Articolo
14 set 2018

E_mob 2018, “Firenze continua a puntare sulla mobilità elettrica”

di mobilita

Presentata a Palazzo Vecchio la Carta Metropolitana sull’elettromobilità. L’assessore Giorgetti fa il punto degli interventi e dei progetti fiorentini “Firenze ha sempre creduto sulla mobilità elettrica. È stata una delle prime città ormai oltre 20 anni fa a fare i primi investimenti e anche oggi stiamo puntando molto su questo tipo di mobilità. Abbiamo una rete diffusa di colonnine di ricarica, una flotta di 70 taxi elettrici con sei postazioni di ricarica fast-charge dedicate e due gestori di car sharing con veicoli esclusivamente a batteria. E abbiamo intenzione di continuare su questa strada per avere sempre più una mobilità verde”. È quanto ha dichiarato  il sindaco Dario Nardella a margine della tappa fiorentina di e_mob 2018 in cui è stata presentata la Carta metropolitana dell’elettromobilità . L’evento, promosso in vista della  “2° Conferenza Nazionale della Mobilità Elettrica”, è stata l’occasione per fare il punto sugli interventi e i progetti di Firenze in questo settore.  “Continueremo sulle linee di intervento già consolidate - ha aggiunto l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti - tra cui l’ulteriore sviluppo della rete di colonnine di ricarica anche prevedendone la realizzazione a scomputo degli oneri di urbanizzazione con la possibilità che gli impianti di ricarica possano essere considerati come opere di urbanizzazione secondarie. Il prossimo passo è la logistica e l’obiettivo quello di avere il trasporto merci in centro esclusivamente con mezzi a impatto zero”.  Tornando alla Carta Metropolitana dell’elettromobilità è un documento guida ideato durante e_mob 2017 con l’obiettivo di coinvolgere ed educare città e comuni verso una mobilità più sostenibile. Firenze è tra le cinque città promotrici (con Milano, Bologna, Torino e Varese) insieme alla Camera di Commercio di Milano, A2A, CLASS onlus, cobat, Gruppo HERA, Enel, ITAS assicurazioni. Da gennaio di quest’anno quattro gruppi di lavoro hanno approfondito i cinque punti della Carta che corrispondono ad altrettante linee di intervento per  la diffusione della mobilità elettrica in ambito urbano. Ovvero offrire al consumatore valide motivazioni per il cambiamento culturale; accelerare lo sviluppo di una rete di ricarica accessibile al pubblico; ampliare la possibilità di ricarica negli immobili residenziali e aziendali; dare un forte impulso allo sharing con mezzi elettrici; stimolare l’introduzione di mezzi elettrici nei segmenti di mobilità con maggior efficacia e praticabilità. Il “cuore” di e_mob 2018 è la ricaduta concreta sul territorio della “Carta metropolitana della mobilità elettrica” che dopo la firma dei cinque comuni promotori è stata inviata ai comuni con più di 20.000 abitanti e già sottoscritta da oltre 100 comuni. La Carta rappresenta quindi lo strumento di indirizzo strategico che i sottoscrittori intendono perseguire per attuare le politiche sulla mobilità sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2018

FIRENZE | Partono i lavori di messa in sicurezza del Ponte Vespucci

di mobilita

Prendono il via oggi i lavori propedeutici alla messa in sicurezza del pilone 'scalzato' di Ponte Vespucci. Si tratta di lavori programmati da tempo e già affidati a luglio, che si svolgeranno in due fasi: la prima da settembre a novembre, la seconda in primavera. I lavori si sono resi necessari perchè la pila sinistra del ponte è risultata, ad esami approfonditi anche subacquei, 'scalzata' dalla corrente dell’Arno. Il cantiere prevede il divieto di sosta sul lato destro in direzione San Frediano dalle 9 del 28 agosto alle 20 del primo settembre. Saranno effettuati sondaggi a carotaggio continuo per l'esatta ricostruzione stratigrafica del terreno e per il prelievo di campioni tramite una macchina perforatrice che raggiungerà una profondità di circa 15 metri sotto il letto del fiume. Tale indagine servirà alla realizzazione del palo elicoidale di prova che è stato scelto nel progetto di risanamento delle fondazioni della pila. Si prevede di realizzare circa 100 pali ampliando la platea di fondazione della pila stessa. Il cantiere prevede un costo complessivo  un milione e 450 mila euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ago 2018

