Articolo
18 ott 2019

ROMA | Demolizione Tangenziale Est. Da sabato 19, modifiche a capolinea e viabilità

di mobilita

Terminata la demolizione del primo tratto della Tangenziale Est in via Masaniello, cambia la viabilità della zona con una disposizione provvisoria della Polizia Locale di Roma Capitale, in vigore fino al 16 febbraio del 2020. Vietato l’ingresso dei veicoli su via Tiburtina provenienti dal Verano, che potranno proseguire in direzione di Portonaccio. Chiusa al transito anche Circonvallazione Nomentana in prossimità del piazzale della Stazione Tiburtina per la realizzazione di una corsia riservata esclusivamente ai mezzi di soccorso. Istituito il divieto di sosta per le auto con rimozione sotto il tratto di Tangenziale a via di Teodorico e da via Lorenzo il Magnifico a via Guido Mazzoni. Non sarà più possibile girare a sinistra provenendo da Circonvallazione Nomentana in direzione Piazzale della Stazione Tiburtina lato via Masaniello, con l’obbligo di svolta a destra in direzione via Pietro l’Eremita. Il divieto di parcheggio per le auto sarà esteso anche in via Guido Mazzoni, con esclusione dell’area centrale adibita al parcheggio dei pullman e transito dei mezzi Atac. Su via Arduino, infine, viene istituito il limite di velocità a 30 km/h. Dalle 8 di sabato 19  ottobre scattano le modifiche alla viabilità per fare posto alla demolizione della vecchia Tangenziale Est nel tratto che sovrasta la stazione Tiburtina. Nella prima fase il cantiere prevede l'occupazione parziale del piazzale davanti alla stazione, lato via Masaniello, dove comunque restano, ma cambiando banchina, i capolinea di 441, 409, 211, n409, n041. Le linee 62, 71, 168, 490, 492, 495 e C3 cambiano sia il capolinea, spostato nell'area adiacente via Mazzoni, che il percorso. Per 545, 649 nMB e C2 le modifiche interesseranno solo l'itinerario. Per 135 e 649, in questa fase, il capolinea resterà l'attuale. 409 - 211 - 441 effettuano capolinea sul piazzale davanti alla stazione. 135 - 649 restano, in questa fase, negli attuali capolinea sotto il cavalcavia. Per raggiungere il capolinea la linea 649 viene deviata lungo il tragitto via della Lega Lombarda, via Arduino, via Mazzoni. 62 - 71 - 168 - 490 - 492 - 495 - C3 si attestano nell'area capolinea a lato di via Mazzoni Per raggiungere la stazione Tiburtina le linee: 490 – 495  percorrono via della Lega Lombarda, via Arduino e via Mazzoni. 71 - 492 - C3 deviano su via della Lega Lombarda, via Arduino e via Mazzoni. 62 – 168 provenienti da via Lorenzo il Magnifico, deviano su via Tiburtina - via della Lega Lombarda - via Arduino e via Mazzoni. Le linee in transito C2 - 545 – nMB, provenienti dal Centro devieranno su via Tiburtina - via della Lega Lombarda - via Arduino e via Mazzoni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2019

Da Trapani a Mazara con il treno storico dei formaggi e dei sapori delle terre sicane

di mobilita

Proseguono gli itinerari turistici con i Treni storici del gusto in Sicilia. Domenica prossima, 20 ottobre, partirà alle 9.50 dalla stazione di Trapani il Treno dei formaggi e sapori delle terre sicane. Le automotrici ALn668 in livrea d’epoca effettueranno la prima fermata alle 9.57 a Paceco.  Da qui è previsto il transfer in bus verso la Riserva delle Saline per la visita del Museo del sale nell’antico mulino. Si ripartirà alle 11.30 dalla stazione di Paceco in direzione Mazara, con arrivo alle 12.20. In programma la visita al Museo del Satiro Danzante per ammirare la preziosa statua bronzea. Successivamente si potrà visitare la Casa Periferica, parco culturale contemporaneo della città di Mazara del Vallo, dove è in programma il Laboratorio del Gusto. Previste degustazioni di Pane nero di Castelvetrano, Olio di Castelvetrano, la tradizionale Vastedda del Belice e Miele di Ape Nera Apisicula. Successiva visita facoltativa del Museo Evocava, un percorso nella grande cava ipogea della città, per scoprire la storia della Mazara sotterranea. Nel pomeriggio, alle 14.30, con un servizio navetta si raggiungerà il vicino centro di Vicari dove, accompagnati dalla locale Pro Loco, si potrà visitare il cuore antico della cittadina e il Museo del Castello. I biglietti per viaggiare a bordo del treno storico sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “Prenota un viaggio” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram. È, inoltre, disponibile l’indirizzo email [email protected]  Il programma dei Treni storici del gusto promosso dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2019

