Articolo
26 giu 2020

GENOVA | Metropolitana: via alla gara da 56,6 milioni per il prolungamento

di Fabio Nicolosi

Il comune di Genova nei giorni scorsi ha pubblicato sull’albo pretorio il bando per la realizzazione delle tratte Brin-Canepari, a Certosa, e Brignole-Martinez, a San Fruttuoso. L’importo dei lavori ammonta a circa 56 milioni di euro complessivi che diventeranno 63 con le opere “opzionali” a San Fruttuoso, ovvero il collegamento pedonale al ponte di Terralba e il nuovo parcheggio di interscambi, che verranno affidata a chi si aggiudicherà la gara in un secondo momento. Il bando scade il 15 settembre, obiettivo iniziare i lavori entro il 2020. Da risolvere il nodo rappresentato da un condominio di via Ariosto, a Certosa, che dovrà necessariamente essere espropriato per consentire la costruzione del viadotto che, partendo dall’attuale tronchino di Brin, porterà i binari della metropolitana sul sedime della vecchia linea ferroviaria del Campasso, fino a piazzale Palli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mag 2020

ROMA | Da oggi il trasporto delle biciclette è ammesso tutti i giorni senza limiti di fascia oraria su Bus, Metro e Tram

di mobilita

Dal 25  maggio, il trasporto delle biciclette è ammesso tutti i giorni senza limiti di fascia oraria. Il trasporto delle biciclette è consentito: sulle linee A-B-C della metropolitana, sulla ferrovia Roma-Lido sulle linee bus, ad eccezione dei collegamenti servizi con veicoli di piccole dimensioni sulle linee tram 2-3-8; sulle altre linee tram è consentito solo a bordo dei tram di tipo Fiat (numero di identificazione del veicolo che inizia con le cifre 91 e 92) Per gli abbonati Metrebus il trasporto della bicicletta è gratuito, altrimenti va acquistato un biglietto anche per la bicicletta. Le biciclette pieghevoli possono viaggiare gratuitamente ogni giorno della settimana per tutta la durata del servizio. I gruppi numerosi (con più di 5 biciclette) devono segnalare la propria presenza con un anticipo di almeno 24 ore al numero 06.4695.4037 (Pianificazione Rete, Servizi e Infomobilità di Atac SpA) o alla e-mai [email protected], per ricevere la necessaria assistenza.  METRO A  METRO B/B1 Passeggero e bicicletta sono ammessi solo sulla prima carrozza nella direzione di marcia del treno. I vagoni sono identificabili con il pittogramma di una bicicletta rossa su sfondo bianco.  METRO C Passeggero e bicicletta sono ammessi sulle carrozze centrali del treno, identificabili da una vetrofania affissa sulle porte scorrevoli. Le biciclette devono accedere dai tornelli posti al centro dell'atrio e identificati dal pittogramma "bike friendly", prestando particolare attenzione alla chiusura delle ante (per evitare intralci e chiusure accidentali). Per raggiungere le banchine devono essere utilizzati gli ascensori, ed è necessario che i possessori di biciclette si attengano alle eventuali ulteriori istruzioni impartite dal personale Atac, direttamente o a mezzo di diffusione sonora.  ROMA LIDO Passeggero e bicicletta sono ammessi solo sulla prima carrozza nella direzione di marcia del treno. I vagoni sono identificabili con il pittogramma di una bicicletta rossa su sfondo bianco. Le linee bus 83, 118, 412, 543, 715, 772, 789, 791, 911 e le "festive" 120F e 180F sono accessibili: PER FACILITARE LA MOBILITA' DURANTE LA FASE 2 le bici sono trasportabili sulle linee bike friednly tutti i giorni senza limiti orari. le linee tram consentono l'accesso esclusivamente su veicoli Jumbo Tram a pianale ribassato (modelli Roma1 e Roma2), in servizio sulle linee 2, 3, 8 e, quando presenti, sulle linee 5, 14 e 19: Le linee di superficie "Bike friendly" sono riconoscibili dal pittogramma di una bicicletta rossa su sfondo bianco, presente sulla doga di fermata e sui Jumbo Tram, accessibili. Per gli abbonati Metrebus il trasporto della bicicletta è gratuito, altrimenti anche per ogni bicicletta va acquistato un biglietto. Le biciclette pieghevoli possono viaggiare gratuitamente ogni giorno della settimana per tutta la durata del servizio. Le Regole Le regole per il trasporto delle biciclette si trovano in dettaglio nelle “Condizioni Generali di Trasporto” (Titolo IV - Art. 21 bagagli - attrezzi sportivi e musicali) consultabili e scaricabili dal sito di Atac. Per informazioni sul trasporto delle bici sui treni regionali si può visitare la pagina dedicata di Trenitalia SpA.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mag 2020

