Articolo
20 mag 2019

FIRENZE | Nel tunnel della tramvia il primo murales che rilascia ossigeno

di mobilita

Nel tunnel Belfiore della tramvia arriva il primo murales che trattiene anidride carbonica e rilascia ossigeno. Mille metri quadrati di street art lungo la linea 2 con 20 artisti coinvolti tra figurativi e writers della scena fiorentina e non solo. È ‘Urban Graffiti’, il progetto presentato da Multiverso Coworking Network, che ha avuto l’ok della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore alle Politiche giovanili. Da questa notte, gli artisti saranno impegnati nella realizzazione dell’opera, che sarà completata nell’orario di interruzione del servizio tramvia. Secondo l’assessore si tratta di un tributo alle origini della street art, nata proprio sui vagoni della metropolitana di New York: un’opportunità di rilievo internazionale per ricollocare la street art nei suoi luoghi di origine e legare la stagione della street art fiorentina anche al tema ambientale, attraverso l’utilizzo di pitture ecologiche a rilascio di ossigeno. Il progetto, sostenuto anche economicamente dal Comune di Firenze, coinvolge gli street artist fiorentini più attuali, affiancati dai precursori della scena a Firenze e in Italia. A realizzare l’opera saranno 20 artisti tra figurativi e writers: Ninjaz, Leonardo Borri, Mr. G, Urto, Fone, Blu 2530, James Boy, Exit Enter, Zeus, Skim, Edf Crew, Rame Edf, Umberto Styla Edf, Nico Bruchi Edf; Kein, Mille, Tapes, Rusto, Swan. Tra gli artisti ‘storici’ coinvolti Toxic, JC e Zero T. Gli interventi saranno realizzati nelle notti tra il 20 e il 23 maggio, compatibilmente con gli orari di interruzione del servizio della tramvia. Saranno utilizzate pitture ecologiche di marchio italiano che trattengono l’anidride carbonica e rilasciano ossigeno. Le pitture coloreranno il tunnel Belfiore, ad esclusione dei 14 metri lineari sotto Palazzo Mazzoni in attesa di nullaosta della Sovrintendenza. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2019

