Articolo
15 mar 2019

REGIONE PUGLIA | Approvato il Protocollo d’intesa per la progettazione e la realizzazione della Ciclovia dell’Acquedotto pugliese

di mobilita

La Giunta regionale pugliese, nella seduta di ieri 14 marzo, su proposta dell'assessore ai trasporti Giovanni Giannini ha deliberato l'approvazione dello lo schema di "Protocollo d'intesa", tra Ministero Infrastrutture e Trasporti, Regione Puglia, Regione Basilicata e Regione Campania per la progettazione e la realizzazione della Ciclovia dell'Acquedotto pugliese. Con lo stesso atto, la Giunta ha confermato la Regione Puglia quale soggetto capofila con funzione di coordinamento tra le Regioni e di interfaccia con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, e di coordinamento di tutte le attività di progettazione eseguite da ciascuna Regione, volte alla progettazione unitaria della Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese, al fine di assicurare l'uniformità della segnaletica e degli standard oltre che la continuità del percorso. L'Esecutivo ha quindi ribadito, come già deliberato nella DGR 690 del 09/05/2017, che per la parte pugliese di ciclovia il soggetto attuatore per il tronco nord sulla strada di servizio dell'Acquedotto pugliese (dal confine con la Basilicata a Monte Fellone con bretella Bari-Gioia del Colle) è la società AQP spa e per il tronco sud (Monte Fellone-Santa Maria di Leuca) è la Regione Puglia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mar 2019

CAGLIARI | Messa in sicurezza del tratto di costa tra Torre Perdusemini e Marina Piccola

di mobilita

Sono in fase di avvio le procedure di gara per l'affidamento della progettazione per l'intervento di messa in sicurezza del tratto di costa compreso tra la Torre Perdusemini e Marina Piccola. L'intervento di riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera è tra quelli previsti nell'ambito dell'Azione 5-1- del Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2014-2020 tramite il quale è stato stanziato in favore del Comune, un finanziamento da tre milioni di euro. La finalità dell'intero progetto riguarda la messa in sicurezza di sei siti ricompresi nel tratto di costa considerato, al fine di recuperarli alla fruizione perché al momento risultano interdetti a causa dei dissesti in atto. L'ultimazione dei lavori è prevista per il 2022.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mar 2019

FIRENZE | Lunedi 25 marzo inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno

di mobilita

Lunedi 25 marzo ci sarà l'inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno, uno dei simboli di Firenze e meraviglia di piazza Signoria. Il restauro delle statue di bronzo, a cura di Ires e Nicola Salvioli Restuari, si è reso necessario perché le opere erano particolarmente deteriorate da acqua e agenti atmosferici e fa parte del più ampio progetto di recupero del complesso, iniziato nel febbraio 2017 e dal costo di 1,5 milioni di euro arrivati dalla maison Salvatore Ferragamo tramite Art Bonus. Proprio in questi giorni è stato riposizionata la statua in bronzo raffigurante Glauco (dio marino figlio di Nettuno).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mar 2019

ROMA | Automobilisti a giudizio per il reato di interruzione di pubblico servizio per parcheggio selvaggio

di mobilita

Chi parcheggia in doppia fila creando ingorghi sulle strade e bloccando la circolazione di bus e tram ora rischia l’accusa per interruzione di pubblico servizio.  La Procura di Roma ha infatti avviato le indagini su diversi automobilisti pizzicati in sosta selvaggia dopo le numerose segnalazioni degli autisti di Atac Roma che in più di un’occasione hanno trovato macchine di incivili parcheggiate in mezzo alla strada. Preferenziali bloccate, bus imbottigliati nel traffico.  Sono già dieci le persone mandate a giudizio per il reato di interruzione di pubblico servizio per aver parcheggiato l'auto soprattutto in prossimità di binari del tram causandone il blocco.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2019

