Articolo
13 mag 2020

NAPOLI | La Stazione della Cumana di Bagnoli cambia nome: si chiamerà “Bagnoli – Città della Scienza”

di mobilita

Un nuovo nome per la storica stazione della Ferrovia Cumana di "Bagnoli", che da oggi 12 maggio diventa "Bagnoli - Città della Scienza", a seguito del protocollo d'intesa firmato a luglio 2019 tra la Fondazione Idis-Città della Scienza e l'Ente Autonomo Volturno, testimoniando l'integrazione tra vocazione del territorio e servizi primari, nell'ottica della rispettiva valorizzazione dei patrimoni materiali e immateriali. Un riconoscimento dall'alto valore simbolico per Città della Scienza, volto a sottolineare in particolare la funzione di presidio culturale e sociale che essa svolge sul territorio e nel quartiere. La nuova denominazione consentirà inoltre agli utenti una maggiore facilità di individuazione della stazione limitrofa al sito museale e al Pontile Nord. Il nuovo "naming" della stazione, con la conseguente sostituzione di mappe e orari della linea, farà da volano al trinomio dello sviluppo sostenibile dell'area di Bagnoli: trasporti, cultura e turismo.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
27 apr 2020

NAPOLI | Le azioni di EAV per la fase 2

di mobilita

EAV sta seguendo con attenzione e preoccupazione le direttive del Governo sul trasporto pubblico da porre in essere nella fase due, a partire dal 4 maggio e poi dal 18 maggio. Oggi si ha una frequentazione pari a circa il 10% dei passeggeri abituali. Riteniamo che in sicurezza questa percentuale possa arrivare al 25%. Soltanto in questo modo si potrà assicurare il cosiddetto distanziamento sociale. In realtà nel nuovo DPCM non è chiarissimo che sui treni delle ferrovie isolate e sulle metropolitane vada rispettato questo limite rigorosamente. La giunta di ASSTRA nazionale (associazione di categoria aziende trasporto), di cui il Presidente EAV Umberto De Gregorio fa parte, ha chiesto un chiarimento e si batte per un'interpretazione estensiva. Il tema è: chi controlla su treni e bus il rispetto della misura? In caso di emergenza dovranno essere chiamate le forze dell'ordine, fermare il treno o bus, il tutto con evidenti gravi ripercussioni sulla regolarità del servizio. Sarebbe il caos. Quindi sarà necessario un grande senso di responsabilità da parte degli utenti, di autocontrollo e di rispetto delle regole. Occorre lasciare il trasporto pubblico, in questa fase, a chi ha necessità di muoversi per lavoro o gravi motivi. Prendiamo ad esempio un treno della Circumvesuviana. La capienza è di 396 posti, di cui solo 120 seduti. Per rispettare il distanziamento sociale possiamo arrivare a 102 posti, di cui 60 seduti. Siamo quindi al 25% circa. Sarebbe sufficiente? Le azioni che porremo in essere (o abbiamo già posto in essere) sono le seguenti: Uso obbligatorio delle mascherine; Dispenser disinfettanti nelle stazioni; Sanificazione quotidiana di treni, bus e stazioni; Campagna per GoEAV (biglietti online); Nessun controllo e acquisto biglietti su treni e bus; Controllo ad accessi (stazioni); Chiusura di alcune stazioni impresenziate a bassa frequentazione; No a misura temperatura per utenti, sì a misura temperatura per dipendenti (sperimentazione); Separazione di posizioni su treni e bus (per rispettare il distanziamento sociale); Protezione guidatore da passeggeri; Incentivo smart working dipendenti ed entrate in ufficio distribuite in tre fasce orarie (tra le 8 e le 11); In casi di emergenza affollamento banchine chiusura temporanea stazioni di Montesanto e Garibaldi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 apr 2020