FIRENZE | Cambio viabilità e sosta per via Maragliano

di mobilita

Saranno effettuati nella notte tra stasera mercoledì 15, e giovedì 16 maggio i lavori di modifica dell’intersezione tra viale Redi, via Maragliano e via di Novoli con la realizzazione di un nuovo impianto semaforico. Dalle 21.30 di mercoledì 15 alle 6 di giovedì 16  sarà chiuso viale Redi tra Ponte San Donato e via Monteverdi (direzione piazza Puccini) mentre in via Maragliano scatterà un restringimento di carreggiata ridotta a una sola corsia. Restringimenti anche sul Ponte San Donato tra viale Redi e la rotatoria dove resteranno a disposizione una corsia per senso di marcia. Durante le operazioni di modifica dell’incrocio i veicoli provenienti da via di Novoli e diretti verso piazza Puccini dovranno quindi utilizzare il percorso alternativo viale Redi-via Veracini-via Maragliano-via Boccherini-via Monteverdi e ritorno in viale Redi verso piazza Puccini. Si tratta dell’ultimo tassello della riorganizzazione di viabilità e della sosta in via Maragliano. Da giovedì mattina, grazie agli ultimi lavori, diventerà a senso unico anche il tratto finale, quello da via Doni a viale Redi in direzione del Ponte San Donato. La riorganizzazione dell’incrocio punta ad alleggerire la rotatoria di Novoli, che spesso risulta appesantita per il flusso di veicoli in arrivo dalla direttrice di via Forlanini. Rispetto alla situazione pre-tramvia, infatti, dagli studi effettuati emerge un aumento del numero dei mezzi che utilizzano la direttrice via Forlanini-rotatoria-viale Redi verso piazza Puccini con conseguenti rallentamenti sulla direttrice in ingresso città. Per questo la nuova organizzazione dell’incrocio prevede il via libera senza semaforo per i veicoli che da via di Novoli sono diretti verso piazza Puccini (anche grazie alla già avvenuta eliminazione della fermata dei bus e allo spostamento dell’attraversamento pedonale) con conseguente snellimento della circolazione. Gli altri veicoli potranno continuare a imboccare viale Redi verso il centro. Chi arriva da via Maragliano avrà tre opzioni: svoltare a destra in viale Redi verso il centro, proseguire verso la rotatoria di via di Novoli, svoltare a sinistra in viale Redi verso piazza Puccini con possibilità anche di riprendere la viabilità di quartiere.  Per quanto riguarda la riorganizzazione della sosta, rispondendo alle richieste dei cittadini, da lunedì sono iniziati gli interventi a seguito della soppressione della corsia preferenziale finalizzati alla realizzazione di complessivi180 posti di cui 73 riservati ai residenti, 59 di sosta promiscua (dove i residenti possono sempre parcheggiare) e 42 a rotazione (gratis per i residenti dalle 18 alle 9). Contestuali alla riorganizzazione della sosta sono state attuate alcune modifiche della viabilità in via Maragliano funzionali anche al nuovo percorso della linea 16, in vigore da sabato scorso. In dettaglio via Maragliano viene restituita alla viabilità di quartiere diventando per tratti a doppio senso (da via Doni a via Fontana e da via Tozzetti a piazza San Jacopino) e per tratti a senso unico (da via Tozzetti a via Fontana verso via Fontana) mentre il tratto finale, quello da via Doni a viale Redi, diventerà a senso unico verso Ponte San Donato. La nuova organizzazione dell’incrocio  prevede il via libera senza semaforo per i veicoli che da via di Novoli sono diretti verso piazza Puccini (anche grazie alla già avvenuta eliminazione della fermata dei bus e allo spostamento dell’attraversamento pedonale) con conseguente snellimento della circolazione. Gli altri veicoli potranno continuare a imboccare viale Redi verso il centro. Chi arriva da via Maragliano avrà tre opzioni: svoltare a destra in viale Redi verso il centro, proseguire verso la rotatoria di via di Novoli, svoltare a sinistra in viale Redi verso piazza Puccini con possibilità anche di riprendere la viabilità di quartiere.  Modifica Linea 16. Istituita con l’avvio della T2 Vespucci a servizio del quartiere e come collegamento con le linee tranviarie, da sabato 11 ha cambiato percorso. La modifica, studiata dagli uffici della mobilità di concerto con Ataf, punta a offrire un servizio più funzionale in termini di collegamento e di interscambio con la tramvia dando una risposta alle richieste dei residenti di San Jacopino-via Maragliano. Il nuovo itinerario collega infatti molte zone del quartiere con San Jacopino, San Donato (Centro commerciale e Università) e con le fermate delle due linee tranviarie (per la T2 Vespucci l’interscambio sarà a Ponte all’Asse e Liceo Leonardo Da Vinci, per la T1 Leonardo Leopoldo e Pisacane) in modo più funzionale e comodo. Inoltre sono state scelte viabilità non utilizzate per la circolazione di scorrimento e ridotti al minimo gli attraversamenti delle linee tranviarie in modo da garantire una maggiore regolarità del servizio.  Dal 19 maggio la linea 68 che collega i borghi di Peretola, Quaracchi e Brozzi alla T2 Vespucci effettuerà servizio anche sabato e domenica, rispetto all’attuale in funzione solo nei giorni feriali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2019

FIRENZE | A nuovo il giardino di via Salvi Cristiani

di mobilita

Si presenta completamente rimesso a nuovo il giardino di via Salvi Cristiani, l’area antistante la scuola Santa Maria a Coverciano dedicata al tempo libero e ad attività mercatali.  Gli interventi, dal costo complessivo di 100 mila euro, hanno riguardato il rifacimento dei cordonati a delimitazione delle aiuole verdi, la sostituzione di quattro pini con cinque lecci, la semina del prato e la realizzazione di un impianto di irrigazione a goccia a servizio delle alberature. Per quanto riguarda gli arredi, il giardino è stato dotato di tredici panchine ottenute restaurando le esistenti. Le parti pavimentate sono state completamente riasfaltate per eliminare ammaloramenti e irregolarità. A servizio dell’area sono stati installati nuovi cestini per i rifiuti e un cartello informativo. Tutti gli alberi della zona sono stati monitorati e potati. L’assessore all’ambiente ha ricordato negli ultimi 5 anni la riqualificazione di 23 tra giardini e piazze per una superficie complessiva di 513 mila metri quadrati e un investimento di 3,4 milioni di euro: dal giardino di Borgo Allegri a quello di via Maragliano, da piazza Santa Maria Novella a Santo Spirito, dal giardino della Stazione a piazza della Libertà, da piazza Elia Dalla Costa agli spazi verdi di viale dei Bambini e villa Vogel. A breve partiranno i lavori per costruire due nuove aree giochi alle Piagge (dove ne sono previste in totale 11 nuove), e per la bonifica dei giardini di via Schiff. Fonte foto di copertina: o55Firenze

