Articolo
12 nov 2019

ROMA | Presentato al MIT proposta di finanziamento per la redazione del PUMS e del Piano Strategico Metropolitano

di mobilita

Dopo aver coinvolto i Comuni del territorio quali interlocutori privilegiati, per la costruzione condivisa del PUMS, la Sindaca metropolitana Virginia Raggi, ha approvato le “Linee di Indirizzo per la redazione del Piano Urbano della Mobilità sostenibile (PUMS)” che si compongono di un primo quadro conoscitivo e una gerarchia condivisa di 25 obiettivi prioritari e di 10 strategie operative che il PUMS della Città metropolitana di Roma Capitale dovrà perseguire per promuovere uno sviluppo maggiormente sostenibile del proprio sistema dei trasporti. “Dopo il PUMS di Roma Capitale, la sfida del cambiamento va avanti a ritmo serrato anche per l’area metropolitana, ricomprendendo le tante specificità locali in un sistema integrato di servizi, co-progettando insieme ai Comuni una trasformazione necessaria e non più rinviabile. Il PUMS rappresenta – dichiara Virginia Raggi –  uno degli strumenti più efficaci di pianificazione strategica di medio e lungo periodo a disposizione delle Città metropolitane per definire un sistema di sviluppo, utile a contribuire alla transizione delle proprie comunità verso modelli di mobilità più efficienti ed efficaci nel limitare le emissioni di gas serra, migliorare la qualità della vita dei propri cittadini”. Dopo l’approvazione del decreto, la Città metropolitana di Roma Capitale, attraverso il Dipartimento VI “Pianificazione territoriale generale”, ha presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la proposta di finanziamento per la redazione del PUMS, del Piano Strategico Metropolitano e per alcuni studi di fattibilità sui temi progettuali strategici individuati nelle linee di indirizzo per un importo complessivo di 2.556.000 euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2019

AEROPORTO FIUMICINO | Norwegian annuncia l’avvio di due nuove rotte per Denver e Chicago per l’estate 2020

di mobilita

Norwegian annuncia l’avvio di due nuove rotte da Roma Fiumicino alla volta di Denver in Colorado e Chicago in Illinois per l’estate 2020. Da martedì 31 marzo, la compagnia collegherà la capitale italiana al Colorado tre volte alla settimana, con tariffe a partire da 209,90 euro, tasse incluse. Inoltre, da mercoledì 3 giugno sarà possibile decollare verso l’Illinois 4 volte alla settimana con tariffe a partire da 189,90 euro. I biglietti sono in vendita a partire da oggi, martedì 12 novembre. Si rafforza, così, l’offerta verso gli Stati Uniti di Norwegian che, per l’estate 2020, scende in pista a Roma con 6 collegamenti transatlantici – New York JFK, Los Angeles, San Francisco/Oakland, Boston, Denver e Chicago – per un’offerta totale di 460.000 biglietti in vendita, pari al 36% in più rispetto allo stesso periodo del 2019. “È con grande entusiasmo che annunciamo due nuove rotte da Roma che ci permetteranno di offrire, nel 2020, un bouquet di destinazioni davvero importante verso gli Stati Uniti. Durante la prossima estate non ci sarà che l’imbarazzo della scelta per gli amanti sia della West Coast sia della East Coast. Con i nostri collegamenti sarà ancora più facile, infatti, raggiungere alcune tra le più affascinanti città americane con voli comodi e diretti a tariffe davvero competitive”, afferma Amanda Bonanni, Sales Manager di Norwegian in Italia. “Accogliamo con grande soddisfazione questo progresso di Norwegian. Lo sviluppo annunciato consentirà di aggiungere Denver all’ampio network di destinazioni Intercontinentali servite direttamente da Roma. Inoltre, favorirà l’ampliamento e la differenziazione dell’offerta verso il Nord America che, nei primi 10 mesi dell’anno, ha già superato la soglia record di 3 milioni di passeggeri traportati, segnando una crescita del 8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e confermandosi, quindi, come primo mercato di lungo raggio da Roma”, aggiunge Federico Scriboni, Head of Airline Traffic Development di Aeroporti di Roma. Le due nuove rotte, che insieme prevedono più di 100.000 biglietti in vendita, permetteranno ai passeggeri in partenza da Roma di raggiungere velocemente il Colorado e l’Illinois, senza fare scalo in altri hub. Inoltre, durante la summer 2020 verranno potenziati ulteriormente i collegamenti verso gli USA con un’offerta complessiva di 460.000 biglietti, il 36% in più rispetto alla summer 2019.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2019

