deutsche Telekom, internet provider di Eurowings, che offre i primi dieci minuti di navigazione ad alta velocità. Già dallo scorso febbraio i passeggeri di Eurowings possono navigare in internet durante il volo grazie a “WINGS Connect”, comunicare e usufruire di servizi streaming. Unitamente al provider satellitare britannico Inmarsat, Deutsche Telekom e Eurowings offrono ai passeggeri la banda larga a bordo utilizzando la nuova tecnologia satellitare. La compagnia ha equipaggiato 72 aeromobili A319 e A320 con il nuovo sistema, permettendo ai passeggeri una comoda navigazione e un volo rilassante. Scelta fra tre pacchetti diversi I passeggeri possono scegliere fra tre diversi pacchetti che più si addicono alle loro necessità e che possono essere acquistati comodamente sul portale “WINGS Connect”. Con Connect S si può inviare messaggi e e-mail al costo di € 3,90 per volo. Connect M permette di navigare e di accedere a film e serie scelti all’interno dell’offerta “WINGS Entertainment” al costo di € 6,90 per volo. Connect L offre inoltre l’accesso streaming a video e musica al costo di € 11,90 a volo. Tramite il portale “WINGS Connect” i passeggeri accedono a informazioni relative al volo, alla loro destinazione e alle offerte dei partner. Collegamento WLAN a bordo Per navigare a bordo di Eurowings, i passeggeri utilizzano i propri dispositivi, tablet, smartphone o laptop, collegandosi con un Hotspot WLAN al portale “WINGS Connect” tramite il proprio browser. L’utilizzo è semplice: la pagina di login è a disposizione di tutti i passeggeri tramite la piattaforma WIFI di Deutsche Telekom. Inoltre, attivando il WIFI Roaming è possibile attivare il servizio anche tramite altri provider di telecomunicazioni utilizzando i dati di accesso personali. Il collegamento internet è un elemento decisivo nella scelta del volo Sondaggi correnti, condotti a livello internazionale, dimostrano che circa il 60% dei viaggiatori considerano una connessione veloce a bordo non un lusso ma una necessità, come dimostrano per esempio gli studi del 2018 di Inmarsat. L’80% delle 9500 persone coinvolte nel sondaggio affermano che vorrebbero usare internet a bordo del loro prossimo volo, tra questi la fascia compresa tra i 18 e i 30 anni supera circa il 91%. Secondo le ricerche del consulente aziendale Roland Berger, la disponibilità dell’in-flight Internet rimane ancora il terzo fattore più importante sulla scelta del volo. Così, con questa offerta, Eurowings sta rispondendo nello specifico ai bisogni dei suoi clienti su tutto l’intero viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ott 2018

Toninelli, “basta alle opere faraoniche, facciamo lavorare le tante microimprese”

di mobilita

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli oggi ha fatto visita al Saie di Bologna, Salone internazionale dedicato all'edilizia. Durante l'incontro il ministro ha ribadito che è arrivato il momento di dire basta alle grandi opere faraoniche, molte delle quali rimaste incompiute. Bisogna invece puntare a tante piccole opere che darebbero lavoro a tante microimprese,  Interpellato sul Passante di Mezzo il ministro Toninelli ha risposto: "Penso sia una delle regioni più strategiche e importanti. Dobbiamo anche in Emila Romagna come in tutta Italia, mettere in sicurezza tutte le nostre strade, perche' la mia principale preoccupazione e' che e' inaccettabile che ancora troppo spesso, anche in Emilia Romagna, ci siano nostri utenti della strada che non si sentano sicuri". Il Passante di Mezzo di Bologna avrebbe dovuto essere il tratto autostradale a doppia carreggiata composto da due corsie (ognuna delle quali da 3,75 m di larghezza) più corsia di emergenza (larga 3 m) per senso di marcia che avrebbe dovuto collegare l'autostrada A1 all'autostrada A13 ed all'autostrada A14, consentendo di oltrepassare il nodo di Bologna.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
19 ott 2018

