Articolo
16 gen 2020

Trenitalia ordina 14 nuovi Frecciarossa a Hitachi e Bombardier

di mobilita

Trenitalia amplia la flotta dei treni ad alta velocità, commissionando a Hitachi e Bombardier la costruzione di 14 nuovi Frecciarossa 1000. Si tratta di una fornitura in partenariato con quote, rispettivamente, del 60% per Hitachi, che si occuperà dell’assemblaggio, e del 40% per Bombardier, che si occuperà della parte ingegneristica e della parte meccanica dei carrelli, per un importo complessivo di 575 milioni di euro, incluso il full service manutentivo per dieci anni. Il primo dei nuovi 14 Frecciarossa 1000 sarà consegnato entro fine 2020 e la conclusione della fornitura è prevista entro fine 2021.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 gen 2020

Alta Velocità, problemi alla circolazione per inconvenienti tecnici

di mobilita

Dalle 9.20 la circolazione ferroviaria sulla linea AV Bologna – Firenze è rallentata per un inconveniente tecnico ad un treno passeggeri nazionale fermo fra Bivio Emilia e PM Idice. Ritardi fino a 30 minuti per i treni in viaggio. Dalle 8.55 la circolazione ferroviaria sulla linea AV Firenze – Roma è rallentata, in direzione Roma, per un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione a PM Rovezzano. Ritardi fino a 30 minuti per i treni in viaggio. Sta tornando progressivamente alla normalità, dalle 8.35, la circolazione ferroviaria nel nodo di Roma, rallentata dalle 6.55 per un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione di Roma Termini. I treni in viaggio hanno subìto ritardi fino a 80 minuti, mentre un regionale è stato cancellato e sette convogli limitati nel percorso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2020

Colau propone di eliminare la tratta aerea Barcellona-Madrid e di sostituirla con i treni ad alta velocità

di mobilita

Ada Colau, sindaco di Barcellona, ha proposto di eliminare la tratta aerea Barcellona-Madrid e di sostituirla con i treni ad alta velocità per ridurre le emissioni di gas serra. La tratta aerea emette infatti circa  60/80 chili di CO2 per passeggero mentre un viaggio in treno emette circa 5-7 chili di CO2. Attualmente la tratta ferroviaria dell'alta velocità  tra le due città è il fiore all’occhiello della Renfe e impiega circa 2 ore e mezza contro 1 h e 15 m dell'aereo (senza contare i tempi per il check-in e i controlli di sicurezza). La proposta di Colau arriva con la liberalizzazione del mercato europeo, nei collegamenti ferroviari, a partire da quest’anno. E il consorzio ILSA, composto da Trenitalia e Air Nostrum, è stato selezionato da ADIF, il Gestore dell’infrastruttura ferroviaria spagnola, come primo operatore privato ad accedere nel mercato iberico offrendo 32 collegamenti giornalieri sulla rotta Madrid – Barcellona (16 in ciascuna direzione).

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
11 gen 2020

Dalla prossima settimana da Soverato treno+bus per l’aeroporto di Lamezia Terme

di mobilita

Dalla prossima settimana sarà possibile raggiungere Lamezia Terme, da Soverato, con un treno diretto senza scali intermedi e successivamente, tramite navetta, l'aeroporto di Lamezia Terme. Lo ha affermato il sindaco di Soverato, Ernesto Alecci, sulla propria pagina Facebook: "Una prima importante pietra è stata posata con un investimento, solo per le corse invernali, di circa 1 milione di euro. Ora non bisogna abbassare la guardia. In estate il servizio sarà e dovrà essere potenziato con più corse attraverso il Soverato Express come già avviene sulla tratta di costa tirrenica. Meno auto in strada, soprattutto sulla SS 106, significa meno rischi incidenti. Grazie a tutti i 28 sindaci del comprensorio soveratese che 2 anni fa insieme a me hanno firmato un documento di protesta e di proposta che oggi raccoglie i suoi frutti, di cui beneficiano anche i comuni fino a Locri dove il treno per motivi tecnici farà "capolinea"».". Ci saranno al momento sei corse giornaliere tre per Lamezia Terme e tre per Soverato: Soverato -Lamezia → 7.57 - 9.27 - 13.16 Lamezia - Soverato → 8.51 - 14.03 - 15.51 Successivamente tramite autobus, operato da Federico autolinee, è possibile raggiungere, dalla stazione centrale, l'aeroporto con frequenze di 20 minuti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 gen 2020

