Articolo
28 ago 2018

FIRENZE | Partono i lavori di messa in sicurezza del Ponte Vespucci

di mobilita

Prendono il via oggi i lavori propedeutici alla messa in sicurezza del pilone 'scalzato' di Ponte Vespucci. Si tratta di lavori programmati da tempo e già affidati a luglio, che si svolgeranno in due fasi: la prima da settembre a novembre, la seconda in primavera. I lavori si sono resi necessari perchè la pila sinistra del ponte è risultata, ad esami approfonditi anche subacquei, 'scalzata' dalla corrente dell’Arno. Il cantiere prevede il divieto di sosta sul lato destro in direzione San Frediano dalle 9 del 28 agosto alle 20 del primo settembre. Saranno effettuati sondaggi a carotaggio continuo per l'esatta ricostruzione stratigrafica del terreno e per il prelievo di campioni tramite una macchina perforatrice che raggiungerà una profondità di circa 15 metri sotto il letto del fiume. Tale indagine servirà alla realizzazione del palo elicoidale di prova che è stato scelto nel progetto di risanamento delle fondazioni della pila. Si prevede di realizzare circa 100 pali ampliando la platea di fondazione della pila stessa. Il cantiere prevede un costo complessivo  un milione e 450 mila euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 ago 2018

BOLOGNA | Tornano i treni sulla linea Porrettana, completati interventi all’infrastruttura

di mobilita

È ripresa regolarmente nel tardo pomeriggio di ieri - nel rispetto dei tempi previsti - la circolazione ferroviaria sulla linea Porrettana dove, per lavori infrastrutturali, i treni sono stati sostituiti con autobus dal 4 al 18 agosto fra Bologna e Porretta Terme e dal 19 al 26 agosto fra Sasso Marconi e la città termale. Sono stati oltre 200 i tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte appaltatrici impegnati in sette diversi cantieri. Fra gli interventi realizzati: avvio del rinnovo e potenziamento della stazione di Vergato, manutenzione straordinaria di due gallerie e due ponti ferroviari, protezione della scarpata ferroviaria a Marano di Gaggio Montano e upgrading dei sistemi di comando e controllo del traffico ferroviario nella stazione di Casalecchio Garibaldi. Nella stazione di Vergato è stato realizzato un nuovo binario 2, spostato il binario 1 esistente e costruita una rampa di collegamento con il parcheggio adiacente. I lavori proseguono ora senza interferenze sulla circolazione, con previsione di completamento entro la fine dell’anno. Fra le attività in programma: la riqualificazione del sottopassaggio, l’installazione di un ascensore per l’abbattimento delle barriere architettoniche, il completamento del nuovo marciapiede a servizio del binario 1 e l’installazione della pensilina sul secondo marciapiede. Un cantiere ad hoc si è occupato invece del consolidamento definitivo del rilevato ferroviario danneggiato dagli effetti della frana di Marano di Gaggio Montano. Anche in questo caso i lavori proseguiranno nelle prossime settimane, senza ripercussioni sulla circolazione ferroviaria, con previsione di completamento entro la fine dell’anno. Ultimata la manutenzione straordinaria dell’infrastruttura ferroviaria e del sistema di canalizzazione delle acque nelle due gallerie di Riola (fra Riola e Vergato) e Pian Casale (fra Riola e Porretta). Lavori terminati anche fra Pontecchio Marconi e Borgonuovo, dove i cantieri hanno interessato la sostituzione della travata metallica e il consolidamento del ponte ferroviario sul Rio Eva, a Borgonuovo. Sono stati inoltre svolti lavori propedeutici alla realizzazione del sottopasso ciclopedonale e alla chiusura del passaggio a livello oggi in funzione e fra Bologna e Casalecchio ed è stata completata l’impermeabilizzazione del ponte ferroviario su via Zanardi a Bologna, nella parte che interessa i binari a servizio della linea Porrettana. Meno visibile ma altrettanto importante il completamente del potenziamento tecnologico della linea, con l’upgrading dei sistemi di comando e controllo del traffico ferroviario nella stazione di Casalecchio Garibaldi e del sistema di distanziamento automatico dei treni fra Casalecchio Garibaldi e Bologna Centrale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 ago 2018

