Articolo
07 dic 2018

Varata nello stabilimento Fincantieri di Marghera la nave crociera Carnival Panorama

di mobilita

È stata varata nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico. Ora inizierà la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna della nave nell’autunno 2019. Il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante “coin ceremony”, che consiste nel saldare un dollaro d’argento sull’ultimo ponte della nave, secondo un’antica consuetudine marinara. Madrina della cerimonia è stata Antonella Cazzin, dipendente del cantiere di Marghera da oltre 35 anni. Alla cerimonia di varo hanno partecipato, fra gli altri, per l’armatore Ben Clement, Senior Vice President di Carnival Cruise Line e Marco Scaramuccia, Project Manager di Carnival Panorama, mentre per Fincantieri, Antonio Quintano, direttore dello stabilimento di Marghera. La nuova unità sarà gemella di “Carnival Vista”, consegnata a Monfalcone nell’aprile 2016, e di “Carnival Horizon”, realizzata a Marghera e consegnata nel marzo di quest’anno. 133.500 tonnellate di stazza lorda e 323 metri di lunghezza, sono queste le dimensioni che caratterizzano la serie “Vista”, che annovera le unità più grandi finora costruite da Fincantieri per la flotta di Carnival Cruise Line. Conterà ben 2.004 cabine, alle quali si sommano le 770 destinate all’equipaggio, potendo così ospitare a bordo oltre 6.500 persone, tra passeggeri ed equipaggio. Le unità della classe “Vista” rappresentano un nuovo punto di riferimento tecnologico a livello europeo e mondiale per il lay-out innovativo, le elevatissime performance e l’alta qualità di soluzioni tecniche d’avanguardia. Gli allestimenti degli interni sono caratterizzati da un elevatissimo livello di comfort, proponendo una vasta gamma di intrattenimenti, ristoranti oltre che teatri, negozi e centri benessere. Anche questa nave come le precedenti della classe è caratterizzata dalla presenza dell’area Havana, un’area a tema, ristretta ed esclusiva, composta da cabine, bar all’aperto e Infinity Pool, a cui potranno accedere, durante il giorno, solamente i passeggeri che alloggiano in quella zona. Oltre a Carnival Panorama, varata oggi, nel cantiere di Marghera sono in costruzione o di prossima realizzazione la seconda nave per il brand Costa Asia e la terza unità della classe “Pinnacle” per Holland America Line, rispettivamente in consegna nel 2020 e nel 2021. Dal 1990 ad oggi Fincantieri ha costruito 87 navi da crociera (di cui ben 64 dal 2002), altre 53 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2018

Tirrenia lancia due linee merci verso Napoli

di mobilita

Due nuove linee merci del Gruppo Onorato, sulle rotte delle autostrade del mare. Le navi di Tirrenia sono già impegnate su due nuovi collegamenti, a cadenza settimanale, fra i porti di Genova e Napoli e gli scali di Livorno e Napoli. L’obiettivo è quello di rispondere alla domanda crescente di trasporto fra il Nord e il Sud dell’Italia e viceversa, offrendo all’autotrasporto una valida e sicura alternativa al tutto-strada e garantendo quella capillarità di servizio che è condizione essenziale per il moderno mercato logistico. In fase iniziale saranno impegnate su queste rotte navi ro-ro già utilizzate su rotte da e per la Sicilia che garantiranno tempi di percorrenza di 23 ore e mezza sulla tratta Genova-Napoli e di 14 ore e mezza sulla Livorno-Napoli, e performances identiche sulla rotta in direzione opposta. La schedula dei due servizi, pianificati per soddisfare le richieste dei caricatori della compagnia, è la seguente: Genova / Napoli   Napoli / Genova   partenza arrivo     partenza arrivo Mercoledì 21:30 21:00 (gio)   Mercoledì     Giovedì       Giovedì 13:00 12:30 (ven) Livorno / Napoli   Napoli / Livorno   partenza arrivo     partenza arrivo Giovedì 06:30 21:00 (gio)   Giovedì 13:00 03:30 (ven) Tirrenia ha messo a disposizione degli autotrasportatori un servizio informazioni e prenotazioni che consenta loro di ottimizzare i tempi di guida e le attese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2018

