Articolo
04 lug 2018

ROMA | Iniziati i lavori di manutenzione del ponte Principe Amedeo di Savoia Aosta

di mobilita

Sono iniziati i lavori di manutenzione del ponte Principe Amedeo di Savoia Aosta (P.A.S.A.), che prevedono la messa in sicurezza di un fornice secondario di scarico idraulico oltre al rifacimento dei marciapiedi e della pavimentazione stradale. Il costo dell'opera, appaltata con procedura aperta, è di circa 253mila euro e la durata del cantiere prevista è di tre mesi. Durante i lavori previsti anche gli interventi  delle società di sottoservizi interessate, fra cui Italgas, che rimuoverà una condotta inutilizzata, e Acea Ato2, che sostituirà una condotta con una nuova. Per non interrompere totalmente il traffico sia carrabile che pedonale, il cantiere sarà organizzato in modo da impegnare un lato del ponte alla volta. Al termine dei lavori sarà dunque possibile riprendere anche il passaggio di mezzi superiori a 35 quintali e quindi di quelli del servizio di trasporto pubblico. “Questo ponte è importante per i flussi di traffico del centro storico ed in generale anche per la viabilità della Città, poiché collega sia l’Ospedale Santo Spirito che la galleria di Porta Cavalleggeri al centro di Roma. Le operazioni di ripristino lo riporteranno in condizioni di sicurezza così che potrà di nuovo svolgere la sua funzione di collegamento fra le due sponde del fiume in un punto nevralgico per il traffico della città. I lavori saranno fondamentali per consentire il passaggio del servizio di trasporto pubblico. Cerchiamo di soddisfare i bisogni dei cittadini rispettando le priorità e le regole, un connubio che garantisce una migliore trasparenza e un uso accorto delle risorse disponibili", dichiara l’assessora alle Infrastrutture Margherita Gatta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 lug 2018

REGIONE SICILIANA | Riaperta l’autostrada A19 direzione Palermo

di mobilita

L'autostrada A19 Catania-Palermo è stata riaperta al traffico nel tratto tra Enna e Ponte Cinque Archi  direzione Palermo. Il tratto interessato era stato chiuso per dei lavori di manutenzione straordinaria di una soletta del viadotto Morello e l'apertura, inizialmente prevista per il 3 luglio, è stata anticipata grazie all'impegno della ditta incaricata da Anas che ha lavorato h 24 con tre turni di 8 ore.          

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2018

REGIONE SICILIANA | Riprendono i lavori sulla SS 121 Agrigento-Palermo

di mobilita

Sono ripresi i lavori sulla SS121 Agrigento-Palermo e, secondo l'Assessore Regionale alle infrastrutture e mobilità, entro 20 giorni saranno riaperti al traffico i tratti tra Bolognetta e Villafrati e tra Vicari e Mezzojuso. I lavori di ammodernamento iniziarono  nel 2013 e subirono un brusco rallentamento con il crollo del Viadotto Scorciavacche, inaugurato il 23 dicembre 2014 e crollato dieci giorni dopo. Il 4 aprile 2018 la presidente della commissione Ambiente dell’Ars, l’on. Giusi Savarino, aveva evidenziato come «L’errore in questa strada è stato quello di aprire un cantiere unico lungo i 38 km, invece di procedere per lotti. Purtroppo stiamo intervenendo su errori fatti nel passato». .

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2018

REGIONE SICILIANA | Per il governo regionale le priorità sono le infrastrutture ferroviarie e autostradali.

di mobilita

Il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci dopo la firma del protocollo di cooperazione rafforzata tra il ministero per il Sud e la Regione siciliana a supporto del Po Fesr 2014-2020 ha affermato che le priorità del governo regionale sono le infrastrutture, ferroviarie e autostradali. Dei 758 milioni di euro di fondi Ue la spesa più grossa è rappresentata dall'autostrada Caltanissetta-Agrigento e dal passante ferroviario di Palermo che insieme impegnano risorse che vanno oltre 300 milioni di euro. Le altre risorse saranno destinate all'edilizia scolastica, al sostegno alle imprese, a interventi di risanamento sul territorio. "L'Europa non si accontenta di risorse impegnate, vuole risorse certificate, cosa che non dipende solo da noi ma anche dalle controparti. - ha affermato il presidente Nello Musumeci - Rfi avrebbe potuto certificare da sola oltre 200 milioni di euro e invece ha rinviato l'utilizzo delle risorse e la realizzazione dell'opera. Questo fa venire meno una fetta importante delle risorse da utilizzare". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