FIRENZE | Primo appuntamento con il “Tram-tour”

di mobilita

Alla scoperta delle bellezze di Firenze lungo il percorso della linea T1 Leonardo della tramvia. Sali sulla tramvia, scendi alla fermata Leopolda e sei al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, da Alamanni – Stazione attraversi e puoi visitare il complesso di Santa Maria Novella e dalla fermata Strozzi in pochi passi si raggiungono i sotteranei della Fortezza da Basso. Sono solo alcune delle tappe del "Tram – tour": un insolito itinerario cittadino in tramvia alla scoperta di luoghi affascinanti, ma spesso poco visitati di Firenze. Ieri si è tenuto il primo appuntamento dell'iniziativa. L'assessore al Turismo Cecilia Del Re ha accompagnato un gruppo di 25 persone lungo le tappe del "Tram - tour". Obiettivo raccontare il percorso della nuova linea T1 Leonardo attraverso visite guidate ai luoghi di interesse situati in prossimità delle fermate (raggiungibili in meno di 15 minuti a piedi dalla relativa fermata). "Abbiamo lanciato questa iniziativa a poco più di un mese dall'inaugurazione della linea T1 che collega Scandicci a Careggi, per mostrare come questa importante infrastruttura possa essere un utile mezzo di trasporto anche per i nostri turisti, ma soprattutto uno strumento per conoscere nuovi luoghi di Firenze – ha detto l'assessore al Turismo Del Re – . Un nuovo modo per andare alla scoperta delle bellezze della nostra città, di una Firenze più insolita e meno battuta dai classici flussi turistici, ma che ha davvero tanto da raccontare. In pochi giorni sono arrivate quasi 300 domande per partecipare al 'Tram-tour', sono felice di vedere che tanti nostri concittadini hanno risposto a questa iniziativa. Per chi è rimasto fuori, programmeremo nuovi appuntamenti". Prima tappa dell'iniziativa la visita al Centro Rogers (fermata Resistenza a Scandicci), presente anche l'assessore al Turismo di Scandicci Fiorello Toscano, poi al Maggio Musicale Fiorentino (fermata Leopolda), dove il sovrintendente della Fondazione Cristiano Chiarot ha accolto i visitatori. A seguire visita al complesso di Santa Maria Novella (fermata Alamanni – Stazione), alla Fortezza e ai suoi sotterranei (fermata Strozzi) e ultima tappa Villa Fabbricotti (fermata Muratori – Statuto). Le tappe del tour sono state scandite da approfondimenti storici, artistici e culturali sulla città . L'itinerario, insieme a tanti altri percorsi, è disponibile sull'App ‘Florence Tube’.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 ago 2018

FIRENZE | Parere tecnico favorevole per il Masterplan dell’aeroporto Amerigo Vespucci

di mobilita

La giunta di Palazzo Vecchio ha espresso parere favorevole al masterplan dell’aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze presentato da Toscana Aeroporti. L’ok è arrivato nel corso dell’ultima seduta ed è subordinato all’adempimento di alcune prescrizioni. L’atto dovrà poi passare all’esame del Consiglio comunale, come richiesto dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti nella nota di convocazione alla conferenza dei servizi del prossimo 7 settembre. La pronuncia di compatibilità ambientale da parte del ministero dell’Ambiente era arrivata il 28 dicembre 2017. Il Comune di Firenze, con la delibera di oggi, prende atto dei contenuti del parere tecnico espresso sul masterplan, sulla base della documentazione trasmessa da Enac. L’area di coordinamento tecnica e la direzione generale hanno redatto il parere in un unico documento, comprensivo dei pareri espressi dalla direzione Urbanistica, dalla direzione Ambiente e dalla direzione Nuove infrastrutture e mobilità. In merito alle prescrizioni nel documento si ricorda, tra l’altro, che fin dall’approvazione del piano strutturale il Consiglio comunale di Firenze si era espresso favorevolmente rispetto alla riqualificazione dell’aeroporto con una pista orientata come quella oggi prevista nel masterplan. Il parere prevede altresì alcune raccomandazioni/prescrizioni e/o verifiche in tema di mobilità. Tutto ciò anche in considerazione dell’adeguamento dello svincolo di Peretola, della circolazione su viale Guidoni e viale XI Agosto e del previsto prolungamento della pista ciclabile di via Perfetti Ricasoli fino all’intersezione con viale XI Agosto. Sempre in tema di ciclabilità, si chiede di realizzare il collegamento fra l’attuale pista di via Pratese e la viabilità principale dell’intervento aeroportuale. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 lug 2018

