Articolo
13 lug 2020

Da Napoli alle spiagge del Cilento con “Cilento Link” di Trenitalia

di mobilita

L'offerta di Trenitalia per l'estate 2020 si arricchisce di un nuovo servizio. Dall'11 luglio è attivo il Cilento Link un collegamento treno+bus che consente di raggiungere comodamente alcune delle più belle località della costiera cilentana con un biglietto integrato. Cilento Link è attivo tutti i giorni della settimana, con corse in partenza in coincidenza con gli orari dei Treni da/per Pisciotta Palinuro e Ascea. Il prezzo del biglietto per viaggiare sul bus + treno da Napoli Centrale, per persona, per tratta è di: € 10,80 per Palinuro (€ 8,80 treno + € 2,00 bus) € 11,70 per Marina di Camerota (€ 8,80 treno + € 2,90 bus) € 10,10 per Velia Scavi (€ 8,80 treno + € 1,30 bus) € 10,50 per Casal Velino Marina (€ 8,80 treno + € 1,70 bus) € 11,70 per Pioppi (€ 8,80 treno + € 2,90 bus) € 11,70 per Acciaroli (€ 8,80 treno + € 2,90 bus). Si può partire dalla stazione di Palinuro alla volta di Marina di Camerota oppure si può scegliere di visitare Casal Velino, Velia, Pioppi e Acciaroli raggiungibili con un bus dalla stazione di Ascea. Viaggiano gratis sul treno: i bambini fino ai 6 anni non compiuti accompagnati da un adulto pagante. È possibile acquistare un biglietto Cilento Link su tutti i canali di vendita di Trenitalia (su questo sito, dalla App Trenitalia, presso le Self Service in stazione, biglietterie, agenzie di viaggio abilitate, punti vendita LisPaga di Lottomatica, SisalPay e Banca5).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 lug 2020

Al mare in treno alla scoperta delle coste Abruzzesi con Trabocchi Line

di mobilita

Raggiungere le splendide spiagge della Costa dei Trabocchi? Si può fare, fino al 13 settembre, con Trabocchi Line, la nuova idea di viaggio leisure di Trenitalia e Regione Abruzzo, committente e finanziatrice dei servizi ferroviari regionali. Fino a 20 corse giornaliere di andata e ritorno, rigorosamente green, che collegano direttamente le tre stazioni di Pescara (Centrale, Porta Nuova e Tribunale) a quelle di questo tratto della costa adriatica abruzzese. Il nuovo servizio viene effettuato con treni dotati di tutti i comfort e spazi dedicati alle bici. Grazie alle fermate intermedie nelle principali località della costa - Francavilla, Tollo, Ortona, S. Vito, Fossacesia, Casalbordino, Porto di  Vasto, Vasto San Salvo e Termoli - si può scegliere di raggiungere le spiagge dalle acque cristalline, gustare local food, perdersi nella natura di Punta Aderci o godersi, by foot o by bike, il panorama dalla Via Verde dei Trabocchi. Gli orari del Trabocchi Line - tra le tessere del mosaico che Trenitalia ha predisposto per la stagione estiva, proponendo il treno come soluzione più comoda, affidabile e vantaggiosa per raggiungere le mete turistiche - sono pubblicati sui sistemi di vendita Trenitalia: da Pescara fino a Vasto e Termoli con 20 collegamenti nei giorni feriali (a partire dalle 5:05) e 16 nei giorni festivi (dalle 7:05). Poco meno di un’ora il tempo di viaggio per raggiungere Vasto da Pescara.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