REGIONE PUGLIA | Avviato il processo del gestore unico dell’infrastruttura ferroviaria

di mobilita

E' stato avviato il processo che consentirà a tutti coloro che utilizzano servizi ferroviari di diversi gestori in Puglia, di avvalersi di una sola piattaforma di vendita per viaggiare con un biglietto unico su più vettori. La Giunta ha stanziato euro 354.000,00 per l’implementazione della piattaforma di vendita, gestita da Trenitalia, mediante la quale verranno rilasciati titoli di viaggio ferroviario validi in ambito regionale, anche su itinerari che includono gli operatori ferroviari: Ferrovie Sud Est, Ferrotramviaria, Ferrovie Appulo Lucane e Ferrovie del Gargano. Sulla piattaforma, inoltre, sarà possibile visualizzare in tempo reale qualsiasi cambiamento di orario e nuove offerte di vendita. Dopo una prima fase sperimentale in cui il valore dei biglietti combinati sarà pari alla somma delle tariffe attualmente in vigore nei piani tariffari delle singole società, si procederà a verificare la possibilità di passare a un sistema di calcolo chilometrico, che tenga conto dell’effettiva lunghezza di viaggio, applicando le corrette fasce chilometriche e i relativi sconti progressivi previsti della tariffa regionale pugliese. L’obiettivo è quello di avvicinarsi a una integrazione tariffaria che permetta di utilizzare una sola piattaforma di vendita per l’acquisto di un’unica relazione di viaggio vendibile con un’unica transazione economica, garantendo all’utenza di organizzare in maniera più agevole gli spostamenti in ambito regionale, pur utilizzando treni di diversi gestori ferroviari. Questa iniziativa permette di completare l’offerta di trasporto pubblico locale, inteso nel Piano Regionale dei Trasporti come integrazione sia di interventi materiali (infrastrutture, tecnologie e materiale rotabile), che di servizi e politiche incentivanti l’uso del mezzo pubblico. Insieme a quanto già realizzato in termini di interoperabilità (cioè libera circolazione dei treni su tutte le reti senza soluzione di continuità), tale iniziativa rappresenta un significativo passo avanti verso la cooperazione tra i cinque gestori dei servizi ferroviari e verso il raggiungimento di standard comuni grazie alla condivisione di programmi di esercizio, orari, linee e tariffe. Considerata l’importanza del progetto, si procederà in modo da velocizzare i tempi di realizzazione, per poi dare all’utenza ampia e diffusa comunicazione non appena le nuove modalità di bigliettazione saranno disponibili.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2019

Ferrovia del Brennero, 180 giorni per la progettazione del by-pass ferroviario di Trento

di mobilita

180 giorni è il tempo previsto dall’ “Atto aggiuntivo al Protocollo d’intesa per la riqualificazione urbana della città di Trento intersecata dalla linea ferroviaria Verona-Brennero”, per completare la progettazione preliminare del by-pass ferroviario della città capoluogo, inclusa la stazione provvisoria che verrà realizzata presso lo scalo Filzi. L'atto è stato siglato ieri pomeriggio dal presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, dal sindaco di Trento Alessandro Andreatta e dall’amministratore delegato di RFI spa Maurizio Gentile. L’atto di ieri segue il Protocollo siglato dalle parti nell'aprile 2018 e traccia una road map delle attività che RFI, Provincia e Comune sono chiamate a svolgere. RFI, in quanto Società incaricata di progettare e realizzare la nuova linea ferroviaria da Verona a Fortezza, parte integrante del corridoio europeo TEN-T Scandinavo-Mediterraneo, aggiornerà il progetto della circonvallazione ferroviaria di Trento. Il progetto prevede l’interramento (a circa 10 m. di profondità) della linea ferroviaria per un tratto di 2,4 km, grosso modo fra l’area della rotonda di Nassirya a Trento Nord e via Monte Baldo a Trento Sud, la realizzazione di un' altra stazione sotterraneo allo scalo Filzi che fino a completamento dei lavori servirà sia il traffico merci che quello passeggeri e a regime solo quello delle merci (dopo l’ultimazione dei lavori quella di piazza Dante tornerà ad essere la stazione utilizzata per il trasporto passeggeri). La Provincia di Trento ha invece il compito di ridefinire l'assetto del sistema ferroviario nel nodo di Trento, input essenziali per il piano urbano della mobilità, anche nelle sue interconnessioni con il resto del Trentino, a partire dalla Valsugana. Al Comune di Trento, infine, spetta la progettazione della riqualificazione della città. Di tutto questo si è parlato anche nell’incontro pubblico e nella successiva Tavola rotonda tenutesi nel palazzo della Provincia, a cui hanno preso parte, oltre ai firmatari del nuovo documento d’intesa, il responsabile della Direzione Investimenti di RFI Vincenzo Macello, il responsabile della Direzione Commerciale della società ferroviaria Christian Colaneri, i dirigenti della Provincia Raffaele De Col e Roberto Andreatta ed Ezio Facchin, già Commissario straordinario del Governo per le tratte d'accesso al tunnel del Brennero.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2019