ROMA | Un treno ogni 15 minuti per raggiungere la Nuova Fiera di Roma

di mobilita

Un treno ogni 15 minuti per la Nuova Fiera di Roma, che da mercoledì 8 a lunedì 20 gennaio ospiterà il concorso indetto dal ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MIBACT). Sono oltre 6mila i posti messi a disposizione ogni ora da Trenitalia sulla linea Roma - Fiumicino Aeroporto (FL1) in entrambe le direzioni. Per l’occasione Trenitalia potenzierà il servizio di assistenza nelle stazioni di Roma Ostiense, Roma Trastevere, Fiera di Roma e Fiumicino Aeroporto. Inoltre, sarà possibile acquistare i biglietti direttamente attraverso il customer care. Trenitalia invita le persone che raggiungeranno la Fiera di Roma in treno di dotarsi preventivamente sia del biglietto di andata che di ritorno

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 gen 2020

Al Centro-Sud la produzione dei nuovi treni ibridi del trasporto regionale

di mobilita

Saranno realizzati al Centro - Sud, negli stabilimenti Hitachi di Pistoia, Napoli e Reggio Calabria, i nuovi treni ibridi destinati al trasporto regionale.  Trenitalia (Gruppo FS Italiane) a seguito di un bando di gara europeo ha già commissionato 43 esemplari dei nuovi convogli attrezzati con motori diesel per linee non elettrificate, con pantografo per linee elettrificate, e con batterie per percorrere l’ultimo miglio su linee non elettrificate evitando l’uso di carburante. I treni, che potranno raggiungere la velocità massima di 160 km/h, sono attualmente in fase di progettazione/costruzione. Grazie alle batterie, capaci di sempre maggiore autonomia, i treni potranno viaggiare nei tratti di linea non elettrificati in fase di avvicinamento ai centri storici o durante la sosta in stazione prima della partenza, riducendo notevolmente le emissioni inquinanti e la rumorosità, con benefici sia per l’ambiente sia per i costi di gestione in termini di risparmio di gasolio. Dal punto di vista dei servizi a bordo, i treni offriranno tutti i confort del nuovo standard del trasporto regionale: informazioni, climatizzazione, prese usb e di corrente a 220V, distributori di snack e bevande, posti bici e bagagliere. Così come per i moderni treni Rock e Pop, anche i convogli ibridi saranno costruiti secondo le specifiche tecniche necessarie a facilitare salita e discesa delle persone a ridotta mobilità. Il Gruppo FS Italiane, guidato da Gianfranco Battisti, conferma così la politica di rafforzamento del trasporto pubblico su ferro con sempre maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale e al benessere delle persone.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2019

