Articolo
19 feb 2020

VERONA | Con il milleproroghe nuove regole per la circolazione monopattini

di Fabio Nicolosi

Bisognerà avere 14 anni per poterlo utilizzare e fino ai 18 sarà necessario indossare il casco. La circolazione in monopattino sarà possibile solo sulle strade urbane con limite di velocità a 50 km orari e sarà obbligatorio l’uso del giubbotto o delle bretelle retroriflettenti dopo il tramonto. Sono queste le principali novità introdotte dall’emendamento al Milleproroghe, approvato oggi alla Camera, che di fatto modifica quanto stabilito dal Governo il 1° gennaio 2020 sui monopattini. Il documento, che passa ora all’esame del Senato, apporta cambiamenti sostanziali anche per quanto riguarda i Comuni. L’emendamento recepisce di fatto i contenuti del decalogo che il Comune aveva concordato con i noleggiatori per garantire sicurezza. Da marzo il servizio di noleggio, anche in modalità free-floating (a parcheggio libero) dovrà essere attivato con apposita delibera di Giunta. Nel documento andrà indicato il numero delle licenze attivabili, il numero massimo di dispositivi in circolazione, l’obbligo di copertura assicurativa per l’espletamento del servizio, le modalità consentite per la sosta e le eventuali limitazioni alla circolazione in determinate aree della città. “Un cambio di direzione che a inizio anno avevo auspicato – sottolinea l’assessore alla Viabilità e traffico –. L’esperienza di Verona ha dimostrato che servono regole per l’uso dei monopattini, con l’inserimento di vincoli importanti per accrescere la sicurezza di questo veicolo. Primo fra tutti la possibilità di circolazione nelle sole strade urbane con limite di velocità a 50 km orari. Un dietrofront del Governo rispetto alle precedenti indicazioni. E’ la scelta migliore, perché consente di muoversi in tutta la città escludendo i tratti stradali extra urbani, pericolosi ed inadeguati per questo mezzo. Faremo la delibera di Giunta, studiando l’eventualità di apporre degli oneri a carico delle ditte. Un piccolo contributo in favore della città, che ci consentirà di acquisire nuove risorse da investire nelle infrastrutture. Sono state recepite le disposizioni introdotte dal nostro decalogo comunale, che è stato capofila nel normare l’utilizzo corretto di questi dispositivi, tanto che altre città ci avevano preso d’esempio”. Con le ultime indicazioni previste nell'emendamento al Milleproroghe, sono considerati velocipedi i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica non dotati di posti a sedere, aventi motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,50 Kw. Chi circola con un monopattino con caratteristiche diverse rischia una multa da 100 a 400 euro. La violazione successiva prevede direttamente la confisca del mezzo. Il termine di conclusione della sperimentazione è prorogato di dodici mesi e la circolazione mediante segway, hoverboard e monowheel, ovvero analoghi dispositivi di mobilità personale, è consentita solo se sono a propulsione prevalentemente elettrica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

REGIONE ABRUZZO | Fondi per ampliamento e realizzazione nuova ferrovia per il porto Vasto

di mobilita

La Giunta regionale d'Abruzzo ha destinato 12 milioni di euro per il potenziamento infrastrutturale del porto di Vasto, considerato uno snodo strategico per il tessuto produttivo regionale. I fondi, recuperati da una rimodulazione al Piano nazionale degli investimenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, prevede l'ampliamento della banchina di levante (da 60 a 85 metri) per consentire l'ingresso della ferrovia nello scalo vastese e il prolungamento del molo di soprafflutto. Per il dragaggio, invece, è disponibile 1 milione 170mila euro. "Si tratta di un intervento molto importante, abbiamo lavorato un anno per reperire i fondi che saranno impiegati per il potenziamento del porto di Vasto - ha esordito il presidente della Giunta -. La precedente programmazione, infatti, destinava i finanziamenti solo per i porti nazionali, cioè a Pescara e Ortona, impoverendo di fatto il sistema dei porti regionali (Giulianova e Vasto). Noi abbiamo invertito la tendenza: nel bacino portuale di Vasto - ha osservato il presidente - andremo a realizzare la nuova banchina sulla quale Rfi potrà realizzare le infrastrutture ferroviarie. Questo investimento - ha concluso il presidente - permetterà di ampliare i traffici commerciali e accrescere la circolazione delle merci nella nostra regione". Insieme con il presidente della Giunta erano presenti, questa mattina a Vasto, nella sede dell'Arap, gli assessori regionali alle attività produttive e all'ambiente e il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