ROMA | Domenica 24 marzo primo appuntamento di #VIALIBERA

di mobilita

Torna domenica 24 marzo #VIALIBERA, circuito ciclo-pedonale di 15 chilometri che per un’intera giornata, dalle 10 alle 18, sarà dedicato a pedoni e ciclisti. È la terza edizione della manifestazione e coincide con la quinta domenica ecologica. #VIALIBERA si replicherà in altre tre date: 28 aprile, 12 maggio e 16 giugno 2019, con orario ampliato fino alle 19. L’Amministrazione ha poi previsto l’estensione dell’iniziativa per la domenica inclusa nella Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, a settembre 2019. La rete ciclopedonale, off-limits per auto e scooter, attraverserà tutta la città. Tra le strade interessate: via Cola di Rienzo, via Tiburtina (San Lorenzo), via dei Fori Imperiali e largo Corrado Ricci, via del Corso, via XX Settembre, piazza Venezia, viale Manzoni, via Labicana e via Veneto. Il progetto è promosso da Roma Capitale, coordinato dall'Assessorato alla Città in Movimento con gli Assessorati Sport-Politiche Giovanili-Grandi Eventi, Crescita Culturale, Sostenibilità Ambientale, Sviluppo economico-Turismo-Lavoro, Persona-Scuola-Comunità solidale. Collaborano Municipi e Polizia Locale. Roma Servizi per la Mobilità e Zètema curano l’organizzazione della giornata. “Dopo il successo delle prime due edizioni rinnoviamo un’iniziativa importante che vogliamo rendere un appuntamento fisso per i cittadini, da lasciare in eredità alla Capitale”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Un’occasione per vivere la città e la strada in modo sostenibile, coinvolgendo tutte le realtà del territorio, associazioni e comitati, esercizi commerciali e soggetti istituzionali come musei, biblioteche e scuole situate lungo il percorso”. “Anche questa volta i cittadini potranno riappropriarsi degli spazi sotto casa e prendere parte a eventi culturali, iniziative di quartiere e attività ludico-ricreative”, aggiunge l’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo. “Una giornata di festa per promuovere un diverso approccio alla mobilità e un nuovo uso della strada”. Roma Capitale e la Consulta Cittadina per la Sicurezza Stradale invitano gli enti privi di scopo di lucro, gli organismi associativi, i comitati e i cittadini – attivi nella promozione della mobilità dolce e sostenibile e nei settori artistico-culturale e dello sport – a proporre idee e progetti per valorizzare l’iniziativa. Saranno coinvolti direttamente, come ha preannunciato la Sindaca, negozi, musei, gallerie d’arte, palazzi storici e altre realtà lungo il percorso, con attività mirate o già programmate. Chi contribuirà a valorizzare la giornata con iniziative specifiche, o aderirà con attività ed eventi già in programma, sarà rappresentato nel programma #VIALIBERA in aggiornamento continuo sul portale di Roma Mobilità, dove sono disponibili tra l’altro tutte le informazioni su viabilità e trasporto pubblico, la mappa e le indicazioni di dettaglio sugli itinerari.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2019

MILANO | Parte la riqualificazione di parco Russoli con Italgas

di mobilita

Si avvicina una nuova primavera per gli oltre 10.000 metri quadrati di area verde del parco Franco Russoli in via Carlo Bo. Grazie a un accordo di collaborazione sottoscritto con l’Amministrazione comunale, Italgas ha avviato i lavori di riqualificazione che interesseranno tutta l’area racchiusa tra la sua sede milanese e il polo universitario dello IULM. Il progetto prevede di rinnovare le strutture esistenti - campi di calcio e da bocce, area gioco per bambini - preservando l’attuale impostazione complessiva del parco, ma al tempo stesso di trasformare pavimentazioni e arredi introducendo anche altri spazi di fruizione a completa disposizione dei cittadini. Nell’area saranno infatti realizzate una zona fitness all’aperto, con attrezzature per l’attività fisica e nove stazioni ginniche per gli esercizi a corpo libero, oltre a uno spazio riservato ai cani. Particolare cura sarà dedicata al verde, con l’introduzione di nuove specie arbustive ed erbacee che contribuiranno ad arricchire la vegetazione prediligendo piante sempreverdi e a fioritura scalare nelle varie stagioni. Tra gli altri elementi del restyling sono previsti l’ampliamento dell’area di aggregazione, con l’inserimento di un lungo pergolato sotto il quale verranno posizionati tavoli e panche, il miglioramento delle vie di accesso e di collegamento al parco e il rifacimento dell’area giochi che diverrà completamente accessibile anche ai bambini diversamente abili. “Ringraziamo Italgas per aver scelto di investire nella riqualificazione di un parco della grandi potenzialità fino ad oggi ancora poco sfruttate – dichiara l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran -. Parco Russoli è l’area verde più estesa tra Romolo e Famagosta e con questo intervento diventerà molto più attrattivo e vivibile per i residenti e i fruitori del quartiere. La collaborazione con Italgas rientra nel progetto 'Cura e Adotta il verde pubblico', che consente a sempre più aziende e società di gestire parchi, aiuole, parterre, rotonde e aree sportive, consolidando la sinergia tra pubblico e privato nella cura e crescita della nostra città”. “Siamo lieti di poter collaborare con il Comune di Milano – è il commento dell’Amministratore delegato di Italgas, Paolo Gallo – e di contribuire allo sviluppo del quartiere che da quasi tre anni ospita la nostra nuova sede. La riqualificazione del parco Russoli consentirà di rendere ancora più viva e fruibile un’area in cui ogni giorno transitano centinaia di persone, tra studenti, lavoratori e residenti, offrendo nuovi spazi e strutture che siano anche da stimolo all’attività fisica e alla promozione di uno stile di vita sano. Con quest’iniziativa vogliamo contribuire a creare valore per i territori dove siamo presenti, perseguendo la responsabilità sociale d’impresa e mettendo al centro del nostro impegno le persone, siano esse i nostri dipendenti o le persone che vivono in prossimità delle nostre sedi”.  La conclusione dei lavori di riqualificazione e la consegna alla cittadinanza del nuovo parco Russoli sono previste entro l’estate. Nell’ambito dell’accordo, Comune e Italgas hanno convenuto anche che sarà Italgas a occuparsi della gestione ordinaria dell’area e delle sue strutture per un triennio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mar 2019