MILANO | Una piazza verde di oltre 10mila mq nel quartiere Bovisa

di mobilita

Si affacceranno su una grande piazza verde di oltre 10mila m2 i due nuovi edifici previsti nel quartiere Bovisa. È stata firmata nei giorni scorsi la convenzione con Albatross Srl per l’attuazione del Piano attuativo 9 Durando-Andreoli-Morghen, che prevede la realizzazione di un intervento residenziale per 15.620 m2 di S.L.P., di cui al massimo 7.997 m2 di residenza libera, almeno 5.467 di edilizia sociale e al massimo 2.156 m2 di commercio di vicinato. Il progetto si colloca nell’ex area industriale della CT Ceretti Tanfani insediata in Bovisa a partire del 1894 e dismessa nel 1989 e prevede la realizzazione di due edifici speculari, separati dalla grande piazza pubblica. “Questo intervento porterà un nuovo luogo di aggregazione e socialità in un quartiere che nei prossimi anni sarà interessato da un importante processo di rigenerazione  – sottolinea Pierfrancesco Maran, assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura –.  La Bovisa è infatti uno dei luoghi individuati dalla proposta di PGT in cui lo sviluppo passerà necessariamente attraverso interventi di valorizzazione dello spazio pubblico. Anche la ‘Goccia’, dove i lavori di bonifica sono finalmente ripartiti, nascerà una grande area verde con servizi per l’università e diventerà un nuovo punto di riferimento per residenti e studenti. A questo si aggiunge l’arrivo della nuova università cinese in partnership con il Politecnico”. Oltre alla realizzazione della piazza verde di 10.747 mq saranno garantiti illuminazione e panchine, la pedonalizzazione (salvo accesso residenti e carico/scarico) e riqualificazione delle via Andreoli e Pantaleo, la realizzazione di una rotatoria all’incrocio tra via Cosenz e via Bovisasca, la sistemazione dell’area a parcheggio all’incrocio tra via Durando e via Cosenz, il rialzo e disassamento di via Durando nel tratto di fronte al Politecnico e in corrispondenza della piazza verde, la realizzazione di un nuovo tratto di via Donadoni. Per quanto riguarda l’intervento edilizio, nel primo edificio di 4 piani, nasceranno 74 alloggi di edilizia convenzionata agevolata, due unità commerciali di vicinato al piano terra e 94 posti auto ai piani seminterrato e primo interrato. Il secondo vedrà l’intero piano terra adibito a unità commerciali di vicinato con la previsione di uso pubblico della corte interna, mentre ai piani superiori, destinati alle residenze (99 alloggi), è prevista una distribuzione a ballatoio propria della tradizione residenziale milanese e lombarda. I due livelli interrati infine ospiteranno un centinaio di parcheggi. Il soggetto attuatore dovrà presentare la richiesta dei permessi di costruire entro sei mesi a partire dalla stipula della convenzione. Si prevede il completamento di tutti i lavori entro 5 anni. E proprio per parlare con i cittadini del futuro della Bovisa a inizio ottobre si terrà un incontro pubblico nel quartiere con l’assessore Pierfrancesco Maran e il rettore dell’università Ferruccio Resta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ago 2018

Chiusa la pista ciclopedonale del lago di Garda per caduta massi

di mobilita

La pista ciclopedonale del lago di Garda, inaugurata il 14 luglio scorso, è stata chiusa a causa della caduta di alcuni sassi che comunque non ha coinvolto persone. Un sasso in particolare, durante un temporale, ha perforato la rete di protezione scheggiando una balaustra. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Riva per effettuare un sopralluogo. Ti potrebbe interessare: Domani apre la pista ciclopedonale più spettacolare del mondo sul lago di Garda

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ago 2018

GENOVA | Si lavora per la strada che passerà all’interno di Ilva

di mobilita

Il sindaco di Genova Marco Bucci e il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti hanno effettuato un sopralluogo presso i cantieri della nuova strada a mare per la viabilità provvisoria dovuta al crollo del Ponte Morandi. La strada passerà all’interno degli stabilimenti siderurgici di Ilva e contribuirà a decongestionare la viabilità ordinaria dal traffico pesante collegando in maniera più diretta al porto.Un’opera fondamentale che darà ossigeno al volume delle attività portuali e scongiurerà la presenza ingente di tir lungo la strada Guido Rossa lungomare Canepa che è diventata la direttiva principale di collegamento est-ovest della città. “Vorrei poterla inaugurare il 15 settembre – ha detto il sindaco Bucci – Questo è un grande esempio di una città che sta lavorando bene. Tutti quelli che avevano delle aree su cui passerà la strada si sono sacrificati per la città e questo è un bell’esempio di interesse comune”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