REGIONE CAMPANIA | Assegnati dall’ACaMIR 507 nuovi autobus alle Aziende di TPL

di mobilita

Nell’ambito del Piano di investimenti per l’acquisto di materiale rotabile su gomma, affidato dalla Regione Campania ad ACaMIR, Agenzia Campana Mobilità Infrastrutture e Reti, quale soggetto attuatore, è stata approvata dal Direttore Generale l’assegnazione di n. 507 autobus alle Aziende, pubbliche e private, esercenti servizi minimi di Trasporto Pubblico Locale sul territorio regionale. Gli autobus – che saranno prodotti in 15 diverse tipologie (per lunghezza, numero di posti, alimentazione) e dotati dei più moderni comfort e dotazioni tecnologiche – sono stati suddivisi innanzitutto tra i diversi lotti del bacino unico regionale, sulla base della produzione chilometrica e dei servizi su gomma, corretta in funzione dell’età media del parco veicolare e della velocità commerciale: Lotto 1) Provincia di Salerno e Comune di Salerno: n. 129 Lotto 2) Provincia di Avellino e Benevento e Comuni di Avellino e Benevento: n. 90 Lotto 3) Provincia di Caserta e Comune di Caserta: n. 70 Lotto 4) Città Metropolitana di Napoli: n. 153 Lotto 5) Comune di Napoli: n. 65 In seconda fase, all’interno di ciascun lotto si è proceduto all’assegnazione degli autobus alle diverse Aziende – 52 su 59 partecipanti – secondo specifiche graduatorie costruite sulla base di 3 criteri: inquinamento del parco veicolare dell’azienda, efficacia della flotta autobus, efficienza dell’azienda. È utile precisare che, in seguito alla gara, in corso di espletamento, sui servizi minimi di TPL di ciascun lotto del bacino unico regionale, in caso di subentro di nuovo affidatario, i 507 autobus dovranno essere trasferiti ai soggetti subentranti secondo la suddivisione originaria ed in linea con i criteri, le modalità e le indicazioni già stabilite dalla Giunta Regionale della Campania. E sempre nell’ambito del Piano di rinnovo del parco autobus regionale, sarà esposto al Bus World, il salone internazionale di Bruxelles dal 18 al 23 ottobre, uno dei minibus Daily IVECOBUS che fanno parte della fornitura di complessivi 64 autobus urbani M3, classe I, oggetto della gara bandita da ACaMIR nel 2018, e aggiudicata alla Socom Nuova, concessionaria partenopea di IVECOBUS, che li consegnerà in varie tranche, entro maggio 2020. I Daily oggetto della fornitura, equipaggiati con i più moderni sistemi di sicurezza, sono stati assegnati dall’ACaMIR ad 8 Aziende di TPL operanti sul territorio regionale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2019

Scania presenta “Citywide”, l’autobus elettrico per il trasporto urbano ed extraurbano

