Articolo
18 mag 2019

MILANO M4 | Nuova edizione degli “Open Days” con la visita al cantiere della Stazione Linate

di mobilita

Sabato 25 maggio nuova edizione degli “Open Days” di M4: dalle ore 10 alle ore 18 il cantiere della Stazione Linate sarà aperto ai cittadini e i tecnici impegnati nella costruzione della Blu, la nuova metropolitana di Milano, guideranno gli interessati alla scoperta di un’opera fondamentale per la mobilità a Milano. La Stazione di Linate, inoltre, riveste un doppio ruolo molto particolare: non solo M4 sarà la linea metropolitana che consentirà agli utenti dell’aeroporto di raggiungere il centro città in pochi minuti ma anche Linate sarà la prima fermata della Blu ad aprire i tornelli al pubblico. L’entrata in esercizio è infatti programmata per gennaio 2021 (con le prime tre fermate, da Linate fino a Forlanini Fs). Questa edizione dell’Open Day M4 rientra tra gli eventi di “Open House Milano 2019”, l’evento organizzato dall’omonima associazione e che prevede per tutto il weekend un palinsesto di aperture straordinarie a edifici pubblici e privati dal notevole valore architettonico. Open House Milano rivolge la propria attenzione agli edifici normalmente non accessibili, al patrimonio architettonico moderno e contemporaneo, per estendersi fino alla città in trasformazione, senza mai trascurare la ricchezza artistica e culturale che caratterizza Milano dall’antichità in poi. Qui maggiori informazioni e l’elenco completo delle aperture: www.openhousemilano.org. Le visite al cantiere M4 di Linate sono gratuite e si svolgeranno in gruppi di circa 25 persone. Per l’ingresso sarà necessario registrarsi a partire dalle ore 9:30 con un documento di identità valido presso lo stand di accoglienza posizionato nei pressi della porta n.8 del piano arrivi dell’aeroporto di Linate (a pochi passi dal capolinea del bus 73). Non sono previste prenotazioni e i gruppi si formeranno al momento. Si consiglia di indossare calzature comode. L’ingresso sarà consentito anche ai bambini dai 5 anni di età. Nel cantiere sono presenti barriere architettoniche (scale). L’Open Day M4 è promosso dal Comune di Milano e realizzato, con il supporto di MM spa, dalla società concessionaria M4, i cui soci sono lo stesso Comune, le imprese costruttrici (Salini Impregilo, Astaldi, Hitachi Rail STS, Hitachi Rail SpA, Sirti) e il gestore Atm. Si ringrazia Sea Milan Airports per la collaborazione. Ti potrebbero interessare: MILANO METRO 4 | La Stazione Linate MILANO METRO 4 | La tratta Linate–Forlanini Fs già in esercizio entro gennaio 2021

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2019

MILANO | Rinnovo delle rotaie sulla rete tranviaria, ecco le modifiche alle linee