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 apr 2019

FIRENZE | In arrivo nuovi murales in complessi residenziali e nei sottopassi della tramvia

di mobilita

Dopo le emozioni del grande murale dedicato a Mandela, che è ormai simbolo di un’intera area del #Quartiere5, sono stati individuati nuovi spazi e progetti artistici per dare alla street art il posto che merita nella nostra città. Lo splendido lavoro di Jorit in piazza Leopoldo ha reso evidente quanto questo tipo di interventi possa trasformare delle pareti di complessi residenziali in vere e proprie opere d’arte.  Le prossime realizzazioni riguarderanno i condomini di edilizia residenziale pubblica di via Rocca Tedalda numeri 267, 371 e 409 (Quartiere 2), via Benedetto Croce 24 (Quartiere 3), piazzetta San Sepolcro 7 e viale Canova 114 (Quartiere 4).  Altri murales verranno allestiti in alcuni sottopassi della tramvia. In particolare saranno ‘colorati’ d’arte: le superfici interne della trincea tra il viale Belfiore (palazzo Mazzoni) e la fermata Redi; le superfici interne della trincea tra via Allori e il capolinea aeroporto; il sottopasso tra viale Talenti e viale Foggini.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2019

FIRENZE | Riapertura pedonale del ponte Vespucci

di mobilita

Domani 13 aprile alle ore 10 il Ponte Vespucci sarà riaperto al transito pedonale. Il passaggio pedonale sarà garantito in corrispondenza del marciapiede a monte come accaduto durante le precedenti fasi lavorative. Un mese fa, all’avvio della fase attuale delle lavorazioni (iniezioni di malta cementizia all’interno dello strato di ghiaia in cui sono infissi i pali di fondazione), gli uffici avevano precauzionalmente chiuso il ponte al transito pedonale. In queste settimane la struttura è stata sottoposta a un monitoraggio h24 e dalle analisi è emerso che la struttura non presenta particolari reazioni alle sollecitazioni derivanti dall’intervento in corso e per questo è stato deciso di procedere alla temporanea riapertura ai pedoni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2019

FIRENZE | Florence Bike Festival, un grande villaggio della bici dal 12 al 14 aprile alle Cascine