REGIONE ABRUZZO | Settantatre milioni di euro di investimenti su ferro e su gomma per Tua nel triennio 2020-2022

di mobilita

Settantatre milioni di euro di investimenti su ferro e su gomma nel triennio 2020-2022, assunzioni di autisti, meccanici e di ingegneri e abbattimento del costo dei biglietti sulla tratta L’Aquila-Roma. Sono le principali novità annunciate questa mattina dal presidente di Tua Gianfranco Giuliante. L’Azienda Unica di Trasporti della Regione Abruzzo ha presentato il quadro complessivo delle azioni strategiche, in parte già avviate, che si concluderanno entro il 2022. Un quadro che mette in evidenza la programmazione da parte dell’Azienda Unica nell’affrontare le nuove sfide per una migliore mobilità in Abruzzo. Gli investimenti complessivi annunciati sono di 72 milioni e 800 mila euro, di cui 25 milioni e 700 mila euro destinati all’ammodernamento del parco autobus, 12 milioni e 600 mila euro per acquistare nuovi treni, 30 milioni di euro per investimenti ferroviari e 4 milioni e mezzo dedicati agli immobili e all’informatizzazione dei sistemi. Per quanto riguarda gli autobus, Tua ha avviato un sostanzioso piano di ammodernamento della flotta. Dei 123 autobus che entreranno in servizio in Tua entro il 2022, una fetta consistente di questi sono già in esercizio dall’inizio dell’anno e, complessivamente, 65 nuovi bus lo saranno entro la fine dell’anno. Nel dettaglio gli autobus in servizio sono 45 bus urbani e suburbani, 10 bus extraurbani “corti” destinati alle aree a bassa frequenza e/o con vincoli di viabilità, 4 bus suburbani a metano e 6 autobus tipo GT Magelys da impiegare sulla linea L’Aquila-Roma che andranno ad aggiungersi ad altri 6 identici già in servizio su quella tratta. Tra il 2021 e il 2022 entreranno a far parte della flotta Tua altri 52 autobus urbani e suburbani che contribuiranno all’ulteriore svecchiamento del parco rotabile. Per quanto concerne gli investimenti ferroviari, Tua ha acquistato due nuovi elettrotreni denominati "Coradia Stream" della Alstom. I nuovi treni andranno a potenziare la flotta degli elettrotreni “Lupetto” del comparto ferroviario di Tua e saranno utilizzati sulla direttrice adriatica e, in generale, sull’area di esercizio di Rete Ferroviaria Italiana, oltre che sulle direttrici Giulianova-Teramo e Lanciano-San Vito. Gli elettrotreni sono composti da 4 casse per una lunghezza complessiva del convoglio ferroviario di 84,2 metri e sono dotati di tutti i comfort per i passeggeri, a partire dal sistema di informatizzazione per gli utenti, Wi-Fi, prese USB, pedane automatiche per l’incarrozzamento, ecc. Dal punto di vista delle infrastrutture ferroviarie, gli investimenti si concentrano in sicurezza, tecnologia e completamento di opere strategiche per l’Abruzzo, come ad esempio la tratta Fossacesia-Archi. In particolare, per quanto concerne la sicurezza e l’adeguamento agli standard comunitari di circolazione ferroviaria, 15 milioni 642 mila euro sono destinati all’attrezzaggio tecnologico delle tratte ferroviarie gestite dalla Tua; è infatti prevista la realizzazione di un sistema di sicurezza e di distanziamento treni denominato ERTMS, per permettere la circolazione in sicurezza sull'intera rete ferroviaria gestita dall’Azienda Unica. Un milione 950 mila euro è destinato all’elettrificazione della tratta Fossacesia – Archi. Due milioni e 50 mila euro è l’investimento dedicato alle sottostazioni elettriche, operazione necessaria per l’alimentazione della linea aerea nelle tratte Fossacesia-Archi e Lanciano-San Vito. Tua punta anche alla strategicità del trasporto multimodale; infatti, 1 milione e 700 mila euro sono destinati al completamento delle infrastrutture ferroviarie annesse al porto di