Articolo
23 ago 2019

Ryanair lancia la nuova rotta Bologna-Kutasi

di mobilita

Ryanair ha annunciato una nuova rotta che, a partire da Novembre 2019, collegherà Bologna a Kutaisi, in Georgia, con un servizio bisettimanale, nell’ambito della programmazione invernale 2019 da Bologna. L’operativo Ryanair su Bologna per l’inverno 2019 copre 48 rotte in totale, tra cui 8 nuove destinazioni invernali: Crotone (3 voli a settimana), Fuerteventura (settimanale), Kutaisi (bisettimanale), Marseille (3 voli a settimana), Podgorica (bisettimanale), Santander (bisettimanale), Tel Aviv (bisettimanale) che faranno transitare oltre 4.4 milioni di passeggeri presso l’aeroporto di Bologna quest’anno. Chiara Ravara di Ryanair ha dichiarato: “Ryanair è lieta di annunciare la nuova rotta che, a partire da Novembre 2019, collegherà Bologna a Kutaisi, in Georgia, con un servizio bisettimanale, nell’ambito della nostra programmazione invernale 2019. I viaggiatori in partenza da Bologna possono ora prenotare un volo per Kutaisi fino a marzo 2020. Per festeggiare, abbiamo lanciato un’offerta speciale sul nostro network europeo a partire da soli 9,99 Euro, per viaggiare a novembre e dicembre, valida per prenotazioni entro la mezzanotte di veneredì (23 agosto). Dal momento che queste incredibili tariffe termineranno rapidamente, invitiamo i clienti a collegarsi al sito www.ryanair.com per non perdere l’occasione”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ago 2019

Ryanair lancia la nuova rotta Milano Bergamo-Tbilisi

di mobilita

Ryanair ha annunciato una nuova rotta che, a partire da Novembre 2019, collegherà Milano Bergamo a Tbilisi, in Georgia, con un 4 voli settimanali, nell’ambito della programmazione invernale 2019 da Milano Bergamo. L’operativo Ryanair su Milano Bergamo per l’inverno 2019 copre 80 rotte in totale, tra cui 10 nuove destinazioni invernali: Agadir (volo bisettimanale), Bremen (bisettimanale), Göteborg (bisettimanale), Katowice (bisettimanale), Lappeenranta (bisettimanale), Londra Southend (3 voli a settimana), Marsiglia (4 voli a settimana), Santander (bisettimanale), Sofia (giornaliero) e, naturalmente, Tbilisi (4 voli a settimana), che faranno transitare oltre 11.1milioni di passeggeri presso l’aeroporto di Milano Bergamo quest’anno. Per festeggiare questa nuova rotta da Milano Bergamo, Ryanair ha lanciato un’offerta speciale sul suo network europeo a partire da soli 9,99 Euro, per viaggiare a novembre e dicembre, valida per prenotazioni entro la mezzanotte di veneredì (23 agosto) solo sul sito di Ryanair. Chiara Ravara di Ryanair ha dichiarato: “Ryanair è lieta di annunciare la nuova rotta che, a partire da Novembre 2019, collegherà Milano Bergamo a Tbilisi, in Georgia, con 4 voli a settimana, nell’ambito della nostra programmazione invernale 2019. I viaggiatori in partenza da Milano Bergamo possono ora prenotare un volo per Kutaisi fino a marzo 2020. Per festeggiare, abbiamo lanciato un’offerta speciale sul nostro network europeo a partire da soli 9,99 Euro, per viaggiare a novembre e dicembre, valida per prenotazioni entro la mezzanotte di veneredì (23 agosto). Dal momento che queste incredibili tariffe termineranno rapidamente, invitiamo i clienti a collegarsi al sito www.ryanair.com per non perdere l’occasione”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

Air Albania lancia nuovi voli da Tirana verso Bologna, Roma Fiumicino e Milano Malpensa

di mobilita

La compagnia aerea di bandiera dell'Albania Air Albania, fondata il 16 maggio 2018 da un consorzio guidato dai governi albanese e turco, nell'ambito di un partenariato pubblico-privato lancia, dal 30 settembre 2019, nuovi voli da Tirana verso Bologna, Roma Fiumicino e Milano Malpensa. Verranno utilizzati Airbus A319 / 320, con prezzi a partire da 119.20 euro a/r secondo il seguente calendario: per Bologna ci saranno 4 frequenze setimanali; per Roma Fiumicino 1 volo giornaliero; per Milano Malpensa 1 volo giornaliero Turkish Airlines, socio fondatore, possiede il 49% di Air Albania. Il restante 51% è attualmente diviso tra Albcontrol, una società di proprietà del governo albanese, con circa il 10% e MDN Investment, una società privata in Albania, con circa il 41% delle azioni. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