Le grandi stazioni ferroviarie più connesse con le nuove strutture TLC

di mobilita

Stazioni ferroviarie più connesse grazie al sistema di ultima generazione Distributed Antenna System (DAS). E' l’obiettivo del progetto avviato dal Gruppo FS Italiane con INWIT, società controllata da TIM, per realizzare un sistema di infrastrutture di telecomunicazioni (TLC) che ottimizza la ricezione dei segnali degli operatori di telefonia mobile e potenzia la connessione a internet di smartphone, tablet e PC. Il progetto coinvolge le stazioni ferroviarie gestite da GrandiStazioni Rail, società del Gruppo FS Italiane, che negli ultimi anni sono diventate veri e propri luoghi di incontro e socializzazione nel centro delle città: Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella, Napoli Centrale, Roma Termini, Roma Tiburtina, Torino Porta Nuova, Venezia Mestre, Venezia Santa Lucia e Verona Porta Nuova. “Questa iniziativa proietta il Gruppo FS Italiane nel futuro e conferma il nostro impegno nel cercare soluzioni tecnologiche all’avanguardia” ha dichiarato Alessandro La Rocca, Direttore Innovazione e Sistemi informativi di FS Italiane. “L’installazione del sistema di antenne DAS nelle stazioni migliorerà l’utilizzo dismartphone e PC che sfruttano le tecnologie di trasmissione 2G, 3G, 4G e 4G+. Abbiamo accolto con interesse questa partnership per prepararci all’introduzione della tecnologia di trasmissione dati 5G che permetterà di realizzare applicazioni sempre più innovative. Il Gruppo FS Italiane è al lavoro per progettare nuovi servizi per le persone che viaggiano e che ogni giorno frequentano le stazioni ferroviarie. Continueremo a sostenere lo sviluppo della tecnologia 5G”. “La partnership tra il Gruppo FS Italiane e INWIT permetterà a viaggiatori e visitatori delle più grandi stazioni ferroviarie italiane di essere collegati con i propri dispositivi sempre al meglio – ha sottolineato Giovanni Ferigo, Amministratore Delegato di INWIT – Stiamo rispondendo alla continua richiesta di connettività mobile realizzando in tutta Italia impianti, come il sistema DAS, per migliorare la copertura degli operatori in siti outdoor e indoor particolarmente frequentati anche guardando al futuro della nuova tecnologica 5G. Grazie alle micro antenne collocate in stazioni, aeroporti, ospedali, centri commerciali, stadi e aree cittadine con forte concentrazione di persone, garantiremo una ricezione del segnale degli operatori sempre di altissima qualità e la possibilità di fruire di servizi innovativi ovunque”. La realizzazione del sistema DAS, composto da micro antenne indoor e outdoor, permette un notevole miglioramento della ricezione del segnale e della cosiddetta customer experience per i sistemi di telefonia mobile attualmente in uso con tecnologie 2G, 3G, 4G e 4G+. Le infrastrutture DAS rendono le stesse stazioni ferroviarie 5G ready, predisposte cioè per l’introduzione dell’innovativa tecnologia che gli operatori mobili, già nel corso di quest’anno, utilizzeranno in Italia. Il sistema DAS prevede una centralina elettronica che riceve il segnale via cavo in fibra ottica degli operatori mobili e lo rilancia con una potenza e una stabilità del segnale radio che non sarebbe possibile unicamente con le grandi antenne al di fuori della stazione.  Una serie di micro antenne, distribuite capillarmente in tutte le aree delle stazioni, consente telefonate senza disturbi o perdita di linea e incrementa la capacità delle connessioni ad elevata velocità per tutte le attività che ormai fanno parte della nostra vita quotidiana. Le micro antenne sono strumenti fondamentali per il corretto funzionamento della tecnologia 5G che necessita di un segnale costante e potente, non solo per permettere di ricevere e inviare documenti e contenuti video in tempi più brevi rispetto ad oggi, ma anche per supportare tutte le innovazioni che riguardano l’Internet Of Things (IoT).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 mar 2019

