Articolo
01 apr 2020

FS Italiane: nel 2019 ricavi per 12,4 miliardi e un utile netto di 584 milioni di euro

di mobilita

È un bilancio da record quello conseguito nel 2019 dal Gruppo FS Italiane.  L’utile netto raggiunge i 584 milioni di euro, con un + 4,5% rispetto al 2018, grazie a ricavi operativi che raggiungono i 12,4 miliardi di euro e conoscono un incremento di 363 milioni. Gianfranco Battisti, alla guida del Gruppo dall’estate del 2018, saluta con giustificato orgoglio questi risultati, ringraziando i tanti ferrovieri che si sono impegnati per conseguirli e che lo sono, in questi giorni, per affrontare l’emergenza pandemia da Covid-19. “Se il 2019 è stato l’anno migliore della storia del Gruppo Ferrovie dello Stato per ricavi e utile netto, senza operazioni straordinarie, lo dobbiamo a una crescita dei ricavi ricorrenti e a una continua attenzione alla razionalizzazione dei costi, frutto di un grande lavoro di squadra. Tutto questo mettendo sempre la persona al centro di ogni scelta industriale e con la determinazione di migliorare il nostro business in Italia e nel mondo nel rispetto di quei principi guida, legati alla sostenibilità, contenuti nel nostro Piano industriale 2019 – 2023. A tal fine – ha concluso Battisti -  siamo già pronti a ripartire, terminata l’emergenza Coronavirus, con un piano straordinario di accelerazione degli investimenti in infrastrutture ferroviarie e stradali per oltre 20 miliardi di euro entro il 2020”. Tutti i principali economics del Bilancio 2019 approvato oggi dal cda di Fs Italiane parlano in maniera univoca. L’EBITDA aumenta del 5,4% e si attesta a 2,6 miliardi con un EBITDA Margin indicatore che misura l’efficienza e la produttività, che raggiunge il 21% e pone il Gruppo FS Italiane al top in Europa e nel mondo nel suo settore. A questi risultati contribuiscono le ottime performance dei ricavi da servizi di trasporto che raggiungono i 7,6 miliardi di euro con un incremento di fatturato che abbraccia tutti i settori. Quello passeggeri di Trenitalia aumenta complessivamente di 150 milioni di euro, quello su strada, invece, con Busitalia come capofila, conosce una crescita di 62 milioni, mentre il comparto merci su ferro e logistica, gestito dal Polo Mercitalia, sale di 17 milioni, un milione di ricavi in più, infine, per il settore navigazione. A dare soddisfazioni è anche il ramo infrastrutture del Gruppo FS che, con Rete Ferroviaria Italiana e Anas, chiude in positivo per 308 milioni di euro e pure le controllate estere, tra cui si segnala Netinera Deutschland, operativa in Germania nel trasporto passeggeri – che realizza a fine anno un risultato netto pari a 293 milioni di euro. Va inoltre registrata la robusta accelerazione, in particolare nella seconda parte del 2019, negli investimenti tecnici che, con 8,1 miliardi di euro complessivi e una crescita dell’8,4% rispetto al 2018, confermano FS come primo gruppo industriale nazionale per investimenti realizzati in Italia. Non a caso il valore economico distribuito dal Gruppo nel 2019, tra spese operative per beni e servizi e pagamento del personale, ammonta a 10,2 miliardi, tanto che le attività e gli investimenti hanno contribuito alla crescita dell’economia italiana per 1,4 punti percentuali di PIL. Una crescita sostenibile e rispettosa degli equilibri economici, sociali e ambientali, come testimoniano la forte riduzione di emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, grazie anche all’arrivo di nuovi e più ecologici treni regionali, con emissioni di green bond per 700 milioni per sostenerne l’acquisto. Quello verso una crescita e uno sviluppo sostenibile è un impegno che anima il Gruppo FS Italiane anche guardando al futuro del Paese, quando la minaccia pandemica da Coronavirus sarà rientrata. E occorrerà una forte spinta per ripartire, ponendo sempre la persona, dipendenti e clienti, al centro di ogni attenzione. A tale proposito è sempre l’amministratore delegato Battisti a dettare la linea: “FS Italiane si sta preparando alla fase post-pandemica mettendo a punto strategie adeguate ad un mondo destinato inevitabilmente a cambiare, con modalità di viaggiare che saranno diverse da quelle alle quali siamo abituati. Lavoriamo quindi – ha precisato Battisti -  a innovative misure preventive per cristallizzare nelle persone il principio della sicurezza sanitaria nei viaggi, a rielaborare la customer experience, valorizzando meglio i canali digitali. Tutto ciò per tornare a un normale funzionamento della società e dell’economia e ripartire con una crescita sostenibile, che sappia integrare la transizione verde e la trasformazione digitale”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mar 2020