FIRENZE | Lunedì 16 luglio via al tram Villa Costanza – Careggi Ospedale

di mobilita

Parte lunedì 16 luglio la nuova linea della tramvia T1 Leonardo, che non farà più capolinea alla stazione Santa Maria Novella ma proseguirà nel nuovo tratto fino all’ospedale di Careggi. L’inaugurazione ufficiale è prevista alle 9.30 davanti al nuovo ingresso di Careggi, ma la prima corsa partirà regolarmente alle 5.38 da De Andrè, con transito ad Alamanni Stazione alle 5.55 e arrivo a Careggi alle 6.18.T1 Per le prime due settimane, il servizio nel tratto stazione SMN-Careggi sarà gratuito. La linea T1 Leonardo collegherà Villa Costanza a Careggi Ospedale con un tempo di percorrenza di 40 minuti. I chilometri della linea sono 11,5 e le fermate 26. La frequenza sarà di 4 minuti e 20 secondi e le corse 500 al giorno. Si stimano 20 milioni di passeggeri all’anno, una riduzione di CO2 pari a 12.500 tonnellate all’anno e 9.300 auto in meno in strada ogni giorno. Da sabato 21 luglio verranno introdotte importanti modifiche al trasporto pubblico locale su gomma gestito da Ataf Linea, e integrare quest’ultimo con la T1 Leonardo.   In particolare nascono 4 nuove linee (33-51-55-C4), altre cambiano percorso (2-8-13-14-17-20-23-24-28-40-43-48-49-59) e altre ancora vengono soppresse perché migliorate e ampliate o sostituite dalla Tramvia (4-54-60-81-85-D-R). Il Comune spedirà a casa di ogni nucleo famigliare residente, circa 190 mila, un opuscolo con tutte le informazioni; saranno distribuiti flyer alle fermate della tramvia e ai principali interscambi dei bus, con personale della Protezione Civile che fornirà informazioni sulle modifiche delle linee.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 lug 2018

FIRENZE | Agevolazioni abbonamenti Ataf per studenti

di mobilita

Per gli studenti e le studentesse fiorentine gli abbonamenti del trasporto pubblico non aumenteranno con l’entrata in vigore del nuovo sistema tariffario regionale. Il Comune ha stanziato 1 milione di euro per coprire questa differenza di costo. Per gli studenti appartenenti a famiglie con ISEE inferiore a 12.500 euro il costo dell’abbonamento rimarrà a 150 euro. Per gli altri il costo resterà a 185 euro, come nel precedente tariffario. Per gli studenti e le studentesse dell’ Università degli Studi di Firenze invece il costo dell’abbonamento sarà incluso nelle tasse universitarie. Dal  novembre 2018 al 31 ottobre 2019, infatti, in via sperimentale, la “Carta dello studente universitario” varrà anche come titolo di viaggio per tutti i mezzi pubblici urbani dell'area fiorentina. Come ottenere il beneficio. A partire dal 1° settembre 2018gli interessati potranno chiedere il rimborso direttamente ad Ataf presentando un modulo che verrà messo a disposizione sui siti del Comune (www.comune.fi.it) e dell’azienda di trasporto (www.ataf.net). Con quel modulo e con la certificazione ISEE, Ataf  effettuerà un bonifico dell'importo che verrà coperto per i propri residenti dal Comune di Firenze. A partire dal 1° gennaio 2019 chi rinnoverà l'abbonamento o chi lo stipulerà ex novo pagherà la cifra già scontata del contributo del Comune.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