GENOVA | A gennaio parte il progetto di recupero della Ripa Maris

di mobilita

Recupero, non maquillage. Così il Comune di Genova intende rilanciare, con il progetto "Insieme per Sottoripa", la Ripa Maris, la principale porta di ingresso del Centro Storico per visitatori e turisti. Sicurezza, illuminazione, decoro, rinnovamento, botteghe storiche, attrazione e vivibilità. Sono questi i principali interventi promossi dall'assessore alla Sicurezza Stefano Garassino, insieme agli assessori allo sviluppo economico,  Giancarlo Vinacci, a turismo e commercio, Paola Bordilli e all'ambiente Matteo Campora. I dettagli del protocollo includono un’attività profonda e diffusa, che dovrebbe prendere il via tra fine gennaio e inizio febbraio e che interesserà molteplici aspetti: lungo l’intero tratto si procederà ad una pulizia straordinaria del lastrico di calpestio, alla rimozione delle insegne delle attività commerciali non più uti-lizzate e alla pulizia di quelle in uso, alla razionalizzazione delle modalità di raccolta e conferimento dei rifiuti e, in collaborazione con i residenti e gli operatori economici, alla definizione di nuove forme di presidio dell’area. "Si è realizzata una sinergia - ha detto l'assessore alla sicurezza Stefano Garassino - non solo tra diversi assessorati, dalla sicurezza al commercio, dallo sviluppo economico all'ambiente, ma anche con commercianti, Civ e condomini. I privati contribuiranno al progetto intervenendo nella pulizia di voltini, graffiti sui muri e saracinesche, mentre Amiu e Aster cureranno il decoro urbano. Verrà migliorata l'illuminazione a led, aumentando così la sicurezza percepita, mentre la pulizia di muri e serrande e restaurando insegne e altri manufatti implementerà il senso di civiltà». Nel tratto di Sottoripa tra via al Ponte Reale e vico del Serriglio saranno effettuate pulizia e tinteggiatura del soffitto a volta e delle superfici verticali del lato a mare, si provvederà alla razionalizzazione degli impianti elettrici a vista sui voltini e alla rimozione delle reti anti volatili sostituendole con nuovi dispositivi, sarà razionalizzata e riqualificata l’illuminazione pubblica ed inoltre verranno rimossi circa 20 metri quadrati di graffiti e tinteggiate circa 35 saracinesche di esercizi commerciali. «Siamo alle prese con un progetto sistematico di recupero – ha detto l’assessore a turismo e commercio Paola Bordilli-. Sottoripa è la porta d'accesso a una parte importante della città. Siamo già intervenuti un anno fa con le parole luminose, l'ordinanza anti-alcol e la leva fiscale. Ma ora vogliamo lavorare in maniera più profonda, per dare vita a realtà sempre più vicine alle nostre tradizioni e lontane dal degrado".  Il costo complessivo degli interventi è quantificato in 84.790,73 euro (comprensivi di Iva al 22%), la cui somma è ripartita al 77% a carico del Comune di Genova e al 23% a carico di privati. "Il progetto è stato sottoscritto - ha detto l'assessore allo sviluppo economico Giancarlo Vinacci - da 10 realtà diverse, finanziato con risorse pubbliche per il 77% e private per il 33%. In realtà tutto l'investimento è a carico dei privati in quanto il Comune non fa altro che amministrare ed elargire risorse dei contribuenti".  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2018

Alf Pollak la più grande nave ro-ro del Mediterraneo debutta nei Mari del Nord

di mobilita

Mari del Nord sotto bandiera italiana e con equipaggio italiano. Questo il primo incarico che sarà chiamata a svolgere la "Alf Pollak", la nuova nave ro-ro, la più grande del Mediterraneo, recentemente completata dai cantieri tedeschi di Flensburg e consegnata al gruppo armatoriale Onorato. In queste ore il Gruppo ha infatti definito il noleggio a scafo armato della nuova unità a un gruppo armatoriale internazionale che la impiegherà a tempo. Solo in fase successiva la nave sarà destinata e impiegata in Mediterraneo sulle rotte gestite direttamente dal gruppo. La scelta è stata compiuta sulla base di un mercato dei noli particolarmente favorevole, ma specialmente in considerazione dell'andamento dei traffici nell'area mediterranea non ancora "maturi" per accogliere e remunerare una nave di queste dimensioni, caratterizzata - come noto - da una capacità di trasporto di oltre 4200 metri lineari e da una sofisticazione spinta anche per quanto riguarda l'adozione di scrubber dell'ultima generazione in grado di abbattere i fumi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2018

Polo Mercitalia avvia servizio di trasporto semirimorchi in treno su dorsale adriatica

di mobilita

Sulla dorsale Adriatica è attivo il nuovo servizio del Polo Mercitalia (Gruppo FS Italiane) per il trasporto in treno di semirimorchi, con profilo fino a quattro metri di altezza, fra la Puglia e il Nord Europa. Complessivamente sei collegamenti settimanali fra Bari Lamasinata e Verona Quadrante Europa realizzati da Mercitalia Rail per Mercitalia Intermodal, l’operatore intermodale del Polo Mercitalia. Il nuovo servizio - possibile grazie agli interventi di Rete Ferroviaria Italiana per il potenziamento infrastrutturale della rete ferroviaria e l’adeguamento del profilo della sagoma limite allo standard europeo “PC80” - contribuirà ad alleggerire l’autostrada A14 di circa 7mila mezzi pesanti l’anno, con importanti benefici per l’ambiente, grazie alla riduzione delle emissioni di CO2, e con un importante risparmio energetico rispetto al trasporto su strada. Continua così l’impegno del Gruppo FS Italiane nel promuovere concretamente il rilancio del trasporto ferroviario merci nel nostro Paese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 dic 2018