Personale di Trenitalia e RFI dona 2.500 Euro all’ospedale di Belcolle

di Claudio Abramo

Gesto di solidarietà da parte degli addetti di Trenitalia e RFI. "In questo periodo di difficoltà, il personale Trenitalia e RFI, nella fattispecie i macchinisti, capitreno e dirigenti movimento dei depositi locomotive di Viterbo e Orte hanno indetto una campagna di raccolta fondi, raggiungendo la cifra di 2.500 euro, devoluta in beneficenza, oggi, al reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Belcolle, al fine di contribuire a fronteggiare la battaglia contro il Covid-19. Anche noi ferrovieri combattiamo ogni giorno in prima linea per garantire il trasporto in sicurezza dei viaggiatori, e come una grande famiglia ci siamo stretti e mobilitati per aiutare nella lotta contro questo “mostro invisibile”". Fonte: Tuscia Web

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2020

ROMA | Sospeso il Leonardo Express fra Roma Termini e Fiumicino

di mobilita

Da mercoledì 25 marzo i collegamenti Leonardo Express fra Roma Termini e Fiumicino sono sospesi. I passeggeri possono utilizzare i treni della relazione Fara Sabina - Fiumicino Aeroporto da e per le stazioni di Roma Tiburtina, Roma Tuscolana, Roma Ostiense e Roma Trastevere. Aggiornamenti disponibili nella sezione infomobilità di trenitalia.com dedicata alla regione Lazio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2020

Trenitalia riformula l’offerta dell’Alta velocità, un solo Frecciarossa collega il nord con il sud

di mobilita

A seguito delle disposizioni emanate dalle Autorità competenti in materia di prevenzione e contenimento del Coronavirus, l'offerta commerciale delle Frecce è riformulata per garantire i servizi minimi essenziali. Per agevolare le attività di controllo delle Autorità, tutte le Frecce con più di una fermata in una stessa città svolgono il servizio viaggiatori esclusivamente nelle stazioni principali di: Torino Porta Nuova, Milano Centrale, Roma Termini e Napoli Centrale. Le fermate per servizio viaggiatori nelle stazioni secondarie sono cancellate a: Torino Porta Susa, Rho Fiera, Milano Porta Garibaldi, Milano Rogoredo, Roma Tiburtina, Napoli Afragola, Battipaglia, Vallo della Lucania e Sapri. Gli orari aggiornati dei collegamenti sono disponibili sui sistemi di vendita. Qui l'elenco dei treni AV disponibili oggi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2020

REGIONE SICILIANA | Da oggi treni ridotti dell’80%

di mobilita

Nell’ambito delle azioni di contenimento dell’epidemia di coronavirus in Sicilia, il Governo Musumeci di concerto con Trenitalia ha disposto la sospensione dell’80 per cento delle corse ferroviarie dell’Isola. La misura sarà operativa da oggi, 19 marzo 2020, e si è resa necessaria per ridurre allo stretto indispensabile gli spostamenti di persone nella Regione via treno, così da abbattere ancora le occasioni di potenziale contagio”. Lo rende noto l’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità Marco Falcone. “Per quanto riguarda i ristori all’utenza – prosegue Falcone– siamo a lavoro con Trenitalia per trovare delle opportune soluzioni di rimborso per gli abbonati. Ai siciliani va ricordato che questo è il momento della responsabilità e del buon senso. Siamo tutti chiamati al rispetto delle restrizioni, a non uscire di casa se non quando non se ne può fare a meno, per battere il coronavirus e metterci alle spalle questa drammatica emergenza”, conclude l’assessore. I dettagli delle corse sospese e delle corse che restano in vigore sono disponibili qui.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mar 2020

