Articolo
01 set 2018

AEROPORTO BOLOGNA | Chiude al traffico aereo per rifacimento pista

di mobilita

Nell’ambito del programma di manutenzione periodica delle infrastrutture di volo, la pista dell’Aeroporto Marconi di Bologna sarà chiusa al traffico aereo dalle ore 00:01 del 14 settembre alle ore 06:00 del 18 settembre 2018 per lavori di rifacimento di un ampio tratto della pavimentazione (per una lunghezza pari ad un chilometro), e dell’intero raccordo “G”, con riqualifica della relativa segnaletica orizzontale e l’installazione di nuovi dispositivi luminosi. Il periodo dell’intervento è stato definito in considerazione dei diversi aspetti tecnici, operativi e meteorologici, che si ritiene possano permettere una più efficiente esecuzione dei lavori programmati. Durante il periodo citato non potranno essere operati voli da/per Bologna e le compagnie aeree, già informate, hanno scelto in parte di cancellare i voli e in parte di operare su scali alternativi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Accordo di collaborazione per il corridoio intermodale Tirreno Centrale-Adriatico Meridionale

di mobilita

Il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi e il presidente dell’AdSP MTCS Francesco Maria di Majo hanno sottoscritto un accordo di collaborazione, della durata di due anni, finalizzato a sviluppare il corridoio intermodale Tirreno Centrale-Adriatico Meridionale, attraverso i porti di Civitavecchia/Gaeta e Bari/Brindisi, mediante la promozione dei collegamenti stradali, ferroviari e logistici tra il Tirreno Centro-Settentrionale e l’Adriatico Meridionale. Attraverso l’istituzione di un gruppo di lavoro permanente verranno individuate sinergie e progetti per il miglioramento, in chiave ecosostenibile e di efficientamento energetico, dei traffici nell’ambito portuale, soprattutto in riferimento agli accessi nei porti del traffico Ro-Ro. “Con la collaborazione dei porti del Tirreno Centro Settentrionale vogliamo rendere sempre più competitivo il trasporto intermodale trasversale, in particolare Ro-Ro, tra la penisola iberica e quella balcanica, soprattutto la Grecia e quindi Turchia; anche attraverso la digitalizzazione e la dematerializzazione dei processi e la individuazione di regimi procedimentali speciali, nell’ambito rispettivamente della ZES della Puglia adriatica e della ZLS laziale– commenta il presidente Patroni Griffi.” Attraverso tale accordo, l’AdSP dei porti laziali intende condividere con l’AdSP dell’Adriatico Meridionale la propria esperienza nella pianificazione energetica ed ambientale del sistema portuale, promuovendo congiuntamente programmi volti a rendere ancora più competitivo, attraverso in particolare l’uso di combustibili alternativi per l’autotrazione e per il trasporto marittimo, il trasporto intermodale tra i porti laziali e quelli pugliesi adriatici.  Con questo Accordo, sottolinea altresì il Presidente di Majo, viene ulteriormente accresciuto il ruolo di Porto gateway di Civitavecchia rispetto ai corridoi intermodali trasversali, assicurando la naturale estensione via terra delle Autostrade del Mare nonché l’integrazione di queste ultime con le catene logistiche non solo del versante tirrenico e di quello adriatico ma anche della Spagna, della Croazia, dei Balcani, della Grecia e da qui anche con la Turchia. Analogamente ai due corridoi trasversali intermodali Civitavecchia-Ancona (che passa per l’Umbria) e Civitavecchia-Roma-Ortona/Pescara, il corridoio trasversale Civitavecchia-Bari/Brindisi, a servizio in particolare del traffico Ro-Ro, contribuirà, commenta infine il Presidente di Majo, a potenziare il ruolo di “land bridge” dell’Italia centrale, con evidenti vantaggi in termini economici ed occupazionali per i porti del Tirreno Centrale e dell’Adriatico Centrale e Meridionale. Sviluppare le diverse direttrici trasversali tra Civitavecchia/Gaeta e i porti dell’Adriatico centrale e meridionale, collegando la penisola iberica con quella balcanica e con la Grecia attraverso un trasporto intermodale in cui la componente marittima è prevalente,  determinerà indubbi vantaggi ambientali, in termini di riduzione di emissioni nocive nell’aria, rispetto al trasporto tutto su gomma, decongestionando anche il traffico sulle strade e autostrade della Liguria e della Pianura Padana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

