Articolo
27 mag 2021

LAZIO | Il Frecciarossa di Trenitalia arriva anche a Orte

di mobilita

Il Frecciarossa di Trenitalia arriva anche a Orte. Con l’arrivo della bella stagione il comune viterbese entra infatti a far parte del circuito dell’Alta Velocità ferroviaria, collegato quotidianamente alle principali città italiane da due servizi realizzati con il treno di punta della società di trasporto del Gruppo FS. Le novità che guardano allo sviluppo e al sostegno del turismo nel territorio sono state presentate oggi, giovedì 27 maggio, nella sede centrale FS di Villa Patrizi a Roma, alla presenza dei Presidenti delle Regioni Lazio e Umbria, Nicola Zingaretti e Donatella Tesei, e dell'AD di Trenitalia Luigi Corradi. La fermata del Frecciarossa a Orte rientra in un nuovo modello che risponde a mutate esigenze di spostamento a seguito della pandemia, rappresenta dunque un'importante sfida alla quale Ferrovie dello Stato sta rispondendo modificando e allargando il perimetro su bacini che finora erano considerati secondari, forte di un’offerta delle Frecce che prevede collegamenti non solo da e per i grandi centri, ma anche verso quelli medio-piccoli con la creazione di aree urbane più estese. Il collegamento giornaliero in Frecciarossa da e per Orte sarà una delle novità dell’orario estivo di Trenitalia in vigore da giugno e consentirà di raggiungere con maggiore facilità metropoli come Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Nel corso dell’estate, inoltre, l’offerta è destinata ad allargarsi con ulteriori treni che raggiungeranno le località di mare e di montagna, favorendo gli spostamenti a sostegno del turismo nazionale. “Il Lazio produce da solo l’11,3% del Pil nazionale, insieme all’Umbria e all'Italia centrale parliamo di un bacino importantissimo per l’economia che dopo il Covid dovrà essere migliore. La mobilità nella stagione post Covid sarà più efficiente”, ha sottolineato il Presidente di Regione Zingaretti. “La nuova fermata di Orte farà anche diminuire il traffico su gomma verso la capitale - ha aggiunto - spesso per prendere il treno AV. Sarà un contributo assolutamente in linea con il modello di sviluppo verso cui l’Italia sta andando: green economy, trasporto su ferro, competitività del territorio”. "Nel momento in cui pensiamo questo tipo di servizio è importante pensare anche ai collegamenti, e ai servizi che ci devono essere rispetto al trasporto regionale", ha sottolineato l’AD e Direttore Generale di Trenitalia Luigi Corradi."È importante mettere a frutto gli investimenti che si stanno facendo, questo vuol dire avere il sostegno di tutti per spostare le persone sul treno. Noi ce la stiamo mettendo tutta per offrire un servizio in questo senso, guardando al futuro di tutta Italia”. La nuova fermata Alta Velocità di Orte rappresenta un’opportunità di sviluppo per la provincia di Viterbo, favorendo il processo di rilancio dell’economia locale e del settore turistico della Tuscia, e più in generale di tutto il Lazio. Grazie alla sua posizione al confine con l’Umbria, Orte diventerà un perfetto catalizzatore della rete ferroviaria limitrofa, permettendo di intercettare flussi di viaggiatori da altre realtà come Terni, Orvieto e Spoleto, modello già sperimentato con successo in città laziali come Frosinone e Cassino, inserite dalla scorsa estate nel circuito AV.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2021

Dal 16 aprile due Frecciarossa no-stop Roma-Milano dove si potrà salire solo se negativi al Covid