Tutte le offerte di Trenitalia per l’estate 2020

di mobilita

Mai come quest’anno, dopo il difficile lockdown seguito dalla riapertura del Paese ma con regole determinate a impedire al virus di ripartire, l’estate Trenitalia è stata così ricca e nutrita di novità e offerte. Con Frecce, Intercity e Regionali, oltre ai nuovi servizi FRECCIALink e ai collegamenti intermodali, il turismo è al 100% sostenibile e a 360 gradi: in treno si va al mare e in campagna, in montagna e al lago, con il massimo comfort e in tutta sicurezza. Fra le novità più importanti il Frecciarossa 1000 del Tirreno, che collega Milano a Roma passando dal Levante ligure per poi correre lungo la costa fino all’Argentario, incontrando il porto di Civitavecchia per raggiungere la Capitale all’ora di cena, e il Frecciarossa che unisce Torino a Reggio Calabria, arrivando in stazione prima che cominci il tramonto, senza cambi intermedi. In treno esplode la voglia di mare quando, per esempio, ci si spinge verso Sapri, nell’estremo sud della provincia di Salerno. Scendendo dal Frecciarossa, si palesa all’improvviso la pittoresca baia del golfo di Policastro. Molto esteso il lungomare, ideale luogo di ritrovo e passeggio serale. La costa, che sconfina in Basilicata, offre grotte e panorami mozzafiato. Perfetta da scoprire a piedi, con un trekking lungo il sentiero Apprezzami l’asino, dal porto di Sapri allo scoglio dello Scialandro, dove si staglia il monumento della Spigolatrice, un omaggio alla poesia di Luigi Mercantini sulla fallimentare spedizione di Carlo Pisacane per liberare il Regno delle Due Sicilie dalla dominazione borbonica. Da non perdere la vicina Dea del mare, così veniva chiamata anticamente Maratea (PZ), perla incastonata tra l’azzurro del Tirreno, il verde della macchia mediterranea e le diverse tonalità di scogliere, isolotti e spiagge come Acquafredda, Cersuta, Fiumicello, La Secca. Dominano il paesaggio l’antico borgo, un concentrato di monumenti e luoghi di culto che è valso a Maratea il soprannome di città delle 44 chiese, e Monte San Biagio con la statua del Redentore, seconda per dimensioni solo a quella di Rio de Janeiro. Proseguendo verso la Calabria il Frecciarossa ferma a Paola (CS), il cui litorale è caratterizzato dai cosiddetti “pennelli a mare”: insenature a forma di mezzaluna, dove l’acqua è quasi sempre limpida, delimitate dalle barriere di sassi a forma di T realizzate per proteggere la linea ferroviaria che corre lungo la spiaggia. E, ancora, stop a Lamezia Terme, Rosarno e Villa San Giovanni (RC), dove la punta d’Italia quasi si tocca con la Sicilia, comodamente raggiungibile in traghetto attraversando lo Stretto di Messina. A pochi chilometri, Reggio Calabria fa sbizzarrire e meravigliare i turisti, con le sue bellezze paesaggistiche e culturali, come il Museo Archeologico Nazionale, il Castello Aragonese, la cattedrale di Maria Santissima Assunta, l’Arena dello Stretto e il lungomare Falcomatà. Sull’altra sponda, invece, è d’obbligo un salto a Riccione, la perla verde dell’Adriatico con oltre sei chilometri di arenile sabbioso dal basso fondale, viali alberati, giardini, parchi divertimento, boutique, locali notturni e antichi borghi da visitare nei dintorni, come Montefiore Conca, Mondaino e Montegridolfo. Distanze di sicurezza garantite e tanti servizi nei 151 stabilimenti balneari di Riccione, alcuni con spa come i bagni 105 e 110 o con maxi gazebo e lettini matrimoniali al 71. Senza contare la Spiaggia delle donne, gestita al femminile e molto apprezzata dalle mamme, e la nota Spiaggia 61, a metà strada fra le Terme di Riccione e viale Ceccarini, tra le poche a tradizione familiare e con oltre un secolo di storia, da dove ogni mattina Enrico il bagnino va in diretta su Radio Deejay con le sue scherzose previsioni del tempo. La cura del sole e dei bagni è garantita anche a Cattolica, altra tappa dell’estate in Frecciarossa, mentre Senigallia (AN), Bandiera blu dal 1997, è famosa per la sua Rotonda sul mare, la sabbia fine e vellutata, gli itinerari in bicicletta tra le colline dell’entroterra, gli eventi e i festival come il Summer Jamboree (in programma la prima settimana di agosto). Non manca l’offerta estiva di Trenitalia Regionale, con preziose novità come il Trabocchi Line per raggiungere in treno ed esplorare in bici la splendida Costa dei trabocchi, in provincia di Chieti, mentre in Frecciargento si arriva comodamente a Foggia, Barletta, Bari e Monopoli (BA). E ancora giù, fino a Brindisi, con tappa anche a Ostuni per il suo pittoresco borgo medievale, un dedalo di vicoli, scalinate, corti, piazzette e case bianche impreziosite da gerani, botteghe artigiane e ristorantini tipici. Sotto la Città bianca del Salento, il litorale si fa magico tra scogli e calette turchesi di sabbia dorata, tipiche di questo tratto di costa adriatica. In treno si può raggiungere tutto il mare più bello dello Stivale, quindi. Ma non solo. L’estate in Frecciarossa porta anche a Chiusi-Chianciano Terme (SI) per scoprire la suggestiva Val d’Orcia, amata dai turisti di tutto il mondo per i suoi itinerari fra le colline del Chianti, la Via Francigena e le località termali. E in Ciociaria, fino a Frosinone, per un tour tra i Monti Simbruini, le Grotte di Pastena, l’Abbazia di Montecassino, l’Acropoli di Alatri e la cascata nel centro di Isola del Liri.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 lug 2020

