Articolo
17 lug 2019

ROMA | Riapre il passaggio pubblico del Teatro di Marcello,

di mobilita

Dopo 3 mesi di lavori, riapre al pubblico il percorso pedonale ad ingresso libero del Teatro di Marcello, che mette in collegamento via Montanara con il Portico d’Ottavia. L'intervento di messa in sicurezza è stato promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Nell'Area archeologica del Teatro di Marcello è stato realizzato, infatti, un nuovo percorso pedonale per consentire un transito più agevole e sicuro alle migliaia di visitatori e cittadini che da anni accedono all’area e la usano anche come attraversamento tra via Montanara e il Portico d’Ottavia. Il passaggio – costituito da un massetto in malta di calce e pozzolana ed isolato dal terreno sottostante tramite uno strato di “tessuto non tessuto”, per non interferire con le preesistenze archeologiche – è ora definito da nuovi margini, costituiti da paletti dissuasori e catenelle in metallo, che ridisegnano l’accessibilità all’area valorizzando l'esperienza della visita archeologica. Infatti, la nuova delimitazione degli spazi configurata dalla nuova recinzione permette di avvicinarsi maggiormente al Teatro per ammirare la maestosità dell'architettura romana, fino al limitare dei fornici. I lavori sono stati realizzati dall'Impresa C.L.C.&.C SRL, aggiudicataria della gara d'appalto, per un importo complessivo di € 101.393,49, sotto la Direzione Tecnico-Scientifica della Sovrintendenza Capitolina.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 lug 2019

MILANO | Accordo di collaborazione per la rigenerazione dell’area Bovisa-Goccia

di mobilita

Realizzare un grande parco pubblico, ampliare il campus universitario del Politecnico di Milano e prevedere un polo scientifico tecnologico, creando i presupposti affinché l’ambito diventi un luogo deputato all’eccellenza e alla ricerca. Con questi obiettivi sono state approvate le linee di indirizzo politico per la rigenerazione dell’area Bovisa-Goccia, cui seguirà, una volta approvato il Piano di Governo del Territorio, la sottoscrizione di una Convenzione Quadro tra Comune e Politecnico, principali proprietari delle aree che porterà alla definizione del Piano Attuativo per il loro sviluppo. L’accordo ricalca le indicazioni del Piano di Governo del Territorio in fase di discussione, che prevede uno sviluppo dell’area legato a una Grande Funzione Urbana, intesa come l’ampliamento del campus universitario,  la realizzazione di un parco di almeno il 50% della superficie totale e la riduzione dell’indice di edificabilità allo 0,35 mq/mq per funzioni legate all’università (direzionali, produttive, finalizzate alla creazione di un parco scientifico-tecnologico, residenze universitarie).  L’area di circa 350mila metri quadrati vedrà quindi ridurre drasticamente le volumetrie consentite, a favore di un incremento del verde e un consistente ampliamento del campus universitario. “Con questa delibera confermiamo l’impegno a procedere insieme al Politecnico per valorizzare finalmente un’area che riveste un’importanza strategica sia per dimensioni sia per la grande accessibilità garantita dalle stazioni Bovisa e Villapizzone e acceleriamo il processo per le fasi attuative- dichiara l’assessore all’Urbanistica e Verde Pierfrancesco Maran -. L’obiettivo è realizzare un parco pubblico in continuità con altri due grandi parchi che nasceranno nei prossimi anni allo scalo Farini e nell’area Mind, oltre che con il nuovo polmone verde di Cascina Merlata. Parallelamente contribuiremo a rafforzare l’eccellenza milanese rappresentata dal Politecnico, che potrà avere nuovi spazi innovativi per i suoi sempre più numerosi studenti italiani e stranieri”.  La segreteria tecnica, insediata nel 2017 tra esperti del Politecnico e funzionari dell’Amministrazione comunale per definire delle linee guida progettuali per l’ambito Bovisa-Goccia, avvierà fin da subito, in attesa dell’approvazione del PGT, una nuova fase di confronto. Il tavolo lavorerà in particolare all’approfondimento delle linee guida attraverso l’individuazione degli spazi per la didattica e la ricerca necessari alla creazione di un campus innovativo e funzionale e alla definizione del progetto per il parco: si prevede infatti che, alla rete di spazi e percorsi verdi che caratterizzeranno i nuovi insediamenti a carattere fortemente pubblico, si affiancheranno due grandi aree connesse, che comporranno il parco della Goccia. La prima è un’area di circa 90mila metri quadrati, posta a nord ovest, dove nei prossimi mesi sarà avviata una sperimentazione di fitorimedio, tecnica innovativa di bonifica attraverso l’impiego di essenze arboree, eventualmente replicabile nella restante parte della Goccia. La seconda è il cosiddetto Parco dei Gasometri, area di 40mila metri quadrati posta a margine sud del Campus e su cui insistono i manufatti dei gasometri e altri edifici storici di archeologia industriale. Entro l’anno sarà conclusa la bonifica di questa parte del parco: per garantire un presidio dell’area e una sua fruizione in tempi rapidi, in attesa che la Convenzione Quadro definisca il quadro generale e le modalità attuative, l’area potrà essere affidata al Politecnico, che si incaricherà di realizzare a proprie spese interventi di carattere temporaneo volti a renderne possibile la fruizione: cura del verde, inserimento di attrezzature per lo sport all’aperto, messa in sicurezza dei manufatti storici e, dove possibile, il loro riuso per servizi  e attività connesse alle propria funzione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2019