di mobilita

“Siamo estremamente orgogliosi di presentare la gamma più completa di veicoli a carburanti alternativi, cui ora si aggiunge una vasta scelta di autobus elettrici tecnologicamente all’avanguardia”, afferma Anna Carmo e Silva, Head of Buses and Coaches di Scania. “Il mercato degli autobus elettrici è in crescita e Scania offre prodotti e servizi eccezionali, progettati per garantire il massimo dell’uptime e dell’economia operativa”. Scania Citywide, lungo 12 metri, è dotato di un potente motore elettrico da 300 kW. Grazie al sistema di raffreddamento a getto d’olio Scania, il motore non ha limiti di coppia nemmeno su pendii o ad alte temperature. L’autobus è in grado di mantenere la velocità di 30 km/h anche con una pendenza dell’8%. Questo sistema di raffreddamento permette di non dover rinunciare all’aria condizionata: entrambi i sistemi sono infatti pienamente operativi in contemporanea.Le batterie sono divise tra tetto (quattro) e sporgenza posteriore (quattro), per garantire un baricentro più basso che garantisce una miglior manovrabilità e guidabilità. Tale distribuzione del peso consente all’autobus di portare fino a 95 passeggeri.Scania Cityweb elettrico, presentato a Busworld, è pensato per effettuare una ricarica rapida tramite pantografo inverso. Con meno batterie, l’autobus ha lo stesso peso dei tradizionali autobus a diesel e a gas, con una capacità di passeggeri equivalente. Oltre al pantografo di ricarica da 300 kW CC montato sul tetto, l’autobus è fornito di un sistema per la ricarica in deposito che ammette corrente sia alternata che continua. “Ha un’autonomia di 80-150 chilometri: Scania Citywide è adatto per la maggior parte delle tratte cittadine. Ogni sistema di trasporto dovrà naturalmente essere ottimizzato in base alle proprie caratteristiche, sebbene le nostre analisi dimostrino chiaramente che si raggiunge il massimo dell’economia operativa con una ricarica effettuata durante l’esercizio”, afferma Carmo e Silva. Le principali componenti, ossia le batterie e il gruppo motopropulsore, sono state pensate e progettate da Scania, per garantire la completa ottimizzazione del veicolo. Scania è responsabile quindi dell’intera soluzione, grazie alla propria rete globale, ed è in grado di assicurare la massima disponibilità sul mercato.L’autobus fa parte della nuova gamma Scania Citywide, in grado di assicurare un livello superiore in termini di capacità di passeggeri, comfort e guidabilità. La gamma è caratterizzata da un design interno più leggero e completamente rinnovato, con finestrini laterali più ampi e soffitto più alto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

Trenitalia: al via dal 15 dicembre l’orario invernale 2019-2020

di mobilita

Manca poco meno di due mesi al via dell’orario invernale di Trenitalia e circa il 73% della futura offerta delle Frecce (Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca), pari a 210 corse, è disponibile su tutti i canali di vendita.  Questo consente di consultarne gli orari, acquistare i biglietti per le partenze dopo il 15 dicembre, quando entra in vigore il nuovo orario, e iniziare a organizzare i viaggi natalizi approfittando delle offerte presenti. Occorre evidenziare che l’assenza dai sistemi informatici dal 15 dicembre di Frecce e altre corse ferroviarie che sono presenti nell’attuale orario non equivale a una loro cancellazione, come alcuni giornali e media locali erroneamente denunciano. I treni mancanti saranno infatti inseriti nei canali commerciali di Trenitalia progressivamente non appena terminata la definizione delle loro tracce orarie con RFI, gestore dell’infrastruttura. Si tratta di una complessa operazione di definizione degli orari di sosta, partenza, arrivo e transito di oltre 8mila corse internazionali, nazionali, regionali e cargo nelle stazioni, nelle fermate e lungo l’intera rete ferroviaria italiana. Nell’occasione si stanno anche introducendo alcune modifiche di orario finalizzate a migliorare puntualità e regolarità dei servizi, il che rende l’intera operazione ancora più delicata e importante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

