Articolo
12 mag 2017

Anas, Osservatorio del traffico: aumento del 4% su tutta la rete ad aprile 2017

di Roberto Lentini

Un aprile ricco di festività e ponti ha segnato al tempo stesso un aumento del traffico sul campione dei veicoli totali, grazie soprattutto alle partenze dei vacanzieri, ed una contrazione nel segmento dei mezzi pesanti, il cui fermo è stato oltre il doppio rispetto al mese precedente (106 ore a fronte di 52), sulla rete stradale e autostradale di oltre 26 mila km gestita da Anas. Nel mese di aprile l’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico ha registrato un aumento sui veicoli totali dell’1% rispetto a marzo 2017 e del 4% rispetto ad aprile 2016. Nell’ambito delle macro-aree, le percentuali sui veicoli totali sono così distribuite: a paragone con il mese precedente, aprile ha riportato un calo dell’1% al Nord, un incremento del 2% al Centro, al Sud e in Sardegna e del 3% in Sicilia; il confronto con aprile 2016 segnala una crescita del 2% al Nord, del 3% al Centro e del 4% al Sud. Numeri più alti in Sicilia e Sardegna, rispettivamente con il 6% e il 7%. I valori dell’IMR presentano una situazione in calo sul fronte dei veicoli pesanti causata dalle numerose ore di stop al transito: il numero dei mezzi decresce su tutto il territorio del 12% rispetto a marzo 2017 e del 4% a confronto con aprile 2016, che ha visto meno festività in calendario (Pasqua cadeva nel mese di marzo e non ci sono stati ponti). Analizzando invece nel dettaglio le percentuali delle macro-aree della penisola e delle due isole maggiori i dati sono così ripartiti: rispetto a marzo 2017, al Nord i numeri decrescono drasticamente del 15%, al Centro dell’11%, al Sud del 12%, del 10% in Sicilia e in Sardegna del 16%. Rispetto ad aprile 2016, il traffico dei mezzi pesanti si riduce al Nord con un - 7%, al Centro con un -2%, al Meridione con un - 3% e in Sicilia con un– 4%. Drastico il calo in Sardegna con un – 16%. A conferma degli spostamenti degli italiani determinati dalle festività i sensori di rilevamento hanno registrato perlopiù il loro picco massimo nei giorni di esodo e festivi, ovvero giovedì santo, il 13 aprile, il lunedì di Pasquetta, il 17 aprile, e venerdì 21, quello precedente al ponte del 25 aprile. Infatti, in quei giorni alcune strade hanno registrato numeri molto interessanti: ad esempio il Raccordo 08 “Per Porto Garibaldi” a Comacchio, in provincia di Ferrara, nel giorno di Pasquetta ha più che raddoppiato la media dei dati del mese con un passaggio di 22.146 veicoli, a fronte dei 10.864, già incrementati rispetto a marzo del 37,6% con 7.893 veicoli. Medesimo è il caso della strada statale 114 “Orientale Sicula”, che a Pasquetta fra le località di Carlentini e Augusta, in provincia di Siracusa, ha visto un passaggio di oltre 10.000 veicoli rispetto ai circa 5.000 della media giornaliera nel mese di aprile. L’arteria più trafficata della rete Anas resta però sempre il Grande Raccordo Anulare di Roma: lo scorso giovedì 13 aprile è stato il più trafficato con il passaggio di 165.158 veicoli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 feb 2017