ROMA | Visita del Presidente Vladimir Putin. ecco tutti provvedimenti per la viabilità

di mobilita

Giovedì 4 luglio è in programma a Roma la visita del Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin. Nel corso della sua visita Putin effettuerà una serie di incontri istituzionali che richiederanno provvedimenti a tutela della sicurezza oltre che sulla viabilità delle zone interessate. I primi provvedimenti scatteranno entro le 13 di oggi, intorno l'area dell'Hotel St. Regis, dove sono previsti divieti di sosta e rimozione di tutti i veicoli presenti in via Vittorio Emanuele Orlando (tra piazza San Bernardo e piazza della Repubblica), via Parigi, via XX Settembre (tra via Pastrengo e via Vittorio Emanuele Orlando) tutta piazza San Bernardo, e l'intero parcheggio posto tra gli incroci con via Romita, via Vittorio Emanuele Orlando e via Barbieri. A partire dala mezzanotte del 4 luglio, in vista dell'incontro tra Putin e il Presidente Mattarella, i divieti di sosta e le rimozioni forzate scatteranno sull'intera piazza del Quirinale, in via XXIV Maggio (tra largo Magnanapoli e piazza del Quirinale), via del Mazzarino, largo Magnanapoli e via della Consulta (tra piazza del Quirinale e via Piacenza). Alle 16, invece, è in programma l'incontro a Palazzo Chigi tra Putin e i presidente del Consiglio dei Ministri. Provvedimenti alla viabilità e transennamenti delle strade interesseranno via del Corso, via delle Muratte, via dei Sabini, largo Chigi, via del Pozzo, via San Claudio, piazza e via del Parlamento, via del Tritone, via della Missione, via Uffici del Vicario, via dell'Impresa, vicolo delo Sdrucciolo, piazza Montecitorio, piazza di Pietra, via della Colonna Antonina, via Aquiro e via dei Bergamaschi. Entro le 8 del 4 luglio, lo sgombero dei veicoli in sosta scaterrà in via dei Sabini, via del Parlamento, via del Corso (tra via San Claudio e via delle Muratte), via della Colonna Antonina, via dei Bergamaschi e piazza Monte Citorio. Sempre ad inizio giornata del 4 luglio, analoghi provvedimenti saranno eseguiti nella zona di Villa Madama con divieti e rimozioni quindi, in via Durazzo, via Novaro, via Gomenizza e viale Angelico. Nelle stesse ore, ulterioridivieti e rimozioni interesseranno la zona del Ministero degli Affari Esteri. Queste le strade interessate: via Boselli, via Tittoni, via Blanc, via Macchia della Farnesina, via Volpi, piazzale della Farnesina, viale Ministero degli Affari Esteri, via Antonio San Giuliano, parcheggi ex Civis e la prima area di parcheggio di via Contarini e via Toscano. Nella zona, verranno sospese le postazioni taxi tra viale Volpi e largo Bratislava, sospese e spostate le fermate e il capolinea Atac della linea 628 tra via Volpi e viale Antonio di San Giuliano e sarà deviata la linea 32. Ancora da inizio giornata, rimozione veicoli anche da largo Fellini, piazzale del Brasile, e piazza Barberini. Sospese le fermate taxi di piazza Barberini, largo di Torre Argentina e via Vittorio Emanuele Orlando. Infine, in vista dell'incontro tra il Presidente della Federazione Russa e il Santo Padre, provvedimenti sulla viabilità renderanno attivi in via della Conciliazione mentre a partire dalle 7, saranno chiusi al pubblico il parco di villa Aldobrandini e il giardino del Quirinale. Oltre alle limitazioni alla sosta, possibili temporanee chiusure durante gli spostamenti del corteo presidenziale e sulle strade a ridosso dei luoghi dove avverranno gli incontri istituzionali. Per motivi di sicurezza legati agli eventi e su disposizione della Questura,  dalle 19 di mercoledì 3 luglio e fino alle 7 del 5 luglio, verrà isituita una "green zone" all'interno della quale non saranno consentite pubbliche manifestazioni di piazza. Ecco i piani stadali che delimiteranno la "green zone": piazza d'Aracoeli; via San Venanzio, largo Berlinguer, piazza San Marco, piazza Venezia, via del Plebiscito, corso Vittorio Emanuele II, largo di Torre Argentina, piazza e via di San Pantaleo, via dell'Anima, largo Flebo, via di Torre Sanguigna, via Zanardelli, piazza Ponte Umberto I, lungotevere Marzio, lungotevere in Augusta, via Luisa di Savoia, piazza del Popolo, via D'Annunzio, via Trinità dei Monti, via Sistina, via Crispi, via di Porta Pinciana, via Veneto, via Boncompagni, via Collina, va Bellisario, via Piave, via XX Settembre, piazza di Porta Pia, corso d'Italia, piazza della Croce Rossa, viale Castro Pretorio, via Vicenza, via Marsala, via De Nicola, piazza dei Cinquecento, via Giolitti, via Gioberti, piazza Santa Maria Maggiore, via Merulana, largo Brancaccio, via Lanza, via Cavour, largo Corrado Ricci via dei Fori Imperiali, via San Pietro in Carcere, piazza del Campidoglio, via delle Tre Pile e piazza Aracoeli. Sempre dalle 19 del 3 luglio alle 7 del 5 luglio, all'interno della "green zone", scatterà il divieto di accesso e transito per i veicoli che trasportano merce pericolosa e per quelli adibiti al trasporto merci (esclusi i veicoli di massa inferiore alle 3,5 tonnellate). Dal provvedimento sono esclusi i mezzi che trasportano medicinali e materiale sanitario di uso urgente, alimentari deperibili, trasporto valori e distribuzione stampa e invii postali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 lug 2019

Ztl: ecco le linee guida Mit per la regolamentazione

di mobilita

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per tramite della Direzione generale della Sicurezza Stradale, ha emanato le Linee guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle Zone a traffico limitato, rivolte ai comuni che intendono istituire o modificare una Ztl esistente. L’obiettivo è agevolare le procedure di autorizzazione all’installazione degli impianti di controllo automatico e, più in generale, realizzare sistemi segnaletici omogenei, coerenti e più facilmente riconoscibili dall’utenza stradale. Le indicazioni contenute nelle Linee guida, coerenti con le disposizioni delle norme primarie e regolamentari vigenti, si applicano alle Zone a traffico limitato di nuova realizzazione, ma anche alle Zone a traffico limitato esistenti sia nel caso di loro modifica e adeguamento sia qualora si intenda attuare il controllo automatico. Qui potete consultare le nuove linee guida