di mobilita

Il prossimo fine settimana nella zona delle Cascine torna il Florence Bike Festival, un grande villaggio della bici, dove conoscere e testare le ultime novità, assistere a spettacolari bike ride, prendere parte ad attività per appassionati, sportivi, famiglie. Una mostra esposizione quindi ma anche la nuova edizione della Granfondo Firenze De Rosa, gara ciclistica che anche quest’anno prenderà il via, domenica 14, da piazzale Michelangelo. Provvedimenti di mobilità legati al Florence Bike Festival: Sono già in vigore i divieti di sosta e transito in viale Lincoln e in piazza Vittorio Veneto (tra l’Arno, viale Lincoln e la corsia di uscita dalla piazza in direzione di Ponte alla Vittoria). Da domani a domenica sera si aggiungerà il divieto di sosta su via del Fosso Mancinante (lato numeri civici pari da via Berio e l’ingresso del Velodromo). Inoltre dalle 4 di domani sarà istituito anche un divieto di transito in piazza Vittorio Veneto (lato aiuola centrale nel tratto adiacente a via Berio compreso tra viale degli Olmi e viale Fratelli Rosselli) con revoca delle fermate del Tpl extraurbano che saranno spostate fino a domenica sera in viale degli Olmi (lato ippodromo del Visarno). Numerosi i provvedimenti disposti per lo svolgimento della Granfondo. Dalla mezzanotte alle 10 di domenica saranno in vigore i divieti di sosta nel piazzale Michelangelo, viale Michelangelo, viale Galileo (tra via San Leonardo e il piazzale) e via del Campofiore (tra lungarno Colombo e il numero civico 4).  Dalle 6 alle 9.30 si aggiungeranno i divieti di transito: fino alle 8 sono previste deroghe per i mezzi Ataf e fino alle 8.15 per quanto riguarda viale Michelangiolo anche per i veicoli diretti e in uscita dall’ex Iot, i mezzi dei frontisti, quelli diretti e in uscita da attività ricettive della zona e quelli provenienti da via San Miniato al Monte per la sola corsia discendente verso via Marsuppini. Ulteriori deroghe, fino alle 10, per il viale Galileo sono previste per i veicoli provenienti da via San Leonardo in uscita verso piazzale Galileo e per i mezzi dei frontisti compresi quelli di via Giromontino. Per quanto riguarda la gara, dalle 8.30 per consentire il trasferimento dei partecipanti scatterà il divieto temporaneo di transito sull’itinerario piazzale Michelangiolo-viale Michelangiolo-Ponte San Niccolò-lungarno del Tempio-via del Campofiore-piazza Alberti-cavalcavia dell’Affrico-via Lungo l’Affrico-viale Righi-piazza Edison (inizio gara)-via di San Domenico per raggiungere il confine comunale. I partecipanti rientreranno sul territorio fiorentino a fine gara percorrendo viale Togliatti e via Salviati dove è stato collocato il traguardo. Previsti provvedimenti di circolazione anche nelle strade laterali lungo le aree interdette: dalle 8.15 alle 16 scatteranno divieti di circolazione con deroghe per i mezzi diretti ai passi carrabili o in sosta sulla strada Per allestire la zona dell’arrivo in via Salviati dalle 4 alle 18 di domenica saranno in vigore divieti di sosta e transito nel tratto viale Togliatti-via Bolognese (deroga per i mezzi di soccorso diretti all’ospedale di Careggi). Dalle 10 si aggiungeranno anche i divieti di transito in viale Togliatti nella corsia di collegamento sinistra con provenienza confine comunale e direzione via Salviati lato via Bolognese, mentre sull’intero tratto sono previsti divieti di sosta e senso unico verso via Faentina. Senso unico anche in via Salviati, da via Togliatti a via Faentina (lato Badia Fiesolana). Ancora dalle 10 alle 16 sono previsti divieti di transito per i mezzi superiori ai 7,5 tonnellate in piazza delle Cure e viale Volta (nella corsia in direzione via Firenzuola). Deroga per i soli mezzi di soccorso con corsa limitata alla stazione ferroviaria Salviati.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 apr 2019

FIRENZE | Giovedì 4 aprile torna la ztl estiva notturna

di mobilita

Come previsto infatti dal disciplinare integrato che raccoglie tutte le regole della zona a traffico limitato fiorentino, la ztl notturna estiva scatta il primo giovedì di aprile per terminare la prima domenica di ottobre. Il divieto sarà in vigore le sere del giovedì, venerdì e sabato (dalle 23 alle 3 del giorno successivo) e per tutelare il rispetto dei divieti saranno riattivate le porte telematiche poste ai confini della ztl. Predisposti inoltre controlli assidui e specifici della Polizia Municipale. Come consueto sono interessati tutti i settori della ztl diurna, ovvero A, B e O cui si aggiungono i settori G e F validi solo per il provvedimento estivo. Si tratta rispettivamente delle aree di piazza Cavalleggeri-lungarno della Zecca Vecchia-piazza Piave e di quella dell’area di San Niccolò. A causa del senso unico in vigore in viale Poggi in direzione via dei Bastioni la porta telematica posta sulla stessa via non può essere attivata: per questo sarà sospesa la ztl in una piccola porzione, da via dei Bastioni verso il viale dei Colli. In dettaglio si tratta delle strade del settore F comprese all’interno del seguente perimetro: via dei Bastioni (tratto via Ser Ventura Monachi-viale Poggi escluso), viale Poggi (escluso), viale Galilei (tratto viale Poggi-via San Leonardo, escluso), via San Leonardo (tratto viale Galilei-Schiaparelli inclusa), via Schiaparelli (inclusa), via San Leonardo (tratto via Schiaparelli-Costa San Giorgio inclusa), via di Belvedere (inclusa).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mar 2019

