Articolo
12 mag 2020

Trenitalia sottoscrive Accordo Quadro per i servizi AV in Spagna

di mobilita

In data 11 maggio 2020, il consorzio ILSA, composto da Trenitalia e Air Nostrum, ha sottoscritto l’Accordo Quadro con ADIF, il Gestore dell’Infrastruttura ferroviaria spagnola, per la gestione dei servizi Alta Velocità nelle tratte Madrid - Barcellona, Madrid - Valencia/Alicante e Madrid - Malaga/Siviglia. La firma arriva a seguito dell’aggiudicazione avvenuta lo scorso 27 novembre 2019 e del via libera dell’autorità spagnola per il mercato e la concorrenza. L’inizio del servizio commerciale è previsto per gennaio 2022 e avrà durata decennale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2020

Firmato Accordo Quadro fra Regione Sardegna e RFI

di mobilita

Modifica dell’attuale gestione della rete e avvio di nuovi investimenti e progetti che porteranno a un aumento del 15% del volume dei servizi in Sardegna. Sono le principali novità a cui guarda l’Accordo Quadro siglato tra la Regione e RFI (Gruppo FS Italiane). Previste, rispetto alla situazione attuale, la velocizzazione dei servizi lungo la dorsale Cagliari - Olbia/Sassari, con l’obiettivo di portare i tempi di percorrenza tra Oristano e Chilivani a 57 minuti, e l’aumento della frequenza dei servizi da/per l’Iglesiente, con un treno ogni 30 minuti nel tragitto Cagliari -Iglesias/Carbonia. Le stazioni saranno rese sempre più accessibili e verrà incentivata l’integrazione con altre modalità di trasporto. Previsti, inoltre, investimenti per il miglioramento della linea esistente e la creazione di nuovi collegamenti e stazioni. Si va dal raddoppio della linea Villamassargia-Decimomannu, al potenziamento delle infrastrutture tra S. Gavino e Ozieri/Chilivani, fino alla realizzazione del collegamento tra Aeroporto di Olbia e Olbia città e la nuova fermata di interscambio tra la linea regionale Sassari - Alghero e la Chilivani - Sassari - Porto Torres. Tutta la rete sarà adeguata ai più recenti e innovativi sistemi tecnologici. “La Regione Sardegna – ha affermato il presidente della Regione Christian Solinas - si avvale da oggi, e per la prima volta, di un importante strumento tecnico che nel breve periodo permette di definire con RFI il miglior utilizzo della capacità attuale della rete ferroviaria sarda e nel contempo disegna il modello dei servizi futuri consentendo di programmare nel medio e lungo periodo gli interventi di sviluppo e potenziamento delle infrastrutture ferroviarie nell’isola”. L’impegno sottoscritto riveste una particolare rilevanza anche perché consente a RFI di individuare i fabbisogni da destinare, nell’ambito della sottoscrizione dei Contratti di Programma col Ministero dei Trasporti le risorse specifiche che interessano la realizzazione delle infrastrutture e dei servizi individuati per la Sardegna. “Stiamo realizzando gli impegni di dotare la Sardegna di una rete efficiente e moderna di trasporto su rotaia, nonché di potenziare i servizi per rendere competitivo il nostro sistema di trasporti", ha sottolineato l’assessore dei Trasporti Giorgio Todde.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 nov 2019