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2019

ROMA | Ztl Tridente, terminato pre-esercizio. da lunedì 1° luglio varchi accesi

di mobilita

Da lunedì 1° luglio, terminata la fase di pre-esercizio, entrano in funzione i 6 varchi elettronici a presidio della Ztl A1 del Tridente. Sono collocati in via di Ripetta (incrocio con via dell'Oca), via dei Pontefici (incrocio piazza Augusto Imperatore), via Condotti (incrocio largo Goldoni), via di Propaganda (incrocio via Capo le Case), via di San Sebastianello (incrocio viale Trinità dei Monti) e via del Gambero (incrocio via delle Convertite). I veicoli non autorizzati saranno dunque fotografati e le immagini verranno automaticamente inviate alla Polizia Locale per le sanzioni previste. La Ztl A1 del Tridente è attiva dalle 6.30 alle 19, dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) e il sabato dalle 10 alle 19 (festivi esclusi). Il divieto riguarda tutti gli autoveicoli e i motoveicoli. Possono chiedere il permesso di accesso i veicoli di residenti e domiciliati nella Ztl A1, lavoratori notturni o artigiani con sede all'interno della Ztl A1 e altre categorie.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2019

MILANO | In gara a settembre i lavori della ciclabile Vento che correrà lungo l’Alzaia del naviglio pavese

di mobilita

A metà luglio, in un’assemblea pubblica, verrà presentato il progetto della ciclabile Vento che correrà lungo l’Alzaia del naviglio pavese, dalla Darsena fino al confine con il Comune di Assago, parte della ciclabile che da Torino arriva a Venezia lungo il Po. Un percorso lungo 8 km da via Darwin fino ad Assago, percorribile in bicicletta in entrambi i sensi, con alcuni tratti di ciclabile in struttura separata dalla strada, in altri tratti di strada a velocità limitata a 30 km/h e con solo traffico locale dove le biciclette possono convivere con le auto dei residenti. Tutta la sponda sarà liberata dalle auto in sosta restituendola ai cittadini ed evitando il rischio di crolli. I 265 posti auto lungo la sponda, irregolari ma utilizzati dai cittadini, saranno restituiti ai residenti con 50 nuovi posti recuperati in Alzaia e gli altri recuperati nelle vie interne fra cui via Fra Cristoforo, via Renzo e Lucia, via Imperia, via Bordighera. Tutta la sosta di questi quartieri, circa 2.165 posti auto, sarà a pagamento per chi viene da fuori e gratuita per i residenti, con più controlli, per salvaguardare i residenti, e diminuire chi entra in città in auto, favorendo invece chi usa il mezzo pubblico e i parcheggi di interscambio. Verranno anche posizionati nuovi alberi. Si eviterà inoltre il traffico di attraversamento dei quartieri, in ingresso e uscita dalla città che a questo punto si è mcostretti ad usare viabilità più appropriata come l’autostrada o via Chiesa Rossa, che riduce la qualità della vita dei popolosi quartieri che si affacciano sul Naviglio. L’opera andrà in gara a settembre 2019, con inizio lavori nell’estate 2020, per un importo di 2,5 milioni di €, di cui 750.000 di finanziamento statale e 1.750.000 di risorse del Comune di Milano. Ti potrebbero interessare: FS Italiane, promuove Vento Bici Tour 2018: escursioni in bicicletta lungo gli argini del Po

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
28 giu 2019

NAPOLI | Dispositivi di traffico durante lo svolgimento della XXX edizione delle “Universiadi”