REGIONE CALABRIA | Partiti i lavori per l’elettrificazione della linea Jonica

di mobilita

Partiti i lavori per l’elettrificazione della linea Jonica, con la posa dei primi pali per la linea elettrica. Presenti il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, l’Assessore alle Infrastrutture Roberto Musmanno, e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile. L’elettrificazione permetterà di migliorare l’esperienza di viaggio dei cittadini calabresi, garantendo la continuità del servizio ferroviario con mezzi elettrici, con benefici per l’ambiente e per l’intero sistema di trasporto. Il Protocollo d’intesa per la linea Jonica, siglato nel maggio 2017 tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, RFI e Regione Calabria, prevede inoltre l’eliminazione di passaggi a livello e la realizzazione di opere viarie alternative per migliorare gli standard prestazionali e qualitativi dei servizi di trasporto su ferro e su gomma; il rinnovo degli scambi e dei binari; la riqualificazione delle stazioni, con particolare attenzione a quelle con maggiore traffico di viaggiatori. La prima fase degli interventi si concluderà entro la fine del 2019 mentre l’ultimazione complessiva dei lavori di elettrificazione è prevista per fasi progressive tra il 2022 e il 2023. L’investimento economico complessivo è di 150 milioni di euro. Mario Oliverio e Maurizio Gentile hanno inoltre firmato oggi l’Accordo Quadro tra Regione Calabria e Rete Ferroviaria Italiana, un documento valido dieci anni (rinnovabile dopo i primi cinque) che consentirà di programmare la capacità di traffico sulle linee ferroviarie della Calabria, potenziare la rete e i servizi, realizzare una progressiva omogeneizzazione dei trasporti, sia in termini di fermate sia di velocità commerciale, garantendo un sistema di integrazione tra diverse modalità di trasporto nelle principali stazioni della Calabria. Per la Regione si tratta di uno strumento tecnico con cui prenotare capacità di traffico per la rete ferroviaria regionale e programmare nel medio/lungo periodo l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria, in funzione del Piano Regionale dei Trasporti. Per RFI invece l’Accordo Quadro serve a determinare le reali esigenze di mobilità del territorio, intervenendo e programmando, dove necessario, piani di upgrade infrastrutturale per ottimizzare lo sviluppo dei servizi regionali, con benefici sulla regolarità e puntualità del servizio. “L’avvio dei lavori per l’elettrificazione della linea Jonica - ha dichiarato Maurizio Gentile - è la dimostrazione concreta dell'impegno di Rete Ferroviaria Italiana per la Calabria nonché dell’importanza che il Sud riveste nei piani di potenziamento della rete ferroviaria nazionale. L’elettrificazione, unita a tutti gli altri interventi previsti per la linea Jonica, produrrà significativi miglioramenti in termini di confort e regolarità dei collegamenti ma anche di benefici per l’ambiente, con un sensibile cambiamento della qualità di viaggio dei pendolari calabresi. Un vero e proprio cambio di passo, sottolineato anche dalla firma dell’Accordo Quadro tra RFI e Regione Calabria: questo strumento armonizza le scelte strategiche dell’amministrazione regionale in tema di trasporti ed i piani di sviluppo della rete ferroviaria, consentendoci quindi di programmare interventi condivisi che, promuovendo l’uso del treno, soddisfino le esigenze di mobilità dei calabresi, in un’ottica di sistema intermodale efficiente”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Autostrade per l’Italia amplia i beneficiari dell’esenzione dei pedaggi nell’area genovese

di mobilita

Autostrade per l'Italia comunica l'estensione dei beneficiari delle esenzioni dai pedaggi nell'area genovese, rispetto alla prima area di esenzione già operativa per chi viaggia sulle seguenti tratte (Genova Bolzaneto-Genova Ovest-Genova Est e Genova Pra'-Genova Pegli-Genova Aeroporto). In particolare, l'esenzione dal pagamento del pedaggio per l'intera tratta Genova Pra'-Genova Pegli-Genova Aeroporto si applicherà anche per chi proviene dalle entrate autostradali a ponente fino ad Albisola e Ovada inclusi. Le esenzioni dell'intera tratta Genova Bolzaneto-Genova Ovest-Genova Est si applicheranno anche a chi proviene dalle tratte di A7 e A12 comprese tra i caselli di Vignole e Sestri Levante. Tale estensione dei beneficiari dell'esenzione dal pedaggio sarà operativa da giovedì 6 settembre. L'obiettivo è quello di agevolare gli spostamenti dei cittadini genovesi e di chi abita nelle zone limitrofe. Nel frattempo, con una semplice dichiarazione (recandosi presso i Punto Blu di Genova Ovest e Genova Sampierdarena, oppure scrivendo a info@autostrade.it) coloro che hanno pagato il pedaggio sulle stesse tratte a partire dal 14 agosto potranno chiederne il rimborso. Ai possessori di Telepass, rispetto ai transiti a partire dal 14 agosto sulle tratte in questione verranno detratte automaticamente le quote delle tratte esenti. Per coloro che hanno già ricevuto l'addebito si procederà allo storno delle quote nella prima fattura utile.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Crollo ponte Morandi, la lettera inviata da Autostrade al Mit fa indignare il ministro Toninelli

