Articolo
06 nov 2017

ROMA | Oggi parte la razionalizzazione del trasporto di superficie in zona Trigoria

di mobilita

Scatta oggi, lunedì 6 novembre, la razionalizzazione del trasporto di superficie in zona Trigoria (Municipio IX). Nuovi itinerari per le linee 707, 722 (che cambia capolinea) e C13. Istituita una nuova linea, il 795, ad esclusivo servizio del quartiere con percorso che copre le tratte disattivate del 707 e del 722. In via Gustavo d'Arpe è attivo un nuovo capolinea da dove partono le linee 707 e 722, i due collegamenti diretti ai principali obiettivi dell'utenza (Eur e metro B). L'offerta è stata poi integrata dalla nuova 795 che unisce piazzale Dino Viola a via Antonino Giuffré. “La nuova cartina di bus del quadrante s’inserisce perfettamente nella logica di riorganizzazione che stiamo mettendo in atto a favore delle periferie della nostra Capitale. Le linee sono state ripensate per facilitare gli spostamenti dei pendolari, dei residenti e di chi si muove negli orari di maggior flusso”, dichiara l’assessora alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo. “La nuova rete è stata istituita per rendere più efficiente il servizio per le scuole e gli uffici, ottimizzando il tragitto delle tre linee. La campagna d’informazione per illustrare le diverse fermate è iniziata già da una settimana. Questa è la nostra risposta alle necessità della zona e speriamo che i nuovi collegamenti possano migliorare considerevolmente la vita dei cittadini”, conclude la Meleo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 nov 2017