Ortona; in particolare, il progetto prevede il rinnovo della ferrovia all’interno dell’area portuale. Un investimento di 3 milioni e 220 mila euro è destinato alla creazione del porto intermedio denominato "Guastecconcia" e all’eliminazione dei passaggi a livello nella tratta Fossacesia-Saletti. Nel dettaglio, la realizzazione di un binario tra Fossacesia e Saletti come punto intermedio di precedenza e incrocio è necessario  per il raddoppio della capacità della linea Fossacesia-Archi e per consentire l’utilizzo della tratta ai fini del trasporto passeggeri oltre che merci. Anche l’eliminazione dei passaggi a livello rientra tra gli interventi necessari per consentire il trasporto passeggeri. Particolare attenzione strategica riveste l’investimento nel polmone produttivo d’Abruzzo, nella Val di Sangro. Tra gli obiettivi di Tua, già finanziati, infatti, è previsto il potenziamento della stazione di Saletti, un intervento finalizzato ad ottimizzare la lunghezza dei convogli merci, nonché ad ampliare l’area di carico e scarico dei convogli ferroviari, in modo da consentire una maggiore produttività del servizio merci. Intervento propedeutico per la sosta dei treni passeggeri nella stazione di Saletti. "La programmazione è la chiave del successo di ogni attività. Con molta oculatezza e con una visione prospettica e di ampio respiro  – ha dichiarato il presidente di Tua Gianfranco Giuliante – abbiamo tracciato le linee programmatiche dell’Azienda Unica". "Questo ingente piano di investimenti – ha aggiunto Giuliante – si inserisce in un discorso di mobilità che saprà raccogliere le sfide di questa regione nel medio e lungo periodo. Proseguiamo convintamente col rinnovo del parco autobus, torniamo a fare investimenti sul trasporto ferroviario con l’acquisto di due elettrotreni ma puntiamo molto anche sull’ammodernamento infrastrutturale". I 73 milioni di euro di investimenti procedono di pari passo anche ad una rimodulazione del fabbisogno del personale. Tua ha annunciato un piano di assunzioni che prevede, entro i prossimi mesi, l’ingresso in Azienda di meccanici, autisti ed ingegneri. Nel dettaglio, dal prossimo mese di marzo, verranno avviate le procedure per l’assunzione di meccanici che si concluderà entro giugno. Sempre a giugno, invece, Tua avvierà quanto necessario per introdurre in organico gli autisti e la selezione vedrà la conclusione entro gennaio 2021. Infine a marzo partirà la selezione per ingegneri che andranno a potenziare i presidi tecnici dell’Azienda Unica e le procedure termineranno entro il mese di maggio. "Abbiamo previsto – ha dichiarato Giuliante – anche un importante piano di assunzioni che contribuiranno a far crescere ulteriormente Tua". Altra novità di rilievo annunciata da Tua riguarda la riduzione del costo dei biglietti sulla tratta L’Aquila-Roma. Dal primo marzo l’Azienda Unica adotterà una scontistica fino al 30 per cento del costo del biglietto per tutti coloro che prenoteranno nelle fasce comprese dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 20.15 sulla tratta L’Aquila-Roma. Dalla capitale a L’Aquila, invece, le fasce oggetto di riduzione saranno quelle dalle 9 alle 120 e dalle 18.45 alle 22. Il collegamento quotidiano assicurato da Tua tra L’Aquila e Roma è svolto con 12 nuovi autobus, dotati dei vari comfort per i passeggeri. "Continuiamo a porre sempre particolare attenzione sulla tratta L’Aquila-Roma – ha concluso Giuliante - prevedendo una serie di iniziative per chi utilizza quel servizio, e come sempre accade in presenza di una nuova ristrutturazione dei servizi, in invarianza di spesa, Tua è disponibile a valutare tutti i miglioramenti che venissero proposti". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