di mobilita

Le Universiade si svolgeranno dal 3 al 14 luglio 2019 ma le attività inizieranno già dal 28 giugno, data in cui arriveranno gli atleti e iniziano gli allenamenti presso i vari siti interessati dall’evento. Gli atleti, interessati prevalentemente alle competizione previste nella città di Napoli, alloggeranno su 2 navi ormeggiate presso la Stazione Marittima, dalle quali si sposteranno con autobus riservati verso i vari siti di allenamento e di gara. I siti cittadini interessati da allenamenti e competizioni, per i quali sono stati previsti provvedimenti viabilistici, sono: lo Stadio S. Paolo, la Piscina Scandone, il Palabarbuto, la Mostra d’Oltremare, il CUS Napoli, il Parco Virgiliano, il Circolo del Tennis, il Circolo Italia, il Polifunzionale di Soccavo, il Paladennerlein, il Palavesuvio e Stadio Collana. Lo studio, fatto unitamente alla Polizia Municipale, ha portato alla definizione di due corridoi: uno riservato protetto per gli atleti e un percorso, parallelo e il meno possibile interferente con il primo, per i veicoli privati. Il percorso per gli atleti si estenderà dalla Stazione Marittima, uscita varco Immacolatella Vecchia (Portosalvo), via Cristoforo Colombo (Corsia Tramviaria esistente), via Acton (corsia centrale protetta da new jersey), svolta su via Acton lato giardini prima della Galleria della Vittoria (in corsia delimitata), via N. Sauro (lato mare), via Partenope (lato mare), piazza Vittoria, via Caracciolo (zona totalmente interdetta ai veicoli), viale Dohrn, viale Gramsci, piazza Sannazzaro, Galleria Laziale (corsia preferenziale protetta), via Fuorigrotta e via Giulio Cesare (in corsia delimitata). Gli autobus di ritorno da piazzale Tecchio verso la Stazione Marittima faranno il percorso inverso con la variante che, giunti in Piazza Vittoria, percorreranno via Arcoleo e la Galleria della Vittoria in viabilità ordinaria. Gli autobus che partiranno dalla Stazione Marittima diretti alla Zona Orientale percorreranno la viabilità interna al Porto e proseguiranno per i raccordi autostradali. Percorso protetto per gli atleti: Percorso verso Stadio San Paolo/Fuorigrotta: (porto Salvo - via Colombo - piazza Municipio - via Acton - via Nazario Sauro - via Partenope - via Caracciolo - viale Dhorn - piazza della Repubblica - viale Gramsci - piazza Sannazaro - Galleria Laziale in corsia riservata - via Fuorigrotta - via Giulio Cesare - piazzale Tecchio - parcheggio Stadio; Percorso da Fuorigrotta verso il Centro: (parcheggio Stadio - via Giulio Cesare/via Fuorigrotta/Galleria Laziale in corsia promiscua - piazza Sannazzaro - viale Gramsci - piazza della Repubblica - viale Dhorn - via Caracciolo - piazza Vittoria/via Arcoleo/Galleria Vittoria in corsia promiscua - via Acton - piazza Municipio - via Colombo - Porto Salvo; In andata, il percorso sarà totalmente protetto e disgiunto rispetto a quello previsto per i veicoli privati; al ritorno alcuni tratti saranno necessariamente in viabilità promiscua. Tale fattispecie è stata giudicata compatibile con la funzionalità dell’intero dispositivo, atteso che le corse mattinali di adduzione dal Porto verso Fuorigrotta avranno un livello di priorità alto e quindi richiederanno garanzia di affidabilità e regolarità superiore a quelle di ritorno di verso il Porto. Un focus particolare è stato fatto per i singoli impianti sportivi per definire i dispositivi di sicurezza pubblica e di accessibilità agli impianti. Per la riuscita degli eventi, saranno attuati i seguenti provvedimenti. Dal 28 giugno al 14 luglio 2019 Saranno modificati gli orari di attivazione dei varchi "Via Toledo alt. via dei Pellegrini” in direzione via Pessina e "Piazza Dante" in direzione via Toledo, prevedendo l'attivazione degli stessi tutti i giorni della settimana e dalle ore 10,00 alle ore 18,00. E' prevista l'istituzione delle seguenti corsie riservate ai veicoli che trasportano gli atleti partecipanti e a servizio delle universiade: a) via Colombo: corsia centrale a doppio senso di marcia (ex sede tranviaria); b) piazza Municipio: corsia centrale a doppio senso di marcia, opportunamente delimitata, in prosieguo a quella di via Cristoforo Colombo di cui al precedente punto a); c) via Ammiraglio Ferdinando Acton (da piazza Municipio alla Galleria della Vittoria): corsia centrale a doppio senso di marcia, opportunamente delimitata, in prosieguo a quella di piazza Municipio di cui al precedente punto b); d) via Ammiraglio Ferdinando Acton (dalla Galleria della Vittoria alla confluenza con via Cesario Console): corsia a senso unico di marcia verso via Cesario Console, opportunamente delimitata; e) via Nazario Sauro e via Partenope: corsia a senso unico di marcia dalla confluenza di via Cesario Console a piazza Vittoria, opportunamente delimitata, sul lato sinistro della carreggiata (lato mare); f) via Francesco Caracciolo e viale Anton Dohrn: attuale viabilità a doppio senso di marcia; g) viale Antonio Gramsci, corsia a doppio senso di marcia, opportunamente delimitata centralmente con elementi di separazione dei sensi di marcia; h) Galleria Laziale: corsia a senso unico di marcia da piazza Sannazaro a via Fuorigrotta (attuale sede riservata); i) via Fuorigrotta: corsia a senso unico di marcia, opportunamente delimitata, in prosieguo a quella di cui al punto h), dalla Galleria Laziale a via delle Legioni e da via delle Legioni a via Giulio Cesare; j) piazza Italia: corsia a senso unico di marcia, opportunamente delimitata, in prosieguo a quella di cui al punto i), da via Fuorigrotta a via Giulio Cesare; k) Giulio Cesare: corsia a senso unico di marcia, opportunamente delimitata, in prosieguo a quella di cui al punto j), da piazza Italia a via piazzale Tecchio. Nella corsia riservata di cui al punto di via Nazario Sauro e via Partenope, sarà consentito il transito solo ai veicoli che trasportano gli atleti partecipanti alle universiade. Nella corsia riservata di cui al punto di viale Antonio Gramsci, oltre ai veicoli che trasportano gli atleti partecipanti alle universiade, sarà consentito il transito anche ai veicoli dei residenti delle seguenti strade: viale Antonio Gramsci, via Tommaso Campanella; via Ferdinando Galiani, via Giambattista Pergolesi, via Caracciolo (tratto da via Sannazaro a piazza della Repubblica). Nelle predette corsie preferenziali sarà vigente il divieto di sosta permanente con rimozione coatta. Inoltre, saranno modificati i seguenti sensi di circolazione: a) via Giordano Bruno, da piazza Sannazaro a piazza della Repubblica; b) via Giambattista Pergolesi, da viale Antonio Gramsci a via Giordano Bruno; c) via Tommaso Campanella, da viale Antonio Gramsci a via Francesco Caracciolo; d) via Marcantonio, da via Giulio Cesare a viale Augusto; e) via degli Scipioni, da via Giulio Cesare a viale Augusto. Saranno, inoltre, interdetti al transito le seguenti sezioni stradali: via Sannazaro alla confluenza con piazza Sannazaro; via Francesco Caracciolo, alla confluenza con via Sannazaro; nel varco posto tra lo spartitraffico di via Riviera di Chiaia fronte via San Pasquale a Chiaia. É stata previsto un percorso ciclabile in viale Anton Dhorn, lato circolo del tennis, dalla confluenza con piazza della Repubblica alla confluenza con via Francesco Caracciolo. Inoltre, per i singoli impianti sportivi saranno attivati i seguenti dispositivi: Stadio San Paolo Dal 6 al 14 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata, su ambo i lati dei seguenti tratti di strada: via G.B. Marino, da P.le Tecchio a via G.Leopardi; via