NAPOLI | EAV ripristina la fermata nella stazione ferroviaria di Rotondi-Paolisi

di mobilita

EAV comunica che in seguito alla cessata “zona rossa” disposta durante l’emergenza epidemiologica da covid-19 che ha interessato il Comune di Paolisi,  il ripristino del transito del bus, sostitutivo del servizio ferroviario, nel comune di Paolisi, con l’ effettuazione della fermata nella stazione ferroviaria EAV di Rotondi-Paolisi della linea Benevento-Cancello-Napoli così come da percorso originario.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, orari bus per Pasqua e Pasquetta

di Antonio Somigliato

Poche ore fa, l’Ente Autonomo Volturno ha annunciato, tramite un post sulla pagina ufficiale Facebook con link al comunicato stampa sul sito aziendale, che ci saranno delle limitazioni per alcune autolinee a servizio di Napoli e provincia, sia in termini di orario che di tracciato, nei giorni di Pasqua e Lunedì in Albis (12 e 13 Aprile pp.vv.). Le autolinee in questione sono: Baia-Torregaveta; Boscoreale-Torre Annunziata; Urbani di Castellammare (2N e 12R); Linee per l'Ospedale del Mare (Ercolano, S.Giorgio a Cremano, S.Sebastiano al V.-Cercola); Linee dell'isola d'Ischia (3-7, 14, 16, 21-22, C12-13, dx-sx); Marine di Sorrento; Meta-Massa Lubrense; Linee per Napoli (Monte di Procida, Sarno, Scafati, Nola-Monteforte Irpino); Napoli ospedale Monaldi-Monte di Procida; Napoli piazzale Tecchio-Monteruscello; Circolare "rossa" di S.Giorgio a Cremano; Navetta del porto di Napoli; Urbano di Bacoli; Urbano di Pomigliano d'Arco; Urbani di Torre del greco (Circolare B, linee C-F); Torregaveta-Monte di Procida; Circolare ridotta di Vico Equense. Per maggiori dettagli, si consultino le singole voci (PDF) nel comunicato ufficiale cliccando QUI.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2020

NAPOLI | EAV, interdizione transito auto-ferroviario in Madonna dell’Arco

di Antonio Somigliato

L’Ente Autonomo Volturno, tramite due diverse note stampa di ieri 07/04/2020 ed oggi 08/04/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che per Sabato 11/04/2020 e i giorni seguenti è stato interdetto il traffico per la frazione di Madonna dell'Arco nel Comune di Sant'Anastasia (NA), sia della Circumvesuviana Napoli - Sarno che delle autolinee di supporto alla stessa. In particolare, per il traffico ferroviario, le stazioni interdette nella sola giornata di Sabato sono sia "Madonna dell'Arco" che "S.Anastasia". Per il traffico autoviario, invece, è la sola frazione di Madonna dell'Arco ad essere interdetta al servizio ma per tutto il periodo pre- e post-pasquale (da Sabato 11 a Lunedì 13): i bus provenienti da Carbonara di Nola, transiteranno per la SS268 "del Vesuvio" da Sant'Anastasia a via Argine; viceversa per quelli provenienti da Napoli. Entrambi i provvedimenti sono stati presi come misura cautelare da emergenza Coronavirus per evitare possibili assembramenti per celebrazioni religiose, in ossequio all'ord. 27/2020 della Regione Campania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2020

