Articolo
11 giu 2019

PORTO TRIESTE | Accordo per migliorare la connessione del porto con l’infrastruttura ferroviaria nazionale

di mobilita

Migliorare la connessione del porto di Trieste con l’infrastruttura ferroviaria nazionale per incrementare la quota di traffico ferroviario a servizio dello scalo. Questo il principale obiettivo dell’Accordo siglato oggi da Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), e Zeno D’Agostino, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale (AdSPMAO). Questo accordo, che rappresenta un aggiornamento del documento siglato nel 2016, permetterà di incrementare l’efficienza e l’operatività dei moli con riduzione delle manovre, dei tempi di percorrenza e l’allocazione delle stazioni quanto più possibile in prossimità delle aree di carico e scarico. La Stazione di Trieste Campo Marzio sarà lo snodo più importante a servizio del porto.  Nel dettaglio il nuovo Piano Regolatore del Porto (PRP) di Trieste prevede la realizzazione di importanti interventi infrastrutturali e tecnologici, tra cui un nuovo assetto nel piano d’armamento portuale che creerà una migliore connessione con i moli V, VI e VII, l’ampliamento del Punto Franco Doganale e l’eliminazione del muro di delimitazione che non consente lo sviluppo dell’area per i binari di arrivo e partenza. Il beneficio principale consisterà nella riduzione delle operazioni di manovra per i treni in arrivo e in partenza a cui consegue un significativo incremento della capacità produttiva dell’impianto. Inoltre l’accordo richiama i potenziamenti già previsti da RFI sugli impianti e linee afferenti alla stazione di Campo Marzio (dorsale portuale Servola-Aquilinia) e interventi che riguardano le stazioni di Cervignano Smistamento e Villa Opicina, che – come previsto nel progetto Trihub – assieme a Trieste costituiscono un unico sistema di gestione del trasporto ferroviario delle merci provenienti dal porto. L’obiettivo condiviso è quello di realizzare una fase significativa del Piano Regolatore Portuale entro il 2023.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mag 2019

GENOVA | Accordo tra Comune e Gruppo FS Italiane per il prolungamento della metropolitana

di mobilita

Firmati oggi da Comune di Genova e Gruppo FS Italiane (Ferrovie dello Stato Italiane, Rete Ferroviaria Italiana, Trenitalia e FS Sistemi Urbani) i Protocolli di Intesa per l'utilizzo delle aree ferroviarie interessate dai prolungamenti della metropolitana verso Martinez e verso Canepari.  Si realizza così un'importante tappa nel percorso che, da anni, impegna l'Amministrazione comunale per la realizzazione dell'estensione della linea Metro verso i quartieri di San Fruttuoso e di Rivarolo, un'opera importante e strategica per la città. Il cammino verso la realizzazione dell'opera prosegue con la necessaria acquisizione delle aree funzionali ai prolungamenti, che interessano aree ferroviarie: questa fase è oggi resa possibile dall'accordo raggiunto con il Gruppo FS, che ha portato alla firma di questi Protocolli di intesa, propedeutici all'acquisto delle aree. Infatti, mentre da un lato si procederà alla progettazione delle tratte, dall'altro saranno compiute le valutazioni e predisposti gli atti necessari alla loro acquisizione. Inoltre sarà studiato un nuovo assetto urbanistico per la valorizzazione delle aree di Terralba interessate dall'ulteriore prosecuzione in direzione dell'ospedale San Martino. L'Amministrazione comunale negli ultimi anni ha ottenuto finanziamenti, per complessivi 152 milioni di euro, per gli sviluppi della Metropolitana verso Terralba (con la tratta Brignole - Martinez) e verso Rivarolo (con la tratta Brin - Canepari) oltre che per un'ulteriore flotta di 14 treni. Sono stati diversi, nel corso degli anni, i protocolli firmati e riguardanti la Metropolitana genovese: già dal 1987 esiste una Convenzione per i cosiddetti "Progetti Mirati", per regolare la progettazione di un sistema di trasporti integrato per la città, perfezionata nel 1999 con un primo Protocollo d’Intesa con le Ferrovie dove si individuano nella zona ferroviaria di Canepari e nell'area di Terralba i due corridoi idonei per le prosecuzioni della metropolitana. Un ulteriore accordo era stato firmato, nel 2003, per consentire la realizzazione del progetto della prosecuzione verso lo stadio, parzialmente (60%) finanziato allora dallo Stato, con un finanziamento poi revocato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mag 2019

