Articolo
15 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Brescia

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Brescia. Società di gestione: AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA SpA L’aeroporto di Brescia, altamente specializzato nel settore del cargo aereo, è hub di Poste Italiane e contribuisce a sviluppare nuovi business nel territorio circostante. La capacità dell’aeroporto di gestire ogni tipo di cargo, inclusi deperibili, special e XXL, la piattaforma logistica con possibilità di scambio intermodale e nessuna restrizione per i voli notturni, hanno contribuito a porre l’aeroporto di Brescia ai primi posti tra gli aeroporti italiani per quanto riguarda il settore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Bolzano

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Bolzano: Società di gestione: ABD AIRPORT SpA L’aeroporto di Bolzano, istituito nel 1926, è stato trasformato nel 1999 nel moderno scalo attuale. A partire da allora, l’aeroporto ha incentrato la sua attività per rispondere alla domanda di accesso alle lunghe distanze del ricco e popolato bacino delle valli afferenti all’Alto Adige nella regione Altoatesina. Ad oggi, anche se aperto solo a voli charter, è la porta d’ingresso più comoda per raggiungere le vicine Dolomiti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 giu 2017

Inaugurata la funicolare di Castel S. Pietro – Verona

di Fabio Nicolosi

È stata inaugurata venerdi scorso la Funicolare di Castel San Pietro alla presenza del sindaco Flavio Tosi, delle autorità cittadine, del presidente Massimo Galli Righi, del direttore Maria Cristina Motta, del vicepresidente Renzo Begalli e di alcuni membri del Cda di Agec, che gestirà l'impianto. Lunga 140m, parte da Santo Stefano e arriva a Castel San Pietro, con un dislivello di 54 metri. La Fondazione Cariverona, finanziatrice dell’opera e proprietaria di Castel San Pietro, sta ristrutturando anche il castello dove sarà collocata la nuova sede del Museo di Storia naturale. L’area verde confinante con il Teatro Romano è stata ripristinata e ripulita da erbacce e sporcizia, l’Amia ha assegnato la gestione di due zone del parco a Legambiente e Adambiente. Gli interventi di pulizia, restauro di Castel San Pietro e costruzione della funicolare hanno l’obiettivo di creare un polo culturale e museale che rappresenti la storia di Verona. Proprio sul colle di San Pietro, infatti, sono state rinvenute le più antiche tracce di insediamento pre romano della città, risalenti all’Età del Ferro. Le tariffe: per adulti 2 euro andata e ritorno (quindi un euro a tratta); per bambini al di sotto dei 10 anni e per persone con oltre 65 anni biglietto di un euro. Per gruppi superiori alle 15 persone il prezzo sarà di 1 euro e mezzo a persona. Per il primo mese di apertura, il biglietto sarà gratuito per i veronesi che abbiano compito il 65esimo anno di età.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Bologna

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Bologna: Società di gestione: AEROPORTO GUGLIELMO MARCONI DI BOLOGNA SpA L’aeroporto di Bologna è situato a pochi chilometri dal centro città, posizione geografica strategica in stretta connessione con le linee di alta velocità ferroviaria. Alla luce dell’aumento del traffico passeggeri registrato negli ultimi anni, lo scalo ha effettuato vari interventi di riqualificazione delle infrastrutture aeroportuali. I piani di sviluppo sostengono il ritmo di crescita del traffico aereo degli ultimi anni e sono allineati ai principi della qualità del servizio e della sostenibilità, integrando il soddisfacimento della domanda di mobilità, la tutela dell'ambiente, delle risorse energetiche e della salute e sicurezza dei lavoratori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Napoli, da oggi in vigore le nuove tariffe per ANM

di mobilita

A partire da oggi lunedì 12 giugno 2017 il costo del biglietto di corsa semplice del trasporto pubblico ANM (azienda napoletana mobilità) passa da un euro a 1,10 mentre il ticket settimanale costerà 15,70 euro. I vecchi titoli di viaggio acquistati prima del 12 giugno potranno ancora essere utilizzati fino ad esaurimento scorte. I nuovi titoli di viaggio saranno disponibili nelle rivendite autorizzate e nelle macchinette emettitrici delle stazioni Anm. Si prevedono in futuro anche ulteriori aumenti per arrivare gradualmente entro il 2019 ad un biglietto di corsa semplice di 1,30. Nell’ottica del contrasto al’evasione, anche le sanzioni subiscono una variazione e saranno applicate, a partire sempre dal 12 giugno, come evidenziato di seguito nel prospetto pubblicato nella sezione tariffe e sanzioni del sito web ANM:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Bergamo