FNM, nuovi treni a media capacità per il servizio ferroviario regionale

di mobilita

FNM S.p.A. e Alstom hanno sottoscritto l'Accordo Quadro per la fornitura di treni a media capacità per il servizio ferroviario regionale. La firma fa seguito all'aggiudicazione alla stessa Alstom della gara indetta da FNM nel 2017, in base a quanto stabilito dal programma di acquisto di nuovi treni – 176 in totale - approvato e finanziato con 1,6 miliardi di euro da Regione Lombardia. PRIMO CONTRATTO APPLICATIVO - Contestualmente alla firma dell'Accordo Quadro, FERROVIENORD, società controllata al 100% da FNM, ha sottoscritto con Alstom il primo contratto applicativo per 31 convogli per un importo complessivo di 193.750.000 euro. La consegna dei primi treni è prevista nei primi mesi del 2022. CONTENUTI ACCORDO QUADRO – L'Accordo Quadro prevede la possibilità, entro 8 anni, di acquistare altri 30 treni (fino dunque a un massimo di 61). E' incluso nell'intesa anche il servizio di manutenzione programmata di primo livello e di manutenzione correttiva per atti vandalici ed eventi accidentali, nonché la fornitura della scorta tecnica. PRINCIPALI CARATTERISTICHE – Si tratta di convogli mono piano, bidirezionali, a composizione bloccata, a trazione elettrica 3 kV. Questi alcuni dei principali dati tecnici. Lunghezza (metri) 84,2 Numero casse 4 Posti a sedere 263 Posti totali 518 Velocità massima (km/h) 160 Accelerazione 0-60 km/h (m/s²) 0,89 Toilette 2 TECNOLOGIE, SICUREZZA E ACCESSIBILITÀ – Sul fronte tecnologie e sicurezza, da segnalare, tra le altre dotazioni, la presenza di: illuminazione LED, Wi-Fi, prese 220V e USB, sistema informazione a passeggeri, telecamere interne, laterali e frontali, misuratore energia, conta-persone, telediagnostica da remoto. I convogli saranno inoltre dotati del sistema di bordo SCMT/ERTMS, che garantisce i migliori standard di sicurezza europei. L'accessibilità è resa agevole dalla presenza di pedane automatiche per l'incarrozzamento. BENEFICI AMBIENTALI E COMFORT - Rispetto alla flotta attuale, è stata stimata una riduzione del 30% dei consumi di energia. Molto elevato inoltre il ricorso a materiali riciclabili (indice di riutilizzo pari al 96%). Da sottolineare anche la riduzione di rumori e vibrazioni, il potenziamento del sistema di climatizzazione e l'ampiezza delle aree di seduta e dei corridoi, adatti alle persone a mobilità ridotta. "Con la sottoscrizione di questo terzo Accordo Quadro e del contratto applicativo, dopo quelli per i convogli ad alta capacità e diesel-elettrici – commenta il presidente di FNM Andrea Gibelli – completiamo il quadro delle azioni per il rinnovamento della flotta dei treni, possibile grazie ai finanziamenti e alle indicazioni di Regione Lombardia. I 176 nuovi treni che cominceranno a entrare in servizio a partire dai prossimi mesi garantiranno progressivamente il miglioramento della qualità del servizio in una regione, come la Lombardia che, con i suoi oltre 800.000 passeggeri al giorno, ha un volume di traffico locale pari a un quarto del totale nazionale. Regione Lombardia, in qualità di soggetto regolatore e Trenord, società di gestione del servizio, hanno reso noti quali saranno i criteri per la distribuzione del nuovo materiale rotabile dal 2020 al 2025. Sono i seguenti: numero di posti offerti, linee su cui è in circolazione il materiale più vecchio, linee che necessitano di incremento performance, omogeneità del materiale rotabile sulle singole linee". "Siamo lieti di intraprendere un nuovo viaggio verso un trasporto locale sempre più moderno e sostenibile con FNM. Negli ultimi dieci anni Alstom ha consegnato in Lombardia 44 treni regionali, compresi quelli per il servizio da e per l'aeroporto. I nostri treni spostano ogni giorno migliaia di passeggeri nella regione. La nuova generazione di Coradia Stream rappresenta la migliore soluzione per soddisfare le diverse esigenze e aspettative dei viaggiatori lombardi e dell'operatore. È dotato delle tecnologie più avanzate che garantiscono affidabilità ed economia nella gestione", ha dichiarato Michele Viale, presidente e amministratore delegato Alstom Ferroviaria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 nov 2019