ROMA | Terminati i lavori di manutenzione straordinaria di piazza Armellini

di mobilita

Sono terminati i lavori di manutenzione straordinaria di piazza Armellini che ha riguardato il recupero dei sampietrini che sono stati recuperati e utilizzati secondo il disegno originale. I lavori di riqualificazione hanno riguardato anche la ricostruzione dei marciapiedi, i sistemi di raccolta delle piogge e la segnaletica orizzontale e verticale. I lavori sono stati eseguiti dal Dipartimento Lavori Pubblici (Simu) del Campidoglio e non hanno trascurato i particolari per rendere la piazza accogliente e fruibile, come le verdi aiuole spartitraffico.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mar 2019

MILANO | Porta Genova diventa pedonale e vivibile con l’intervento di urbanistica tattica

di mobilita

Viene presentato oggi al Municipio 6 il progetto di urbanistica tattica “Piazze Aperte” che sbarca in Porta Genova.   Dopo aver portato nuova vitalità e colore in piazza Dergano e piazza Angilberto II, partiranno nei prossimi giorni i lavori per trasformare il piazzale di fronte alla stazione da luogo caotico e privo di identità in un’area pedonale vivibile e ordinata grazie alla posa di strutture mobili e materiali a basso costo. “La riqualificazione di una delle piazze più frequentate e di passaggio della città migliorerà l’utilizzo dell’area attorno alla stazione, creando un presidio e migliorando la qualità dello spazio pubblico  – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità -. L’obiettivo è inaugurare la nuova area durante la Design Week, quando centinaia di migliaia di persone transiteranno in quest’area della città”. I lavori prevedono la pedonalizzazione del piazzale e del tratto tra via Ventimiglia e via Barbavara, per un totale di 4.100 metri quadri di aree che si aggiungono ai 1.200 metri quadri già pedonali, con il mantenimento sia del transito del trasporto pubblico, sia dell'accesso carraio per i residenti di piazzale di Porta Genova 2. Il percorso dall'uscita della fermata della M2 alla passerella Biki verrà colorato con strisce bianche e blu, lungo le quali verranno posate panchine, piante, vasi e rastrelliere. Verranno eliminati alcuni posti auto, per lo più irregolari, mentre la fermata dei taxi verrà spostata all’esterno dell’area pedonale. L’intervento lascia inalterata la circolazione tra via Vigevano, corso Colombo e via Valenza, mentre sarà vietato ai veicoli privati attraversare la parte interna della piazza. Saranno mantenuti sia la stazione del Bike sharing, sia il chiosco presente sulla piazza, che verrà spostato di pochi metri. Nell'ambito del progetto di intervento complessivo su tutte le fermate della linea tramviaria 2 finalizzato a migliorarne l'accessibilità e in coerenza con la pedonalizzazione del piazzale di Porta Genova saranno riqualificate le fermate del tram e del bus 74. Il progetto “Piazze Aperte”, realizzato in collaborazione con Bloomberg Associates e il supporto di Nacto Global Designing Cities Initiatives, e per la parte di implementazione, grazie ai patti di collaborazione del Comune di Milano, con la collaborazione dell’associazione Retake Milano e il Colorificio Sammarinese, segue gli obiettivi di sostenibilità e rigenerazione urbana di Milano 2030: valorizzare le piazze quale luoghi di aggregazione al centro dei quartieri, migliorare lo spazio pubblico, ampliare le aree pedonali e fruibili e promuovere forme sostenibili di mobilità a beneficio dell'ambiente e della qualità della vita in città. “Piazze Aperte” segue gli esempi di successo realizzati in grandi città del mondo come Bogotà a Buenos Aires, Sao Paulo, New York City e Los Angeles, Addis Abeba, e Bombay e a Milano, con gli interventi sperimentali di Piazzale Angilberto II e Piazza Dergano realizzati lo scorso settembre, ha trovato l’apprezzamento di molti cittadini.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mar 2019

ROMA | Proseguono i lavori per rendere più sicuri gli incroci e gli attraversamenti pedonali

di mobilita

Proseguono i lavori per rendere più sicuri gli incroci e gli attraversamenti pedonali in zona San Giovanni, all’incrocio tra via Amba Aradam e Porta Metronia, dove già sono state sperimentate le strisce pedonali a led. Il cantiere prevede la realizzazione di un’isola spartitraffico, dei scivoli per persone con disabilità e percorsi per ipovedenti. Per garantire l’attraversamento in sicurezza i semafori in corrispondenza dell’incrocio saranno dotati di display “countdown” che indicano la durata del verde per i pedoni. Inoltre negli impianti semaforici saranno inserite lampadine a led.

Leggi tutto    Commenti 0