di mobilita

Sono in corso i lavori per rinnovare la rete tranviaria in centro. Gli interventi di manutenzione straordinaria includono il rinnovo delle rotaie, la sostituzione degli scambi, l’installazione di impianti di comando tecnologicamente innovativi e la riqualificazione della fermata Augusto/Sforza. Per tutta la durata dei cantieri, alcune linee cambiano percorso e fermate. In questa pagina trovate tutte lemilano informazioni, linea per linea. Dal 15 maggio al 14 giugno: cantiere in via Albricci Cambiano percorso e fermate queste linee. Qui trovate le mappe.  TRAM 12 La linea fa servizio su due tratte: Roserio - Duomo M1 M3/via Cantù e p.za Fontana - v.le Molise. Non passa da via Larga, via Albricci, via Mazzini. In alternativa, linea 73 da Duomo M1 M3 a via Larga. TRAM 19 I tram cambiano percorso in entrambe le direzioni tra p.za V Giornate e via Mazzini passando da p.za Missori, c.so di Porta Romana, via Lamarmora, v.le Regina Margherita, via Bergamo, v.le Monte Nero. In alternativa, linea 73 da Duomo M1 M3 a p.za V Giornate, oppure linee 12 e 27 da p.za Fontana a p.za V Giornate. LINEE 12, 19 E 27 Le fermate di corso di Porta Vittoria 4 e 5 sono momentaneamente cancellate per lavori di riqualificazione. TRAM 24 I tram da Vigentino seguono il percorso regolare fino a p.za Missori. Poi, proseguono in direzione Dogana (capolinea provvisorio) passando da via Mazzini. Non fermano in piazza Fontana. In alternativa, linea 73 da Duomo M1 M3 a via Larga. LINEE 54 E NM1 I bus, in direzione Lambrate FS M2/ Sesto S. G. 1° Maggio M1, non fanno le fermate di Missori M3 in via Albricci. BUS 60 I bus, in direzione Zara M3 M5, fanno le fermate sulla carreggiata laterale da l.go Augusto a c.so Porta Vittoria/Manara. LINEE 73 E N27 I bus, in direzione Linate/Peschiera B./Ungheria, fanno le fermate sulla carreggiata laterale da via Larga a c.so Porta Vittoria/Manara.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mag 2019

MILANO | Inaugurata la nuova piazza Gasparri

di mobilita

Il colore grigio ha lasciato posto al rosso fiammante dei percorsi ciclabili e dei giochi per bambini disegnati sull’asfalto. Erano in tanti a giocarci questa mattina, in piazza Gasparri, in occasione dell’inaugurazione dell’area riqualificata nell’ambito del progetto di riattivazione dello spazio pubblico ‘Vicini in piazza’ realizzato dall’Amministrazione in collaborazione con Bloomberg associates. La nuova piazza è stata inaugurata in occasione della “Festa dei fiori e della Mamma” promossa dal Comitato di Quartiere Comasina insieme al Municipio 9 che proseguirà fino a sera con eventi per grandi e bambini.  Dopo Dergano, Angilberto II, Porta Genova e, proprio in questi giorni, Santa Rita, un’altra piazza è stata sottratta alla sosta selvaggia e restituita alla fruizione pubblica. L’intervento, fortemente voluto dal Comitato di Quartiere Comasina e promosso anche dal Municipio 9, ha tolto dalla strada le auto parcheggiate abusivamente e lasciato il posto, oltre alla ciclabile, ai giochi per bambini, due tavoli da ping pong, un campo di petanque su erba sintetica, panchine e tre nuovi alberi. Al di fuori dell’area pedonale, la sosta pubblica è stata regolamentata con strisce blu.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2019

MILANO M4 | Anche la seconda Tbm è arrivata nella Stazione Washington-Bolivar.

di mobilita

Anche la seconda Tbm (la talpa), dedicata allo scavo della galleria pari sulla Tratta Ovest , è arrivata nella Stazione Washington-Bolivar. La talpa ha così realizzato i 393 metri della galleria della tratta Tolstoj-Bolivar in 15 giorni effettivi, avanzando con una media di 26 metri al giorno.Attualmente, sulle gallerie della Tratta Ovest (da S.Cristoforo a Solari) sono stati posati 3.371 anelli prefabbricati del rivestimento definitivo, per un avanzamento complessivo dello scavo delle gallerie in questa tratta pari al 76%. Da evidenziare che durante lo scavo della tratta in oggetto le Tbm hanno lavorato sotto lo storico oratorio di San Protaso su via Lorenteggio, edificato nell’anno 1000, senza provocare ripercussioni in superficie. Per la Tbm, come di consueto tra una stazione e l’altra, è prevista l’attività di manutenzione ordinaria della talpa. Verranno quindi svolte lavorazioni di vario tipo (elettriche, elettromeccaniche, meccaniche e oleodinamiche), anche in orario notturno, che potranno provocare rumore. Ci scusiamo per il disagio. La prima talpa è invece ripartita per realizzare la galleria dispari in direzione Stazione Foppa. La linea 4, promossa dal Comune di Milano, è realizzata dalla società concessionaria M4 i cui soci sono lo stesso Comune, le imprese costruttrici (Salini Impregilo, Astaldi, Hitachi Rail STS, Hitachi Rail SpA, Sirti) e il gestore Atm.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 apr 2019

