Articolo
23 ago 2019

REGIONE SICILIANA | 26 Mln per il nuovo porto di Santo Stefano Camastra

di mobilita

Ammonta a circa 26 milioni di euro l'investimento del Governo Musumeci per la costruzione del nuovo porto di Santo Stefano di Camastra, nel Messinese. La giunta regionale ha approvato lo stanziamento che andrà a sommarsi alle risorse dei partner privati del progetto che, nel complesso, vale circa 64 milioni di euro. «Entro il 2022 il nuovo porto - ha commentato l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - aumenterà l'appeal turistico già forte di un Comune come Santo Stefano di Camastra, cerniera fra i Nebrodi e il Palermitano ma anche importante crocevia sul Tirreno. L'infrastruttura diventa anche un veicolo di tutela e riqualificazione della costa. Il Governo Musumeci, del resto, vede nello sblocco degli investimenti in opere pubbliche - sottolinea Falcone - il primo ingrediente del rilancio economico della Sicilia, ancor più se ciò avviene in un contesto di armoniosa e produttiva sinergia fra la mano pubblica e le capacità del settore privato». L'assessorato regionale alle Infrastrutture riveste il ruolo di regia dell'intero procedimento che porterà alla realizzazione di un moderno porto turistico collegato a una viabilità litoranea che sarà interamente rinnovata. Previsti inoltre la riqualificazione del collegamento fra l'approdo e il centro storico della Città delle Ceramiche, nuove piazze e aree verdi nel contesto di un waterfront che cambierà volto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 ago 2019

FIRENZE | Continuano le indagini per la linea tramviaria 3.2 verso Bagno a Ripoli

di mobilita

Continuano i saggi archeologici propedeutici allo sviluppo del progetto relativo alla realizzazione della linea tramviaria 3.2 verso Bagno a Ripoli. Le indagini interesseranno il viale Giovine Italia dalla sera del 21 a quella del 24 agosto, piazza della Libertà dalla sera del 22 a quella del 24 agosto. La prossima settimana il programma proseguirà in piazzale Donatello e in viale Gramsci. I provvedimenti di viabilità: Dal 21 agosto fino al 24 agosto, con validità dalle ore 0,00 alle ore 24,00, in viale Giovine Italia, dall’inizio dell’isola spartitraffico, saranno in vigore restringimenti di carreggiata, divieto di sosta con rimozione forzata lungo l’intera sede stradale e limite di velocità a 30 Km/h. Dal 22 agosto fino al 24 agosto, con validità dalle ore 0,00 alle ore 24,00, in piazza della Libertà, dall’intersezione tra via Madonna della Tosse e viale Don Minzoni, saranno in vigore restringimenti di carreggiata, divieti di sosta con rimozione forzata nell’intera sede stradale e in piazza Libertà (lato Ponte Rosso-viale Don Minzoni) limite massimo di velocità di 30 km/h.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

FFS | Raddoppio binario tra Contone e Tenero, chiusura della linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.

