Articolo
20 mar 2019

All Nippon Airways (ANA) ha preso in consegna il suo primo A380

di mobilita

La giapponese All Nippon Airways (ANA) oggi ha preso in consegna il suo primo A380 in una cerimonia speciale a Tolosa, diventando il 15 ° operatore del più grande aereo passeggeri del mondo.  Alla cerimonia di consegna hanno partecipato il Presidente e CEO di ANA HOLDINGS, Shinya Katanozaka, e il CEO di Airbus, Tom Enders. ANA ha ordinato tre A380 e opererà l'aereo sulla rotta popolare tra Tokyo Narita e Honolulu dal 24 maggio. Ogni ANA A380 presenterà una livrea speciale raffigurante la tartaruga verde del mare Hawaiian, conosciuta anche come Honu. La livrea sul primo aereo è dipinta di blu, mentre la seconda sarà verde e la terza arancione. L'A380 di ANA è configurato in un layout premium con una capacità di 520 passeggeri. Il ponte superiore ospita otto suite di prima classe, 56 sedili business class che si convertono in letti completamente piani e 73 posti in classe premium. La classe economica si trova sul ponte principale, dove ANA offre una disposizione spaziosa che può ospitare 383 passeggeri, tra cui 60 posti a sedere. Il velivolo presenta i più recenti sistemi di intrattenimento in volo di ANA, oltre alla piena connettività in tutte le classi. "Trasporteremo tutti e tre i nostri Airbus A380 sulla rotta Tokyo-Honolulu con l'obiettivo di introdurre un nuovo livello di servizio di lusso per i nostri passeggeri che volano su ANA sulla rotta numero uno per i viaggiatori giapponesi", ha dichiarato Shinya Katanozaka, Presidente e CEO di ANA HOLDINGS INC. "Riteniamo che l'A380 diventerà un punto di svolta per ANA e ci consentirà di aumentare la nostra quota di mercato raddoppiando il numero di posti che collegano Honolulu e Tokyo entro il 2020", ha aggiunto. "FLYING HONU è progettato per offrire comfort e praticità senza precedenti e un mondo di nuove possibilità per i passeggeri ANA, cosa che non sarebbe stata possibile senza gli sforzi combinati dei team Airbus e Rolls-Royce che lavorano a stretto contatto con i professionisti dedicati di ANA. ” "Airbus è orgogliosa di consegnare questo bellissimo velivolo ad ANA", ha dichiarato il CEO di Airbus, Tom Enders. "Offrendo livelli senza pari di comfort per i passeggeri, l'A380 consentirà ad ANA di aumentare la sua capacità sulla rotta impegnata verso le Hawaii con la massima efficienza. Siamo fiduciosi che l'aeromobile avrà un grande successo nel servizio con ANA e si impegnerà a fornire pieno supporto alla compagnia aerea lungo tutto il percorso. " L'A380 offre alle compagnie aeree l'opzione più efficiente per soddisfare la domanda sulle rotte più trafficate del mondo. È inoltre affermato come l'aereo preferito dai passeggeri di tutto il mondo, offrendo più spazio personale in tutte le classi, una cabina super silenziosa e una guida fluida. Circa 250 milioni di passeggeri hanno già volato sull'aereo. In seguito alla consegna di oggi ad ANA, attualmente ci sono 232 A380 in servizio con 15 compagnie aeree in tutto il mondo, che volano su 120 rotte in tutto il mondo.     Vieni a vedere con noi la cerimonia ufficiale di consegna del primo Airbus A380 a All Nippon Airways (ANA). ANA ha ordini fermi per tre A380, diventando il primo cliente del superjumbo in Giappone. La compagnia aerea opererà l'aeromobile sulla famosa rotta Narita-Honolulu per il tempo libero. I tre ANA A380 saranno dipinti con una livrea speciale raffigurante le tartarughe marine native delle Hawaii. Questa particolare livrea è una delle più elaborate mai dipinte da Airbus. Ci sono voluti 21 giorni per il team Airbus per dipingere una superficie di 3.600 m2 utilizzando 16 diverse tonalità di colore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2019

