Articolo
22 lug 2020

ROMA | Al via i lavori per potenziamento infrastrutturale e manutenzione straordinaria delle linee FL2, FL4 E FL6

di mobilita

Per lavori di manutenzione straordinaria e potenziamento infrastrutturale sulle linee FL6 (Roma Termini – Frosinone/Cassino), FL4 (Roma Termini – Velletri/Albano Laziale/Frascati) e FL2 (Roma Tiburtina – Tivoli) la circolazione ferroviaria subirà modiche e interruzioni in archi temporali diversi dall’1 al 30 agosto, così suddivise: FL6, tratta Ciampino-Colleferro: dall’1 al 7 agosto e dal 24 al 30 agosto interruzione dalle ore 19.00 alle ore 04.55 (non intaccate le fasce pendolari), con attivazione servizi bus sostitutivi. Dall’8 agosto al 23 agosto interruzione totale, con attivazione servizi bus sostitutivi per tutto l’arco della giornata. FL4, tratta Ciampino-Frascati: dall’8 al 23 agosto interruzione totale, con servizi bus sostitutivi per tutto l’arco della giornata. FL2, tratta Tivoli-Avezzano: dal 10 al 30 agosto interruzione totale, con servizi bus sostitutivi per tutto l’arco della giornata. I lavori consentiranno a Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) di intervenire sulle opere civili, sull’armamento, sugli impianti di sicurezza e segnalamento e sulla trazione elettrica, tutti interventi che garantiranno migliori performance dell’infrastruttura ferroviaria. Durante i lavori saranno impegnati quotidianamente oltre 300 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte appaltatrici, per un totale di 33 cantieri al lavoro in contemporanea. L’investimento economico complessivo è di circa 21 milioni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 giu 2020

VERONA | 500 mila euro per la manutenzione straordinaria di importanti nodi della viabilità comunale

di Fabio Nicolosi

Un fitto programma di interventi di riasfaltatura e sistemazione di strade, vie e marciapiedi di Verona. Lo ha approvato quest’oggi la giunta che ha stanziato 500 mila euro per la manutenzione straordinaria di importanti nodi della viabilità comunale e di alcuni tratti di grandi vie d’accesso alla città. Su proposta dell’assessore alle Strade Marco Padovani, infatti, sono stati approvati i progetti definitivi per la posa del nuovo manto in 11 strade cittadine: via Faccio, via Gardesane, via Palazzina, via Unità d’Italia, via Legnago, alcuni tratti della bretella T4-T9 e di viale Piave in entrambi i sensi di marcia, via della Meccanica, via Torbido, via Campagnol di Tombetta e via Trezza a Veronetta. Tra fine settembre e ottobre, quindi, prenderanno avvio i cantieri per la posa dei nuovi asfalti e alla sistemazione del manto corrisponderanno, lungo le strade cittadine, interventi anche sui marciapiedi, come nel caso di via Torbido. “Abbiamo deciso di investire risorse rilevanti, pur nelle ristrettezze dell’attuale bilancio – ha detto il sindaco Federico Sboarina – per la manutenzione e la rimessa a nuovo di importanti strade della nostra città. L’emergenza Coronavirus, infatti, non ha bloccato i nostri investimenti a favore della viabilità e della sicurezza delle nostre strade sulle quali continueremo a investire anche nei mesi prossimi. Si tratta anche di un importante segnale di attenzione nei confronti dei cittadini e delle richieste che hanno avanzato in questi mesi”. “Abbiamo definito un preciso programma di interventi – ha detto l’assessore Padovani – che interesseranno numerose vie di Verona. Particolarmente importanti, oltre a quelli sulle grandi arterie di accesso alla città, i lavori in via Trezza, a Veronetta, dove i cittadini ci hanno segnalato problemi per vari cedimenti del porfido. In questo caso, quindi, non si tratterà di nuova asfaltatura, ma di interventi di sistemazione della sede stradale. Ricordo che complessivamente il Comune ha competenza su 1200 km di strade e che, nonostante un bilancio ristretto, il nostro obiettivo è quello di intervenire in ogni quartiere”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 nov 2019

