Articolo
21 feb 2018

VENEZIA | Apertura viabilità laterale del Ponte dell’Accademia

di mobilita

Sono state aperte le due passerelle laterali che permetteranno ai pedoni attraverso un senso unico, sul lato destro e sinistro, di poter attraversare il Ponte dell’Accademia.  “Oggi è una giornata importante per Venezia – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, in sopralluogo al cantiere di restauro - perché potranno iniziare i lavori nella parte centrale dell’opera con la rimozione della pavimentazione, dei 165 gradini e dei parapetti, intervenendo sulla struttura metallica per poi ricoprire nuovamente i gradini in legno. Fino a questo momento si è lavorato nella zona inferiore al ponte scoprendo tutte le parti e portando a nudo l’acciaio per verificare quale fossero le condizioni tolta la ruggine". Il restauro, che dovrà garantire la manutenzione, la durabilità e l'accessibilità del secondo ponte eretto sul Canal Grande dopo quello di Rialto, avverrà con la sostituzione degli elementi degradati e delle parti lignee deteriorate e l'inserimento di elementi distanziatori per salvaguardare le sezioni più difficilmente sostituibili. L’importo dei lavori è di 1.300.000 euro, finanziato da una donazione di privati pari a 1.700.000 milioni di euro, così come già avvenuto per il restauro del Ponte di Rialto realizzato grazie al contributo di un'altra realtà imprenditoriale, che sta consentendo di restituire alla città patrimoni storici artistici e architettonici di grande importanza. “Stiamo rispettando esattamente il crono programma dei lavori, iniziati ad ottobre. Anche dal punto di vista della viabilità – continua l'assessore – il cantiere non sta creando particolari difficoltà. Oggi per garantire che il flusso pedonale non subisse intoppi, due agenti della Polizia locali hanno indirizzato il transito delle persone. Soluzione che verrà adottata anche nei prossimi giorni nei momenti più critici delle giornate, come ad esempio alla fine delle lezioni di scuola con l’uscita degli studenti almeno fino a quando non ci abitueremo. Il termine dei lavori con la riapertura del Ponte dell'Accademia è previsto per il mese di giugno".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 feb 2018

VENEZIA | La città lagunare aderisce alla campagna “M’illumino di meno”