Eurotunnel affida il rinnovo delle sue navette passeggeri a Bombardier Transportation

di mobilita

Come parte del programma di mid-life 2018-2026, Eurotunnel ha firmato un contratto con Bombardier Transportation per rinnovare nove navette "PAX".  Ogni navetta è composta da 254 vagoni, per una lunghezza complessiva di 800 metri e percorre l'intero percorso in 35 minuti. Nel corso dei 25 anni di apertura del tunnel sotto la Manica, questi shuttle hanno fatto in media 300 viaggi al mese e hanno permesso a oltre 236 milioni di passeggeri di viaggiare comodamente tra la Francia e la Gran Bretagna. Il contratto ha un valore di 150 milioni di euro (171 milioni di dollari) su un periodo di sette anni. Le consegne delle navette inizieranno a metà del 2022 e proseguiranno fino alla metà del 2026. I tecnici di Bombardier di Francia e Belgio sono stati i primi a costruire questi veicoli visto che prima di allora non esistevano. "Il leader della tecnologia di mobilità Bombardier porta la sua esperienza a Eurotunnel per rinnovare le navette che utilizza nel tunnel sotto la Manica. Questo progetto, il più grande in Europa in termini di portata e ambizione, segna una pietra miliare nello sviluppo delle nostre attività di ristrutturazione e colloca Bombardier come leader di questo mercato in Francia. Oltre al loro know-how, i nostri team francesi saranno in grado di sfruttare le competenze e i processi ingegneristici globali del gruppo Bombardier per ottenere il successo di questo progetto unico ", ha dichiarato Laurent Bouyer, presidente di Bombardier Transportation France. "Eurotunnel ha scelto di affidarsi a Bombardier Transportation per la ristrutturazione delle sue Navette passeggeri. Stiamo celebrando i 25 anni di funzionamento di queste navette uniche che sono state costruite 30 anni fa. Questo investimento strategico, il più importante in 25 anni, consente a Eurotunnel di mantenere il più alto livello di servizio di qualità e di affermare la fiducia nelle sue prospettive a lungo termine ", ha affermato François Gauthey, Vice Direttore Generale del Gruppo. Bombardier sarà responsabile della ristrutturazione di 26 carri su ciascuna delle nove navette, tra cui 12 carri a ponte singolo per pullman, minibus, caravan e veicoli sopra i 1,85 metri di altezza, 12 carrozze a due piani per auto e moto, oltre a due carri con caricatore di riserva. Come consulente tecnico di progetto, Bombardier guiderà le operazioni di integrazione e ristrutturazione, ad eccezione dei caricatori a ponte singolo, e guiderà sulla progettazione ingegneristica e sugli appalti per le apparecchiature di bordo. Eurotunnel intraprenderà la progettazione e l'acquisto di apparecchiature chiave come freni, porte, porte antincendio, sistemi antincendio, HVAC e caricatori a due piani. Eurotunnel gestirà il processo di omologazione degli Shuttle rinnovati con le autorità competenti. Bombardier fornirà il supporto tecnico per preparare la documentazione richiesta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Patto tra Lombardia, Piemonte e Liguria per favorire trasporto merci su ferro