FIRENZE | Al via gli interventi sulle piste ciclabili per complessivi 400mila euro

di mobilita

Dopo l’avvio del piano di sostituzione e nuove installazioni delle rastrelliere, arrivano gli interventi sulle piste ciclabili. Ieri la giunta comunale ha approvato, su proposta dell’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, un pacchetto di progetti relativi alla manutenzione straordinaria per complessivi 400mila euro. “L’Amministrazione sta puntando molto sulla ciclabilità come testimoniano le nuove piste realizzate e progettate e, come in questo caso, gli interventi sui percorsi esistenti con l’obiettivo, anche grazie alla Bicipolitana, di passare dai 90 ai 120 stiamo chilometri nella prossima consiliatura. Importante – sottolinea l’assessore – anche il lavoro che stiamo facendo sulle rastrelliere, sia con gli interventi di pulizia e manutenzione sia con il piano di sostituzione e collocazione di nuovi dispositivi in tutti i quartieri che ha preso il via lunedì scorso”. Oltre al rifacimento dell’asfaltatura e della segnaletica, sono previsti anche piccoli interventi di adeguamento dei tracciati per aumentare la sicurezza dei ciclisti e per creare nuovi raccordi tra i percorsi ciclabili esistenti. Saranno interessate le piste di viale Mamiani, viale Redi (dal viale Belfiore al Mugnone), viale Corsica (da viale Redi a via Circondaria), via XX Settembre (dal Ponte dei Bersaglieri a via Vittorio Emanuele II), viale Talenti e viale Fanti (da viale Paoli a viale Nervi) per un oltre 2,5 chilometri. Oltre alle riasfaltature e al rifacimento della segnaletica previste per tutte le piste, si segnalano in particolare in viale Mamiani la realizzazione di una nuova isola spartitraffico all’incrocio con viale Fanti per migliorare la visibilità dell’attraversamento pedociclabile. E ancora il miglioramento della pista in viale Corsica con l’allargamento in corrispondenza della fermata del trasporto pubblico e la connessione con quella di viale Redi. Più importante l’intervento in viale Talenti dove da piazza Batoni a via Lorenzetti sarà realizzata una pista in sede protetta (ad oggi è in promiscuo con i pedoni) mentre nel tratto successivo tra via Lorenzetti e via Canova il percorso ciclabile sarà riasfaltato e affiancato da un nuovo marciapiede mentre all’altezza di piazza Ciampi sarà modificata l’aiuola spartitraffico per prolungare il percorso ciclabile in modo da collegarlo alla futura pista di via Canova.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2019

ROMA | Al via gara da 66 milioni per la manutenzione straordinaria treni linee metro A e B

di mobilita

Può partire la gara per le manutenzioni straordinarie della flotta treni delle linee metro A e B per un importo complessivo di 66 milioni di euro. È quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta capitolina. Il dipartimento Mobilità e Trasporti di Roma Capitale procederà alla stipula del disciplinare d’incarico ad Atac. Nell'ambito del contratto di servizio, l’azienda di trasporto pubblico rivestirà il ruolo di stazione appaltante per l’espletamento della procedura a evidenza pubblica. Questi interventi fanno parte della Convenzione sottoscritta tra Roma Capitale e il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che prevede un finanziamento totale di 425 milioni di euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2018

GENOVA | Cremagliera di Granarolo sospensione temporanea del servizio dal 7 dicembre

di mobilita

A partire da venerdì 7 dicembre la ferrovia a cremagliera Principe Granarolo dovrà sospendere temporaneamente il servizio per consentire lo svolgimento di alcuni interventi di manutenzione straordinaria prescritti dall’Ente di Controllo del Ministero dei Trasporti (USTIF). I lavori ed il collaudo ministeriale si completeranno entro 15 giorni. Gli interventi richiesti riguardano il sistema frenante e altre componenti meccaniche dello stesso sistema. Venerdì 7 dicembre l’ultima corsa della cremagliera da Principe sarà alle ore 8.45 e da Granarolo alle ore 8.30. Contestualmente alla chiusura dell’impianto sarà attivo il servizio bus sostitutivo G1.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 nov 2018