di mobilita

Il Comune di Venezia anche quest’anno aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e sulla mobilità sostenibile "M'illumino di Meno" che si terrà il 23 febbraio prossimo giorno in cui, simbolicamente, verrà festeggiato il "compleanno" del Protocollo di Kyoto. L’iniziativa, giunta alla sua 14. edizione è stata ideata da Caterpillar, storico programma radiofonico in onda su Radio2. “Dalle ore 18 di venerdì 23 febbraio – commenta l’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin - anche Venezia, aderendo alla campagna “M’illumino di Meno”, spegnerà le luci dei suoi “simboli”. Resteranno al buio, compatibilmente con questioni di sicurezza, Piazza San Marco, Piazza Ferretto, i palazzi istituzionali dell’Amministrazione comunale come Ca’ Farsetti, Ca’ Loredan e la sede del Municipio di Mestre in Via Palazzo e, quest’anno, anche le installazioni luminose che abbiamo voluto creare a Marghera per ricordare il centenario della sua fondazione. Si spegneranno così, per quella notte, le luci che illuminano i serbatoi delle bioraffinerie Eni, il ponte Bossi, la torre dell’acquedotto e il faro Ramses II. Non potevamo non dare anche quest'anno il nostro sostegno all’iniziativa – continua De Martin - visto il tema che farà da filo conduttore all’edizione 2018: dedicare quella giornata alla bellezza di camminare e di andare a piedi, per ricordare simbolicamente che sotto i nostri piedi c'è la terra e per salvarla è necessario cambiare passo ed incentivare una delle forme più salutare di mobilità sostenibile, non può che trovarci favorevoli. L'invito, quindi, è di spegnere le luci e di andare a piedi – conclude De Martin - perché anche da questi piccoli gesti possiamo dare un segnale di amore e di rispetto per la nostra terra”. L’obiettivo dell'iniziativa è raccontare best practice in ambito di risparmio energetico da parte di istituzioni, comuni, associazioni, scuole, aziende e singoli cittadini, promuovendo la riflessione sul tema dello spreco di energia, che si può evitare con interventi strutturali, ma anche con semplici accorgimenti che ogni singolo individuo può mettere in pratica. Anche per questo motivo, il Comune di Venezia ha invitato le scuole ad aderire all'iniziativa attraverso varie attività, come il pedibus e un incremento dell'educazione fisica, per camminare, correre e andare in bicicletta non solo nel tragitto casa-scuola, ma anche nel resto della giornata. L’obiettivo è quello, impegnandosi a contare i passi percorsi, di offrire il proprio contributo alla missione nazionale di raggiungere la Luna a piedi percorrendo in tutta Italia 555 milioni di passi entro la notte del 23 febbraio.  Alcune scuole hanno già manifestato interesse per l'iniziativa, tra cui la scuola primaria Querini che ha proposto di organizzare un pedibus per tutta la scuola. All'iniziativa aderisce, anche quest’anno, la Fondazione Musei Civici di Venezia spegnendo le luci di 7 sedi museali (Palazzo Ducale, Museo Correr, Casa Goldoni, Ca’ Rezzonico – Museo del settecento Veneziano e Museo di Storia Naturale e Ca’ Pesaro- Galleria Internazionale d’Arte Moderna). Di seguito il decalogo di M’illumino di Meno 1. Spegnere le luci quando non servono 2. Spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici 3. Sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria 4. Mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola 5. Se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre 6. Ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria 7. Utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne 8. Non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni 9. Inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni 10. Utilizzare l’automobile il meno possibile, condividerla con chi fa lo stesso tragitto. Utilizzare la bicicletta per gli spostamenti in città