Mobilità sostenibile nel mondo: Hong Kong al primo posto. Milano al 18° posto

di mobilita

La mobilità é un elemento chiave del buon funzionamento di una città. Il dossier “Sustainable Cities Mobility Index” analizza la performance globale dei sistemi di mobilità di 100 città del mondo. Tramite la selezione di 23 criteri di valutazione, sono state selezionate 100 città ed il report permette di dare una classifica indicativa di ognuna nonché la durabilità delle loro infrastrutture. L’obiettivo é quello di mettere in evidenza quali sono le soluzioni per le città per progredire nella mobilità urbana sostenibile. L’Index è stato compilato per Arcadis dal Centre for Economic and Business Research (Cebr) ed esplora la mobilità attraverso la valutazione di tre sotto-indici della sostenibilità - sociale (People), ambientale (Planet) ed economico (Profit) - ciascuno dei quali costruito su diversi indicatori. Spinta da una metropolitana innovativa e ben collegata e dalla elevata quota di viaggi effettuati con i mezzi pubblici, Hong Kong raggiunge molti degli obiettivi di un efficace sistema di trasporto urbano, consentendo una mobilità globale, creando opportunità economiche e arricchendo la vita di cittadini, imprese e turisti. Zurigo, Parigi e Praga sono le città europee con la miglior posizione nella classifica mondiale – rispettivamente seconda, terza e quarta - con punteggi elevati nei sotto-indici Planet e Profit, grazie a infrastrutture consolidate, metropolitane efficienti e impegno nella green technology Anche le città asiatiche si posizionano in alto, occupando tre dei primi dieci posti. Realtà sviluppate quali Seul e Singapore vengono premiate da moderni sistemi di metropolitana, grandi aeroporti e basso utilizzo di veicoli privati. Altre città asiatiche sono state penalizzate dai livelli di inquinamento urbano e di emissioni. Le prime dieci città del sotto-indice Planet sono tutte europee, con le città tedesche ai primi tre posti. Le città più sviluppate d’Europa hanno contribuito a far progredire il programma di riduzione delle emissioni con eccellenti infrastrutture per biciclette, l’impegno nella green technology e l’utilizzo di veicoli elettrici. Le città europee dominano anche il sotto-indice Profit, coprendo sette dei primi dieci posti. Molte di esse hanno investito tanto in infrastrutture di mobilità, privilegiando il trasporto pubblico e aiutando a ridurre i tempi di spostamento dei pendolari. Londra si trova nelle ultime tre posizioni sia per i tempi di spostamento dei pendolari che per congestione e ritardi. Parigi ha uno dei sistemi di trasporto più utilizzati a livello mondiale mentre Amsterdam e Stoccolma primeggiano per quanto riguarda il “pendolarismo attivo” (quota di pendolari che si recano a lavoro in bici o a piedi). Milano e Roma – Le due città italiane si posizionano rispettivamente al 18° e al 40° posto della classifica globale dell’Index e al 13° e 25° tra le 32 città europee. Nel sotto-indice People, Milano occupa il 28° posto (14° tra le città europee), mentre Roma è solo al 53° (25° in Europa). Milano, con Dublino, Edimburgo, Seul e Tampa, è prima per “rider connectivity”, potendo garantire ai viaggiatori connessioni Wi-Fi e 2g/3g/4g nei tunnel e nelle stazioni della metro e sugli autobus, per una fruibilità costante dei dispositivi mobile. Il capoluogo lombardo si posiziona bene anche per “quota di viaggi totali effettuati con mezzi pubblici” (21° posto a livello globale e sesto in Europa), contesto in cui Roma si trova solo al 61° posto (24° in Europa). Entrambe le città, inoltre, si collocano nella seconda metà della classifica per “pendolarismo attivo”, ossia la quota di pendolari che si recano a lavoro in bici o a piedi: Milano, insieme ad altre tre città, è alla posizione 54 (23 in Europa) e Roma alla 60 (27 in Europa). Molto simile è la situazione delle due città nella classifica globale del sotto-indice Planet, con Milano al 14° posto (13° in Europa) e Roma al 16° (14° in Europa). Non sono positivi i valori di entrambe per i livelli di inquinamento atmosferico, che vede nei trasporti una delle fonti principali: Roma, alla pari con Parigi, è al 55° posto (26° in Europa), più giù ancora Milano (64° a livello globale e 30° in Europa). D’altronde, Roma fa male in termini di congestione e ritardi dei trasporti, che aumentano i tempi di viaggio e portano a maggiori emissioni e inquinamento (76° posto, insieme a Londra e Taipei); meglio Milano, che tuttavia non brilla con il suo 46° posto (in condivisione con altre 5 città). Di contro, le due città si distinguono per gli sforzi nella riduzione delle emissioni dei trasporti, testimoniati dall’esistenza di cosiddette Low Emission Zone (LEZ) e dagli standard di emissione dei veicoli: Roma è addirittura seconda a livello globale e prima in Europa (in entrambi i casi a pari merito con altre 9 città, tutte europee), mentre Milano si colloca al 12° posto globale (11° in Europa). Nel sotto-indice Profit, infine, molto meglio Milano di Roma: il capoluogo lombardo si piazza al 30° posto (15° in Europa) mentre la Capitale al 71° (28° in Europa). Milano presenta una maggiore convenienza della spesa per il trasporto pubblico (intesa come percentuale sul reddito), dove si posiziona al 30° posto (quinta in Europa) a pari merito con altre due città, mentre Roma è al 36° posto (sesta in Europa) insieme ad altre tre città. Meglio Milano anche nel livello di utilizzo del sistema di trasporto pubblico, misurato dal numero medio di viaggi pro-capite, che la vede al 13° posto nel mondo (insieme a Manila) e al 9° in Europa; Roma, alla pari di Madrid, si ferma alla posizione 44 (22 in Europa). Le posizioni delle due città, tuttavia, si allineano verso la parte bassa della classifica nell’indicatore relativo alla quota di budget comunale speso nei trasporti, da cui si evince il livello di impegno delle amministrazioni cittadine nella mobilità sostenibile: i valori esaminati le collocano a pari merito all’86° posto (29° in Europa).    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ott 2017