F. Galeota, da via G.B. Marino a via L. Tansillo; via L. Tansillo da via F. Galeota a via J. De Gennaro; via P.J. De Gennaro, da via L. Tansillo a via G.B. Marino; Piazzale D’Annunzio, dall’ingresso sottopasso fino a via P.J. De Gennaro (corsia antistante la Curva “B”). Centro Universitario Sportivo (CUS) Dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà vigente il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: a) in via Campegna, su ambo i lati della strada, dall'ingresso del Poligono di Tiro a via Cavalleggeri d'Aosta; b) in via Campegna, adiacente la Scuola “Giacinto Gigante”; Dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il senso unico di marcia in via Campagna, dall’angolo della Scuola “Giacinto Gigante” a via Cavalleggeri d'Aosta. Palabarbuto e alla Piscina Scandone Dal 29 giugno e fino al 14 luglio 2019 per ciascuna giornata, dalle ore 7.00 e fino a cessate esigenze (termine della attività sportive), sarà istituito il divieto di transito veicolare eccetto i veicoli muniti di accredito rilasciato a cura dell'Organizzazione: in via Labriola e viale Giochi del Mediterraneo lungo il tratto di strada compreso tra le intersezioni di via Labriola e di via Barbagallo. Dal 29 giugno al 14 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: in via Labriola e viale Giochi del Mediterraneo lungo il tratto di strada compreso tra le intersezioni di via Labriola e di Via Barbagallo. Mostra d'Oltremare Dal 27 giugno al 14 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: in viale Kennedy, dal distributore di benzina dismesso fino al semaforo del varco di ingresso Mostra D'Oltremare altezza Centro di giardinaggio “De Luca”. In largo Bersanti e Matteucci. Area ex NATO, Dal 30 giugno al 07 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà vigente il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: in viale della Liberazione, nei pressi degli ingressi dell'area ex NATO; in via San Gennaro. Polifunzionale di Soccavo Dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà vigente il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata in in viale Adriano, dall’altezza del centro di salute mentale a via Appio Claudio. Lungomare di Napoli (Hotel Continental e Hotel Excelsior) Dal 26 giugno al 15 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze sarà istituito il il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: a) in via Chiatamone, dal civico 40 al 53; b) via Dumas padre, fino all'incrocio di via Chiatamone. c) via Partenope, ingresso hotel Excelsior; d) Via Nazario Sauro, da via Partenope a via Lucilio; e) Via Generale Giordano Orsini, dall'incrocio con via Partenope all'incrocio con via Lucilio. Dal 6 al 12 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze sarà attuato il senso unico di circolazione in via Santa Lucia, da via Lucilio a via Nazario Sauro; Lungomare di Napoli (Circolo del Tennis) Dal 28 giugno al 14 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà vigente il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata, viale Dohrn nel tratto compreso tra la Rotonda Diaz e Piazza della Repubblica, lato Circolo del Tennis. Palavesuvio Dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: a) via L. Napoletano, entrambi i lati; b) via Petri, ambo i lati; c) via Argine direzione Napoli. Dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, per ciascuna giornata, dalle ore 7.00 e fino al termine della attività sarà inoltre vigente: d) senso unico di circolazione in via E. Scarpetta, da via F. Coppi verso via Napolitano; e) senso unico nella traversa successiva (via Luigi Napolitano) in direzione F. Coppi. M)Per consentire le manifestazioni previste al Paladennerlein, dal 28 giugno al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, istituire: il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: a) via Sesto Fiorentino; b) via delle Repubbliche Marinare. sospensione fermata autobus ANM di via delle Repubbliche Marinare n. 279 BIS. Centro Sportivo Virgiliano Dal 3 al 12 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata: area antistante l’ingresso principale del Parco Virgiliano; intersezione con via Tito Lucrezio Caro. Stadio Collana Dal 3 al 13 luglio 2019 e comunque fino a cessate esigenze, sarà istituito il divieto sosta con rimozione coatta e il divieto di fermata in via Riberia: lato Stadio, da vico Acitillo a via Gemito; fronte stadio, da passo carrabile civ. 8 a via Gemito. É stato inoltre previsto che i residenti, possessori di permesso di sosta nei settori a tariffa senza custodia interessati dai divieti di sosta con rimozione coatta e di fermata, sono autorizzati a sostare nei settori adiacenti a quelli interessati dai divieti.   Servizi di trasporto pubblico Per favorire la mobilità degli spettatori interessati verso le location degli eventi dislocati sul territorio cittadino, si interverrà essenzialmente sui seguenti collegamenti: 6. L’asse portante della mobilità su gomma sarà costituito dalla linea 151 (Stazione CentraleVittoria- Caracciolo- Dohrn- Fuorigrotta). La frequenza sarà nell’ordine dei 10’ nelle fasce di punta e di programmazione degli eventi. I poli interessati dalla linea 151 sono: Stadio del tennis di viale Dohrn, Circolo Savoia (vela/Nuoto di fondo/corsa su strada), Mostra d’Oltremare (Judo e tuffi e tennis al coperto), Stadio San Paolo (atletica), Piscina Scandone (nuoto), stadio del rugby (ex area NATO); da campi Flegrei, l’interscambio con Cumana, M2 e, soprattutto, linea 502 consentiranno di completare il collegamento con i siti delle gare di viale Giochi del Mediterraneo; 7. La linea 502 assicurerà i collegamenti tra l’area di Fuorigrotta e quella della Mostra d’Oltremare/viale Giochi del Mediterraneo, ex NATO (anche fino a tarda notte come richiesto da ARU) con frequenza di 15’; 8. La linea 196 garantirà il collegamento tra piazza Garibaldi e il Pala Vesuvio di via Argine, supportata dalla linea suburbana 116. La frequenza sarà nell’ordine dei 15’ nelle fasce di punta e di programmazione delle gare, 20’/25’ nelle altre fasce orarie. In tale funzione sarà supportata dalla linea suburbana 116 che, da Brin/piazza Garibaldi, raggiunge anche Cercola nelle vicinanze del Pala Cercola. Per le direttrici che interessano i maggiori poli attrattori della città, si manterrà un livello di servizio tipo ‘invernale’. In particolare: Linea 140: Posillipo-Chiaia, frequenza 15’, per questa linea si prospetta l’eventualità di limitarne il percorso da Posillipo a Mergellina/piazza della Repubblica (alla stregua di C12, 618 e 607), in maniera da garantirne maggiore frequenza e affidabilità (8/10’) e, nel contempo, incidere meno sull’asse viario costituito del corridoio della mobilità. Il completamento degli spostamenti da Posillipo verso piazza Vittoria e S. Lucia sarà assicurato dall’interscambio con la direttrice 151; Linea C16: Mergellina-Corso V. Emanuele, frequenza 15’; Linea 168: Capodimonte-Dante, frequenza 15’;  Linea 604: Zona Ospedaliera-Museo nazionale, frequenza 15’ Inoltre, in zona Fuorigrotta saranno disponibili complessivi 300 posti auto in struttura nel parcheggio ANM di Bagnoli sito in adiacenza al sito ex Nato a circa 900 metri dal Palabarbuto e dalla piscina Scandone. Nella stessa area saranno disponibili ulteriori 300 posti auto a raso. Con l’ausilio di Napoli Servizi sarà garantito servizio navetta per i soggetti diversamente abili tra i suddetti parcheggi e le aree degli eventi in zona Fuorigrotta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2019