di mobilita

Tra la sera di venerdì 23 agosto e la mattina di martedì 27 agosto 2019 sono previsti importanti lavori lungo la linea ferroviaria nei pressi di Riazzino. Questi particolari e delicati lavori necessitano lo sbarramento totale della linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno. Per la clientela è stato organizzato un servizio bus sostitutivo. Presso la vecchia fermata di Riazzino-Cugnasco sono previsti importanti lavori legati al progetto di raddoppio parziale del binario tra Contone e Tenero. Questi lavori comprenderanno la posa di nuovi segnali ferroviari e lo spostamento dei binari dalla loro attuale posizione, con conseguente rifacimento del sottofondo ferroviario. Per effettuare questi delicati lavori è pertanto necessario sbarrare al traffico ferroviario la linea che collega Cadenazzo a Locarno dalle 21:40 di venerdì 23 agosto fino alle 02:00 di martedì 27 agosto. Durante questo fine settimana tutti i treni tra Cadenazzo e Locarno saranno soppressi e sostituiti da un servizio di bus, con tempi di percorrenza maggiori di circa 30 minuti. Di norma i bus sostitutivi partono dai piazzali antistanti le stazioni. A Riazzino invece, la fermata per i bus sostitutivi si trova sulla strada cantonale, di fronte al distributore TAMOIL, mentre a Gordola la fermata è quella dei bus di linea di Gordola Nord. Le FFS invitano a consultare l’orario online prima di mettersi in viaggio. In alternativa contattare il numero 0800 007 102 (CHF 0.08/min. da rete fissa svizzera) oppure allo 0041 512 257 844 (dall’estero). Per i viaggiatori diversamente abili, che necessitano di assistenza per la salita e discesa dai treni, è importante contattare il numero gratuito 0800 007 102 (dalla Svizzera) o il numero +41 512 257 844 (dall'estero). Il progetto di raddoppio parziale del binario tra Contone e Tenero Il progetto «Contone – Locarno: raddoppio parziale del binario e adattamenti degli impianti di sicurezza» prevede la realizzazione di un secondo binario, con due scambi in entrambe le direzioni, della lunghezza di 4 chilometri fra il ponte sul fiume Ticino e quello sul fiume Verzasca. Vengono inoltre adeguati gli impianti di sicurezza tra Contone e Locarno e si realizza un nuovo edificio tecnico (per gli impianti di sicurezza) a Riazzino, così da ridurre il tempo di successione dei treni. La fermata di Riazzino viene potenziata, prolungando il marciapiede esistente a 220 metri e realizzandone un secondo a lato del nuovo binario. Mentre a Gordola la fermata è stata spostata in direzione di Bellinzona di circa 200 metri e, al termine dei lavori, avrà due marciapiedi lunghi 220 metri, collegati tra loro da un sottopasso pedonale. Questi lavori richiedono in totale cinque sbarramenti totali della linea tra Cadenazzo e Locarno. Per il 2019, il primo sbarramento ha avuto luogo a fine giugno e il terzo è in programma a fine ottobre. Nel 2020 le due interruzioni sono previste per maggio e novembre. Inoltre, tra settembre e dicembre 2019, dalla domenica al giovedì tutti i collegamenti TILO S20 a partire dalle 22:35 sono sostituiti da bus tra Cadenazzo e Locarno. L’orario online su ffs.ch e l’App SBB mostrano in tempo reale eventuali ritardi o soppressioni causate dai lavori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ago 2019

Autostrada A18, aggiudicati i lavori per rimuovere la frana di Letojanni

di mobilita

Via libera all'appalto dei lavori per rimuovere la frana di Letojanni sull'autostrada A18 Messina-Catania. La Protezione civile regionale ha infatti assegnato provvisoriamente l'appalto dal valore di quindici milioni di euro: prevista la messa in sicurezza del versante franato nel 2015 e la costruzione di due gallerie autostradali. «La frana di Letojanni - dichiara il presidente della Regione Nello Musumeci - rappresenta una delle più grandi vergogne che abbiamo trovato sul tavolo al nostro insediamento. In quattordici mesi di azione di governo, siamo riusciti a cancellare lunghi anni di trascurezza, di inefficienze della politica e della burocrazia, rispettando la tabella di marcia che ci eravamo prefissati. Abbiamo lavorato sodo per recuperare il tempo perduto e dare ai siciliani la sicurezza e le infrastrutture che meritano». «Quest'opera - ha aggiunto l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - sarà il simbolo della radicale e virtuosa inversione di tendenza, sostenuta dal Governo Musumeci, nella gestione autostradale messa in campo dal Cas in Sicilia. Avevamo detto che entro la fine di agosto la gara si sarebbe conclusa e siamo riusciti ad anticipare i tempi. Anche per questo, vogliamo ringraziare il presidente Salanitri e i componenti della Commissione d'appalto per il puntuale impegno delle sedute di gara. A tappe forzate - conclude l'assessore - arriveremo all'aggiudicazione definitiva e riteniamo, dunque, che entro ottobre il cantiere possa aprire i battenti».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 ago 2019