REGIONE LAZIO | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Lazio. Il Piano di sviluppo dei servizi commerciali prevede, in coerenza con l’Accordo Quadro stipulato tra Regione Lazio ed RFI, una serie articolata di azioni, quali: Attivazione del nuovo servizio Vigna Clara - Roma Tiburtina (1 coppia di treni ogni 2 ore nella fase ante chiusura dell’anello nord) Upgrade tecnologico sulla linea FL1 tra Orte e Settebagni che consentirà un distanziamento a 5’ con miglioramento nella regolarità e possibilità di implementare l’offerta nelle ore di punta L’implementazione, nella tratta Roma Tiburtina - Roma Ostiense del nuovo sistema di distanziamento HD-ERTMS che consentirà la programmazione di 14 treni/ora per senso di marcia nelle ore di punta La nuova fermata «Pigneto» sulle linee FL1 e FL3 che garantirà, in corrispondenza della nuova fermata della metro C, le funzioni di interscambio ad un bacino potenziale di utenza di circa 60k abitanti. L’upgrade tecnologico HD-ERTMS nella tratta Roma Termini - Ciampino che consentirà l’aumento della regolarità e, unitamente agli interventi nell’impianto di Ciampino, la programmazione di 12 treni/ora (in luogo degli attuali 8) La nuova stazione di Villa Senni che consentirà di garantire il raddoppio dell’offerta sulla linea per Frascati Il potenziamento, fino alla frequenza di 15’, dei collegamenti FL2 Roma - Guidonia Il potenziamento, con frequenza fino a 30’ dei collegamenti FL8 Roma - Aprilia - Nettuno, con rinforzi nella tratta Roma - Aprilia. Il piano stazioni Nel Lazio sono presenti complessivamente 165 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 88 stazioni medio/grandi presenti sul territorio laziale per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. In linea con le azioni dei progetti Easy e Smart station, tali stazioni saranno coinvolte in vario modo in interventi volti a incrementare la funzionalità ed il decoro, a potenziare l’informazione al pubblico, ad abbattere le barriere architettoniche oltreché a migliorare l’accessibilità al treno. Azioni di piano 2019 - 2023 Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Roma Nell’ambito del progetto di potenziamento tecnologico del Nodo di Roma, sono in corso di realizzazione interventi tecnologici diffusi (tratte Orte - Roma Tiburtina LL/LM, Roma Casilina - Colleferro, Roma Casilina - Nettuno) per il nuovo sistema di regolazione della circolazione dal Posto Centrale di Roma Termini. L’attivazione dei vari moduli avverrà per fasi entro il 2021. Sono inoltre previsti interventi puntuali di velocizzazione e PRG. L’accentramento delle funzioni di regolazione nel Posto centrale di Roma consentirà di incrementare la regolarità della circolazione ambito nodo di Roma; al tempo stesso si otterranno benefici in termini di riduzione delle specifiche di distanziamento ed eliminazione delle limitazioni di esercizio sulle tratte oggetto di specifico upgrading. Il progetto prevede l’upgrading tecnologico della tratta Roma Tiburtina - Roma Ostiense - Cesano di Roma; in particolare gli interventi riguardano l’upgrading del sistema di distanziamento e la realizzazione di un nuovo sistema di supervisione e regolazione; Gli interventi sono in fase di progettazione/esecuzione, con attivazione prevista per fasi. L’intervento consentirà l’eliminazione delle attuali limitazioni di esercizio. Le linee saranno attrezzate con sistemi tecnologici innovativi - alta densità ERTMS L2 - che rendono possibile un distanziamento tra i treni ridotto rispetto alla situazione attuale. Il numero massimo di treni che potranno essere gestiti con garanzia di elevati livelli di regolarità passa dagli attuale 10 - 12 treni/ora per senso di marcia a 16 treni/h, in relazione al livello generale di puntualità dei sistemi afferenti ed alla minore o maggiore omogeneità di velocità commerciali nelle tratte promiscue. Il progetto prevede la realizzazione di una nuova coppia di binari fra Ciampino e Capannelle, realizzata sulla sede esistente costruita negli anni ’80, previa sistemazione e completamento della stessa. La nuova coppia di binari sarà destinata ai traffici della linea per Cassino, mentre la coppia esistente verrà specializzata per instradare i traffici che gravitano sulle linee dei Castelli. Una prima fase di progetto prevede il riassetto della stazione elementare a servizio delle linee dei Castelli (FL4) con l’obiettivo di aumentarne la capacità attraverso l’aumento della possibilità dei movimenti contemporanei in stazione e la velocizzazione degli itinerari. L’attivazione della prima fase di progetto è prevista entro il 2022. Gli interventi sono in fase di progettazione, con attivazione prevista per fasi. L’intervento, prevede in una prima fase l’upgrading tecnologico dell’apparato di stazione. In seconda fase sono previsti interventi di PRG finalizzati ad eliminare le attuali interferenze di esercizio nell’impianto, che verranno completati oltre il 2023. La nuova configurazione della stazione consentirà la specializzazione dei flussi, la riduzione delle interferenze di circolazione nonché l’incremento di capacità nella tratta Roma Tuscolana - Roma Tiburtina, l’upgrading delle funzioni di regolazione della circolazione nella stazione nonché la gestione della circolazione dal centro di coordinamento della circolazione di Roma Termini. Interventi sulla Rete Ferroviaria in Abruzzo Il progetto prevede interventi di upgrading tecnologico degli impianti di linea e di stazione; in particolare la tratta verrà inserita nel nuovo sistema di comando e controllo della circolazione, con gestione dal Posto Centrale di Roma Termini; verranno inoltre realizzati l’upgrade tecnologico del sistema di distanziamento dei treni e interventi ai piani regolatori delle stazioni finalizzati alla velocizzazione negli impianti sede di incrocio, con possibilità di movimenti contemporanei, sottopassi, semplificazioni, upgrading banchine di stazione e rinnovo IaP. Raddoppio Lunghezza - Guidonia La linea Roma - Tivoli è attualmente a doppio binario nella tratta metropolitana Roma - Lunghezza, ed a semplice binario tra Lunghezza e Tivoli. Gli interventi consistono nel raddoppio di circa 10 km di linea tra Lunghezza e Guidonia, con un breve tratto in variante all’interno del quale verrà realizzata la nuova fermata di Bagni di Tivoli. Oltre all’intervento infrastrutturale è previsto l’upgrade tecnologico della linea, con inserimento nel sistema di telecomando del nodo di Roma. Tale progetto consentirà l’estensione del servizio metropolitano fino alla nuova località di Guidonia Collefiorito. Sono previsti inoltre interventi di viabilità e la realizzazione di parcheggi di interscambio a Guidonia Collefiorito ed a Bagni di Tivoli. Potenziamento linee Castelli Romani Dalla stazione di Ciampino, sulla