FS Italiane, in viaggio il 40esimo Frecciarossa 1000 dotato di Wi-Fi Fast

di mobilita

Una connessione web stabile e veloce sulle Frecce Trenitalia è sempre più una utile e comoda realtà. Sono da oggi infatti 40 i Frecciarossa 1000 attrezzati con l’innovativo “sistema multioperatore”, che garantisce una navigazione efficace e continuativa. A marzo il sistema sarà presente su tutti i 50 Frecciarossa 1000 e verrà progressivamente esteso su tutti i Frecciarossa. Dal giugno scorso la società di trasporto di Ferrovie dello Stato ha infatti avviato sui treni ad alta velocità l’installazione del sistema multi-modem e multioperatore, che consente di aggregare la capacità di banda 3G e 4G degli operatori telefonici assicurando una navigazione internet più veloce e stabile. Il nuovo sistema compensa l’assenza di segnale di un operatore telefonico in una zona della linea ferroviaria con quella di altri operatori. Già presente sull’80% dei Frecciarossa 1000 e su tutti i Frecciargento 700, la tecnologia Wi-Fi Fast è stata valutata positivamente dalle persone in viaggio su questi treni. Dal 2020 il Wi-Fi Fast sarà installato anche sui Frecciarossa 500, sui quali è già stato potenziato il Wi-Fi con l’aggiornamento dei modem mono-operatore, per consentire di passare dalla navigazione 3G a quella 4G. L’ottimizzazione degli investimenti per migliorare i servizi internet sui treni presuppone piani di miglioramento dell’infrastruttura, con l’estensione del segnale 4G anche in galleria, e l’impegno degli operatori telefonici con il potenziamento della copertura radiomobile lungo le linee AV, in area urbana ed extra-urbana. A bordo dei Frecciarossa è inoltre attivo, in via sperimentale, un servizio di contenuti in realtà aumentata che tramite visori permette un’esperienza immersiva nella quale è possibile simulare e ritrovarsi alla guida del Frecciarossa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 dic 2019

Trenitalia lancia la conciliazione paritetica nel trasporto regionale

di mobilita

Anche i pendolari del trasporto regionale potranno usufruire della conciliazione paritetica, istituto che Trenitalia già adotta per i passeggeri di Frecce e Intercity per risolvere le piccole controversie con l'azienda di trasporto del Gruppo FS, in maniera facile e senza ricorso a vertenze legali. La decisione permette a Trenitalia di essere sempre più vicina alle persone che viaggiano sui suoi treni regionali e accoglie le richieste avanzate in tal senso da numerose associazioni dei consumatori. Nelle prossime settimane si avvierà quindi il percorso per far sì che la procedura diventi operativa e accessibile a tutti i clienti regionali entro i primi mesi del 2020. La novità è stata annunciata al termine dell'incontro tra i vertici di Trenitalia e i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e delle persone con disabilità tenutosi nella sede del Gruppo FS Italiane a Roma. La riunione ha preceduto una serie di incontri a livello regionale, che Trenitalia promuoverà nel corso del 2020 con le Amministrazioni Regionali e le rappresentanze locali dei consumatori e dei pendolari. La conciliazione paritetica permette ai clienti che ritengono di non aver trovato adeguata soddisfazione al proprio reclamo o a una richiesta di indennizzo, di farsi rappresentare da un'associazione di consumatori per cercare una mediazione con Trenitalia e una positiva risposta alla loro richiesta.  Avviato nel 2009 nel comparto dei treni a lunga percorrenza e giudicato una best practice a livello europeo, l'istituto della conciliazione paritetica di Trenitalia ha visto crescere in maniera esponenziale (+15% medio all'anno) il numero di domande presentate e ammesse e ha raggiunto nel 2018 un 95% di esiti positivi, con l'accettazione delle proposte formulate dalla commissione di conciliazione. I tempi di risoluzione delle controversie si attestano a 38 giorni dalla presentazione della domanda.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 dic 2019

