Articolo
02 mar 2017

Le Green city non sono solo roba da ricchi

di Alessandro Graziano

Lo sviluppo del verde urbano dovrebbe riguardare tutti i cittadini e non solo quelli dei quartieri d'élite Molto spesso una città verde non è né verde ovunque né per tutti. Ciò significa che le aree verdi, sistemi di trasporto sostenibili, energia a impatto zero  possono non essere accessibili per tutti e possono non essere distribuite equamente all'interno della città. Una città equa dunque deve partire dalle aree verdi, dai trasporti e dall'energia a disposizione di ogni cittadino, non in termini meramente numerici o quantitativi ma qualitativi. Spesso invece l'urbanistica punta sui numeri e i metri quadri di servizi a discapito della vera accessibilità degli stessi. Secondo il pianificatore urbano Renard Teipelke dell' Asian Development Bank  ci sono almeno quattro punti da cui riconoscere una città per tutti: 1 La vita urbana deve consentire un sostentamento economico per i cittadini 2 Si dovrebbe consentire la piena accessibilità agli abitanti, che vuol dire libertà di partecipazione alla vita della metro-polis 3 La vita urbana deve essere accessibile, garantendo che le infrastrutture urbane, come l'alloggio, e servizi urbani, quali l'assistenza sanitaria, siano accessibili per i cittadini. 4 La vita cittadina deve avere una capacità di resilienza, ovvero di resistere agli stress naturali o umani derivati da cambiamenti climatici o criminalità, quindi essere un posto sicuro. Ovviamente se questi quattro punti vengono messi in relazione al boom economico Asiatico si vedrà la grande discrepanza tra ricchezza economica e diseguaglianze. Molto più che nella vecchia Europa. Persone di diversa condizione socio-economica dovrebbero essere in grado di trarre beneficio dalle loro città in termini fisici, economici, ambientali e sociali. Spesso nella megalopoli asiatiche vediamo le grandi downtown dove sostenibilità ed economia green ci sembrano splendere al massimo. Un controsenso invece rispetto al disequilibrio delle periferie urbane. Localizzare le politiche di sviluppo urbano significa quindi identificare le azioni intersettoriali che rendono viva una città. Ad esempio, un programma di crescita economica dovrebbe mirare a migliorare la competitività di una città e anche fornire opportunità di lavoro per una gamma più ampia di cittadini in modo che possano accedere ad un alloggio, alle spese mediche, o al biglietto d'ingresso ad un evento culturale. Solo allora lo sviluppo urbano verde "Green" potrà avere un impatto reale e positivo sulla vita di tutti i cittadini.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ago 2015

Il “quartiere perfetto” gestito dal privato: decentralizzare si può?

di Giulio Di Chiara

Specie nelle grandi città le amministrazioni pubbliche incontrano grandi difficoltà a mantenere gli spazi e il decoro pubblico. Una città funzionale e ordinata agli occhi di un cittadino passa soprattutto da questi due fattori, che al loro interno racchiudono attività di programmazione, progettazione, costanza e disponibilità di fondi. Spostandoci più in periferia, è possibile assistere però a casi di buona gestione degli spazi pubblici (almeno nell'apparenza) a opera di collaborazioni pubblico-private. Un tema, quello del privato, che ha spesso animato il dibattito sulla gestione di svariati servizi a carico oggi interamente del pubblico. Durante quest'estate ho avuto modo di soggiornare qualche giorno in una piccola realtà nel litorale laziale, Marina di San Nicola. Sebbene il nome posso trarre in inganno, non si tratta di una contrada a mare del paese di San Nicola (che non esiste), bensì è il nome di un comprensorio, nato negli anni 60 su un'area di 120 ettari. L'intera zona è veramente ben curata, con strade alberate, parchi giochi pubblici, prati,  passaggi e percorsi pedonali in tutte le strade, verde curato e un piccolo lungomare a misura d'uomo. Si effettua regolarmente la raccolta differenziata e ogni giorno il servizio di spazzamento delle strade entra in funzione. Nessun viale gigantestesco, spazi inutili o inutilizzati. Parlando con alcuni  residenti ho appreso che l'intera zona è gestita da un consorzio, che tra le altre cose gestisce (e bene) anche l'apertura e la manutenzione delle piscine presenti all'interno di alcuni residence. Incuriosito, mi sono documentato su questa realtà. Prima però mi piace riportare qualche immagine che non rende appieno l'ordine e l'accuratezza di uno spazio dove sembra non mancare nulla: dalle piste cilabili, ai percorsi per non vedenti, ai pass per i residenti con tanto di colonnine elettroniche, alla segnaletica orizzontale e verticale. Cos'è e coma funziona questo consorzio? Stralcio dal loro sito le parti più interessanti, che credo possano trovare delle analogie con altri luoghi italiani. "Nacque verso la metà degli anni ‘60 come lottizzazione convenzionata su progetto dei proprietari dell’area, principi Odescalchi, e su delibera del Comune, allora di Cerveteri.I nobili lottizzatori, dopo la stipula dell’atto dì convenzione, costituirono un “Consorzio” tra i proprietari, acquirenti dei lotti di terreno, per la gestione a proprie spese dei servizi (acqua e illuminazione pubblica), per la manutenzione delle strade e del verde e per quant’altro d’interesse comune."  [...] Prese il via, dunque, da quella zona fino ad allora paludosa a confine con il Comune di Roma, una delle più belle realtà della costa laziale. Nel 1970, con il passaggio di consegne da Cerveteri al neonato Comune di Ladispoli, Marina di S. Nicola entrò a far parte dell’entourage della “Città di Ladislao” (Ladispoli appunto), di cui divenne presto, e senza ombra di dubbio, il “fiore all’occhiello”.  Nel corso di questi trent’anni, la lottizzazione è giunta al completamento dapprima delle opere di urbanizzazione a cura e spese degli stessi Odescalchi, poi della edificazione dei lotti, se si escludono due zone – ancora dì proprietà dei principi – sulle quali però insiste un vincolo archeologico di inedificabilità apposto dalla competente Soprintendenza archeologica per l’Etruria meridionale.  [...] il Consorzio, al fine di garantire una maggiore serenità ai propri consociati, ha installato un sofisticato impianto di video-sorveglianza del territorio 24 ore su 24, integrato da un servizio di pattugliamento nelle ore notturne.   ... Marina di San Nicola conta circa 1.500 abitanti durante tutto l'anno, ma la vocazione prettamente estiva le fa raggiungere quota 12.000 presenze durante la stagione calda. Insomma, un quartiere di una città metropolitana . Interessante registrare come pubblico e privato abbiano scambiato i ruoli, dividendosi gli oneri a fronte di agevolazioni che, sotto la guida attenta dell'ente pubblico, ha consentito la nascita e la crescita di una bellissima realtà. Ci domandiamo quindi se questi episodi di gestione decentralizzata dei servizi non siano ripercorribili nelle nostre città, nei nostri quartieri, laddove la pubblica amministrazione non arriva. Ci chiediamo se in questa era storica non sia utile fare un tentativo nel riproporre modelli simili dove il privato ha tutto l'interesse di garantire un servizio a lui affidato, pena la sua stessa sopravvivenza, sotto la regia attenta ed oculata della PA locale.  

Leggi tutto    Commenti 3