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 feb 2018

Ernest Airlines presenta le nuove destinazioni Europee 2018

di mobilita

In occasione della Borsa Internazionale del Turismo a Milano, Ernest Airlines, la compagnia aerea con sede a Milano e base operativa a Milano Malpensa, annuncia il lancio delle sue nuove destinazioni Europee a partire dalla stagione estiva 2018. Le principali novità riguardano l'inizio delle operazioni sui mercati Europei di Spagna e Romania, l'introduzione di nuove destinazioni dall'Italia verso l'Ucraina e l'incremento delle frequenze verso l'Albania. Per quanto riguarda la Spagna la grande novità è l'apertura del volo di linea Milano Bergamo-Ibiza che sarà operato dal 22 giugno 2018 con tre voli settimanali (venerdi, sabato e domanica) e con orari serali molto comodi, ideali per tutti coloro che vogliono recarsi nell'isola delle Baleari per turismo o divertimento sfruttando al massimo il weekend. A partire dal 21 giugno 2018, la Romania andrà ad aggiungersi ai mercati operati da Ernest Airlines, collegando Genova con Bucarest con due frequenze settimanali (lunedi e venerdi), Verona con Bucarest con tre frequenze settimanali (lunedi, mercoledi e venerdi), Verona con Iasi con tre frequenze settimanali (lunedi, mercoledi e sabato) e Cuneo con Iasi con due frequenze settimanali (giovedi e domenica). Ernest Airlines continua l'espansione del proprio network dall'Italia verso l'Ucraina con l'apertura di tre nuove destinazioni che vedono collegare Milano Malpensa  e Roma Fiumicino con Lviv e Bologna con Kiev, aggiungendosi così alle cinque destinazioni ucraine già servite da Milano Bergamo e da Napoli per Lviv e Kiev e da Venezia con Lviv. Il vettore italiano conferma ed incrementa la propria presenza con i voli verso l'Albania aumentandone la frequenza durante la stagione estiva, andando così ad offrire collegamenti bi-giornalieri da Milano Malpensa per Tirana  e sei frequenze settimanali da Pisa per Tirana. Si confermano inoltre tutti i collegamenti da Milano Bergamo, Bologna, Verona e Venezia per la capitale albanese. Il collegamento Cuneo-Tirana partirà da giugno 2018 con due frequenze settimanali (venerdi e domenica). "Ibiza è la novità assoluta 2018 del network di Ernest Airlines poichè indica l'apertura di qyesta givane e fiorente compagnia aerea italiana ai mercati europei e al segmento prettamente leisure" dice Iiza Xhelo Chief Commercial Officer di Ernest Airlines "Questo dimostra la flessibilità di una compagnia aerea giovane e dinamica quale è Ernest Airlines, sempre pronta a rispondere alle esigenze del mercato e a soddisfare i propri passeggeri con un servizio di qualità e prezzi accessibili a tutti. Il nostro core busines è e continuerà ad esserlo il mercato etnico da e per l'Italia, al quale riserviamo sempre  più collegamenti e servizi dedicati come ad esempio il sito internet  e il call center che sono disponibili anche nella lingua madre dei paesi in cui Ernest Airlines opera" Iiza Xhelo aggiunge: "La qualità dell'intero prodotto Ernest Airlines e l'attenzione ai piccoli dettagli che soddisfano i nostri passeggeri saranno fattori determinanti anche per l'affermazione delle nuove destinazioni e dei nuovi mercati". Tutti i voli saranno operati con la moderna flotta di Ernest Airlines composta da quattro aeromobili Airbus A320/319 durante il 2018. Le nuove destinazioni saranno operate tutto l'anno, fatta eccezione del collegamento Milano Bergamo-Ibiza che sarà servito su base stagionale. I biglietti saranno in vendita a partire dai prossimi giorni sia sul sito www.ernestairlines.com sia al call center al numero +39 02 897 30 660 e presso le migliori agenzie di viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 feb 2018