Acqua, a breve piano straordinario invasi. 250 mln per 27 opere

di mobilita

La prossima settimana il Piano straordinario riguardante gli invasi multiobiettivo e il risparmio di acqua negli usi agricoli e civili verrà esaminato in Conferenza unificata, prima in sede tecnica e poi politica. Il Piano verrà adottato con decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, di concerto con il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, nelle more della predisposizione del più generale Piano nazionale di interventi nel settore idrico. Il Piano straordinario è composto da 27 opere finanziate con risorse pari a 250 milioni di euro, in stato di progettazione esecutiva (18 opere) e definitiva (altre 9 opere). Ricadono nel Piano straordinario interventi di dimensione economica non elevata ma di grande rilevanza per i differenti territori, interessati da problemi di rischio idraulico o, sul versante opposto, da fenomeni di siccità, imputabili anche a perdite della risorsa idrica durante il suo “trasporto” all’utenza finale. Gli interventi, che mediamente hanno importi da 1 a 5 milioni di euro, oltre a rispondere ad un reale fabbisogno, sono anche in grado di attivare il mercato delle costruzioni e, in particolare, quello locale, sia per la dimensione contenuta del costo a base di appalto sia per lo stato avanzato del progetto e, non ultimo, per le caratteristiche intrinseche delle opere che, fatta eccezione per le dighe, non richiedono particolare know how tecnico o tecnologico. Proposti al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dalle sette Autorità di bacino distrettuali, gli interventi sono stati disposti secondo un ordine di priorità basato su una metodologia multi-criterio, che assegna un differente punteggio a seconda dell’utilizzo della risorsa idrica  (irriguo, potabile, plurimo), della sismicità dell’area, del dissesto idrogeologico, degli obiettivi di efficientamento delle reti, di recupero o ampliamento della capacità di invaso, del cofinanziamento e del bacino di utenza. Tra i menzionati indicatori, notevole rilevanza è stata attribuita alla strategicità dell’opera definita in ragione del “potenziale livello di desertificazione”, criterio adottato di intesa con l’Ambiente e territorio. Frutto quindi della sinergia tra le amministrazioni centrali e le Autorità di bacino distrettuali, enti di pianificazione della risorsa idrica a livello sovraregionale o regionale, il Piano straordinario rappresenta uno dei primi strumenti che affronta da un punto di vista integrato una problematica rilevante, come quella del risparmio e della conservazione di una risorsa primaria quale l’acqua, troppo a lungo considerata alla stregua di “settore”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2018

MSC ordina quattro navi da crociera extra-lusso a Fincantieri

di mobilita

MSC Crociere e Fincantieri hanno annunciato oggi la firma di un memorandum d’intesa per la costruzione di quattro navi da crociera del segmento extra-lusso, per un valore complessivo superiore a 2 miliardi di euro. Le navi avranno una stazza lorda di circa 64.000 tonnellate e saranno dotate di 500 cabine. La prima nave verrà consegnata nella primavera del 2023, le altre entreranno in servizio una all'anno nei successivi tre anni. Le navi saranno dotate delle più recenti tecnologie per la tutela dell’ambiente e di altre soluzioni marittime di prossima generazione. Saranno caratterizzate, inoltre, da un design altamente innovativo e introdurranno soluzioni all’avanguardia per il comfort e il relax degli ospiti. Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Crociere, ha dichiarato: "I nostri clienti ci hanno chiesto di entrare nel segmento extra-lusso sulla scia del grande successo e come evoluzione naturale del nostro MSC Yacht Club, un’area di lusso concepita come nave-nella-nave. Le nuovi navi offriranno itinerari unici grazie alle loro dimensioni e il livello di servizio alla clientela verrà portato a un livello ulteriore che comprende il maggiordomo personale MSC Yacht Club, disponibile 24 ore su 24, sette giorni su sette”. Vago ha aggiunto: “Sono particolarmente lieto di poter estendere ulteriormente la nostra partnership con Fincantieri grazie a questo nuovo ordine. Le pluripremiate navi della classe Seaside e Seaside-Evo sono già state riconosciute per il loro design innovativo e rivoluzionario. Stiamo introducendo un’altra nuova classe che stabilirà nuovi criteri del lusso in mare con navi che interpreteranno la qualità e gli standard più elevati associati al made in Italy”. Giuseppe Bono, Amministratore Delegato di Fincantieri, ha commentato: “È con orgoglio che due grandi marchi italiani, noti in tutto il mondo, oggi annunciano un importante programma di costruzioni. Siamo estremamente soddisfatti che per lanciare una nuova classe di navi nel comparto del lusso, MSC abbia riconosciuto che il nostro progetto consentirà di creare una nuova generazione di navi innovative sia dal punto vista tecnologico, che della sicurezza e anche del comfort per i passeggeri che sarà particolarmente curato. Con questo progetto Fincantieri porta a 53 il numero delle navi da crociera nel portafoglio ordini della società e si conferma leader assoluto di questo mercato”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2018