AEROPORTO FIUMICINO | Per il secondo anno Fiumicino è il miglior aeroporto d’Europa

di mobilita

Nuovo importante riconoscimento internazionale per l’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma. Per il secondo anno consecutivo lo scalo di Fiumicino si conferma al primo posto della classifica ufficiale di “Airport Council International”, l’associazione istituzionale che rileva in modo indipendente il gradimento dei passeggeri nei principali aeroporti del mondo. E’ la prima volta nella storia delle rilevazioni che il primato viene attribuito per due anni consecutivi allo stesso aeroporto, insieme all'aeroporto di Schiphol. Lo scalo della capitale eccelle in particolare per la qualità dei servizi erogati ai passeggeri, l’innovazione tecnologica e la funzionalità delle infrastrutture. Questi primati, coniugati con l’efficienza operativa che ha portato il Leonardo Da Vinci ad essere uno degli scali più puntuali d’Europa, hanno convinto un’autorevole giuria indipendente – composta da rappresentanti della Commissione europea, di SESAR, della Conferenza europea dell'aviazione civile (ECAC) e della European Union Aviation Safety (EASA) – ad attribuire a Fiumicino il riconoscimento “Best Airport Award 2019”, nella categoria per gli aeroporti con oltre 25 milioni di passeggeri. “Siamo orgogliosi di questo rinnovato primato – ha dichiarato l’Amministratore delegato del gruppo Atlantia Giovanni Castellucci - frutto dell’impegno quotidiano e appassionato dei nostri collaboratori e di tutti i nostri partners, da Enac a Enav, alla polizia di frontiera e all’hub carrier Alitalia, per citarne solo alcuni. Siamo determinati a rendere l’aeroporto sempre migliore per aiutare le compagnie aeree che vi operano ad essere sempre più competitive, nell’affrontare le crescenti sfide globali”. A rendere possibile la vittoria del Leonardo da Vinci è stato il raggiungimento di eccellenti livelli di qualità, ottenuti grazie agli effetti della “cura Atlantia” - avviata circa cinque anni fa, quando Fiumicino era in coda alle classifiche di qualità - in tutti gli ambiti infrastrutturali e di servizio. La giuria ha infatti motivato il premio sottolineando gli ottimi risultati ottenuti da Aeroporti di Roma nell’innovazione tecnologica e gestionale a supporto dell’efficienza delle operazioni e della qualità dei servizi, come nel caso degli e-gates. E’ un percorso virtuoso che ha reso Fiumicino uno degli scali europei con il migliore tasso di puntualità per i voli in partenza. I giudici sono rimasti colpiti anche dall’efficienza dei terminal e dalla forte attenzione dello scalo per la gestione della sicurezza, per la stretta collaborazione con le compagnie aeree, per il monitoraggio continuo delle prestazioni e i chiari obiettivi ambientali. La capacità di gestione di ADR è confermata anche da Skytrax, la principale società internazionale di rating e valutazione del settore aeroportuale, che ha confermato le 4 stelle Skytrax. Tra le motivazioni ancora una volta il forte orientamento del gestore aeroportuale a garantire il comfort al passeggero e l’eccellenza nelle operazioni. “Si tratta – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma, Ugo de Carolis - di riconoscimenti importanti per Fiumicino che per la seconda volta è stato premiato con il Best Airport Awards. A contribuire sono stati soprattutto l’attenzione all’ambiente – ieri insieme ad altri 194 aeroporti con cui ci siamo impegnati a raggiungere un livello di emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050 - ma anche l’impegno nel progettare soluzioni per rendere sempre più semplice l’esperienza dei passeggeri. C’è ancora molto lavoro da fare, perché un aeroporto così grande e importante come Fiumicino si migliora solo grazie a un impegno quotidiano”. Foto di Copertina: salvatore_frisicaro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2019

GENOVA | Demolizione pile 10 e 11 viadotto Morandi, ecco le temporanee modifiche alla viabilità

