Articolo
18 set 2018

Treno POP, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale comodo e accessibile

di mobilita

Tecnologicamente avanzati, comodi, ecologici e facilmente personalizzabili: sono i nuovi treni regionali Pop commissionati da Trenitalia ad Alstom. Caratteristiche tecniche Elettrico, mono piano, a 3 o 4 casse, dotato di 4 motori di trazione il nuovo Pop, che fa parte della famiglia Coradia Stream, viaggerà a una velocità massima di 160 km/h e potrà ospitare circa 530 persone, con oltre 300 posti a sedere nella versione a 4 casse, e circa 400, con 200 sedute in quella a 3 casse. Personalizzabile con un’enorme varietà di interni e accessori. Il nuovo treno costituisce la quarta generazione, evoluzione di un modello già esistente, già in servizio commerciale in dieci regioni italiane. Il treno è conforme alle Specifiche Tecniche di Interoperabilità (STI). Pop è treno comodo e accessibile Nel nuovo treno Pop, le carrozze spaziose offrono aree di seduta ampie per i viaggi di media durata tipici del servizio regionale e interregionale, mentre le sedute singole o quelle longitudinali e il facile accesso nell’area del vestibolo sono adatti per i viaggi di breve durata tipici del servizio suburbano. Le sedute sono dotate di prese per alimentazione di PC, tablet e cellulari. L’illuminazione è ottimizzata grazie a grandi finestrini che consentono un maggior ingresso di luce naturale. La circolazione dei passeggeri è facilitata da ampi corridoi adatti alle persone a ridotta mobilità. I livelli di rumore e le vibrazioni ridotti al minimo consentono a Pop di offrire un viaggio tranquillo e confortevole. Le temperature nelle carrozze vengono modulate grazie a un impianto di condizionamento potenziato. La struttura e le caratteristiche della cassa in alluminio contribuiscono a migliorare l’isolamento termico, pertanto i tempi di raffreddamento durante la stagione estiva e di riscaldamento durante quella invernale sono stati ulteriormente ridotti. Il monitoraggio dell’anidride carbonica consente di regolare la quantità d’aria fresca proveniente dall’esterno. I sedili cantilever senza appoggi a pavimento consentono più igiene e un’agevole pulizia. Pop è un treno high tech: più comfort e informazioni ai passeggeri Il nuovo treno Pop è dotato di un sistema informativo integrato con l’infrastruttura di terra di Trenitalia e offre un servizio di informazione e intrattenimento audio video con numerosi display LCD su ciascun veicolo visibili da tutte le aree, predisposizione per la rete Wi-Fi, la sicurezza dei passeggeri è garantita da un sistema di telecamere digitali di videosorveglianza con visualizzazione sui monitor nei comparti delle immagini riprese. Sistemi integratiper il conteggio dei viaggiatori permetteranno di monitorare in tempo reale il numero di passeggeri presenti a bordo. Monitor più grandi consentiranno un’agevole lettura delle informazioni ai passeggeri sugli aggiornamenti del traffico in tempo reale, sulle condizioni meteorologiche e sulle attrazioni turistiche locali e diffonderanno le immagini live catturate dalle telecamere aumentando la sicurezza percepita dal passeggero. Il sistema informativo per i passeggeri presente in ciascuna carrozza utilizza monitor e display disposti in modo ergonomico e dotati di un sistema di diffusione del suono. Più treni in un unico treno: Pop è facilmente personalizzabile I treni Pop sono facilmente riconfigurabili. L’architettura consente alle Regioni di personalizzare il layout degli interni e modificare la disposizione dei sedili secondo la tipologia di servizio. Possono essere inseriti sedili aggiuntivi per i viaggi più lunghi, o un numero minore di sedili e un maggiore spazio in piedi per le tratte più brevi.I treni Pop hanno una capacità di trasporto fino al 15 per cento superiore rispetto alla precedente generazione, oltre a 8 porta biciclette di serie. Le zone interne possono essere adattate alle regioni e alle stagioni. Un treno amico dell’ambiente e del risparmio energetico I nuovi Pop rispondono alla politica di sostenibilità ambientale e sono riciclabili per il 96 per cento. Consumano il 30 per cento di energia in meno rispetto alla precedente generazione. Nessun solvente o altra sostanza chimica tossica utilizzati nel processo di produzione dei treni. I sistemi di condizionamento dell’aria e di ventilazione sono regolati in funzione del numero dei passeggeri. La chiusura delle porte è programmata al fine di evitare la dispersione termica. La modalità Eco viene attivata quando è necessario. L’illuminazione per i passeggeri, a LED, si regola automaticamente sulla base della luce esterna.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2018