di mobilita

Lombardia, Liguria e Piemonte rafforzano la collaborazione e si muovono in maniera coordinata sul settore della logistica, per rendere più coerente un sistema che non può essere ristretto nei confini amministrativi. Lo hanno fatto sedendosi allo stesso Tavolo durante gli Stati generali della Logistica, cui hanno partecipato gli assessori Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, Lombardia), Francesco Balocco (Infrastrutture, Piemonte) e Andrea Benveduti (Sviluppo Economico, Liguria) insieme al viceministro delle Infrastrutture Edoardo Rixi, all'amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile e al presidente di Ferrovienord Paolo Nozza. Durante questo importante momento di lavoro sono stati anche sottoscritti due protocolli: uno fra le tre Regioni, che instaura Tavoli permanenti per intervenire sulle necessità del comparto logistico (le normative, le dogane, gli interventi sugli aeroporti) e un secondo che, oltre a Lombardia, Piemonte e Liguria, hanno sottoscritto Mit, Rfi e Ferrovienord, per rendere il sistema ferroviario sempre più percorribile dalle merci, senza che si creino conflitti con il trasporto dei pendolari. "Sono due testi - ha sintetizzato Claudia Maria Terzi - di fondamentale importanza, perché sintetizzano le istanze di un settore particolarmente importante per i nostri territori. Penso in particolare all'intermodalità, cioè ai nodi di interscambio fra ferro e gomma. In Lombardia, tra gli interventi previsti dal protocollo, ci sono quelli relativi a Milano-Segrate e a Sacconago (Busto Arsizio), nei pressi di Malpensa, per agevolare gli scambi con i cargo. Sulla rete lombarda ci saranno migliorie di tipo tecnologico così che potranno circolare treni più lunghi (fino a 750 metri) di quelli attualmente in servizio, il tutto in maniera più sicura e più veloce. Questo renderà il sistema ferroviario più appetibile anche per quanto riguarda il trasporto delle merci che diventano quindi più competitive anche sui mercati internazionali". "Questi protocolli - ha detto Rixi - consolidano la visione strategica del Nord-Ovest, dove si può fare squadra, perché, quando ci si muove nell'interesse del Paese, non si può prescindere da un sistema infrastrutturale efficiente. Le regioni del Nord-Ovest sono la locomotiva del Paese, ma devono correre ancora di più". "Questo Tavolo - ha aggiunto Balocco - suggella un cammino iniziato nel 2015 e che oggi diventa un sistema strutturato. Ritengo estremamente importante che 3 regioni amministrate da Giunte di diverso colore politico condividano non solo un metodo, ma anche comuni obiettivo di programmazione guardando a una crescita globale del Paese".  "La logistica - ha concluso Benveduti - è un settore di fondamentale e quindi è ancora più importante un momento di confronto come quello di oggi con tutti gli attori in campo. La Liguria, in particolare, come ha dimostrato la tragedia del ponte Morandi, è un territorio 'fragile'. Le opere pianificate devono quindi essere portate a termine per non interrompere canali fondamentali a livello europeo".  LA LOGISTICA/SCHEDA Il comparto vale circa 10 miliardi di euro (pari al 25/30% del fatturato di logistica nazionale) e genera il 30% del traffico nazionale, in gran parte verso destinazioni internazionali. Sono attive 18.000 imprese, che danno lavoro direttamente o indirettamente a circa 90.000 addetti: corrieri, spedizionieri, operatori logistici dotati di magazzino, imprese di trasporto combinato che gestiscono una quindicina di terminali intermodali • 400 milioni di tonnellate di merci sono trasportate annualmente, pari al 27% di quelle nazionali, di cui 24 milioni su ferro; • sono 60 i veicoli per il trasporto merci per chilometro di rete stradale; • sono 22.900 tonnellate di merci per chilometro di rete stradale, pari al triplo della media italiana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Italo attacca RFI, “non agisce in maniera terza e indipendente”

di mobilita

Durante un'audizione in commissione trasporti al Senato l'ad di Italo-Ntv, Gianbattista La Rocca, ha accusato il gestore dell'infrastruttura ferroviaria, Rfi di non agire in maniera terza e indipendente mettendo a repentaglio l'esistenza stessa di NTV non riuscendo a estendere il proprio network e a dar seguito agli ingenti investimenti messi in campo per accrescere la quantità e la qualità del servizio dell'alta velocità, Sempre secondo l'Ad La Rocca, RFI ha negato all’ultimo minuto l’incremento della capacità chiesta da Italo sull’alta velocità dopo l’acquisto di dieci nuovi treni per potenziare la propria offerta. La replica di RFI arriva con un comunicato nel proprio sito istituzionale in cui respinge le accuse mosse dall'Ad di Italo-Ntv: "Rete Ferroviaria Italiana conferma che le proprie scelte operative sono sempre improntate a valori di terzietà verso tutte le Imprese ferroviarie. Nelle scorse settimane, RFI ha inviato a Trenitalia e Italo-NTV, nel pieno rispetto dei principi di equità e non discriminazione, alcune proposte per i nuovi orari, contenenti tra l’altro misure - integrative rispetto agli accordi quadro in essere - per ridurre le interferenze di circolazione e migliorare così gli indici di puntualità, incrementando al contempo la capacità a disposizione delle Imprese. Proprio per una questione di terzietà e per non creare evidenti situazioni di disparità, oltre che per rendere compatibili le richieste di capacità dei due operatori dal punto di vista tecnico, il Gestore dell’infrastruttura aveva specificato che tali misure potevano essere adottate solo se entrambe le Imprese operanti sul sistema AV fossero state d’accordo. Le misure proposte sono state oggetto di interlocuzioni continue con Trenitalia e Italo-NTV, per cercare di armonizzare le diverse richieste, ma non hanno trovato una sintesi con uno dei due operatori, che ha deciso di non accettarle. RFI non ha quindi potuto dare seguito alle soluzioni proposte in modo unilaterale. Il Gestore ha fornito la più ampia disponibilità a proseguire le trattative per arrivare comunque a soluzioni - da adottare al cambio orario di dicembre 2019 - che potranno contribuire a migliorare le performance della rete e delle imprese".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Gruppo Onorato ha preso in consegna la Maria Grazia Onorato, la nave ro-ro più green del Mediterraneo