REGIONE UMBRIA | Approvato finanziamento per la realizzazione del collegamento ciclopedonale fra Terni e Narni

di mobilita

La Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore regionale alla Promozione  dei sistemi naturalistici, aree protette e Parchi Fernanda Cecchini, ha approvato un primo finanziamento di 2 milioni di euro per la realizzazione del collegamento ciclopedonale fra Terni e Narni, a valere sulle risorse del Por Fesr (il Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale) 2014-2020 a sostegno degli “interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale di rilevanza strategica tali da consolidare e promuovere processi di sviluppo.     “Grazie al finanziamento regionale – sottolinea l’assessore Cecchini – le due città di Terni e Narni saranno unite da un tracciato lungo l’argine del Nera che non solo connette le relative aree urbane incentivando la riduzione dell’uso dell’auto per gli spostamenti quotidiani, ma che riveste un valore strategico per la valorizzazione dei luoghi che attraversa, creando occasioni per lo sviluppo di offerte turistiche, itinerari naturalistici, iniziative sportive e culturali all’insegna della sostenibilità ambientale”.    “È il tratto che mancava – prosegue - per il completamento del percorso ciclopedonale del fiume Nera, che ora giunge in porto, nuova strada ‘verde’ che collega l’Umbria meridionale con un itinerario fra le bellezze naturalistiche e paesaggistiche di questa parte della regione, che allaccia la pista ciclopedonale delle Gole del Nera nel comune di Narni al centro di Terni e quindi all’area della Valnerina e della Cascata delle Marmore, per poi connettersi all’asse ciclabile fra Norcia, Spoleto e Assisi”.    “Un nuovo segmento che va ad accrescere la rete dei percorsi ciclopedonali di cui si è dotata l’Umbria – dice l’assessore Cecchini – Lo sviluppo della mobilità ‘dolce’, quale quella a piedi, in bicicletta o cavallo, con una fruizione più attenta dei paesaggi rurali, del ricco sistema di fiumi, torrenti, laghi, del patrimonio architettonico e artistico, dei prodotti e delle tradizioni locali, ha già dato buoni frutti per la capacità di attrarre un numero crescente di turisti. Ne beneficia l’ambiente e allo stesso tempo ne beneficia, insieme ai cittadini, l’economia locale”.    La somma restante per la realizzazione del percorso ciclopedonale fra Terni e Narni, circa 480mila euro, verrà finanziata dalla Giunta regionale con un successivo atto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2018

FIRENZE | Completato il pre-esercizio della linea tranviaria 3, a giorni la messa in esercizio

di mobilita

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine dei lavori del Consiglio metropolitano, ha affermato che è stata completato il pre-esercizio della linea 3 e che potrebbe entrare in esercizio anche da domani. "Ci è stato comunicato da Gest che è ritenuto sufficiente il lavoro di esercizio a vuoto, ovvero l'ultima parte di pre-esercizio per assicurare la piena funzionalità della tramvia". "Da oggi, praticamente, siamo pronti a partire con la Linea 3 in ogni momento. Per quanto riguarda il lavoro del Comune, dei tecnici e del gestore siamo a posto. Pronti a partire anche domani mattina. Abbiamo fiducia nella commissione ministeriale, però non sta a noi indicare il giorno. L'importante comunque e' partire. Ora non ci sono più ostacoli. Dopodiché, per quanto riguarda la data esatta, dobbiamo aspettare il timbro della commissione tecnica, questo l'ultimo passaggio burocratico". Foto di copertina Sevy Vallarelli