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Brescia Società di gestione: SACBO SpA L’aeroporto, situato nel comune di Orio al Serio, dista 5 km dal centro di Bergamo e 50 km dal centro di Milano: il particolare posizionamento geografico ed economico dello scalo è arricchito dalla sua collocazione lungo alcune fra le principali direttrici di sviluppo della rete di trasporto trans europea. Operativo dal 1972, con l’avvento delle compagnie low cost, si è attestato tra i principali scali italiani in termini di traffico commerciale complessivo internazionale e nazionale, e figura nella top ten dei migliori aeroporti low cost al mondo nell'edizione 2016 del World Airport Awards.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Ancona

di mobilita

In quest'articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Ancona. Società di gestione: AERDORICA SpA L’aeroporto, situato a 18 km dal centro della città di Ancona, è la porta turistica delle Marche verso il mare, le dolci colline e gli antichi borghi; è punto di riferimento del Medio Adriatico e della zona appenninica dell’Italia centrale. La nuova aerostazione, progettata da Volkwin Marg, è parte di un vasto piano di ampliamento iniziato nel 2000 per far fronte all’aumento del traffico in arrivo e in partenza sullo scalo marchigiano. L’uso del vetro per le facciate e dell’acciaio per le strutture, oltre alla mancanza di pilastri, consente una percezione dello spazio interno ed esterno senza ostacoli visivi. La semplicità del distributivo e la luminosità degli ambienti conferiscono al nuovo terminal la sensazione di ampiezza e leggerezza, consentendo un’ampia visuale sulle piste e sui piazzali di sosta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2017

Linea Ionica, chiude la tratta tra Sibari e Catanzaro Lido per i lavori di potenziamento

di mobilita

Al via domenica 11 giugno gli interventi di potenziamento infrastrutturale della linea Ionica. I cantieri saranno operativi tra Sibari e Catanzaro Lido, fino al 9 settembre, per consentire a Rete Ferroviaria Italiana di eseguire importanti lavori di rinnovo lungo oltre 60 km di linea. Il programma prevede interventi a scambi e binari che saranno in grado di innalzare i limiti di velocità del tracciato, specialmente in corrispondenza delle stazioni, e incrementarne gli standard di affidabilità e sicurezza. Inoltre, saranno realizzati lavori di consolidamento e adeguamento nella galleria Cutro, tra Isola Capo Rizzuto e Cutro. L’investimento economico è di circa 40 milioni di euro e si inserisce nel più ampio progetto di potenziamento complessivo che verrà sviluppato nei prossimi anni, da Rocca Imperiale sino a Reggio Calabria, per migliorare l’ esperienza di viaggio sia in termini di tempi di percorrenza sia di accessibilità al servizio. Per l’intera durata dei lavori sarà sospesa la circolazione dei treni. Per garantire la mobilità, Trenitalia Regionale Calabria, in accordo con il competente assessorato regionale, associazioni di pendolari e consumatori, attiverà servizi sostitutivi con bus programmati in numero maggiore rispetto alle corse dei treni per ridurre le differenze create dai diversi tempi di viaggio tra le due modalità di trasporto. Le informazioni di dettaglio sui provvedimenti, con l’elenco completo dei treni interessati, orari e punti di fermata dei bus, sono disponibili in questo link