di mobilita

Ecco la risposta di Autostrade per l'Italia alla lettera inviata dal MIT dopo il crollo del ponte Morandi: "Il consiglio di Amministrazione di Autostrade per l'Italia si è riunito oggi sotto la presidenza del dott. Fabio Cerchiai per un aggiornamento - nelle more degli esiti degli accertamenti in corso relativi al crollo del viadotto Polcevera - in merito all'avanzamento delle iniziative condivise nell'adunanza del 21 agosto u.s.. In particolare, gli aiuti alle famiglie colpite che hanno interessato più di 200 nuclei familiari, le iniziative di ripristino della viabilità cittadina, le ulteriori iniziative di agevolazione del pedaggio e l'avanzamento del progetto di demolizione e ricostruzione del ponte.Il Consiglio ed il Collegio Sindacale hanno rinnovato il proprio cordoglio per le vittime, il dolore per i feriti e la vicinanza all'intera comunità genovese ed alle Istituzioni. Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto degli elementi di confutazione alla lettera del Ministero delle Infrastrutture datata 16 agosto 2018 predisposti dalle strutture tecniche della Società ed ha confermato il proprio convincimento in merito al puntuale adempimento degli obblighi concessori da parte della Società.La lettera di riscontro ed i relativi allegati saranno inviati al Ministero nel termine assegnato". Immediata è stata la risposta del ministro dei Trasporti Danilo Toninelli che su Twitter ha commentato: "È incredibile sentir parlare Autostrade di ''puntuale adempimento degli obblighi'' dopo una tragedia con 43 morti, 9 feriti, centinaia di sfollati e imprese in ginocchio. Siamo all''indecenza. Rimetteremo le cose a posto e ridaremo sicurezza e servizi ai cittadini che viaggiano". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

ROMA | Anche Atac nel progetto della rete mobile di quinta generazione, #Roma5G

di mobilita

Prende il via il progetto Roma 5G per la sperimentazione delle infrastrutture mobili di quinta generazione sui mezzi pubblici.  Atac entra a far parte del nuovo protocollo d’intesa con Roma Capitale, Fastweb ed Ericsson. L’idea è avviare delle sperimentazioni sulle linee bus e ai capolinea dei bus. Fastweb ed Ericsson realizzeranno le infrastrutture di rete necessarie per lo sviluppo dei nuovi servizi digitali abilitati dal 5G, in sinergia con la piattaforma Wi-Fi già diffusa e attiva in città. Atac metterà invece a disposizione le proprie infrastrutture. Grazie all'ingresso di Atac nel progetto Roma5G, continua il comunicato, verranno sviluppate nei prossimi mesi delle sperimentazioni, limitate ad alcune aree della città, riguardanti la Sicurezza pubblica e la Mobilità urbana.“ Un progetto che si svilupperà e partirà nei prossimi mesi, in alcune aree della città.  L’offerta del 5G sui mezzi Atac sarà un servizio in più per gli utenti del trasporto pubblico locale a Roma. "La rivoluzione dei trasporti passa anche per l’innovazione e grazie allo sviluppo di questa tecnologia diamo più scelta e opportunità ai cittadini e turisti della Capitale", ha affermato l'assessore Linda Meleo. Ti potrebbe interessare: ROMA | Acceso il primo segnale della rete mobile di quinta generazione, #Roma5G

