Articolo
08 lug 2020

Tap Air dal mese di agosto ripristinerà alcuni collegamenti da Venezia e Milano

di mobilita

TAP Air Portugal annuncia che agli inizi del mese di agosto amplierà la propria offerta, ripristinando i collegamenti Venezia-Lisbona e Milano-Porto, in aggiunta alle rotte Roma-Lisbona e Milano-Lisbona attive già dal primo luglio. Nello stesso mese il vettore aumenterà in modo significativo i voli interni al Portogallo – pioniere nel lancio del marchio Clean & Safe nonchè primo Paese europeo a ricevere il marchio Safe Travels dal World Travel & Tourism Council – così come i collegamenti per raggiungere i due arcipelaghi portoghesi delle Azzorre e di Madeira e le splendide spiagge dell’Algarve tramite Faro. Anche i collegamenti intercontinentali già attivi oltre l’Atlantico in Africa e nelle Americhe saranno potenziati. Di recente TAP ha sviluppato e implementato TAP Clean & Safe, un nuovo e rigoroso standard in materia d’igiene, salute e sicurezza sanitaria, in linea con i criteri EASA, IATA, DGS e UCS, garantendo così che durante i viaggi a bordo dei propri aeromobili sia preservata la salute dei passeggeri. Le informazioni principali su questo nuovo standard e su tutte le procedure e le raccomandazioni sono disponibili su: https://www.flytap.com/pt-pt/recomendacoes-covid-19.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 lug 2020

MARSALA | Da oggi in servizio i nuovi bus per il trasporto pubblico

di Fabio Nicolosi

“Una delle giornate più importanti per Marsala. Unire contrade e centro urbano, per una città territorio come la nostra, è l'aspetto più significativo del rinnovato servizio bus. Oggi matura un lavoro durato quasi cinque anni, nel corso dei quali sono stati presentati validi progetti per intercettare fondi europei e non gravare sulle casse comunali. Ma questa rivoluzione non termina con l'arrivo dei nuovi mezzi, in totale 20, di classe euro 6 e quindi a basso impatto ambientale. Lo storico ammodernamento del servizio si completerà con le pensiline di attesa e le paline elettriche alle fermate con indicazione degli orari lungo il percorso. Come in una città normale che vuole essere vicina ai cittadini e al passo con gli standard europei”. È il commento a caldo del sindaco Alberto Di Girolamo appena sceso da uno dei nove bus freschi di immatricolazione, benedetti per l'occasione da padre Mariano Narciso e da oggi operativi nel territorio comunale. Sostituiranno i vecchi mezzi con milioni di chilometri percorsi, vetusti e inquinanti, spesso guasti e che non assicuravano un servizio efficiente. Tutto questo sarà ora un brutto ricordo per Marsala, stante che i nuovi bus sono tutti con aria condizionata (e con riscaldamento in inverno), dotati di pedana per disabili e con tecnologia interna. Un investimento complessivo di oltre 4 milioni e 300 mila euro, per una progettualità dell'Amministrazione Di Girolamo premiata dal Programma Comunitario FESR 2014/2020. Tre le forniture per il Comune di Marsala, con altrettanti appalti. I bus da oggi in servizio sono 4 di dieci metri di lunghezza e 7 da dodici metri. Quelli che si attendono con l'ultimo lotto d'acquisto sono altri 9 bus con lunghezza di circa sette metri. “Un servizio bus puntuale ed ecosostenibile può favorire la crescita dell'utenza, preferendo il trasporto pubblico e usando meno l'auto, aggiunge il sindaco Di Girolamo. Ne guadagnerà la salubrità dell'ambiente e la qualità della vita”. Finora, il trasporto pubblico a Marsala era assicurato dallo SMA con una trentina di bus immatricolati tra il 1981 e il 2002, tutti con emissioni inquinanti di classe euro 0,1,2 e 3. Pertanto, la loro sostituzione con i 20 bus ecologici (euro 6) e con altri elettrici ha positive ricadute anche con riguardo al consumo del carburante. In più, i nuovi bus accrescono la capacità di trasporto: da 24 a 85 passeggeri, a secondo della loro lunghezza. Tutti i nuovi mezzi saranno forniti anche di un sistema di conteggio passeggeri, nonché di videosorveglianza di bordo a ciclo continuo e validazione automatica dei biglietti. Ringraziamo la pagina MondodeiMezzi per le foto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 lug 2020