Tregua tra Air Italy e Alitalia per i voli da Olbia per Milano e Roma

di mobilita

Tregua tra Air Italy e Alitalia. Si è infatti svolto al ministero delle Infrastrutture e trasporti un incontro tra il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas, il sottosegretario Armando Siri e i rappresentanti delle compagnie aeree in cui le due compagnie, ma per ora solo fino al 5 maggio, serviranno in collaborazione la gestione dei voli le rotte per Milano e Roma da Olbia. «Abbiamo riaperto il dialogo con i vettori aerei ed individuato un percorso per assicurare il diritto alla mobilità sulle rotte da e per Olbia in regime di continuità territoriale  e scongiurare i paventati licenziamenti in attesa di una definizione più puntuale dei ruoli operativi dei due vettori", ha affermato il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas. Ti potrebbero interessare: Air Italy ribadisce la propria decisione a non volare su Olbia Air Italy rinuncia alle rotte in continuità territoriale in favore di Alitalia Nota stampa Air Italy in merito al Bando di Gara di Continuità Territoriale in Sardegna REGIONE SARDEGNA | Alitalia si aggiudica tutte le rotte in continuità territoriale  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 apr 2019

REGIONE SARDEGNA | Proroga continuità territoriale da Cagliari e Alghero verso Roma e Milano

di mobilita

Su richiesta del presidente della Regione, Christian Solinas, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha disposto la proroga, dal 17 aprile prossimo e per 12 mesi, della continuità aerea sui collegamenti tra gli scali di Cagliari e Alghero e gli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate. Sui collegamenti tra lo scalo di Olbia e gli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate entrerà invece in vigore un regime di continuità con accettazione di oneri senza compensazione da parte di alcuni vettori. La firma del provvedimento è avvenuta a margine dell’incontro tra il presidente Solinas e il ministro Toninelli in programma stasera a Roma. La soluzione concordata tra il presidente e il ministro è finalizzata alla definizione di un progetto di continuità territoriale da e per la Sardegna che ha l’obiettivo di restituire a tutti i cittadini il diritto alla mobilità. La nuova prospettazione già allo studio, prevede di considerare anche i cosiddetti scali minori che rappresentano destinazioni importanti per la mobilità dei sardi che vogliono raggiungere la Penisola per motivi di salute, studio e lavoro e permetterà di decongestionare il traffico aereo su Roma e Milano. La firma del provvedimento scongiura la situazione di grave incertezza che si sarebbe determinata in vista della stagione estiva per i collegamenti aerei sulla Sardegna, già oggetto di uno specifico provvedimento negativo della Commissione europea che aveva annunciato l’annullamento coatto del bando e il conseguente recupero delle compensazioni. “Accogliamo con soddisfazione il provvedimento che smantella di fatto una situazione di incertezza e confusione nel sistema di collegamento aereo da e per la Sardegna. E’ stato sventato un salto nel buio determinato da un progetto inefficace che ha evidenziato cinque anni di immobilismo e che è stato bocciato pesantemente anche dalla Commissione europea. Siamo adesso al lavoro per garantire ai sardi il diritto alla mobilità”, ha sottolineato il presidente Solinas.  Durante l’incontro si sono affrontati anche altri temi di stretta attualità, tra i quali, la vertenza sul Porto canale di Cagliari, per il quale il presidente Solinas ha chiesto e ottenuto la convocazione di un apposito tavolo al Ministero per martedì prossimo. Il ministro ha delegato alla gestione della vertenza il suo vice Edoardo Rixi, e ha assicurato il massimo impegno sia per la definizione della vertenza che mette a rischio l’occupazione dei lavoratori coinvolti, sia per il rilancio strategico del comparto. Anche sul tema della continuità territoriale marittima il presidente ha voluto ribadire l’esigenza di superare il modello dell’attuale convenzione e ha chiesto di trasferire le competenze sulla definizione della stessa in capo alla Regione, guardando le best practice europee quali quelle attualmente in uso per la continuità in Corsica e Spagna. Infine, Solinas e Toninelli hanno affrontato la questione della ripartizione dei fondi per il piano infrastrutturale delle dighe e degli invasi. Il presidente ha contestato la ripartizione dei fondi alle Regioni reclamando per la Sardegna un investimento maggiore che adesso passa dai 66 milioni di euro previsti ai 100 milioni, con l’incremento percentuale che si innalza quindi dall’6,85% delle risorse attualmente assegnate al circa 12%.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2019