FIRENZE | Va avanti la progettazione delle estensioni della tramvia a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio

di mobilita

Un nuovo passo avanti verso la realizzazione delle estensioni delle linee 2 e 4 della tramvia. La giunta comunale nell’ultima seduta ha stabilito, su proposta dell’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, di procedere alla redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica della prosecuzione della linea T2 Vespucci dall’aeroporto a Sesto Fiorentino (con capolinea in viale dei Mille) e del secondo lotto della linea 4 (dalla Piagge a San Donnino e da San Donnino a Campi Bisenzio). E per quanto riguarda la linea 2 è stata preferita la soluzione con il passaggio all’interno del Polo Scientifico. “Si tratta di un importante passo in avanti rispetto allo studio preliminare che per la linea di Sesto prevedeva le due ipotesi che sono state illustrate nell’incontro presso il Polo Scientifico all’inizio di luglio - commenta l’assessore Giorgetti– . Tra gli indirizzi della futura progettazione, infatti, viene privilegiata la soluzione risultata migliore dal punto di vista funzionale e trasportistico, quella all’interno del Polo universitario”. La delibera prevede infatti una serie di indirizzi a cui dovrà attenersi la futura progettazione. Per quanto riguarda la linea 2 il superamento dell’ipotesi di binario banalizzato nel sottopasso di viale dei Mille valutando una soluzione con doppio binario di cui uno in promiscuo con il traffico veicolare. E anche l’individuazione di un’area in prossimità del capolinea di viale dei Mille o di altre fermate terminali da destinare a parcheggio, anche per le biciclette, in modo da favorire l’utilizzo della linea da parte dei residenti del centro abitato di Sesto. Infine si chiedono proposte alternative dei sovrappassi sui corsi d’acqua meno impattanti. Per quanto riguarda gli indirizzi per la progettazione del prolungamento verso Campi Bisenzio, si chiede di approfondire anche la soluzione alternativa dell’attraversamento dell’Autostrada A1 in corrispondenza di via Pistoiese che prevede il passaggio da via Abruzzi; e di approfondire la soluzione di tracciato nel tratto prossimo all'abitato di San Piero a Ponti alla luce della prevista realizzazione di un'area di sosta di interscambio autostradale da parte di Autostrade per l'Italia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 ago 2019

ROMA | Approvata la delibera per recupero e valorizzazione impianti del Foro Italico

di mobilita

Il Foro Italico come polo strategico dello sport valorizzando e recuperando i caratteri originali dell’area insieme ai diversi Enti coinvolti, per lo sviluppo delle attività sportive di alto livello. Questo l’obiettivo della delibera di Giunta firmata dall’assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini Daniele Frongia, e dall’assessore all’Urbanistica Luca Montuori. In particolare, il provvedimento contiene il protocollo d'intesa per l'indizione da parte di Sport e Salute S.p.A. di un concorso di progettazione internazionale per la riqualificazione architettonica. Il documento sarà sottoscritto a breve tra Roma Capitale, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Lazio, Comitato Olimpico Nazionale Italiano e Sport e Salute Spa. L'intervento, a carico di Sport e Salute S.p.A., riguarderà infatti la valorizzazione dell'area, recuperandone i caratteri originari attraverso un progetto di alta qualità architettonica, anche con la realizzazione di una copertura mobile, e che dovrà garantire la giusta sinergia paesaggistica e monumentale della struttura. Una iniziativa che consentirà all'impianto sportivo di ospitare eventi tutto l'anno. “Il Centrale del Foro Italico è per l’Amministrazione una struttura da valorizzare e ammodernare per poter ospitare grandi eventi tutto l'anno. Con questo atto, che recepisce il protocollo d'intesa che sarà sottoscritto, vogliamo dare certezza a un percorso che in sinergia tra le diverse istituzioni porterà al completamento e alla copertura dell'impianto. Una marcia in più per lo sport a Roma”, dichiara l’assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini Daniele Frongia. "Roma Capitale avrà così l’occasione di dotarsi di un impianto importante restituendo al contesto una struttura di valore architettonico all’altezza del luogo, tra architetture note in tutto il mondo, con un intervento inserito nel contesto dalle straordinarie qualità paesaggistiche e urbane. Un contesto che fa parte dell'ambito di programmazione strategica che nasce dalla storia di questa città nel confronto tra antico moderno e contemporaneo, dal sistema Flaminio/Foro Italico, attraverso l’area archeologica centrale fino all’EUR. Per favorire un percorso di questo tipo sono necessari due elementi imprescindibili: da una parte la sinergia tra le istituzioni e dall’altra avvalersi di progetti selezionati attraverso concorsi internazionali che permettano di individuare sempre le soluzioni migliori per la Capitale d’Italia", sottolinea l'assessore all' Urbanistica Luca Montuori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ago 2019