ROMA | Metro A: venerdì 15 maggio riapre totalmente la fermata Barberini

di Fabio Nicolosi

Domani, 15 maggio, la stazione Barberini della metro A riaprirà anche in ingresso passeggeri. Nella stazione saranno in funzione quattro scale mobili sulle sei presenti, due per l'ingresso e due per l'uscita. Ricordiamo che, come per tutte le altre stazioni, anche a Barberini i viaggiatori dovranno rispettare le nuove regole di viaggio previste dalla Fase 2 che prevedono l’obbligo di indossare una mascherina che copra naso e bocca; il rispetto della distanza sociale di 1 metro; il divieto di utilizzo dei posti a sedere contrassegnati da apposita segnaletica. Nelle stazioni i flussi di accesso e uscita sono separati; sulla banchina di attesa treni prendete posto in base alle indicazioni sul pavimento. Prima di salire a bordo, lasciate uscire gli altri passeggeri. Gli accessi ai treni e nelle stazioni della metropolitana e delle ferrovie, potranno essere temporaneamente limitati in base all'affluenza. Rispettate una eventuale attesa al di fuori della stazione seguendo le indicazioni del personale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 apr 2020

MILANO M4 | Ripartita la talpa dalla stazione De Amicis

di mobilita

La metro M4, i cui cantieri sono ripartiti il 6 aprile, cerca di recuperare il tempo perduto a causa della pandemia. Ieri è partita la prima talpa dalla stazione De Amicis e  la settimana prossima sarà seguita dalla seconda. Il cantiere della stazione De Amicis ha avuto dei rallentamenti nelle operazioni di scavo per il ritrovamento di una struttura di epoca medievale realizzata con blocchi lapidei di epoca romana e attualmente si sta realizzando il tampone di fondo per lo scavo di seconda fase. Soddisfazione del sindaco Sala che in un video messaggio su Facebook ha ribadito che sono proprio le linee della metro a fare la differenza in una città: "Richiedono anni di lavori e sono costose ma cambiano il modo di muoversi e la socialità. Per questo dobbiamo andare avanti sulla M4 e procedere con i progetti di prolungamento della M1 fino a Baggio e della M5 fino a Monza", ha continuato il sindaco Sala. Confermata dal sindaco Sala l'apertura dell'area B e C, che rimarranno gratuite, e l'impegno affinché venga finanziata la mobilità elettrica e si possano continuare i progetti sulle metropolitane.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2019

MILANO | Dal MIT 830 milioni di euro per i prolungamenti e miglioramenti di metropolitane e linee di superficie