di mobilita

È stata presa in consegna ieri dal Gruppo Onorato la nuova nave “Maria Grazia Onorato” costruita dai cantieri tedeschi di Flensburg. Con la consegna è stata anche annunciata ufficialmente la destinazione di quello che è oggi il traghetto più green e al tempo stesso il ro-ro cargo con la maggiore capacità di carico del Mediterraneo che toglierà dalle strade italiane 4 chilometri e 76 metri lineari di tir.  A partire da maggio, la “Maria Grazia Onorato” entrerà in linea sulla rotta Genova- Livorno- Catania- Malta, rispondendo cosí alla crescente domanda di trasporto di qualità da parte delle imprese di autotrasporto che, sempre più numerose, stanno imbarcando sulle navi del gruppo specie sulla direttrice strategica delle autostrade del mare dall’Alto Tirreno alla Sicilia sino all’isola di Malta. Varata nell'agosto scorso, la 'Maria Grazia Onorato', gemella della 'Alf Pollak', è un concentrato di tecnologia avanzata come gli scrubber di ultima generazione che consentono di abbattere il contenuto di CO2 nei fumi dal 3,5 allo 0,1%. Il combinato disposto degli scrubber, dei sistemi di controllo in funzione dell'Eedi e di una automazione spinta, fanno della 'Maria Grazia Onorato' la più green fra le navi in esercizio nel Mediterraneo. La nave ha anche un'eccezionale capacità di carico: 4.076 metri lineari, pari a 283 trailers con una struttura che ha reso indispensabile una progettazione ad hoc dei garage dotati di un sistema di rampe innovativo per rendere più veloci le operazioni di sbarco e imbarco dei mezzi. Il porto base della 'Maria Grazia Onorato' sarà quello di Catania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Completato lo scavo di due tunnel ferroviari della Follo Line Project di 20 chilometri tra Oslo e Ski

di mobilita

Completato lo scavo della parte principale di due tunnel ferroviari di 20 chilometri della Follo Line Project tra Oslo e Ski. Le due TBM di Herrenknecht "Anna" e "Magda" (Double Shield TBM, Ø9.900 mm) nel Norwegian Ski hanno infatti completato lo scavo di entrambi i tunnel della galleria del "Follo Line Project" lungo 20 chilometri, che costituisce il più grande progetto infrastrutturale del paese. Le prime due TBM  "Regina Eufemia" e "Regina Ellisiv" della Herrenknecht-TBM avevano già raggiunto la loro destinazione di fronte a Oslo l'11 settembre 2018. Nel 26 febbraio 2019, le TBM hanno rotto gli ultimi centimetri di pietra dura norvegese con la massima precisione dopo che avevano percorso la strada per circa nove chilometri l'una. "Anna" e "Magda" hanno scavato attraverso terreni norvegesi estremamente duri dall'autunno 2016. Questo progetto di scavo, completamento riuscito, rappresenta un'importante pietra miliare per le macchine per alesatura di gallerie in un paese che finora si era affidato principalmente allo scavo tradizionale. "Se vogliamo rimanere competitivi per il futuro, non possiamo semplicemente dire: lo faremo nel modo in cui lo abbiamo sempre fatto", afferma Anne Kathrine Kalager, project manager di Bane NOR. "Dobbiamo sempre continuare a cercare i metodi migliori e, a quanto pare, in questo progetto le TBM hanno vantaggi decisivi". Con il metodo tradizionale, sarebbero stati necessari sette siti di costruzione nell'area metropolitana, alcuni dei quali difficili da raggiungere per i camion, il che avrebbe comportato un notevole onere per il traffico e i residenti. Al contrario, la soluzione TBM ha utilizzato un solo punto di attacco centrale. Due gallerie di accesso lunghe 900 metri collegano il grande cantiere di Åsland in superficie con due caverne sotterranee. Da lì, due macchine TBM iniziavano rispettivamente verso sud e nord per creare i due tunnel. Acciona Ghella Joint Venture è incaricata dall'agenzia del governo norvegese per i servizi ferroviari (Bane NOR) di costruire la parte principale del tunnel della Follo Line (EPC TBM). Verso la fine del 2022, i treni ad alta velocità percorreranno i nuovi tunnel fino a 250 chilometri all'ora, dimezzando il tempo di percorrenza tra Oslo e il comune di Ski, 22 chilometri a sud, da 22 a 11 minuti.  La Follo Line Project rappresenta un'ancora di salvezza per il futuro della capitale norvegese con la sua popolazione di 600.000 abitanti e la regione attorno a Ski, che prevede una crescita della popolazione del 30% entro il 2025. Per contrastare la roccia estremamente dura con resistenza alla compressione fino a 300 MPa, sono state impiegate le TBM Double Shield di Herrenknecht. Le alesatrici tunnel tecnicamente molto sofisticate combinano i principi funzionali della pinza e dello scudo Single Shield in un'unica macchina. Possono contemporaneamente perforare e rivestire il tunnel con anelli in segmenti di cemento armato: 140.000 di questi segmenti sono stati collocati durante il Follo Line Project. DATI MACCHINA / PROGETTO S-980, S-981, S-982 e S-983 - FOLLO LINE Tipo di macchina: 4x Double Shield TBM Diametro scudo: 4x 9,900 mm Potenza motrice: 4x 4,550 kW Lunghezza di avanzamento: 1x 8,881 m, 1x 8,892 m, 1x 9,113 m, 1x 9,128 m Geologia: hard rock, gneiss Cliente: Bane NOR Contraente: AGJV Acciona Ghella Joint Venture

