Articolo
11 nov 2019

REGIONE VENETO | Presentati i primi due treni Pop e Rock per i pendolari veneti

di mobilita

Sono stati presentati nella stazione di Venezia Santa Lucia i primi due treni Pop e Rock per i pendolari veneti. All'evento hanno partecipato Luca Zaia e Elisa De Berti, Presidente e Assessore ai Trasporti Regione Veneto, e Orazio Iacono, Amministratore Delegato di Trenitalia. Presenti Sabrina De Filippis Direttore Passeggeri Regionale di Trenitalia, Michele Viale AD Alstom Ferroviaria e Maurizio Manfellotto AD Hitachi Rail Italy. I primi due convogli presentati stamane rientrano in una più ampia fornitura di 78 nuovi treni destinati alla Regione Veneto: 38 Rock a 5 casse, 9 Rock a 6 casse e 31 Pop. La consegna avverrà progressivamente fino a luglio 2023. Si salirà infatti sui Rock da Venezia a Verona (collegamenti veloci), Bologna, Conegliano, Udine, Belluno e Bassano, ma anche fra Belluno e Padova e fra Bassano e Padova e sui Pop fra Venezia e Rovigo/Ferrara, Venezia e Portogruaro/Trieste e Venezia e Vicenza, ma anche fra Monselice e Mantova e fra Mantova e Verona. I primi collegamenti serviti dai nuovi treni saranno quelli fra Venezia e Verona, cui faranno seguito, già nel mese di giugno 2020, alcuni servizi fra Bassano e Padova e fra Montebelluna e Padova. Oltre il 15% dei convogli sarà sui binari entro la primavera, circa il 30% entro il 2020, il 100% nei primi mesi del 2023 e, insieme ai Vivalto, agli Swing e agli Stadler entrati in servizio negli ultimi sette anni, completeranno il rinnovo della flotta regionale del Veneto che diventerà fra le più giovani d’Italia (4,6 anni). Migliori standard, performance e più comfort e accessibilità per le persone che ogni giorno scelgono il treno per lavoro, studio, svago o turismo. I treni Rock e Pop di Trenitalia assicureranno la rivoluzione del trasporto ferroviario regionale e invoglieranno le persone a scegliere il treno lasciando l’auto a casa. I Rock e Pop sono parte del più ampio piano di rilancio del Gruppo FS Italiane per il trasporto regionale. Piano che, con un investimento economico complessivo di circa 6 miliardi di euro e oltre 600 nuovi treni, garantirà, entro cinque anni, il rinnovo dell’80% della flotta. Una maxi fornitura che, per numero di treni e valore economico, non ha precedenti in Italia. Unico l’obiettivo: garantire la qualità e l’eccellenza dell’alta velocità italiana anche nel trasporto ferroviario regionale e metropolitano e migliorare così la qualità di vita del milione e mezzo di pendolari che viaggiano ogni giorno con Trenitalia. I nuovi treni sono affiancati dall’importante rivisitazione dei processi industriali e della macchina organizzativa che gestisce il trasporto regionale. A ciò va aggiunta l’attivazione di nuovi servizi, fra tutti il customer care per i viaggiatori regionali (in Veneto con 36 addetti), che permettono di individuare e soddisfare le esigenze di chi sceglie il treno per i propri spostamenti. I nuovi treni regionali Rock e Pop sono riciclabili fino al 97% con una riduzione del 30% dei consumi energetici rispetto ai treni precedenti. Insieme a una sempre maggiore affidabilità (telediagnostica di serie) ed elevati standard di security (telecamere e monitor di bordo con riprese live), sono disponibili diverse configurazioni esterne e interne realizzate per rispondere alle esigenze individuate dal committente Regione. Ti potrebbero interessare: Treno POP, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale comodo e accessibile Treno ROCK, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ott 2019