SICILIA | Il comitato pendolari siciliani chiede più treni in servizio anzichè treni veloci

di mobilita

Il comitato pendolari siciliani - Ciufer di Giosuè Malaponti chiede più treni in servizio anzichè treni veloci: "La Regione Siciliana allo stato attuale dovrebbe mettere più treni in servizio sulle tratte ferroviarie Siciliane compresi i giorni festivi, anziché chiedere treni veloci. In Sicilia gli attuali treni regionali veloci sono solo un bluff. I regionali veloci sono nati circa 5 anni fa per adeguarci allo standard nazionale sostituendo i treni regionali diretti. I treni regionali veloci di veloce non hanno nulla se non la diminuzione delle fermate fermo restando i tempi di percorrenza. Un esempio? La Catania-Palermo. Le percorrenze del 2015 erano di 2 ore e 47 – 2 ore e 55  oggi invece per le stesse fermate i tempi sono di 3 ore – 3 ore 14. In Sicilia si viaggia con i tempi di percorrenza dell’anno 2000, nonostante in questo ventennio vi siano stati miglioramenti infrastrutturali, quali il raddoppio della Messina-Giampilieri, il raddoppio della Fiumefreddo-Giarre-Riposto, per ultimo il raddoppio della Catania Ognina-Catania Centrale e i vari ammodernamenti della Catania-Siracusa. Stessa situazione sulla dorsale tirrenica. Una domanda ci sorge spontanea a che sono serviti tutti gli investimenti infrastrutturali per velocizzare e diminuire i tempi di percorrenza se i tempi sono rimasti gli stessi? Occorre rivedere, a nostro parere per la parte che riguarda il miglioramento delle performance, lo schema di “Accordo quadro per i servizi di trasporto pubblico locale tra Rete Ferroviaria Italiana Spa e la Regione Siciliana per l’utilizzo della capacità dell’infrastruttura ferroviaria” sottoscritto il 03 maggio 2017 con la deliberazione di giunta regionale n.183.  Riteniamo ciò estremamente importane altrimenti gli investimenti di circa 200 milioni di fondi europei in materiale rotabile risulterebbero vani, in considerazione del fatto che potranno viaggiare solo sul nodo di Palermo, sulla dorsale Tirrenica e sulla dorsale Jonica sino a Catania. Quindi sarebbe veramente incomprensibile l’aver acquistato mezzi moderni e veloci per poi farli viaggiare a velocità ridotta e non in tutte le relazioni ferroviarie, tenuto conto che alla presentazione dei nuovi treni “Pop” si è proclamato che finalmente in Sicilia si potrà andare a 160 km/h, quando già con i treni “Minuetto” in alcune tratte ferroviarie i 160 km/h vengono effettuati".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

Ryanair accelera sui rimborsi Covid-19

di mobilita

Ryanair ha confermato che sta facendo rapidi progressi nell’elaborazione dei rimborsi dei clienti per i voli annullati nel periodo da marzo a giugno, a seguito delle cancellazioni dei voli imposte dai governi per l’emergenza Covid-19. Da quando gli uffici Ryanair di Dublino sono stati riaperti il 1° giugno scorso, il personale addetto ai rimborsi è stato formato per eliminare l’arretrato delle richieste di rimborso dei clienti con i seguenti risultati: Tutte le richieste di rimborso in contanti di marzo sono state liquidate. Alla fine di giugno, il 50% dei rimborsi in contanti di aprile è stato liquidato. Entro il 15 luglio verrà elaborato il saldo dei rimborsi in contanti di aprile. Entro la fine di luglio, verranno elaborati anche i rimborsi in contanti per tutto il mese di maggio e la maggior parte di giugno. Queste cifre comprendono i passeggeri che hanno accettato i voucher di viaggio e/o la riprotezione gratuita sui voli che sono ora operati da Ryanair nei mesi di luglio, agosto e settembre. Ryanair ha anche invitato gli agenti di viaggio che operano online (OTA) a fornire dettagli precisi sulle loro prenotazioni non autorizzate, in modo che Ryanair possa elaborare anche questi rimborsi. Una significativa minoranza dei rimborsi di Ryanair è bloccata a causa di OTA che utilizzano indirizzi e-mail falsi e carte di credito virtuali durante le prenotazioni, che non possono essere ricondotte al passeggero effettivo. Ryanair invita tutti i clienti interessati che non hanno ancora ricevuto il rimborso a contattare il Servizio clienti della piattaforma su cui hanno acquistato il proprio volo, per assicurarsi che abbiano già interagito con Ryanair e collaborino con la compagnia in modo che anche queste richieste di rimborso possano andare a buon fine. Il CEO di Ryanair, Eddie Wilson ha affermato:  “Siamo lieti di aver compiuto progressi così significativi nel mese di giugno nell’eliminare l’arretrato di rimborsi in contanti a causa delle cancellazioni dei voli dovute all’emergenza Covid-19. Oltre il 90% dei passeggeri che hanno prenotato direttamente con Ryanair e che hanno richiesto un rimborso in contanti per i viaggi tra marzo e giugno riceveranno i rimborsi entro la fine di luglio. È preoccupante, tuttavia, che una quantità significativa dei nostri clienti, che hanno effettuato prenotazioni tramite agenzie di viaggio online non autorizzate, non abbia ancora ricevuto i rimborsi perché gli OTA hanno fornito a Ryanair indirizzi e-mail falsi o dettagli di carte di credito virtuali per questi clienti. Stiamo portando questo fatto all’attenzione delle autorità competenti in Irlanda (CAR) e nel Regno Unito (CAA), poiché ciò dimostra ancora una volta perché è necessaria una regolamentazione urgente di questi soggetti, per garantire che questi intermediari non autorizzati forniscano alle compagnie aeree indirizzi e-mail precisi e dettagli di pagamento validi per i clienti, così da poter elaborare i rimborsi in contanti per questi clienti in modo rapido ed efficiente. Continueremo a elaborare questi rimborsi in contanti il più velocemente possibile e incoraggiamo tutti i clienti che non hanno ancora richiesto un rimborso a farlo con il nostro team di assistenza clienti; elaboreremo la loro richiesta il più rapidamente possibile “.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