UMBRIA | Domani parte il “Trasimeno Line” di Trenitalia

di mobilita

Diventa possibile, da domani 3 luglio, ogni giorno e fino al 30 agosto, con Trasimeno Line, la nuova idea di viaggio leisure di Trenitalia Umbria e Regione Umbria, committente e finanziatrice dei servizi ferroviari regionali. Nove ogni giorno le corse, tutte green, che collegano direttamente la sponda di levante con quella di ponente del lago, da Perugia a Chiusi-Chianciano Terme, passando per le mete turistiche lacuali più apprezzate. Trasimeno Line ha fatto il suo esordio oggi 2 luglio, con un treno straordinario dedicato alle autorità, partito da Perugia Fontivegge alle 09:33. A bordo Donatella Tesei, Presidente della Regione Umbria, Amelia Italiano, Direttrice di Trenitalia Umbria, Enrico Melasecche, Assessore regionale ai Trasporti, e i sindaci dei comuni toccati dall'itinerario del convoglio. Il nuovo servizio viene effettuato con treni Jazz, convogli di ultima generazione, dotati di tutti i comfort, tra cui info-monitor di bordo e spazi dedicati alle bici, idonei anche ai viaggi delle persone a ridotta mobilità. Grazie alle fermate intermedie nelle principali località lungo il lago, Trasimeno Line dà facile accesso alle molteplici attività che l'area offre ai visitatori: le rilassanti spiagge attrezzate di Torricella, la piacevole passeggiata di Passignano sul Trasimeno, i locali glamour di Castiglione del Lago, le specialità culinarie di Magione, gli sconfinati percorsi naturalistici, che si estendono ad anello tutt'intorno al lago, da godersi a piedi o in bici, per gli sportivi di ogni tipo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 lug 2020