Maltempo in Sicilia, limitazione in alcune arterie e circolazione ferroviaria rallentata

di mobilita

La strada statale 113 'Settentrionale  Sicula" è provvisoriamente chiusa al traffico in entrambe le direzioni dal km 84,500 al km 84,600, all'altezza del comune di Gioiosa Marea in provincia di Messina, a causa della presenza di massi e detriti riversatisi sul piano viabile a causa del maltempo. Sul posto sono presenti le Forze dell'Ordine e il personale Anas per la gestione della viabilità e per il ripristino della normale circolazione nel più breve tempo possibile. Problemi anche alla circolazione ferroviaria. Questa la situazione nella giornata ordierna: AGGIORNAMENTO ORE 13:00 E' ripresa alla 11.15 la circolazione sulla linea Caltanissetta Xirbi - Bicocca, sospesa ieri pomeriggio alle 17.00 per la presenza di alberi e detriti sui binari fra Dittaino e Motta e, questa mattina, per l'allagamento della stazione di Sparagogna.  Circolazione regolare dalle 8.00 sulla Palermo-Agrigento/Caltanissetta Xirbi, dopo i rallentamenti, con riduzione di velocità a 40 km/h, nella prima mattinata.  Come da programma, è sospesa precauzionalmente per l'intera giornata la circolazione sulle linee Siracusa – Modica – Gela – Canicattì e Catania – Caltagirone. In considerazione del perdurare dell'allerta meteo, nel pomeriggio è stato riprogrammato, con riduzioni, il servizio ferroviario sulle linee Agrigento - Palermo, Catania - Caltanissetta, Caltanissetta -Agrigento e nel Trapanese.  AGGIORNAMENTO ORE 08:00 I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sono al lavoro per verificare le condizioni dell'infrastruttura e ripristinare le normali condizioni di circolazione. Linee Fiumetorto – Agrigento/Caltanissetta Xirbi: circolazione regolare Linea Caltanissetta Xirbi – Bicocca: detriti sulla sede ferroviaria, circolazione sospesa Linea Canicattì – Gela – Modica – Siracusa: traffico sospeso Linea Lentini Diramazione – Caltagirone: circolazione sospesa I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sono al lavoro per verificare le condizioni dell'infrastruttura e ripristinare le normali condizioni di circolazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2019

GENOVA | Partita l’elettrificazione della linea amt 517

di mobilita

AMT prosegue il percorso di elettrificazione del trasporto pubblico genovese. A partire da oggi, lunedì 11 novembre, i bus elettrici sono entrati in servizio anche sulla linea 517 che collega via Oberdan a Capolungo. La linea 517 diventerà totalmente “green” nelle prossime settimane con l’arrivo dei restanti nuovi mezzi. Ricordiamo le altre due linee bus “elettriche” di AMT: la linea 518 interna all’ospedale di San Martino, la linea 516 che collega via Oberdan a Sant’Ilario. I nuovi bus elettrici, riconoscibili dalla livrea bianca e rossa, sono mezzi Rampini, modello Alè EL E80, sono bus da 7,8 metri, full electric, con 45 posti totali di cui 10 a sedere; sono dotati di pianale ribassato, pedana per l’accesso delle persone in carrozzella, porta centrale scorrevole, impianto di climatizzazione e telecamere per la videosorveglianza a bordo. I veicoli sono completamenti elettrici ed hanno batterie a bordo per un totale di 180 kWh con sistema di ricarica notturna in rimessa (over night charging).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2019