Il Gruppo FS Italiane in campo per contrastare il contagio da Coronavirus

di mobilita

Se l’invito per tutti gli italiani è a non lasciare casa per evitare la diffusione del Coronavirus, in alcuni particolari casi è ancora necessario mettersi in viaggio. Il diritto alla mobilità continua quindi a essere assicurato sebbene l’offerta dei treni si sia mano a mano ridimensionata in coerenza con la domanda effettiva e le reali esigenze pubbliche. Nell’assicurare questo diritto, e sulla base delle direttive via via emanate dal Governo, il Gruppo FS Italiane ha messo in campo una serie di interventi per offrire i più elevati standard di sicurezza sia ai viaggiatori sia ai propri dipendenti. Ogni media del Gruppo FS Italiane, dai monitor di bordo e delle stazioni ai suoi canali informativi digitali, continua a diffondere, ormai da settimane, i vademecum e le raccomandazioni del Ministero della Salute. Oltre ad aver incrementato lo smart working per i dipendenti di tutte le società e aver diramato disposizioni dettagliate sulle norme comportamentali ai propri dipendenti, il Gruppo FS Italiane ha istituito una task force intersocietaria che da subito ha iniziato a monitorare l’evolversi della situazione e coordina giorno per giorno tutti gli interventi, in stretto contatto con le autorità competenti a iniziare dalla Protezione Civile. Trenitalia invita ad acquistare i biglietti sui canali digitali, il sito trenitalia.com e l’app, e ha attivato un nuovo criterio per la prenotazione dei posti a bordo delle Frecce che garantisce il rispetto delle distanze di sicurezza di un metro. A bordo di tutti i treni ha potenziato le attività di pulizia disinfettanti con prodotti igienizzanti e ha ridotto gli intervalli di tempo fra le sessioni di sanificazione e pulizia. Sta installando dispenser di disinfettante per mani e ha consegnato al personale un equipaggiamento protettivo, composto da mascherine con filtro FPP e chirurgiche, guanti monouso e gel disinfettante, da utilizzare in caso di necessità. Per chi ha acquistato il biglietto anche dopo il 23 febbraio, Trenitalia ha già disposto il rimborso integrale: per Frecce e InterCity con un bonus utilizzabile entro un anno; per le corse regionali in denaro. Rete Ferroviaria Italiana ha predisposto un piano specifico per il presidio della Sala operativa nazionale e delle sale territoriali e prosegue le attività di manutenzione dell’infrastruttura correlate alla sicurezza dell’esercizio ferroviario. Le stazioni, in particolare quelle delle grandi città, sono sanificate ogni notte con interventi di pulizia specifici, mentre le sale d’attesa sono chiuse per rispettare il divieto di assembramento e le distanze di sicurezza. Anche l’ANAS ha predisposto un piano per assicurare la continuità di lavoro nelle Sale operative territoriali e della Sala Situazioni traffico nazionale, per monitorare la rete e gli standard di sicurezza stradale. Inoltre, sta comunicando attraverso i pannelli informativi collocati sulla rete in gestione il messaggio “Prevenzione coronavirus #iorestoacasa”. Per tutelare i propri dipendenti ha chiuso le sedi di lavoro e attivato modalità di smart working per le attività amministrative. Busitalia ha potenziato gli interventi di sanificazione e disinfezione con spray igienizzante su autobus, tram e nei locali aziendali. Tutti i mezzi e le strutture sono stati dotati di un kit aggiuntivo di pronto soccorso con guanti monouso, mascherina e gel disinfettante. Per tutelare la salute di dipendenti e passeggeri, a bordo degli autobus è vietato salire e scendere dalla porta anteriore, usando quelle centrali o quelle posteriori (se presenti). L’area vicina al conducente è inaccessibile. Non è possibile sedersi nella prima fila sui mezzi di trasporto urbano e nelle prime due file sui mezzi del servizio extraurbano. Interrotta anche la vendita dei biglietti a bordo. Per l’acquisto dei titoli di viaggio si incentiva l’uso di Self Service, Web Shop, app nugo e altre app delle aziende di trasporto. Nelle biglietterie è necessario