linea Roma - Cassino, si diramano le linee al servizio del bacino dei Castelli Romani (Albano Laziale, Velletri e Frascati). Il progetto prevede in particolare sulla linea per Frascati la realizzazione del nuovo impianto di Villa Senni, l’implementazione di un nuovo sistema di distanziamento, l’adeguamento tecnologico della stazione di Frascati, l’attivazione di un moderno sistema per il comando e controllo centralizzato della circolazione. È previsto inoltre il potenziamento della SSE di Ciampino Nodo di interscambio di Pigneto Il progetto prevede la realizzazione della nuova fermata di Pigneto nella rete ferroviaria metropolitana di Roma, così da creare un nuovo nodo di interscambio tra i treni della relazione FL1 (Fara Sabina - Fiumicino Aer.) e FL3 (Roma Tiburtina - Cesano di Roma) con i servizi della Linea FL4/FL6 Castelli/Cassino. La nuova fermata consentirà un collegamento diretto con la fermata della metro C. Il progetto verrà sviluppato per fasi funzionali che prevedono in un primo momento la realizzazione della fermata sulla Linea Locale tra Roma Tiburtina e Roma Tuscolana, ed in seguito il completamento con la fermata sulla tratta Roma Termini - Roma Casilina (via linea Cassino). Upgrading infrastrutturale e tecnologico e completamento adeguamento prestazionale Direttrice centrale e Direttrice Tirrenica Nord (corridoio TEN-T Scandinavia - Mediterraneo porti Tirreno) Il progetto prevede l’upgrading tecnologico degli impianti di linea e di stazione (ACCM), l’upgrading del sistema di distanziamento della linea (banalizzazione) e interventi puntuali di PRG negli impianti finalizzati alla velocizzazione degli itinerari e all’aumento della capacità di stazione, rinnovo IaP nonché interventi di accessibilità. Il completamento degli interventi verrà realizzato entro il 2024, con attivazioni intermedie già a partire dal 2019. Azioni di piano oltre il 2023 Raddoppio linea Roma - Viterbo: tratta Cesano - Bracciano Sulla relazione Roma - Viterbo (87,75 km), linea a doppio binario tra Ostiense e Cesano (27,64 km) e a semplice binario per la restante parte, insiste esclusivamente un’offerta di servizi di tipo regionale. L’intervento consiste nel raddoppio in affiancamento della tratta Cesano - Bracciano (16 km). Contestualmente sono previsti interventi di tipo puntuale per garantire la velocità massima in linea di oltre 100km/h in rango A e l’upgrade del sistema di distanziamento, nonché interventi presso alcune località di servizio e la soppressione di tutti i passaggi a livello, per velocizzare gli itinerari. Attraverso questa azione di Piano sarà possibile migliorare le prestazioni, l’accessibilità e la capacità della linea, creando le condizioni per incrementare il servizio di tipo metropolitano fino alla stazione di Bracciano. Nodo di interscambio di Pigneto Il progetto prevede la realizzazione della nuova fermata di Pigneto nella rete ferroviaria metropolitana di Roma, così da creare un nuovo nodo di interscambio tra i treni della relazione FL1 (Fara Sabina - Fiumicino Aer.) e FL3 (Roma Tiburtina - Cesano di Roma) con i servizi della Linea FL4/FL6 Castelli/Cassino. La nuova fermata consentirà un collegamento diretto con la fermata della metro C. Il progetto verrà sviluppato per fasi funzionali che prevedono in un primo momento la realizzazione della fermata sulla Linea Locale tra Roma Tiburtina e Roma Tuscolana, ed in seguito il completamento con la fermata sulla tratta Roma Termini - Roma Casilina (via linea Cassino). Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Roma Il progetto prevede la realizzazione di una nuova coppia di binari fra Ciampino e Capannelle, realizzata sulla sede esistente costruita negli anni ’80, previa sistemazione e completamento della stessa. La nuova coppia di binari sarà destinata ai traffici della linea per Cassino, mentre la coppia esistente verrà specializzata per instradare i traffici che gravitano sulle linee dei Castelli. Una prima fase di progetto prevede il riassetto della stazione elementare a servizio delle linee dei Castelli (FL4) con l’obiettivo di aumentarne la capacità attraverso l’aumento della possibilità dei movimenti contemporanei in stazione e la velocizzazione degli itinerari. L’attivazione della prima fase di progetto è prevista entro il 2022. Gli interventi sono in fase di progettazione, con attivazione prevista per fasi. L’intervento, prevede in una prima fase l’upgrading tecnologico dell’apparato di stazione. In seconda fase sono previsti interventi di PRG) finalizzati ad eliminare le attuali interferenze di esercizio nell’impianto, che verranno completati oltre il 2023. La nuova configurazione della stazione consentirà la specializzazione dei flussi, la riduzione delle interferenze di circolazione nonché l’incremento di capacità nella tratta Roma Tuscolana - Roma Tiburtina, l’upgrading delle funzioni di regolazione della circolazione nella stazione nonché la gestione della circolazione dal centro di coordinamento della circolazione di Roma Termini. Gli interventi prevedono il potenziamento tecnologico delle linee Roma - Civitavecchia e Ciampino - Velletri/Albano/ Frascati. In particolare nell’ambito del progetto verranno realizzati il rinnovo degli impianti di linea e di stazione, adeguamenti infrastrutturali dei piani regolatori di stazioni con velocizzazione degli itinerari in deviata, realizzazione sottopassi (laddove mancanti), adeguamento banchine, rinnovo IaP. Upgrading infrastrutturale e tecnologico e completamento adeguamento prestazionale Direttrice centrale e Direttrice Tirrenica Nord (corridoio TEN-T Scandinavia - Mediterraneo porti Tirreno) Il progetto prevede l’upgrading tecnologico degli impianti di linea e di stazione (ACCM), l’upgrading del sistema di distanziamento della linea (banalizzazione) e interventi puntuali di PRG negli impianti finalizzati alla velocizzazione degli itinerari e all’aumento della capacità di stazione, rinnovo IaP nonché interventi di accessibilità. Il completamento degli interventi verrà realizzato entro il 2024, con attivazioni intermedie già a partire dal 2019. Raddoppio Campoleone - Aprilia La linea Campoleone - Nettuno è una linea a semplice binario di circa 26 km caratterizzata da un’elevata affluenza di viaggiatori pendolari. Il progetto prevede il raddoppio della linea nel tratto iniziale, tra le località di Campoleone ed Aprilia per un’estesa di circa 6 km. L’intervento si inserisce in un più ampio programma di azioni, ricadenti in un altro progetto di investimento, per il potenziamento della relazione Roma - Nettuno con upgrade dei sistemi di distanziamento e di gestione della circolazione, ed interventi puntuali di velocizzazione degli itinerari di stazioni sede di incrocio.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ott 2019

REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Friuli-Venezia Giulia L’Accordo Quadro siglato nel 2016 tra Regione FVG e RFI prevede un sostanziale mantenimento dello schema dei servizi in termini di O/D e di struttura di integrazione/interscambio con una velocizzazione delle relazioni Venezia-Trieste ed una più ampia copertura delle tracce orario nei vuoti d’offerta oggi presenti e, conseguentemente, dei volumi. Il piano stazioni In Friuli Venezia Giulia sono presenti complessivamente 51 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 14 stazioni medio/grandi presenti sul territorio friulano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili In linea con le azioni dei progetti Easy e Smart station, la stazione di Gorizia sarà coinvolta da interventi volti a incrementare la funzionalità ed il decoro, a potenziare l’informazione al pubblico, ad abbattere le barriere architettoniche oltreché a migliorare l’accessibilità al treno. Azioni di piano: 2019 - 2023 Upgrading infrastrutturale e tecnologico bacini nord - est L’Intervento consiste nella riattivazione della linea Sacile - Gemona. La prima fase è avvenuta a Dicembre 2017 con la riapertura della tratta Sacile - Maniago con controllo dal Posto di Comando di Pinzano. Attraverso questa azione di piano si garantirà nuovamente un servizio locale per Sacile e, mediante interscambio, per Pordenone e Udine.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ott 2019