Alta velocità, pedaggio gratuito per i treni che arrivano al sud

di mobilita

Arriva il primo provvedimento di attuazione delle proposte avanzate nel “Manifesto del Sud”, consegnato al Premier alla presenza dei 100 sindaci del Cilento, degli Alburni e del Vallo di Diano. Da gennaio 2020 i treni Frecciarossa e Italo, provenienti dal Nord, che prolungheranno la loro corsa a Sud di Salerno, saranno esentati dal pagamento del pedaggio a Rete Ferroviaria Italiana per il tratto percorso sulla rete tradizionale. Ad annunciarlo è il senatore Francesco Castiello. “Questa è la più importante misura strutturale per incentivare i collegamenti ad Alta Velocità e i flussi turistici verso il Cilento, Vallo di Diano e Piana del Sele. Con le tariffe attuali, prolungare quotidianamente un treno Alta Velocità fino a Sapri, con due fermate intermedie, costa di pedaggio oltre 2 milioni di euro annui. Da gennaio 2020 il costo del pedaggio potrà essere pari a zero e quindi risulterà estremamente più conveniente per le società di trasporto ferroviario aumentare i servizi legati all’Alta Velocità che non saranno più limitati ai fine settimana del solo periodo estivo”. Trenitalia adesso potrà assicurare la fermata dei treni Frecciarossa tutto l’anno a Battipaglia, nel Cilento e Potenza. “Questo è il primo passo importante – conclude Castiello– trattandosi di misura strutturale che sicuramente contribuirà allo sviluppo dell’economia del nostro territorio. Continua il nostro impegno con le società che gestiscono Frecciarossa e Italo, con gli imprenditori turistici e gli operatori economici del territorio affinché queste opportunità infrastrutturali costituiscano un importante volano per l’economia favorendo la destagionalizzazione delle presenze turistiche e lo sviluppo dell’occupazione”. Foto di copertina: @noirniagara