ROMA | Primo Piano della Mobilità Elettrica

di mobilita

Almeno settecento colonnine di ricarica entro il 2020 per sviluppare la mobilità elettrica a Roma, in centro e nelle periferie, un mercato aperto a tutti gli operatori disposti a investire sul territorio, un quadro di regole definite a tutela del servizio e degli operatori e un’App che consenta a tutti i cittadini di poter far richiesta di colonnine elettriche sul territorio. Questi i punti cardine del primo Piano della mobilità elettrica, approvato dalla Giunta capitolina, e del nuovo regolamento che disciplina l’installazione e la gestione degli impianti di ricarica. “Roma sarà polo di attrazione per l’elettrico nei prossimi anni. La città si dota del primo piano capitolino e del primo regolamento sull’elettrico. Da oggi ha inizio un percorso certo, definito, che porterà ad aumentare gli impianti di ricarica dal centro alle periferie: dalle stazioni di servizio del Gra alle Mura Aureliane. Siamo a lavoro per agevolare i cittadini e per la semplificazione dell’erogazione del servizio: entro un anno realizzeremo un’App che consenta a chiunque lo desideri di richiedere l’installazione dei punti di ricarica, uno strumento consultivo, per definire meglio la domanda e migliorare gli spostamenti in città”, dichiara l’assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo. “Oggi le regole diventano chiare per chiunque voglia investire in questo settore. Per rendere capillare la rete saranno promossi incentivi per i gestori di parcheggi privati che siano disposti a offrire servizi di ricarica nei nodi di scambio o nel centro storico. Questo piano permetterà uno sviluppo ordinato del mercato che interesserà tutto il territorio metropolitano e arriverà sino a Ostia e Acilia”, spiega Meleo. Il regolamento definisce la distribuzione capillare delle settecento colonnine elettriche che copriranno tutte le sei zone del Piano generale del traffico urbano. Un numero che tiene in considerazione le esigenze di ricarica in proporzione al numero di addetti, con l’obiettivo di soddisfare il fabbisogno degli utenti. Il regolamento stabilisce la cornice in cui collocare le colonnine per uno sviluppo orientato dell’offerta, ma non pone limiti alle richieste complessive di installazioni pur tracciando un percorso normativo, legato alla fattibilità tecnica. Ogni operatore potrà fare richiesta per un massimo di trenta lotti, ognuno dei quali è composto da quaranta colonnine di “pubblico accesso” per un totale di 1.200 colonnine per azienda. Inoltre per garantire la distribuzione capillare su tutto il territorio di Roma, dal centro alle periferie, le società saranno tenute a distribuire nelle sei zone del Pgtu e in maniera uniforme il 60% degli impianti di ricarica, mentre saranno libere di poter collocare il restante 40%. Nel regolamento, inoltre, si specifica che il 20% dei nuovi impianti sarà ad alta potenza. Modello alla base dello studio è garantire un adeguato numero di punti di ricarica anche ad alta e media potenza lungo i principali assi di accesso alla città e nei punti maggiormente trafficati come le aree di parcheggio di lunga sosta, posteggi davanti agli uffici pubblici, centri commerciali, cinema. Con l’attuazione del Piano, l’Amministrazione prevede entro il 2019 la creazione di una piattaforma dedicata, un’App, in grado di acquisire direttamente gli indirizzi indicati dai singoli cittadini per l’installazione di punti di ricarica. Con l’applicazione, che progetterà Roma Servizi per la mobilità, il cittadino potrà segnalare la posizione in cui desidera l’impianto di ricarica, e indicare se è già possessore o utilizzatore di un veicolo elettrico. Con questa App sarà possibile specificare la fascia oraria in cui il cittadino vorrebbe utilizzare il punto di ricarica e indicare se la colonnina desiderata è vicino all’abitazione o al luogo di lavoro. L’applicazione identificherà le coordinate geografiche e le imprese così potranno valutare la fattibilità tecnica. In questo modo sarà possibile capire la reale domanda, le preferenze dei cittadini, in modo da garantire una capillare distribuzione sul territorio comunale. Il Piano della mobilità elettrica ora passerà all’esame della Commissione capitolina Mobilità per poi essere sottoposto ai Municipi, che avranno trenta giorni per esprimersi, fino ad approdare in Assemblea capitolina.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
23 ott 2017

ROMA | Metro C, prorogata fino al 21 dicembre la chiusura alle 20,30

di mobilita

Sulla metro C chiusura alle 20,30 prorogata fino al 21 dicembre, informa l'Agenzia per la Mobilità. Lo stop anticipato è necessario per completare i collaudi in vista dell'apertura sulla tratta San Giovanni-Lodi e della nuova stazione di San Giovanni. Fino al 21 dicembre, dalle 20,30, in sostituzione della linea C sono attive due linee di bus navetta: linea bus mc2 san Giovanni metro a-Lodi metro c-parco di Centocelle metro c; linea mc5 san Giovanni metro a-Lodi metro c-via Casilina-Pantano metro C.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ott 2017