di mobilita

Negli ultimi giorni Milano ha ricevuto ancora importanti finanziamenti per infrastrutture del trasporto pubblico dal Ministero per le Infrastrutture e i Trasporti. Si tratta di 830 milioni di euro per prolungamenti e potenziamenti di metropolitane e linee di superficie. Il MIT ha infatti dato parere positivo all'inserimento di 15 milioni di euro in legge di bilancio per potenziamento hub Cinisello Balsamo – Monza Bettola tra M1-M5-A4-SS36; sempre il MIT ha inserito 812 milioni di euro nello schema di decreto che ha ricevuto l’intesa in conferenza unificata Stato Regioni Comuni per il prolungamento della M1 da Bisceglie a Baggio-Olmi-Cesano Boscone, per il sistema di segnalamento e per 21 treni della M3 e 50 filobus. Con un altro Decreto appena approvato sono stati destinati al Comune di Milano 1,9 milioni di euro per la progettazione (PFTE) dell’hub M4 Segrate-Linate, del prolungamento della M5 S.Siro - Settimo Milanese, per il prolungamento della metrotranvia Nord da Bicocca a Ospedale Niguarda Pronto Soccorso e per il prolungamento del tram 2 da Bausan a Bovisa Fs e Villapizzone Fs (altro tratto della metrotranvia Nord). I progetti non riguardano solo interventi in Milano ma soprattutto prolungamenti nell’area metropolitana milanese che consentiranno di offrire un sistema di trasporto pubblico competitivo e fruibile a circa 4,5 milioni di abitanti che vivono e lavorano negli oltre 230 Comuni della Città metropolitana di Milano e della Provincia di Monza e Brianza e aree limitrofe, una delle aree più densamente abitate in Europa. La crescita economica, la capacità di attrarre lavoro e la qualità della vita di questi territori dipende dalla capacità di offrire mobilità flessibile, efficace e sostenibile. "E' stata premiata la scelta e la capacità di Milano di progettare e investire in infrastrutture di trasporto pubblico in città e nell’area metropolitana - dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Lavori pubblici - . Gli investimenti dello Stato arrivano grazie al tempismo, alla collaborazione fra più enti locali, alla qualità delle proposte volte a migliorare gli spostamenti in un area strategica e a contrastare la congestione da traffico privato e le emissioni climalteranti. Ringrazio il Governo e auspico un'intensa e strutturale collaborazione fra gli enti locali che rappresentano insieme i cittadini, i lavoratori e le imprese dell' ampia area metropolitana attorno a Milano. Ora si tratta di andare avanti nella progettazione definitiva, nella conferma dei cofinanziamenti necessari dai bilanci del Comune di Milano, di Regione Lombardia, degli altri enti locali coinvolti. Non va dimenticato che i potenziamenti delle linee metropolitane portano un aumento dei passeggeri e un aumento dei costi di gestione: per questo chiediamo che aumenti il fondo per trasporto pubblico nazionale e regionale, e non si lascino sole le città e i Comuni quando devono aumentare i servizi. Purtroppo i trasferimenti regionali per la gestione del trasporto pubblico dell’area milanese nel 2020 e gli anni successivi sono in diminuzione: noi non possiamo accettarlo".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 giu 2019

BRESCIA | Metro prolungata fino a tarda notte per la Festa della Musica

di mobilita

L'estate 2019 si prospetta ricca di concerti e grandi eventi che animeranno la città fino a settembre inoltrato, e ad accompagnare i bresciani nelle notti d’estate ci sarà proprio la metro che, ogni sabato e in occasione dei grandi eventi musicali, prolungherà il proprio servizio per rendere gli spostamenti più comodi, veloci e green. Si inizia sabato 22 giugno con il servizio prolungato fino alle 2 di notte in occasione della sesta edizione della Festa della Musica, uno dei più importanti e significativi eventi musicali dell’anno, che coinvolgerà l’intera città con esibizioni live di tutti i generi musicali, dal pop alla classica, dal jazz al rock, passando per il soul, l'elettronica, il folk e ogni altro genere immaginabile.  Anche la metro sarà protagonista dell’evento con “Save The Robots”, uno speciale dj set allestito all’interno della stazione di San Faustino: dalle 12 fino a mezzanotte si alterneranno alla consolle nomi del panorama locale e nazionale quali Diego Romani, Jubby Love, Andrea Festa, L’N’F, TOOWILL, Biagio Lana aka BABY B, Massimo Cominotto e Parrux. Inoltre, tutti gli artisti iscritti all’iniziativa e muniti di apposito pass potranno viaggiare gratuitamente in metro.    Per quanto riguarda invece il Brescia Summer Music, il servizio verrà prolungato fino all’1 di notte in occasione dei concerti di Glenn Hughes (lunedì 8 luglio), Salmo (martedì 9 luglio), Nick Mason (giovedì 18 luglio), Loredana Bertè (venerdì 19 luglio), Max Gazzè (lunedì 22 luglio), Pinguini Tattici Nucleari (mercoledì 4 settembre) e Simone Cristicchi (venerdì 6 settembre) per permettere a tutti gli appassionati di assistere ai concerti dei propri cantanti preferiti senza problemi di traffico o parcheggio. Servizio ovviamente prolungato anche in occasione dei concerti di Paolo Conte, Roberto Vecchioni, Carl Brave e Cristiano De Andrè che si svolgeranno di sabato (22 giugno, 20 luglio, 31 agosto e 21 settembre), giornata in cui la metro effettua sempre servizio prolungato. L’estate in musica continuerà poi in Via Serenissima dove, dal 7 al 24 agosto, si terrà la 28esima edizione della Festa di Radio Onda D’Urto con speciali prolungamenti fino all’1 di notte nelle giornate di giovedì 8 agosto, venerdì 9 agosto, giovedì 15 agosto, venerdì 16 agosto, giovedì 22 agosto e venerdì 23 agosto.  Infine, chi vuole vivere la vita notturna bresciana o semplicemente godersi la città fino a tardi durante la bella stagione, potrà spostarsi utilizzando la metro che - come di consueto durante il resto dell’anno - ogni sabato prolungherà il servizio fino all’una di notte.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 giu 2019