Nel Lazio arriva il Rock, nuovo treno dedicato al trasporto regionale

di mobilita

Nel Lazio arriva Rock, il nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto, frutto delle migliori tecnologie, con tutte le caratteristiche di sostenibilità ambientale E’ il primo dei 72 nuovi convogli di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) che entro il 2024 garantiranno il rinnovo totale della flotta regionale dedicata soprattutto ai pendolari. Il Rock è stato consegnato  questa mattina a Roma Termini al Presidente della Regione Nicola Zingaretti, dall’Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiane Gianfranco Battisti e di Trenitalia Orazio Iacono, e dal Direttore della Divisione Passeggeri di Trenitalia Sabrina De Filippis. Progettato e costruito da Hitachi Rail Italy per Trenitalia, il Rock è dotato di 602 posti a sedere e sarà impiegato sulle linee FL1 Orte - Roma - Fiumicino Aeroporto e FL3 Roma - Cesano/Viterbo. Spazioso ed ecosostenibile, vista la scelta dei materiali per garantire elevati livelli di riciclabilità (superiore al 95 per cento) e rinnovabilità, è accessibile alle persone a ridotta mobilità. Capiente, accessibile e anche ecologico, il nuovo treno consente infatti di ridurre i consumi del 30% rispetto ai precedenti. Spazio all’interno anche per il trasporto di 18 biciclette. Il trasporto regionale è “uno dei pilastri e la grande sfida del Gruppo FS, ed è lì che dobbiamo fare la differenza perché è dove ci facciamo la reputazione”, ha commentato l’AD di Ferrovie dello Stato Gianfranco Battisti. “Per avvicinare il pendolare al sistema trasporti - ha proseguito - abbiamo introdotto un’app che lo informa costantemente su orari, prezzi e ritardi e introdotto la security su treni pendolari, soprattutto quelli più affollati, e un nuovo modello di customer care con un servizio dedicato ai pendolari dei regionali”. Il Rock "è uno dei 600 treni a livello nazionale che abbiamo messo in campo per il trasporto regionale che è la vera priorità dal punto di vista aziendale", ha sottolineato l'AD. "Dobbiamo fare in modo di garantire e recuperare quel gap qualitativo che abbiamo avuto in questi anni sui pendolari, ma dobbiamo, soprattutto, lavorare in prospettiva per creare le condizioni per redistribuire i flussi del trasporto pendolari. Lo possiamo fare con treni come questo, che hanno standard di qualità molto alti, sono ecologicamente sostenibili e rappresentano quel tassello in più che aiuterà davvero a cambiare il modo di viaggiare dei pendolari in Italia".

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
02 lug 2020

Prenotazione treno regionale, al via la sperimentazione

di mobilita

Distanziamento no, distanziamento sì. Negli ultimi giorni alcune amministrazioni regionali hanno deciso di cambiare le regole che imponevano il cosiddetto distanziamento sociale a bordo dei mezzi pubblici. Perché sui treni regionali sono proprio le Regioni a poter decidere e derogare dai protocolli nazionali. Così al momento Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Puglia, Liguria e Province autonome di Trento e Bolzano si sono orientate per l’eliminazione dei limiti di capienza del 50%. Quindi non più un posto sì un posto no, com’è stato finora, ma un ritorno al 100% della capacità. Sempre ovviamente, con l’obbligo della mascherina e la raccomandazione di una frequente igienizzazione delle mani. Intanto Trenitalia, dal 3 giugno, ha avviato sui treni regionali (1.500 a oggi) una sperimentazione per controllare e contingentare il numero dei viaggiatori presenti a bordo. I treni oggetto del test sono stati selezionati grazie alla costante attività di monitoraggio portata avanti, a partire da maggio, dagli oltre 200 operatori del customer care regionale di Trenitalia. Fra i collegamenti scelti, anche quelli con le principali località di mare nei fine settimana e nei giorni festivi.   Una rivoluzione nel trasporto regionale che prevede un biglietto specifico per il treno scelto, in vendita finché il convoglio non ha raggiunto - in base alle prenotazioni dei viaggiatori - la sua capienza massima. E ciò vale sia che il limite sia quello tenuto finora, del 50%, sia che si decida di tornare al 100%, almeno nel caso in cui le Regioni non tollerino e non rendano possibile anche il viaggio in piedi. Con la nuova procedura il viaggiatore salirà sull’effettivo treno che ha scelto e prenotato. Soltanto così il sistema funziona, con il rispetto di questa regola. Un passaggio in più, dunque, ma semplice e che permetterà di viaggiare in sicurezza. A iniziare dall’app e, a breve, anche su sito web e self service, sarà possibile controllare in tempo reale la disponibilità di posti sul treno prescelto. Nel caso questo sia sold out, il sistema non permetterà di procedere all’acquisto. Nella nuova app di Trenitalia sono i colori verde, giallo e rosso a mostrare il livello di riempimento e indicare virtualmente il lasciapassare per la prenotazione. Il posto non è assegnato e la prenotazione è gratuita. I clienti dovranno quindi abituarsi gradualmente a queste inedita prassi. Dopo un periodo transitorio per far metabolizzare l’iniziativa, le accortezze post-Covid dovranno entrare nel DNA di tutti i viaggiatori per far sì che siano adottate, in futuro, a beneficio della totalità dei passeggeri regionali, in un settore dove sono proprio le Regioni a definire modalità e orari del servizio.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2020