rispettare l’ingresso contingentato, evitando l’affollamento e rispettando la distanza di sicurezza. Alcuni servizi sono già stati ridotti e sospesi e non si escludono ulteriori riduzioni in seguito alle nuove disposizioni. In Veneto, dove Busitalia gestisce il servizio urbano ed extraurbano a Padova e Rovigo, l’offerta di servizio urbano su gomma è ridotta del 7% e quella del servizio extraurbano del 24%. Nessuna riduzione, al momento, per i tram del servizio urbano a Padova. In Campania, dove gestisce i servizi di trasporto urbano, interurbano ed extraurbano a Salerno, sono sospese le corse di potenziamento scolastico e i collegamenti universitari. L’offerta sarà ulteriormente ridotta a partire da lunedì 16 marzo (circa 15% in meno rispetto alla normale offerta). In Toscana è stato ridotto del 15% rispetto alla normale offerta il servizio extraurbano nelle province di Firenze, Arezzo e Siena. Sospesi fino a venerdì 3 aprile i servizi The Mall, Volainbus e I Gigli. Nell’area metropolitana di Firenze, dove il servizio urbano su gomma è gestito da Ataf Gestioni, sono soppresse le corse scolastiche. A partire da lunedì 16 marzo è prevista una riduzione di circa il 13% della normale offerta di trasporto. In Umbria rimodulata l’offerta del servizio urbano ed extraurbano su gomma, con una riduzione del 25% rispetto alla normale offerta. Al momento non sono previste variazioni per il minimetrò di Perugia, il servizio ferroviario rete ex FCU e quello di navigazione sul lago Trasimeno. Il Polo Mercitalia ha messo in atto tutte le iniziative per assicurare da un lato la piena operatività della filiera di approvvigionamento delle merci in Italia e dall’altro i massimi livelli di sicurezza e tutela della salute per i dipendenti. I fornitori utilizzati sono continuamente monitorati. Le riunioni sono svolte in tele/video conferenza. È intensificata la sanificazione e la pulizia dei luoghi di lavoro, inclusi i locomotori. Chi non opera in smart working ha ricevuto i necessari dispositivi di protezione individuale, mentre le postazioni di lavoro negli uffici e nei reparti sono state distanziate; dove possibile, gli ambienti di lavoro sono stati segregati. Infine sono stati definiti accurati “piani di emergenza” per continuare a operare anche in caso di criticità localizzate. Italferr ha fornito ai dipendenti informazioni e indicazioni per gestire la situazione di emergenza. Ha dotato tutte le sedi e i cantieri di disinfettanti per personale e ospiti (la cui presenza è stata limitata) oltre a dispositivi di protezione individuali. È in corso un programma straordinario di sanificazione/disinfezione per tutte le sedi, già implementato a Roma, Genova e Reggio Calabria, che sarà progressivamente reiterato. Attuato un piano di progressivo rientro delle persone presenti all’estero, con mantenimento di un presidio minimo di personale locale o internazionale nei singoli Paesi. Fornite al personale che si reca all’estero maschere FFP3 per gli spostamenti in eventuali zone a rischio, come gli aeroporti. È stata creata anche un’area segregata dal resto della sede centrale di Roma, sanificata, indipendente, autosufficiente e accessibile da esterno, da utilizzare come “disaster room” in caso di chiusura della sede direzionale. Fondazione FS Italiane ha sospeso l’offerta di viaggi sugli itinerari turistici e gli eventi in calendario. Il Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa rimarrà chiuso al pubblico fino al 3 aprile. Per maggiori informazioni e rimborsi si può scrivere all’indirizzo e-mail [email protected] Grandi Stazioni Rail ha chiuso le sale d'attesa delle stazioni e delimitato le sedute pubbliche. Ha messo a disposizione dispenser di disinfettante e integrato le attività di pulizia, adottando protocolli di sanificazione degli spazi comuni in cicli programmati e ricorrenti in tutte le principali stazioni del network. L'accessibilità alle stazioni è sempre garantita. Infine Thello ha cancellato tutti i treni fra Italia e Francia fino al termine dell'emergenza Coronavirus