FFS e ÖBB unite per potenziare il traffico notturno in Europa

di mobilita

Le FFS e le ÖBB hanno deciso di rafforzare la loro pluriennale collaborazione nel traffico viaggiatori internazionale. Le due ferrovie partner intendono così ampliare l’offerta esistente sia nei collegamenti diurni sia nel traffico ferroviario notturno. Nel primo semestre 2019 la domanda nel traffico ferroviario internazionale ha registrato un netto aumento. Questo forte incremento dei più ecologici viaggi in treno è il risultato non solo del graduale potenziamento dell’offerta, ma anche e soprattutto della sempre maggiore rilevanza assunta dalle tematiche in materia di sostenibilità e tutela del clima. Le FFS perseguono da anni una strategia di cooperazione sia sul piano nazionale che internazionale e nel tempo hanno costantemente ampliato la propria offerta insieme alle ferrovie dei Paesi confinanti. Consolidamento di una collaborazione pluriennale. Per far fronte agli sviluppi attuali e futuri nel traffico viaggiatori internazionale, le FFS e le ferrovie federali austriache (ÖBB) hanno deciso di consolidare ulteriormente la collaborazione sia nei collegamenti diurni sia nel traffico ferroviario notturno. Il potenziamento dell’offerta dell’EuroCity (EC) tra Zurigo–Bregenz e Monaco di Baviera, che da dicembre 2020 sarà estesa a sei treni al giorno in entrambe le direzioni, è già stato concordato ed è in preparazione. Per lo sviluppo congiunto del traffico notturno sono state decise diverse misure. Per i collegamenti già esistenti – in particolare tra Zurigo–Basilea e Berlino nonché Amburgo – viene valutato un ampliamento delle capacità. A causa dell’impennata della domanda, infatti, questi collegamenti Nightjet sono arrivati al limite della loro capacità. Per l’offerta tra Zurigo e Praga, attualmente composta solo da carrozze letti, si valuterà con le ferrovie ceche (CD) la possibilità di potenziare l’offerta con l’aggiunta di carrozze cuccette. Inoltre, sempre congiuntamente, i due partner hanno intenzione di integrare nella rete comune Nightjet altre città europee ancora da definire, che verrebbero così collegate alla Svizzera. Le FFS e le ÖBB vogliono fare fronte comune anche a sostegno di migliori condizioni quadro in materia di politica dei trasporti per l’esercizio dei treni notturni, ad esempio mediante incentivi finanziari basati su tasse sul CO2 e un alleggerimento dei costi d’esercizio come le tasse d’utilizzo delle tracce. Grazie a Nightjet, le ÖBB sono il principale offerente nel traffico notturno europeo e nel quadro dell’attuale collaborazione hanno notevolmente contribuito al mantenimento dei treni notturni in partenza dalla Svizzera. «Siamo convinti del successo di Nightjet. Per questo continuiamo a investire nell’offerta e abbiamo ordinato 13 nuove composizioni Nightjet di ultima generazione. La produzione dei convogli è iniziata. I nuovi treni, ancora più comodi e dal design moderno, inizieranno a circolare nel corso del 2022», spiega Andreas Matthä, CEO delle ÖBB. Andreas Meyer, CEO delle FFS, è convinto che «la domanda di collegamenti rapidi diurni e treni notturni continuerà a crescere». E aggiunge: «Parto dal presupposto che si tratti di un andamento durevole e che la domanda di soluzioni di mobilità sostenibili e a basso consumo di risorse continuerà ad aumentare, soprattutto da parte della clientela più giovane.» Per le FFS e le ÖBB il traffico notturno è un elemento importante dell’offerta globale, con un forte potenziale sinergico con i collegamenti diurni. Un’offerta ferroviaria allettante contribuisce al trasferimento su rotaia del traffico aereo a breve raggio. Zurigo: secondo hub d’Europa per i treni notturni. Già oggi, grazie all’offerta di treni notturni verso Amburgo, Berlino, Vienna, Graz, Budapest, Praga e Zagabria, Zurigo è il secondo hub per importanza nel traffico notturno europeo. Solo a Vienna arrivano e partono più treni notturni che a Zurigo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

