Articolo
20 gen 2019

BARI | I commercianti chiedono all’amministrazione comunale di trasformare via Manzoni in una grande area pedonale

di mobilita

I commercianti di Bari chiedono all'amministrazione comunale di trasformare via Manzoni in una grande area pedonale con servizi annessi quali, navette collegate con i parcheggi periferici, la riqualificazione della strada con marciapiedi nuovi e un'illuminazione adeguata. Per i commercianti solo con una strada bella si incentivano il commercio e le nuove aperture. "La pedonalizzazione della strada, accompagnata dalla riqualificazione e dai servizi, può far rinascere il commercio" afferma il vicepresidente dell'associazione Commercianti di via Manzoni e dintorni. Gli uffici comunali hanno già lavorato su una proposta e nelle prossime settimane verrà discussa con commercianti e residenti. "Incontreremo i commercianti e i residenti e decideremo con loro - afferma l'assessora allo Sviluppo economico, Carla Palone- chiudere via Manzoni alle automobili potrebbe servire anche a incentivare nuove aperture di bar e locali, cosa che peraltro stiamo facendo con finanziamenti specifici per chi sceglie di alzare la saracinesca al quartiere Libertà e in periferia" "Quando quasi quindici anni fa mi prendevo 100 “gasteme” per ogni metro di città che volevo sottrarre alle auto, non avrei mai pensato che un giorno sarebbero stati addirittura i commercianti a chiedermi di pedonalizzare una strada", ha affermato il sindaco Antonio De Caro sulla propria pagina Facebook

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 gen 2019

VENEZIA | Telecamere per la ZTL Bus del Tronchetto

di mobilita

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore alla Mobilità e Trasporti Renato Boraso, ha approvato la delibera che sancisce l’impiego di mezzi di video controllo per la rilevazione automatica delle infrazioni alle limitazioni alla circolazione nella zona ZTL Bus. “Con questa delibera – commenta l’assessore Boraso, andiamo ad incaricare il Settore Mobilità del Comune affinché, con l’aiuto di AVM S.p.A. provveda alla redazione di un progetto definitivo per la realizzazione di varchi elettronici che controllino, in modo automatico, le infrazioni agli accessi nella ZTL Bus di Venezia. Nello specifico, si avvia la procedura che ci consentirà, previa autorizzazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di installare due o tre telecamere nella corsia preferenziale per gli autobus in direzione Tronchetto/Piazzale Roma. Un sistema che si inserisce in quel piano di riordino complessivo dell'Isola del Tronchetto e consentirà di inviare alla nuova Smart Control Room ulteriori importanti immagini che permetteranno di aumentare non solo il livello di controllo sugli accessi, ma soprattutto di garantire maggior sicurezza all’intera Città Storica”. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 gen 2019

MSC svela alcuni dettagli su “Ocean Cay”, la sua isola privata che sarà aperta al pubblico dal 9 novembre