GENOVA | Sospensione del servizio metro per interventi di manutenzione nella notte tra mercoledì 12 e giovedì 13 giugno

di mobilita

Dalle ore 21.30 di mercoledì 12 giugno alle ore 5.00 di giovedì 13 giugno dovranno essere effettuate attività di manutenzione in metropolitana. Contestualmente all’effettuazione degli interventi, il servizio della metro dovrà essere sospeso: le ultime partenze saranno alle ore 21.17 da Brignole per Brin e alle ore 21.10 da Brin per Brignole. A seguito della chiusura di via Fillak, per agevolare gli spostamenti dei cittadini, la linea notturna N3(Principe - Brin) sarà anticipata alle ore 21.15 e sarà in servizio fino alle ore 5.30. Di seguito riportiamo l’orario della linea N3. Da Stazione Principe a Brin Metro 21.15 - 21.30 - 21.45 - 22.00 - 22.15 - 22.30 - 22.45 - 23.00 - 23.15 - 23.30 - 23.45 00.00 - 00.30 - 01.00 - 01.30 - 02.00 - 02:30 - 03.00 - 03.30 - 04.00 - 04.30 - 05.00 - 05.30. Da Brin Metro a Stazione Principe 21.15 - 21.30 - 21.45 - 22.00 - 22.15 - 22.30 - 22.45 - 23.00 - 23.15 - 23.30 - 23.45 00.00 - 00.30 -  01.00 - 01.30 - 02.00 - 02.30 - 03.00 - 03.30 - 04.00 - 04.30 - 05.00 - 05.30. Alle ore 5.00 di giovedì 13 giugno riprenderà il normale servizio diurno della metropolitana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mar 2019

MILANO | Da luglio sarà possibile utilizzare il biglietto metro per 90 minuti con più accessi

di mobilita

Dal primo luglio, con l'introduzione  del nuovo sistema tariffario integrato, ci saranno numerose novità per il trasporto pubblico. Sarà infatti possibile utilizzare il biglietto metro ATM per tutta la durata dei novanta minuti anche con più accessi. Oggi la timbratura multipla è concessa solo sui bus e tram. Sarà inoltre possibile arrivare fino alla fine della corsa con un biglietto la cui validità è scaduta mentre si era in viaggio, senza per questo incappare in una multa, a differenza di quanto avviene oggi. Altra novità il carnet da 10 viaggi potrà essere usato, oltre da chi lo ha acquistato, anche dai suoi compagni di viaggio. Confermato l'aumento del biglietto da 1,50 euro a 2 euro, l’estensione della sua validità territoriale alla prima cintura dell’hinterland e a Cinisello Balsamo e sconti ai giovani con meno di 26 anni, viaggi gratis per ragazzi fino a 14 anni anche se non accompagnati, abbonamento a 50 euro per i disoccupati e chi ha un Isee inferiore ai 6 mila euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 feb 2019

ROMA METRO C | Stazione Fori Imperiali, a che punto siamo?