FFS | Raddoppio binario tra Contone e Tenero, chiusura della linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.

di mobilita

Tra la sera di venerdì 23 agosto e la mattina di martedì 27 agosto 2019 sono previsti importanti lavori lungo la linea ferroviaria nei pressi di Riazzino. Questi particolari e delicati lavori necessitano lo sbarramento totale della linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno. Per la clientela è stato organizzato un servizio bus sostitutivo. Presso la vecchia fermata di Riazzino-Cugnasco sono previsti importanti lavori legati al progetto di raddoppio parziale del binario tra Contone e Tenero. Questi lavori comprenderanno la posa di nuovi segnali ferroviari e lo spostamento dei binari dalla loro attuale posizione, con conseguente rifacimento del sottofondo ferroviario. Per effettuare questi delicati lavori è pertanto necessario sbarrare al traffico ferroviario la linea che collega Cadenazzo a Locarno dalle 21:40 di venerdì 23 agosto fino alle 02:00 di martedì 27 agosto. Durante questo fine settimana tutti i treni tra Cadenazzo e Locarno saranno soppressi e sostituiti da un servizio di bus, con tempi di percorrenza maggiori di circa 30 minuti. Di norma i bus sostitutivi partono dai piazzali antistanti le stazioni. A Riazzino invece, la fermata per i bus sostitutivi si trova sulla strada cantonale, di fronte al distributore TAMOIL, mentre a Gordola la fermata è quella dei bus di linea di Gordola Nord. Le FFS invitano a consultare l’orario online prima di mettersi in viaggio. In alternativa contattare il numero 0800 007 102 (CHF 0.08/min. da rete fissa svizzera) oppure allo 0041 512 257 844 (dall’estero). Per i viaggiatori diversamente abili, che necessitano di assistenza per la salita e discesa dai treni, è importante contattare il numero gratuito 0800 007 102 (dalla Svizzera) o il numero +41 512 257 844 (dall'estero). Il progetto di raddoppio parziale del binario tra Contone e Tenero Il progetto «Contone – Locarno: raddoppio parziale del binario e adattamenti degli impianti di sicurezza» prevede la realizzazione di un secondo binario, con due scambi in entrambe le direzioni, della lunghezza di 4 chilometri fra il ponte sul fiume Ticino e quello sul fiume Verzasca. Vengono inoltre adeguati gli impianti di sicurezza tra Contone e Locarno e si realizza un nuovo edificio tecnico (per gli impianti di sicurezza) a Riazzino, così da ridurre il tempo di successione dei treni. La fermata di Riazzino viene potenziata, prolungando il marciapiede esistente a 220 metri e realizzandone un secondo a lato del nuovo binario. Mentre a Gordola la fermata è stata spostata in direzione di Bellinzona di circa 200 metri e, al termine dei lavori, avrà due marciapiedi lunghi 220 metri, collegati tra loro da un sottopasso pedonale. Questi lavori richiedono in totale cinque sbarramenti totali della linea tra Cadenazzo e Locarno. Per il 2019, il primo sbarramento ha avuto luogo a fine giugno e il terzo è in programma a fine ottobre. Nel 2020 le due interruzioni sono previste per maggio e novembre. Inoltre, tra settembre e dicembre 2019, dalla domenica al giovedì tutti i collegamenti TILO S20 a partire dalle 22:35 sono sostituiti da bus tra Cadenazzo e Locarno. L’orario online su ffs.ch e l’App SBB mostrano in tempo reale eventuali ritardi o soppressioni causate dai lavori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

MILANO | Modifiche alle linee tram 1, 2 e 4 per lavori stradali

di mobilita

Per lavori stradali in Foro Buonaparte/Cusani, piazza Castello e via Manzoni, in via degli Imbriani, tra via Scalvini e piazza Bausan, le linee cambiano percorso e fermate da lunedì 19 a venerdì 23 agosto. LINEA 1 I tram, in entrambe le direzioni, modificano il percorso tra corso Sempione e piazza della Repubblica, passando da via Procaccini, Monumentale M5, via Ferrari, Garibaldi FS M2 M5, via Rosales, viale Monte Grappa e viale Monte Santo. Non passano da Cadorna FN M1 M2, Cairoli M1, Montenapoleone M3 e Turati M3. LINEA 4 I tram seguono il regolare percorso tra Niguarda Parco Nord e Lanza M2, poi proseguono per Duomo M1 M3/via Cantù passando da via Tivoli, via Mercato, via Ponte Vetero, via Broletto, Cordusio M1, via Orefici. LINEA 2 I tram svolgono regolare servizio tra il capolinea Negrelli e via Farini/viale Stelvio, proseguono, poi, fino al capolinea provvisorio di Maciachini M3.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ago 2019