di mobilita

MSC svela alcuni dettagli su "Ocean Cay", la sua isola privata che sarà aperta al pubblico dal 9 novembre. Ocean Cay fa parte della catena di isole Bimini nelle Bahamas occidentali, 32 km a sud di Bimini e solo 104 km a est di Miami. MSC Crociere ha aiutato questo paese a sviluppare su un’isola remota di questo distretto un paradiso ambientale e un luogo di vacanza esclusivo in totale armonia con la natura: la riserva marina di MSC Crociere Ocean Cay. Qui si potranno ammirare più di sei spiagge stupende, un’ampia e tranquilla laguna, le linee armoniose delle abitazioni tipiche di un centro delle Bahamas e non solo. Un fiore all’occhiello di Ocean Cay saranno le attività sportive acquatiche adatte a grandi e piccini, in più le famiglie hanno una spiaggia dell’isola a loro dedicata, poco distante dalla nave e completamente attrezzata. I crocieristi più romantici invece potranno immaginare il loro matrimonio sulla spiaggia più a nord o semplicemente passeggiare al calare della sera alla luce delle torce piantate nella sabbia. Le escursioni MSC Crociere prevedono l’esplorazione subacquea del MSC Marine Reserve con la sua stupefacente parata di vita sottomarina tropicale. Un’altra escursione, per chi non vuole bagnarsi, prevede una comoda uscita in mare a bordo di imbarcazioni dal fondo trasparente. Ocean Cay vanta chilometri di sabbia bianca incontaminata, curata con premura, e si sviluppa su sette distinte aree di spiaggia, ognuna con le sue caratteristiche e fascino. Ogni spiaggia è fornita di lettini e alcuni hanno anche un numero limitato di cabana che possono essere noleggiate durante il giorno. La più grande spiaggia singola, The Great Lagoon, è un paradiso con acque cristalline poco profonde per il nuoto e gli sport acquatici protetti. Nelle vicinanze si trova la Seakers Lagoon, una spiaggia per famiglie pensata per il divertimento dei più piccoli, con acque poco profonde e numerosi giochi. A oltre mezzo miglio di lunghezza, la spiaggia di Great Bimini è il più grande tratto di spiaggia dell'isola, ed è il luogo idelae per godersi una varietà di sport acquatici. Gianni Onorato, CEO DI MSC Crociere ha detto: " la riserva Marina Msc Ocean Cay introduce qualcosa di nuovo sui nostri itinerari ai Caraibi in partenza da Miami e l'Avana, e promette di offrire ricordi indimenticabili per i nostri ospiti. Abbiamo progettato un'esperienza che integra la bellezza naturale di questa regione particolarmente notevole dei Caraibi. Non abbiamo avuto bisogno di costruire in modo intensivo su un'isola che già presentava tutte le caratteristiche di un paradiso naturale. Detto questo, abbiamo comunque fatto molti sforzi per ripulire l'isola e rimuovere tonnellate di rifiuti industriali per consentire alle spiagge e alla laguna di ritrovare il loro stato naturale. Abbiamo voluto optare per la semplicità in termini di servizi sull'isola, in modo da consentire ai nostri ospiti di godere al massimo delle gioie della natura. La nave è parte integrante dell'esperienza, poiché abbiamo costruito un molo che consente una libera circolazione tra l'isola e la nave durante tutto il giorno. Questo dispositivo permette di godere pienamente dei due ambienti."

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 gen 2019

VENEZIA | Superata la soglia di PM10 in atmosfera: dal 15 gennaio scatta il livello 2 “Rosso”

di mobilita

L'Osservatorio regionale della qualità dell'aria di Arpav oggi ha emesso un comunicato sull’avvenuto raggiungimento del livello 2 “Rosso” per l’Agglomerato di Venezia che si attua con 10 giorni consecutivi di superamento del valore limite consentito per il PM10 di 50 microgrammi/m3. Pertanto nel Comune di Venezia, da domani, martedì 15 gennaio, e fino a nuova comunicazione, entreranno in vigore le misure di limitazione alla circolazione veicolare per il contenimento degli inquinanti atmosferici previste. Nello specifico il livello 2 “Rosso” vieta la circolazione per tutti i giorni della settimana, compresi quindi anche sabato e domenica, dalle 8.30 alle 18.30 di ciclomotori e motocicli Euro 0 a due tempi; di autovetture ad uso proprio alimentate a benzina Euro 0 e 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4; dei veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a diesel Euro 1, 2 e 3 dalle ore 8.30 alle 18.30, e Euro 4 dalle ore 8.30 alle 12.30. Per quanto riguarda l’utilizzo degli impianti termici e delle combustioni, in questi giorni sarà vietato utilizzare impianti termici a biomassa di classe inferiore alle 4 stelle e sarà vietato effettuare combustioni all’aperto. Si ricorda inoltre che non è possibile, in livello rosso, effettuare lo spandimento di liquami zootecnici, in quanto rilasciano composti azotati precursori della formazione di polveri sottili in atmosfera. Il divieto sarà valido fino al prossimo giorno di controllo previsto per giovedì, quando il nuovo bollettino Arpav segnalerà se mantenere il livello 2, o retrocedere a livello 0 “Verde” se le concentrazioni di PM10 presenti in atmosfera saranno rientrate al di sotto della soglia dei 50 microgrammi/m3. Per ulteriori informazioni e approfondimenti vi invitiamo a consultare la pagina web https://www.comune.venezia.it/it/content/misure-contenimento-dei-livelli... Inoltre, per incentivare l'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico locale, fornendo un'alternativa alla circolazione dei mezzi di trasporto individuali e la riduzione del traffico veicolare, il sindaco metropolitano, Luigi Brugnaro, ha assunto la decisione di applicare un'agevolazione tariffaria in tutto il territorio della Città metropolitana che consiste nell'estensione della validità del singolo biglietto dei servizi automobilistici (tram compreso) di AVM/Actv e Atvo venduti singolarmente, a carnet o a bordo, fatta salva la validità di tratta o percorrenza chilometrica per i titoli extraurbani, per l'intera giornata di convalida, ovvero fino alle ore 24 del giorno di prima validazione. Tale misura sarà valida da domani, martedì 15 gennaio, a giovedì 17 gennaio e comunque fino alla fine dell’emergenza. Restano invece invariate le tariffe per i collegamenti da e per l'aeroporto Marco Polo, quelle relative al servizio di navigazione ed il People Mover (collegamento Tronchetto-Marittima-P.le Roma).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2019