ROMA | ATAC acquista, con risorse proprie, 100 nuovi bus ecologici

di mobilita

Il prossimo anno arriveranno a Roma 100 nuovi bus ecologici. acquistati da Atac, l’azienda che si occupa di trasporto pubblico, con risorse proprie. Lo afferma la sindaca di Roma, Virginia Raggi sulla sua pagina facebook che continua: “E questa è un’ottima notizia perché conferma che il percorso avviato per il risanamento di Atac è quello giusto – spiega la prima cittadina -. Stiamo parlando di un’azienda che tre anni fa versava in condizioni economico-finanziare disastrose. Pensate, registrava debiti per 1,3 miliardi euro. Il parco mezzi era vecchio: bus e tram avevano un’età media di oltre 11 anni. Oggi, invece, possiamo parlare di Atac in modo diverso: abbiamo già messo su strada oltre 400 nuovi bus. E altri 328 arriveranno a breve. A questi si aggiungeranno i 100 bus ibridi che saranno acquistati tramite autofinanziamento. Un risultato che ci spinge a continuare sulla strada tracciata del risanamento e del rilancio. Andiamo avanti così”.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

BARI | Per la visita del Papa oltre tredicimila posti offerti in treno e bus

di mobilita

Oltre tredicimila posti offerti in treno e bus, cento dipendenti a presidiare le stazioni e assistere i viaggiatori dalle prime ore del mattino fino al pomeriggio. Questo l'impegno del Gruppo FS per la visita del Santo Padre a Bari, domenica 23 febbraio. Dodicimila i posti offerti da Trenitalia. Entro le 7.30, 9 treni regionali arriveranno a Bari Centrale (2 da Foggia, 2 da Barletta, 2 da Fasano, 1 da Brindisi e 2 da Taranto). Per il rientro, a partire dalle 12.15, Trenitalia garantirà 13 collegamenti regionali (3 per Foggia, 2 per Barletta, 2 per Fasano, 1 per Brindisi, 2 per Lecce e 3 per Taranto). Oltre mille e duecento i posti offerti da Ferrovie del Sud Est con 2 treni straordinari da Martina Franca e Putignano e 7 bus straordinari da Castellana Grotte, Manduria e Taranto. Saranno cento i dipendenti del Gruppo FS impegnati a gestire i flussi in uscita e in entrata dal piazzale di stazione alle banchine dei treni e verso i punti di sosta dei bus FSE, in collaborazione con quaranta volontari della Protezione Civile formati ad hoc. Rete Ferroviaria Italiana e Ferrovie del Sud Est presidieranno anche le stazioni dell'hinterland barese e le principali fermate dei bus FSE in città. Trenitalia e FSE ricordano che è consentito salire a bordo dei treni solo se muniti di titolo di viaggio e consigliano di acquistare in anticipo i biglietti di andata e ritorno. Per gruppi organizzati di viaggiatori è consigliabile acquistare in anticipo il titolo di viaggio inviando una mail a [email protected] e [email protected] Orari e acquisto biglietti online (www.trenitalia.com e www.fseonline.it), nelle biglietterie di stazione e nei punti vendita convenzionati. Per i viaggiatori di FSE sarà a disposizione il numero verde 800 07 90 90 e una chat attiva su Facebook.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

VERONA | Opera Filovia: via Città di Nimes, transito solo mezzi pubblici in direzione stazione

di Fabio Nicolosi

Come annunciato, nella giornata di lunedì 17 Febbraio sono iniziati i lavori nel nuovo cantiere di via Giuliari e via Tunisi in Borgo Roma, nonché la posa della nuova condotta fognaria in via Città di Nimes. Dopo le verifiche in loco sulla viabilità da parte della polizia municipale sono stati adottati i seguenti provvedimenti. Per circa tre settimane, per consentire lo spostamento dei sottoservizi via Città di Nimes, da piazza Simoni alla stazione sarà percorribile solo dal trasporto pubblico e dai taxi. Nella direzione opposta dalla stazione verso piazza Simoni al momento è percorribile da tutti i veicoli. Saranno possibili rallentamenti sulla Circonvallazione interna specialmente nelle ore di punta dalle 7 alle 9 e tra le 17 e le 19. Per quanto riguarda il cantiere di Borgo Roma, come preannunciato, è stato istituito il senso unico in via Giuliari e via Tunisi in direzione piazzale Scuro. Inoltre, è stato installato un semaforo provvisorio per garantire il transito del trasporto pubblico all’intersezione tra via Giuliari e via Comacchio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

REGIONE LIGURIA | Primo incontro con il commissario straordinario per il Terzo Valico