VENEZIA | Per l’evento “Volo dell’Angelo” previste nuove misure di sicurezza

di mobilita

In ottemperanza alle recenti normative sulla sicurezza, la capienza di posti in Piazza San Marco in occasione dell’evento di domenica 4 febbraio, il “Volo dell’Angelo”, non potrà essere superiore a 20.000 persone - numero di gran lunga inferiore alle presenze dello scorso anno (40.000 persone). Allo scopo, di favorire l’accesso allo spettacolo dei residenti e dei turisti soggiornanti a Venezia, si è concordato di anticipare l’orario di inizio dell’avvenimento alle ore 11. Il Comune di Venezia, attraverso la società Vela, ha programmato contemporaneamente al Volo dell’Angelo lo svolgimento di ulteriori eventi nei principali campi per coloro che non potranno assistere allo spettacolo di Piazza San Marco. Si invitano, pertanto, coloro che si troveranno impossibilitati a raggiungere Piazza San Marco per assistere al Volo dell’Angelo ad approfittare delle innumerevoli altre possibilità di svago o di approfondimento culturale della città, riservando eventualmente al pomeriggio la visita di Piazza San Marco. Un particolare richiamo d’attenzione viene, inoltre, rivolto alle famiglie con bimbi nei passeggini, in considerazione della possibilità che una situazione di affollamento potrebbe determinare delle difficoltà nella mobilità. L’Amministrazione comunale assicura che fornirà costanti notizie sulla situazione in atto, tramite aggiornamenti sui canali ufficiali di comunicazione del Carnevale di Venezia, tradotti in più lingue. Confidando nel senso di responsabilità dei cittadini veneziani non interessati al Carnevale e che potranno subire disagi da quello che è comunque un vanto e una bellezza di questa straordinaria città, si forniscono di seguito alcune indicazioni di servizio: inizio del volo: ore 11.00 (anticipato di un’ora rispetto al tradizionale orario delle ore 12.00); dalle ore 7.00 verranno attivate i dispositivi di security e safety in Piazza San Marco per i necessari controlli e per la predisposizione delle misure e degli apparati di sicurezza; all’interno delle Piazza sarà previsto un congruo numero di moduli di esodo, appositamente segnalati e presidiati, per garantire il regolare deflusso delle persone; verrà mantenuto un corridoio centrale di sicurezza, con l’individuazione di un’area di decompressione e di una zona dedicata alle persone con disabilità; il conteggio delle persone verrà effettuato da specifici addetti dotati di palmari, per cui, una volta raggiunto il limite massimo di capienza stabilito, verrà disposta la temporanea chiusura degli accessi alla Piazza, con l’attivazione delle deviazioni del flusso pedonale individuate e adeguatamente pubblicizzate; verrà costituito un posto di comando avanzato, quale cabina di regia, per il coordinamento degli interventi, in situazioni di emergenza; saranno presenti 200 operatori delle Forze dell’Ordine, 250 della Polizia Locale, 60 del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, 100 stewards, 40 unità del personale sanitario del SUEM e della Croce Verde, 40 della Protezione Civile al fine di predisporre una cornice di massima sicurezza, atta a garantire il regolare svolgimento dell’evento e la tutela delle persone per un numero complessivo di 690 persone impiegate. Verranno, infine, potenziati i servizi di navigazione e automobilistici di Actv. Venezia, 31 gennaio 2018 Press Release Carnevale di Venezia: “The Flight Of The Angel” on Sunday the 4th of  February in Saint Mark’s Square, security regulations by the Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica  Following the recent security regulations, the capacity of Saint Mark’s square during the event of the “Flight of the Angel” on Sunday February 4 will not exceed the number of 20.000 people, a number by far inferior to last year's attendance (40.000). It has been decided to advance the schedule of the event to 11 am, in order to facilitate the access to the event to residents and tourists. The municipality of Venice, through the company Vela, has organized some simultaneous events to the “Flight of the Angel” for those who will not be able to attend the show in Saint Mark’s Square. These events will take place in the other main squares of the city. Therefore, those who will not be able to reach Saint Mark’s Square to attend the “Flight of the Angel” will be offered various opportunities of entertainment and cultural enrichment. This is particularly important for families with children in prams, considering the possibility of overcrowded passageways leading to mobility difficulties. The City Administration assures that it will constantly update the visitors on the current situation. The information will be transmitted by the Carnevale di Venezia communication official channels and translated in several languages. We believe in the sense of responsibility of those Venetian citizens who are not interested in the Carnival and who might experience some inconveniences during that time. Nevertheless, it should be remembered that Carnival is a pride and a beauty of this extraordinary city. Following is some service information: Start of the “Flight”: 11 am (advanced by one hour in comparison to the traditional schedule of 12 pm); Starting from 7 am security and safety devices will be activated in Saint Mark’s Square to ensure control and security measures, inside Saint Mark’s Square there will be an appropriate number of exits marked and guarded in order to guarantee a controlled outflow of people; a central corridor will be maintained for security matters, with a special area of decompression and another zone dedicated to people with disabilities; the counting of people will be carried out by staff with digital devices who will notify in case  maximum capacity is reached and a temporary closure of the Square's accesses will be required. Meanwhile an easily identified deviation of the foot traffic will be activated  and adequately published; in case on an emergency situation a control position will be installed in the control room to coordinate the actions; 200 policemen, 250 local police units, 60 fire department members, 100 stewards, 40 units of medical staff from SUEM and Green Cross and 40 units of the civil protection department will be present. This will provide a system of maximum security involving a total number of 690 people to guarantee a regulated implementation of the event and the safety of those attending.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 gen 2018