NAPOLI | Al via il progetto di restyling del Lungomare

di mobilita

Assegnata la gara da 13,2 milioni di fondi europei, Poc Metro 2020, per la riqualificazione del lungomare Caracciolo. Sarà lo studio Discetti, in raggruppamento temporaneo con Tecno Inn, a dare un nuovo volto al lungomare partenopeo. Adesso, dopo il controllo della regolarità dei documenti dell’impresa vincitrice, sarà firmato il contratto e entro 30 giorni gli aggiudicatari dovranno presentare il progetto esecutivo. “Proseguono le azioni del Comune – dichiarano gli assessori Carmine Piscopo (Urbanistica) e Mario Calabrese (Infrastrutture) – per consolidare le scelte che hanno consentito, dal 2012 ad oggi, di trasformare il Lungomare di Napoli in un luogo di incontro, di passeggio, di tempo libero, di godimento delle bellezze naturali e degli eventi sportivi“. I cantieri dovrebbero richiedere 9 mesi di lavoro e saranno divisi in 3 settori ognuno di 3 mesi: piazza Vittoria-Borgo Marinari, via Partenope-via Lucilio, via Nazario Sauro.  Ecco i principali interventi che verranno realizzati: Nuova pavimentazione in pietra lavica in sostituzione dell'asfalto, sia sulla strada che sui marciapiedi; Verrà ampliato il marciapiede lato edifici per aumentare lo spazio ma regolamentando quello destinato a bar e ristoranti; Sarà riprogettato l’arredo urbano tenendo conto delle indicazioni della Sovraintendenza e degli operatori; Sarà ampliata a sistemata la pista ciclabile; Saranno rivisti i sottoservizi del sistema di raccolta delle acque e impianti fognari; Sarà riorganizzato e ampliato l’impianto di pubblica illuminazione anche con sistemi a risparmio energetico.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

ROMA | Il nuovo volto della stazione metro Spagna

di mobilita

Atac ha completato il restyling  dell’ingresso alla stazione Spagna, restituendo decoro ad una delle stazioni più frequentate della metro di Roma. Gli interventi, realizzati dalle maestranze aziendali di ATAC, hanno riguardato il frontone e l'atrio di accesso, la ripulitura e verniciatura delle parti interne ed esterne dell’ingresso; oltre alla sostituzione dell’impianto di illuminazione, della pavimentazione e dei soffitti. L’elemento innovativo è rappresentato dal restauro dell’intera facciata esterna della stazione, nei colori e nell’introduzione di una nuova segnaletica. Sulle due pareti di ingresso e in quella alla fine del corridoio che conduce ai treni, sono state installate gigantografie panoramiche della città utilizzando foto messe a disposizione dal servizio fotografico di RomaCapitale. Il restyling conclude gli interventi sugli ambienti della stazione che si trovano a livello stradale. Segue infatti alla riqualificazione dell’intero corridoio che dall’ingresso conduce alle banchine dei treni . Atac ha in programma altri interventi simili a questo anche in altre stazioni di metro A e metro B.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