Sospesa circolazione linea ferroviaria Palermo-Catania per lavori infrastrutturali

di mobilita

Da venerdì 24 agosto e fino a sabato 1 settembre sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Roccapalumba e Caltanissetta Xirbi, sulla linea Palermo - Catania. Il provvedimento, programmato da Rete Ferroviaria Italiana a partire da lunedì 26 agosto sull’intera linea per interventi di potenziamento dell’infrastruttura, è stato anticipato a causa dei danni provocati dal maltempo che negli ultimi giorni ha colpito la Sicilia. La mobilità sarà garantita con servizi di autobus sostitutivi. I bus effettueranno le fermate nei piazzali antistanti le stazioni. Gli orari di arrivo e partenza potranno variare in funzione del traffico stradale. Informazioni dettagliate, con il numero dei treni interessati, orari e fermate, disponibili nelle stazioni, uffici assistenza clienti e sui canali informativi on line delle società del Gruppo FS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

ANAS | Al via una nuova fase del piano #bastabuche, bando da 275 milioni di euro

di mobilita

Prosegue il piano #bastabuche, avviato da Anas (gruppo FS Italiane) nel dicembre 2015 per migliorare la pavimentazione e la segnaletica sulla propria rete di strade e autostrade, con un nuovo bando pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale del valore di 275 milioni di euro. Dopo un impegno, suddiviso in tre tranche, di oltre 900 milioni di euro, Anas arriva complessivamente a investire circa 1,2 miliardi di euro in meno di tre anni per lavori di nuova pavimentazione. L'obiettivo del piano #bastabuche è quello di abbandonare la logica del "rattoppo" saltuario con programmi di completo rifacimento del manto stradale, in linea con la nuova strategia di Anas che ha messo al centro la manutenzione e il potenziamento della propria rete stradale. Solo nel 2017, Anas ha asfaltato e risanato 2.500 km di strade e il valore degli investimenti attivi in manutenzione straordinaria, distribuiti su 450 cantieri, ammonta a quasi 1 miliardo, con un aumento del 20% rispetto al 2016. Il nuovo bando è suddiviso in 12 lotti, per affidamento di altrettanti accordi quadro di durata triennale   ripartiti per aree regionale come segue: 20 milioni per la Liguria (lotto 1); 10 milioni per il Veneto e il Friuli-Venezia Giulia (lotto2); 25 milioni per l'Emilia-Romagna (lotto 3); 30 milioni per la Toscana (lotto 4); 30 milioni per le Marche (lotto 5); 20 milioni per l'Umbria (lotto 6); 25 milioni per il Lazio (lotto 7); 15 milioni per la Campania (lotto 8); 25 milioni per l'Abruzzo (lotto 9); 20 milioni per le autostrade della Sicilia (lotto 10); sempre in Sicilia, 35 milioni per lestrade statali (lotto 11); 20 milioni per la Sardegna (lotto 12). L'affidamento degli appalti è stato avviato mediante procedura aperta per l'aggiudicazione di Accordi Quadro, strumento che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto, consentendo quindi risparmio di tempo, maggiore efficienza e qualità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

ROMA | Video, aggiornamento cantieri metro linea C

di mobilita

La sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, ha postato sul suo profilo le immagini dei cantieri della metro C riferite al pozzo di via Sannio e degli scavi ad Amba Aradam, dove sorgerà la futura stazione della terza linea metropolitana di Roma. "Dal pozzo di via Sannio, sino Amba Aradam le due gallerie di linea risultano ormai quasi completate. Proseguono, invece, i lavori per la realizzazione dei consolidamenti dei tunnel tra il pozzo e la nuova stazione San Giovanni della linea C.Ad Amba Aradam le “talpe meccaniche”, le cosiddette TBM (Tunnel Boring Machine), provenienti dal pozzo di via Sannio, sono arrivate entrambe in stazione, l’ultima a inizio agosto. La realizzazione della tratta T3 fino ai Fori Imperiali fornirà un servizio capillare sul territorio, grazie anche alla creazione di nuove fermate e al collegamento tra la nuova stazione Fori Imperiali e la stazione Colosseo della linea B".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