FIRENZE | Lunedì 26 novembre chiuderà il Ponte Vespucci

di mobilita

Sono iniziate le operazioni preliminari alla messa in sicurezza del Ponte Vespucci. Si tratta dell’intervento già annunciato di sistemazione dello scalzamento parziale della pila lato San Frediano. Da lunedì 26 novembre scatterà la chiusura totale del ponte per consentire la conclusione del montaggio dei sensori e a seguire si effettueranno i rilievi subacquei utilizzando sub e droni. Da mercoledì 28 novembre inizieranno le perforazioni sui marciapiedi in corrispondenza della pila lato San Frediano. In concreto saranno infissi dei tubi nell’alveo che serviranno per effettuare le prove sismiche con il macchinario collocato sulla carreggiata. Da inizio dicembre inizia la demolizione della platea in calcestruzzo sotto la spalla sinistra del ponte in modo che il macchinario necessario per le successive lavorazioni possa essere posizionato in corrispondenza della spalla. Da gennaio inizia la prima fase dei lavori veri e propri con i consolidamenti sotto la pila. Vengono effettuate le iniezioni di cemento nello stato di ghiaia che costituisce l’alveo. A seguire la seconda fase in cui verrà realizzato una sorta di contenitore intorno alla fondazione della pila dentro cui poi verrà gettato un celcestruzzo alleggerito: i pali di fondazione saranno alla fine inglobati all’interno di un parallelepipedo rinforzato. Per le operazioni propedeutiche, la fase 1 e la fase 2 si stima una durata di sei mesi circa. Per quanto riguarda la viabilità la chiusura, da lunedì 26 novembre, del ponte prevede l’utilizzo in alternativa del Ponte alla Carraia con apertura di itinerari nella ztl con sospensione del funzionamento delle porte telematiche di lungarno Vespucci/Ponte Vespucci e di Borgo San Frediano/Sant’Onofrio. Le staffe sono: lungarno Vespucci-piazza Goldoni-Ponte alla Carraia-lungarno Soderini e Borgo San Frediano-piazza Sauro-Ponte alla Carraia-piazza Goldoni-lungarno Vespucci

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

ROMA | Partiti i lavori sulla via Ostiense

di mobilita

Prosegue la manutenzione straordinaria della rete stradale della Grande Viabilità. Sono state individuate diverse strade che per prime, visto il grado di ammaloramento, saranno interessate dai lavori; tra queste si sta procedendo su Via Ostiense, nel tratto compreso tra Piazzale Ostiense e l’intersezione con Via Giulio Rocco. Questa strada, di fondamentale valenza strategica per la viabilità comunale, è interessata ogni giorno da un notevole flusso veicolare e soprattutto dalla presenza di veicoli pesanti. Per comprendere in che stato versava la strada, sono state eseguite dapprima delle indagini sia con carotaggi e sia con prove di carico. I risultati delle analisi hanno evidenziato la necessità di realizzare dei lavori per ripristinare il livello prestazionale della capacità portante. È quindi prevista una ricostruzione profonda ex novo del corpo stradale e contestualmente agli interventi di asfaltatura saranno pulite le caditoie, rimessi a quota i pozzetti, ed è previsto il rifacimento della segnaletica e di alcuni tratti di marciapiede.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ago 2018