MILANO | Da domenica 5 luglio il primo nuovo treno Donizetti di Trenord

di mobilita

Partirà domenica 5 luglio da Milano Porta Garibaldi alle ore 8.05 in direzione Luino la corsa inaugurale del nuovo treno Donizetti di Trenord, il primo di 41 convogli veloci a media capacità destinati alla Lombardia, che da domenica circolerà sulla linea Milano - Gallarate - Luino. Il treno durante la mattinata sosterà nella stazione di Luino, dove curiosi e appassionati potranno scoprirne il design innovativo e il confort e dove alle ore 11 è previsto un saluto delle istituzioni; alle 13.44 riprenderà la corsa verso Gallarate, entrando in servizio. Per l'occasione, per tutta la giornata sarà possibile viaggiare gratuitamente sulle corse effettuate dal Donizetti e sui treni della linea Gallarate - Luino, grazie a un biglietto speciale distribuito a bordo del convoglio o agli accessi alle carrozze. Il programma della giornata Donizetti fischierà la partenza della sua prima corsa alle ore 8.05 dalla stazione di Milano Porta Garibaldi. Il convoglio prevede fermate a Rho Fiera Milano, Legnano, Gallarate, Besnate, Mornago Cimbro, Ternate Varano Borghi, Travedona Biandronno, Besozzo, Sangiano, Laveno Mombello, Caldè, Porto Valtravaglia, e arrivo a destinazione a Luino alle ore 9.43. Lì il convoglio sarà aperto alle visite presso il binario 1 della stazione. Gli accessi al treno saranno gestiti nel rispetto dei vincoli di distanziamento. Il treno ripartirà da Luino alle 13.44 verso Gallarate; nel pomeriggio effettuerà le seguenti corse: - 25383 (Luino 13.44 - Gallarate 14.41); - 25382 (Gallarate 15.16 - Luino 16.16); - 25391 (Luino 17.44 - Gallarate 18.41); - 25390 (Gallarate 19.16 - Luino 20.16). I passeggeri potranno "testare" l'esperienza di viaggio offerta da Donizetti grazie a biglietti speciali - distribuiti sul treno - validi per un viaggiare gratuitamente a bordo del nuovo treno e di tutte le corse della linea Gallarate - Luino. Ogni biglietto sarà valido per un adulto e per eventuali ragazzi accompagnati di età inferiore ai 14 anni. Il nuovo treno Donizetti Treno made in Italy prodotto nello stabilimento di Alstom a Savigliano, Donizetti presenta colori di tonalità brillanti verde e blu su sfondo bianco. Convoglio monopiano a media capacità - oltre 250 i posti a sedere complessivi per la composizione a 4 carrozze - Donizetti è strutturato in un ambiente unico, senza porte né settori divisori. Ampi corridoi e porte con pedane a raso rendono le carrozze totalmente accessibili ai viaggiatori con mobilità ridotta. Il confort del viaggio è garantito da livelli di rumore e vibrazione ridotti al minimo; le temperature nelle carrozze si autoregolano grazie a un impianto di condizionamento potenziato. L'illuminazione è ottimizzata grazie a grandi finestrini, che consentono un maggior ingresso di luce naturale. A disposizione dei passeggeri sono sedute ampie, dotate di prese elettriche e USB per la ricarica dei dispositivi mobili. Il treno offre un servizio di informazione e intrattenimento audio video - grazie a numerosi display LCD - ed è predisposto per la rete Wi-Fi. La sicurezza dei passeggeri è garantita da un sistema di telecamere digitali di videosorveglianza. Le carrozze sono dotate di aree polifunzionali per il deposito di passeggini e biciclette con possibilità di ricarica per le bici elettriche. Oltre a consentire un viaggio confortevole, Donizetti è un treno sostenibile: è riciclabile per il 97%, e consuma il 30% di energia in meno rispetto alla precedente generazione di convogli. I sistemi di condizionamento dell'aria e di ventilazione sono regolati in funzione del numero dei passeggeri a bordo. La chiusura delle porte è programmata in modo da evitare la dispersione termica. L'illuminazione a LED del convoglio si regola automaticamente sulla base della luce esterna. I 176 nuovi treni per la Lombardia Donizetti è il primo di 41 convogli a media capacità acquistati per Trenord da FNM e FerrovieNord grazie al finanziamento di 1,6 miliardi garantito da Regione Lombardia, e si aggiunge a 3 ad alta capacità Caravaggio, già in circolazione. Complessivamente sono 176 i nuovi convogli - a 41 Donizetti si aggiungeranno 105 Caravaggio e 30 convogli Diesel Colleoni - che entreranno in servizio nei prossimi tre anni, consentendo progressivamente di cambiare volto alla flotta del servizio ferroviario lombardo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