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 dic 2019

REGIONE MARCHE | Firmato il nuovo contratto di servizio 2019-2033 con Trenitalia

di mobilita

Al via la ‘rivoluzione’ del trasporto ferroviario regionale e metropolitano per i pendolari marchigiani grazie al nuovo Contratto di Servizio 2019-2033 fra Regione Marche e Trenitalia con 26 nuovi treni e oltre 300 milioni di investimenti. Il nuovo contratto, del valore complessivo di oltre un miliardo di euro, è stato firmato oggi ad Ancona dal presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli e dall’Amministratore Delegato Trenitalia, Orazio Iacono. Alla cerimonia, svolta negli spazi delle Officine Trenitalia, hanno preso parte l’Assessore ai Trasporti Angelo Sciapichetti, Sabrina De Filippis e Fausto Del Rosso, rispettivamente Direttore Passeggeri Regionale e Direttore Marche di Trenitalia, e Michele Viale, Amministrato Delegato di Alstom Ferroviaria. “Una grande operazione che rientra nella strategia generale della sostenibilità fortemente voluta dalla Regione - ha detto il presidente Ceriscioli - E’ la via verde per lo sviluppo come risorsa e continuiamo ad investire in questa direzione, dalle ciclovie all’elettrificazione delle linee alla mobilità sostenibile”. Il nuovo accordo consente l’ammodernamento di tutto il parco mezzi regionale contribuendo significativamente al miglioramento della qualità del servizio rispetto a puntualità, affidabilità, regolarità, rumorosità e possibilità di accesso a utenti con ridotta mobilità. Nel 2025 l'età media dei treni circolanti nelle Marche sarà di soli 6,4 anni, rispetto ai 16 attuali. “Treni nuovi dotati di wi-fi, spazio per le biciclette, telecamere per la videosorveglianza e prese elettriche per ricaricare i dispositivi mobili – commenta Ceriscioli - è tutto un invito ad utilizzare il treno in alternativa agli altri mezzi di locomozione, mezzi elettrici che consumano di meno e che si collegano alla mobilità dolce della bicicletta. E’ il grande progetto della Regione Marche per la sostenibilità negli spostamenti su mezzi ecologici, un disegno strategico realizzato con un partner straordinario come Trenintalia”. “Siamo usciti dalla logica dei vecchi contratti che avendo durata più breve impedivano di fare l'investimento, la durata più lunga permette di mettere in moto tante risorse, abbiamo guardato anche alle tariffe saltando di un anno l’aumento migliorando così la dinamica tariffaria a beneficio dell’utenza. Oggi abbiamo raggiunto un obiettivo importante che guarda al futuro, poniamo la massima attenzione alla sostenibilità ambientale per dare le giuste risposta che tutti aspettano specialmente i giovani” conclude il presidente. “Dopo una lunghissima negoziazione durata quasi due anni – ha dichiarato l’assessore ai Trasporti Angelo Sciapichetti - la nostra Regione addiviene alla stipula di un importantissimo nuovo contratto di servizio che offrirà alla comunità marchigiana più servizi, treni nuovi molto confortevoli e più efficienza nella gestione, in una prospettiva pluriennale di quindici anni, in linea con le indicazioni avute dall’Autorità nazionale di regolazione dei trasporti”. Con il nuovo contratto la Regione Marche cofinanzierà con 37 milioni di euro l’investimento di Trenitalia di oltre 300 milioni di euro, per ammodernare le dotazioni infrastrutturali e migliorare conseguentemente l’offerta di servizi ai pendolari della regione: circa 200 milioni riguarderanno l’acquisto di 26 nuovi treni made in Italy: undici Rock, otto treni a media capacità, quattro Pop, un Jazz e uno Swing, eccellenze della flotta regionale dell’impresa ferroviaria, insieme ad un locomotore di ultima generazione. Ulteriori 94,4 milioni di euro saranno investiti, con positive ricadute sull’economia regionale, per migliorare le attività industriali con investimenti sulla manutenzione ciclica dei treni (58,9 milioni), il rinnovamento e ampliamento degli impianti industriali sul territorio (17 milioni), lo sviluppo di nuove tecnologie (11,3 milioni) compresa la bigliettazione unica elettronica, il revamping tecnologico ed il restyling della flotta già esistente per 7,3 milioni. È previsto, inoltre, un incremento della produzione: da 4,16 mln treni/km nel 2019 a 4,63 mln treni/km nel 2033. Presentato poi il nuovo treno POP, uno dei nuovi convogli dedicati ai pendolari marchigiani previsti dal nuovo contratto. È il primo nelle Marche e sarà impiegato per i collegamenti fra Ancona e Pesaro, fra Ancona e Fabriano e sulla linea Ancona – San Benedetto del Tronto – Ascoli Piceno. Le migliori performance e comfort saranno quindi offerti dal nuovo treno a mono piano capace di trasportare fino a 530 persone, con oltre 300 posti a sedere, con una velocità massima di 160 km/h ed un’accelerazione maggiore di 1 m/sec2. La scelta della Regione Marche di affidare a Trenitalia il servizio regionale per 15 anni è frutto anche del miglioramento del servizio. Infatti, dal 2014 al 2019 il gradimento dei viaggiatori regionali è aumentato per tutti gli indicatori del viaggio, in particolare il 18% per la pulizia e 17,1% per la puntualità. La soddisfazione complessiva del viaggio, inoltre, è aumentata di oltre 13,7 punti percentuali dal 2014 al 2019. Nello stesso periodo è stato registrato un significativo miglioramento della puntualità reale, infatti quella percepita dal viaggiatore è cresciuta dal 2014 al 2019 di 5,6 punti percentuali passando dall’88,9% al 94,5%, facendo registrare uno dei migliori risultati di tutta Italia. Sempre nello stesso periodo le cancellazioni totali si sono ridotte di oltre il 65,5%. Grande attenzione anche all’intermodalità, che continuerà ad essere un obiettivo condiviso nell’ottica di favorire l’interscambio rapido treno+bus, come ad esempio già realizzato con Politecnica Link e Fermo Link. Per offrire all’utenza e ai pendolari marchigiani un servizio dedicato a segnalazioni e suggerimenti è stato attivato lo sportello “Viaggiare insieme” in collaborazione con le Associazioni dei consumatori.   Torna indietro  

Leggi tutto    Commenti 0