VENEZIA | Istituito un gruppo di lavoro interistituzionale sul Mose

di mobilita

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il decreto per l’istituzione - decisa in accordo con il presidente di Anac, Raffaele Cantone, e il Prefetto di Roma, Paola Basilone - di un gruppo di lavoro interistituzionale, al fine di acquisire elementi informativi e valutazioni sulla gestione dei finanziamenti stanziati per la realizzazione degli interventi per la salvaguardia della Laguna di Venezia. Il gruppo di lavoro è formato da esperti di comprovata esperienza, capacità e professionalità delle tre istituzioni: il generale della Guardia di Finanza Cristiano Zaccagnini, Ufficiale di collegamento presso l’Anac,  Michelangelo Lo Monaco, Segretario generale in distacco presso la Prefettura di Roma, e Alberto Chiovelli, Capo Dipartimento per i trasporti al Mit. Il gruppo di lavoro potrà avvalersi per lo svolgimento dell’attività del Servizio Alta Sorveglianza sulle Grandi Opere del Mit, potrà acquisire ogni elemento utile e adottare ogni iniziativa idonea per l’assolvimento dei propri compiti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 gen 2018

VENEZIA | Al via i festeggiamenti del Carnevale con la Festa sull’acqua

di mobilita

A dare il via all'edizione 2018 del Carnevale di Venezia sarà anche quest'anno il tradizionale appuntamento con la Festa dell'acqua, in programma sabato 27 gennaio, a partire dalle ore 18, in Rio di Cannaregio, che per l'occasione si trasformerà in un vero e proprio palcoscenico. Ad incantare il pubblico sarà il suggestivo spettacolo di immagini e musiche acquatiche "VeCircOnda", un titolo che lega la città di Venezia con il Circo, tema prescelto per lo show, e con l'acqua su cui la città nasce e vive. Per raccontare tutto questo, Wavents si affiderà virtualmente all’occhio di Federico Fellini, grande estimatore della magia circense, che nelle sue pellicole ha raccontato questo mondo. Sarà infatti proprio Fellini a entrare in scena a Cannaregio, set cinematografico, che si comporrà pezzo dopo pezzo sotto gli occhi del pubblico. Una dopo l’altra sfileranno le attrazioni classiche del circo di inizio Novecento: il carosello dei cavalli, il carrozzone della soubrette, l’acrobata, i clown, gli animali esotici, fino a culminare nella grande attrazione finale, che sarà una sorpresa per tutti. Lo spettacolo, gratuito, sarà poi replicato alle ore 20. Gli organizzatori invitano chi vuole assistere allo spettacolo ad arrivare con un adeguato anticipo e a posizionarsi lungo le Fondamenta del Rio di Cannaregio. Si sconsigliano le zone di maggiore affollamento a chi ha ridotte capacità motorie, a chi utilizza carrozzine o passeggini, ecc. Potranno essere istituiti sensi unici o altre modifiche alla viabilità pedonale. La Festa veneziana sull'acqua proseguirà poi domenica 28 gennaio con il corteo acqueo delle Associazioni remiere e i percorsi enogastronomici con le specialità veneziane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 gen 2018

GENOVA | Un Frecciarossa collegherà Genova con Venezia

di Roberto Lentini

Dal prossimo 27 febbraio, per la prima volta, un Frecciarossa arriverà nella stazione di Genova. Questo è stato reso possibile grazie al nuovo contratto di servizio firmato la scorsa settimana tra la Regione Liguria e Ferrovie Italiane. Oltre al Frecciargento per Roma, che viene confermato, dal 27 febbraio si aggiungerà quindi il Frecciarossa per Milano e Venezia con un treno che partirà verosimilmente da Genova intorno alle sette, in un'ora e venti sara' a Milano e in tre ore a Venezia. "Si andra' direttamente da Genova a Venezia,  E' un ottimo treno, ci porta nell'era moderna delle ferrovie, fa sbarcare l'ammiraglia della flotta Fs nelle stazioni di Genova e prelude ai piu' ampi fasti delle ferrovie non appena il Terzo Valico verra' aperto" Ti potrebbe interessare: REGIONE LIGURIA | Firmato il contratto di servizio con Trenitalia