di mobilita

Se far viaggiare in sicurezza è sempre stata una priorità per Trenitalia, ora la tutela della salute è al centro del suo business. Lo testimoniano i primi treni Covid free in servizio dal 16 aprile. Si tratta di due Frecciarossa no-stop Roma-Milano (il primo che parte da Roma Termini alle 8.50 e il secondo da Milano Centrale alle 18:00) dove i passeggeri potranno salire solo se negativi al Covid-19. I treni viaggeranno comunque con una capienza del 50%, così come previsto dalle norme vigenti. Dopo la fase iniziale, l’iniziativa potrebbe essere estesa anche ad altre destinazioni, iniettando una dose di fiducia nei viaggiatori e favorendo la ripresa del turismo. I REQUISITI PER SALIRE A BORDO Chi vuole salire a bordo del treno Covid free deve presentarsi in stazione, a partire da 45 minuti prima della partenza, con il documento che attesta l’esito negativo del tampone, molecolare o antigienico, effettuato entro le 48 ore precedenti il viaggio. È possibile effettuare gratuitamente il tampone anche in stazione presso il gazebo della Croce Rossa Italiana, a partire da 150 minuti prima della partenza, in base all’orario comunicato al momento della prenotazione. Stesse procedure pure per i vaccinati: devono esibire la certificazione di negatività o sottoporsi al tampone prima di partire. Anche tutto il personale di bordo (capitreno, macchinisti, addetti alla ristorazione e alla pulizia) effettua il tampone prima di prendere servizio sul convoglio. COME PRENOTARE IL BIGLIETTO Al momento della prenotazione, i treni Covid free sono contrassegnati da un triangolino giallo e un messaggio informativo. Una volta selezionato il treno, viene chiesto al cliente se vuole presentare la certificazione del tampone effettuato in autonomia oppure se desidera fare il tampone in stazione (nel caso ci siano ancora posti disponibili per effettuare il test presso il gazebo della CRI). Portato a termine l’acquisto, il sistema restituisce un riepilogo con i dettagli (per i clienti che hanno scelto l’opzione del tampone in stazione viene indicato anche il preavviso con cui presentarsi). TAMPONE IN STAZIONE È necessario recarsi al gazebo della Croce Rossa in base all’orario indicato al momento della prenotazione. A Roma Termini la struttura della CRI si trova in corrispondenza delle Mura Serviane in piazza dei Cinquecento, mentre a Milano Centrale è situata al piano terra vicino all’ingresso della metro. Lì il personale di Trenitalia si occupa di: accogliere i clienti del treno Covid Free, verificare il titolo di viaggio e la prenotazione del tampone, gestire le file e registrare i dati richiesti per effettuazione dell'esame. RIMBORSO IN CASO DI POSITIVITÀ Nel caso il tampone risulti positivo è previsto il rimborso del biglietto al 100%, anche se il cliente lo ha acquistato con tariffe scontate. SICUREZZA AL TOP Sanificazione di treni e stazioni, dispenser di igienizzante, safety-kit per i clienti con mascherina, gel igienizzante per le mani e acqua. Il Gruppo FS Italiane continua ad adottare tutte le misure necessarie ad assicurare i più elevati standard di sicurezza a dipendenti e viaggiatori. Trenitalia è stata, inoltre, la prima impresa ferroviaria al mondo ad aver ottenuto, dalla società RINA, la Biosafety Trust Certification che certifica i sistemi di gestione per prevenire e mitigare il propagarsi delle infezioni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2021

Un Frecciarossa anche in Sicilia? Per Cancelleri è possibile

di mobilita

Il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, ospite di 'Casa Minutella', ha confermato che il collegamento stabile sullo stretto di Messina si farà: "Dovremo valutare se sia meglio il ponte o il tunnel visto che ci sono progetti Saipem molto promettenti. L'unica certezza e' che un collegamento stabile si fara'. Non c'e' la possibilita' di decidere di non fare nulla". Cancelleri si è poi soffermato sull'Alta Velocità in Sicilia: "Stiamo lavorando per un Frecciarossa da 5 vagoni, piu' corto. Questo perche' si tratta di un treno che non si puo' montare e smontare come tutti gli altri ma nasce in una conformazione e lunghezza e tale resta. Un treno da 5 vagoni puo' entrare per intero nel traghetto e questo ci permetterebbe di far arrivare l'alta velocita' in Sicilia. Stiamo lavorando per portare la rete in condizione di garantire una velocita' fra i 180 e i 200 chilometri orari con punte ai 230 km/h e per le opere ferroviarie in Sicilia abbiamo scelto un commissario siciliano e molto competente. Si tratta dell'ingegnere Filippo Palazzo, un tecnico Rfi molto noto anche in Sicilia. Un uomo del fare".    