REGIONE EMILIA ROMAGNA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Emilia Romagna. Il Piano di sviluppo dei servizi commerciali inserito nell’Accordo Quadro del 2014 prevede l’introduzione/rinforzo dei servizi passanti sulle seguenti relazioni: Prato - Bologna, ogni 60’ Modena - S. Benedetto Val di Sambro, con frequenza 60’ Porretta - Bologna S. Ruffillo e Marzabotto - Bologna S. Ruffillo, con frequenza 60’ ciascuno con la realizzazione di un’integrazione di frequenza a 15’ sino a Bologna S. Ruffillo Completamento della relazione passante San Pietro in Casale - Imola, con frequenza 60’ (ad oggi già presenti 5 coppie/giorno) Prolungamento della relazione oraria Ferrara - Bologna su Imola/Castel Bolognese e conseguente velocizzazione dei servizi extraurbani per Ravenna al fine di creare un’integrazione di frequenza a 30’ sia tra servizi suburbani capillari che tra servizi extraurbani veloci Prolungamento su rete regionale verso Sassuolo del Carpi - Modena Inoltre, sebbene il cadenzamento sia già una realtà in Emilia Romagna su molte relazioni, obiettivo di sviluppo è il completamento delle maglie su tutto l’arco di servizio e l’integrazione d’orario tra servizi suburbani ed extraurbani. La realizzazione dei servizi passanti, nonché il cadenzamento riportato nell’Accordo Quadro, sono possibili grazie alla configurazione infrastrutturale definitiva del nodo di Bologna, con innesto nel sottoattraversamento AV della linea da/per Venezia. Contestualmente al potenziamento infrastrutturale e tecnologico, previsto lungo la linea Adriatica, sono in progetto alcuni interventi finalizzati a migliorare l’interscambio tra relazioni diverse, nonché la regolarità dei servizi in presenza di un’elevata eterotachia di linea. Il piano stazioni In Emilia Romagna sono presenti complessivamente 144 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 52 stazioni medio/grandi presenti sul territorio emiliano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 - 2023 Upgrading tecnologico e infrastrutturale Nodo di Bologna 2021 Il progetto consiste in interventi di mitigazione, degli effetti dovuti alle differenze di velocità tra i diversi servizi presenti sulla linea (lunga percorrenza e regionali) attraverso l’adeguamento del piano del ferro dei seguenti impianti: Forlì: ricostruzione del nuovo I° binario, con funzione di precedenza pari Castel Bolognese: realizzazione di un nuovo binario di circolazione, per la separazione degli itinerari da/per linea Ravenna Imola: trasformazione di un binario tronco in binario di precedenza pari Castel S. Pietro Terme: realizzazione di un nuovo binario di precedenza pari Upgrading infrastrutturale e tecnologico bacini nord est Realizzazione dell’opera sostitutiva per la soppressione del passaggio a livello posto al km 93+610, presso la stazione di Cervia - Milano Marittima (lato Ravenna). Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Bologna 2022 Realizzazione e completamento delle fermate per il Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM) di Bologna, progetto promosso e finanziato in collaborazione con gli Enti Locali. Fase 1 - Completamento delle fermate di Bologna Borgo Panigale Scala e Bologna San Vitale/Rimesse (FER) a servizio delle linee S1A e S2A la prima e S1B, S2B, S4 la seconda. Fase 2 - Ammodernamento della stazione di Bologna San Ruffillo a servizio della linea S1B e della fermata di Bologna Fiera a servizio della linea S6 Fase 3 - Realizzazione nuove fermate di Bologna Zanardi a servizio della linea S4A e Bologna Prati di Caprara a servizio delle linee S5,S3, S1A e S2A.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

La Commissione Europea stanzia 1,4 miliardi di euro per sostenere progetti di mobilità sostenibile

di mobilita

La Commissione europea ha stanziato 1,4 miliardi di euro per sostenere progetti chiave attraverso il  Connecting Europe Facility  (CEF) , lo strumento di finanziamento centrale dell'UE per le reti di infrastrutture.  L'investimento aiuterà a costruire collegamenti in tutto il continente, concentrandosi su modalità di trasporto sostenibili.  Il commissario per i trasporti Violeta Bulc ha dichiarato:  "Per accelerare la decarbonizzazione e contribuire al completamento della rete transeuropea di trasporto (TEN-T ), stiamo sfruttando appieno le risorse disponibili attraverso il Connecting Europe Facility.  Questi investimenti saranno sostenuti dall'Unione Europea. " La scadenza per le domande è il 26 febbraio 2020.giornata d'informazione virtuale assumerà è il 7 novembre 2019. Il Connecting Europe Facility (CEF) è lo strumento di finanziamento dell'Unione europea per gli investimenti strategici nel settore dei trasporti, dell'energia e delle infrastrutture digitali. Creato nel 2014 il Connecting Europe Facility ha finora sostenuto 763 progetti con finanziamenti UE per quasi 22 miliardi di euro.  Maggiori informazioni sono disponibili qui