CAMPANIA | Le linee EAV su ferro chiuse nei giorni di Pasqua e Pasquetta

di mobilita

Le linee EAV su ferro nei giorni di Pasqua e Pasquetta quest'anno saranno chiuse, in accordo con le indicazioni diramate dal Presidente della Regione Campania, per evitare possibili assembramenti. Richiesta in tal senso è giunta anche da numerosi sindaci del territorio. Sino al giorno 14 aprile, infatti, sono vietati gli spostamenti se non per motivi di grave necessità. I treni EAV viaggiano con pochissimi passeggeri nei giorni feriali; nei giorni festivi i passeggeri si contano in poche decine. Si ha motivo di ritenere che i passeggeri che si spostano per motivi di grave necessità nei giorni di Pasqua e Pasquetta siano ancora meno dei normali giorni festivi. Chi ha bisogno di spostarsi sui nostri itinerari per gravissimi e documentati motivi (personale della sanità, Protezione Civile o simili) deve inviare una richiesta documentata a [email protected] specificando il motivo dello spostamento (documentandolo), gli orari, la stazione di partenza e quella di arrivo, entro domani mercoledi 8 aprile ore 18. Per tali utenti, che svolgono quindi un lavoro legato all'emergenza sanitaria e che non hanno possibilità di trasporto privato, verrà attivato un servizio sostitutivo dedicato alle ore 7 di mattina del giorno di Pasqua (domenica 12 aprile) e alle ore 7 di mattina e alle ore 18 di sera del giorno di Pasquetta (lunedì 13 aprile). Il servizio su gomma invece funzionerà regolarmente sino alle ore 13 sia il giorno di Pasqua che di Pasquetta