Anas, Osservatorio del traffico: calo del 3% su tutta la rete a gennaio 2017

di Roberto Lentini

Battuta d’arresto a inizio anno delle percentuali di traffico sul campione della rete stradale e autostradale di 26.440,618 km gestita da Anas. Nel mese di gennaio, infatti, l’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico ha registrato, rispetto al primo e all’ultimo mese dell’anno precedente, un decremento sui veicoli totali, rispettivamente del 3% e del 5%. Nell’ambito delle macro-aree, il tasso di diminuzione dei veicoli totali è così distribuito: rispetto al mese precedente, gennaio ha riportato un calo dell’1% al Nord, del 3% al Centro, del 9% al Sud, del 5% sia in Sicilia che in Sardegna; a paragone con gennaio 2016, si registra la medesima diminuzione dell’1% al Nord e del 3% al Centro, meno 3% in Sicilia, meno 6% al Sud e in Sardegna. I valori dell’IMR presentano una situazione similare sul fronte dei veicoli pesanti: il numero dei mezzi decresce del 3% rispetto al dicembre 2016 e aumenta dell’1% a confronto con l’inizio dello scorso anno. Analizzando invece nel dettaglio le percentuali delle macro-aree della penisola e delle due isole maggiori i dati sono così ripartiti: rispetto a dicembre 2016, al Nord i numeri crescono del 3%, restano invariati al Centro, mentre calano drasticamente al Sud del 9%, del 4% in Sicilia (un dato in controtendenza rispetto alla grande ripresa dell’anno appena concluso quando a giugno aveva toccato punte in positivo del 18%) e in Sardegna. Rispetto a gennaio 2016, il traffico dei mezzi pesanti cresce al Nord con un + 2%, al Centro con un + 4%, contrazione al Meridione con un - 1% e in Sardegna con un – 2%. Stabile in questo particolare caso la Sicilia. L’arteria più trafficata della rete Anas è, come sempre, il Grande Raccordo Anulare di Roma: lo scorso venerdì 27 gennaio è stato il giorno più trafficato con il passaggio di 162.778 veicoli.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 gen 2017

Anas, Osservatorio del traffico: +2,45% su tutta la rete nel 2016

di Roberto Lentini

Il 2016 si è rivelato un anno di crescita per il traffico sulla rete stradale e autostradale di oltre 26 mila km gestita da Anas a paragone con il 2015. Nell’anno appena concluso, infatti, l’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico, analizzato lungo le infrastrutture principali ha registrato un incremento del 2,45% dei veicoli totali rispetto all’anno precedente, nonostante la diminuzione delle percentuali nell’ultima fase dell’anno. Dicembre ha infatti registrato un meno 5% sui veicoli totali a paragone con lo stesso mese dell’anno precedente, mentre i veicoli pesanti si fermano ad un calo del 4%. Scomponendo i dati per le macro-aree e confrontandoli con il 2015, l’anno appena concluso ha portato a un 1,6% in più al Nord, quasi un più 1% al Centro Italia e un più 3,5% al Sud. Sfiora invece un più 2% la Sardegna e raggiunge un picco del 5,6% la Sicilia. Sul fronte del segmento dei veicoli pesanti, al raffronto con il 2015, l’IMR rileva un incremento sull’intera rete viaria del 4%, così suddiviso all’interno delle macro-aree e delle due isole maggiori: al Nord con un +0,2%, al Centro e in Sardegna sfiora un +2%, al Sud sale al 6,4%, in Sicilia vola all’11,2%. Proprio la Sicilia, infatti, ha offerto sempre dati molto positivi e interessanti nell’intero arco dell’anno; ad esempio, per il segmento dei mezzi pesanti, ha registrato un incremento del 18% a giugno e del 17,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dove è stata determinante la riapertura della carreggiata in direzione Palermo dell’Autostrada A19 “Palermo-Catania”. Altri esempi significativi di aumento del volume di traffico legati a nuova viabilità nel corso del 2016 hanno riguardato le regioni Marche ed Umbria che, con l’apertura al traffico del 28 luglio della strada statale 77 “della Val di Chienti” (direttrice Foligno-Civitanova Marche), ha registrato rispetto al 2015 un incremento di 3.000 unità al giorno sia nei mesi di agosto che di settembre. L’arteria più trafficata della rete Anas è stata costantemente il Grande Raccordo Anulare di Roma, dove ad esempio giovedì 22 dicembre ha registrato il passaggio di 165.839 veicoli.

Leggi tutto    Commenti 0