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

REGIONE SICILIANA | 100 MLN per parcheggi e 45 per strade provinciali

di mobilita

Oltre cento milioni di euro stanziati dall'amministrazione regionale e finalizzati alla creazione di parcheggi di interscambio nelle Città di Palermo, Catania e Messina e nei Comuni con oltre 30 mila abitanti. Due i bandi predisposti dall'assessorato regionale alle Infrastrutture e presentati questa mattina a Catania dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dall’assessore Marco Falcone e del dirigente generale del dipartimento Fulvio Bellomo. Le due linee di intervento, già pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale, prevedono lo stanziamento di 90 milioni e 800 mila euro per i tre Comuni capoluogo (circa 50 milioni per Palermo, poco più di 23 per Catania e 17,5 per Messina) e 12 milioni e 600 mila euro per i Comuni oltre 30 mila abitanti. “Questa iniziativa – dichiara Musumeci - rientra nella politica del governo regionale di sostenere gli enti locali in un’opera di riqualificazione del proprio patrimonio infrastrutturale e dotare il territorio di parcheggi di interscambio, che nelle altre città d’Italia sono una realtà, da almeno una decina di anni. Il piano parcheggi darà un’importante spinta ai Comuni in termini di servizi e vivibilità, riqualificazione urbana e riduzione dell’inquinamento”. Ad essere finanziati saranno sia i lavori di realizzazione dei nuovi parcheggi che le spese di progettazione. I Comuni avranno cinque mesi di tempo per la presentazione delle domande al dipartimento regionale delle Infrastrutture. "È un’iniziativa - ha proseguito l’assessore Falcone - che affonda le proprie radici nel 1989 con la legge Tognoli che prevedeva la realizzazione di grandi parcheggi nelle principali città di tutto il territorio nazionale. Crediamo che una migliore organizzazione della mobilità pubblica, unita anche alla riduzione delle emissioni inquinanti, possa essere non solo volano di sviluppo ma anche base per un miglioramento complessivo della vivibilità dei nostri centri ed un miglioramento della loro bellezza". L’attenzione verso il territorio passa anche per la rimodulazione dei fondi del “Patto per il Sud” per un totale di 45 milioni di euro, da destinare alla viabilità secondaria dell’Isola. In particolare, le somme saranno così ripartite: 14 milioni alla provincia di Enna; sette a Messina; sei a Siracusa; cinque a Palermo; 4,6 a Ragusa; e quattro sia a Catania che a Caltanissetta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2018

Crollo ponte Morandi, nominato il pool di esperti che affiancherà la struttura commissariale

di mobilita

E’ stato nominato questa mattina, come preannunciato ieri, il pool di esperti che affiancherà la struttura commissariale presieduta dal presidente di Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Toti e incaricata di realizzare i primi interventi urgenti a seguito del crollo del ponte. Cinque i tecnici individuati: Stefano Pinasco, ingegnere del Comune di Genova, Enrico Zio ingegnere del Politecnico di Milano, Emanuele Gissi e Alessandra d’Errico, rispettivamente ingegnere e architetto del Corpo dei Vigili del Fuoco, Pietro Croce, ingegnere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. La commissione di esperti non avrà alcun potere ispettivo, ma di supporto alle decisioni del sindaco del Comune di Genova e del Commissario delegato per l’emergenza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2018

ROMA | 18,5 mln per trasporti e mobilità sostenibile a Roma

di mobilita

Sulla pagina Facebook la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi ha affermato che ci sono nuovi cantieri in partenza per la cura dei trasporti e della mobilità. Parliamo dello #SbloccaCantieri per la messa in sicurezza di strade e attraversamenti pedonali, ammodernamento delle stazioni metro A e B, progetti per le isole ambientali e nuove corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale. Nell’ultimo assestamento di Bilancio, secondo la sindaca, sono stati stanziati risorse per circa 18,5 milioni di euro dedicati al comparto dei trasporti e della mobilità sostenibile. Progetti e gare da bandire entro l’anno per lavori che partiranno nel 2019. Interventi che vanno dalla riqualificazione di via La Spezia-via Taranto alla realizzazione dell’isola ambientale del Quadraro Vecchio, oltre a nuove corsie preferenziali, ciclabili e progetti dedicati alla sicurezza delle nostre strade, dagli attraversamenti pedonali luminosi alle nuove pedane tranviarie.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2018

BARI | Indagini per la verifica di vulnerabilità sismica del sottovia di via Bruno Buozzi

di mobilita

Per consentire le indagini per la verifica della vulnerabilità sismica, con ordinanza  della ripartizione Infrastrutture Viabilità e Opere Pubbliche, è stato istituito  da martedì 28 a venerdì 31 agosto dalle ore 23.30 alle ore 6.00, il divieto di transito con chiusura al traffico veicolare in ambo i sensi marcia del sottovia di via Bruno Buozzi.

Leggi tutto    Commenti 0