Ernest Airlines annuncia nuove rotte dall’Italia per Tirana

di mobilita

La compagnia aerea italiana Ernest Airlines è lieta di annunciare l’inizio delle operazioni sulle nuove rotte dall’Italia per Tirana. Dal 31 marzo infatti, Tirana sarà raggiungibile anche da Roma Fiumicino e da Genova con il nuovissimo A320, denominato David che è il quarto aeromobile che si aggiunge alla flotta (per il 2019 è previsto l’ingresso in flotta di 2 ulteriori A320 e di altri 5 nel 2020). Inoltre a partire dal 31 maggio, saranno operative le rotte da Bari e Ancona per Tirana, cui si aggiungeranno Firenze e Rimini dal mese di giugno. In questo modo saranno serviti nel 2019 ben 12 aeroporti italiani. L’incremento di rotte verso Tirana dall’Italia rappresenta per Ernest Airlines un consolidamento importante quale vettore aereo di riferimento, con un load factor dell’85% principalmente composto da passeggeri etnici ma non solo. Ernest Airlines ha trasportato 370.000 passeggeri nel 2018 da e per Tirana e conta, con l’estate 2019, di accrescere il traffico sui propri voli del 50%. Ilza Xhelo, Chief Commercial Officer di Ernest Airlines ha commentato: “puntiamo ad offrire la maggior mobilità possibile andando ad espanderci in modo capillare su più aeroporti, offrendo un servizio di alta qualità a bordo, con una flotta giovane e moderna in continua crescita, con staff esperto e che si dedica con il cuore alla soddisfazione e alla sicurezza dei nostri passeggeri”. Per quanto riguarda l’Ucraina, la compagnia annuncia oggi anche il reinserimento nella pianificazione estiva, a partire dal 14 giugno, del volo Venezia-Lviv nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì. Ernest Airlines nel 2019 diventa la Compagnia Leader sul mercato Italia-Ucraina, con 40 frequenze settimanali attuali per Kiev, Lviv, Kharkiv e recentemente designata anche per i voli Roma Fiumicino-Odessa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2019

Il tour italiano di Aptis, l’autobus elettrico al 100% di Alstom, parte da Firenze

di mobilita

Aptis, il bus 100% elettrico da Alstom, arriva in Italia per essere presentato al pubblico italiano, dopo Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Germania.  Il tour italiano di Aptis inizierà da Firenze, dove è stato presentato oggi nella splendida cornice della Basilica di Santa Maria Novella. Partirà quindi per un tour di prova in sei città italiane da marzo a maggio. Dario Nardella Sindaco di Firenze, Vincenzo Ceccarelli Consigliere per i Trasporti della Regione Toscana, Michele Viale Amministratore delegato di Alstom in Italia e Stefano Bonora Amministratore delegato di ATAF Gestioni, società del gruppo Busitalia, partner tecnico del tour di Firenze, erano presenti al conferenza di lancio e ha preso parte al viaggio panoramico attraverso il centro città a bordo di Aptis " Siamo orgogliosi di iniziare il tour italiano di Aptis da Firenze, una città attenta alla mobilità sostenibile. Aptis è un autobus elettrico ispirato al mondo dei tram e consente ai passeggeri di sperimentare un comfort unico a bordo. Speriamo che gli abitanti e i turisti di Firenze abbiano l'opportunità di apprezzare questo innovativo e-bus, che circolerà gratuitamente nelle strade della città "- ha affermato Michele Viale, Amministratore Delegato di Alstom in Italia. Aptis sarà in servizio passeggeri nel capoluogo toscano, a titolo gratuito, per 13 giorni e sarà gestito in collaborazione con ATAF. Coprirà 7 diversi circuiti, dal centro alla periferia. I passeggeri potranno esprimere il loro apprezzamento per l'esperienza di viaggio votando a bordo e sui social media con selfie e messaggi per Aptis sull'account Twitter: @Aptis_Alstom. Dal momento che il prototipo è stato presentato a marzo 2017, più di 40.000 chilometri sono stati coperti in condizioni operative reali da quattro veicoli di prova in Europa. Queste prove hanno permesso di testare le caratteristiche di Aptis, ispirate al tram, in un nuovo contesto, le sue prestazioni di inserimento, la sua capacità di autonomia e il suo sistema di assistenza alla guida. Aptis, un autobus ispirato al mondo del tram, offre un'esperienza di comfort unica per i passeggeri. I pianali ribassati in tutto il veicolo e le ampie porte doppie consentono flussi fluidi dei passeggeri e un facile accesso a sedie a rotelle e passeggini. Le finestre panoramiche sul lato anteriore e posteriore del bus forniscono il 20% di superfici vetrate in più rispetto a un autobus convenzionale, oltre a un'area lounge sul retro. Aptis ha vinto il premio Innovation alla fiera Busworld nel 2017. Alstom ha appena ricevuto il primissimo ordine per 12 Aptis, ciascuno lungo 12 metri e dotato di tre porte, dalla compagnia di trasporti di Strasburgo CTS in Francia. Ti potrebbero interessare: Primo successo commerciale per Aptis di Alstom a Strasburgo FIRENZE | Partirà il 22 marzo il tour di prova del bus elettrico Alstom-Aptis