BARI | Al via il biglietto unico treno+ bus per chi parte e arriva a Molfetta

di mobilita

Al via il biglietto unico treno+ bus per chi parte e arriva a Molfetta. Dall’1 novembre chi utilizzerà una delle quattro linee circolari di MTM (Mobilità e Trasporti Molfetta) dirette in stazione per proseguire il viaggio a bordo dei treni regionali di Trenitalia potrà farlo acquistando un unico biglietto. Una nuova forma di intermodalità, grazie a un’offerta armonizzata di collegamenti su gomma e ferro che mira a far vivere alle persone un’esperienza di viaggio a 360°. Il biglietto unico treno+autobus da e per Molfetta è un ulteriore servizio realizzato per andare incontro alle esigenze delle persone che ogni giorno scelgono il treno per i propri spostamenti sia per motivi lavoro, studio, svago e turismo. Il collegamento è parte integrante di un progetto a favore dell’intermodalità su tutto il territorio nazionale, utile a migliorare l’interscambio ferro/gomma e facilitare gli spostamenti dei viaggiatori e le modalità di acquisto dei biglietti. Al momento dell’acquisto basterà indicare come origine/destinazione “Molfetta città” e comprare in abbinamento al biglietto ferroviario anche quello di corsa semplice del bus. I biglietti abbinati treno+bus sono già inseriti nei canali di vendita di Trenitalia: biglietterie di stazione (quella di Molfetta è aperta al pubblico tutti i giorni, dalle 6.10 alle 13.20 e dalle 14.00 alle 21.10), self service, sito web trenitalia.com, l’app Trenitalia, agenzie di viaggio, ricevitorie e tabaccherie abilitate. È anche attraverso iniziative come quella avviata a Molfetta che il Gruppo FS Italiane sta rafforzando sempre più il proprio impegno per trasformare la mobilità condivisa e collettiva in Italia, anticipando le sfide del futuro e creando valore nel lungo periodo per il sistema Paese. In quest’ottica, anche il Piano industriale 2019-2023 del Gruppo FS Italiane integra i principi della sostenibilità sociale, ambientale ed economica con l’obiettivo di offrire alle persone servizi personalizzati e di qualità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ott 2019

Maltempo in Sicilia, aggiornamento circolazione linee ferroviarie

di mobilita

Continuano le operazioni di ripristino dell'infrastruttura ferroviaria, con oltre 60 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) e dal personale delle ditte appaltatrici impegnati ininterrottamente dallo scorso fine settimana lungo le linee ferroviarie interessate dalle abbondanti piogge cadute in Sicilia. Questa la situazione alle 10.30 sulle linee ferroviarie regionali: Alcamo – Castelvetrano - Trapani Circolazione rallentata, offerta di trasporto riprogrammata, con la cancellazione di alcuni treni. Catania - Caltagirone Circolazione sospesa dalle 5.00 di questa mattina, fra Lentini Diramazione e Caltagirone. Modica – Siracusa Ancora sospesa per i gravi danni dovuti a smottamenti ed esondazioni fra Rosolini e Ispica e fra Scicli e Sampieri. Proseguono i lavori di ripristino dell'infrastruttura, con previsione di riattivazione nei prossimi giorni. Per i servizi sospesi, l'impresa ferroviaria ha attivato un servizio sostitutivo con bus. Prima di mettersi in viaggio verificare l'andamento della circolazione ferroviaria consultando le informazioni sul sito web dell'impresa ferroviaria o contrattare il call center gratuito 800 89 20 21. Foto di copertina : GDS