Nuovo volo Roma-Kutaisi operato da Wizzair

di Roberto Lentini

Wizzair comunica che a partire dal 17 maggio 2018 opererà un nuovo volo che collegherà la città georgiana di Kutaisi con l'aeroporto romano di Fiumicino. Il volo sarà disponibile il giovedi e la domenica con prezzi a partire da 49,99 e sarà operato con un'airbus A320. Ecco gli operativi del volo FCO → KUT 20:30 02:20 -4- KUT → FCO 17:40 19:55 -4- FCO → KUT 18:40 00:30 -7- KUT → FCO 15:50 18:05 -7-

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2017

Roma, Milano e Napoli sono tra le prime dieci aree urbane dell’Unione europea.

di mobilita

E' quanto emerge dall'Eurostat Regional Yearbook 2017. Roma è in settima posizione seguita da Milano all'ottava posizione e Napoli alla decima posizione. La classifica prende in considerazione le prime venti aree urbane funzionali dell'Ue (dati del 2015 (2013 per Parigi), ossia le città vere e proprie, più la loro area di pendolarismo (commuting zone, come definita dalle linee guida Ue e Ocse). La prima area urbana dell'Ue è Londra, con circa 12 milioni di persone, seguita da Parigi, poco sotto i 12 milioni, e da Madrid, a circa 6,5 milioni, e dalla Ruhrgebiet, agglomerato urbano della Ruhr, in Germania, che comprende tra l'altro Bochum, Dortmund, Duisburg, Essen e Oberhausen, con 5,1 milioni, stessa cifra per Berlino. Seguono Barcellona (5 milioni), Roma (circa 4,5) e Milano (4,3 milioni), Atene (poco meno di 4 milioni) e Napoli (3,5 milioni circa).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2017

Il Car Sharing Roma diventa OneWay

di mobilita

Car Sharing Roma è finalmente disponibile, oltre che nella consueta modalità (l'auto va prelevata e rilasciata nello stesso parcheggio), anche nella nuova modalità One Way, che consente di rilasciare l'auto in un parcheggio Car Sharing Roma differente da quello di partenza. Il servizio è attivo in tutti i parcheggi Car Sharing Roma, con le auto della categoria URBAN(Lancia Ypsilon, Fiat 500, Fiat Panda, Citroen C3) e la Fiat 500L. L'iscrizione al servizio si effettua online, e sempre online (oltre che via app IoGuido e tramite il call center 89.34.99.34) è possibile prenotare una vettura, selezionando il parcheggio di prelievo e quello di riconsegna. La durata massima dell'utilizzo dell'auto è 72 ore. L’utilizzo di un'auto Car Sharing Roma in modalità One Way è soggetto ad alcune condizioni: nel parcheggio di destinazione dovrà essere disponibile almeno un posto libero (il sistema non consentirà la prenotazione se i posti sono occupati) a vettura prescelta non dovrà avere prenotazioni successive (il sistema, in tal caso, non consentirà di proseguire) la prenotazione può essere effettuata solo da 60 minuti prima dell’inizio della corsa. Il costo del noleggio è composto dalla tariffa oraria più quella chilometrica