di mobilita

Domani inizierà la demolizione delle pile 10 e 11 del viadotto Morandi. Previste decine di vasche che solleveranno un muro d’acqua alto 50 metri e 18 centraline posizionate da Arpal per monitorare la qualità dell'aria.  Sono state previste temporanee modifiche della circolazione veicolare e ferroviaria ed emesse disposizioni a tutela della pubblica incolumità. Eccole nel dettaglio, ricordando che qualsiasi informazione o aggiornamento utile è reperibile sul sito della struttura commissariale all'indirizzowww.commissario.ricostruzione.genova.it/. Dalle ore 7 alle 22, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale nei seguenti segmenti stradali ricompresi o meno all’interno del perimetro della fascia di attenzione del raggio di 300 metri:  via 30 Giugno 1960; via Nicola Lorenzi; via Greto di Cornigliano; via Giorgio Perlasca, tratto compreso tra ponte Romero e via Questa; via Argine Polcevera, tratto compreso tra ponte Romero e via Questa; via Campi; passerella pedonale sul Torrente Polcevera altezza via Campi (c.d. “ponte delle Ratelle”); via Walter Fillak, tratto compreso tra i civici 44 e 52 (esclusi) e via Canepari; via Vincenzo Capello; via Enrico Porro; via Giuseppe Frassinello; via Egisto Bezzi; via Sebastiano Biagini; via Pietro Borsieri, tratto compreso tra via Camozzi e via Campi; via Adamello, tratto compreso tra via Camozzi e via Frassinello; via Certosa, tratto compreso tra via Camozzi e via Fillak; via Garello, tratto compreso tra via Gaz e via Certosa; via del Campasso, tratto compreso tra via Pellegrini e via della Pietra; via Antonio Pellegrini; via Silvio Spaventa; salita Vittorio Bersezio; via della Pietra; via Adelaide Ristori; via Robert Baden Powell; salita al Forte della Crocetta. Inoltre, nei sopraelencati segmenti stradali, dalle ore 7 alle 22, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di fermata veicolare con la sanzione accessoria della rimozione coatta del veicolo degli inadempienti; dalle ore 8 alle 15, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale nell’area compresa tra il predetto perimetro ed i meglio sotto elencati segmenti stradali ricompresi o meno nella fascia di attenzione di raggio pari a 400 metri: via Renata Bianchi, tratto compreso tra via Luigi Perini e via 30 Giugno 1960; via Tea Benedetti, tratto compreso tra via Bagnasco e ponte Mons. Romero (fatta eccezione per i veicoli degli autorizzati); ponte Mons. Romero; via Giorgio Perlasca, con transito consentito esclusivamente nella direzione mare-monte nel tratto compreso tra via Questa e via Polonio; via Walter Fillak, tratto compreso tra i civici 42B e 42C (esclusi) e via Canepari; via Gaz; via Pietro Borsieri, tratto compreso tra via Gaz e via Campi; via Adamello; via Certosa, tratto compreso tra via Gaz e via Fillak; via Mario Bercilli; corso Luigi Andrea Martinetti, tratto che adduce ai civici dal 120 al 144. nel tratto di via Perlasca compreso tra via Pieragostini ed il ponte Mons. Romero, dove il transito è consentito soltanto agli autorizzati, è ripristinato il doppio senso di marcia con istituzione, per i veicoli diretti verso mare, dell’obbligo di arresto e dare precedenza e di svolta verso destra all’intersezione con via Pieragostini; dalle ore 7 alle 22, e comunque fino a cessate esigenze, nelle strade del territorio cittadino è istituito il divieto di circolazione ai veicoli aventi massa superiore a 7.5 tonnellate fatta eccezione per i mezzi di trasporto pubblico locale, i mezzi per la raccolta dei rifiuti urbani e i bus turistici. Sono escluse da questo divieto le seguenti strade: Zona litoranea – portuale – aeroportuale: via Guido Rossa; via della Superba; lungomare Canepa; ponte Elicoidale; via Milano, tratto compreso tra lungomare Canepa e via Balleydier; via Balleydier. Zona Alta Valpolcevera: via Ezio Faggioni; via Ferriere Bruzzo; via Sardorella; via Armando Maffei; rotonda Cornelio Bertelli; via Giacomo Bruzzo; via alle Antiche Bratte; ponte Omero Ciai; ponte Luigi Ratto; via al Santuario Nostra Signora della Guardia, tratto compreso tra ponte Divisione Alpina Cuneense e via degli Artigiani; ponte Divisione Alpina Cuneense; lungotorrente Secca; via Romairone; via Luigi Maria Levati; via Angelo Scala; tutta la viabilità a monte di lungotorrente Secca e via Angelo Scala. Zona Bassa Valpolcevera – Medio Ponente (transito consentito dalle ore 7 alle 8 e dalle ore 17 alle 22): corso Ferdinando Maria Perrone, tratto compreso tra il civico 59 rosso e via Perini; via Luigi Perini; via Renata Bianchi, tratto compreso tra via Perini e via Bagnasco; via Pier Luigi Bagnasco; via Tea Benedetti, tratto compreso tra via Bagnasco e via della Superba. Per veicoli aventi massa superiore a 7,5 tonnellate è istituita un’area di sosta temporanea all’interno delle aree Ilva con accesso dalla rotatoria Castruccio; l’accesso alla suddetta area sarà gestita e regolamentata dalle forze Polizia Stradale in funzione delle esigenze; presso il mercato ortofrutticolo di Genova Bolzaneto è istituita un’area di smistamento dei veicoli aventi massa superiore a 7,5 tonnellate provenienti dalla A7 gestita e regolamentata dalle forze Polizia Stradale in funzione delle esigenze; sui percorsi alternativi di scavalco dell’area temporaneamente interdetta alla circolazione veicolare ovvero per il raggiungimento dei varchi autostradali, di quelli portuali ed aeroportuali, del centro cittadino e dei centri di primo soccorso per i quali si rappresentano le sotto elencate limitazioni di sagoma: Casello Ge-Nervi (A12) - Centro Città - Porto - Aeroporto - Casello Ge-Sestri P. (A10): percorso invariato. Limitazione in altezza m.4.00 (tratto sottostante via Carrara) e altezza m. 3.20 strada Aldo Moro, per la quale persiste anche il limite di massa di 2.5 t. Casello Ge-Nervi (A12) – Centro Città - Porto - Aeroporto - Casello Ge-Bolzaneto (A7): percorso dirottato esclusivamente in sponda destra del torrente Polcevera con limitazione di sagoma in altezza a m. 4.50 in corso Perrone altezza (tratto a mare di via Perini) e altezza m. 3.20 strada Aldo Moro, per la quale persiste anche il limite di massa di 2.5 t. Casello Ge-Est (A12) – Centro Città – Porto – Aeroporto – Casello Ge-Sestri (A10): percorso invariato. Limitazione in altezza m. 3.80 via Canevari (intersezione piazza Americhe), altezza m. 4.10 corso Torino e via Archimede (intersezione via Tolemaide) e altezza m. 3.20 strada Aldo Moro, per la quale persiste anche il limite di massa di 2.5 t., Casello Ge-Est (A12) – Centro Città – Porto – Aeroporto – Casello Ge-Bolzaneto (A7): percorso dirottato esclusivamente in sponda destra del torrente Polcevera con limitazione di sagoma in altezza a m. 4.50 in corso Perrone (tratto a mare di via Perini) e altezza m. 3.20 strada Aldo Moro, per la quale persiste anche il limite di massa di 2.5 t. Dalle ore 7 alle 22, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di permanenza di persone nell’area ricompresa all’interno del raggio di 300 metri dalle pile 10 e 11 per tutta la durata delle operazioni. Dalle ore 8 alle 15, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di permanenza all’aperto di persone all’interno del raggio di 400 metri dalle pile 10 e 11. AMT: A seguito delle modifiche alla viabilità previste venerdì 28 giugno per gli interventi di demolizione del viadotto Morandi, si verificheranno alcune variazioni al servizio AMT come di seguito indicato. La linea 59, che collega via dei Landi con corso Belvedere, per l’intera giornata non transiterà in via Baden Powell. La linea FP (via Fanti D’Italia – via Porro) sarà limitata in piazza Montano per l’intera giornata. La linea integrativa I06 (piazza Masnata – via del Campasso) sarà sospesa per l’intera giornata. La metropolitana non effettuerà servizio nella tratta compresa tra Brin e Dinegro nei quindici minuti precedenti l’esplosione e nei quindici minuti immediatamente successivi. In quell’arco temporale la stazione di Brin resterà chiusa e interdetta all’accesso del pubblico. La chiusura della stazione sarà gestita in tempo reale dal personale della metropolitana presente sul posto che provvederà ad informare la clientela del fermo temporaneo. Trascorsi 15 minuti dall’esplosione, la stazione di Brin e la tratta Brin - Dinegro verranno riaperte. La tratta compresa tra Dinegro e Brignole non subirà interruzioni. FERROVIE: Per l’intera giornata, a causa della demolizione del ponte Morandi, nessuna modifica è prevista per i treni Regionali e Lunga Percorrenza delle relazioni Genova-Milano/Torino/Emilia R. e La Spezia/Genova/Ventimiglia. Solo su alcune linee la circolazione dei treni subirà le seguenti variazioni, in particolare: Sulla linea Genova/Ovada/Acqui Terme: Genova Borzoli, Genova Costa di Sestri Ponente, Genova Granara, Genova Acquasanta e Mele saranno raggiungibili solo con mezzi AMT o ATP; nelle restanti località il servizio viene garantito da trasporto integrato bus tra Genova Pra’ e Ovada, tra Ovada e Acqui Terme sarà attivo il servizio ferroviario (solo il treno Regionale 6051 sarà sostituito con bus tra Acqui e Genova Pra’ e bus circolante tra Ovada e Genova Brignole; Sulla linea Genova/Busalla/Arquata Scrivia/Novi Ligure: i treni della relazione Genova – Busalla circoleranno tra le stazioni di Genova Rivarolo e Busalla; i treni della relazione Genova – Arquata/Novi Ligure non fermeranno a Genova Rivarolo e Genova Sampierdarena (raggiungibile con i treni della relazione Genova-Savona); a Genova Bolzaneto e Genova Principe i treni potranno subire lievi posticipi d’orario. Restano invariati gli orari nelle rimanenti fermate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2019