Rolls-Royce vince il contratto per la fornitura del sistema di propulsione per nove navi del gruppo Grimaldi

di mobilita

La Rolls-Royce Commercial Marine ha vinto un importante contratto per la fornitura del sistema di propulsione a nove navi che saranno costruite da Nanjing Jinling Shipyard Co in Cina per il gruppo italiano Grimaldi. Le nove navi da 238 metri sono le cosiddette navi Ro-Ro (Roll-on-Roll-off) progettate per trasportare oltre 7.800 metri lineari di unità di laminazione, equivalenti a circa 500 rimorchi. Si chiamano Grimaldi Green 5th Generation e saranno ibridi alimentati combinando l'uso di combustibili fossili tradizionali durante il funzionamento e la batteria quando sono in porto. Le navi sono state progettate da Knud E. Hansen in Danimarca. Ottar Ristesund, Rolls-Royce, SVP Propulsion Sales - Commercial Marine, ha dichiarato: "Non vediamo l'ora di collaborare con il cliente per consegnare questo grande ordine in modo tempestivo. Finora la collaborazione tra il cantiere, il proprietario e i membri del nostro team coinvolto in Cina, Italia e nei paesi nordici è stato eccellente, un fattore chiave sia per la sicurezza dell'accordo che per il futuro successo del progetto ". La consegna da Rolls-Royce comprende gli ingranaggi dello sterzo e il sistema Promas, che integra l'elica e il timone in un unico sistema per ottimizzare l'efficienza idrodinamica. Un coprimozzo speciale è montato sull'elica e ottimizza il flusso su un bulbo che viene aggiunto al timone, riducendo efficacemente la separazione del flusso immediatamente dopo l'elica. Il risultato è un aumento della spinta dell'elica poiché l'energia precedentemente sprecata viene recuperata dal flusso. L'aggiunta del bulbo sul timone semplifica anche il flusso a poppa del timone, riducendo ulteriormente la resistenza. Promas è un prodotto ben collaudato sviluppato e testato presso lo stabilimento Rolls-Royce di Kristinehamn in Svezia. Mentre lo sterzo è prodotto nello stabilimento di Brattvåg, in Norvegia. Il valore contrattuale di Rolls-Royce Commercial Marine è vicino a 300 MNOK. La consegna dei prodotti di propulsione è prevista dal 2019 in poi fino al completamento dell'ultima nave della serie nel 2021.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 nov 2018

PORTO DI NAPOLI | Siglato il protocollo d’intesa per un “porto green”, il primo nel meridione

di mobilita

Siglato presso l'autorità portuale di Napoli il protocollo d'intesa per la realizzazione di un’infrastruttura per l’alimentazione elettrica delle navi. Il protocollo d'intesa è stato firmato dal gruppo Enel, l'authority portuale e l'armatore Caremar e permetterà alle imbarcazioni Caremar in arrivo nel porto di Napoli di utilizzare l'energia elettrica e spegnere i generatori di bordo riducendo l’inquinamento. "L'impegno di Enel a favore dell'ambiente e del territorio è costante e l’accordo siglato oggi – ha dichiarato Carlo Tamburi, Direttore Italia di Enel– va in questa direzione. Consentendo alle navi di spegnere i motori per tutta la durata della loro permanenza in porto, si abbattono le emissioni in atmosfera, migliorando la qualità dell’aria in città, e si riduce l’inquinamento acustico. Auspico che l’esempio virtuoso di Caremar possa essere seguito a breve da altri operatori e da altre Autorità portuali. Grazie al contributo di Enel, saranno anche installate infrastrutture di ricarica elettrica che consentiranno ai veicoli in transito da e verso il porto di annullare le emissioni e creare un sistema integrato di mobilità cittadina senza impatto ambientale". "Caremar, grazie all’impegno profuso dal Comandante Vincenzo Ponti, è parte attiva e ideatrice di questo progetto – ha dichiarato Francesco Ceci, Amministratore Delegato di Caremar - . Abbiamo infatti l’obbiettivo di incidere in modo significativo sull’impatto ambientale generato dall’attività delle nostre navi e intendiamo compiere un salto qualitativo nell’abbattimento delle fonti inquinanti dal punto di vista atmosferico e acustico. L’accordo con la AdSP ed Enel muove in questa direzione per la parte di attività che riguarda la sosta in porto delle imbarcazioni e quindi il contatto più diretto con le aree urbane attraverso l’opzione elettrica in alternativa a quella diesel. Non ci vogliamo fermare qui. Caremar ha in programma anche la riduzione dell’inquinamento durante la navigazione. Questo risultato sarà realizzato attraverso l’adozione di nuove tecnologie sia per quanto riguarda gli apparati di propulsione che per quanto riguarda l’uso di prodotti siliconici per lo scafo. In entrambi i casi si conta di ottenere un significativo risultato abbassando i consumi di carburante per quanto riguarda la propulsione e riducendo al minimo la dispersione di residui grazie all’uso di prodotti biocompatibili”. Già tra maggio e giugno del 2019 i quattro traghetti della compagnia che fanno la spola tra Capri, Ischia e Procida potranno spegnere i motori e alimentarsi con la sola elettricità di terra.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 nov 2018