Etihad Airways introdurrà il Boeing 787-9 Dreamliner sui voli Abu Dhabi – Milano

di mobilita

Etihad Airways introdurrà il Boeing 787-9 Dreamliner sui suoi servizi di linea da Abu Dhabi a Johannesburg, in vigore dal 1 ° agosto, Lagos, in vigore dal 2 agosto, e Milano, in vigore dal 1 ° settembre, in sostituzione dell'Airbus A330 che attualmente gestiscono i percorsi.  Tutte e tre le destinazioni saranno dotate delle cabine Business ed Economy di nuova generazione di Etihad Airways, configurate con 299 posti - 28 Business Studios e 271 Economy Smart Seats. Il network globale di Etihad Airways da e per Abu Dhabi vedrà l’introduzione di altri 787 Dreamliner su destinazioni chiave, a mano a mano che la Compagnia prenderà in consegna ulteriori velivoli di questo modello. Informazioni su Boeing 787-9 (due classi) di Etihad Airways I 28 Business Studios offrono accesso diretto al corridoio, un letto completamente piatto di fino a 80,5 pollici di lunghezza e un aumento del 20% nello spazio personale. Rivestito in pregiata pelle Poltrona Frau, il Business Studio è dotato di un massaggio sul sedile e di un sistema di controllo del cuscino pneumatico che consente agli ospiti di regolare la fermezza e il comfort del proprio sedile. Ciascun Business Studio dispone di una TV con schermo tattile personale da 18 pollici con cuffie con cancellazione del rumore. Gli ospiti possono anche godere di connettività mobile, Wi-Fi a bordo e sette canali satellitari di TV in diretta.   I 271 sedili Smart Economy offrono un comfort migliorato con un esclusivo poggiatesta "ad ala fissa", supporto lombare regolabile, una larghezza di circa 19 pollici e un monitor TV personale da 11,1 "su ciascun sedile. Il velivolo è stato progettato con miglioramenti, compresi i controlli dell'umidità, mentre i livelli di pressione dell'aria sono impostati per garantire un volo più fluido, consentendo agli ospiti di sentirsi più freschi. La flotta della compagnia aerea Boeing 787 è equipaggiata con il più recente sistema di intrattenimento in volo con oltre 750 ore di film e programmi, oltre a centinaia di scelte musicali e una selezione di giochi per adulti e bambini.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2019