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mar 2020

CAMPANIA | EAV, accordo sindacale compensativo delle perdite da Covid-19

di Antonio Somigliato

L’Ente Autonomo Volturno, tramite una nota stampa di Giovedì 26/03/2020 sul proprio sito web aziendale rimbalzata parimenti da un video-post sul profilo personale Facebook del presidente del Consiglio di Amministrazione (Umberto de Gregorio), rende noto che, sulla scia di quanto si è fatto i giorni scorsi, «si è raggiunto un accordo quadro con tutte le organizzazioni sindacali per attivare ammortizzatori sociali che compensino la perdita da ricavi da traffico stimata su base mensile»: tra le misure più importanti, degne di segnalazione sono la cassa integrazione che «riguarderà circa il 20 per cento della forza lavoro (pari a circa 500 lavoratori) per nove settimane, a fronte di una riduzione del servizio di circa il 50 per cento, di una riduzione dei passeggeri pari al 90 per cento», e la proposta avanzata dall'azienda «di riduzione del 10 per cento dello stipendio lordo per tutti i lavoratori». È possibile leggere il comunicato ufficiale cliccando sulla voce sottosegnata soprastante. Più interessanti, invece, sono le considerazioni poste nel video al post sul profilo del presidente de Gregorio (anch'esso visionabile allo stesso modo della comunicazione), di cui a seguire si riporta la trascrizione. Ho molte domande, ho molte preoccupazioni da parte dei lavoratori dell’Eav, da parte del settore del trasporto, da parte di coloro i quali sperano di poter entrare nell’Eav perché hanno fatto un concorso pur cui si accingevano ad essere assunti; io volevo rasserenare tutti, nel senso che l’Eav è un’azienda solida: forse tre anni fa non avrebbe retto a questa crisi, oggi regge perché ha un patrimonio di centocinquanta milioni [di Euro], ma dobbiamo preoccuparci perché non preoccuparci sarebbe da incoscienti. Noi perdiamo circa tre milioni di Euro di ricavi da traffico al mese in questa situazione, in tutta Italia duecento milioni di Euro al mese perdono tutte le aziende del trasporto pubblico locale: tutte le aziende, anche le più importanti, anche le più grosse del nord, anche Trenitalia, stanno attivando degli ammortizzatori sociali; lo fa anche l’Eav, per nove settimane -per ora-, riguarderà circa 500 lavoratori, ma i lavoratori non perderanno un solo Euro, perché la parte che non è coperta dal fondo verrà coperta da Eav. È un accordo che raggiungiamo insieme a tutti i sindacati ed, insieme a tutti i sindacati, abbiamo interesse a fare un’azione comune perché il Governo sostenga con adeguati mezzi finanziari quello che è il settore che è più esposto da questa crisi sanitaria, cioè il settore dei trasporti -ovviamente, dopo il settore sanitario. Chi è che è più esposto, chi è che è in prima linea? I lavoratori degli ospedali -i medici, gli infermieri-, e poi, secondo me, vengono proprio i lavori che sono in prima linea perché guidano i pullman, guidano i treni: io li ho chiamati “capitani coraggiosi”, e i capitani coraggiosi vanno tutelati. Quello che noi vogliamo fare oggi, mantenendo sana l’azienda, è per domani, facendo una battaglia affinché, quello che si perde con i ricavi da traffico, possa essere compensata da risorse straordinarie messe in campo dallo Stato -o dalla Regione-, perché è chiaro che noi oggi siamo aperti perché stiamo svolgendo un servizio pubblico essenziale: i nostri treni sono praticamente vuoti, abbiamo perso il novanta percento degli utenti, il novanta percento dei ricavi da traffico, ma siamo aperti; ma è chiaro che, per poter reggere, abbiamo bisogno di un supporto da parte di tutti coloro i quali hanno il dovere di farlo. Non so quale saranno gli effetti di questa crisi sulle altre aziende di trasporto, in particolare mi preoccupo ovviamente della Campania. Noi siamo solidi ma ci dobbiamo preoccupare, però, non dell’aspetto patrimoniale: l’Eav certamente non rischia il fallimento, oggi, è un’azienda sana; ma dall’aspetto finanziario, nel breve e medio termine, ci dobbiamo preoccupare perché dobbiamo tutelare i lavoratori dell’Eav, ma dobbiamo tutelare anche i lavoratori dell’indotto -quelli che fanno le pulizie, tutti i fornitori-, perché molto spesso questi lavoratori sono più esposti, sono meno tutelati, e quindi io ho il dovere di garantire come abbiamo fatto in questi anni la puntualità dei pagamenti. Non ci preoccupiamo soltanto di pagare gli stipendi, ci preoccupiamo anche che chi lavora per noi e con noi sia tutelato alla stessa maniera dei nostri lavoratori. Quindi, ci vuole grande attenzione; il fatto che Eav sia un’azienda che ha prodotto utili -gli utili, ovviamente, non vuol dire solo i “soldi nel cassetto” come qualcuno buon esperto di bilanci può credere-, vuol dire che l’azienda ha un rapporto tra capitale e debiti molto sano, molto equilibrato, addirittura uno dei migliori in Italia, ma non vuol dire che abbiamo decine di milioni nei “cassetti” disponibili per sopperire ai problemi che oggi invece la crisi ci pone: allora il problema deve essere chiaro, non è soltanto in queste settimane -dal mio punto di vista-, la crisi è una crisi che durerà a lungo, quando riprenderà il servizio pieno non vorrà dire che avremo i vagoni pieni, ci vorrà del tempo… è una crisi che secondo me sconvolgerà il nostro settore, ma non solo il nostro settore, quindi dobbiamo capire che dobbiamo mettere un po’ tutto in discussione, con serenità ma con rigore. Oggi, al tavolo dei sindacati, io ho abbozzato anche due proposte: la prima, di sospendere tutte le premialità, i premi di produzione; la seconda, di ridurre tutti gli stipendi, a partire dai dirigenti, del dieci percento per qualche mese. Questa proposta verrà esaminata, giustamente, mi si dice: «Vediamo come funziona questa crisi nei prossimi mesi, e ne parliamo»; va bene? Ma, è chiaro, che noi dobbiamo pensare che lo scenario che abbiamo davanti non è uno scenario di assoluta tranquillità, nel senso che dobbiamo, molto probabilmente, rivedere molte cose. Su una cosa soltanto io non ho alcun dubbio: le assunzioni e gli investimenti non si devono fermare; questo è un obiettivo irrinunciabile, davanti al quale tutti devono fare un passo indietro. Quindi: tutela dei lavoratori, tutela del progetto di sviluppo, tutela dei conti -equilibrio dei conti-, grande attenzione al tema della occupazione -della nuova occupazione-, e quindi di fornire un servizio efficiente ed adeguato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2020