BOLOGNA | People Mover, fase di pre-esercizio, a che punto è?

di mobilita

L’assessore alle Politiche per la mobilità del Comune di Bologna, Claudio Mazzanti in merito al pre-esercizio del People Mover ha comunicato che il Concessionario ha già provveduto alla conclusione delle attività in programma al fine di poter avviare il periodo di pre-esercizo in data 24 giugno, al termine della quale e relazionandone l'andamento potrà essere richiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti l'emissione del Nulla Osta all'Esercizio (NOE). Solo successivamente potrà essere definita la data di avvio dell'esercizio che non potrà prescindere da valutazioni legate alla progressiva ripresa dei voli aerei. A seguito dei risultati del monitoraggio acustico imposto in esito alla Valutazione di Impatto Ambientale e condotto durante la fase di pre-esercizio a 3 navette, è stata rilevata una situazione di superamento dei limiti normativi per 4 ricettori: A14 - via Zanardi 32 (Asilo delle Poste); A15 - via del Lazzaretto 9; B12 - via Agucchi 114; B14quater - via Bertalia 85/2. Per 3 di essi (A14, A15 e B12) il superamento è imputabile al People Mover, per uno (B14quater) è invece dovuto alle altre infrastrutture presenti al contorno (traffico stradale). Vi è inoltre un altro ricettore, ubicato in via Bertalia al civico 26 (B14bis), per il quale il monitoraggio ha evidenziato il rispetto dei limiti acustici, ma in una situazione prossima al valore limite in periodo notturno. Il Concessionario, in relazione ai 3 ricettori dove sono stati rilevati dei superamenti, ha predisposto gli studi e gli approfondimenti specifici per il dimensionamento delle opere di mitigazione acustica. Gli studi sono stati presentati all’Amministrazione comunale e, a seguito delle istruttorie svolte dagli Enti (Comune, Arpae e Ausl), sono stati richiesti al Concessionario chiarimenti ed integrazioni. Come opere di mitigazione sono state proposte l’innalzamento delle attuali barriere acustiche presso l’Asilo delle Poste (A14), nonché l’installazione di infissi silenti ed impianti di condizionamento presso i 2 edifici (A15 e B12) in cui il superamento è imputabile al contributo del People Mover. Allo stato attuale l’Amministrazione comunale è in attesa della documentazione integrativa richiesta al Concessionario. In relazione al condominio di via Bertalia n. 26 (B14bis), presso il quale era stata rilevata una situazione al limite, è stato eseguito dal Concessionario un nuovo monitoraggio acustico. Anche in questo caso sono state richieste integrazioni al report di monitoraggio presentato, pertanto ogni valutazione circa la necessità di predisporre ulteriori mitigiazioni nell’area sarà valutata una volta istruita l’ulteriore documentazione richiesta. L’entrata in esercizio dell’infrastruttura prima della realizzazione di dette opere è stata valutata fattibile in quanto il monitoraggio acustico è stato svolto durante la fase di collaudo che vedeva il passaggio di 3 navette del People Mover, dunque in una situazione maggiormente impattante rispetto all’entrata in esercizio della linea che vedrà l’utilizzo di sole 2 navette. Gli Enti hanno infatti ritenuto, sulla base dei risultati dei monitoraggi della fase di pre-esercizio a 3 navette, che nei prossimi 12 mesi i livelli di rumore indotti dall’opera saranno inferiori rispetto a quelli misurati. Si ricorda che il Peole Mover è un mezzo innovativo che, sebbene presente in altre città, ognuno si sviluppa con una propria tecnologia e infrastruttura. La ricerca del completo rispetto della normativa acustica, elemento di studio fondamentale fin dalla procedura di VIA, è un costante obiettivo del Concessionario, dell’Amministrazione comunale e degli Enti che con essa collaborano, ma proprio per la sua innovatività deve essere mano a mano verificata e devono essere intraprese le dovute azioni, così come era infatti stabilito ad esito della Valutazione di Impatto Ambientale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