di mobilita

Si è svolto nella sede di Regione Liguria il primo incontro tra il presidente Giovanni Toti e il commissario straordinario del Terzo Valico Calogero Mauceri, nominato nelle scorse settimane dal Governo. Alla riunione erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente dell’Autorità Portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini, l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Andrea Benveduti, Maurizio Gentile di RFI, Marco Rettighieri, presidente di Cociv, Nicola Meistro di Salini Impregilo. L’obiettivo del presidente Toti era quello di dare il benvenuto al commissario e presentarlo a tutti i soggetti deputati ad occuparsi di Terzo Valico e passante di Genova per fare il punto sui cantieri e sui tempi e dare un orizzonte certo alle opere. Durante l'incontro è emersa la necessità di un unico appalto per il terzo Valico insieme al Nodo di Genova per accelerare i tempi di realizzazione. In effetti le due opere sono complementari, senza il completamento del nodo di Genova, primo anello di una catena logistica che da Genova sale fino in Nord Europa, il Terzo Valico non avrebbe senso. «Due sono stati i temi sul tavolo, far ripartire il passante di Genova nel più breve tempo possibile e dare un tempo certo al Terzo Valico. Siamo stati rasserenati dalle parole del Commissario sul fatto che il Nodo di Genova si possa sbloccare in tempi certi. E per questo abbiamo chiesto che vengano rese note le date quanto prima", ha affermato il presidente Toti. La linea del Terzo Valico, partendo dal nodo ferroviario di Genova (Bivio Fegino), si sviluppa quasi interamente in galleria (Galleria di Valico e Galleria Serravalle) fino alla Piana di Novi, ad eccezione di un breve tratto allo scoperto in corrispondenza di Libarna. La Galleria di Valico, lunga circa 27 km, prevede quattro finestre di accesso intermedio, sia per motivi costruttivi sia di sicurezza. In linea con i più avanzati standard di sicurezza, i tratti in galleria saranno in gran parte realizzati in due gallerie a semplice binario affiancate e unite tra loro da collegamenti trasversali in modo che ognuna possa servire da galleria di sicurezza per l’altra. Dall’uscita della galleria di Serravalle la linea si sviluppa prevalentemente all’aperto fino ad imboccare la Galleria di Pozzolo, all’uscita della quale la linea si sviluppa all’aperto fino all’innesto sulla linea esistente Pozzolo Formigaro – Tortona (itinerario per Milano); nella tratta allo scoperto tra Novi Ligure e Pozzolo Formigaro, è prevista la realizzazione del collegamento in galleria artificiale da e per Torino sull’attuale linea Genova – Torino.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

VERONA | ATV: deviazione delle linee 52-61-148-SC01-SC09 per Lavori in via Centro

di Fabio Nicolosi

Si informa che per consentire i lavori in via Centro, dalle ore 5:00 di mercoledì 19 febbraio 2020 fino al termine dei lavori previsti anche nei giorni successivi, viene istituito il divieto di transito in via Centro nel tratto tra Piazza Cervignano e via dei Grolli. Pertanto si renderà necessaria la seguente deviazione delle linee 52-61-148 e Servizi Scolastici SC01 e SC09: Linea 52 direzione Castel d'Azzano: percorso regolare.Linea 52 direzione Marzana/Stallavena: percorso regolare fino a via Dell'Esperanto poi via Niccolò Copernico, viale del Commercio, via F. Malfer, viale Dell'Industria, via Redipuglia, quindi via Centro poi percorso regolare. Fermate sospese: direzione Marzana /Stallavena: via Scuderlando 385 I - via Scuderlando 337 II - via Centro 207 I - via Centro 129 II.Fermate alternative: via Niccòlo Copernico - viale del Commercio - via Malfer - via Centro Linea 62 direzione Policlinico:percorso regolareLinea 62 direzione Navigatori: percorso regolare Linea 61 direzione Navigatori (corsa 6 lunedì-venerdì - corsa 306 sabato): percorso regolare fino a via Niccolò Copernico poi viale del Commercio, via F. Malfer, viale Dell'Industria, via Redipuglia, quindi via Centro dove effettua la fermata, quindi via Monfalcone poi percorso regolare. Fermate sospese: direzione Navigatori: via Olifante, fr. 14 - via Scuderlando 385 I - via Scuderlando 337 II via Centro 207 I - via Centro 129 II.Fermate alternative: via Niccòlo Copernico - viale del Commercio - via Malfer - via CentroServizio Scolastico SC 09 direzione Scuola Piazzale Guardini (corsa 3 lunedì-venerdì - corsa 303 sabato): percorso regolare fino a via Bengasi poi via San Giacomo, via Volturno poi percorso regolare.Fermate sospese: direzione Scuola "Piazzale Guardini": via Dei Grolli, 31 - via Combattenti Alleati, 6 - via Scuderlando 337 II - via Centro 207 I - via Centro 29 II. - via Centro, 47/B III. Fermate alternative: via San Giacomo.Servizio Scolastico SC 01 direzione Basson (corsa 16 lunedì-venerdì): dal piazzale della Scuola Einaudi Galilei giunti allo stop svoltare a destra su via San Giacomo, al semaforo svoltare a sinistra su via Centro, quindi a destra su via Monfalcone poi percorso regolare.Fermate sospese:direzione Basson via Dei Grolli, 31 - via Combattenti Alleati, 6 - via Scuderlando 337 II - via Centro 207 I - via Centro 29 II. - via Centro, 47/B III.Fermate alternative: via San Giacomo. Linea 148 direzione Verona / Stazione P. Nuova (corsa 4): percorso regolare fino a via Dell'Esperanto poi via Niccolò Copernico, viale del Commercio, via F. Malfer, viale Dell'Industria, via Redipuglia, via Centro poi percorso regolare.Fermate sospese: direzione Verona / Stazione P. Nuova: via Centro 129.Fermate alternative: via Niccòlo Copernico - viale del Commercio - via Malfer - via Centro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 feb 2020