L’aeroporto internazionale di San Francisco bandisce le bottiglie di plastica

di mobilita

L'aeroporto internazionale di San Francisco (OFS) bandisce, dal 20 agosto, le bottiglie di plastica mentre da luglio era stata già vietata la vendita di cannucce usa e getta ai bar e ai ristoranti interni. Prima del divieto nell’aeroporto sono state installate circa 100 fontanelle che forniscono gratuitamente acqua filtrata. I viaggiatori possono riempire le proprie “ecobottiglie“: contenitori riutilizzabili in vetro, alluminio riciclato o materiali compostabili certificati.  Attualmente l'aeroporto di San Francisco vende circa 10.000 bottiglie d'acqua di plastica al giorno equivalente a 3.650.000 all'anno.     

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ago 2019

NAPOLI | Fino a domenica 8 dicembre si viaggia su carrozze d’epoca con il Reggia Express

di mobilita

Fino a domenica 8 dicembre 2019 ritorna il Reggia Express, lo storico treno con carrozze d'epoca che collega la città di Napoli con la Reggia di Caserta. Sul treno d'epoca, cui sarà possibile viaggiare soltanto una volta al mese, i passeggeri potranno rivivere l'atmosfera di un viaggio d'altri tempi ammirando non solo le storiche carrozze degli anni '30 e '50 ("Centoporte" e "Corbellini") ma anche il meraviglioso panorama offerto dal tragitto che dal capoluogo partenopeo (stazione di Napoli Centrale) porta alla Reggia di Caserta. Con un solo biglietto, acquistabile attraverso tutti i canali Trenitalia, sarà possibile effettuare il viaggio di andata e ritorno e l'ingresso alla Reggia. Di seguito le date delle prossime partenze domenicali previste per il 2019, cui potrebbero esserne aggiunte altre: 8 settembre, 13 ottobre, 10 novembre, 8 dicembre.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ago 2019

MILANO | In aggiornamento l’avviso pubblico per la micromobilità elettrica in sharing

di mobilita

Lo scorso luglio la Giunta ha dato il via, in contemporanea con l’entrata in vigore del Decreto Ministeriale, alla sperimentazione della micromobilità elettrica – monopattini, segway, hoverboard, skateboard e monoruote. Da quel momento chi volesse utilizzare il proprio monopattino elettrico può farlo, purché la circolazione sia limitata alle aree pedonali e la velocità del mezzo non superi i 6 chilometri orari. Nella delibera è previsto inoltre che la sperimentazione sia allargata a piste ciclabili, percorsi ciclabili e ciclopedonali e Zone 30 con limite di velocità a 20 chilometri orari. Ma questo sarà possibile solo una volta posati i cartelli (circa 200) così come richiesto dal Decreto del governo, sebbene l’Amministrazione avesse dato parere contrario a questo aggravio di procedure e di tempi. Per quanto riguarda il noleggio di dispositivi per la micromobilità elettrica in condivisione è invece necessaria un’ulteriore regolamentazione e per questo l’Amministrazione sta lavorando a una delibera che istituirà e disciplinerà il servizio e le caratteristiche degli operatori, così come espressamente previsto dal Decreto. In questo quadro, anche a seguito di precedenti comunicazioni, è stata inviata nei giorni scorsi agli operatori già presenti con i loro veicoli in strada una lettera di diffida a proseguire l’attività, finché non siano approvati gli atti sulle prescrizioni a cui dovranno obbligatoriamente attenersi. Allo scopo di costruire un servizio utile a tutti ma anche sicuro, prima dell’approvazione della delibera, che istituirà e disciplinerà il servizio in sharing, riaprendo i termini per la manifestazione di interesse, è già calendarizzato un incontro con tutte le società private che intendono operare sul territorio della città di Milano, per condividere le regole di ingaggio all’interno del periodo di sperimentazione voluto dal Ministero dei Trasporti. “La nostra priorità è garantire la sicurezza in strada dei cittadini – chiariscono la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alla Mobilità Marco Granelli –. La micromobilità elettrica è una risorsa interessante per le città, ma monopattini, segway, hoverboard, skateboard, monoruote non sono un giocattolo e vanno regolamentati. Milano partecipa alla sperimentazione con interesse ma anche con attenzione. Presto sarà pronto l’avviso attraverso il quale anche le società potranno richiedere l’autorizzazione a posizionare mezzi in condivisione sul territorio della città di Milano: autorizzazioni ad oggi o mai richieste o già negate, in quanto non ancora in vigore il Decreto”. Nelle prossime settimane sarà dunque definito il bando per la manifestazione di interesse, all’interno del quale sarà anche richiesto alle società di comunicare con chiarezza all’utenza le regole della circolazione a Milano, le aree e la velocità consentite, gli assoluti divieti (come i marciapiedi o il contromano), l’obbligo di utilizzare il giubbotto catarifrangente la sera e il divieto di utilizzo per i minorenni, a eccezione di ragazzi tra i 16 i 18 anni con il patentino. Alle società sarà inoltre richiesto che i mezzi in strada siano dotati di luci e limitatori di velocità. “Ci teniamo infine a raccomandare a tutti coloro che utilizzano e utilizzeranno i monopattini di parcheggiarli con attenzione – concludono la vicesindaco Scavuzzo e l’assessore Granelli –. Anche questa è una questione di sicurezza, poiché non devono intralciare il passaggio dei pedoni, in particolar modo di coloro che hanno difficoltà di deambulazione o che spingono carrozzine e passeggini. La strada è un bene di tutti”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ago 2019