Tutte le offerte di Trenitalia per l’estate 2020

di mobilita

Mai come quest’anno, dopo il difficile lockdown seguito dalla riapertura del Paese ma con regole determinate a impedire al virus di ripartire, l’estate Trenitalia è stata così ricca e nutrita di novità e offerte. Con Frecce, Intercity e Regionali, oltre ai nuovi servizi FRECCIALink e ai collegamenti intermodali, il turismo è al 100% sostenibile e a 360 gradi: in treno si va al mare e in campagna, in montagna e al lago, con il massimo comfort e in tutta sicurezza. Fra le novità più importanti il Frecciarossa 1000 del Tirreno, che collega Milano a Roma passando dal Levante ligure per poi correre lungo la costa fino all’Argentario, incontrando il porto di Civitavecchia per raggiungere la Capitale all’ora di cena, e il Frecciarossa che unisce Torino a Reggio Calabria, arrivando in stazione prima che cominci il tramonto, senza cambi intermedi. In treno esplode la voglia di mare quando, per esempio, ci si spinge verso Sapri, nell’estremo sud della provincia di Salerno. Scendendo dal Frecciarossa, si palesa all’improvviso la pittoresca baia del golfo di Policastro. Molto esteso il lungomare, ideale luogo di ritrovo e passeggio serale. La costa, che sconfina in Basilicata, offre grotte e panorami mozzafiato. Perfetta da scoprire a piedi, con un trekking lungo il sentiero Apprezzami l’asino, dal porto di Sapri allo scoglio dello Scialandro, dove si staglia il monumento della Spigolatrice, un omaggio alla poesia di Luigi Mercantini sulla fallimentare spedizione di Carlo Pisacane per liberare il Regno delle Due Sicilie dalla dominazione borbonica. Da non perdere la vicina Dea del mare, così veniva chiamata anticamente Maratea (PZ), perla incastonata tra l’azzurro del Tirreno, il verde della macchia mediterranea e le diverse tonalità di scogliere, isolotti e spiagge come Acquafredda, Cersuta, Fiumicello, La Secca. Dominano il paesaggio l’antico borgo, un concentrato di monumenti e luoghi di culto che è valso a Maratea il soprannome di città delle 44 chiese, e Monte San Biagio con la statua del Redentore, seconda per dimensioni solo a quella di Rio de Janeiro. Proseguendo verso la Calabria il Frecciarossa ferma a Paola (CS), il cui litorale è caratterizzato dai cosiddetti “pennelli a mare”: insenature a forma di mezzaluna, dove l’acqua è quasi sempre limpida, delimitate dalle barriere di sassi a forma di T realizzate per proteggere la linea ferroviaria che corre lungo la spiaggia. E, ancora, stop a Lamezia Terme, Rosarno e Villa San Giovanni (RC), dove la punta d’Italia quasi si tocca con la Sicilia, comodamente raggiungibile in traghetto attraversando lo Stretto di Messina. A pochi chilometri, Reggio Calabria fa sbizzarrire e meravigliare i turisti, con le sue bellezze paesaggistiche e culturali, come il Museo Archeologico Nazionale, il Castello Aragonese, la cattedrale di Maria Santissima Assunta, l’Arena dello Stretto e il lungomare Falcomatà. Sull’altra sponda, invece, è d’obbligo un salto a Riccione, la perla verde dell’Adriatico con oltre sei chilometri di arenile sabbioso dal basso fondale, viali alberati, giardini, parchi divertimento, boutique, locali notturni e antichi borghi da visitare nei dintorni, come Montefiore Conca, Mondaino e Montegridolfo. Distanze di sicurezza garantite e tanti servizi nei 151 stabilimenti balneari di Riccione, alcuni con spa come i bagni 105 e 110 o con maxi gazebo e lettini matrimoniali al 71. Senza contare la Spiaggia delle donne, gestita al femminile e molto apprezzata dalle mamme, e la nota Spiaggia 61, a metà strada fra le Terme di Riccione e viale Ceccarini, tra le poche a tradizione familiare e con oltre un secolo di storia, da dove ogni mattina Enrico il bagnino va in diretta su Radio Deejay con le sue scherzose previsioni del tempo. La cura del sole e dei bagni è garantita anche a Cattolica, altra tappa dell’estate in Frecciarossa, mentre Senigallia (AN), Bandiera blu dal 1997, è famosa per la sua Rotonda sul mare, la sabbia fine e vellutata, gli itinerari in bicicletta tra le colline dell’entroterra, gli eventi e i festival come il Summer Jamboree (in programma la prima settimana di agosto). Non manca l’offerta estiva di Trenitalia Regionale, con preziose novità come il Trabocchi Line per raggiungere in treno ed esplorare in bici la splendida Costa dei trabocchi, in provincia di Chieti, mentre in Frecciargento si arriva comodamente a Foggia, Barletta, Bari e Monopoli (BA). E ancora giù, fino a Brindisi, con tappa anche a Ostuni per il suo pittoresco borgo medievale, un dedalo di vicoli, scalinate, corti, piazzette e case bianche impreziosite da gerani, botteghe artigiane e ristorantini tipici. Sotto la Città bianca del Salento, il litorale si fa magico tra scogli e calette turchesi di sabbia dorata, tipiche di questo tratto di costa adriatica. In treno si può raggiungere tutto il mare più bello dello Stivale, quindi. Ma non solo. L’estate in Frecciarossa porta anche a Chiusi-Chianciano Terme (SI) per scoprire la suggestiva Val d’Orcia, amata dai turisti di tutto il mondo per i suoi itinerari fra le colline del Chianti, la Via Francigena e le località termali. E in Ciociaria, fino a Frosinone, per un tour tra i Monti Simbruini, le Grotte di Pastena, l’Abbazia di Montecassino, l’Acropoli di Alatri e la cascata nel centro di Isola del Liri.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