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
26 gen 2021

Trenitalia sta valutando un Frecciarossa da Torino e Milano alla Calabria avendo la possibilità di raggiungere la Sicilia

di mobilita

Trenitalia sta valutando la possibilità di introdurre nuovi collegamenti serali con treni Frecciarossa ETR500 da Torino e Milano alla Calabria, avendo la possibilità di raggiungere la Sicilia con servizi in connessione (aliscafo+treni/Freccialink). lI nuovo collegamento tra Torino e la Calabria/Sicilia partirà da Torino tra le 20:00 e le 21:00 (con fermate intermedie a Milano, Reggio Emilia AV, Bologna e Firenze) e arriverà tra le 6:00 e le 7:00 a Paola, con proseguimento su Lamezia Terme e Villa S. Giovanni per imbarco su aliscafo ed arrivo a Messina alle 8:30 circa. Sarà possibile raggiungere altre destinazioni in Sicilia utilizzando servizi in connessione (treno/Freccialink). ll rientro dalla Sicilia partirebbe con aliscafo da Messina tra le 21:00 e le 22:00 per raggiungere Villa S. Giovanni tra le 22:00 e le 23:00; da qui imbarco sul Frecciarossa per arrivare a Torino tra le 8:00 e le 9:00 della mattina (con fermate intermedie a Lamezia Terme, Paola, Firenze, Bologna, Reggio Emilia AV e Milano). Il costo del biglietto base in Standard per la Calabria sarà tra 95€ e 115€ e per la Sicilia tra i 110€ e 130€, comprensivi di aliscafo e collegamenti con le principali destinazioni nell’isola. A bordo del Frecciarossa ETR500 sarà presente un servizio di ristorazione che rimarrà sempre aperto (tranne che dalle 1:00 e alle 5:00 della mattina) e per chi sceglie la Business e la Executive un kit notte (cuscino poggiatesta + mascherina + tappi) + la colazione.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
04 set 2020

Altri 14 Frecciarossa si aggiungono sulla rotta Milano – Reggio Calabria

di mobilita

Altri 14 Frecciarossa si aggiungono in questa coda d’estate alla programmazione ordinaria di Trenitalia sulla rotta Milano - Reggio Calabria. Diventano così 66 le corse straordinarie tra Frecciarossa e Frecciargento da e per il sud Italia. È il risultato di un monitoraggio continuo della domanda e di una capacità di rispondervi con un adeguamento progressivo dell’offerta. Attività che vedono coinvolte da un lato Trenitalia e dall’altro RFI che, in qualità di gestore dell’Infrastruttura, ha l’onere di individuare la disponibilità delle tracce orarie e di metterle in vendita a tutte le Imprese Ferroviarie richiedenti. Prosegue quindi l’incremento dei collegamenti per il Sud Italia a testimonianza di una domanda ancora consistente e della volontà del Gruppo FS di assecondarla, sostenendo così il turismo interno e venendo incontro alle esigenze di mobilità di chi ha scelto l’Italia per le proprie vacanze in una stagione segnata dal Covid. Gli ultimi treni Frecciarossa aggiuntivi sulla linea Milano - Reggio Calabria sono acquistabili sui sistemi di vendita Trenitalia, per i viaggi fino al 13 settembre da nord a sud, e fino al 14 settembre da Reggio Calabria a Milano.      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ago 2020

Diventano 50 le Frecce straordinarie dell’estate

di mobilita

Il Ferragosto appena passato ha portato belle novità per viaggiatori e turisti, in questa torrida estate segnata da Covid-19: altre 14 treni AV straordinari si aggiungono, tra la fine di agosto e gli inizi di settembre, sulla rotta Milano-Reggio Calabria, a testimonianza di una domanda in forte crescita. Salgono così a 50 le Frecce in più lanciate, nelle ultime settimane, dall’arco di Trenitalia (società del Gruppo FS Italiane), rispetto alla programmazione ordinaria prevista dall’orario estivo. Le 50 corse straordinarie di Frecciarossa e Frecciargento da e per il sud Italia toccano le principali località turistiche e balneari di Campania, Calabria e Puglia come Napoli, Salerno, Agropoli, Vallo della Lucania, Maratea, Sapri, Scalea, Paola, Lamezia Terme. I Frecciarossa aggiuntivi da Milano a Reggio Calabria circolano dal 30 agosto al 5 settembre, mentre dall’hub reggino a quello milanese dal 31 agosto al 6 settembre. Nello specifico, i Frecciarossa in partenza da Milano Centrale per la Calabria seguono i seguenti orari: Milano C.le (9:10) - Reggio Calabria (18:56); Milano C.le (11:10) - Reggio Calabria (21:00); Milano C.le (11:50) - Reggio Calabria (22:05); Da Reggio Calabria, direzione Milano, invece, i treni sono fissati in questo modo: Reggio Calabria (6:57) - Milano C.le (16:50). Reggio Calabria (10:07) - Milano C.le (19:50). Reggio Calabria (11:50) - Milano C.le (22:10). Questa bella novità, oltre a fare felici turisti e amanti del mare calabrese, si aggiunge ai quattro treni regionali in più che la domenica, sempre fino al 6 settembre, raggiungono da Reggio Calabria la Costa Ionica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

