Articolo
11 nov 2020

Al via a Shanghai i lavori per la prima nave da crociera cinese

di mobilita

Si sono tenuti presso il cantiere di Shanghai l’avvio dei lavori in bacino e la cerimonia della moneta della prima nave da crociera che Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding Co. Ltd (SWS), controllata di China State Shipbuilding Corporation (CSSC), sta costruendo per CSSC Carnival Cruise Shipping Limited, la joint venture tra Carnival Corporation e CSSC che si occuperà anche di operare l’unità. La cerimonia si è svolta alla presenza, tra gli altri, del console generale d’Italia a Shanghai Michele Cecchi e del vice sindaco di Shanghai Wu Qing. Hanno partecipato inoltre Lei Fanpei Chairman di CSSC, Fabrizio Ferri CEO di Fincantieri Cina, e Tian Yulong e Gao Dongsheng, rispettivamente Chief Engineer e Direttore Generale del Ministero dell’Industria e dell’Information Technology (MIIT) cinese. La nuova nave, la cui consegna è prevista nel 2023, avrà la capacità di ospitare a bordo circa 4.250 passeggeri, oltre a 1.400 membri dell’equipaggio. Sarà la prima nave da crociera realizzata in Cina per il mercato cinese. La joint venture costituita da Fincantieri e CSSC Cruise Technology Development Co. Ltd (CCTD) fornisce in licenza a SWS la piattaforma tecnologica e una serie di servizi tecnici, tra i quali attività di project management, gestione della catena di fornitura e vendita di sistemi e componenti fondamentali. Il design di bordo sarà appositamente personalizzato secondo i gusti specifici dei clienti cinesi. Nell’ambito della China International Import Export (CIIE) 2020, la più importante manifestazione fieristica cinese sull’importazione che si chiude oggi a Shanghai, Marine Interiors, controllata di Fincantieri e player di rilievo a livello internazionale nella progettazione e realizzazione di aree pubbliche, aree catering e vetrate, ha inoltre firmato con SWS il contratto di fornitura per circa 2.800 cabine destinate alla prima unità del programma, a dimostrazione della validità della vision iniziale di Fincantieri di presidiare e valorizzare la catena di fornitura. Il coinvolgimento di Marine Interiors, infatti, avrà ricadute positive per il territorio italiano, in cui è radicata l’azienda, attraverso la fornitura di materiali e componenti che, in linea con i principi del CIIE, saranno successivamente installati in Cina, con la supervisione di Fincantieri China. Giuseppe Bono, Amministratore delegato di Fincantieri, ha dichiarato: “L’avanzamento della fase produttiva nel pieno rispetto della tabella di marcia è un ottimo segnale per l’industria del cruise in Cina e conferma il grande impegno messo in campo da Fincantieri, CSSC e dal gruppo Carnival in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo. I vari team sono stati in grado di lavorare in remoto per lunghi mesi, con grande capacità e flessibilità, e la tappa di oggi non solo ribadisce la leadership anche gestionale del nostro Gruppo, ma dimostra la determinazione dell’intero settore nell’affrontare la crisi”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 nov 2020

Maintain Your Mental Health in a Big City From BetterHelp

di Giulio Di Chiara

Living in an urban area can take a toll on your mental health. But, there are ways you can protect your sanity. There are a lot of benefits to residing in a city. There’s access to arts and culture. There are 24-hour places to go, such as diners and pharmacies. Cities have a lot to offer, but it’s crucial to have an outlet to express your feelings to preserve your mental health. Here are some actions you can take to ensure your mental health stays intact when you’re living in a fast-paced environment. Finding calm spaces In a city, most places are packed with people. It’s essential to find spaces that make you feel calm. Find a community garden, park, or place to sit quietly. There are outside or inside places that make you feel peaceful. You may think, “I don’t have time to relax.” It only takes 20 minutes to sit with your thoughts. You can find a calm place near your workplace to take a break and ease your mind. It will help you reset your mental state, and you will be more productive in your daily life. Make your home a sanctuary Once you get home, it’s time to tune out the busyness of the city. You can make your apartment space comfortable and calm. Think about colors that calm your mind. It’s up to you to discover what makes you feel at ease. You can even have a meditation corner in your home. It’s crucial to keep your space organized. When you live in the city, everything can feel chaotic, and your home doesn’t have to feel the same way. The area that you live in should make you feel good. Therapy Living in a city comes with a unique set of stressors. If you moved from a remote location, you might struggle to make the transition to urban life. That’s where talking to a therapist can help. You might not know how to cope with the anxiety and stress of residing in an urban area, and that’s understandable. Online therapy can be an excellent place to discuss your challenges. It’s different than seeing a therapist in person. According to AMSA, you can see a counselor from your home. Online therapy can support you and help you learn to cope with the challenges of urban life.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 nov 2020