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 giu 2017

Agrigento | Al via la ZTL in Via Atenea

di Mauro Indelicato

Cambiano ancora gli orari della ZTL in via Atenea: il corso principale di Agrigento, cuore di molte attività sociali e culturali della città dei templi, è spesso stato oggetto di esperimenti volti ad espandere la pedonalizzazione e la limitazione dell’ingresso di mezzi in una strada la cui pavimentazione ha spesso accusato problemi per via delle tante auto che soprattutto in passato hanno percorso questa arteria centrale. “A partire da lunedì 5 giugno – si legge in una nota del comune - la via Atenea sarà chiusa al traffico dalle ore 17:00 alle 24:00 e sarà così per tutte le domeniche ed i giorni festivi. A deciderlo il neo Assessore alla Polizia Municipale del Comune siciliano che ha ritenuto opportuno adottare provvedimenti più efficaci per ragioni di sicurezza stradale ed incolumità pubblica. Rispetto al precedente provvedimento, l’unico elemento invariato riguarda la proroga per il sabato sera fino alle 2 di notte, con lo scopo di evitare il passaggio di numerose auto in un momento della settimana dove sono previsti maggiori assembramenti di persone grazie alle attività di molti locali; per il resto, è da notare lo stop alla ZTL negli orari diurni e questo probabilmente è stato attuato dopo le richieste di numerosi commercianti ma va in controtendenza sia con le precedenti decisioni dell’attuale giunta e delle passate amministrazioni, le quali hanno invece sempre più aumentato gli orari di chiusura, che con il percorso intrapreso nelle principali città siciliane dove le vie principali sono oggetto di interventi di pedonalizzazione e di limitata apertura al traffico. Il dibattito sulle pedonalizzazioni ad Agrigento è sempre stato molto sentito, anche se in città al momento l’atteggiamento di molti operatori è quello di guardare con favore all’apertura al traffico anche delle vie centrali per il timore di una riduzione del volume di affari; nonostante i tanti positivi esempi, come in primis a Palermo, dati da virtuosi processi di pedonalizzazioni del centro storico, Agrigento rimane maggiormente legata alla logica della presunta convenienza derivante dal traffico aperto alle auto. Il nodo è probabilmente da ricercare nella mancanza di parcheggi e mezzi pubblici; i commercianti, in particolar modo, temono che i pochi parcheggi attorno al perimetro del centro storico facciano sì che i potenziali acquirenti siano scoraggiati dal passeggiare in via Atenea. Inoltre, ad Agrigento i mezzi pubblici hanno una copertura limitata e questo non favorisce l’incentivo all’uso del bus od anche dei treni che partono da Agrigento Bassa per far affluire gente nel cuore del centro storico. La via da intraprendere, a grandi linee, dovrebbe essere quella di creare veri e propri hub di interscambio tra mezzo pubblico e privato nei piazzali limitrofi al centro, in modo da poter facilitare il parcheggio lì dove transitano e partono gli autobus di linea od i treni verso Agrigento Centrale; al momento però, nessuna amministrazione ha mai programmato in maniera seria ed a lungo termine tematiche così vitali ed importanti per una città di chiara vocazione turistica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 mag 2017

La rete tranviaria di piazza Cinque giornate si rinnova

di Fabio Nicolosi

Nuovi binari e scambi per ridurre vibrazioni e rumore e migliorare la qualità del viaggio. Proseguono i lavori di ammodernamento della rete tranviaria milanese. Partirà giovedì 1° giugno, e durerà fino al 3 settembre, il cantiere per il rinnovo straordinario degli impianti tranviari in piazza Cinque giornate. L’intervento comprende il rifacimento di sei scambi, la posa di nuovi binari tecnologicamente innovativi - che consentono di ridurre al minimo le vibrazioni e il rumore al passaggio dei mezzi - e la dotazione di nuovi apparati di comando in radiofrequenza. I lavori si svolgeranno nei mesi estivi per ridurre al minimo l’impatto sulla viabilità. Obiettivo del progetto migliorare la qualità del viaggio, diminuire la rumorosità e aumentare la velocità dei mezzi. A questa prima fase, che si concluderà domenica 3 settembre - prima della ripresa dell’anno scolastico – seguirà, nell’estate del 2018, il completamento dell’intervento, sia per quanto riguarda le infrastrutture sia per quanto riguarda piazza Cinque giornate, che avrà una nuova veste grazie al rifacimento della pavimentazione con asfalto color rosso. Anche questo intervento, per ridurre l’impatto del cantiere, sarà effettuato tra giugno e l’inizio di settembre 2018.

Leggi tutto    Commenti 0