Rapporto Censis-Michelin sulla mobilità degli italiani, l’auto la regina della mobilità degli italiani

di mobilita

Questi sono i principali risultati del «Rapporto Censis-Michelin sulla mobilità degli italiani», che è stato presentato oggi a Roma da Francesco Maietta, Responsabile dell'Area Politiche sociali del Censis. In automobile la voglia di sicurezza vince su tutto, gli italiani non si fidano della guida automatica. Viaggiare sicuri è il primo desiderio degli italiani che si spostano con la propria auto. Vogliono tante tecnologie per la sicurezza, che evitino le collisioni, aiutino a guidare in situazioni pericolose, monitorino lo stato di salute del guidatore. Invece l'auto senza autista umano, a guida automatica, non rassicura. Il 47,8% degli italiani è contrario, il 30,4% favorevole e il 21,8% indifferente. Tra i contrari, il 35,7% pensa che solo una persona alla guida sia una vera garanzia di maggiore sicurezza. Solo il 10,5% dei favorevoli crede che la guida automatica darà maggiore sicurezza. Il no all'auto senza autista dipende proprio dalla convinzione che non innalzerà gli standard di sicurezza. È quanto emerge dal «Rapporto Censis-Michelin sulla mobilità degli italiani». Viaggiare sicuri vuol dire avere buoni freni e buoni pneumatici. I componenti dell'auto di cui si occupano gli italiani prima di iniziare un viaggio per garantire maggiore sicurezza alla guida sono per il 71,7% i freni, per il 64,7% gli pneumatici, poi l'olio del motore (36,2%), le cinture di sicurezza e l'airbag (30,1%), l'acqua del radiatore (22%), il funzionamento delle luci (18,5%) e la frizione (10,7%). Da freni e pneumatici dipende la sicurezza, per questo gli italiani prestano così tanta attenzione a questi due componenti. I freni sono richiamati di più dalle donne (73,3%) e gli pneumatici dagli uomini (70,5%), che li reputano importanti tanto quanto i freni. Solo il 3,4% degli italiani dice che tutto è ugualmente importante: la grande maggioranza sa invece distinguere tra i componenti e punta a tenere d'occhio il corretto funzionamento di freni e pneumatici. Ma quale bicicletta o mezzi pubblici: è ancora l'auto la regina della mobilità degli italiani. Il 65,4% degli italiani (era il 57,4% nel 2001) utilizza l'automobile per i propri spostamenti: sono 27 milioni, con un incremento del 17,4% rispetto al 2001. Nel lungo periodo si riduce il ricorso al trasporto pubblico (-20,3% dal 2001, lo utilizzano 1,8 milioni di persone nel giorno feriale medio), alla moto (-45,7%, la utilizzano 1,2 milioni di italiani), alla bicicletta (-10,4%, la utilizzano 1,4 milioni di persone) e la quota di persone che si spostano a piedi (-23,6%, 7,1 milioni di persone). Bicicletta, moto e mezzi pubblici non scalfiscono il primato dell'auto. Distanze più lunghe e meno abitudinarietà: ecco perché vince l'auto. Sono 11,4 milioni (ben 4 milioni in meno rispetto al 2001) le persone che nel giorno feriale medio percorrono fino a un massimo di 2 km di spostamento. I «pendolarissimi», che percorrono oltre 50 km al giorno, sono 1,2 milioni (500.000 in più rispetto al 2001), 9,7 milioni percorrono tra 10 e 50 km (+2,9 milioni), 19 milioni tra 2 e 10 km (+2 milioni). Meno prossimità, più pendolarismo su distanze medio-lunghe: ecco la quotidianità della mobilità, esito della dilatazione della residenzialità soprattutto intorno alle grandi città. E cresce la mobilità per il tempo libero: pesa per il 34,8% degli spostamenti (+2,1% tra il 2008 e il 2016), per il 36,7% si tratta di spostamenti per ragioni di studio o di lavoro (+0,8%), per il 28,5% per la gestione familiare (-2,9%). La quota di mobilità per il tempo libero cresce molto in ambito urbano e anche negli spostamenti extraurbani. L'auto vince perché gli italiani affrontano ogni giorno distanze maggiori e più ancora perché anche la mobilità è sempre più personalizzata, legata al tempo libero. «Dal Rapporto Censis emerge che oggi è diffusa la consapevolezza di quale ruolo giochino gli pneumatici nella sicurezza degli utenti della strada», ha detto Simone Miatton, Presidente e Amministratore Delegato di Michelin Italia. «Purtroppo, però, per l'automobilista non sono disponibili informazioni sulle prestazioni e il livello di sicurezza dei suoi pneumatici quando sono usurati, condizione nella quale tutti ci troviamo quando siamo a bordo di una vettura. Michelin propone quindi l'introduzione di test sugli pneumatici usurati. Fornire dati e informazioni corrette a tutti gli automobilisti è indispensabile per contribuire al progresso di una mobilità sempre più sicura e consapevole per tutti», ha concluso Miatton.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2018