CAMPANIA | EAV, assicurazione da Covid-19 per tutti i dipendenti

di Antonio Somigliato

L'Ente Autonomo Volturno, tramite una nota stampa di Lunedì 23/03/2020 sul proprio sito web aziendale, rende noto che è stata stipulata, sulla scia dell'A.N.M., una polizza assicurativa a tutela di tutti i dipendenti: questa, come si legge nella nota, comprende «coperture più ampie rispetto a quelle previste dal prodotto standard proposto al settore da molte compagnie», ossia «l’erogazione di un’indennità forfettaria nel caso di risultato positivo degli accertamenti relativi alla presenza delle sindromi influenzali di natura pandemica che comporti quarantena obbligatoria imposta dall’Autorità Sanitaria competente»; a seguire, il testo integrale dove si possono notare il resto dei dettagli e i motivi alla base di tale scelta. Polizza Coronavirus attivata per tutti i lavoratori Eav In un momento così tragico per l’Azienda e per il Paese, EAV, la cui attività rientra tra quelle produttive essenziali per le quali non è prevista sospensione, ha deciso di stipulare una polizza Coronavirus per tutti i suoi lavoratori (“eroi” come riportato qualche giorno fa dai giornali, visto che non si registra, tra loro, quasi alcun aumento di assenteismo). Attivata su richiesta delle organizzazioni sindacali e sulla scia di quanto stanno facendo altre aziende locali e nazionali del settore, la polizza sottoscritta da Eav prevede, tuttavia, coperture più ampie rispetto a quelle previste dal prodotto standard proposto al settore da molte compagnie. Oltre alle diarie da ricovero, alla base di quasi tutte le polizze di questo tipo, la copertura assicurativa attivata da EAV prevede, infatti, l’erogazione di un’indennità forfettaria nel caso di risultato positivo degli accertamenti relativi alla presenza delle sindromi influenzali di natura pandemica che comporti quarantena obbligatoria imposta dall’Autorità Sanitaria competente. Si tratta di una scelta, a favore dei lavoratori, dettata soprattutto dall’analisi del contagio che si sta registrando in Regione Campania: un contagio che comporta, per la maggior parte dei malati, una degenza domiciliare piuttosto che ospedaliera: degenza domiciliare per la quale, una polizza standard, non avrebbe previsto alcuna indennità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mar 2020

NAPOLI | EAV, autolinea a servizio sostitutivo della Linea 2 FS

di Antonio Somigliato

Nella giornata di Giovedì 19/03/2020, l'Ente Autonomo Volturno ha annunciato tramite un post sulla pagina ufficiale Facebook, con anticipo rispetto al comunicato ufficiale di ieri su FSNews, che anche per questo questo fine settimana ci sarà una modifica dei servizi sfruttanti il passante ferroviario sotterraneo di Napoli, così come è stato per i giorni 7 e 8 Marzo da oltre un anno a questa parte per i lavori di rimodulazione del fabbricato viaggiatori nella stazione di NAPOLI - Piazza Amedeo: nel fare tale annuncio, l'azienda ha comunicato che verrà istituita un'autolinea di supporto a servizio sostitutivo della sola Linea 2 "breve" ed in variante costiera, parimenti all'autolinea 151 dell'Azienda Napoletana Mobilità, che svolgerà un servizio ridotto anche a causa dell'attuale emergenza da Covid-19. Servizi aggiuntivi nelle giornate di chiusura della Linea Metro 2 Seppur con le difficoltà causate dall’emergenza sanitaria, anche nel prossimo fine settimana, 21 e 22 marzo, seppur in maniera ridotta, EAV collaborerà con Trenitalia ed ANM, su richiesta della Regione Campania, per sopperire alla chiusura della Linea 2 Metro, sulla tratta Napoli S. Giovanni – Barra/Napoli Campi Flegrei. La Società, nelle giornate in questione, metterà a disposizione 2 autobus che opereranno tra le 7.00 e le 17.30 circa nelle giornate di sabato e tra le 8.30 e le 18.30 circa nelle giornate di domenica sulla tratta Piazza Garibaldi – Piazzale Tecchio, secondo i percorsi: andata piazza Garibaldi, corso Garibaldi, via Marina, piazza Municipio, via Acton, via Riviera di Chiaia, Mergellina, galleria, viale Augusto, piazzale Tecchio; ritorno piazzale Tecchio – via Giulio Cesare – galleria – piazza Sannazzaro – Riviera di Chiaia – via Acton – via Marina – corso Garibaldi – piazza Principe Umberto - piazza Garibaldi. Si fa infine presente che, come da comunicato ufficiale delle Ferrovie dello Stato: «I collegamenti con Salerno, Castellammare di Stabia e Torre Annunziata Centrale avranno capolinea nella stazione di San Giovanni Barra, dove sarà attivo un servizio di bus da e per Napoli Centrale»; nonché, «la stazione di Campi Flegrei sarà capolinea per i collegamenti con Pozzuoli, mentre alcuni treni da e per Caserta avranno origine o fine corsa a Napoli Centrale».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mar 2020