Treno ROCK, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto

di mobilita

Rock è il nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto progettato e costruito da Hitachi Rail Italy per Trenitalia. Rock è frutto delle migliori tecnologie italiane e giapponesi disponibili nel gruppo Hitachi, completamente assemblato in Italia e forte di un’esperienza ventennale su oltre 200 elettrotreni e 700 carrozze, tutti a duepiani in servizio sulla rete italiana. Può raggiungere i 160 km/h di velocità massima con un’accelerazione di 1,10 m/sec2 e ospitare circa 1.400 persone, con oltre 700 sedute nella composizione più lunga. Rock e la sostenibilità ambientale La scelta dei materiali per garantire elevati livelli di riciclabilità (superiore al 95 per cento) e rinnovabilità, così come l’utilizzo di materie prime provenienti dal riciclo, unitamente ai ridotti consumi, caratterizzano l’impronta ecologica del treno Rock. L’architettura del nuovo convoglio di Trenitalia per i pendolari è caratterizzata da casse in lega leggera, da una trazione a potenza distribuita, ossia con i motori posizionati lungo il convoglio e non alle sole estremità, e dalla massima ampiezza possibile di spazi evolumi a disposizione dei passeggeri. Rock vanta prestazioni uniche sul mercato in termini di peso a passeggero trasportato, elevata capacità di trasporto per unità di lunghezza, bassi consumi a passeggero chilometro (-30 per cento rispetto ai più recenti veicoli circolanti inItalia),oltre a garantire elevata flessibilità e offrire soluzioni diversificate per rispondere adeguatamente alle specifiche esigenze di trasporto regionale con un’unica tipologia di treno. Il sistema di illuminazione interna ed esterna a led, la gestione intelligente dei consumi dell’impianto di condizionamento e le funzionalità Green Drive (sistema di informazioni di supporto al macchinista) e Smart Parking permettono di ridurre al minimo i consumi energetici. Tali tecnologie consentono di minimizzare l’impatto ambientale che risulta pari a 5 grammi di CO2eq, valore che rende il treno Rock il mezzo di trasporto a minor impatto ambientale in Italia. Rock: più comfort per i pendolari Il treno Rock, che punta molto all’esperienza di viaggio dei passeggeri, dispone di sedili di nuovissima generazione con un design capace di ottimizzare l’ergonomia, garantire elevati livelli di comfort e maggiore spazio per le gambe a parità di distanza dei sedili. Presenta ampie superfici vetrate dei comparti, con finestrini di lunghezza maggiorata, per un’elevata trasparenza verso l’esterno. Al benessere dei viaggiatori concorre la presenza distribuita di numerosi dispositivi pensati per migliorare la loro esperienza di viaggio, che vanno dalla disponibilità di postazioni bici raggiungibili direttamente dal vestibolo alla creazione di un’area nursery dedicata, dal “poggiabimbo” nella toilette universale alla predisposizione alla rete Wi-Fi di bordo. Rock: l’innovazione tecnologica al servizio dell’accessibilità Rock costituisce un salto generazionale rispetto agli attuali rotabili doppio piano in servizio in Italia: l’innovazione tecnologica dei suoi componenti, l’ottimizzazione dell’accessibilità secondo le più recenti Specifiche Tecniche di Interoperabilità definite in ambito comunitario per le Persone a Mobilità Ridotta(STIPMR) hanno portato a realizzare la più bassa altezza di accesso al treno di tutta la flotta di Trenitalia (a beneficio di tutti i viaggiatori, non solo quelli su carrozzina). Il posizionamento dei componenti di trazione sul tetto del treno (chiamato tecnicamente imperiale) invece costituisce un vantaggio a favore degli spazi interni più ampi e completamente fruibili da tutti i passeggeri. Le postazioni per le sedie a rotelle sono collocate nelle immediate vicinanze delle porte di accesso, così da ridurre al minimo il tragitto all’interno del rotabile. Rock: videosorveglianza e più informazioni per i pendolari Sempre in tema di tecnologia il treno Rock è attrezzato con un sistema di videocamere di sorveglianza a circuito chiuso, di un sistema di informazione ai passeggeri basato su monitor di dimensioni doppie e di sistemi integrati per il conteggio dei viaggiatori con telecamere dedicate su tutte le porte d’accesso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 set 2018