ROMA METRO A | Interruzione della linea tra Termini e Anagnina fino al 25 agosto

di mobilita

  Da domenica 4 a domenica 25 agosto il servizio della metro A subirà parziali interruzioni in diversi tratti. La prima, dal 4 al 13 agosto, è prevista tra Termini e Anagnina. Attivo un servizio di bus sostitutivi che effettuerà fermate in prossimità delle stazioni chiuse (leggi qui i dettagli https://bit.ly/2YvcNkt). Fino ad oggi, lavorando in notturna, le chiusure sono state limitate al minimo indispensabile. Alcuni interventi, però, come quelli di agosto, prevedono lo smontaggio di tratti di binario. Attività, queste, che rendono necessario il fermo del servizio per questioni di sicurezza e tempistica. I  tecnici sono al lavoro da diverse settimane: vengono sostituiti gli scambi ferroviari e le casse di manovra che ne consentono il controllo. Di conseguenza diminuiranno significativamente gli “sferragliamenti” e le vibrazioni con maggior comfort per i viaggiatori. Inoltre, grazie alle funzionalità evolute delle nuove tecnologie installate, Atac migliorerà la gestione della rete e ridurrà i costi di manutenzione ordinaria. I lavori di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura sono necessari e prioritari per migliorare l’affidabilità della linea A.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ago 2019

BOLOGNA | Concluse le prove di agibilità sul people mover

di mobilita

Si sono concluse le prove di agibilità sul people mover condotte dalla commissione del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. I tecnici hanno osservato il comportamento del sistema e degli operatori in simulazione di esercizio e nelle molteplici casistiche di emergenza previste dalla normativa. A ciò si è accompagnata un’approfondita analisi documentale delle certificazioni di tutte le componenti del sistema, cioè le parti infrastrutturali, la centrale operativa e i veicoli. Proseguono nelle prossime settimane come da programma le verifiche richieste dai tecnici della commissione ministeriale, in vista dei sopralluoghi già calendarizzati a fine agosto. Tra le altre verifiche, si svolgeranno anche le prove di evacuazione. A seguire, è previsto il completamento della fase di pre-esercizio, al cui termine sarà rilasciato il Noe (Nulla osta all’esercizio). Nel frattempo, sta per terminare il monitoraggio acustico che, in accordo con il Comune di Bologna, concedente l’opera, la società Marconi Express ha anticipato alla fase di test e di pre-esercizio, al fine di poter verificare i livelli di impatto acustico per risolvere le eventuali anomalie nel più breve tempo possibile. I punti di recepimento delle emissioni acustiche (“ricettori”) sono stati ricollocati per coprire al meglio le zone abitate e maggiormente esposte.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ago 2019

MILANO M4 | Al via i test sul primo treno della Linea Blu

di mobilita

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala ha visitato il cantiere della Stazione Linate della linea metropolitana M4. Insieme all’assessore alla Mobilità Marco Granelli, al presidente della società concessionaria M4 spa Fabio Terragni e ai rappresentanti delle aziende costruttrici Salini Impregilo, Astaldi, Hitachi Rail STS, Hitachi Rail SpA e Sirti, è potuto salire sul primo treno della Blu che si trova sui binari, pronto per iniziare la fase dei test. L'apertura della tratta fino a Forlanini è prevista per la primavera 2021, mentre per San Babila l'apertura è prevista per fine 2022. La M4 o “Linea blu” collegherà il centro storico con la parte Est (Q.re Forlanini e Aeroporto Linate) e con la parte Ovest (Q.re Lorenteggio e Stazione San Cristoforo), integrando la rete del trasporto urbano con una nuova soluzione rapida, efficiente, confortevole e non inquinante. La sua realizzazione permetterà di ridimensionare il traffico a vantaggio del trasporto pubblico, con considerevoli benefici per chi vive e lavora a Milano, e per l’ambiente. Avrà un’estensione di 15 km, 21 stazioni con gallerie di linea a binario singolo con un diametro di scavo di 6,50 m nelle tratte esterne e di 9.15 nelle tratte centrali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 ago 2019