FIRENZE | Ecco come cambieranno le linee Ataf con le nuove linee tranviarie

di mobilita

Il Comitato Tecnico (Comune di Firenze, Città Metropolitana, Regione Toscana, One scarl e Ataf), ha approvato il nuovo assetto delle linee urbane, ed in parte di quelle extraurbane, che effettuano il servizio all’interno dell’area fiorentina.  Il riordino sarà attuato in due fasi: la prima con l’avvio della Linea 3 della tramvia (come è comunemente chiamata quella che è di fatto il prolungamento della Linea 1 da Santa Maria Novella a Careggi) e la seconda con la Linea 2 (piazza dell’Unità-Peretola). Le linee interessate alle modifiche sono 45 su un totale di 94, di cui 27 dopo la partenza della Linea 3 della tramvia. A queste se ne aggiungeranno altre 18 quando sarà messa in esercizio la Linea 2 della tramvia. Le principali modifiche: Linee Ataf modificate alla messa in esercizio della Linea 3 tramvia (prolungamento Linea 1) La linea 14 sarà interrotta all’altezza della stazione SMN, manterrà il collegamento con Girone e non raggiungerà più Careggi. Le linee 28 e 2, che collegano la zona centrale di Firenze con Sesto e Calenzano, saranno intensificate ed attestate a Piazza Dalmazia all’altezza della fermata del tram. La linea 8 effettuerà un nuovo percorso: Nave a Rovezzano–Strozzi per l’interscambio con la tramvia. La linea 23 vedrà soppressa la diramazione per la Nave a Rovezzano, mentre sara mantenuta quella per Sorgane (23 A) e istituita una nuova per Bagno a Ripoli–Croce a Varliano (23 B). Le linee 31 e 32, prevedono un incremento di servizio, per il 32 in direzione dell'Ospedale Santa Maria Annunziata. Per la linea 33 si realizzerà il nuovo collegamento Rifredi Fs Vasco De Gama – Morgagni tramvia con due diramazioni, la A per il Meyer e la B per Niccolò da Tolentino. La linea 4 sarà soppressa e verrà sostituita con la linea 55, con collegamento tramvia Cascine–Puccini–tramvia Novoli–tramvia Statuto Fs–Poggetto.   Linee Ataf modificate alla messa in esercizio della Linea 2 La linea 29, non collegherà più l’area dell’Osmannoro con il centro di Firenze, ma diventerà una linea trasversale che metterà in comunicazione l’Osmannoro e la stazione ferroviaria di Rifredi incrociando la linea 2 tramvia a Novoli. La linea 30 incrocerà la Linea 2 tramvia su via di Novoli (Palazzi Rossi) e La linea 1 tramvia alla Leopolda La linea 7 raggiungerà l’area della stazione SMN attestandosi su largo Alinari La linea 57 sarà estesa fino a Calenzano. La linea 59 (Polo scientifico di Sesto) rimarrà il collegamento con Rifredi Fs (lato Vasco de Gama) e sarà prolungata fino a via Santo Stefano in Pane per l’interscambio con la tramvia e il nuovo collegamento con il Polo universitario di viale Morgagni. Le linee 31 e 32 saranno prolungate  fino a viale Strozzi, lato Piazzale Montelungo, con transito da viale Lavagnini-viale Strozzi. Linea 16, sarà istituita questa nuova linea circolare fra piazza Leopoldo-piazza di San Jacopino - piazza Puccini, con transito da via Maragliano per dare un collegamento del quartiere con la linea 2 tramvia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

FIRENZE | Completato il pre-esercizio della linea tranviaria 3, a giorni la messa in esercizio

di mobilita

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine dei lavori del Consiglio metropolitano, ha affermato che è stata completato il pre-esercizio della linea 3 e che potrebbe entrare in esercizio anche da domani. "Ci è stato comunicato da Gest che è ritenuto sufficiente il lavoro di esercizio a vuoto, ovvero l'ultima parte di pre-esercizio per assicurare la piena funzionalità della tramvia". "Da oggi, praticamente, siamo pronti a partire con la Linea 3 in ogni momento. Per quanto riguarda il lavoro del Comune, dei tecnici e del gestore siamo a posto. Pronti a partire anche domani mattina. Abbiamo fiducia nella commissione ministeriale, però non sta a noi indicare il giorno. L'importante comunque e' partire. Ora non ci sono più ostacoli. Dopodiché, per quanto riguarda la data esatta, dobbiamo aspettare il timbro della commissione tecnica, questo l'ultimo passaggio burocratico". Foto di copertina Sevy Vallarelli