Trenitalia: da ottobre consegna a Trenord i primi nove treni

di mobilita

A partire da ottobre saranno consegnati da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) a Trenord i primi nove treni aggiuntivi. Una prima immediata risposta per l’emergenza autunnale che consentirà di incrementare l’offerta di trasporto in Lombardia. Trenitalia è impegnata nel concretizzare l’accordo (31 agosto 2018) fra Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato di FS Italiane, e Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia, per integrare la flotta di Trenord e fronteggiare le necessità del trasporto ferroviario regionale lombardo. Due treni (Vivalto) dei nove sono di recente costruzione, ad alta capacità di trasporto e avranno un’età di oltre venti anni più bassa rispetto a quelli attuali. Gli altri sette convogli avranno un’età media più bassa di circa dieci anni rispetto a quelli attuali. I nove treni - cinque ALe 582, due composizioni con carrozze Media Distanza e due Vivalto - anticiperanno la consegna di ulteriori 25 convogli prevista a partire da maggio 2019.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 set 2018

L’Etr 700 esce con la livrea definitiva Frecciarossa

di mobilita

Il 30 agosto 2018 è uscito, dalla fabbrica Hitachi di Pistoia, il primo ETR.700, con la livrea definitiva Frecciarossa e da dicembre 2018 sarà inserito, insieme ad altri, nel parco rotabili dei Frecciarossa ed espleteranno i servizi commerciali sulla linea Torino-Milano-Venezia e lungo l'Adriatica. Questo treno fa parte della commessa del 4 agosto 2017 di Trenitalia ad AnsaldoBreda di 17 dei 19 convogli V250 “Albatros” inizialmente destinati alle ferrovie olandesi NS e belghe SNCB per i servizi FYRA sulla linea AV Amsterdam–Bruxelles, treni che poi furono rifiutate da entrambe le compagnie ferroviare. Ecco le caratteristiche  tecniche del nuovo treno: Lunghezza: 200 m Capacità: 546 posti; Peso in servizio: 485 T Diametro ruote motrici: 920 mm Ruote portanti: 850 mm Potenza:  5.5 KW Velocità: 250 Km /h Gli ETR 700 di Trenitalia saranno composti da 8 carrozze;  Carrozza 1: Executive (10 posti complessivi) Carrozze 2 e 3: Business Carrozza 4: Premium Carrozze 5-8: Standard Nella carrozza 3 sarà presente lo spazio ristorante, denominato Bistrò. Tutti i posti a sedere saranno dotati di prese elettriche e WIFI Foto di Salvatore Romano d'Orsi   Ti potrebbe interessare: Continuano i test per gli ETR. 700 destinati a Frecciarossa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Trenord, già a ottobre nuovi treni e personale sulla rete lombarda