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2018

Da domani chiusa l’ A19 in direzione Palermo tra Enna e Ponte Cinque Archi

di mobilita

Nell'ambito dei lavori di manutenzione del viadotto Morello sull'A19 "Palermo-Catania"  è necessario effettuare l'esecuzione di un intervento di ripristino localizzato su una soletta della carreggiata del viadotto già sottoposta a doppio senso di circolazione per via dei lavori di potenziamento e adeguamento in corso sulla carreggiata opposta. L'intervento, inizialmente programmato per la scorsa settimana e poi rimandato per avverse condizioni meteorologiche, avrà inizio alle ore 18 di domani, martedì 26 giugno. Come già avvenuto nel mese di aprile per un intervento analogo, sarà possibile tenere aperta la corsia in direzione Catania, dal momento che i lavori interesseranno la sola corsia utilizzata per i veicoli diretti verso Palermo.  Per tutta la durata dell'intervento di manutenzione, che avrà termine entro martedì 3 luglio, i mezzi pesanti diretti a Palermo potranno percorrere l'itinerario alternativo segnalato in loco con uscita obbligatoria allo svincolo di Enna (km 119,500), percorrenza della strada statale 117bis "Centrale Sicula", immissione sulla strada statale 121 "Catanese" in direzione Villarosa fino al km 126,000 ed immissione in autostrada allo svincolo di Ponte Cinque Archi. I veicoli leggeri diretti a Palermo potranno proseguire in autostrada fino al km 112,500, con uscita obbligatoria presso l'area di svincolo "Ferrarelle", percorrenza della strada statale 121 "Catanese" in direzione Villarosa fino al km 126,000 ed immissione in autostrada allo svincolo di Ponte Cinque Archi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2018

FIRENZE | Tramvia, l’Amministrazione incontra i cittadini

di mobilita

Parte martedì 26 giugno l’iniziativa d'informazione sul tema della nuova mobilità pubblica di Firenze, dal titolo: Tramvia e nuove linee Autobus. Maratone informative sul trasporto pubblico a Firenze. Quattro incontri in cui l’Amministrazione esporrà ai cittadini i cambiamenti e le prospettive della nuova mobilità, alla luce della prossima entrata in funzione dei due nuovi percorsi della tramvia: la prosecuzione della linea T1 da Santa Maria Novella a Careggi e la nuova linea T2 dall’Aeroporto a Santa Maria Novella. Questa rivoluzione comporterà la revisione di 37 linee di autobus e l’introduzione di nuove linee di trasporto urbano che permetteranno di collegare punti di interesse della città alle linee della tramvia. Gli incontri pubblici seguiranno la metodologia delle maratone dell’ascolto organizzato. Dopo una prima fase di presentazione del piano di mobilità pubblica, seguirà un approfondimento per gruppi di lavoro, moderato e condotto da facilitatori professionisti, alla presenza dei tecnici dei trasporti. In questo ambito sarà possibile porre le proprie domande e richieste di approfondimento Il programma 26 giugno, ore 17.30 presso il Palazzetto dello Sport in via Taddeo Alderotti 24 27 giugno, ore 21 presso EX3 in viale Donato Giannotti 75-81 4 luglio, ore 18 presso il Centro Sportivo Paganelli in viale Guidoni 208 6 luglio, ore 18 presso il PalaFilarete in via del Filarete 5  L’ iniziativa è aperta a tutti i cittadini, fino ad esaurimento posti. Per segnalare la propria partecipazione scrivere a: ascolto@comune.fi.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 giu 2018