Volotea ha inaugurato oggi a Napoli la sua sesta base italiana

di mobilita

Volotea ha inaugurato oggi a Napoli la sua sesta base italiana. Dopo l’annuncio dello scorso ottobre, infatti, si concretizzano gli investimenti della compagnia presso lo scalo campano dove, grazie ai 2 Airbus A319 allocati, il vettore punta a consolidare, per quest’estate, la sua presenza con una particolare attenzione all’offerta domestica, a cui si aggiungono numerosi collegamenti verso la Grecia. Come in passato, prima cioè di diventare base Volotea, Napoli si riconferma così come il primo aeroporto in Italia, e secondo nel network Volotea, per volume di biglietti disponibili. Il network di rotte della compagnia raggiungibili da Napoli include 17 destinazioni, 9 in Italia e 8 all’estero e, per l’occasione, il vettore scende in pista con una speciale promozione, con biglietti a partire da 9 Euro per decollare dallo scalo napoletano. L’inaugurazione della nuova base è stata ufficializzata con uno speciale taglio del nastro a cui hanno preso parte Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea, live in collegamento da Barcellona, Valeria Rebasti, Commercial Country Manager Italy & Southeastern Europe di Volotea, Roberto Barbieri, Amministratore Delegato GESAC e Margherita Chiaramonte, Direttore Sviluppo Business Aviation di GESAC. “Dopo questi ultimi mesi così impegnativi, l’inaugurazione della nostra sesta base italiana acquista un valore simbolico molto importante: confermiamo il nostro impegno nel sostenere il tessuto economico campano e, allo stesso tempo, la ripartenza dell’intero comparto turistico italiano. L’avvio ufficiale delle attività della nuova base a Napoli, oltre a comportare un consolidamento delle nostre rotte in partenza verso alcune delle più importanti destinazioni nazionali, prevede la creazione di circa 48 nuovi posti di lavoro diretti. Grazie, inoltre, al consolidamento delle misure igieniche e dei protocolli di sicurezza adottati in tutte le fasi del viaggio, siamo in grado di garantire voli ancora più sicuri e puliti, offrendo un ambiente salubre a tutela della salute di passeggeri ed equipaggi. A nome di tutta Volotea, vorrei ringraziare le autorità locali e il management GESAC per il loro supporto”, ha commentato Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea. Volotea crede fortemente nelle potenzialità turistiche del territorio e, con l’avvio della sua nuova base, vuole incrementare il volume di passeggeri in transito verso Napoli, offrendo allo stesso tempo numerose opportunità di viaggio a tutti coloro che risiedono in Campania. “L’inaugurazione di una base è uno dei momenti più significativi per un aeroporto e in questo periodo lo è ancora di più. Nella delicata e complessa fase della ripartenza, Volotea si conferma un partner strategico e primo vettore a Napoli per numero di destinazioni nazionali e isole greche. Questa operazione risponde ai nostri principali obiettivi: ripristinare la connettività, contribuire alla ripresa della filiera turistica, generare posti di lavoro e stimolare l’economia che gravita sullo scalo partenopeo. Siamo pronti ad accogliere i passeggeri con misure di sicurezza sanitarie innovative e a misura di passeggero