01 feb 2018

L’Europa in movimento: città e regioni per la decarbonizzazione e una transizione socialmente equa del trasporto su strada


“Modernizzare il settore europeo del trasporto stradale in modo efficiente, sostenibile e socialmente equo” è stato al centro della discussione di due pareri adottati durante la sessione plenaria del Comitato europeo della regione (CdR) ogg 1 ° febbraio. 

I pareri si basano sull’iniziativa della Commissione europea “L’Europa in movimento”, che mira ad aiutare il settore dei trasporti a rimanere competitivi in ​​una transizione socialmente equa verso l’energia pulita e la digitalizzazione.  

“L’ Europa in movimento ” è una serie di iniziative ad ampio raggio della Commissione europea per intraprendere azioni per modernizzare radicalmente la mobilità e i trasporti europei. La prima serie di otto iniziative legislative riguarda in particolare il trasporto su strada, che è di grande importanza per la competitività economica delle città e delle regioni, nonché per il rafforzamento della coesione sociale, economica e territoriale nell’UE.

” Il trasporto su strada è un settore caratterizzato da forti disparità nella legislazione e retribuzione del lavoro: le differenze nelle condizioni di lavoro possono provocare distorsioni della concorrenza e compromettere la sicurezza stradale, ad esempio quando si tratta del calcolo del tempo di riposo dei conducenti “, ha affermato Spyros Spyridon.

Il problema è principalmente l’assenza di un livello sufficiente di coesione sociale tra Stati membri e regioni, come confermato da un’elevata differenza di standard di vita sociale ed economica. 

“Il problema è particolarmente acuto nelle regioni transfrontaliere, dove vi sono differenze significative negli standard di vita da entrambi i lati della frontiera. Se aumentiamo la coesione, il divario salariale si ridurrà, rendendo superflue molte regole di lavoro e di cabotaggio * e il rischio di dumping sociale e di distorsione della concorrenza sarà ridotto. Fino a quando raggiungeremo questo obiettivo, un’indennità giornaliera ponderata basata sul PIL pro capite sarebbe una soluzione innovativa per semplificare l’attuale procedura di registrazione amministrativa onerosa e costosa. Potrebbe essere pagato ai conducenti in base sia al paese che fornisce il lavoro di trasporto che al paese in cui si trova la compagnia di trasporto “, ha affermato Spyridon.

Il parere accoglie con favore la maggiore flessibilità delle condizioni di tempo e di riposo, ma chiede una definizione più chiara dei tempi di guida, nonché la creazione di aree di parcheggio sicure e sicure affinché il riposo non comporti il ​​controllo delle merci trasportate. Il relatore ha inoltre sottolineato la sistematizzazione degli audit e lo scambio di informazioni tra le autorità di controllo tramite tachigrafi intelligenti e altre banche dati informatiche comuni.

Ivan Žagar , (SI / PPE) Sindaco di Slovenska Bistrica ha detto:

“Il trasporto è l’unico settore in cui le emissioni di CO 2 sono ancora superiori ai livelli del 1990 e continuano a crescere in molti Stati membri: il solo trasporto su strada contribuisce quasi a un quinto delle emissioni totali di gas serra dell’UE. ruolo nella decarbonizzazione, ma dobbiamo procedere con cautela, perché se i pedaggi non vengono implementati correttamente e se, ad esempio, il traffico esce dalle reti a pedaggio e sulle strade locali, la popolazione locale ne risentirà maggiormente “, ha affermato Žagar.

Il relatore ha inoltre accolto con favore il passaggio ai pedaggi basati sulla distanza percorsa, poiché sono più equi di quelli a tariffa fissa per l’uso stradale, ma ha avvertito che il calcolo dei pedaggi non dovrebbe compromettere la coesione sociale e territoriale e tenere conto delle differenze tra regioni in termini della densità del traffico e della distanza tra centri commerciali e residenziali.

Sottolinea inoltre che gli Stati membri dovrebbero essere tenuti a reinvestire almeno il 15% dei loro introiti da pedaggio nelle infrastrutture locali e regionali. Ciò sarebbe particolarmente utile nelle regioni scarsamente popolate e periferiche per garantire la sostenibilità di tali sistemi e una migliore connessione con la rete europea, portando a una maggiore coesione territoriale.


CdRComitato europeo della regioneEuropa in movimento


Lascia un Commento