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Busitalia abbandona il mercato della lunga percorrenza

di mobilita

Busitalia Fast abbandona il mercato della lunga percorrenza orientandosi invece verso l’integrazione modale, bocciando di fatto gli obiettivi fissati dall’ex amministratore delegato Renato Mazzoncini. L’8 marzo scorso Busitalia Fast ha infatti ceduto le proprie quote al gruppo Simet. Il Gruppo FS Italiane aveva annunciato l'ingresso nel mercato dei collegamenti lunga percorrenza su gomma il 26 aprile 2017 in occasione della Fiera BUS2BBUS di Berlino. La compagnia di mobilità integrata era il frutto dell’acquisizione da parte di Busitalia – Sita Nord del 51% di Simet, storica azienda che dal 1946 offre servizi bus a lunga percorrenza in Italia e all’estero. Ti potrebbe interessare: Busitalia Fast: il nuovo servizio su gomma del Gruppo FS Italiane

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mar 2019

Un incendio si è sviluppato oggi pomeriggio sulla nave crociera Costa Smeralda

di mobilita

Un incendio si è sviluppato oggi pomeriggio alle 16:45 sul ponte 15 della nave Crociera Costa Smeralda, in costruzione nei cantieri di Meyer Turku Shipyard. L'incendio è scaturito probabilmente da alcune scintille, durante le operazioni di saldatura, che hanno interessato alcune attrezzature presenti sui luoghi. La nave è stata subito evacuata e sono entrati in azione i vigili del fuoco del cantiere navale, coadiuvati, subito dopo, dai vigili del fuoco locali. Al momento si registrano circa dieci persone intossicate per inalazione di fumo mentre altre due persone risultano ferite. I danni materiali, secondo il cantiere navale, sono stati minimi e non ritarderà il programma di costruzione della nave. che entrerà in servizio nell'ottobre del 2019. Costa Smeralda sarà la prima nave da crociera destinata al mercato globale, in particolare quello europeo, alimentata sia in porto che in navigazione a gas naturale liquefatto (LNG), il combustibile fossile più pulito al mondo. Ti potrebbe interessare: Installato il fumaiolo di Costa Smeralda a LNG della flotta Costa Crociere