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mar 2020

Autocertificazione per viaggiare in treno, il modello aggiornato

di mobilita

È on line il nuovo modello di autocertificazione in caso di spostamenti. Il Ministero degli Interni lo ha reso disponibile sul proprio sito aggiornando la vecchia documentazione del 10 marzo con una voce nella quale l'interessato deve autodichiarare di non essere sottoposto a misure di quarantena e di non essere positivo al virus COVID-19. Si può utilizzare amche la web app di FS italiane per l'autocertificazione sanitaria In tutto il Paese gli spostamenti sono consentiti solo in caso di reale necessità. Se si deve viaggiare in treno (e non solo) per motivi lavorativi o di salute è necessario portare con sè la documentazione necessaria compilata, che, in caso di controllo, verrà verificata dalle forze di Polizia. Una falsa dichiarazione costituisce un reato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2020

Trenitalia verso il blocco totale dell’AV, solo due Frecciarossa tra Roma e Milano

di mobilita

L'offerta ferroviaria è stata completamente rimodulata in coerenza con le disposizioni governative contenute nei DPCM emanati nel corso dell'ultima settimana su prevenzione e contrasto alla diffusione del coronavirus. Le modifiche riguardano le Frecce, gli Intercity e i treni regionali, oltre che la cancellazione dell'intera offerta FrecciaLink. Ecco le uniche Frecce previste in tutta la penisola: Frecciabianca 8814 Lecce 6:06 Milano Centrale 15:25 Frecciabianca 8801 Venezia Santa Lucia 6:53 Lecce 15:50 Frecciarossa 9414 Napoli Centrale 8:09 Venezia Santa Lucia 13:34 Frecciarossa 9311 Torino Porta Nuova 8:40 Napoli Centrale 15:03 Frecciargento 8506 Roma Termini 8:50 Bolzano 13:48 Frecciarossa 9310 Napoli Centrale 8:55 Torino Porta Nuova 15:20 Frecciarossa 9413 Venezia Santa Lucia 10:26 Napoli Centrale 15:48 Frecciarossa 9724 Venezia Santa Lucia 10:48 Milano Centrale 13:15 Frecciargento 8314 Lecce 11:47 Roma Termini 17:15 Frecciabianca 8616 Roma Termini 11:57 Genova Piazza Principe 16:58 Frecciabianca 8613 Genova Piazza Principe 12:10 Roma Termini 17:03 Frecciabianca 8811 Milano Centrale 12:35 Lecce 21:52 Frecciabianca 8878 Reggio Calabria Centrale 12:50 Roma Termini 19:30 Frecciabianca 8828 Lecce 13:06 Venezia Santa Lucia 22:08 Frecciarossa 9731 Milano Centrale 13:45 Venezia Santa Lucia 16:12 Frecciabianca 8877 Roma Termini 13:56 Reggio Calabria Centrale 20:20 Frecciarossa 9426 Napoli Centrale 14:10 Venezia Santa Lucia 19:34 Frecciargento 9425 Venezia Santa Lucia 14:26 Napoli Centrale 19:48 Frecciargento 8315 Roma Termini 15:08 Lecce 20:35 Frecciargento 8525 Bolzano 15:12 Roma Termini 20:10 Frecciarossa 9554 Napoli Centrale 15:40 Milano Centrale 20:50 Frecciarossa 9555 Milano Centrale 17:10 Napoli Centrale 22:12 Tra le città di Roma e Milano sono previsti solo due treni Frecciarossa Le ferrovie austriache ÖBB hanno sospeso l'operativita', fino a nuovo avviso, di tutti i collegamenti con l'Italia. I treni Eurocity terminano a Villach o Innsbruck. Sul proprio sito web le ferrovie austriache comunicano inoltre che i biglietti da e per l`Italia, con validità fino al 3 aprile 2020 incluso, possono essere annullati senza penale tramite la richiesta di rimborso e risarcimento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2020

Coronavirus, Trenitalia riduce ancora l’offerta commerciale delle Frecce

di mobilita

Trenitalia riduce ancora l'offerta commerciale delle Frecce in seguito alle disposizioni emanate dalle Autorità competenti in materia di prevenzione e diffusione del Coronavirus. Ecco l'offerta commerciale in vigore da domani: Direttrice Torino/Venezia - Milano - Bologna - Lecce Direttrice Torino/Genova - Milano - Venezia - Trieste/Udine Direttrice Torino/Milano - Bologna - Roma - Salerno Direttrice Venezia - Bologna - Roma - Salerno Direttrice Roma - Reggio Calabria/Lecce  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2020

REGIONE SICILIANA | Coronavirus, rimodulazione dei treni regionali con cancellazioni

di mobilita

A seguito delle disposizioni in materia di prevenzione e diffusione del Coronavirus, il programma dei treni regionali è stato rimodulato di intesa con la Regione siciliana, committente del servizio. I treni sono cancellati\sostituiti con bus secondo il seguente programma di servizio. Attivo call center gratuito 800 89 20 21.

Leggi tutto    Commenti 0