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2018

FIRENZE | Tramvia, l’Amministrazione incontra i cittadini

di mobilita

Parte martedì 26 giugno l’iniziativa d'informazione sul tema della nuova mobilità pubblica di Firenze, dal titolo: Tramvia e nuove linee Autobus. Maratone informative sul trasporto pubblico a Firenze. Quattro incontri in cui l’Amministrazione esporrà ai cittadini i cambiamenti e le prospettive della nuova mobilità, alla luce della prossima entrata in funzione dei due nuovi percorsi della tramvia: la prosecuzione della linea T1 da Santa Maria Novella a Careggi e la nuova linea T2 dall’Aeroporto a Santa Maria Novella. Questa rivoluzione comporterà la revisione di 37 linee di autobus e l’introduzione di nuove linee di trasporto urbano che permetteranno di collegare punti di interesse della città alle linee della tramvia. Gli incontri pubblici seguiranno la metodologia delle maratone dell’ascolto organizzato. Dopo una prima fase di presentazione del piano di mobilità pubblica, seguirà un approfondimento per gruppi di lavoro, moderato e condotto da facilitatori professionisti, alla presenza dei tecnici dei trasporti. In questo ambito sarà possibile porre le proprie domande e richieste di approfondimento Il programma 26 giugno, ore 17.30 presso il Palazzetto dello Sport in via Taddeo Alderotti 24 27 giugno, ore 21 presso EX3 in viale Donato Giannotti 75-81 4 luglio, ore 18 presso il Centro Sportivo Paganelli in viale Guidoni 208 6 luglio, ore 18 presso il PalaFilarete in via del Filarete 5  L’ iniziativa è aperta a tutti i cittadini, fino ad esaurimento posti. Per segnalare la propria partecipazione scrivere a: ascolto@comune.fi.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 giu 2018

FIRENZE | ‘Lupi di Toscana’, il progetto vincitore del concorso per la riqualificazione dell’ex caserma Gonzaga Lupi

di mobilita

Uno spazio urbano contemporaneo caratterizzato dalla centralità di aree pubbliche, verde e percorsi ciclo-pedonali, con gli edifici che si affacciano sull’asse centrale in un mix di funzioni residenziali, commerciali, sociali e di servizi. È quanto prevede il progetto vincitore del concorso di idee per la riqualificazione e valorizzazione dell’ex caserma Gonzaga Lupi di Toscana, elaborato da Paolo Luigi Poloni di Luino (Varese). Al vincitore andrà un premio di 50mila euro, mentre agli altri sette sarà assegnato un premio di 20mila euro ciascuno per un totale di 190mila euro. Gli altri progetti finalisti sono stati presentati da Fabrizio Rossi Prodi, Pietro Basilio Giorgeri, Romolo Roberto Calabrese, Adolfo Natalini, Emiliano Auriemma, Emanuele Mantrici-Studio Kami e Carlo Terzoli. Il progetto vincitore prevede un lungo percorso nel quale si alternano una serie di spazi pubblici (‘stanze civiche’), che si conclude con la piazza Lupi di Toscana e l’edificio speciale dell’ex palazzina di comando. Il program­ma complessivo comprende 33.500 mq di superficie utile lorda destinato a residenziale (di cui 22mila di Social Housing), 7.500 mq di Sul commerciale, 12mila mq di uffici/terziario/sanitario, 6.500 mq sociale/istruzione/culturale. Sulla base di quanto contenuto nel regolamento urbanistico, i progetti prevedono una percentuale di superficie a destinazione residenziale pari almeno al 60% (con una quota prevalente di housing sociale), mentre il restante 40% riguarda altre destinazioni d’uso, garantendo un adeguato mix funzionale. Come indicato, l’intervento si realizza con la demolizione e ricostruzione dei manufatti esistenti ad eccezione della palazzina Comando notificata come bene culturale e quindi soggetta a restauro. Al concorso, finanziato con un contributo di 260mila euro dall’Agenzia del Demanio, si è giunti a seguito di un percorso di partecipazione ‘Non case ma città 2.0’, che ha visto il coinvolgimento di oltre mille cittadini nella pianificazione dell'area dell’ex caserma e nell’individuazione degli elementi dei quali tener conto nella trasformazione.

Leggi tutto    Commenti 0