REGIONE BASILICATA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Basilicata. L’Accordo Quadro siglato il 21/12/2017 tra Regione Basilicata e RFI, attualmente in fase di finalizzazione non prevede incrementi nel volume di offerta ma una sostanziale revisione dello stesso, volta al cadenzamento delle relazioni ed alla realizzazione di nodi di interscambio ferro-ferro e ferro-gomma, in coerenza con il Piano Regionale dei Trasporti 2016 - 2026. In particolare l’upgrade previsto sulle linee: Foggia - Potenza e Battipaglia - Potenza con velocizzazioni a seguito di elettrificazione, copertura SCMT, contemporaneità nelle sedi di incrocio, soppressione PL, consentirà l’istituzione di nuove relazioni cadenzate a frequenza oraria: Bella Muro - Potenza Superiore Avigliano - Potenza Superiore Potenza - Melfi Melfi - Foggia oltre alla velocizzazione dei servizi da/per Napoli/Salerno. L’integrazione e l’intermodalità verranno conseguite nelle principali stazioni coinvolte dal progetto La velocizzazione dei servizi sulla linea Taranto - Metaponto sarà consequenziale all’istituzione del rango C e P nella tratta Grassano - Metaponto. In fase di progettazione il collegamento tra Ferrandina e Matera. Il piano stazioni In Basilicata sono presenti complessivamente 33 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 4 stazioni medio/grandi presenti nella Regione per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Nel 2017 RFI ha provveduto ad abbattere le barriere architettoniche con la realizzazione di sottopasso e rampe per le persone a mobilità ridotta nella stazione di Rionero (linea Foggia-Potenza) e nel 2019 saranno attivati gli ascensori di Melfi e Castel Lagopesole, sulla stessa linea. Nel corso del 2017 sono stati innalzati ad H55 i marciapiedi nelle stazioni di Rionero e nel 2018 di Melfi. Nel 2019 saranno innalzati i marciapiedi di Castel Lagopesole e sarà innalzati il primo marciapiede della stazione di Ferrandina/scalo Matera. RFI ha inoltre intrapreso un piano di adeguamento degli impianti al nuovo Sistema Informazione e Comunicazione «IeC»: nel 2016 è stato implementato il sistema IeC sulla linea Foggia – Potenza e nel 2019 è stato attivato sulla linea Potenza – Metaponto - Taranto, con l’aggiunta di nuove periferiche video. In linea con le azioni dei progetti Easy e Smart station, le stazioni saranno coinvolte da interventi volti a incrementare la funzionalità ed il decoro, a potenziare l’informazione al pubblico, ad abbattere le barriere architettoniche oltreché a migliorare l’accessibilità al treno. Azioni di piano 2019 – 2023 Linea ferroviaria Foggia - Potenza - ammodernamento Gli interventi consistono in: velocizzazioni tratte di linea e impianti, realizzazioni sottopassi e marciapiedi H55, soppressioni 25 PL, adeguamento a modulo di alcune località, attivazione SCMT ed elettrificazione. A seguito dei lavori, sarà possibile garantire, come da Accordo Quadro, servizi orari Potenza - Melfi, Melfi - Foggia e Bella/Muro – Potenza Superiore, sommati a servizi «spot» veloci Foggia – Potenza. Nuova linea Ferrandina - Matera La Martella Obiettivo del progetto è il collegamento della città di Matera all’infrastruttura ferroviaria nazionale attraverso una linea elettrificata di 20 km a semplice binario che si allaccia alla stazione di Ferrandina della linea Potenza - Metaponto. Il progetto consiste nell’adeguamento e completamento delle opere fino ad ora realizzate, collegando la stazione di Ferrandina, linea Potenza - Metaponto, con la futura stazione di Matera La Martella. Il progetto prevede inoltre la realizzazione di una lunetta a nord di Ferrandina per garantire il collegamento diretto verso nord. L’obiettivo è quello di realizzare servizi Lungo Percorso con Roma e TPL con Potenza e Taranto.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