MILANO METRO M4 | Anche la seconda Tbm è arrivata nella Stazione Tolstoj

di mobilita

Anche la seconda Tbm (Tunnel boring machine) è arrivata nella Stazione Tolstoj. La talpa, dedicata alla realizzazione della galleria pari, era partita il 10 marzo dalla Stazione Frattini e ha scavato i 385 metri di galleria della tratta Frattini-Tolstoj in 15 giorni, con una produzione media di 26 metri al giorno. Attualmente, sulle gallerie della Tratta Ovest, sono stati posati 2.807 anelli prefabbricati, necessari per realizzarne il rivestimento definitivo, per un avanzamento complessivo dello scavo pari al 64%. La Tbm sarà ora sottoposta ai consueti lavori di manutenzione programmati tra una stazione e l’altra. Prima di ripartire verso la Stazione di Washington-Bolivar verranno quindi svolte lavorazioni di vario tipo (elettriche, elettromeccaniche, meccaniche e oleodinamiche), anche rumorose e talvolta in orario notturno. Ci scusiamo per il disagio. La linea 4, promossa dal Comune di Milano, è realizzata dalla società concessionaria M4 i cui soci sono lo stesso Comune, le imprese costruttrici (Salini Impregilo, Astaldi, Ansaldo STS, Hitachi Rail Italy, Sirti) e il gestore Atm. Con 15 km di estensione e 21 stazioni, la “Blu” collegherà il centro della città con il quartiere Forlanini (Milano Est – fino all’Aeroporto di Linate) e il quartiere Lorenteggio (Milano Ovest – fino a San Cristoforo). Sarà una metropolitana leggera ad automazione integrale senza guidatore a bordo (driverless) che verrà utilizzata da una media di 86 milioni di passeggeri l’anno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mar 2019

MILANO M2 | Circolazione ripresa dopo incidente stazione Loreto

di mobilita

Sta riprendendo gradualmente la circolazione della linea verde M2 sospesa momentaneamente per permettere i soccorsi a dei passeggeri a seguito di una frenata d'emergenza di un treno sulla linea tra Caiazzo e Cimiano. Il Personale sanitario è intervenuto all'interno della fermata Loreto per soccorrere vari passeggeri caduti al suolo, dopo lo stop improvviso. FOTO DI COPERTINA: La Repubblica  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 feb 2019

MILANO | Riqualificazione di corso Sempione: più verde e più spazio per bici e pedoni

di mobilita

Presentato in un incontro presso il Municipio 8 dall'assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli il progetto di riqualificazione di Corso Sempione. I lavori, che inizieranno nel 2020, rinnoveranno completamente uno degli assi principali di accesso alla città. Più verde e corsie dedicate alla ciclabilità e ai pedoni, più sicurezza agli incroci, eliminazione del degrado e della sosta selvaggia ma anche più spazi regolari per i residenti: Corso Sempione passerà da essere un vialone urbano a quattro corsie per senso di marcia a viale alberato con - per ogni direzione - un controviale, due parterre verdi alberati con all'interno una corsia da due metri di larghezza per ciascuno riservata alle le biciclette e ai pedoni e due corsie per senso di marcia per i veicoli, riequilibrando in questo modo completamente gli spazi. Saranno riordinate le aree libere e verdi, oggi spesso utilizzate per la sosta selvaggia. La riqualificazione consentirà di ridisegnare gli spazi della sosta regolare destinata soprattutto ai residenti, che passeranno da circa 700 a 966 posti. L'investimento è di quattro milioni di euro provenienti dai fondi europei Pon Metro e il progetto è già stato affidato a MM. "Un intervento importante - dichiara Marco Granelli - non solo per il peso dell'investimento ma soprattutto per l'impatto sul quartiere e su tutta la città. La strada oggi è completamente squilibrata a favore della mobilità a motore e presenta forti problemi di sosta selvaggia e degrado di tutta l'area verde benché si tratti di uno dei più begli accessi alla città, a carattere fortemente residenziale. Il progetto valorizza le caratteristiche del corso e disegna un nuovo asse ciclo pedonale in direzione centro-nord che collegherà l'Arco della Pace, piazza Firenze, Cascina Merlata e il distretto Mind". Il percorso ciclo pedonale di corso Sempione comprenderà anche la riqualificazione di piazza Firenze, la moderazione di velocità (Zona 30) dei controviali di viale Certosa e il collegamento con il piazzale del Cimitero Maggiore sempre con interventi di moderazione della velocità. Questa ciclabile sarà collegata attraverso la Zona 30 di via Domodossola alle ciclabili di City Life. Il progetto disegnato dal Comune e da MM ha raccolto le osservazioni del Municipio 8 e dei comitati di quartiere che da tempo chiedevano questo intervento.

Leggi tutto    Commenti 0