Articolo
02 giu 2020

BOLOGNA | Ripartono le attività del Marconi Express dopo il fermo dovuto al coronavirus

di mobilita

L’emergenza sanitaria Covid-19 ha interferito pesantemente con le attività di simulazione di esercizio del Marconi Express, avviate nel mese di febbraio. Il sopravvento della pandemia ha causato infatti il completo arresto di tutte le operazioni tra cui quelle relative ad alcune migliorie all'infrastruttura e al completamento dell'abilitazione degli operatori. Con la “fase 2” dell’emergenza, dal 4 maggio le attività propedeutiche alla ripartenza del pre-esercizio sono state gradualmente riavviate, in piena aderenza alle limitazioni previste e alle indicazioni igienico-sanitarie stabilite dalle autorità, con la massima attenzione al rispetto della salute e della sicurezza dei lavoratori coinvolti. Con una filiera produttiva molto rallentata e una presenza di addetti contingentata, il mese di maggio si è reso necessario per rimettere a punto il sistema, ciò in conseguenza di circa due mesi di fermo macchine. Mentre in questi giorni mezzi, infrastrutture e personale stanno quindi tornando alla piena operatività, il percorso per l’abilitazione degli addetti e per l’ottenimento del NOE (nulla osta all’esercizio) ripartirà nelle prossime settimane. Anche le attività di completamento delle mitigazioni acustiche sono state riavviate. Marconi Express e Tper stanno parallelamente mettendo a punto nuove modalità di utilizzo del servizio in ottemperanza alle indicazioni del Ministero della Salute a proposito della sicurezza nel trasporto pubblico. Gli obblighi relativi a distanziamento, DPI e igienizzazione incidono ovviamente sull’erogazione del servizio e seguiranno quindi ulteriori comunicazioni a proposito delle specifiche misure che saranno adottate. Attraverso il sito web www.marconiexpress.it e i canali social del servizio saranno disponibili e costantemente aggiornate tutte le informazioni necessarie a garantire ai passeggeri la massima sicurezza. La priorità sarà data a garantire un servizio ai massimi standard di sicurezza per salvaguardare la salute di lavoratori, tecnici e passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
25 feb 2020

GENOVA | Italferr progetterà la monorotaia che collegherà la futura stazione ferroviaria di Erzelli con il Parco Tecnologico

di mobilita

Sarà Italferr a progettare la nuova monorotaia di Genova che collegherà la futura stazione ferroviaria di Erzelli con il Parco Tecnologico (ospedaliero e universitario). La Società di ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, in Raggruppamento temporaneo di imprese (RTI), si è aggiudicata la gara indetta dal Comune di Genova e avvierà il Progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’opera. L’intervento consiste in un impianto di risalita, di tipo monorotaia, che non dovrà superare i 2,3 chilometri di lunghezza e sarà composto da una stazione a valle, collegata con quella ferroviaria e predisposta per il futuro ampliamento verso l’aeroporto Cristoforo Colombo e due stazioni sulla sommità della collina di Erzelli. È prevista anche la realizzazione di un deposito e di una sala controllo. La progettazione garantirà, in particolare, una maggiore fruizione e interscambio all’interno delle aree interessate, nel rispetto della sostenibilità ambientale dell’intero sistema di mobilità urbana. Un nuovo impegno di Italferr in territorio genovese che ne rafforza la posizione di leader nel trasporto metropolitano dopo la progettazione di Metro Torino, Metro Genova, Tramvia di Padova, due linee di Metro Tashkent e Metro Doha e che consolida la società nel panorama internazionale in un settore dei trasporti altamente specialistico e in continua crescita. Questo progetto conferma il forte impegno di Italferr nella diversificazione del business e del know how in Italia e all’Estero.