ROMA | Oltre 2mln di euro di manutenzione straordinaria per il ponte Magliana

di mobilita

L’Amministrazione capitolina, in merito ad alcune affermazioni del  professor Remo Calzona fatte al Corriere della Sera, relative alle condizioni del ponte della Magliana, ha comunicato di aver  stanziato a Bilancio 2018 oltre 2 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria. “Questa struttura presenta da tempo gravi difetti. Intanto, non è mai stata collaudata - ha affermato nell'intervista al  Corriere della Sera il professor Remo Calzona che, per decenni è stato docente di Tecnica delle costruzioni all’università La Sapienza di Roma. - Non sono state fatte prove di carico e di tensione. È un ponte fuorilegge da quando è stato aperto, nel 1950” Nel comunicato l'amministrazione capitolina fa sapere che per tutte le opere di manutenzione urbana di viabilità inter-municipale (ponti, strade, gallerie) nel Bilancio 2018-2020 sono previsti oltre 90 milioni di euro. Inoltre sono stati stanziati circa 10 milioni di euro per servizi di sorveglianza. Sempre per il 2018 sono stati stanziati circa 5 milioni di euro dedicati a progettazione e manutenzione straordinaria dei ponti di Roma Capitale, con interventi programmati su tutto il territorio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 nov 2017

Anas investe 180 milioni di euro per il risanamento strutturale di opere d’arte (ponti e viadotti)

di mobilita

Proseguono gli investimenti di Anas per la manutenzione straordinaria sulla rete stradale nazionale. Oggi sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale due bandi di gara per l’affidamento dei lavori di manutenzione straordinaria per il risanamento strutturale di opere d’arte (ponti e viadotti) sulle strade statali e sulle autostrade in gestione Anas, sull’intero territorio nazionale, per un investimento complessivo di 180 milioni di euro. Si tratta di una seconda tranche di lavori, che segue il bando dello scorso 8 novembre da 100 milioni di euro, e prevede in due distinte gare d’appalto. Il primo nuovo appalto ha un valore complessivo di 80 milioni di euro per il risanamento di opere d’arte (ponti e viadotti) ed è suddiviso in 8 lotti: 10 milioni per l’area Nord-Est (Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna); 10 milioni per l’area Nord-Ovest (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Liguria); 10 milioni per l’area Centro (Toscana, Umbria e Marche); 10 milioni per l’area Adriatica (Molise, Abruzzo e Puglia); 10 milioni per l’area Tirrenica (Lazio, Campania e Basilicata); 10 milioni per la Calabria; 10 milioni per la Sardegna e 10 milioni per la Sicilia. Il secondo appalto, per un valore di 100 milioni di euro, riguarda l’esecuzione di lavori di risanamento di impalcati, giunti e barriere sui viadotti ed è suddiviso in 8 lotti: 12,5 milioni per l’area Nord-Est (Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna); 12,5 milioni per l’area Nord-Ovest (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Liguria); 12,5 milioni per l’area Centro (Toscana, Umbria e Marche); 12,5 milioni per l’area Adriatica (Molise, Abruzzo e Puglia); 12,5 milioni per l’area Tirrenica (Lazio, Campania e Basilicata); 12,5 milioni per la Calabria; 12,5 milioni per la Sardegna e 12,5 milioni per la Sicilia. La procedura di affidamento delle due gare prevede l’utilizzo dello strumento dell’Accordo Quadro di durata triennale, che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza. Le gare saranno aggiudicate con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo secondo i parametri indicati nel bando.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 nov 2017

Anas investe 100 milioni di euro per il risanamento strutturale di ponti e viadotti sulla rete stradale nazionale

di mobilita

Anas ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara d’appalto per l’affidamento dei lavori di manutenzione straordinaria per il risanamento strutturale di ponti e viadotti sulle strade statali e sulle autostrade in gestione Anas, sull’intero territorio nazionale, per un investimento di 100 milioni di euro. L’appalto è suddiviso in 8 lotti: 11 milioni per l’area Nord-Est (Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna); 8 milioni per l’area Nord-Ovest (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Liguria); 18 milioni per l’area Centro (Toscana, Umbria e Marche); 11 milioni per l’area Adriatica (Molise, Abruzzo e Puglia); 8 milioni per l’area Tirrenica (Lazio, Campania e Basilicata); 25 milioni per la Calabria; 11 milioni per la Sardegna e 8 milioni per la Sicilia. La procedura di affidamento prevede l’utilizzo dello strumento dell’Accordo Quadro (Art.59 comma 4 del D.Lgs. n.163/06) di durata triennale, che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo e maggiore efficienza. La gara sarà aggiudicata con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo secondo i parametri indicati nel bando.

Leggi tutto    Commenti 0