ROMA | Domenica 13 gennaio ritorna la terza domenica ecologica

di mobilita

Domenica 13 gennaio torna il divieto totale della circolazione con il terzo appuntamento delle domeniche ecologiche, il provvedimento della Giunta capitolina per contenere le emissioni inquinanti e contribuire a sensibilizzare la cittadinanza sui tema della qualità dell’aria e dell'uso responsabile delle fonti energetiche. Divieto totale, dunque, di circolazione per i veicoli con motore "endotermico" (benzina e diesel) all'interno della nella "Fascia Verde" del PGTU. La limitazione è estesa anche agli autoveicoli diesel Euro 6. Il blocco del traffico è efficace nelle fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30. Inoltre gli impianti di riscaldamento dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C, in funzione del tipo di edificio. La Polizia Locale di Roma Capitale provvederà alla vigilanza per garantire l'osservanza del provvedimento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 gen 2019

MILANO | Al via la riqualificazione del Giardino dei Giusti

di mobilita

 Valorizzare un luogo di commemorazione nel rispetto del patrimonio verde esistente. Con questo obiettivo l’Associazione Giardino dei Giusti di Milano ha avviato i lavori di riqualificazione del Giardino dei Giusti, l’area verde di ottomila metri quadrati situata all’interno del parco Monte Stella in memoria degli uomini esemplari che si sono opposti ai genocidi e ai crimini contro l’umanità, ai quali viene dedicata periodicamente la piantumazione di un albero. "Abbiamo voluto con questi lavori di riqualificazione fare del Giardino dei Giusti un luogo vivo di educazione alla responsabilità per i ragazzi delle scuole milanesi e di tutta la Lombardia - dichiara il Presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti, Gabriele Nissim-. Gli studenti con i loro insegnanti potranno così ritrovarsi in strutture adatte allo studio della storia e del pensiero dei migliori maestri dell’Umanità. Con questa nuova realizzazione Milano si conferma la capitale morale della Giornata Europea dei Giusti del 6 marzo e si rafforza come modello per gli oltre cento giardini che nel mondo seguono da anni la sua attività.”  “Ringraziamo l’Associazione Giardino dei Giusti per aver promosso un intervento che contribuirà a tenere viva la memoria di tanti Giusti di tutto il mondo valorizzando al contempo la fruizione dell’area verde – dichiara l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran -. Il progetto è stato rivisto rispetto a quello inizialmente presentato dall’Associazione, reso meno impattante e di più semplice realizzazione, e ha ottenuto il via libera della Sovrintendenza e del Municipio 8”.  L’intervento, in carico all’Associazione che ha in concessione il giardino, prevede la realizzazione di nuovi percorsi in pietra, che culmineranno in un auditorium all’aperto per circa duecento persone. Lungo i sentieri verranno installate alcune targhe commemorative poste su un supporto prismatico in ferro e valorizzate da un’apposita illuminazione. Il tracciato sarà suddiviso in tre tappe: il Giardino del Dialogo, una sorta di piccola piazza con al centro un albero,  il Giardino delle Sculture, che ospiterà un’esposizione temporanea di opere scultoree e il Giardino della Meditazione, concepito come una grande camera a cielo aperto dedicata alla sosta con sedute in pietra e una lunga panca.  Le piante ad alto fusto presenti nell’area verranno conservate mentre l’ingresso Nord e quello Sud al camminamento saranno posti in evidenza con la posa di totem illuminati per consentire la fruizione del giardino anche nelle ore buie. L’intervento durerà quattro mesi per un costo di 800mila euro a carico dell’Associazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