Altre 38 Frecce arricchiscono l’offerta estiva di Trenitalia

di mobilita

Luglio, per chi sceglie il treno per muoversi, s’inaugura con il ritorno sui binari di altre Frecce Trenitalia sospese per l’emergenza Covid. In tutto 38 corse in più, introdotte nell'offerta ferroviaria estiva tra domenica 28 giugno e domenica 5 luglio, che comprendono  il Frecciarossa Trieste-Roma, l'Udine-Milano, il Perugia-Torino e il Genova-Milano-Venezia, oltre al Frecciargento fra Vicenza e Roma. Dal 28 giugno prende il via anche il prolungamento a Sapri, nel fine settimana, del Milano-Napoli con fermate nel Cilento. Queste novità di inizio luglio, con il ritorno di collegamenti tanto attesi come i Frecciarossa Perugia-Torino e Genova-Venezia, insieme al Roma-Trieste con fermata a Trieste Airport, concomitante con il progressivo ritorno all’operatività dell’aeroporto giuliano, e la reintroduzione di tutti i 108 InterCity Giorno e Notte sono un segnale di normalizzazione e di ripartenza dell’intero sistema di mobilità ferroviaria nazionale. Un altro deciso passo che arriva dopo altre iniziative adottate per stimolare l’interesse di tanti nuovi potenziali viaggiatori con scelte forti e inedite che stanno riscuotendo grande attenzione. Come far costeggiare al Frecciarossa 1000 il litorale tirrenico di Liguria  Toscana e Lazio con  un  Milano-Roma versione balneare e inserire in orario le due coppie di Frecciarossa con 12 vetture tra Torino e Reggio Calabria, in un testa-coda della Penisola che, percorsa l’intera linea AV, non si arresta fino allo Stretto di Messina. Del resto, come è stato più volte ribadito nelle ultime settimane dai vertici sia di FS Italiane sia di Trenitalia, l’offerta ferroviaria estiva è parte integrante di un nuovo piano di sviluppo del turismo nazionale, volto alla riscoperta - nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria - di mete e itinerari di assoluto interesse e richiamo.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
25 giu 2020

LIGURIA | Un nuovo treno Pop in servizio tra Savona-Genova-Sestri Levante

di mobilita

Con l'arrivo di un nuovo treno Pop salgono a dieci i convogli regionali in circolazione in Liguria. In servizio tra Savona-Genova-Sestri Levante e Genova-Busalla-Arquata, il nuovo treno fa parte di un investimento ben più ampio previsto dal contratto di servizio Trenitalia/Regione Liguria che prevede la fortnitura di 48 nuovi mezzi. Con 557,7 milioni di euro di investimenti, di cui 390 milioni per il rinnovo della flotta regionale, l'accordo ha come obiettivo diminuire l’età media dei treni liguri entro il 2023 portandola a cinque anni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 giu 2020