di mobilita

La stazione, Fori imperiali, inserita in un manufatto scavato tra diaframmi, ha una larghezza in pianta variabile tra i 30 e i 50 metri circa e una lunghezza complessiva di circa 240 m. Il manufatto raggiunge i 32 m di profondità da piano campagna e si articola in cinque livelli: il piano atrio, avente una superficie complessiva di oltre 6.100 mq che permette anche il collegamento con le banchine della linea B per mezzo di un livello mezzanino; due piani dedicati ai locali tecnici aventi una superficie di circa 3.900 mq ciascuno; un piano banchine ed un piano sotto-banchine. Lo schema funzionale della Stazione Fori Imperiali è a banchina centrale, avente una lunghezza di 110 m ed una larghezza di 4,00 m. L’adozione del sistema di treno automatico senza conducente a bordo richiede, per la sicurezza degli utenti, di attrezzare la banchina con un sistema di porte automatiche in acciaio e vetro, la cui apertura e chiusura è comandata in sincrono con le porte del treno. Gli accessi alle due linee B e C rimangono separati mentre il collegamento in sotterraneo con la stazione Colosseo avviene per mezzo di un camminamento alla quota dell’atrio che arriva direttamente sulla banchina della linea B in direzione Termini e per mezzo di un camminamento ad un livello mezzanino che raggiunge l’altra banchina oltrepassando i binari grazie ad una passerella pedonale di collegamento che scavalca in sotterraneo la stazione esistente. Gli accessi alla stazione sono due, posizionati rispettivamente uno per lato su via dei Fori Imperiali. Ogni accesso è attrezzato con una coppia di ascensori e con un sistema di scale fisse e due scale mobili. Il collegamento con il piano banchina della Linea C avviene per mezzo di un unico grande corpo scale, attrezzato con scale fisse e mobili intrecciati, ubicato al centro del piano atrio. Lo scavo della stazione è stato progettato limitando al minimo l’interferenza con la viabilità di superficie. Una volta realizzati i diaframmi perimetrali ed il solaio di copertura, alternando le fasi di traffico, il cantiere si restringe proseguendo la costruzione in top – down. Tale metodologia di scavo consiste nella realizzazione dei solai dall’alto verso il basso, con getti contro terra, che permettono il contrasto delle paratie perimetrali già dalla fase di scavo. Ultime attività eseguite È stata completata la modifica del tratto di viabilità su via dei Fori Imperiali, avvenuto il 7 dicembre 2018, oltre alle opere complementari per garantire i transiti veicolari e pedonali. È inoltre terminato il montaggio del primo carroponte (lato Clivio di Acilio) propedeutico allo scavo della stazione. Sono state completate le opere in cemento armato sui micropali, propedeutiche all’inizio dello scavo del pozzo Colosseo. Principali attività in corso È stato avviato lo scavo sottocopertura della stazione ed è iniziato il montaggio del secondo carroponte (lato Clivio di Venere), necessario alle attività di scavo. Inoltre è iniziato lo scavo in modalità archeologica del pozzo di collegamento con la Linea B. Principali attività da eseguirsi a breve Realizzazione del solaio atrio della stazione Fori Imperiali. Fonte: Metro C S.C.p.A.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 gen 2019

ROMA | Oltre 425 milioni di euro per ammodernamento delle metro A e B e per l’acquisto di nuovi treni

di mobilita

La sindaca Virginia Raggi e il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli hanno firmato la convenzione tra Roma Capitale e il MIT per dare il via agli interventi di ammodernamento delle metro A e B e per l’acquisto di nuovi treni. Oltre 425 milioni di euro per le due storiche linee di metropolitana della Capitale. “Un pacchetto di risorse importanti per la nostra città, che permetteranno di mettere in campo un programma strutturato d’investimenti a servizio delle metropolitane della Capitale”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Dall’acquisto di nuovi treni a interventi strutturali su binari, banchine, gallerie, rete elettrica: tutte operazioni necessarie per le nostre linee, utili a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Tutto questo grazie alla stretta collaborazione con il Ministero, frutto di un lavoro complesso realizzato per la nostra città”. “Abbiamo sbloccato fondi importantissimi che serviranno a migliorare la qualità del viaggio per chi utilizza le linee metro di Roma”, aggiunge il ministro Toninelli. “Ovviamente non ci accontentiamo, perché una grande capitale come la Città Eterna ha ‘fame’ di trasporto pubblico e merita di poter via via giungere a standard di eccellenza nell’offerta di mobilità condivisa. Il Governo e il mio ministero sono ben consci dell’importanza di questo obiettivo, non a caso il Campidoglio gode del sostegno e della massima attenzione da parte nostra". La convenzione prevede interventi per rimodernare le infrastrutture e nuovi treni. Circa 184 milioni di euro per le banchine di galleria, impianti anti-incendio e interventi di adeguamento dell’alimentazione elettrica; oltre 134 milioni di euro per la fornitura di 14 treni per le linee A e B; 66 milioni di euro per la manutenzione straordinaria del materiale rotabile; 36 milioni per il rinnovo del materiale rotabile sulla tratta Anagnina-Ottaviano; circa 5 milioni, infine, per un sistema di controllo del traffico treni e pannelli informativi agli utenti.

Leggi tutto    Commenti 0