16,6 milioni per il progetto di fattibilità della Ciclovia Adriatica

di mobilita

Le Marche, capofila delle sei Regioni interessate, avranno a disposizione 16,6 milioni di euro per il progetto di fattibilità, tecnica ed economica, dell’intera Ciclovia Adriatica, da predisporre entro il 31 dicembre 2020. La Corte dei conti ha registrato il decreto del ministero Infrastrutture e Trasporti che ripartisce, a livello nazionale e per nove annualità, 361,7 milioni destinati a finanziare il sistema nazionale di ciclovie turistiche, con relative ciclostazioni e interventi per la sicurezza ciclistica cittadina. Oltre all’Adriatica, sono interessate al riparto le ciclabili Acquedotto pugliese, Vento (da Venezia a Torino), Sole (da Verona a Firenze), Tirrenica,  Sardegna, Magna Grecia, Trieste-Lignano Sabbiadoro-Venezia, Garda, Grab (Roma Capitale). Lo comunica la vicepresidente Anna Casini che esprime soddisfazione per il provvedimento e ringraziamento per i tecnici che hanno lavorato al conseguimento di questo traguardo. “Un traguardo che è anche un punto di partenza, perché ora si entra nella fase operativa, con scadenze definite e l’obbligo di individuare almeno un lotto funzionale, immediatamente realizzabile, per ciascuna regione della singola ciclovia”, commenta Casini. L’Adriatica attraverserà i territori di Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, da Chioggia (VE) al Gargano, seguendo la fascia costiera. Il tratto marchigiano sarà lungo 211 chilometri e attraverserà 23 comuni. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 gen 2019