di mobilita

Nove treni già dal prossimo mese di ottobre e 25 nel corso del 2019. Passaggio alla Lombardia di 20 addetti tra macchinisti e personale di bordo sempre a partire dal mese di ottobre. E’ questa la proposta formulata da Ferrovie dello Stato a Regione Lombardia nell’ambito dell’incontro, a Palazzo Lombardia, tra l’Amministratore Delegato FS Gianfranco Battisti e il Presidente Attilio Fontana. "L’impegno di tutto il Gruppo FS Italiane - ha sottolineato Gianfranco Battisti - è rimettere al centro delle nostre attività i viaggiatori pendolari. L’accordo che abbiamo annunciato oggi con Regione Lombardia va in questa direzione, in coerenza con le indicazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Siamo pronti a fornire a Trenord 34 treni entro il 2019, insieme a 20 addetti, fra macchinisti e personale di bordo, per iniziare a risolvere le carenze del trasporto ferroviario lombardo che riveste un ruolo centrale per il Paese. Stiamo lavorando per garantire a tutti i clienti pendolari italiani, nel più breve tempo possibile, una migliore qualità del viaggio, grazie anche all’arrivo dei nuovi treni regionali a partire dalla primavera del 2019". "Sono soddisfatto - ha commentato il Presidente Attilio Fontana -  che le nostre richieste per fronteggiare l’emergenza del trasporto ferroviario siano state accolte, anche se la proposta dovrà essere ancora valutata tecnicamente da Regione e Fnm. Ringrazio il Governo che, attraverso FS, ha dato finalmente una risposta concreta alle esigenze della Lombardia". Per quanto riguarda la governance Fontana ha sottolineato la piena condivisione con FS di dare una concreta e autonoma operatività all’Amministratore Delegato di Trenord che sarà nominato tra 15 giorni, al fine di offrire al nuovo management tutte le leve operative utili al cambio di rotta. E’ stata riconosciuta la necessità - ha proseguito Fontana - di modificare la situazione attuale che pregiudica l’operatività della società. I passi si devono fare gradualmente - ha concluso il Presidente - reputo positivo che il grido d’allarme che da tempo stavo sollevando, in questo caso sia stato raccolto. E’ un buon inizio, vedremo se ci sarà necessità di avanzare ulteriori richieste, ma la strada intrapresa è quella giusta. Ai 34 treni messi a disposizione da FS vanno aggiunti, sempre per il 2019, altri 15 treni nuovi, che usciranno dalle officine di Pistoia. L’accordo annunciato oggi prevede anche sinergie di lavoro fra le sale operative Trenord e Trenitalia per un modello di offerta nuovo più rispondente ai bisogni della clientela, il supporto operativo di Trenitalia nella gestione dell’offerta coerentemente ai picchi della domanda, interventi sui cicli della manutenzioneanche ai fini del miglioramento della sicurezza del servizio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

Linea ferroviaria Genova-Milano via Mignanego, riapertura anticipata

di mobilita

Vista la situazione di emergenza della viabilità in Liguria a seguito del crollo del viadotto autostradale “Morandi”, FS Italiane ha annunciato la riapertura anticipata, da lunedì 27 agosto, del traffico ferroviario sulla linea Genova – Milano, via Mignanego (“Succursale dei Giovi”), dopo l’interruzione di alcune settimane dovuta ai lavori di adeguamento del Bivio Fegino preparatori alla realizzazione del Terzo Valico. Grazie a RFI Rete Ferroviaria Italiana e a Marco Rettighieri, amministratore straordinario del consorzio esecutore Cociv, è stato infatti possibile anticipare la chiusura di questa fase del cantiere La chiusura anticipata di un altro cantiere non relativo al Terzo Valico, quello nella galleria San Martino, sulla linea Genova – La Spezia, consente inoltre di riaprire dal pomeriggio di martedì 28 agosto anche uno dei due binari tra Genova Brignole e Genova Quarto. Da lunedì 3 settembre, come previsto, sarà inoltre ripristinata sulla tratta l’intera offerta commerciale, compresi i collegamenti urbani Genova Voltri-Genova Nervi, ridotta dall’inizio di luglio per consentire l’operatività dei cantieri.La riprogrammazione straordinaria delle attività dei cantieri per entrambe le linee, per le quali era prevista la sospensione del traffico fino al 2 settembre, permetterà un miglioramento dei collegamenti ferroviari da e per la Liguria e, in particolare, per gli spostamenti su ferrovia nel nodo ferroviario di Genova. Inoltre, con la riattivazione dei due binari tra Genova e Milano/Torino via Mignanego miglioreranno i collegamenti ferroviari da e per Busalla e Arquata Scrivia.Rimane invece sospeso il traffico ferroviario sulle tre linee del nodo di Genova direttamente interessate dal crollo del ponte autostradale, per i danni subiti dall’infrastruttura ferroviaria: la “Linea Sussidiaria”, utilizzata per il traffico passeggeri fra Genova Sampierdarena/Genova Rivarolo e Busalla; la “Linea Bastioni”,utilizzata per il traffico passeggeri e merci fra Genova Sampierdarena e Ovada, Milano e Torino (via Succursale e/o via Busalla); la “Linea Sommergibile”, utilizzata per il traffico merci fra gli scali di Genova Marittima e Genova Sampierdarena, che attualmente risultano isolati. Su questi tre tracciati ferroviari RFI ha effettuato i sopralluoghi per valutare gli interventi di ripristino e messa in sicurezza dell’infrastruttura danneggiata e preso accordi con le ditte che eseguiranno i lavori. L’obiettivo è iniziare le attività non appena sarà rilasciato il nulla osta delle autorità competenti e stabilito il perimetro entro il quale sarà possibile operare in sicurezza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