Blue Panorama presenta le nuove divise per il personale di bordo

di mobilita

Blue Panorama Airlines presenta le nuove divise per il personale di bordo disegnate da Metiki 1863, casa d'abbigliamento totalmente italiana. Le divise sono realizzate tutte con fibre natuali come nella filosia di Uvet che ha inizato a eliminare la plastica dai suoi uffici. "La scelta di rinnovare le nostre divise, per la prima volta dalla fondazione della compagnia, rientra nell'ottica di miglioramento continuo che caratterizza la recente storia della societàgrazie alla volontàdell'azionista unico, il Gruppo Uvet, di investire nuove risorse in Blue Panorama - ha spiegato Giancarlo Zeni, amministratore delegato -. Naturalmente abbiamo coinvolto nelle scelte anche il personale di bordo perchévogliamo che le nostre hostess, steward e piloti, si sentano a proprio agio nel lavoro di tutti i giorni, senza trascurare l'eleganza dei tessuti esclusivamente in fibra naturale e la realizzazione in modo sostenibile".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 nov 2018

Fincantieri, impostata la prima Corvetta per il Qatar

di mobilita

 Si è svolta presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) la cerimonia di impostazione della prima corvetta classe “Doha”, commissionata a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale. Alla cerimonia erano presenti, fra gli altri, Brig. Mubarak Al Sulaiti, Deputy Chief of the Flotilla, in rappresentanza del Comandante della Marina dell’Emirato del Qatar, accolto da Angelo Fusco, Direttore della Divisione Navi Militari di Fincantieri. La corvetta, che verrà consegnata nel 2021, è progettata in accordo al regolamento RINAMIL. È un’unità altamente flessibile con capacità di assolvere a molteplici compiti che vanno dal pattugliamento con capacità di soccorso in mare al ruolo di nave combattente. Ha una lunghezza di circa 107 metri, una larghezza di 14,70 metri, una velocità massima di 28 nodi, è dotata di un sistema di propulsione combinato diesel e diesel (CODAD) e può ospitare a bordo 112 persone di cui 98 di equipaggio. Inoltre l’unità può impiegare mezzi veloci tipo RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat) imbarcandoli tramite una gru laterale e una rampa situata all’estrema poppa. Il ponte di volo e l’hangar sono attrezzati per accogliere un elicottero NH90. Nell’acquisizione di questo prestigioso contratto firmato con il Ministero della Difesa del Qatar nel 2016, Fincantieri ha prevalso sugli altri competitor grazie ad un progetto ritenuto in assoluto il più avanzato e innovativo. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’esperienza maturata nella costruzione di navi hi-tech per alcune fra le più prestigiose Marine estere. Il contratto, che per Fincantieri vale quasi 4 miliardi di euro, prevede la fornitura di sette navi di superficie, di cui quattro corvette, una nave anfibia (LPD - Landing Platform Dock) e due pattugliatori (OPV - Offshore Patrol Vessel) e dei servizi di supporto in Qatar per ulteriori 10 anni dopo la consegna delle unità

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 nov 2018

Le navi Grimaldi che trasportano auto nuove attraccheranno alle banchine vadesi del Reefer

di mobilita

Dal primo dicembre di quest'anno al 31 marzo 2019 le navi della flotta Grimaldi, che trasportano auto nuove verso i mercati mondiali, attraccheranno una volta alla settimana alle banchine vadesi del Reefer (controllato da Apm Terminals-Maersk) L'accordo siglato nei giorni scorsi dopo i danni provocati alle banchine di Savona dalla violenta mareggiata del 29 ottobre scorso, è il simbolo del reciproco aiuto fra operatori portuali e che coinvolge anche la compagnia portuale"Pippo Rebagliati" Reefer Terminal ha messo a disposizione per i prossimi quattro mesi un'area di 20 mila metri quadrati finché non sarà pronto l'edificio multipiano di Savona Terminal Auto. Le navi della flotta NYK, invece, continueranno ad attraccare a Savona

Leggi tutto    Commenti 0