MILANO | Trentadue milioni di euro per migliorare la qualità dell’aria

di mobilita

In totale, tra il 2017 e il 2019, il Comune di Milano mette a disposizione 32 milioni di euro per aiutare i milanesi a combattere l’inquinamento, cambiando i vecchi veicoli inquinanti, scegliere modalità di mobilità più sostenibili e migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, sono 8 i milioni di euro dedicati alla mobilità e 24 quelli per l’efficientamento energetico. “Nel 2018 i dati sull’inquinamento ci parlano di un netto miglioramento rispetto al passato, ma dobbiamo dare una significativa accelerazione a questo trend ed è quindi necessario fare tutti di più – dichiara l’assessore all’Ambiente Marco Granelli –. Crediamo che il 2019 sarà un anno chiave, grazie all’avvio di Area B, all’estensione delle regole di Area C anche ai mezzi del trasporto pubblico locale di linea, taxi e ncc e agli incentivi messi in campo per la sostituzione dei veicoli più inquinanti e per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, con l'obiettivo di arrivare a vietare i riscaldamenti a gasolio da ottobre 2023”. I dati Secondo i resoconti forniti da Amat, nel 2018 è dunque proseguito il trend di miglioramento dei dati sulla qualità dell’aria di Milano. La media annuale delle concentrazioni di PM10 si è attestata su 33 microgrammi/mc, facendo registrare il risultato migliore dal 2003 e restando sotto il limite europeo di 40 microgrammi/mc. Lo stesso vale per il PM2.5, la cui media annuale è stata di 23 microgrammi/mc – per la prima volta al di sotto della soglia di 25 microgrammi/mc – e per il biossido di azoto (NO2), la cui massima media annuale delle 5 stazioni di rilevamento di Milano è risultata di 59 microgrammi/mc, il valore più basso dal 2002 (anche se ancora ampiamente sopra al valore limite europeo di 40 microgrammi/mc). Infine, i giorni di superamento dei livelli di PM10 nel 2018 sono stati 79, il terzo miglior dato dal 2002, molto meno dei 97 del 2017, ma ancora lontani dal limite dei 35 superamenti annui previsti dall’Europa. Con l’introduzione di Area B (le prime 15 telecamere saranno attivate il 25 febbraio), tra il 2019 e il 2026, le emissioni atmosferiche da traffico si ridurranno complessivamente di circa 25 tonnellate di PM10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto: nel primo caso si tratterà di un’accelerazione immediata con già il 14% di emissioni in meno nel 2019 (-24% nel 2020 e -21% nel 2021); nel caso dell’ossido di azoto il calo maggiore si presenterà tra il 2023 e il 2026 con -11% ogni anno, ma già dal 2019 e gli anni successivi il NOx diminuirà del 5% ogni anno. Sempre in tema di mobilità, da gennaio 2018 Atm ha attivato il Piano Full Electric, con i primi autobus elettrici già in funzione oggi, che porterà nel 2030 tutta la flotta dei bus ad essere a trazione elettrica. Sempre dall’inizio del 2018 anche Amsa ha iniziato la sostituzione dei mezzi diesel euro 3 e 4 (che sarà completa su tutti i veicoli nel 2020) e il potenziamento del parco veicoli a metano, che a fine 2021 sarà del 25% su tutti i veicoli Amsa e la metà di quelli utilizzati per la raccolta rifiuti. Per i veicoli immatricolati persone e merci, taxi e NCC sono e saranno attivati quattro bandi per un totale di 6,6 milioni di euro di contributi per la rottamazione di diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 immatricolati merci e loro sostituzione con veicoli meno inquinanti, e per quelli immatricolati persona anche per acquisto di scooter, biciclette a pedalata assistita e/o pieghevoli, cargo bike e abbonamenti annuali Atm. Il Comune ha invece concluso i bandi sull'acquisto dei FAP, con i quali in questi due anni ha dato 1.370.800 euro di contributi per 474 veicoli merci. “Auspico che anche la Regione Lombardia faccia la propria parte – prosegue l’assessore Granelli –, con meno deroghe sulle regole e più contributi: perché chi ha meno risorse deve essere aiutato a combattere l’inquinamento, non derogato. Anche il Governo aiuti le zone del Paese più soggette all’inquinamento, mettendo risorse per gli incentivi, finanziando di più il trasporto pubblico locale e facilitando con le regole la mobilità sostenibile come quella delle biciclette o dei monopattini elettrici”. Per quanto riguarda poi l’efficientamento energetico, nel 2017 a Milano esistevano ancora 3.500 caldaie a gasolio funzionanti e comunque in città il 68% delle abitazioni è nelle classi energetiche F e G (bassa qualità e maggiori consumi) e solo il 7% nelle classi A, B, C (alta qualità e minori consumi). Per questo è in previsione l’approvazione di un regolamento che vieterà a partire da ottobre 2023 le caldaie a gasolio, che già non saranno più presenti entro fine 2019 negli edifici di edilizia residenziale del Comune di Milano ed entro il 2020 in tutti quelli ad uso non residenziale (come scuole e uffici). “È necessario migliorare – continua l’assessore all’Ambiente – le condizioni energetiche di quei due terzi di abitazioni che sono in condizioni pessime, consumando troppo per il riscaldamento, sia in termini di costi per i cittadini sia di emissioni inquinanti. Partecipando ai bandi del Comune di Milano le famiglie possono risparmiare anche il 50-60% sulla bolletta del riscaldamento, oltre che contribuire attivamente alla riduzione delle emissioni che, aumentando la temperatura del pianeta, generano sempre più spesso disastri climatici e meteorologici”.  Gli incentivi messi a disposizione dei privati (condomini, singole abitazioni) per l’efficienza energetica degli edifici ammontano a 24 milioni di euro. Due i bandi: il primo, chiuso, ha finanziato più di 60 interventi nei condomini; il secondo, ancora aperto, ha a disposizione più di 20 milioni di euro per la sostituzione degli impianti a gasolio e obsoleti e, soprattutto, per migliorare l’efficienza energetica degli edifici attraverso interventi come doppi vetri, coibentazioni delle pareti e dei tetti, tetti verdi. Proseguono infine i controlli delle caldaie del Comune di Milano, che sono stati 9.500 nel 2018, con più di 2.000 provvedimenti con prescrizioni ai proprietari.

Leggi tutto    Commenti 0