REGIONE UMBRIA | Assegnati 30 milioni per piano infrastrutture

di mobilita

La bretella di collegamento fra lo stabilimento TK Ast di Terni con lo svincolo della Terni-Rieti, il completamento della complanare di Orvieto, interventi di miglioramento della sicurezza della Ferrovia centrale umbra, per i percorsi pedonali e ciclabili e sistemi di accesso ai centri storici, per la rigenerazione urbana: sono queste le opere che verranno realizzate con i circa 30 milioni di euro, a valere sulla programmazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc 2014-2020), assegnati definitivamente alla Regione Umbria. “È il coronamento del confronto e del lavoro che nei mesi la Regione Umbria ha portato avanti con il Governo Gentiloni e che giunge ora a compimento con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della delibera del Cipe che approva l’Addendum al Piano operativo infrastrutture e che ci permette di entrare nella fase operativa”. Lo ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, che ha illustrato nel dettaglio gli interventi che verranno finanziati, insieme all’assessore regionale alle infrastrutture, Giuseppe Chianella, nel corso dio una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il presidente di ANCI Umbria, Francesco De Rebotti, il commissario straordinario del Comune di Terni, Antonino Cufalo, il sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani, e l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Orvieto, Floriano Custolino. Presenti, inoltre il direttore regionale alla Programmazione, Lucio Caporizzi, e Cristiana Corritoro, del Servizio regionale Programmazione negoziata. “Particolarmente importante – ha detto la presidente Marini, che ha colto l’occasione anche per ringraziare il commissario del Comune di Terni Cufalo per il lavoro svolto in questi mesi – è la realizzazione della bretella stradale tra le acciaierie di Terni e la Terni-Rieti, infrastruttura inserita anche nell’accordo sull’Ast siglato al Mise, per la quale vengono messi a disposizione del Comune 2,5 milioni di euro. Altro intervento stradale strategico è il completamento della complanare di Orvieto: il primo tratto, sul quale abbiamo investito 14 milioni di euro, è stato aperto dal novembre scorso e ora, con 8 milioni di euro, verrà realizzato anche il secondo stralcio dell’opera”. Sono 5 i milioni di euro “che ci consentiranno di completare il piano di investimenti sulla Ferrovia Centrale Umbra, in particolare per il miglioramento della sicurezza. Assegneremo 7 milioni di euro per la realizzazione o completamento di percorsi pedonali e ciclabili, sistemi di mobilità alternativa per l’accesso ai centri storici. Infine proseguiremo nel sostegno agli investimenti per opere pubbliche di rigenerazione urbana, con circa 6,9 milioni di euro”. “Si tratta di una programmazione molto rilevante  - ha proseguito la presidente Marini - Sono stati così tutti accolti gli interventi di rilevanza strategica regionale, sia per quanto concerne le infrastrutture finalizzate alla sicurezza sia per quelle destinate alla valorizzazione dei territori, sotto il profilo dell’accessibilità e della attrattività turistica, che la Regione Umbria aveva posto lo scorso dicembre 2017 ai fini dell’inserimento nel Piano operativo Infrastrutture del Fondo per lo sviluppo e coesione 2014-2020”. “Una risposta importante alle necessità della nostra regione, per le comunità che da tempo aspettavano la realizzazione di opere strategiche come la complanare di Orvieto e la bretella stradale di Terni, per tutti i nostri cittadini” ha evidenziato l’assessore regionale Giuseppe Chianella che, dopo aver valutato positivamente le ricadute per gli umbri che deriveranno dal via libera alla Regione Lazio per il finanziamento del collegamento Terni_Civitavecchia, si è soffermato sulla Ferrovia Centrale Umbra. “I 5 milioni di euro dell’Addendum si aggiungono ai cospicui finanziamenti nazionali intercettati grazie a un lavoro quotidiano da parte della Giunta regionale. Grande rilevanza assume anche il recente decreto che riconosce la tratta sud della ferrovia, la Ponte San Giovanni-Terni, quale struttura di interesse nazionale, che significa la possibilità di attingere alle risorse gestite da Rete ferroviaria italiana”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 giu 2018

ROMA | Ripartiti i lavori per l’allargamento della Tiburtina

di mobilita

Ripartono i lavori su via Tiburtina. Come da programma, e come annunciato in quest'articolo, sono di nuovo aperti i cantieri per il completamento dell’opera che prevede l’allargamento della strada: il tratto di 6,5 chilometri tra la metro Rebibbia e l’incrocio con via Marco Simone diventerà a sei corsie, di cui due riservate al trasporto pubblico. L’appalto è stato sbloccato dopo anni di ritardi grazie a un accordo firmato il 13 aprile scorso dall’Amministrazione capitolina, che mette fine al contenzioso con il consorzio di imprese che si era aggiudicato i lavori nel 2009. Si è così risolta la vicenda complessa di un'opera del valore di circa 41 milioni di euro, ferma a causa di questioni burocratiche, varianti di progetto, costi lievitati e contenziosi con le aziende affidatarie dell’intervento. L’opera verrà dunque completata e la via Tiburtina, ampliata, sarà di nuovo pienamente fruibile.

Leggi tutto    Commenti 0