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 gen 2018

VENEZIA | Approvato il progetto definitivo per un nuovo pontile a servizio taxi in fondamenta dei Vetrai a Murano

di mobilita

La Giunta comunale, riunitasi ieri, martedì 16 gennaio, ha approvato, su proposta dell'assessore ai Lavori Pubblici Francesca Zaccariotto, una delibera che approva il progetto definitivo relativo a lavori di realizzazione di un nuovo pontile di imbarco-sbarco di persone a servizio taxi in fondamenta dei vetrai a Murano. Nello specifico l’intervento, inserito nel Programma triennale delle opere pubbliche per un importo complessivo di 110.000 euro finanziato con fondi della Legge Speciale, prevede la realizzazione, oltre che di un pontile con tettoia in acciaio dalle dimensioni di 1,2 metri di larghezza, 2,5 metri di lunghezza e 2,4 metri di altezza, con una copertura a doppia falda di color blue. I parapetti della tettoia saranno in larice a protezione delle rampe sul canale. La scaletta di salita per la sicurezza sarà in acciaio e posizionata in testa del pontile nel punto più basso. “Dopo i 500 mila euro che il sindaco Luigi Brugnaro aveva promesso alla cittadinanza nell’assemblea pubblica dello scorso 7 dicembre proprio a Murano per la Palestra Leo Perziano approvati dalla Giunta lo scorso 19 dicembre – commenta Zaccariotto - ieri abbiamo dato il via libera alla risoluzione di un altro annoso problema. Ulteriori 110 mila euro destinati all’Isola che, finalmente, serviranno per dare una risposta concreta alle istanze dei suoi residenti, realizzendo un pontile coperto dove non solo attraccheranno i taxi ma anche tutti coloro che hanno bisogno di salire e scendere in fondamenta in sicurezza".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 gen 2018

Torino – Milano – Venezia: Italo collega il Nordest

di mobilita

Dal 1° maggio Italo porterà i suoi viaggiatori sulla linea Torino – Milano – Venezia che collegherà il Nord Est in poco più di 3 ore. Per festeggiare insieme ai suoi viaggiatori l’apertura delle vendite, Italo ha lanciato una promozione dedicata con biglietti a soli 9,90€ su alcune di queste tratte. Le tre Regioni interessate sviluppano quasi il 40 per cento del PIL nazionale e la domanda ferroviaria espressa in passeggeri chilometri  sulla direttrice Torino-Milano-Venezia è di circa 2 miliardi, una delle tratte a più grande potenzialità nel panorama italiano (Stima TRA consulting). Approdando su questa linea Italo implementerà il proprio network garantendo nuovi collegamenti: lungo la trasversale Torino – Milano – Venezia ci saranno infatti anche le fermate intermedie di Brescia, Desenzano (servizio attivo a partire da Giugno 2018), Peschiera del Garda, Verona, Vicenza, Padova e Mestre, portando i suoi viaggiatori nel cuore delle città servite. In questo modo città già servite da Italo saranno collegate fra di loro, ad esempio Milano con Venezia, una tratta frequentata costantemente sia dalla clientela