L’aeroporto di Milano Bergamo avrà un collegamento ferroviario entro 4 anni

di mobilita

L'aeroporto di Milano Bergamo avrà un collegamento ferroviario con un treno ogni dieci minuti e sarà pronto per le Olimpiadi invernali del 2026.  A confermarlo è il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli che, durante l'inaugurazione della riapertura al traffico del ponte San Michele tra Calusco e Paderno D’Adda, ha affermato: “Il collegamento ferroviario tra Bergamo e l’aeroporto di Orio al Serio si farà nei prossimi 3 o 4 anni”. Questo collegamento ferroviario fa parte della strategia nazionale del MIT e del Piano d’investimento di Rfi, La nuova stazione ferroviaria verrà realizzata nelle vicinanze del parcheggio P2 e l'ingresso in aerostazione avverrà al termine dell'attuale galleria commerciale e collegata ai binari tramite tapis roulant. Il progetto è stato già finanziato con 8 milioni di euro ed è stato avviato l'iter per finanziare anche l’opera, che è di circa 100-110 milioni di euro, in modo che nei prossimi 3 o 4 anni l'infrastruttura possa essere già pronta e in tempo per le Olimpiadi invernali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2019

REGIONE VENETO | Presentati i primi due treni Pop e Rock per i pendolari veneti

di mobilita

Sono stati presentati nella stazione di Venezia Santa Lucia i primi due treni Pop e Rock per i pendolari veneti. All'evento hanno partecipato Luca Zaia e Elisa De Berti, Presidente e Assessore ai Trasporti Regione Veneto, e Orazio Iacono, Amministratore Delegato di Trenitalia. Presenti Sabrina De Filippis Direttore Passeggeri Regionale di Trenitalia, Michele Viale AD Alstom Ferroviaria e Maurizio Manfellotto AD Hitachi Rail Italy. I primi due convogli presentati stamane rientrano in una più ampia fornitura di 78 nuovi treni destinati alla Regione Veneto: 38 Rock a 5 casse, 9 Rock a 6 casse e 31 Pop. La consegna avverrà progressivamente fino a luglio 2023. Si salirà infatti sui Rock da Venezia a Verona (collegamenti veloci), Bologna, Conegliano, Udine, Belluno e Bassano, ma anche fra Belluno e Padova e fra Bassano e Padova e sui Pop fra Venezia e Rovigo/Ferrara, Venezia e Portogruaro/Trieste e Venezia e Vicenza, ma anche fra Monselice e Mantova e fra Mantova e Verona. I primi collegamenti serviti dai nuovi treni saranno quelli fra Venezia e Verona, cui faranno seguito, già nel mese di giugno 2020, alcuni servizi fra Bassano e Padova e fra Montebelluna e Padova. Oltre il 15% dei convogli sarà sui binari entro la primavera, circa il 30% entro il 2020, il 100% nei primi mesi del 2023 e, insieme ai Vivalto, agli Swing e agli Stadler entrati in servizio negli ultimi sette anni, completeranno il rinnovo della flotta regionale del Veneto che diventerà fra le più giovani d’Italia (4,6 anni). Migliori standard, performance e più comfort e accessibilità per le persone che ogni giorno scelgono il treno per lavoro, studio, svago o turismo. I treni Rock e Pop di Trenitalia assicureranno la rivoluzione del trasporto ferroviario regionale e invoglieranno le persone a scegliere il treno lasciando l’auto a casa. I Rock e Pop sono parte del più ampio piano di rilancio del Gruppo FS Italiane per il trasporto regionale. Piano che, con un investimento economico complessivo di circa 6 miliardi di euro e oltre 600 nuovi treni, garantirà, entro cinque anni, il rinnovo dell’80% della flotta. Una maxi fornitura che, per numero di treni e valore economico, non ha precedenti in Italia. Unico l’obiettivo: garantire la qualità e l’eccellenza dell’alta velocità italiana anche nel trasporto ferroviario regionale e metropolitano e migliorare così la qualità di vita del milione e mezzo di pendolari che viaggiano ogni giorno con Trenitalia. I nuovi treni sono affiancati dall’importante rivisitazione dei processi industriali e della macchina organizzativa che gestisce il trasporto regionale. A ciò va aggiunta l’attivazione di nuovi servizi, fra tutti il customer care per i viaggiatori regionali (in Veneto con 36 addetti), che permettono di individuare e soddisfare le esigenze di chi sceglie il treno per i propri spostamenti. I nuovi treni regionali Rock e Pop sono riciclabili fino al 97% con una riduzione del 30% dei consumi energetici rispetto ai treni precedenti. Insieme a una sempre maggiore affidabilità (telediagnostica di serie) ed elevati standard di security (telecamere e monitor di bordo con riprese live), sono disponibili diverse configurazioni esterne e interne realizzate per rispondere alle esigenze individuate dal committente Regione. Ti potrebbero interessare: Treno POP, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale comodo e accessibile Treno ROCK, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2019