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2017

Trasporto condiviso, la classifica delle 28 capitali europee: Parigi in testa

di ospite

Negli ultimi anni la diffidenza verso sistemi di trasporto condiviso è diminuita, dando così vita a nuovi servizi che vengono incontro alla richiesta sempre crescente, come ha già sottolineato un precedente studio sull’aumento del carsharing in Italia. Un’ultima ricerca in ordine di arrivo quella condotta da Shopalike, che ha comparato i servizi di car, bike e scooter sharing in 28 capitali Europee. Come è stata condotta la ricerca I dati sono stati raccolti dai siti web ufficiali delle capitali, escludendo quindi servizi come BlaBlaCar, Bilpool, Thevoltapp, CarPoolWorld, Autolevi, CarAmico o Carsharing.ie, così come le classiche compagnie di noleggio, durante giugno-luglio 2017. Nelle città che offrono più di un di una tariffa, sono state sommate il numero dei veicoli e il prezzo medio per ora. In più, è stato preso in considerazione il prezzo più basso (tariffa dal lun-ven) per bicicletta/auto/scooter presente nell'offerta, e solo l'utilizzo privato (non quello business). Il tutto calcolato poi con un sistema di punteggi che ha dato vita alla classifica. Parigi migliore città Parigi, nella classifica generale, è risultata la migliore. Offre infatti tutti e tre i tipi di servizi (car, bike e scooter) ad un prezzo vantaggioso, con una sufficiente disponibilità di mezzi ogni mille abitanti.  A seguire Bruxelles e Berlino. Bruxelles è infatti particolarmente conveniente per quanto riguarda il bike sharing, così come Berlino (a sorpresa) con gli scooter, con uno dei prezzi più bassi della classifica. Amsterdam, una delle prime capitali a introdurre servizi di sharing mobility, si posiziona sesta dopo Varsavia e Vienna. Roma: mancanza di bike sharing La capitale italiana non riesce a scalare la classifica. A penalizzare Roma sopratutto la mancanza di una rete di bike sharing organizzata.  Conformazione urbana e problemi di sicurezza hanno infatti impedito alla città di offrire ai suoi cittadini una rete di piste ciclabili sufficientemente estesa. Tuttavia, Roma se la cava meglio per quanto riguarda lo scooter sharing. Servizio relativamente nuovo rispetto ai precedenti, ma che nella capitale italiana, così abituata a usarli come mezzo di trasporto, sembra aver preso piede più facilmente. Roma infatti, in questo caso, guadagna un discreto quarto posto. (articolo a cura di Shopalike)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 set 2017

Lazio, al via il nuovo orario scolastico di Cotral, scopri le novità!

di mobilita

Con l’entrata in vigore del nuovo orario scolastico, Cotral aumenta il servizio e introduce nuove modalità di collegamento. Diverse le novità del nuovo programma delle corse in tutta la regione. Viterbo Due nuove corse collegheranno ogni ora Orte con i Comuni di Valentano e Acquapendente con interscambio a Viterbo. Sono inoltre incrementati i collegamenti Civita Castellana – Roma Saxa Rubra attraverso Nepi e Monterosi. Frosinone Grazie all’ingresso in servizio dei nuovi mezzi ecologici, i bus Cotral tornano a transitare nella Ztl del capoluogo ciociaro. Sono ripristinati i percorsi delle corse da e per via Maria, attraverso via Aldo Moro e via Marittima e quelli da e per la strada statale 155, attraverso via Tiburtina, via Aldo Moro e via Marittima. Partenze garantite, ogni trenta e quindici minuti negli orari di punta, per le corse Sora – Frosinone – Roma Anagnina (andata e ritorno). Una corsa espressa Sora – Roma Anagnina via Ferentino A1 alle 6:30 del mattino garantirà invece il collegamento con la capitale a pendolari e studenti. Offerta raddoppiata per i collegamenti Fiuggi – Roma Termini (via Giolitti) con sei coppie di corse giornaliere e tre nuove fermate intermedie presso i bivi di Acuto, di Piglio e di Anagni. Provincia di Roma e litorale sud Nuovi percorsi per le linee di collegamento tra Roma Laurentina e il litorale sud: un percorso diretto sulla linea Nettuno/Tor San Lorenzo – Roma Laurentina (andata e ritorno), via SS 148 Pontina, senza deviazione a Spinaceto, Tor De Cenci e Pomezia Largo Columella; una corsa locale ogni 30 minuti nelle ore di punta da Roma Laurentina a Torvaianica (andata e ritorno), con transito da Spinaceto, Tor De Cenci, Outlet di Castel Romano, Pratica di Mare e Pomezia Largo Columella; una corsa locale ogni 30 minuti nelle ore di punta da Roma Laurentina a Torvaianica (andata e ritorno), con transito da Spinaceto, Tor De Cenci, Pratica di Mare e Pomezia Largo Columella. Il capolinea delle corse in partenza da Velletri è spostato alla stazione Fs. Per gli studenti degli istituti scolastici è a disposizione una navetta di collegamento daVelletri elettronica al nuovo capolinea Velletri FS. Nuovo cadenzato orario per le corse in partenza da Subiaco e dirette a Roma Ponte Mammolo con frequenza venti minuti. Rieti È istituita una nuova corsa alle 4:35 del mattino da Rieti Fs a Roma Tiburtina, mentre una nuova corsa alle 16:55 collega Roma Tiburtina a Rieti. Tutte le corse dirette a Rieti da Roma Tiburtina effettuano una nuova fermata di fronte al bar dello Sport (ex bar Mori) di Passo Corese. Tutte le informazioni sono disponibili nelle sezioni Orari e Calcola Percorso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 set 2017