MILANO | ACCIONA avvia il suo servizio di motosharing con una flotta di 300 scooter

di mobilita

ACCIONA ha iniziato a offrire le sue motociclette elettriche condivise a Milano, con una flotta di 300 scooter che verrà ampliata nel corso dell'anno e che sarà fornita di energia rinnovabile. Questo è un altro passo nella strategia di internazionalizzazione del servizio di mobilità condivisa dell'azienda, che ha anche raddoppiato la sua flotta di Lisbona, raggiungendo le 500 unità. Queste moto si sommano alle quasi 7000 che ACCIONA ha dispiegato nelle cinque città spagnole in cui opera, (Madrid, Barcellona, ​​Siviglia, Valencia e Saragozza) e alle 250 che aveva a Lisbona.    Il servizio di ACCIONA a Milano comprende un'area di 30 km2 (all'interno della cosiddetta Cerchia filoviaria 90/91 ) dove è possibile iniziare e terminare i percorsi 24 ore al giorno. Inoltre, le motociclette possono circolare in tutta l'area metropolitana della città. In linea con l'impegno di ACCIONA nella decarbonizzazione, il servizio di motosharing, attraverso la sua APP, offre informazioni sulle emissioni di CO2 evitate scegliendo di utilizzare una motocicletta condivisa rispetto a un veicolo privato convenzionale. COME FUNZIONA IL SERVIZIO Le motociclette, con prestazioni equivalenti a 125cc, sono alimentate da batterie ricaricabili e offrono due modalità di guida: la modalità “S” standard, con una velocità fino a 50 km / h per la città; e la modalità di guida "C" personalizzata, che consente di raggiungere 80 km /h, consigliata per le strade veloci. Diverse le tariffe a disposizione degli utenti degli scooter elettrici Acciona: si parte da quella base (0,29€/minuto) fino a un massimo di 0,34 €/minuto, con pacchetti a prezzi agevolati da 50, 150, 300 e 500 minuti“ Il servizio offre la possibilità di "metterlo in pausa", che consente di mantenere la moto ferma ma riservata a un prezzo molto ridotto sia all'interno che all'esterno dell'area abilitata per l'inizio del viaggio. Una volta effettuata la registrazione tramite l'APP di mobilità ACCIONA, gli utenti vedono l'esatta posizione delle moto e possono prenotare quella più vicina. L'utente può circolare e interrompere il viaggio per sei ore in qualsiasi parte della città, tenendo conto del fatto che per concludere il viaggio deve farlo nelle aree autorizzate. L'ingresso di ACCIONA nel mercato dei veicoli condivisi mostra il suo know-how nello sviluppo di soluzioni sostenibili relative alle infrastrutture e ai trasporti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 feb 2020

AEROPORTO FIUMICINO | Inaugurato oggi il nuovo negozio di Louis Vuitton al Terminal 3

di Fabio Nicolosi

Inaugura oggi il nuovo negozio di Louis Vuitton al Terminal 3 dell’Aeroporto Internazionale Leonardo da Vinci a Fiumicino. Si tratta della prima apertura di un negozio hashtag#LV all’interno di un aeroporto in Italia, nonché la decima nel mondo. “Siamo entusiasti del nuovo store che Louis Vuitton ha sviluppato per l’aeroporto di Fiumicino, che darà ulteriore lustro alla galleria commerciale dell’area Extra Schengen al Molo E, tra le più apprezzate dai passeggeri,” ha commentato Giorgio Moroni, direttore commerciale di ADR, a proposito del nuovo negozio, il più grande di questo genere per il brand in Europa. “La presenza del marchio Louis Vuitton è l’ulteriore conferma del posizionamento di eccellenza di Fiumicino tra i migliori aeroporti al mondo in termini di qualità del servizio, come certificato da Airports Council International - ACI World, l’associazione internazionale che misura la qualità percepita in oltre 300 aeroporti nel mondo.”

Leggi tutto    Commenti 0