MILANO | La M2 chiusa tra Udine e Loreto, i bus sostitutivi e le linee alternative

di mobilita

Da oggi fino al 31 agosto la M2 è chiusa tra Udine e Loreto per i necessari lavori di impermeabilizzazione e consolidamento.  La circolazione sul resto della linea si svolge regolarmente: i treni fanno servizio tra Gessate/Cologno Nord e Udine e tra Assago/Abbiategrasso e Loreto. Prestate attenzione alla destinazione dei treni La mattina e la sera, nelle ore di punta, i treni in arrivo da Cologno Nord terminano a Cascina Gobba, i treni in partenza da Udine vanno solo a  Gessate. Per proseguire fino a Cologno Nord, bisogna scendere a Cascina Gobba e prendere il treno sul binario vicino. Mentre, sul ramo opposto alcuni treni in arrivo da Abbiategrasso/Assago terminano a Centrale. Bus sostitutivi, servizio express e linee alternative Bus sostitutivi Loreto-Piola-Lambrate-Udine. Questo servizio collega le stazioni della tratta interrotta Bus no stop Cascina Gobba-Loreto. È un servizio express che non fa fermate intermedie. Vi suggeriamo di usare questo bus in particolare in questi casi: arrivate da Cologno Nord e siete diretti verso Milano centro la mattina e la sera in ora di punta, poiché in queste ore della giornata i treni terminano a Cascina Gobba viaggiate dal centro di Milano e siete diretti a Cologno Nord o Gessate, poiché il bus express fa servizio diretto da Loreto Linee di superficie alternative: linea 39: Lambrate FS, Piola e Loreto linea 53: Cimiano, Udine e Lambrate FS linea 55: Udine e Loreto linea 56: Crescenzago, Cimiano e Loreto linea 75: Cascina Gobba, Crescenzago, Cimiano, Udine e Lambrate FS linea 81: Lambrate FS, Loreto e Centrale FS linea 90/91: Piola, Loreto, Caiazzo e Centrale FS Frequenze dei servizi sostitutivi Sono stati programmati i bus di superficie in modo che siano il più possibile in coincidenza con i treni. Nelle ore di punta i bus viaggeranno con frequenze tra gli 1 e i 5 minuti. Durante il resto della giornata, le frequenze variano dai 5 ai 9 minuti. Le condizioni del traffico automobilistico potrebbero influenzare i tempi di percorrenza e le frequenze programmate. Potete consultare gli orari dei bus sul nostro sito, nella sezione Giromilano, e sull’app. Cliccate su Cerca linee e selezionate la voce Bus M2 C.na Gobba M2 - Loreto M1 M2 Express (linea 162) o Bus M2 Loreto M1 M2 - Udine M2 (linea 170). Orari treni Qui potete consultare gli orari dei treni della M2. Per poter utilizzare gli ultimi collegamenti dei bus sostitutivi che collegano Loreto a Cascina Gobba, segnaliamo gli orari delle ultime corse della metropolitana in partenza da Abbiategrasso e da Assago Forum: Destinazione Orari di partenza metro Orario di arrivo metro a Loreto Partenza linea 162 da Loreto Arrivo linea 162 a C.na Gobba Orario di partenza metro a C.na Gobba Cologno Nord 00:12 (da Abbiategrasso) 00:32 00:39 00:57 01:03 Gessate 00:16 (da Forum) 00:40 00:46 01:04 01:11 Accessibilità di stazioni, bus e fermate Le stazioni M2 di Centrale e Loreto hanno ascensori. Le stazioni di Udine, Cimiano, Crescenzago e Cascina Gobba hanno montascale. La stazione di Caiazzo non è accessibile. Sono accessibili tutte le fermate e i bus dei servizi sostitutivi in superficie. Per informazioni e assistenza nel pianificare il viaggio, le persone con ridotte capacità motoria possono chiamare lo 02 48 607 607 tutti i giorni dalle 7.30 alle alle 24. Mappa di tutte le linee e le fermate A questi link trovate: la mappa di tutte le linee alternative per pianificare il vostro viaggio la mappa delle fermate dei bus alternativi nelle vicinanze delle stazioni chiuse Trovate tutte le informazioni di riepilogo anche in questo volantino. Biglietti accettati al rientro in metropolitana Sui bus sostitutivi tra Loreto e Udine, e per proseguire rientrando in metropolitana, sono accettati tutti i biglietti validi al momento del viaggio (secondo i limiti di tempo stabiliti dalla prima convalida). Valgono anche i biglietti emessi prima del 15 luglio, dopo l'entrata in vigore dei titoli di viaggio del nuovo sistema tariffario.  

Leggi tutto    Commenti 0