business che da quella leisure. In meno di 2 ore e mezza si può viaggiare in massimo confort fra queste due città agevolando gli spostamenti dei numerosi i viaggiatori che si muovono per affari fra il capoluogo lombardo e quello veneto; altrettanto numerosi sono i turisti che si immergono prima nella capitale della moda e poi raggiungono Venezia per visitare una città unica nel suo genere. Così facendo Italo collegherà la dorsale Napoli – Torino alla trasversale Torino – Venezia: ad esempio chi parte da Verona oltre a raggiungere città come Firenze o Roma ora potrà anche andare a Venezia o Milano. Il network Italo, che lungo tutta Italia intercetta il 71% della popolazione, è così in grado di unire i diversi nodi ferroviari, unendo il Paese, offrendo ai viaggiatori nuove possibilità di spostamento ed aprendo nuovi interessanti scenari di mercato. L’arrivo di Italo su questa rotta rafforza inoltre i collegamenti già esistenti: come quelli fra Milano e Torino. Dagli attuali 18 viaggi giornalieri si arriverà a 26 servizi al giorno, garantendo una copertura oraria pressoché completa in tutte le fasce della giornata. In più ci saranno delle new entry come Desenzano, Peschiera del Garda e Vicenza. Oltre a facilitare gli spostamenti degli abitanti locali e di chi viaggia per lavoro, Italo mette a disposizione i propri treni anche ai turisti che frequentano queste località, consentendo di visitare il Duomo e il Castello di Desenzano, gli scavi romani e il laghetto del Frassino (inserito dall’UE fra i Siti di Importanza Comunitaria, SIC) a Peschiera, e la Cattedrale di Santa Maria Annunciata o la Basilica dei Santi Fortunato e Felice a Vicenza (patrimonio dell’UNESCO grazie a quanto ereditato dal lavoro dell’artista Andrea Palladio). I servizi, a partire dal 1° maggio, saranno 6 al giorno, numero che crescerà progressivamente nei mesi successivi per arrivare ai 14 collegamenti quotidiani dal 1° luglio 2018. Italo in questo modo risponde alle esigenze di un territorio con una forte domanda di mobilità, offrendo una nuova e comoda soluzione di viaggio che può ben integrarsi alle esigenze degli utenti che oggi spesso devono utilizzare il proprio mezzo per spostarsi fra un punto e l’altro dell’area del Nord Est. Basti pensare che partendo da Milano Centrale sarà possibile raggiungere Brescia in soli 37 minuti, Verona in un’ora e 14 minuti e Venezia Santa Lucia in 2 ore e 25 minuti. “L’apertura delle nuove tratte sulla trasversale del nord-est è una notizia che ci riempie di orgoglio perché con un treno eccezionale, modernissimo, tecnologico e made in Italy , il nostro Italo EVO, serviamo, con una strategia di forte sviluppo, una parte d’Italia in grande crescita non solo per il settore business ma anche per quello del turismo, collegandola alla dorsale Napoli-Torino su cui già corre Italo” afferma il Presidente di Italo, Luca Cordero di Montezemolo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 gen 2018