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mar 2019

Alitalia, easyJet abbandona le trattative, Delta Airlines interessata a un 10%

di mobilita

Si apre una nuova fase di incertezza per Alitalia dopo le notizie circolate nelle ultime ore. easyjet ha infatti deciso di ritirarsi dalla trattavia per il salvataggio di Alitalia che, tramite un comunicato ufficiale, fa sapere: "A seguito delle conversazioni con Ferrovie dello Stato Italiane e Delta Air Lines per la creazione di un consorzio che valutasse le opzioni per le future operazioni di Alitalia, easyJet ha deciso di ritirarsi dal processo. Noi confermiamo l’impegno per l’Italia quale mercato chiave della compagnia, dove attualmente easyJet trasporta 18,5 milioni di passeggeri ogni anno, impiegando 1400 piloti e assistenti di volo con contratti di lavoro italiani. Continueremo a investire nelle tre basi di Milano, Napoli e Venezia come abbiamo fatto negli ultimi anni, aggiungendo rotte e capacità" Delta Airlines invece continua le trattative ma con una quota iniziale minima (10%), destinata a raddoppiare prima del termine del piano di quattro anni. Con l'uscita di easyjet è probabile che Alitalia ritorni ad essere pubblica con il 90% di quote. Ferrovie dello Stato dovrà infatti aumentare la propria quota dal 30 al 40% che, insieme a quella di Delta, arriverebbe al 50%. Il restante 50% potrebbe essere coperto da  Fincantieri  con un 15%, dal Ministero dell'Economia con un 15% convertendo in azioni il prestito-ponte e il restante 20% potrebbe essere coperto da Poste Italiane e Fintecna. L'incertezza arriva in un momento positivo per la compagnia di bandiera che, nel secondo mese dell’anno, ha registrato un incremento del 2,7% dei passeggeri sulle rotte intercontinentali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In crescita anche i ricavi da traffico passeggeri, sempre relativi al lungo raggio, saliti dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2018.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 mar 2019

Ecco quali sono i primi 20 aeroporti più trafficati al mondo nel 2018

di mobilita

Durante l'11° Conferenza annuale sull'Economia e la Finanza degli Aeroporti di Londra, il World di Aeroporti Consiglio Internazionale (ACI) ha pubblicato le sue classifiche di traffico aeroportuale preliminare per il traffico passeggeri, i volumi di carico e i movimenti degli aeromobili L'ACI ha rilevato che il traffico passeggeri è rimasto resiliente nel 2018 e si stima che abbia raggiunto 8,8 miliardi, in crescita di circa il 6% rispetto all'anno precedente. Questo aumento è superiore al tasso di crescita annuale composto del 4,3% per il traffico passeggeri dal 2007 al 2017. Il mercato delle merci aviotrasportate non ha eguagliato il traffico passeggeri, con una crescita tendenziale di fine anno del 3,2%. Ciò è in contrasto con un anno di crescita molto più forte nel 2017, ma si scontra con le tensioni commerciali globali tra gli Stati Uniti e alcuni dei suoi partner commerciali più stretti. Il traffico di passeggeri nei 20 aeroporti più trafficati del mondo - che rappresentano il 17% di tutto il traffico passeggeri globale - è cresciuto del 4,7% nel 2018 in quanto oltre 1,5 miliardi di passeggeri hanno utilizzato questi aeroporti. Di questi: L'aeroporto di Atlanta-Hartsfield-Jackson ha mantenuto il primo posto e ha gestito oltre 107 milioni di passeggeri L'aeroporto di Pechino ha superato i 100 milioni di passeggeri nel 2018, crescendo del 5,4% e mantenendo il secondo posto. L' aeroporto di Dubai è rimasto in terza posizione poiché, dopo anni di crescita del traffico a due cifre percentuali, è cresciuto dell'1%. Il volume totale del traffico aereo nei 20 aeroporti più trafficati, che rappresentano il 42% di tutti i volumi globali di merci aviotrasportate, è cresciuto di un modesto 1,3% mentre gestivano 51 milioni di tonnellate di merci. Ciò avviene dopo un anno in cui i volumi di carico globale sono aumentati notevolmente del 7,7% nel 2017. Di questi: L'aeroporto di Hong Kong rimane il più grande centro di cargo aereo, gestendo oltre 5 milioni di tonnellate di carico nel 2018 e il suo volume in crescita dell'1,4% rispetto al 2017 L'aeroporto di Memphis era al secondo posto con una crescita del 3,1% e L'aeroporto di Shanghai è stato il terzo, con un calo dei volumi di merci nel 2018 del -1,5%. Shanghai è cresciuta dell'11,2% nel 2017, ma questo calo mostra che la domanda si è attenuata.

Leggi tutto    Commenti 0