MIT | Un miliardo di euro per le opere infrastrutturali per le Olimpiadi di Milano-Cortina del 2026

di Fabio Nicolosi

La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha firmato il decreto che finanzia con un miliardo di euro le opere infrastrutturali per le Olimpiadi di Milano-Cortina del 2026. Si tratta di opere stradali e ferroviarie finanziate nella Legge di Bilancio 2020 che consentiranno di migliorare l’accessibilità, i collegamenti e la dotazione infrastrutturale dei territori della Regione Lombardia, della Regione Veneto, delle Province Autonome di Trento e di Bolzano interessate dall’evento sportivo. “Con il Decreto Olimpiadi faremo compiere un salto di qualità infrastrutturale – spiega la Ministra De Micheli – a una delle aree più sviluppate del Paese con una ricaduta importante per la qualità della vita delle persone e anche un miglioramento competitivo per le imprese. Le opere finanziate servono a potenziare l’accessibilità e i collegamenti in vista del grande appuntamento internazionale, ma sono state concepite per mantenere la loro utilità nel tempo, anche dopo il 2026, e verranno realizzate nel segno della piena sostenibilità ambientale” . Il provvedimento è il frutto di un percorso di confronto avviato nei mesi passati con le Regioni e gli enti locali per individuare gli interventi essenziali da realizzare per garantire la sostenibilità delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, disponendo per ciascuno di essi il relativo finanziamento. Attraverso il Decreto vengono stanziate le risorse destinate alle singole opere: nel complesso 473 milioni di euro per quelle nella Regione Lombardia, 325 milioni nella Regione Veneto, 82 milioni nella Provincia Autonoma di Bolzano e 120 milioni in quella di Trento: tutti cantieri dovranno concludersi entro l’avvio delle Olimpiadi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 nov 2020