ROMA, un nuovo treno per i pendolari a LadispoliI

di mobilita

Consegnato oggi a Ladispoli un nuovo treno Vivalto per i pendolari. Viaggerà sulla linea FL5 Roma-Civitavecchia, linea sulla quale la Regione ha sostituito il 97% dei treni. In particolare la FL5 è stata dotata di una nuova coppia di treni da Ladispoli a Ponte Galeria e di un nuovo treno da Ladispoli a Roma Tiburtina. Presto sarà attivato un nuovo collegamento serale con partenza da Roma alle 20.27. Al miglioramento dei treni, dunque, si aggiunge anche l’aumento dell’offerta. L’impegno della Regione per migliorare il trasporto su ferro. Dal 2014 ad oggi si è passati dal 54% all’83% di treni nuovi. La fornitura dei nuovi Vivalto è completata, mentre sono già tutti in servizio i 15 treni jazz previsti e sta proseguendo anche con la consegna dei 46 Taff revampizzati.Obiettivo 100% treni rinnovati: vicino l’obiettivo previsto nel contratto di servizio presentato lo scorso ottobre con Trenitalia, nell’ambito del quale la Regione ha sottoscritto l’impegno a rinnovare l’intera flotta regionale, con un investimento complessivo di 539,2 milioni di euro, di cui 95mln della Regione Lazio.Crescono puntualità e soddisfazione degli utenti: dalle ultime indagini il 75,7% dei passeggeri si è dichiarato soddisfatto del servizio: +8,1% rispetto al 2014. Siamo anche riusciti a rendere il servizio più puntuale. nel 2016 il 92,8% di treni ha rispettato l’orario previsto. Un aumento del 7% rispetto al 2014.Ecco come migliorano i trasporti per i pendolari di Ladispoli e sulla FL5 :Su tutti i treni FL5 una carrozza in più. Grazie a questa consegna tutti i treni della fl5 avranno una carrozza in più passando da composizioni a 6 carrozze a composizioni a 7, consentendo di distribuire meglio il carico di passeggeri.Gli interventi per migliorare la stazione di Ladispoli. Ladispoli è la stazione della provincia di Roma con il numero maggiore di utenti giornalieri (quasi 7.000) e per questo motivo la Regione Lazio insieme ad Rfi ha previsto per il 2018 un investimento importante per il completo restyling della stazione.Cotral: il deposito di Cerveteri è stato potenziato con nuovi autobus acquistati da Cotral e nuovi autisti assunti. Questa operazione ha consentito di aggiungere corse richieste da molti anni. Come ad esempio la nuova corsa Ladispoli-Cerveteri-Bracciano a favore degli studenti del liceo alberghiero. Tpl comunale: la Regione Lazio ha promosso e supportato i comuni di Ladispoli e Cerveteri nella creazione di un piano di rete unico tra i due comuni e nella gara per la concessione del nuovo servizio che ha portato a un servizio più efficiente e allo stesso tempo più economico. “L’85% dei treni del Lazio sono nuovi. Sulla FL5 abbiamo investito molto, aumentato del 3% il numero dei posti per i passeggeri. Nel prossimo contratto di servizio abbiamo anche chiesto un addetto alle pulizie, permanentemente che viaggerà con i pendolari –lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: quello che sembrava un sogno oggi è la realtà, cioè avere entro fine 2018 tutti i treni dei pendolari del Lazio nuovi. Sembrava un sogno ma non lo è più, perché siamo arrivati, invece, all'83% dei treni nuovi. Quindi, con il nuovo contratto di servizio con Trenitalia, confidiamo che questo obiettivo è assolutamente raggiungibile" – ha detto ancora Zingaretti

Leggi tutto    Commenti 0