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ott 2019

Ecco il nuovo piano commerciale promosso da Trenitalia in Abruzzo

di mobilita

Il nuovo piano commerciale dei servizi ferroviari regionali promosso da Trenitalia in Abruzzo, per soddisfare la domanda e incrementare il carico medio dei treni nelle ore di minore affollamento, prevede due nuove opportunità di viaggio. Il primo “Abbonamento plus 3/5 giorni” (titolo di viaggio nominativo valido per 3 o 5 giorni consecutivi con un numero illimitato di viaggi, sui treni regionali, regionali veloci e metropolitani di Trenitalia). Il secondo “Promo Viaggia con me” (offerta dedicata a tutti i possessori di abbonamento mensile, trimestrale o annuale regionale/sovra-regionale Trenitalia o integrato), che consente di viaggiare gratuitamente sui servizi del trasporto regionale Trenitalia per treni di classe pari o inferiore e per tratte differenti da quelle dell’abbonamento stesso, in compagnia di un viaggiatore munito di biglietto di corsa semplice a tariffa ordinaria, acquistato inserendo il codice abbonamento. Inoltre, saranno introdotte una serie di offerte per valorizzare l’esperienza di viaggio in gruppo, promuovendo ad esempio i viaggi delle scolaresche con un abbonamento complessivo scontato del 20% con la gratuità di massimo due accompagnatori. In tal senso saranno distribuiti appositi cataloghi nei plessi scolastici nei pressi delle stazioni e delle fermate ferroviarie. Analoghe iniziative infine saranno dedicate anche ai gruppi scout e agli studenti Erasmus. Mirate e specifiche proposte volte ad incrementare l’offerta agli utenti attraverso un contenimento dei costi per gli stessi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2019

Da Trapani a Mazara con il treno storico dei formaggi e dei sapori delle terre sicane

di mobilita

Proseguono gli itinerari turistici con i Treni storici del gusto in Sicilia. Domenica prossima, 20 ottobre, partirà alle 9.50 dalla stazione di Trapani il Treno dei formaggi e sapori delle terre sicane. Le automotrici ALn668 in livrea d’epoca effettueranno la prima fermata alle 9.57 a Paceco.  Da qui è previsto il transfer in bus verso la Riserva delle Saline per la visita del Museo del sale nell’antico mulino. Si ripartirà alle 11.30 dalla stazione di Paceco in direzione Mazara, con arrivo alle 12.20. In programma la visita al Museo del Satiro Danzante per ammirare la preziosa statua bronzea. Successivamente si potrà visitare la Casa Periferica, parco culturale contemporaneo della città di Mazara del Vallo, dove è in programma il Laboratorio del Gusto. Previste degustazioni di Pane nero di Castelvetrano, Olio di Castelvetrano, la tradizionale Vastedda del Belice e Miele di Ape Nera Apisicula. Successiva visita facoltativa del Museo Evocava, un percorso nella grande cava ipogea della città, per scoprire la storia della Mazara sotterranea. Nel pomeriggio, alle 14.30, con un servizio navetta si raggiungerà il vicino centro di Vicari dove, accompagnati dalla locale Pro Loco, si potrà visitare il cuore antico della cittadina e il Museo del Castello. I biglietti per viaggiare a bordo del treno storico sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “Prenota un viaggio” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram. È, inoltre, disponibile l’indirizzo email [email protected]  Il programma dei Treni storici del gusto promosso dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

Trenitalia: al via dal 15 dicembre l’orario invernale 2019-2020

di mobilita

Manca poco meno di due mesi al via dell’orario invernale di Trenitalia e circa il 73% della futura offerta delle Frecce (Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca), pari a 210 corse, è disponibile su tutti i canali di vendita.  Questo consente di consultarne gli orari, acquistare i biglietti per le partenze dopo il 15 dicembre, quando entra in vigore il nuovo orario, e iniziare a organizzare i viaggi natalizi approfittando delle offerte presenti. Occorre evidenziare che l’assenza dai sistemi informatici dal 15 dicembre di Frecce e altre corse ferroviarie che sono presenti nell’attuale orario non equivale a una loro cancellazione, come alcuni giornali e media locali erroneamente denunciano. I treni mancanti saranno infatti inseriti nei canali commerciali di Trenitalia progressivamente non appena terminata la definizione delle loro tracce orarie con RFI, gestore dell’infrastruttura. Si tratta di una complessa operazione di definizione degli orari di sosta, partenza, arrivo e transito di oltre 8mila corse internazionali, nazionali, regionali e cargo nelle stazioni, nelle fermate e lungo l’intera rete ferroviaria italiana. Nell’occasione si stanno anche introducendo alcune modifiche di orario finalizzate a migliorare puntualità e regolarità dei servizi, il che rende l’intera operazione ancora più delicata e importante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 ott 2019