VENEZIA | Mercoledì 29 agosto riapre il Ponte dell’Accademia

di mobilita

Tempi del restauro rispettati: mercoledì 29 agosto, alle ore 10, alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, si terrà la cerimonia di riapertura del Ponte dell'Accademia a seguito dei lavori di ristrutturazione eseguiti grazie alla donazione di Luxottica Group. Sabato 25 agosto, dalle ore 00.15 alle 9, sarà interrotto il transito pedonale sul ponte per consentire lo smontaggio dei ponteggi. Modifiche alla circolazione acquea Sabato 25 agosto, dalle ore 00.15 alle 6.15, per il disallestimento della parte centrale del cantiere, sarà interdetta la navigazione sotto il Ponte dell’Accademia a tutti i mezzi sia a remi che a motore, compresi i mezzi Actv e Alilaguna, ad eccezione dei mezzi del Pronto intervento in servizio di emergenza. Lo stesso divieto sarà in vigore martedì 28 agosto, sempre dalle 00.15 alle 06.15, per la rimozione dei pali guardiani.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

ROMA | Proseguono i lavori per la realizzazione del “Corridoio del trasporto pubblico”

di mobilita

Proseguono i lavori per la realizzazione del “Corridoio del trasporto pubblico” Eur Laurentina-Tor Pagnotta nel IX Municipio.   Come da programma vanno avanti i lavori lungo via Laurentina nel tratto compreso tra viale dell’Umanesimo e Piazzale Douhet per l’installazione dei pali di sostegno della trazione elettrica e l’adeguamento dello spartitraffico centrale. Inoltre nel tratto finale di via Tor Pagnotta e in corrispondenza della rotatoria con via Laurentina sono state ultimate le lavorazioni per l’elettrificazione. I “corridoi del trasporto pubblico” sono nuove componenti del sistema della mobilità indicate dal Piano Regolatore Generale di Roma. Lungo le più importanti direttrici di traffico non servite dalle linee su ferro, il PRG prevede la realizzazione di corsie riservate volte a migliorare le prestazioni del servizio pubblico in termini di puntualità, velocità, frequenza e comfort di viaggio. Nei quartieri a sud dell’Eur Roma Metropolitane sta realizzando un sistema di trasporto ad alimentazione in parte elettrica e in parte tradizionale, lungo due rami principali: da un lato il tracciato da Eur Laurentina a Tor Pagnotta, quasi interamente in sede riservata, con un’estensione futura fino a Trigoria; dall’altro tre collegamenti, in buona parte su sede riservata, da Eur Fermi a Tor de’ Cenci, Torrino e Tor di Valle. L’intervento garantirà servizi di trasporto pubblico stradale più veloci, puntuali e confortevoli rispetto a quelli attuali e di adeguata flessibilità, in grado di risolvere gli aspetti critici delle linee bus oggi presenti e di procedere gradualmente al soddisfacimento della domanda di spostamenti generata da futuri insediamenti urbani, in armonia con i tempi delle edificazioni previste. Inoltre il nuovo sistema di trasporto offrirà agli insediamenti del settore un efficace collegamento con l’Eur e, attraverso la Linea B, con la rete metropolitana, nonché connessioni dirette tra i quartieri nell’ambito dei due corridoi previsti. La sede riservata del nuovo servizio di trasporto pubblico sarà costruita prevalentemente sulla carreggiata delle strade esistenti, limitando le interferenze con gli spazi pubblici urbani e senza alterarne, per quanto possibile, la destinazione d’uso. Al fine di migliorare la coesistenza del corridoio della mobilità con il trasporto stradale sono previste alcune opere edili di rilievo: due ponti sul fosso di Tor Pagnotta e sul GRA, un viadotto su via di Decima e un sovrappasso ciclopedonale in corrispondenza dell’ospedale IFO. L’intervento prevede la realizzazione, su parte degli itinerari previsti, di una filovia con filobus “bimodali”, che marciano elettricamente con doppia modalità di alimentazione: linea aerea di contatto oppure motore diesel (Euro 5) che alimenta il motore elettrico. I filobus saranno inoltre di ultima generazione: utilizzando la tecnologia dei “supercapacitori”, essi saranno in grado di immagazzinare a bordo l’energia altrimenti persa durante la fase di frenatura, per riutilizzarla durante la marcia. I mezzi saranno quindi in grado di lasciare il tracciato filoviario e penetrare nei quartieri consentendo di effettuare un servizio capillare. I tracciati filoviari, collocati in sede propria protetta, saranno a loro volta compatibili con la circolazione dei mezzi pubblici di tipo stradale. L’opera comprende la realizzazione e gestione dell’impianto di alimentazione per la trazione elettrica (con relative sottostazioni e linea di contatto), dei semafori preferenziali e l’allestimento delle banchine di fermata. Inoltre, sarà realizzato un deposito per il ricovero dei mezzi.

Leggi tutto    Commenti 0