Ryanair lancia la “Mega Offerta” fino a €30 di sconto su tantissimi posti

di mobilita

Ryanair ha lanciato oggi (17 ottobre) una “Mega offerta” con sconti fino a €30 su tantissimi posti per voli andata e ritorno in tutto il suo network europeo, permettendo ai clienti di prenotare un viaggio invernale o una vacanza primaverile alle tariffe più basse. Questa fantastica offerta è valida per viaggi tra novembre 2018 e marzo 2019 ed è disponibile per la prenotazione solo sul sito Ryanair.com e fino alla mezzanotte (24:00) di venerdì 19 ottobre.  Robin Kiely, Head of Communications di Ryanair, ha dichiarato: “Questa settimana abbiamo ridotto le tariffe con sconti fino a €30 su tutto il nostro network europeo per viaggiare tra novembre e marzo. Non c’è mai stato un momento migliore per prenotare una fuga invernale o una vacanza primaverile. Questa fantastica maxi offerta terminerà alla mezzanotte (24:00) di venerdì 19 ottobre: consigliamo ai nostri clienti di accedere subito al sito per prendere al volo questa offerta imperdibile”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 ott 2018

La fregata Alpino in sosta a Tunisi

di mobilita

Da oggi al 15 ottobre, la fregata Alpino della Marina Militare, impegnata quale flagh ship dell'operazione Mare Sicuro nel Mediterraneo Centrale, effettuerà una sosta a Tunisi (Tunisia) per partecipare all'esercitazione  multinazionale "Seaborder 2018" . L'attività "Seaborder 2018", che coinvolge i paesi della regione mediterranea e non, ha lo scopo di rafforzare l'interoperabilità delle Marine partecipanti e promuovere la collaborazione nel campo della sicurezza marittima, del contrasto ai traffici illeciti e della salvaguardia della vita umana in mare, in modo da rafforzare il livello di cooperazione nell'applicazione delle leggi internazionali in vigore. Alle attività collaterali previste prenderanno parte il Capo di Stato Maggiore della Marina tunisina, contrammiraglio Abderraouf Atallah e il Comandante in Capo della Squadra Navale italiana, ammiraglio di squadra Donato Marzano. La sosta in Tunisia di nave Alpino terminerà il giorno 16 ottobre con la partecipazione alla parata navale che si terrà in occasione del sessantesimo anniversario della Marina Militare tunisina, alla presenza del Presidente della Repubblica del Paese Nord Africano. Al termine la nave riprenderà il mare per continuare la sua attività operativa nel Mediterraneo Centrale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 ott 2018

Un aereo dell’Air India Express si squarcia durante il decollo

di mobilita

Un aereo dell'Air India Express, diretto a Dubai, oggi 12 ottobre, sarebbe stato gravemente danneggiato durante il decollo dall'aeroporto Trichy colpendo un muro di cinta con le ruote del carrello. L'aereo, con a bordo 136 tra passeggeri e membri dell'equipaggio, ha volato con una fusoliera danneggiata fino a Mumbai. Il volo ix611 è stato operato con un boeing 737-800. Non si registrano feriti. Foto: twitter.com/shukla_tarun

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ott 2018

Dall’Italia a Bangkok in Business Class con Air Italy a una tariffa promozionale

di mobilita

A poco più di un mese dall' avvio del nuovo collegamento per Bangkok, Air Italy propone ai propri clienti l'opportunità di scoprire la magia della nuova destinazione e il nuovo servizio di Business Class offerto dalla Compagnia con una promozione molto incentivante, per godersi appieno il soggiorno a partire dal volo. La promozione prevede un viaggio di andata e ritorno in Business Class per Bangkok con partenza, oltre che da Milano, anche da Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme via Malpensa, da 999 euro, a persona, tutto incluso, per tutti coloro che acquisteranno, tra oggi e il 30 ottobre, 2018, un biglietto di Business Class per volare in Thailandia fino al prossimo settembre 2019. Tutti i nuovi servizi di Air Italy per la Thailandia, vengono operati con Airbus A330-200, il nuovo aereo Air Italy dedicato al lungo raggio, che offre fino a 24 posti nell'esclusiva cabina Business Class che consente di volare con il massimo comfort su sedili completamente reclinabili, assaporando un menu italiano accompagnato da una selezione di champagne e vini italiani pregiati, servizio Wi-Fi, un ampio servizio di intrattenimento in volo e l'attenzione personalizzata da parte del personale di bordo. Accedere alla promozione e verificare i dettagli dell'offerta è semplice; è sufficiente infatti prenotare entro la mezzanotte del 30 ottobre 2018 direttamente su airitaly.com, via App Air Italy, contattando il Call Center della Compagnia 892 928 o presso la propria agenzia di viaggi ,dotata del sistema di prenotazioni della Compagnia WTS .

Leggi tutto    Commenti 0