Tutte le offerte di Trenitalia per l’estate 2020

di mobilita

Mai come quest’anno, dopo il difficile lockdown seguito dalla riapertura del Paese ma con regole determinate a impedire al virus di ripartire, l’estate Trenitalia è stata così ricca e nutrita di novità e offerte. Con Frecce, Intercity e Regionali, oltre ai nuovi servizi FRECCIALink e ai collegamenti intermodali, il turismo è al 100% sostenibile e a 360 gradi: in treno si va al mare e in campagna, in montagna e al lago, con il massimo comfort e in tutta sicurezza. Fra le novità più importanti il Frecciarossa 1000 del Tirreno, che collega Milano a Roma passando dal Levante ligure per poi correre lungo la costa fino all’Argentario, incontrando il porto di Civitavecchia per raggiungere la Capitale all’ora di cena, e il Frecciarossa che unisce Torino a Reggio Calabria, arrivando in stazione prima che cominci il tramonto, senza cambi intermedi. In treno esplode la voglia di mare quando, per esempio, ci si spinge verso Sapri, nell’estremo sud della provincia di Salerno. Scendendo dal Frecciarossa, si palesa all’improvviso la pittoresca baia del golfo di Policastro. Molto esteso il lungomare, ideale luogo di ritrovo e passeggio serale. La costa, che sconfina in Basilicata, offre grotte e panorami mozzafiato. Perfetta da scoprire a piedi, con un trekking lungo il sentiero Apprezzami l’asino, dal porto di Sapri allo scoglio dello Scialandro, dove si staglia il monumento della Spigolatrice, un omaggio alla poesia di Luigi Mercantini sulla fallimentare spedizione di Carlo Pisacane per liberare il Regno delle Due Sicilie dalla dominazione borbonica. Da non perdere la vicina Dea del mare, così veniva chiamata anticamente Maratea (PZ), perla incastonata tra l’azzurro del Tirreno, il verde della macchia mediterranea e le diverse tonalità di scogliere, isolotti e spiagge come Acquafredda, Cersuta, Fiumicello, La Secca. Dominano il paesaggio l’antico borgo, un concentrato di monumenti e luoghi di culto che è valso a Maratea il soprannome di città delle 44 chiese, e Monte San Biagio con la statua del Redentore, seconda per dimensioni solo a quella di Rio de Janeiro. Proseguendo verso la Calabria il Frecciarossa ferma a Paola (CS), il cui litorale è caratterizzato dai cosiddetti “pennelli a mare”: insenature a forma di mezzaluna, dove l’acqua è quasi sempre limpida, delimitate dalle barriere di sassi a forma di T realizzate per proteggere la linea ferroviaria che corre lungo la spiaggia. E, ancora, stop a Lamezia Terme, Rosarno e Villa San Giovanni (RC), dove la punta d’Italia quasi si tocca con la Sicilia, comodamente raggiungibile in traghetto attraversando lo Stretto di Messina. A pochi chilometri, Reggio Calabria fa sbizzarrire e meravigliare i turisti, con le sue bellezze paesaggistiche e culturali, come il Museo Archeologico Nazionale, il Castello Aragonese, la cattedrale di Maria Santissima Assunta, l’Arena dello Stretto e il lungomare Falcomatà. Sull’altra sponda, invece, è d’obbligo un salto a Riccione, la perla verde dell’Adriatico con oltre sei chilometri di arenile sabbioso dal basso fondale, viali alberati, giardini, parchi divertimento, boutique, locali notturni e antichi borghi da visitare nei dintorni, come Montefiore Conca, Mondaino e Montegridolfo. Distanze di sicurezza garantite e tanti servizi nei 151 stabilimenti balneari di Riccione, alcuni con spa come i bagni 105 e 110 o con maxi gazebo e lettini matrimoniali al 71. Senza contare la Spiaggia delle donne, gestita al femminile e molto apprezzata dalle mamme, e la nota Spiaggia 61, a metà strada fra le Terme di Riccione e viale Ceccarini, tra le poche a tradizione familiare e con oltre un secolo di storia, da dove ogni mattina Enrico il bagnino va in diretta su Radio Deejay con le sue scherzose previsioni del tempo. La cura del sole e dei bagni è garantita anche a Cattolica, altra tappa dell’estate in Frecciarossa, mentre Senigallia (AN), Bandiera blu dal 1997, è famosa per la sua Rotonda sul mare, la sabbia fine e vellutata, gli itinerari in bicicletta tra le colline dell’entroterra, gli eventi e i festival come il Summer Jamboree (in programma la prima settimana di agosto). Non manca l’offerta estiva di Trenitalia Regionale, con preziose novità come il Trabocchi Line per raggiungere in treno ed esplorare in bici la splendida Costa dei trabocchi, in provincia di Chieti, mentre in Frecciargento si arriva comodamente a Foggia, Barletta, Bari e Monopoli (BA). E ancora giù, fino a Brindisi, con tappa anche a Ostuni per il suo pittoresco borgo medievale, un dedalo di vicoli, scalinate, corti, piazzette e case bianche impreziosite da gerani, botteghe artigiane e ristorantini tipici. Sotto la Città bianca del Salento, il litorale si fa magico tra scogli e calette turchesi di sabbia dorata, tipiche di questo tratto di costa adriatica. In treno si può raggiungere tutto il mare più bello dello Stivale, quindi. Ma non solo. L’estate in Frecciarossa porta anche a Chiusi-Chianciano Terme (SI) per scoprire la suggestiva Val d’Orcia, amata dai turisti di tutto il mondo per i suoi itinerari fra le colline del Chianti, la Via Francigena e le località termali. E in Ciociaria, fino a Frosinone, per un tour tra i Monti Simbruini, le Grotte di Pastena, l’Abbazia di Montecassino, l’Acropoli di Alatri e la cascata nel centro di Isola del Liri.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 giu 2020