sfruttando le tecnologie più avanzate presenti sul mercato”, ha commentato Roberto Barbieri, Amministratore Delegato di GESAC Grazie all’apertura della sua nuova base a Napoli, Volotea consoliderà le sue rotte nazionali in partenza dallo scalo, offrendo ai passeggeri maggiori frequenze per decollare verso Catania (fino a 11 voli a settimana), Genova (fino 5 voli a settimana), Torino (2 voli a settimana), Trieste e Verona (entrambe con 2 voli a settimana nel periodo estivo e con fino a 6 voli a settimana a Settembre), Olbia (fino a 7 voli a settimana). Per l’estate 2020, il network di destinazioni domestiche da Napoli prevede collegamenti anche verso Alghero (novità 2020 che prevede 2 voli settimanali), Cagliari (6 voli a settimana) e Palermo (fino a 2 voli al giorno a settimana). Gli amanti della Grecia potranno, invece, decollare da Napoli alla volta di Mykonos (fino a 5 voli a settimana), Santorini (fino a 4 volte a settimana), Heraklion, Zante e Skiathos (tutte fino a 3 volte a settimana), Rodi (fino a 2 frequenze settimanali), Cefalonia e Preveza-Lefkada (1 frequenza settimanale). I 2 aeromobili allocati a Napoli, configurati con 156 posti a sedere, garantiranno a tutti i passeggeri una migliore connettività, grazie a collegamenti con orari ancora più comodi, per volare verso le più importanti destinazioni in Italia e all’estero. Grazie, inoltre, all’apertura di questa nuova base, Volotea sarà in grado di garantire tariffe convenienti e un’esperienza di viaggio piacevole. Per proteggere la salute di tutti i suoi passeggeri e dei suoi dipendenti, Volotea ha rinforzato le misure igieniche e i protocolli di sicurezza a seguito delle direttive emanate da EASA (European Union Aviation Safety Agency), ECDC (European Centre for Disease prevention and Control) e dalle autorità sanitarie locali. Napoli si aggiunge, quindi, alle basi già operative del vettore in Italia: Venezia, Verona, Palermo, Genova e Cagliari. Tutte le rotte Volotea in partenza da Napoli sono già in vendita sul sito www.volotea.com e nelle agenzie di viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2020

SICILIA | Stop al distanziamento sociale sui mezzi di trasporto

di mobilita

Anche la Sicilia dice stop al distanziamento sociale nel trasporto pubblico. E' infatti arrivata l'ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci in cui si dispone che sui mezzi di trasporto “è consentita l’occupazione del 100 per cento dei posti a sedere e in piedi per i quali il mezzo è omologato, in deroga all’obbligo di distanziamento interpersonale di almeno un metro e al coefficiente di riempimento dei mezzi, fissato dal decreto del presidente del Consiglio dell’11 giugno”. Il governatore specifica che da adesso “gli spostamenti infra ed interregionali non sono soggetti ad alcuna limitazione, permanendo l’obbligo di osservanza di contenimento del contagio”. Le nuove regole, dunque, si applicano – oltre che ai bus – anche al trasporto pubblico regionale e locale ferroviario, al trasporto pubblico non di linea e ai servizi autorizzati, inclusi taxi, noleggio con conducente o senza, autobus turistici e trasporto pubblico ferroviario.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
02 lug 2020