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

AEROPORTO FIUMICINO | Inaugurato il nuovo volo diretto Roma-Sarajevo operato da FlyBosnia

di mobilita

Inaugurato questa mattina, all'aeroporto di Fiumicino, il nuovo volo diretto Roma-Sarajevo operato dalla compagnia aerea FlyBosnia.      Il nuovo collegamento, che sarà in esercizio a partire dal 4 novembre, sarà assicurato da due aeromobili, A319, da 138 posti. La frequenza sarà di due voli settimanali, il lunedi, con partenza alle 8.30, e nella serata di giovedi. Al taglio del nastro inaugurale, presenti, tra gli altri, oltre al top management della compagnia, l'Ambasciatore di Bosnia in Italia, Slavko Matanovic, l'Ambasciatore d'Italia in Bosnia, Nicola Minasi, Federico Scriboni, Head of Airline Traffic Development di Aeroporti di Roma, e la moglie dell'attaccante della Roma, Amra Silajdzic, rappresentante della compagnia in Italia. "Siamo orgogliosi oggi di presentare e sostenere questo nuovo volo diretto tra Roma e Sarajevo - ha detto Scriboni - Un'importante novità che è la dimostrazione della stretta collaborazione tra i nostri due Paesi. "Sono veramente felice per il debutto di questo nuovo nuovo volo - ha sottolineato a sua volta l'Ambasciatore Minasi - e voglio ringraziare FlyBosnia per il coraggio e la fiducia dimostrati nell'aprire questo collegamento verso l'Italia”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

Brexit, senza accordo la circolazione aerea tra l’UE e il Regno Unito rischia di essere interrotta

di mobilita

Se l'accordo sulla Brexit non sarà ratificato, dalla data del recesso la circolazione aerea tra l'UE e il Regno Unito rischia di essere interrotta. Per questo motivo, l’Unione Europea ha adottato due misure temporanee per evitare la totale interruzione del traffico aereo tra l'Unione e il Regno Unito. Si tratta del Regolamento 2019/502 con scadenza 24 ottobre 2020 [1] e del Regolamento 2019/494 con scadenza 30 marzo 2020. Il primo Regolamento  garantisce la connettività di base del trasporto aereo fra UE e Regno Unito. Il secondo Regolamento garantisce la validità delle licenze esistenti, disciplinando il rilascio  delle stesse da parte dell'Agenzia dell'Unione Europea per la Sicurezza Aerea (AESA). A livello nazionale inoltre, onde evitare disservizi per il traffico di passeggeri e merci nel sistema aeroportuale milanese, i vettori comunitari e del Regno Unito possono, in via transitoria e comunque non oltre diciotto mesi dalla data di recesso, continuare ad operare collegamenti di linea ''point to point'', mediante aeromobili del tipo ''narrow body'' (corridoio unico), tra lo scalo di Milano Linate e altri aeroporti del Regno Unito. Le conseguenze di dettaglio del recesso senza accordo del Regno Unito sono indicate negli avvisi agli operatori sulla protezione dei consumatori e i diritti dei passeggeri, sul trasporto aereo, sulla sicurezza aerea, sulla sicurezza dell’aviazione e marittima , sui prodotti industriali, sugli spostamenti tra l’UE e il Regno Unito.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ott 2019

Ryanair lancia una nuova rotta da Milano Bergamo a Yerevan, Armenia

di mobilita

Ryanair ha annunciato una nuova rotta che, a partire da gennaio 2020, collegherà Milano Bergamo a Yerevan, in Armenia, con due voli a settimana. I viaggiatori in partenza dall’Italia potranno ora prenotare uno short break a Yerevan fino ad ottobre 2020, volando con tariffe convenienti e a bordo della compagnia aerea più verde e pulita d’Europa, grazie alle ridotte emissioni di CO2. Per festeggiare questa nuova rotta da Milano Bergamo, Ryanair ha lanciato una promozione con tariffe a partire da 29.99 Euro, per viaggi fino a maggio 2020 che dovranno essere prenotati entro venerdì (18 ottobre) esclusivamente sul sito Ryanair.com. Chiara Ravara di Ryanair ha dichiarato: “Ryanair è lieta di annunciare questo nuovo collegamento bisettimanale da Milano Bergamo a Yerevan che inizierà a gennaio, nell’ambito della nostra programmazione 2020 per l’Italia. I viaggiatori in partenza da Milano Bergamo potranno così prenotare voli per Yerevan fino ad ottobre 2020. Per festeggiare, stiamo lanciando una promozione sul nostro network con tariffe a partire da soli 29.99 Euro, per viaggi fino a maggio 2020, che dovranno essere prenotati entro venerdì (18 ottobre). Dal momento che queste incredibili tariffe termineranno rapidamente, invitiamo i clienti a collegarsi al sito www.ryanair.com per non perdere l’occasione”.

Leggi tutto    Commenti 0