Da oggi cresce il numero di corse giornaliere delle Frecce di Trenitalia

di mobilita

Assecondare la voglia di viaggiare in sicurezza e libertà. Coincide con il solstizio d’estate l’ulteriore incremento di 16 corse di Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca sulla rete ferroviaria nazionale deciso da Trenitalia. Tra il 21 e il 22 giugno i collegamenti giornalieri passeranno così da 158 a 174. Ma non sarà l’ultimo step, altre corse saranno reintrodotte nei prossimi giorni, fino all’inizio di luglio, riportando così la programmazione a livelli sempre più prossimi a quella pre-Covid. Intanto questo incremento dell’offerta riguarderà alcune corse Frecciarossa tra Milano e Roma, con la riattivazione anche della rotta Brescia - Napoli, quattro Frecciabianca tra Roma e Genova a servizio di tante località balneari della costa tirrenica centrosettentrionale e quattro Frecciargento tra Roma e Venezia. Confermato da inizio luglio anche il completo ripristino dell’offerta InterCity, con 88 corse diurne e 20 notturne. Rimangono ovviamente attive tutte le misure di sicurezza adottate in questi mesi da Trenitalia e da tutte le società del Gruppo FS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2020

Trenitalia presenta il nuovo orario estivo

di mobilita

Con il nuovo orario di Trenitalia, dal 14 giugno l’estate 2020 si raggiunge in treno, ogni giorno con 6.000 collegamenti regionali, più di 100 tra Intercity e Intercity Notte e oltre 150 Frecce. In completa sicurezza antivirus e conveniente, con viaggi gratuiti per gli under 15 sui regionali e promo legate ai weekend. Ma verso quali mete? Mare o montagna per andare sul classico, ma anche centri piccoli e medi per un turismo di prossimità, aspetto positivo, uno dei pochi, che il Covid-19 ci lascia in eredità. La regina di questi mesi è reggina, perché, al di là del gioco di parole, Reggio Calabria per la prima volta è collegata direttamente a Torino e Milano con 4 Frecciarossa, di cui 2 fanno tappa anche nel Cilento, a Pisciotta-Palinuro, Agropoli, Vallo della Lucania e Sapri. Due nuovi Frecciargento da e per Venezia e Padova e, nel weekend, con Roma. Altra perla del Meridione è senza dubbio la Puglia, da esplorare non solo attraverso i binari. Per raggiungerla si può salire a Firenze sul primo Frecciargento ETR 600 che collega il centro toscano con Lecce, toccando Gargano e Salento. Grazie alla partnership tra Trenitalia e Ferrovie del Sud Est, il treno si integra con l’autobus e da Lecce si prosegue per Gallipoli, Gagliano Leuca e Otranto, mentre da Bari si raggiunge la Valle d’Itria, per Turi, Putignano, Alberobello, Locorotondo e Martina Franca. Mare da scoprire e riscoprire anche nella fascia centrale della penisola. Sul versante tirrenico la novità è la coppia di Frecciarossa 1000 che unisce Milano e Roma passando per la Versilia, l’Argentario e il Levante Ligure. Sul versante adriatico il centro nevralgico è Ancona, con 4 nuovi collegamenti in Frecciarossa, 2 con Milano e 2 nel weekend con Bolzano, facendo tappa anche in Romagna, a Rimini e Riccione. Per gli amanti della montagna Trenitalia offre nuove corse nel fine settimana per Val di Susa, Alto Adige, Trentino e Lago di Garda. A ovest il prolungamento di 2 Frecciarossa tra Napoli e Torino consente di arrivare a Oulx e Bardonecchia. A est Bolzano è unita da 2 Frecciarossa con Venezia e altrettanti con Milano. La montagna si sposa bene con le