NAPOLI METRO 2 | Stop ai treni fra Napoli Campi Flegrei e Napoli San Giovanni Barra

di mobilita

Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) realizzerà, nel prossimo fine settimana, la quarta fase dei programmati interventi infrastrutturali nella fermata Napoli Piazza Amedeo della Linea 2 metropolitana. Sabato 11 e domenica 12 maggio sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Napoli Campi Flegrei e Napoli San Giovanni Barra che, nei giorni indicati, sarà capolinea per i collegamenti con Salerno, Castellammare di Stabia e Torre Annunziata Centrale. Un servizio di bus navetta sarà attivo tra San Giovanni Barra e Napoli Centrale. La stazione di Campi Flegrei sarà capolinea per i collegamenti con Pozzuoli, mentre alcuni treni da e per Caserta avranno origine o fine corsa a Napoli Centrale. Informazioni dettagliate sono disponibili nelle stazioni e su tutti i canali di vendita Trenitalia, aggiornati con le variazioni all’offerta commerciale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mag 2019

Completata la copertura della rete ferroviaria calabra con l’SCMT

di mobilita

Completata la copertura della rete ferroviaria calabrese - 852 km - con il Sistema di Controllo Marcia Treno (SCMT). Il Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) attua la protezione della marcia del treno, istante per istante, rispetto alle condizioni imposte dai segnali, alla velocità massima consentita dalla linea in condizioni normali e di degrado e alla velocità massima ammessa dal tipo di convoglio, attivando la frenatura d’emergenza automatica in caso di superamento dei limiti previsti. Attivo infatti l’ultimo tassello mancante, tra Lamezia Terme e Catanzaro Lido, ulteriore step del programma di interventi di potenziamento tecnologico e infrastrutturale. L’intervento, interamente progettato e realizzato da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) con un investimento di oltre 1 milione di euro, ha visto all’opera 30 tecnici per la messa in esercizio. L'SCMT garantisce una migliore gestione del traffico ferroviario ed elevati standard di regolarità e puntualità. Rientra fra gli interventi di velocizzazione della linea che, a lavori ultimati, consentiranno un aumento medio di velocità del 10% rispetto all’attuale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 gen 2019

CAGLIARI | Riqualificazione della stazione ferroviaria e delle aree adiacenti al “Parco ferroviario”

di mobilita

La stazione ferroviaria come efficace nodo trasportistico di mobilità integrata e polo di attrazione dei servizi connessi e non al viaggio, valorizzazione delle aree limitrofe, nell’ambito di un più ampio progetto di rigenerazione urbana già intrapreso dal Comune. Sono gli obiettivi del Protocollo d’Intesa siglato tra le società del Gruppo FS Italiane - FS Sistemi Urbani e Rete Ferroviaria Italiana - e l’Amministrazione Comunale di Cagliari. Il cuore dell’accordo è l’istituzione di un gruppo di lavoro, composto da rappresentanti di ciascuna delle parti, che insieme predisporranno un “Progetto Guida”, una visione unitaria, integrata e condivisa del programma degli interventi di valorizzazione delle aree del “Parco Ferroviario” e della stazione di Cagliari, per svilupparne il potenziale come “porta della città”, cardine di un sistema efficace di mobilità integrata e sostenibile, in coerenza con gli indirizzi delineati nel PUMS. L’interesse comune è, da un lato, migliorare il sistema complessivo di accessibilità alla stazione, rafforzandone il ruolo di centralità rispetto ad una rete di mobilità multimodale che incentivi la mobilità dolce e gli spostamenti con mezzi pubblici sul territorio; dall’altro individuare strategie ed azioni necessarie a rendere pienamente fruibili alla collettività le aree interne ed esterne alla stazione, realizzando luoghi più sicuri, attrattivi in termini di servizi di interesse collettivo e valorizzando le aree e i fabbricati presenti e inutilizzati con nuove funzioni anche di carattere sociale, culturale, educativo e turistico. A firmare il protocollo il Sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, l’Amministratore Delegato di FS Sistemi Urbani, Umberto Lebruto, e il Direttore Stazioni di Rete Ferroviaria Italiana, Sara Venturoni.  “Questa firma è il risultato di un approfondito confronto tra Comune di Cagliari e Gruppo FS Italiane, e il protocollo è un importante passo nel lavoro di riqualificazione che stiamo portando avanti in tutta la città - afferma il Sindaco Massimo Zedda - Interessa una zona fondamentale per Cagliari e per i collegamenti con il resto della Sardegna, centro di scambio intermodale nell'area che è il principale accesso per la città, interessata anche dal progetto per la metropolitana di superficie che collegherà piazza Repubblica con piazza Matteotti, con i lavori che partiranno nei prossimi mesi.  “Il Protocollo è frutto di un costruttivo dialogo tra il Gruppo FS Italiane e il Comune di Cagliari e conferma ancora una volta  il nostro impegno nei processi di rigenerazione e riqualificazione urbana con l’obiettivo di trasformare le aree del Parco ferroviario” - dichiara Umberto Lebruto, AD di FS Sistemi Urbani -  Un progetto ambizioso di ricucitura e valorizzazione del territorio che consentirà una riconnessione tra il fronte mare e la città storica e la creazione di un polo funzionale e strategico a servizio della collettività”.  “ La stazione di Cagliari è stata recentemente oggetto di lavori di natura infrastrutturale e, in tal senso - dice Sara Venturoni, Direttore della Direzione Stazioni di RFI - risulta ora più che mai opportuno integrare una nuova offerta di contenuti, che dia maggior valore agli interventi effettuati, in una logica di servizio rivolta tanto ai viaggiatori e ai turisti, quanto ai cittadini in generale, massimizzando il fattore competitivo rappresentato dalla posizione strategica della stazione nella struttura urbanistica consolidata e, al tempo stesso, di futuro sviluppo della città”.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