NAPOLI LINEA 1 | Concluso il Concorso di Progettazione della seconda uscita stazione Materdei

di mobilita

Si è concluso il Concorso di Progettazione in due gradi dell’intervento “Seconda uscita della stazione Materdei della Linea 1 della Metropolitana di Napoli nel quartiere Sanità”, uscita che sarà realizzata in via Telesino a Materdei nei pressi del Cimitero delle Fontanelle. Le attività finalizzate alla progettazione e realizzazione dell'intervento sono state avviate con delibera n.269, adottata dalla Giunta il 28 maggio 2018 su proposta dell’Assessore alle Infrastrutture e al Trasporto Mario Calabrese. L’intervento risulta inserito nel Patto per Napoli e finanziato con risorse FSC 2014-2020 per un costo complessivo di € 6.900.000,00. Per l’affidamento della progettazione l’Amministrazione Comunale ha scelto di indire un concorso di progettazione per assicurare una maggiore qualità della proposta. Il concorso è stato indetto da Invitalia quale centrale di committenza. La gara si è svolta in due gradi: 1° grado: i partecipanti sono stati preselezionati in base a specifici requisiti ed una Commissione ha individuato le cinque migliori idee progettuali da ammettere al secondo grado. Alla prima fase hanno partecipato 26 concorrenti; 2° grado: i 5 proponenti ammessi hanno presentato un ulteriore documento per la valutazione delle possibili soluzioni progettuali. Il vincitore del concorso è il raggruppamento di professionisti composto da Tecnosistem S.p.A. (capogruppo), S.I.A. Servizi per Ingegneria e Ambiente srl, prof. arch. Pasquale Miano, Associazione Professionale "Giovani architetti per la Sanità", cui sarà affidata la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica.   «Si tratta di un importante intervento – commenta l’Assessore Mario Calabrese– che servirà una zona ad altissima densità abitativa quale il quartiere Sanità attualmente non servito dal trasporto su ferro. L’opera, considerata strategica per questa Amministrazione, è contenuta all’interno del PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) approvato dalla Giunta nel maggio 2016. La seconda uscita della stazione Materdei permetterà di estendere il bacino di utenza della Linea 1 della metropolitana di oltre 16 mila abitanti. L’intervento non prevede solo la realizzazione di una infrastruttura ma è anche l'opportunità di riutilizzo di una estesa cavità tufacea realizzata nel 1761, usata come rifugio antiaereo nella Seconda guerra mondiale e consentirà una importante operazione di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio comunale attraverso la salvaguardia e allestimento degli spazi interni ed esterni con particolare riguardo al riutilizzo della cavità». I concorrenti del concorso hanno proposto soluzioni progettuali per l’accesso alla cavità, l’allestimento e messa in sicurezza della cavità esistente, e la realizzazione di una nuova galleria di collegamento al piano banchina della stazione. La proposta progettuale vincitrice prevede un percorso suggestivo immaginato come spazio espositivo legato alla storia del quartiere attraverso la cavità esistente, un tempo ricovero bellico. L'ingresso del percorso è previsto in via Telesino ed è ricavato mediante un “taglio” da realizzare alla base della gradonata storica che sarà riqualificata in quanto già oggetto di interventi eterogenei dal dopoguerra ad oggi.Nella cavità esistente la pietra naturale sarà lasciata a vista, esaltando e valorizzando le venature e la stratificazione attraverso chiaroscuri naturali generati dai lucernari zenitali. Il percorso sarà attrezzato con videoproiezioni e maxi schermo interattivo e touch per la valorizzazione della storia del quartiere. La proposta prevede inoltre un tunnel di nuova realizzazione di collegamento alla stazione Materdei, caratterizzato dalla “copertura in tufo”, lasciato a vista, che genererà un gioco di pieni e vuoti attraverso alcune incisioni che si effettueranno durante le varie fasi di lavoro.A fare da trait d'union una pavimentazione di colore rosso e una specifica illuminazione naturale e a led, per esaltare la bellezza della pietra di tufo, lasciata a vista. Il vincitore del concorso di progettazione dovrà presentare, entro 60 giorni, la proposta presentata perfezionata come un progetto di fattibilità tecnica ed economica. Dopo l’approvazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica, l'Amministrazione Comunale potrà affidare la redazione delle successive fasi progettuali e dare quindi avvio alla gara per i lavori. 

Leggi tutto    Commenti 0