Ultimi post
  • 22 mar 2017

    Arriva l'autovelox che scopre se chi guida usa il cellulare o ha la cintura di sicurezza

    di Fabio Nicolosi

    Si chiama TruCam il nuovo sistema di rilevazione delle infrazioni degli automobilisti che avrà funzione di controllo velocità, dell’utilizzo delle cinture e del cellulare alla guida. E’ questo il nome del nuovo strumento in dotazione alle forze dell’ordine che sarà affiancato al Telelaser. E’ già attivo su alcune strade della Sardegna e del Lazio ma la Polizia Stradale ha annunciato che sarà utilizzato su tutto il territorio nazionale. Sembra un telelaser «normale». Uno di quelli che, da anni, sono utilizzati dalle forze di polizia sulle strade italiane ma, in realtà, è un’evoluzione tecnologica da «grande fratello» perché ha una telecamera incorporata che registra tutto quello che «vede». Come funziona Trucam Il Telelaser TruCam è un misuratore di velocità, con documentazione filmata e fotografica ad alta definizione: è in grado di effettuare un rilievo di velocità fino a 1200 metri di distanza e per ogni singolo metro percorso su strada. Oltre a questo aggiunge una ripresa video dell'infrazione grazie a una piccola telecamera che con un semplice puntamento consente di acquisire tutti i dati della vettura. Consente inoltre di scattare una foto all'interno dell'abitacolo dell'automobile che permetterà di accertare altre violazioni come la guida senza cintura di sicurezza, l’utilizzo del cellulare al volante ma anche l’assenza di assicurazione e della revisione del veicolo. Posizionato come un autovelox a bordo strada, TruCam permette l’inserimento del doppio limite (auto e camion) e consente la geolocalizzazione grazie al GPS. Il sistema è dotato di regolare certificato di taratura e secondo la Polizia Stradale renderà inutile il ricorso degli automobilisti contro le sanzioni. La memoria del sistema TruCam è di 2 GB o superiore mentre il suo funzionamento è basato sulla piattaforma Linux. Può essere utilizzato anche di notte grazie a un flash a infrarossi e consente di registrare tutte le velocità comprese da 0 a 320 km/h. Tra i primi controlli spiccano con il TruCam spiccano quelli della scorsa settimana effettuati dalla Polizia stradale di Aprilia: sulla Pontina oltre 300 automobilisti sono stati immortalati mentre viaggiavano a una velocità compresa tra i 130 e i 170 km/h nonostante il limite di velocità in vigore sia di 90 km/h.

    Leggi tutto
  • 22 mar 2017

    In crescita il Car Sharing in Italia

    di Alessandro Gori

    Il 18 marzo si è tenuto all'Università degli Studi di Milano il convegno "Smart Mobility in Smart Cities" dove sono emersi dati molto interessanti sull'utilizzo del car sharing in Italia. Nei locali dell'Università di Milano URBI, l'app aggregatrice dei principali sistemi di trasporto urbano, ha presentato tutta una serie di dati che fotografano l'utilizzo delle auto condivise nel nostro paese: 5030 veicoli 4.256.000 prenotazioni 1.800.000 ore di noleggio 30.000.000 di km percorsi Queste le cifre emerse da uno studio su quattro città italiane (Milano, Torino, Firenze e Roma), un periodo di sei mesi e i servizi offerti da Car2go, Enjoy, Share'n go, DriveNow e ZigZag. L'analisi ha messo in evidenza un trend positivo nell'utilizzo del car sharing nelle città prese in esame, anche se non tutte allo stesso livello: Torino + 54% Milano + 41% Roma +20% Firenze +10% Complessivamente si può parlare di un aumento medio del 35%. Gli aumenti però non sono tutti ascrivibili a un incremento del servizio, quindi di più auto disponibili. Questo è vero a Milano (+49% veicoli) e Roma (+23%), ma non a Torino (-8%) e a Firenze (-12%). Il numero dei mezzi disponibili per città sono i seguenti Milano: 2.386 Roma: 1.570 Torino: 610 Firenze: 464 Sono emersi anche i tratti dell'utilizzatore medio dei sistemi di sharing mobility: maschio (75%) tra i 25 e i 35 anni (34%). Secondo URBI i dati dimostrano come i trasporti condivisi siano sempre più appetibili per gli italiani, anche in presenza di flotte ridotte o servizi non ai livelli nordeuropei, e che il numero di utilizzatori del car sharing e di altre forme di sharing mobility non potranno che salire esponenzialmente nel breve-medio termine.      

    Leggi tutto

Leggi tutti