Modifiche alla circolazione ferroviaria tra La Spezia, Genova e Ventimiglia

di mobilita

Adeguamento del tracciato ferroviario per migliorare le performance dell’infrastruttura. Le attività, programmate da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) dalle 23.00 di sabato 12 alle 7.00 di domenica 13 gennaio, si svolgeranno nei pressi di Genova Cornigliano. Per consentire l’operatività del cantiere sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Genova Voltri e Genova Sampierdarena con conseguenti modifiche al programma di viaggio di alcuni treni - cancellazioni totali o parziali e sostituzioni con bus - tra La Spezia, Genova e Ventimiglia. Nelle stazioni di Genova Voltri, Cornigliano e Sampierdarena sarà presente personale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) dedicato all’assistenza delle persone in viaggio. Il dettaglio delle modifiche è consultabile sul sito trenitalia.com, sull’App Trenitalia, sull’orario ufficiale “In Treno”. Qui la locandina con le modifiche alla circolazione

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 nov 2018

STRETTO DI MESSINA | Inaugurata Trinacria, la nuova nave Blueferries

di mobilita

È stata inaugurata questa mattina nel porto di Messina la nuova nave Trinacria di Bluferries, controllata di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), per il servizio di traghettamento nello Stretto. Lunga 104 metri e larga 18 metri, sarà operativa da dicembre 2018 e offrirà servizi per il trasporto di passeggeri e merci tra Messina e Villa San Giovanni. Al taglio del nastro della nuova nave hanno partecipato Domenico Battaglia Consigliere Regione Calabria, Giovanni Siclari sindaco di Villa San Giovanni, Cateno De Luca sindaco di Messina, Claudia Cattani Presidente di Rete Ferroviaria Italiana, Maurizio Gentile Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana, Vera Fiorani Presidente di Bluferries e Giuseppe Sciumè Amministratore Delegato di Bluferries. La nave traghetto può trasportare fino a 400 persone e un massimo di 23 tir o 150 autoveicoli. Realizzata in Grecia dalla Ocean Freedom Shipping Company, Trinacria si caratterizza per i consumi di carburante ridotti del 30% e per le emissioni di CO2 inferiori del 50%. Gli arredi interni sono stati pensati per garantire ai viaggiatori il massimo comfort. Il ponte-salone, caratterizzato da spazi ampi e luminosi, è dotato anche di una zona bar e ospita 285 posti a sedere, con tre postazioni dedicate alle persone a ridotta mobilità (PRM). Altre sedute sono presenti all’esterno, divise tra poppa e prua. L’investimento economico è di 14,5 milioni di euro, autofinanziati da Bluferries. L’arrivo della nuova nave conferma l’impegno e la grande attenzione del Gruppo FS Italiane e di RFI per la navigazione nello Stretto di Messina e, più in generale, per il Sud. Nel 2020 Bluferries completerà il rinnovo della flotta navale con l’arrivo di un’altra nave traghetto. Ti potrebbe interessare: Investimenti RFI in Sicilia, Gentile illustra i progetti previsti nel contratto di programma