Sospesa circolazione linea ferroviaria Palermo-Catania per lavori infrastrutturali

di mobilita

Da venerdì 24 agosto e fino a sabato 1 settembre sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Roccapalumba e Caltanissetta Xirbi, sulla linea Palermo - Catania. Il provvedimento, programmato da Rete Ferroviaria Italiana a partire da lunedì 26 agosto sull’intera linea per interventi di potenziamento dell’infrastruttura, è stato anticipato a causa dei danni provocati dal maltempo che negli ultimi giorni ha colpito la Sicilia. La mobilità sarà garantita con servizi di autobus sostitutivi. I bus effettueranno le fermate nei piazzali antistanti le stazioni. Gli orari di arrivo e partenza potranno variare in funzione del traffico stradale. Informazioni dettagliate, con il numero dei treni interessati, orari e fermate, disponibili nelle stazioni, uffici assistenza clienti e sui canali informativi on line delle società del Gruppo FS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 ago 2018

Crollo ponte Morandi, treni straordinari per favorire la mobilità nel nodo Genova

di mobilita

Per favorire la mobilità nel nodo di Genova, a seguito del crollo del ponte autostradale Morandi, domani, mercoledì 15 agosto, saranno assicurate corse aggiuntive fra Genova Voltri e Genova Brignole. Di seguito il dettaglio dei treni straordinari Trenitalia: 21030 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 09:56/10:34 21040 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 11:56/12:34 21048 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 13:56/14:34 24720 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 05:40/08:34 21024 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 08:26/09:04 21034 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 10:26/11:04 21042 - GENOVA P.PRINC. - GENOVA VOLTRI - 12:34/13:04 21050 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 14:26/15:04 21046 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 13:27/14:04 21054 - GENOVA P.PRINC. - GENOVA VOLTRI - 15:34/16:04 21062 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 17:26/18:04 21070 - GENOVA BRIGNOLE - GENOVA VOLTRI - 19:26 /20:04 21029 - GENOVA VOLTRI - GENOVA BRIGNOLE  - 08:56/ 09:35 21037 - GENOVA VOLTRI - GENOVA BRIGNOLE   - 10:56/11:35 21045 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA BRIGNOLE  - 12:56/13:35 21053 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA BRIGNOLE - 14:56/15:35 11227 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA P.PRINC. - 11:24/11:49 21031 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA BRIGNOLE - 09:26/10:05 21047 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA BRIGNOLE - 13:26/14:05 21055 - GENOVA VOLTRI -  GENOVA BRIGNOLE - 15:26/16:05 21059 - GENOVA VOLTRI - GENOVA BRIGNOLE - 16:26/17:01 21067 - GENOVA VOLTRI - GENOVA BRIGNOLE - 18:26/19:05 21075 - GENOVA VOLTRI - GENOVA BRIGNOLE - 20:26/21:07 21077 - GENOVA VOLTRI - GENOVA P.PRINC. - 14:26/14:50