MILANO | Chi installa la scatola nera Move-in potrà accedere in ‘Area B’

di mobilita

Le auto che installeranno Move-In, la 'scatola nera'  voluta dalla Regione Lombardia, potranno circolare per un certo numero di km anche all'interno di 'Area B'. Lo prevede l'accordo raggiunto fra l'assessore all'Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, e l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli. I cittadini proprietari di auto Euro 0 benzina ed Euro 0,1,2 e 3 Diesel potranno installare una scatola nera (black-box), che consentirà di monitorare le percorrenze, tenendo conto dell'uso effettivo del veicolo e dello stile di guida adottato. In tutta la Lombardia sono coinvolti 1.300.000 veicoli (autovetture e veicoli commerciali). MoVe-In' andrà installata presso i centri autorizzati consultabili sul sito dedicato. Il costo è pari a 50 euro il primo anno (30 euro per l'installazione e 20 euro fornitura del servizio) e a 20 euro a ogni rinnovo. Per chi è già in possesso di una strumentazione idonea a rilevare i dati necessari per il servizio, il costo di installazione è azzerato. I KM PERCORRIBILI IN AREA B - Di seguito i Km percorribili in Area B, compresi nella soglia chilometrica definita dal progetto Move-In Autovetture: Euro 0 B/d 200 Euro 1D 300 EURO 2D 600 EURO 3D 1500 EURO 4D 1800 Veicoli commerciali: Euro 0 B/D 200 EURO 1D 300 EURO 2D 600 EURO 3D 1500 EURO 4D 2000

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2019

REGIONE LIGURIA | In arrivo i primi due esemplari dei treni Pop e Rock.

di mobilita

Arriveranno a metà settimana in Liguria, tra le prime regioni d’Italia, i primi due esemplari dei treni Pop e Rock per il trasporto regionale. La consegna anticipata dei due treni, inizialmente prevista per il 2020, avverrà alla stazione di Genova Piazza Principe.  Ne seguiranno altri nei prossimi mesi con l'obiettivo di portare, entro il 2023, sui binari liguri 43 nuovi treni delle due tipologie. Nel nuovo treno Pop, le carrozze spaziose offrono aree di seduta ampie per i viaggi di media durata. Le sedute sono dotate di prese per alimentazione di PC, tablet e cellulari. L’illuminazione è ottimizzata grazie a grandi finestrini che consentono un maggior ingresso di luce naturale. La circolazione dei passeggeri è facilitata da ampi corridoi adatti alle persone a ridotta mobilità. Il treno Rock dispone di sedili di nuovissima generazione con un design capace di ottimizzare l’ergonomia, garantire elevati livelli di comfort e maggiore spazio per le gambe a parità di distanza dei sedili. Al benessere dei viaggiatori concorre la presenza distribuita di numerosi dispositivi pensati per migliorare la loro esperienza di viaggio, che vanno dalla disponibilità di postazioni bici raggiungibili direttamente dal vestibolo alla creazione di un’area nursery dedicata, dal “poggiabimbo” nella toilette universale alla predisposizione alla rete Wi-Fi di bordo Ti potrebbero interessare: Treno POP, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale comodo e accessibile Treno ROCK, caratteristiche e innovazioni del nuovo treno regionale ad alta capacità di trasporto

Leggi tutto    Commenti 0