Trenitalia: dieci milioni di persone in più scelgono il servizio regionale

di mobilita

Dieci milioni di persone in più (+2,8%) sui treni regionali nei primi nove mesi del 2019, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Oltre un milione in più (+3,4%) a settembre 2019 rispetto a settembre 2018. Cresce anche la puntualità percepita dai viaggiatori: nove treni regionali su dieci (91,6%) arrivano entro i cinque minuti. Crescita annuale pari a due punti percentuali. Sono i principali numeri dei primi nove mesi dell’anno per il trasporto ferroviario regionale e metropolitano di Trenitalia (Gruppo FS Italiane). A ciò si aggiunge una crescita costante della customer satisfaction: 87 viaggiatori su 100 sono soddisfatti del viaggio nel suo complesso (87,4%), circa due punti percentuali in più rispetto a settembre 2018. L’ultima indagine demoscopica, commissionata da Trenitalia a una società esterna, registra risultati in aumento anche per tutti gli altri indicatori: pulizia (75,5% di gradimento, +3,1), comfort (87,5%, +2,7), puntualità (79,2%, +2,2), permanenza a bordo (88,8%, +1,9), informazioni a bordo treno (84,4%, +1,8) e security (83,5%, +1,5). Circa 600 addetti di customer care offrono assistenza, informazione e security a tutti i passeggeri del trasporto regionale, sia a bordo sia sulla banchina prima della partenza, per i treni che circolano negli orari di punta e nelle stazioni con i maggiori flussi di traffico. Il servizio, avviato a novembre 2018, ha introdotto nel trasporto regionale alcuni plus che erano prerogativa delle Frecce. Negli ultimi mesi, inoltre, i viaggiatori stanno conoscendo i nuovi treni regionali Rock e Pop. Da maggio ad oggi 28 nuovi treni circolano sui binari dell’Emilia-Romagna, entro fine anno i nuovi convogli saranno a disposizione dei pendolari di Veneto, Liguria, Marche e Sicilia. Successivamente in tutte le altre regioni italiane. I Rock e Pop fanno parte di una maxi fornitura di 600 nuovi treni regionali per un investimento economico complessivo di sei miliardi di euro che garantiranno il rinnovo dell’80% dell’intera flotta regionale di Trenitalia. Nuovi treni, ma non solo. Trenitalia è da sempre attenta alle esigenze delle persone e per questo favorisce l’intermodalità con servizi differenziati che soddisfano le esigenze di mobilità dei viaggiatori. Fra questi, i collegamenti con gli aeroporti come il Ciampino AirLink o il Treviso AirLink. Si incentiva così lo shift modale dai mezzi privati a soluzioni integrate ferro/gomma, agevolando gli spostamenti smart e le modalità di acquisto dei biglietti e invogliando i viaggiatori a lasciare l’auto privata a casa scegliendo i trasporti pubblici, più convenienti, sicuri e sostenibili. Ciò ha permesso di incrementare il numero di persone che ha scelto il treno regionale anche per gli spostamenti nei fine settimana e durante le festività. Il trasporto regionale su ferro registra un trend in crescita confermando l’attenzione costante del Gruppo FS verso le esigenze del milione e mezzo di persone che, ogni giorno, viaggiano sui convogli di Trenitalia. Risultati che sottolineano, inoltre, come il trasporto regionale e metropolitano nel suo complesso sia il perno di tutte le attività del Gruppo e al centro del Piano industriale 2019–2023.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ott 2019