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ago 2018

NODO DI GENOVA | Riprende parzialmente la circolazione su alcune linee ferroviarie dopo crollo ponte Morandi

di mobilita

Riprende molto rallentata la circolazione su alcune linee dopo crollo ponte autostradale fra Genova Rivarolo e Genova Sampierdarena   Aggiornamento ore 17 Linea Genova Piazza Principe – Arquata Scrivia (direzioni Torino e Milano): circolazione attiva ma rallentata, con ritardi medi di 60 minuti con punte massime fino a 120, e alcune cancellazioni di treni regionali. Linea Genova – Savona – Ventimiglia: circolazione attiva. Linea Ovada – Genova Piazza Principe: circolazione ancora sospesa fra Genova Borzoli e Genova Piazza Principe. Trenitalia ha attivato un servizio sostitutivo con autobus fra Ovada e Genova Voltri. Trenitalia ha potenziato i servizi di informazione e assistenza ai viaggiatori nelle stazioni del nodo di Genova, Torino e Milano. Aggiornamento ore 13.45 Linea Genova – Savona – Ventimiglia: circolazione riattivata. Linea Genova Piazza Principe – Arquata Scrivia (direzioni Torino e Milano): circolazione riattivata con rallentamenti e alcune cancellazioni di treni regionali. Linea Ovada – Genova Piazza Principe: circolazione ancora sospesa fra Genova Borzoli e Genova Piazza Principe. Ore 11.40 Dalle 11.40 il traffico ferroviario nel nodo di Genova è sospeso per il crollo del ponte autostradale Morandi fra Genova Rivarolo e Genova Sampierdarena. Trenitalia informa che è in corso la riprogrammazione dell’offerta commerciale con cancellazioni, limitazioni e variazioni di percorso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 lug 2018

Lazio in tour: i giovani dai 16 ai 18 anni viaggiano gratis per un mese

di mobilita

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha presentato insieme all’Ad e Dg di Ferrovie dello Stato italiane, Renato Mazzoncini, all’Ad e Dg di Trenitalia, Orazio Iacono, al Presidente di Cotral Spa, Amalia Colaceci e all’assessore regionale alla Mobilità, Mauro Alessandri, “Lazio in Tour gratis 16 – 18”, un progetto realizzato con Trenitalia e Cotral che, attraverso un’app dedicata (disponibile dal 15 luglio), consentirà ai giovani residenti con età compresa tra i sedici e i diciotto anni compiuti di viaggiare per un mese gratis in tutta la regione. Lazio in tour è la nuova iniziativa della Regione Lazio che permette di viaggiare gratuitamente per 30 giorni di tempo tra il 15 luglio 2018 e il 15 settembre 2018 su tutti gli autobus Cotral e i treni regionali del Lazio di Trenitalia. Un’esperienza straordinaria per conoscere il territorio regionale: Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo e tutti gli altri 373 piccoli e medi Comuni. Trenta giorni di tempo, 720 ore di tour a completa disposizione dei più giovani per andare ovunque. Sarà la Regione Lazio ad assicurare a Trenitalia e Cotral la compensazione economica dei mancati introiti. Per trenta giorni, a partire dall’attivazione dell’App “Laziointour”, sviluppata da Laziocrea, dal proprio smartphone sarà possibile organizzare il proprio viaggio su tutti i servizi ferroviari regionali gestiti da Trenitalia (escluso collegamenti Leonardo Express) e sui bus Cotral (escluse le linee Atac, la metro di Roma e la ferrovia Roma-Lido) alla scoperta di tutte le province del Lazio, dalle località balneari a quelle di montagna, dai siti archeologici ai piccoli borghi. Scenografia dell’incontro il modello in scala 1:1 del Treno Rock di Trenitalia per i pendolari del Lazio esposto al Roma Summer Fest - che ne avranno a disposizione 65 - di cui è stato possibile conoscere i dettagli e provarne il comfort. Scenario arricchito anche da un pullman bipiano dei 427 della nuova flotta Cotral consegnati nel Lazio.

Leggi tutto    Commenti 0