AEROPORTO BOLOGNA | Emirates ha ripreso a volare su Bologna

di mobilita

Emirates ha ripreso a volare su Bologna, uno dei suoi quattro gateway in Italia, i cui collegamenti sono stati inaugurati esattamente 5 anni fa, il 3 novembre del 2015. Il Boeing 777-300 ER impiegato sulla tratta è atterrato oggi, alle 12:40, sulla pista dell’aeroporto Marconi, ricevendo il saluto con i cannoni ad acqua e segnando ufficialmente la ripresa dei servizi per il capoluogo emiliano. La ripresa dei servizi per Bologna offrirà ora ai clienti ancora più opzioni di viaggio, garantendo al contempo il rispetto dei più elevati standard di salute e sicurezza in ogni fase del viaggio. I clienti in Italia avranno anche la possibilità di collegarsi a Dubai – che ha riaperto al turismo – ma anche di andare oltre, magari per tornare a casa dalle loro famiglie di origine, visto che il collegamento Bologna- Dubai si è sempre distinto per un’elevata componente di traffico VFR (Visit Friend & Relatives). “L’Italia è un mercato importante per Emirates e siamo davvero orgogliosi del ruolo che svolgiamo nel fornire collegamenti in tutto il mondo ai passeggeri business e leisure di Bologna. La ripresa dei voli consentirà alle aziende emiliane, ma non solo, di esportare i propri prodotti in molte nazioni. Rimaniamo impegnati in questo mercato e non vediamo l’ora di continuare a lavorare a stretto contatto con i nostri partner in Italia, per fornire i migliori servizi possibili ai nostri clienti”, ha dichiarato Flavio Ghiringhelli, Country Manager Emirates in Italia. “Il trasporto aereo sta vivendo in tutto il mondo una fase delicata, cui non fa eccezione il nostro paese e il nostro scalo. Mentre viviamo tutti l’impegno comune per fronteggiare la crisi e per accelerare il risveglio economico, assume una importanza primaria la ripresa dei voli verso i mercati più importanti. In questo senso accogliamo con entusiasmo la riapertura della rotta Bologna-Dubai ed il ritorno sulle nostre piste di Emirates. Non si tratta solo di offrire nuovamente i collegamenti con il Golfo, area di indubbio interesse sia per il traffico d’affari, che per il traffico merci; per gli spostamenti familiari e per il turismo internazionale, che ci auguriamo torni rapidamente a fare parte delle nostre vite, come ci eravamo abituati. Ma Emirates rappresenta soprattutto un’ottima opportunità per riaccendere le relazioni con l’Asia intera, con l’Africa australe e con l’Oceania. Il ritorno della compagnia emiratina è un segnale di volontà di investire nella ripresa. Un investimento che darà alle imprese del nostro territorio nuove opportunità per riaprire il dialogo con i mercati intercontinentali, un aiuto all’economia della nostra regione e di tutto il Nord-Est ed il centro Italia per ripartire”, ha dichiarato Antonello Bonolis, Aviation Business e Corporate Communication Director di Aeroporto di Bologna. Negli ultimi anni Emirates SkyCargo ha contribuito a spedire molte tonnellate di merci tra Bologna a Dubai. Tra le merci più frequentemente trasportate, pezzi di ricambio automobilistici, pezzi di ricambio e macchinari per l’industria del packaging, piastrelle di ceramica, frutta e verdura, scarpe e abbigliamento, ma anche automobili di lusso. I collegamenti di Emirates tra Bologna e Dubai saranno attivi il venerdì e la domenica, con il volo EK093 che parte da Dubai alle 8:55 per arrivare a Bologna alle 12:40. Il volo EK094 decolla dal capoluogo emiliano alle 14:30 per arrivare a Dubai alle 23:20. Inoltre, a partire dal 18 novembre verrà introdotta un’ulteriore frequenza giornaliera che, con gli stessi orari, verrà operata il mercoledì.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ott 2020

Lufthansa partecipa all’inaugurazione del nuovo Berlin Capital Airport BER

di mobilita

Con l’arrivo del volo speciale LH2020, Lufthansa partecipa all’inaugurazione del nuovo Berlin Capital Airport BER il 31 ottobre. L’Airbus A320neo “Neubrandenburg” di Lufthansa decollerà da Monaco (MUC) alle 12:50 e atterrerà a BER nei tempi previsti alle 14:00. Oltre al Chairman of the Executive Board of Deutsche Lufthansa AG, Carsten Spohr, saranno a bordo circa 40 ospiti invitati. Il volo speciale è a emissioni zero al 100%, poiché tutte le emissioni saranno compensate tramite la piattaforma Lufthansa Compensaid, utilizzando carburante sostenibile. Il primo volo per il nuovo aeroporto sottolinea il rapporto speciale e di lunga data di Lufthansa con la capitale. La compagnia aerea vola a Berlino da 30 anni. Da settembre Lufthansa Group, che vola nella capitale con sei delle sue compagnie aeree, è leader di mercato a Berlino. La quota di mercato del gruppo è di circa il 30% di tutti i voli, il doppio rispetto al secondo classificato. Nessun altro gruppo di compagnie aeree ha portato tanti berlinesi in tutto il mondo negli ultimi decenni come Lufthansa Group. I clienti delle Lufthansa Group Airlines possono aspettarsi un’ampia gamma di servizi nel nuovo aeroporto per rendere la loro esperienza di viaggio ancora più piacevole. Ad esempio, sarà aperta una nuova lounge Lufthansa di 650 mq con ca. 150 posti. La lounge è stata progettata nel rispetto delle vigenti normative igieniche e di distanziamento sociale. La vetrata panoramica offre una vista del piazzale e, con il bel tempo, una vista esclusiva della famosa torre della televisione di Berlino. I voli Lufthansa, SWISS, Austrian Airlines, Brussels Airlines e Air Dolomiti sono operati al “Mainpier”, a pochi passi dalla lounge. I voli Eurowings vengono effettuati principalmente al north pier. Le operazioni regolari di volo Lufthansa a BER inizieranno dall’8 novembre. L’8 novembre 2020 l’aeroporto di Berlino-Tegel chiuderà le sue operazioni e Lufthansa si trasferirà a BER. Alle 6.45, il volo LH173 di Lufthansa per Francoforte decollerà per la prima volta dal nuovo aeroporto della capitale. I primi arrivi a BER sono previsti il 7 novembre. Insieme a Lufthansa, Austrian Airlines e SWISS inizieranno le operazioni di linea a BER l’8 novembre. Brussels Airlines segue il 9 novembre. Eurowings si trasferisce a BER pochi giorni prima. Il 4 novembre un volo regolare EW decollerà per la prima volta da BER. La compagnia aerea, che a lungo termine avrà base nel T2, decollerà inizialmente da BER T1. Air Dolomiti inizierà a volare verso BER durante il summer flight schedule.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 ott 2020