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
04 nov 2018

Maltempo Sicilia, numerosi treni sospesi

di mobilita

Continuano gli interventi dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana, su tutte le linee interessate dal maltempo, per la verifica delle condizioni dell’infrastruttura ferroviaria e per i lavori di ripristino delle condizioni di sicurezza della circolazione ferroviaria. Aggiornamento ore 7 Linea Palermo – Agrigento: circolazione sospesa fra Fiumetorto e Agrigento. Linea Palermo – Catania: circolazione sospesa fra Lercara Diramazione e Catania. Linea Gela – Canicattì: circolazione sospesa fra Campobello e Delia. Linea Canicattì – Caltanissetta Centrale: circolazione sospesa. Linea Trapani – Castelvetrano – Alcamo Diramazione – Piraineto: circolazione sospesa. Linea Agrigento – Canicattì: circolazione sospesa. Attivato servizio sostitutivo con autobus fra Palermo e Catania, fra Caltanissetta e Catania e fra Piraineto e Trapani.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 ott 2018

GENOVA | Operativo il binario tra Chiavari e Santa Margherita Ligure

di mobilita

E’ tornato operativo alle 17 il binario tra Chiavari e Santa Margherita, linea Genova - La Spezia, interrotto al traffico ferroviario da giovedì 25 ottobre per lo svio di un treno merci della società Captrain. Terminata quindi la prima fase degli interventi di ripristino con l’impiego di cinquanta tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) e delle ditte appaltatrici che hanno operato 24 ore su 24 per la sostituzione di seimila traversine sui circa 3,5 chilometri di binario danneggiato. Da domani, martedì 30 ottobre, saranno operativi tutti i collegamenti Intercity. Poiché il tratto interessato dai lavori sarà percorso ad una velocità precauzionale di 30 km/h sono previste alcune modiche all'offerta di trasporto regionale e allungamenti dei tempi di viaggio di circa dieci minuti per i treni in transito. Informazioni di dettaglio e modifiche all’offerta dei treni regionali e a lunga percorrenza sono consultabili su trenitalia.com o chiamando il call center gratuito 800 89 20 21. Rimane confermato il potenziamento dell’Assistenza clienti di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) con 20 operatori a disposizione nelle stazioni liguri di Genova Piazza Principe, Genova Brignole, Recco, Santa Margherita Ligure, Rapallo, Chiavari, Levanto, Monterosso e La Spezia e il  servizio bus tra le località di Chiavari, Rapallo e Santa Margherita Ligure di supporto al servizio ferroviario

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ott 2018

Una nuova nave Bluferries in servizio nello stretto di Messina

di mobilita

È approdata nel porto di Messina la nuova nave Trinacria per il servizio di traghettamento nello Stretto. Bluferries, controllata di Rete Ferroviaria Italiana, società del Gruppo FS Italiane, amplia così la propria flotta navale dedicata ai servizi di traghettamento passeggeri e merci tra Messina e Villa San Giovanni. Trinacria, costruita dalla Ocean Freedom Shipping Company in Grecia, è lunga 104 metri, larga 18 metri e si distingue per la maggiore capacità di carico. Ha un ponte dedicato al transito degli automezzi e uno per i passeggeri e potrà trasportare fino a 23 tir o 150 autoveicoli e 400 passeggeri. La nuova nave risponde a criteri di maggiore ecosostenibilità, grazie a minori consumi di carburante (-30%) e riduzione del 50% delle emissioni di CO2. La nuova nave Trinacria, in servizio da dicembre 2018, garantirà anche il servizio di trasporto per le persone a ridotta mobilità (PRM), assicurando elevati standard di qualità, con minori vibrazioni e maggiore comfort per i viaggiatori. L’investimento economico è di 14,5 milioni di euro. Bluferries ha già esercitato l’opzione con Ocean Freedom Shipping Company per la costruzione di una seconda nave traghetto, gemella di Trinacria, per un ulteriore investimento di 14 milioni di euro. La nuova nave sarà pronta nel 2020 e completerà così il rinnovo della flotta, testimoniando l’impegno del Gruppo FS Italiane e di Rete Ferroviaria Italiana per i servizi di traghettamento tra le sponde dello Stretto.

Leggi tutto    Commenti 0