REGIONE EMILIA ROMAGNA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Emilia Romagna. Il Piano di sviluppo dei servizi commerciali inserito nell’Accordo Quadro del 2014 prevede l’introduzione/rinforzo dei servizi passanti sulle seguenti relazioni: Prato - Bologna, ogni 60’ Modena - S. Benedetto Val di Sambro, con frequenza 60’ Porretta - Bologna S. Ruffillo e Marzabotto - Bologna S. Ruffillo, con frequenza 60’ ciascuno con la realizzazione di un’integrazione di frequenza a 15’ sino a Bologna S. Ruffillo Completamento della relazione passante San Pietro in Casale - Imola, con frequenza 60’ (ad oggi già presenti 5 coppie/giorno) Prolungamento della relazione oraria Ferrara - Bologna su Imola/Castel Bolognese e conseguente velocizzazione dei servizi extraurbani per Ravenna al fine di creare un’integrazione di frequenza a 30’ sia tra servizi suburbani capillari che tra servizi extraurbani veloci Prolungamento su rete regionale verso Sassuolo del Carpi - Modena Inoltre, sebbene il cadenzamento sia già una realtà in Emilia Romagna su molte relazioni, obiettivo di sviluppo è il completamento delle maglie su tutto l’arco di servizio e l’integrazione d’orario tra servizi suburbani ed extraurbani. La realizzazione dei servizi passanti, nonché il cadenzamento riportato nell’Accordo Quadro, sono possibili grazie alla configurazione infrastrutturale definitiva del nodo di Bologna, con innesto nel sottoattraversamento AV della linea da/per Venezia. Contestualmente al potenziamento infrastrutturale e tecnologico, previsto lungo la linea Adriatica, sono in progetto alcuni interventi finalizzati a migliorare l’interscambio tra relazioni diverse, nonché la regolarità dei servizi in presenza di un’elevata eterotachia di linea. Il piano stazioni In Emilia Romagna sono presenti complessivamente 144 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 52 stazioni medio/grandi presenti sul territorio emiliano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 - 2023 Upgrading tecnologico e infrastrutturale Nodo di Bologna 2021 Il progetto consiste in interventi di mitigazione, degli effetti dovuti alle differenze di velocità tra i diversi servizi presenti sulla linea (lunga percorrenza e regionali) attraverso l’adeguamento del piano del ferro dei seguenti impianti: Forlì: ricostruzione del nuovo I° binario, con funzione di precedenza pari Castel Bolognese: realizzazione di un nuovo binario di circolazione, per la separazione degli itinerari da/per linea Ravenna Imola: trasformazione di un binario tronco in binario di precedenza pari Castel S. Pietro Terme: realizzazione di un nuovo binario di precedenza pari Upgrading infrastrutturale e tecnologico bacini nord est Realizzazione dell’opera sostitutiva per la soppressione del passaggio a livello posto al km 93+610, presso la stazione di Cervia - Milano Marittima (lato Ravenna). Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Bologna 2022 Realizzazione e completamento delle fermate per il Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM) di Bologna, progetto promosso e finanziato in collaborazione con gli Enti Locali. Fase 1 - Completamento delle fermate di Bologna Borgo Panigale Scala e Bologna San Vitale/Rimesse (FER) a servizio delle linee S1A e S2A la prima e S1B, S2B, S4 la seconda. Fase 2 - Ammodernamento della stazione di Bologna San Ruffillo a servizio della linea S1B e della fermata di Bologna Fiera a servizio della linea S6 Fase 3 - Realizzazione nuove fermate di Bologna Zanardi a servizio della linea S4A e Bologna Prati di Caprara a servizio delle linee S5,S3, S1A e S2A.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mag 2019