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
19 mar 2019

FIRENZE | Partirà il 22 marzo il tour di prova del bus elettrico Alstom-Aptis

di mobilita

Partirà da Firenze, con una presentazione ufficiale prevista per il 22 marzo 2019, il tour di prova del bus tutto elettrico Alstom-Aptis. Aptis è stato concepito fin dall'inizio come un nuovo veicolo progettato per affrontare le imminenti sfide della mobilità urbana, derivanti dalla lunga conoscenza di Alstom nei veicoli elettrici.  Questa esperienza è illustrata da batterie elettriche montate sul tetto che possono essere ricaricate durante la notte nel deposito, offrendo 6 ore di autonomia operativa. Ma possono anche essere ricaricati nello spazio di 5 minuti alla fine di ogni linea, o anche opportunisticamente alle fermate degli autobus utilizzando la comprovata tecnologia di ricarica rapida SRS di Alstom. Offre un pianale ribassato su tutta la lunghezza del veicolo (unico per gli autobus), Aptis dispone di tutti i beni di accessibilità di un tram, come le tre porte doppie su entrambi i lati per facilitare l'imbarco e la discesa. La sua disposizione interna modulare consente di adeguare le esigenze nel tempo.  I passeggeri beneficiano di una vista panoramica grazie al 20% di superfici vetrate in più rispetto a un bus convenzionale e la trazione elettrica di Aptis elimina virtualmente rumori e vibrazioni nel veicolo. Una delle caratteristiche uniche di Aptis sono le sue quattro ruote orientabili, rispetto alle due su un normale bus. Ciò lo rende più manovrabile: occupa il 25% di spazio in meno sulle curve stradali e richiede meno spazio libero prima di una fermata dell'autobus, lasciando ad esempio due lunghezze di macchina in più per il parcheggio in strada. E poichè può allinearsi perfettamente con il bordo del marciapiede, i passeggeri con mobilità ridotta, passeggini e sedie a rotelle hanno un accesso più facile. Aptis è anche disponibile per le autorità di trasporto in una gamma di opzioni di proprietà, estendendosi fino a una soluzione completa che combina veicoli, manutenzione e fornitura di energia per un'integrazione ottimizzata in qualsiasi rete di città. Tutto in Aptis è stato progettato tenendo conto del costo totale di proprietà. Basata sulla solidità dei tram Citadis di Alstom, i veicoli hanno una durata prevista di 20 anni. Beneficiano di costi di manutenzione ridotti, grazie al sistema di alimentazione facilmente accessibile sul tetto e solo quattro pneumatici anziché sei su autobus convenzionali. Nel complesso, Aptis costa più o meno come un autobus diesel, ma ha una vita più lunga e offre un approccio più pulito, più moderno e accessibile.

Leggi tutto    Commenti 0