due ruote: dal 14 giugno Trenitalia Regionale mette in circolazione il Treno Bici del Friuli, con 5 collegamenti tra sabato e domenica da Trieste a Tarvisio, e fa partire il servizio treno+bus da Vicenza a Calalzo in collaborazione con Dolomiti Bus. Per gli appassionati bikers Trenitalia Regionale lancia anche il travel book dedicato alle ciclovie, con 20 percorsi ciclabili da raggiungere comodamente in treno. Alle onde e alle alte quote si aggiungono le meraviglie culturali e paesaggistiche di borghi storici e città di provincia. Come Frosinone e Cassino in Ciociaria, dove per la prima volta si ferma il Frecciarossa, così da poter raggiungere facilmente i Monti Simbruini, le Grotte di Pastena, l’Abbazia di Montecassino, l’Acropoli di Alatri, la cascata nel centro di Isola del Liri e gli scavi archeologici di Aquino. O come le colline senesi, con 2 nuovi Frecciarossa diretti da/per Chiusi-Chianciano Terme che ci avvicinano a Siena, alla Val d’Orcia, alla Via Francigena, al Chianti e ai centri termali del sud della Toscana. Senza dimenticare la rete capillare dei treni regionali, con nuovi servizi turistici come il Trabocchi Line in Abruzzo, il Cilento Line, il Cafalù Line dal 14 giugno e il Trasimeno Line in Umbria dal 3 luglio. E i già citati servizi che prevedono l’integrazione treno+bus, tra cui a giugno il Cortina Link dal 14, il Costiera Link dal 24, a luglio Jesolo Link e Cilento Link dal 4. Una novità anche per gli abbonati regionali: possono viaggiare ovunque in due con un solo biglietto. Chi preferisce concentrare le giornate di svago durante il fine settimana dal 24 giugno può scegliere la promozione Estate Insieme, che con 49 euro consente di viaggiare senza limiti su tutti i treni regionali, verso qualsiasi destinazione, per quattro weekend (dalle 12 del venerdì alle 12 del lunedì); oppure, con 100 euro in più, la promo Estate Insieme XL, alle stesse condizioni ma per tutti i fine settimana del periodo estivo. L’estate 2020 sarà ad alta protezione. Numerose le iniziative adottate dal Gruppo FS Italiane, dalla segnalazione dei percorsi in ingresso e uscita dalle stazioni e dai treni all’installazione di dispenser igienizzanti. Sui treni ad Alta Velocità, su cui ci siede a scacchiera, si è accolti poi con l’health & safety kit gratuito, comprendente mascherina (sempre obbligatoria in stazione e a bordo), gel per mani, guanti in lattice, poggiatesta monouso e lattina d’acqua. Insieme, seppur a debita distanza, l’estate 2020 può partire. In treno

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 giu 2020

Più corse Frecciarossa tra Milano e Napoli

di mobilita

Cresce la domanda di mobilità e aumentano le corse dei Frecciarossa, che passano da 80 a 86 con 6 nuovi collegamenti tra Milano e Napoli. Un’altra tappa verso l’appuntamento di domenica 14 giugno quando l’offerta si arricchirà di nuove corse estive, a vocazione soprattutto turistica, con l’avvio del nuovo orario ferroviario. Intanto la settimana appena chiusa, quella che ha visto gli italiani di nuovo liberi di spostarsi senza autocertificazione da una regione all’altra, ha registrato una media di oltre 22mila prenotati al giorno su Frecce e Intercity con un netto incremento rispetto all'ultima settimana di maggio. Per alcune corse è stato registrato il sold out tenendo conto della disponibilità dei posti al 50% per rispettare il distanziamento con le altre persone.

Leggi tutto    Commenti 0