Continuità Territoriale Sardegna, approvato accordo quadro con Regione Sardegna, Air Italy e Alitalia

di mobilita

Air Italy comunica di aver raggiunto un accordo quadro con Alitalia e la Regione Sardegna, in relazione alle rotte di continuità territoriale di Olbia. I dettagli sono ancora in fase di definizione, ma l'obiettivo principale di Air Italy, di proteggere il proprio personale di Olbia e gli investimenti in Sardegna negli ultimi 50 anni, è stato raggiunto, grazie all'impegno dei propri azionisti. "Questo è stato indubbiamente un periodo molto impegnativo per tutte le parti", ha dichiarato il Chief Operating Officer di Air Italy, Rossen Dimitrov. "Ma oggi, grazie all'impegno dei nostri azionisti e agli sforzi della Regione Sardegna e di Alitalia, abbiamo raggiunto un accordo quadro che soddisfa le nostre esigenze principali: proteggere il personale, che conta oltre 500 dipendenti nella nostra sede di Olbia e permetterci di continuare servire la Sardegna come abbiamo fatto per più di mezzo secolo”"Ora siamo in fase di definizione dei dettagli in modo da poter mettere in vendita i voli il prima possibile e permettere ai sardi e ai turisti una brillante stagione estiva 2019". Foto di Copertina: Enrique Perrella

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 lug 2017

Ferrovie siciliane, accordo quadro Regione-RFI: Catania-Palermo in 1h 45min entro il 2024

di mobilita

Oggi in occasione dell'inaugurazione del raddoppio ferroviario Catania Centrale-Catania Ognina, Luigi Bosco, Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana e Maurizio Gentile, amministratore delegato di RFI hanno firmato l'accordo quadro fra Regione Siciliana e Rete Ferroviaria Italiana. Il documento ha l'obiettivo di programmare la capacità di traffico ferroviario sulle linee della Sicilia per un periodo di cinque anni (prorogabile per altri cinque): a regime la produzione sarà di 11 milioni treni chilometro all'anno. Inoltre sarà elaborato un sistema integrato di servizi tra le diverse modalità di trasporto della Sicilia, attraversamento cadenzamento orario e coincidenze. Sono stati individuati, inoltre, uno scenario di medio termine al 2020 e uno di lungo termine al 2025, strettamente collegati agli interventi in corso o programmati per il potenziamento infrastrutturale e tecnologico della rete siciliana. In particolare, grazie all'Accordo Quadro, sarà possibile migliorare gli standard di regolarità e puntualità del traffico ferroviario, con le seguenti azioni: programmare una nuova offerta commerciale fra Palermo e l'Aeroporto Internazione Falcone Borsellino di Punta Raisi grazie al completamento del raddoppio del Passante ferroviario di Palermo; incrementare i collegamenti nel nodo ferroviario di Catania, in relazione allo sviluppo della nuova fermata Fontanarossa e dei relativi collegamenti intermodali da/per l'aeroporto; attivare un collegamento veloce Palermo-Catania, in un'ora e 45 minuti, con la costruzione di un nuovo binario, in affiancamento a quello esistente ma con una velocità di tracciato di 200 km/h entro il 2024, con fermate a Termini Imerese, Caltanissetta Xirbi, Enna, e alla futura fermata di Fontanarossa; implementare l'offerta dei collegamenti veloci fra Palermo e Messina, nello scenario di lungo termine, sia sull'itinerario Siracusa-Catania-Messina, già nello scenario di medio termine, sovrapposto a collegamenti di tipo metropolitano/regionale. Il raddoppi previsto consentirà di collegare Catania a Messina in circa 45 minuti. realizzare un orario cadenzato, con contestuale velocizzazione, anche per i collegamenti fra i restanti capoluoghi di provincia

Leggi tutto    Commenti 0