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
21 gen 2020

BOLOGNA | Marconi Express, c’è la data ufficiale di avvio

di mobilita

Il 7 marzo il Marconi Express, il servizio di navetta veloce su monorotaia che collega la stazione centrale di Bologna e l'aeroporto Marconi, entrerà  finalmente in servizio. "Da domani parte la fase di preesercizio - ha affermato la presidente di Marconi Express, Rita Finzi - che tra circa un mese ci porterà all'esercizio, e poco dopo, all'apertura del servizio passeggeri. Con le nostre navette il sistema dell'Alta velocità ferroviaria e il Marconi, uno dei principali scali nazionali, si connetteranno dunque attraverso un collegamento innovativo". Il Marconi Express è la prima monorotaia in Italia a connettere la rete dell’Alta velocità ferroviaria con uno tra i primi 10 aeroporti nazionali per traffico di passeggeri. Collega infatti l’aeroporto Marconi (settimo scalo italiano con 9,4 milioni di passeggeri nel 2019) con l’Alta velocità e con il centro di Bologna grazie al terminal presso la stazione FS, centro nevralgico delle linee ferroviarie nazionali dove ogni anno transitano oltre 50 milioni di passeggeri. Il Marconi Express è un sistema di trasporto di massa a guida vincolata e integralmente automatizzato, cioè senza conducente a bordo. Il tracciato scorre su una via di corsa lunga 5 km in sopraelevazione, quindi senza interferenze con il traffico stradale. A metà tracciato è presente la stazione intermedia Lazzaretto che ospita la centrale operativa (OCC), il “cervello” del sistema da cui gli operatori controllano i veicoli. Vi sono collocate anche le rimesse e le cabine elettriche di trasformazione per alimentare le navette. Il Marconi Express collega l’aeroporto Marconi alla stazione FS in circa 7 minuti. Il servizio sarà attivo dalle ore 5,40 alle 24, sette giorni su 7 per 365 giorni all’anno. Nelle ore di punta sono previste 8 corse l’ora, con un’attesa media per i passeggeri di circa 4 minuti. La capacità di trasporto del sistema con gli attuali 3 veicoli è di 570 passeggeri all’ora per direzione. Il biglietto costerà 8,70 euro, 16 euro andata-ritorno, con possibilità di accedere pagando direttamente al tornello con carte contactless. Per la tratta Lazzaretto-stazione FS, la tariffazione sarà di 1,70 euro, mentre la tratta Lazzaretto-aeroporto sarà a tariffa piena. Il biglietto va validato sia in entrata che in uscita e il tornello si apre solo esibendo il titolo di viaggio coerente. I biglietti potranno essere acquistati online, sulle APP del trasporto pubblico della Regione Emilia-Romagna (RogER e MuvER), e presso rivendite Tper, Bologna Welcome e in altri punti convenzionati. Il servizio è privo di barriere architettoniche ed è dotato di percorsi per non vedenti in continuità con quelli di aeroporto e stazione, tutti al coperto. Nei primi mesi di esercizio sarà presente in banchina personale per offrire supporto ai passeggeri.      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 ott 2019

BOLOGNA | Ancora ritardi per il Marconi Express

di Roberto Lentini

Il Marconi Express, la monorotaia che collegherà l'aeroporto di Bologna con la stazione centrale, continua i test di prova ma ancora non è certa una data di entrata in servizio. Manca ancora un ultimo visto della commissione ministeriale, successivamente la palla passerà all'Ustif, Ufficio Speciale Trasporti a Impianti Fissi, che avrà trenta giorni per rilasciare il nulla osta all’esercizio. Successivamente ci saranno altre due settimane di pre-esercizio e finalmente potrà partire la monorataia. Viste le procedure ancora da effettuare l'inaugurazione slitterà probabilmente a Natale. Il Marconi Express collegherà, in circa 7 minuti e mezzo di viaggio, il centro città e l’aeroporto, effettuando un’unica fermata intermedia presso Bertalia-Lazzaretto, la grande area urbana in corso di riqualificazione destinata ad ospitare nuovi insediamenti residenziali e commerciali, nonché nuove aule e laboratori universitari ed un nuovo studentato. L’intero percorso è dotato di una passerella di sicurezza che ogni 500 metri prevede un sistema di scale che portano a terra per l’eventuale necessità di evacuare i passeggeri dal veicolo. I tre veicoli utilizzati sono del modello P30 della Intamin Transportation, azienda che ha realizzato i mezzi per monorotaie simili a quella bolognese in varie altri parti del mondo. Il P30 è un veicolo integralmente automatico, controllato da remoto, che consente il trasporto di 560 passeggeri all’ora per direzione, nelle ore di punta. L’attesa media prevista, sempre nelle ore di punta, sarà inferiore ai 4 minuti. Lungo circa 18 metri, alto 3,5 metri e largo 2,3 metri, il P30 può raggiungere una velocità massima di 70 km/h. Sulla distanza di 5 chilometri che separa la Stazione Centrale dall’Aeroporto, il Marconi Express viaggerà mediamente a 40 km/h, percorrendo l’intera tratta in poco meno di 7 minuti e mezzo, compresa la sosta per la fermata intermedia al Lazzaretto. I pannelli fotovoltaici che saranno applicati al parapetto della passerella di emergenza che costeggia la via di corsa, copriranno circa un terzo del fabbisogno energetico del Marconi Express.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 giu 2018

BOLOGNA | Varati il secondo e il terzo veicolo del Marconi Express

di mobilita

Si sono concluse come da programma intorno alle 13 del primo giugno presso il cantiere Lazzaretto le operazioni di varo del terzo e ultimo veicolo del Marconi Express, la monorotaia che a partire dalla prossima primavera collegherà in 7 minuti e mezzo l'aeroporto Marconi con il centro di Bologna, con arrivo in stazione centrale.  Il secondo veicolo era giunto in città il 23 maggio ed è stato varato nella stessa giornata. Tutti e tre i mezzi previsti dal sistema di trasporto sono quindi da qualche giorno sulla nuova monorotaia di Bologna e vengono impiegati per completare le prove per il via libera alla messa in esercizio da parte delle autorità preposte. Il sistema, con tre veicoli, può arrivare a trasportare circa 560 passeggeri all'ora per direzione.

Leggi tutto    Commenti 0