TOSCANA | Tiemme sospende i collegamenti per l’aeroporto di Fiumicino

di mobilita

Domenica 1° novembre 2020 ultima corsa per Fiumicino: a partire da lunedì 2 novembre sarà sospeso il collegamento in bus di Tiemme e ByBus da e verso l’Aeroporto Fiumicino di Roma. Per le modalità di rimborso degli utenti che hanno effettuato una prenotazione in data successiva al 2 novembre è necessario scrivere una mail a [email protected], allegando copia del biglietto acquistato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ott 2020

Fondazione Fs, piacevoli sorprese, durante il restauro, sulle vetture Gran Confort

di mobilita

Durante il restauro in corso delle vetture Gran Confort, che andranno a comporre un convoglio omogeneo, sono emerse alcune piacevoli sorprese: ad esempio, dopo un attento studio biblio/fotografico, è stata disposta la rimozione del moderno pavimento nei bagni alla ricerca di quello originale, rinvenuto al di sotto dell'attuale e in ottimo stato. Sotto il moderno linoleum, in una vettura tipo “1970”, sono state trovate delle pregiate piastrelle a mosaico di rubiera tipo martellato opaco di colore verde, mentre, in una vettura tipo “1985”, delle eleganti piastrelle bianche. Un restauratore professionista si occuperà del recupero dei pavimenti per riportarli al loro ricercato stile originario.   Le carrozze FS tipo Gran Confort o Gran Conforto, note anche come carrozze per Treni Bandiera al tempo della loro prima immissione in servizio, sono carrozze ferroviarie passeggeri di fabbricazione italiana, pensate per espletare servizi a lungo raggio che richiedono uno standard di confortevolezza molto alto, ottenuto grazie ad una serie di soluzioni tecniche innovative. Hanno accumulato una vita operativa ultraquarantennale sulle direttrici nazionali ed internazionali a lunga e lunghissima percorrenza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ott 2020

FIAB e Legambiente Piemonte chiedono il ripristino delle linee ferroviarie sospese