NAPOLI | Nuova autolinea EAV Napoli – Torregaveta di supporto alla Cumana

di Antonio Somigliato

Con un post che riprende lo stesso pubblicato sul profilo privato del presidente Umberto de Gregorio, l'Ente Autonomo Volturno annuncia che a partire da ieri, Martedì 17/03/2020, viene istituita una nuova autolinea di supporto alla ferrovia Cumana, ridimensionata nel servizio al punto da chiudere alle 20:00, a partire dal precedente Giovedì 12 a seguito dell'ordinanza 14/2020: l'autolinea, come si legge nel post, è stata istituita per venire incontro alle esigenze del personale dell'ospedale "Pellegrini", vicinissimo al capolinea napoletano della suddetta ferrovia in piazza Montesanto, che si troverebbe manchevole di un collegamento che riporti a casa lo stesso dopo il turno ospedaliero terminante alle 20:00. EAV X PELLEGRINI Su richiesta del personale dell’ospedale dei Pellegrini ed in accordo con la ASL Napoli 1 e la Regione Campania, verrà istituita una specifica navetta gomma che partirà alle ore 20:30 dal Museo Nazionale e proseguirà per Torregaveta, seguendo sostanzialmente il percorso della Cumana, che chiude alle ore 20:00 in base ai nuovi orari da emergenza Coronavirus. Valuteremo ulteriori azioni e linee dedicate al personale del Pellegrini nei prossimi giorni coordinandoci con le esigenze specifiche evidenziate. Grazie al personale sanitario per il grande lavoro svolto a favore della nostra comunità. E grazie al nostro personale, sensibile e responsabile. · Percorso: via Pessina - piazza Dante (20.32) salita viaggiatori - via Toledo (Roma) - piazza Carità - piazza Matteotti – via Sanfelice - piazza Bovio (Borsa) - via Depretis - piazza Municipio - via Acton - Riviera di Chiaia - via Piedigrotta - a destra per corso Vittorio Emanuele - via Giordani - stazione CUMANA CORSO - ridiscende per il corso - Galleria 4 Giornate - viale Augusto, piazza Lala (prossimità stazione FUORIGROTTA) - MOSTRA - viale Kennedy – EDENLANDIA - via Nuova Agnano - via Diocleziano (prossimità stazione BAGNOLI) – alla rotonda di Bagnoli torna indietro su via Diocleziano – via Nuova Agnano – via Domiziana fino a Pozzuoli - piazza F. Capomazza - via Pergolesi - stazione Cumana POZZUOLI - via Fasano - stazione CANTIERI - via Annecchino - stazione ARCO FELICE - via Miliscola - stazione di LUCRINO - via Montegrillo - via Terme Romane (Sella di Baia) - stazione FUSARO - via Giulio Cesare - stazione TORREGAVETA.

Leggi tutto    Commenti 0