VENEZIA | E’ attiva da oggi l’app “DaAaB” che integra i mezzi pubblici regionali

di mobilita

E' attiva da oggi “DaAaB”, la prima “google app” in Italia in grado di integrare tutti i mezzi pubblici regionali, sia per quanto riguarda la consultazione di orari e la ricerca di coincidenze e tragitti, sia per l'emissione unificata del biglietto, raggruppando in un'unica piattaforma le aziende di Trasporto pubblico locale. La presentazione di questa vera e propria “rivoluzione 4.0” della mobilità si è tenuta questa mattina a Ca' Farsetti: sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Venezia e della Città Metropolitana di Venezia, Luigi Brugnaro, l'assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Elisa De Berti, il direttore di Confservizi Veneto, Nicola Mazzonetto, e il professor Fabio Carrera, che ha coordinato il gruppo di lavoro. Erano presenti inoltre la vicesindaco Luciana Colle e gli assessori comunali Paola Mar, Francesca Zaccariotto e Michele Zuin, nonché il presidente di Confservizi Veneto, Massimo Bettarello, e i presidenti delle aziende di Trasporto pubblico locale partner del progetto (Avm Holding, Actv, Alilaguna, Atvo, Mom e Atv). “La cosa più bella è il team di ragazzi che ha lavorato all'applicazione – ha subito messo in rilievo il sindaco Brugnaro nel suo intervento -: il fatto che idee nuove e voglia di rischio imprenditoriale trovino luogo a Venezia, dà davvero il metro di quanto si possa ripartire da qui e di come ci stiamo impegnando a farlo, come Amministrazione, ponendo le condizioni affinché progetti innovativi funzionino. Ai giovani diciamo, venite qui, credete nel nostro territorio perché ci sono le possibilità di ripartire”. “DaAaB” è infatti nata a Venezia, su coordinamento del professor Carrera - che ha coinvolto un team di giovani per la maggior parte di origini veneziane e venete, oppure divenuti veneziani d'adozione - e con la collaborazione internazionale di universitari del Mit di Boston, di sviluppatori della Silicon Valley e di ricercatori del Santa Fe Institute, in una sorta di “fuga di cervelli” al contrario. “Si tratta di un'idea semplice – ha continuato poi Brugnaro– aperta, che semplifica la vita ai cittadini e che a noi interessa estendere ulteriormente alla mobilità privata, affinché si arrivi ad un'integrazione completa delle varie forme di trasporto su tutto il territorio. E' importante infine vedere questa 'app' come una grande opportunità rispetto al turismo, che va razionalizzato e sfruttato nel modo giusto, offrendo servizi utili, ma anche di conoscenza del territorio”. Gratuita, multilingue (è attiva anche in cinese) e “open”, “DaAaB” è un'applicazione “inter-operabile”, che sfrutta una tecnologia d'avanguardia basata sui sistemi adattivi complessi, che sono da anni oggetto di ricerca degli istituti statunitensi coinvolti. Il progetto ha preso avvio nel 2014 con la sperimentazione avvenuta in Atvo nel Veneto Orientale: sono stati effettuati test che hanno coinvolto già 2000 utenti, per un totale di 1 milione di ricerche svolte. Per quanto riguarda l'opzione di consultazione degli orari, funziona in tutto il mondo, dato che utilizza lo standard Gtfs sviluppato da Google Maps; per la sua funzione di acquisto di biglietto è estendibile a livello nazionale ed estero, dato che è compatibile con tutti i lettori di codici, monitora le operazioni in tempo reale e include l'importante funzione di conoscere i flussi. “Il nostro obiettivo più ampio a livello di Regione – ha dichiarato l'assessora De Berti – è arrivare al biglietto unico. A noi interessa davvero che i sistemi siano compatibili con le tecnologie usate finora dalle singole aziende di Trasporto pubblico locale, che hanno investito nella digitalizzazione della bigliettazione fin dal 2004 e che giustamente non vogliono veder vanificato il lavoro fatto fin qui. Con questa 'app' dimostriamo che il Veneto non è solo un'eccellenza nella sanità e nel turismo, ma anche nella mobilità. Puntiamo sempre di più sull'inter-modalità e l'integrazione dei mezzi di trasporto, perché vogliamo riuscire a convincere quanti usano i mezzi privati per muoversi a sostituirli con quelli pubblici”. “DaAaB è un app modulare che ci farà arrivare al biglietto unico – ha continuato in merito Mazzonetto– perché capace di mettere insieme tutte le piattaforme delle diverse aziende di Trasporto pubblico locale. L'altro aspetto importante di questo progetto è poi che è stato sviluppato nel settore pubblico, a dimostrazione di come e quanto funziona”. “Quello che ci proponiamo ora di fare è di creare a Venezia 10 nuove start up da 10 persone ognuna – ha spiegato infine il professor Carrera, ringraziando quanti hanno reso possibile il progetto e in particolare il consigliere delegato all'Innovazione e Smart City, Luca Battistella –: vogliamo infatti sviluppare ulteriormente il 'made in Venice', mettendo in campo competenze per cercare e proporre soluzioni alle problematiche che la città affronta, perché desideriamo contribuire al suo ripopolamento, partendo dal lavoro qualificato per i giovani”. E i giovani sviluppatori di “DaAaB” sono: Nicola Musolino (veneziano dell'Angelo Raffaele), Andrea Scarpa (veneziano di Pellestrina), Andrea Toffanello (milanese), John Mink (vicentino), Michele Montanari (padovano), Piero Toffolo (veneziano di Cannaregio), Sarah Puccio (palermitana), Paolo Corposanto (veneziano del Lido), Alessia Rizzo (vicentina), Ane Pina (di San Sebastián nei Paesi Baschi), Alice Corona (veneziana del Lido) e Giulia Pasqual (di Montebelluna), che hanno lavorato sotto la guida di Tommaso Minelli (veneziano).

Leggi tutto    Commenti 0