American Airlines riprenderà i voli per l’Italia nella summer 2021

di mobilita

American Airlines Group Inc. adeguerà il suo programma internazionale a lungo raggio per la winter 2020 fino alla summer 2021. Nel tentativo di far fronte alla bassa domanda derivante dall’epidemia Coronavirus (COVID-19), la compagnia aerea riallinea la propria rete con l’obiettivo di migliorare la redditività a lungo termine. American si aspetta che la capacità internazionale a lungo raggio nell’estate 2021 sarà in calo del 25% rispetto al 2019. “COVID-19 ci ha costretti a rivalutare la nostra rete”, ha dichiarato il Chief Revenue Officer di American, Vasu Raja. “American avrà una rete internazionale significativamente più piccola nel prossimo anno, ma stiamo sfruttando questa opportunità per reimpostare il network sfruttando la forza dei nostri hub strategici, su cui possiamo costruire ed essere redditizi in questo nuovo ambiente”. Mentre la compagnia aerea inizierà a pianificare la prossima estate, American interromperà diverse rotte che un tempo erano popolari destinazioni leisure ma che dovrebbero mostrare una riduzione della domanda. “American ha effettuato negli ultimi anni il dimensionamento corretto del proprio network internazionale, interrompendo le rotte sottoperformanti e aggiungendo destinazioni leisure come Dubrovnik e Praga”, ha dichiarato Brian Znotins, Vice President of Network Planning, American. “Ora, poiché la domanda è notevolmente diminuita a causa di COVID-19, dobbiamo essere agili, creando il network che i nostri clienti desiderano”. American uscirà da diverse rotte, incluse tre rotte transatlantiche sia dal Charlotte Douglas International Airport (CLT) che dal Philadelphia International Airport (PHL). La compagnia uscirà inoltre da cinque rotte poco performanti dal Los Angeles International Airport (LAX) verso destinazioni in Asia e Sud America, concentrandosi sulla forza domestica dell’hub. Mentre American reimposta la sua rete internazionale per la crescita futura, Dallas Fort Worth International Airport (DFW) sarà il principale hub trans-Pacifico della compagnia aerea, mentre Miami International Airport (MIA) continuerà ad essere il principale hub per i voli verso i Caraibi e l’America Latina. Una volta che le restrizioni governative sui voli transatlantici diminuiranno, PHL continuerà a essere il principale hub American per i servizi in Europa. All’inizio di quest’anno American ha lanciato la sua West Coast International Alliance con Alaska Airlines, una partnership innovativa per espandere la sua portata internazionale e la connettività per i clienti. La compagnia aerea pianificherà la crescita futura con la forza di questa relazione, che include una grande presenza e un forte feed a Seattle. Come precedentemente annunciato, American lancerà il servizio da Seattle (SEA) a Bangalore e Londra (LHR) il prossimo anno. Alaska intende inoltre aderire all’alleanza oneworld nel 2021. American continuerà inoltre a volare negli hub dei partner commerciali congiunti. Mentre alcuni mercati internazionali non torneranno, American prevede un programma completo per London Heathrow (LHR) entro il 2021. La compagnia aerea continuerà a lavorare a stretto contatto con British Airways per fornire una vasta rete che consente ai clienti di raggiungere destinazioni chiave. “Per American, ogni nuova partnership significa future opportunità di crescita per la nostra compagnia aerea. Faremo affidamento sui maggiori punti di forza dei nostri hub con la nostra rete internazionale esistente e ci integreremo ulteriormente negli hub dei nostri partner per fornire connettività che non è stata sfruttata in passato”, ha affermato Raja. Riguardo l’Italia, New York (JFK) – Milan (MXP), Dallas Fort Worth (DFW) – Rome (FCO) e Philadelphia (PHL) – Rome (FCO) riprendono nella summer 2021. American non effettuerà più le rotte Miami (MIA) – Milan (MXP), Chicago (ORD) – Venice (VCE) e Charlotte (CLT) – Rome (FCO).

Leggi tutto    Commenti 0