AEROPORTO TRAPANI | Nominato presidente di Airgest l’imprenditore Salvatore Ombra

di mobilita

L’assemblea degli azionisti di Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, riunitasi questa mattina, ha nominato il nuovo presidente del Consiglio di amministrazione. La scelta è ricaduta sull’imprenditore marsalese Salvatore Ombra, già a capo del cda di Airgest dal luglio del 2007 al gennaio del 2012. La convocazione urgente è stata resa necessaria per le dimissioni del presidente Paolo Angius, rassegnate lo scorso 6 agosto al presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, socio di maggioranza di Airgest. Rimangono in carica i consiglieri Carmela Madonia e Saverio Caruso. Per il collegio sindacale Gerlando Piro, Carolina Cucurullo e Antonino Galfano. Breve biografia professionale di Salvatore Ombra Salvatore Ombra, 54 anni marsalese, è sposato e padre di due figli. Laurea in Economia e commercio, con master in campo finanziario e sul controllo di gestione, è vice presidente e responsabile finanziario dell’Ausonia srl, società attiva nel ramo dei gruppi elettrogeni. Durante la sua scorsa presidenza, l’aeroporto di Trapani Birgi ha raggiunto i massimi numeri in termini di traffico e rotte. Ha gestito l’apertura della base Ryanair al Vincenzo Florio, fino a diventare la più grande da Roma in giù, con quattro aerei. Nel 2010, sotto la sua presidenza, l’aeroporto è stato classificato dall’ACI, Airport council International, primo al mondo in termini di crescita nella classe compresa tra 1 milione e 5 milioni di passeggeri. Le dichiarazioni del nuovo presidente di Airgest, Salvatore Ombra «Ho accettato la sfida perché sono legato ad Airgest che ho visto crescere – ha dichiarato il nuovo presidente Salvatore Ombra -. Certo, le condizioni di oggi dell’aeroporto – sottolinea – non sono quelle del 2012 che ci hanno permesso di sfiorare due milioni di passeggeri. Grazie al duro lavoro sarà possibile vincere la partita ma solo se le istituzioni, i deputati, i sindaci, la Camera di commercio, gli operatori del territorio, le associazioni di categoria ed anche i comitati spontanei saranno compatti e convinti al nostro fianco. Ciò che mi da ancora più forza – continua il presidente Salvatore Ombra – oltre che immensa gratificazione, è aver trovato totale ed apertura da parte del presidente della Regione che ha assicurato il necessario supporto nonché ampi e condivisi margini di operatività, per la rilevanza strategica di questa struttura aeroportuale».

Leggi tutto    Commenti 0