Da oggi cresce il numero di corse giornaliere delle Frecce di Trenitalia

di mobilita

Assecondare la voglia di viaggiare in sicurezza e libertà. Coincide con il solstizio d’estate l’ulteriore incremento di 16 corse di Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca sulla rete ferroviaria nazionale deciso da Trenitalia. Tra il 21 e il 22 giugno i collegamenti giornalieri passeranno così da 158 a 174. Ma non sarà l’ultimo step, altre corse saranno reintrodotte nei prossimi giorni, fino all’inizio di luglio, riportando così la programmazione a livelli sempre più prossimi a quella pre-Covid. Intanto questo incremento dell’offerta riguarderà alcune corse Frecciarossa tra Milano e Roma, con la riattivazione anche della rotta Brescia - Napoli, quattro Frecciabianca tra Roma e Genova a servizio di tante località balneari della costa tirrenica centrosettentrionale e quattro Frecciargento tra Roma e Venezia. Confermato da inizio luglio anche il completo ripristino dell’offerta InterCity, con 88 corse diurne e 20 notturne. Rimangono ovviamente attive tutte le misure di sicurezza adottate in questi mesi da Trenitalia e da tutte le società del Gruppo FS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 giu 2020

Venti ciclovie nel nuovo travel book di Trenitalia

di mobilita

Trenitalia presenta l’ultimo travel book dedicato alle eccellenze turistiche italiane che si rivolge a chi vuole percorrere itinerari insoliti e particolari, utilizzando il treno regionale per spostarsi anche durante il tempo libero, alla scoperta di Borghi, Mare Nord e Centro, Mare Sud e Isole, Grandi Giardini Italiani, Siti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, Neve, Parchi e Wellness. attraverso venti percorsi ciclabili. Ogni ciclovia è aperta da una breve descrizione e da una scheda di approfondimento con l’indicazione delle stazioni ferroviarie di riferimento. Foto, cartine, percorsi per ogni livello di difficoltà, notizie utili, informazioni turistiche, attrazioni storiche e artistiche, principali curiosità sui prodotti tipici arricchiscono ognuno dei venti itinerari presentati: La pista ciclabile che collega Aosta con Verrès si sviluppa lungo le anse della Dora Baltea in Valle d’Aosta; la Chivasso-Ivrea, nel cuore del Cavanese, in Piemonte; in Liguria il percorso corre lungo la riviera di ponente da Ospedaletti a San Lorenzo al Mare; in Lombardia si segue il tracciato della greenway Voghera-Varzi, nell’Oltrepò pavese; in Trentino Alto Adige c’è la ciclabile dell’Oltradige da Bolzano a Caldaro; per quanto riguarda la Treviso-Ostiglia, in Veneto, l’itinerario è attualmente percorribile da Treviso a Grisignano di Zocco; in Friuli Venezia Giulia c’è la tratta italiana da Grado a Tarvisio della ciclovia Alpe Adria; tra le pagine dell’Emilia Romagna, il percorso costeggia le sponde del Marecchia da Rimini a Novafeltria; in Toscana si segue il tratto della Via Francigena da Poggibonsi a San Miniato; itinerario ad anello con partenza da Civitanova nelle Marche; in Umbria il percorso si sviluppa lungo l’ex ferrovia Spoleto-Norcia; nel Lazio la Paliano-Fiuggi sorge sul tracciato dell’antica ferrovia che collegava Roma con Fiuggi; da Ortona a Vasto, in Abruzzo, si può percorrere la Via Verde della Costa dei Trabocchi; in Molise l’itinerario è ad anello con partenza e arrivo sul lungomare di Termoli; andando verso sud, in Campania la ciclovia si snoda nella città di Napoli; in Puglia il percorso attraversa il Salento collegando Lecce a Squinzano; la Metaponto-Matera in Basilicata; itinerario che corre lungo la Costa dei Cedri da Guardia Piemontese a San Lucido in Calabria; in Sicilia il percorso ad anello si sviluppa tra la Valle dell’Alcantara e il Parco dell’Etna; ultima tappa del viaggio, in Sardegna alla scoperta del tracciato che parte da Carbonia e arriva a Calasetta, sull’isola di Sant’Antioco.  

Leggi tutto    Commenti 0