REGIONE VALLE D’AOSTA | Da domenica 6 ottobre in servizio i primi treni bimodali

di mobilita

Consegnati i primi treni bimodali realizzati da Stadler per la Regione Autonoma Valle d’Aosta previsti nel bando di gara vinto da Trenitalia per il servizio ferroviario valdostano.  Da domenica 6 ottobre due dei nuovi treni entreranno in circolazione sulla linea Aosta - Torino con 9 corse giornaliere, un terzo convoglio sarà consegnato nei prossimi giorni e gradualmente entreranno in circolazione tutti i cinque previsti. “C’è ovviamente soddisfazione per la consegna di questi primi due treni che avviene alla conclusione dell’iter burocratico e tecnico - commenta l’Assessore ai Trasporti Luigi Bertschy - Ringrazio i dirigenti dell’Assessorato per il Lavoro svolto e le due aziende per aver agito con buon senso e rispetto reciproco. Il merito dell’arrivo di questi treni va a chi allora si è assunto la responsabilità politica e amministrativa di una decisione innovativa quanto difficile da realizzare che va considerata oggi un buon punto di partenza per i tanti investimenti che dovranno essere realizzato per migliorare i collegamenti con il Piemonte e le altre Regioni.” “Sono i primi treni bimodali ad entrare in circolazione in Italia, fra Torino e Aosta. Una novità assoluta – dichiara il Direttore Regionale Trenitalia Luca Zuccalà – che conferma i livelli di efficienza e di eccellenza qualitativa raggiunti da Trenitalia nel trasporto regionale e metropolitano. I treni, con soluzioni tecnologiche innovative grazie alla trazione elettrica e motori diesel che generano energia sulle tratte non elettrificate, offrono elevati standard di sostenibilità ambientale, di sicurezza e di comfort. Un’ulteriore attenzione per i viaggiatori che potranno spostarsi comodamente dalla Valle d’Aosta a Torino senza cambiare treno ad Ivrea.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ott 2019

REGIONE SICILIANA | Ordinati altri 17 treni bimodali per il trasporto regionale

di mobilita

La giunta Regionale Siciliana, con la Delibera n. 346 del 26 settembre 2019, in funzione alle previsioni dell'Accordo Quadro stipulato da Trenitalia S.p.A. con la ditta costruttrice Hitachi Rail Italy S.p.A., ha dato la disponibilità alla cessione di contratto unicamente per convogli bimodali e, più precisamente, 17 treni che saranno consegnati entro il 2021 e ulteriori otto convogli che saranno consegnati entro il 2022. I sopracitati otto convogli consentirebbero il completamento dell'intero fabbisogno dei treni diesel-elettrici per il servizio ferroviario regionale già programmato con le predette deliberazioni della Giunta regionale n. 144/2018 e n. 69/2019. L'acquisto di cinque degli otto treni bimodali, in sostituzione dei preventivati EMU, potrebbe essere finanziato con le stesse risorse FSC infrastrutture 2014/2020, mentre l'acquisto dei tre restanti, potrebbe essere finanziato con le somme provenienti dall'art. l, comma 866, della legge n. 208/2015    

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
01 ott 2019

BOLOGNA | Trenitalia e Tper insieme per gestire il trasporto pubblico su ferro sull’Emilia-Romagna

di mobilita

Trenitalia e Tper insieme per gestire il trasporto pubblico su ferro sull'Emilia-Romagna. La notizia è stata confermata dall’ad di Trenitalia, Orazio Iacono durante un convegno organizzato dalla Cisl sul futuro della mobilità regionale. Manca ancora un nome e un logo che condradistinguerà il nuovo colosso, di certo sappiamo che potrà contare su 930 treni di media in un giorno feriale e oltre 140mila passeggeri trasportati quotidianamente. Ad Aprile arriveranno i nuovi convogli realizzati da Alstom (Pop) e Hitachi Rail (Rock), che, con 86 nuovi modelli in circolazione entro il 2020 (47 Pop e 39 Rock), puntano a rivoluzionare la mobilità pendolare della Regione.

Leggi tutto    Commenti 0