di mobilita

È dei giorni scorsi la notizia che alcune amministrazioni comunali interessate da tratti di ferrovie sospese in Piemonte, ne chiedono la “trasformazione” in piste ciclabili con l’approvazione di delibere ad hoc. Contattate dai nostri uffici tali amministrazioni ci raccontano di come la Regione Piemonte, dopo averlo fatto pubblicamente per bocca dell’assessore Gabusi, ha confermato la volontà di non riaprire le tratte sospese nel 2012 dall’allora presidente Cota, finanziando “al più” uno studio di fattibilità per la trasformazione delle stesse in piste ciclabili. Rimaniamo sconcertati di fronte alla miopia e all’insistenza in scelte sbagliate e penalizzanti da parte dell’Amministrazione Regionale. FIAB e Legambiente sono assolutamente favorevoli alle piste ciclabili, ma ritengono che queste debbano inserirsi in una strategia integrata dei trasporti pubblici in grado di fronteggiare la crisi climatica e le condizioni inaccettabili di inquinamento dell’aria e di traffico sulle strade. In questa strategia il treno ha un posto importante e non sostituibile. Le piste a lunga percorrenza hanno un ruolo turistico, importante nella valorizzazione del territorio, ma non possono incidere sulla quotidianità dei trasporti pendolari. Nell’affrontare la questione dell’utilizzo delle ferrovie attualmente chiuse al traffico occorre sempre partire da un inquadramento perlomeno regionale del tema, coerente con il Piano Regionale dei Trasporti vigente (approvato nel 2018) e con il PRMoP e il Piano Regionale della Mobilità Ciclabile in fase di avvio, che individui priorità, strategie, risorse, opportunità, modalità di condivisione con i territori. FIAB e Legambiente ritengono imprescindibile il valore delle linee ferroviarie a cui le reti ciclabili devono necessariamente appoggiarsi. Biciclette e ferrovie sono vincenti assieme, non se poste in concorrenza: si deve andare verso un sistema intermodale che permetta l’utilizzo congiunto e coordinato di più mezzi di trasporto e l’accoppiata TPL+bici è un fattore positivo per la mobilità urbana. In tal senso ricordiamo che sul treno si possono caricare le biciclette e le carrozzine per disabili con facilità, al contrario di quanto accade per gli autobus che lo sostituiscono. “E’ chiaro a tutti che le piste ciclabili al posto delle ferrovie sospese non possono essere un’alternativa nelle tratte casa-lavoro o casa-scuola – dichiara Giorgio Prino, Presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta – ed è scorretto indirizzare de facto gli spostamenti verso la mobilità privata. La scelta fatta dalla Regione Piemonte ha ed avrà un impatto decisamente forte dal punto di vista delle emissioni inquinanti e climalteranti, senza contare il forte contributo alla congestione della circolazione ed al conseguente aumento di rischio di incidenti stradali”. “La soppressione delle linee ferroviarie, a giudicare dalle dichiarazione della Regione Piemonte, ha ragioni prettamente economiche. – ribadisce Giorgio Ceccarelli coordinatore Fiab Nord Ovest – È evidente come sia necessario un piano di gestione virtuoso, ma quando il sistema funziona ed è accessibile, i cittadini ne fanno uso. È sufficiente pensare come nel 2010 (anno della sospensione del servizio) 2000 persone ogni giorno utilizzassero la tratta Asti-Alba. Spostare definitivamente su gomma il TPL è una scelta sbagliata e penalizzante. La bicicletta è e rimane un elemento chiave nella ricetta di una mobilità sostenibile, ma non può sostituire il trasporto ferroviario”. Occorre tener presente la distinzione fra “ferrovia dismessa” (in cui sono in genere stati rimossi i binari e gli impianti tecnologici) e “ferrovia sospesa” (la cui riattivazione è ancora possibile con interventi di ripristino e manutenzione). FIAB e Legambiente sono in genere favorevoli all’utilizzo come percorso ciclabile delle ferrovie dismesse ma assolutamente contrarie alla trasformazione delle ferrovie sospese, di cui auspicano invece la riattivazione. Sottolineiamo infine come i percorsi Asti – Alba e Nizza – Alba, oggetto delle promesse regionali, siano stati già oggetto di studio di fattibilità per la realizzazione di percorsi ciclabili su strade minori esistenti e già percorribili, denominato “Terre Unesco”, finanziato da Regione Piemonte con il Piano di Attuazione 2015 della L.R. 4/2000.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2020

BOLOGNA | Marconi Express, apertura più vicina dopo il via libera da Ministero e Comune

di mobilita

Marconi Express spa ha ricevuto dal Comune di Bologna l’autorizzazione all’apertura del servizio al pubblico. L’atto segue il nulla osta all’esercizio che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e l’Ustif (Ufficio speciale trasporti a impianti fissi) avevano trasmesso precedentemente a Palazzo d’Accursio. Nei prossimi giorni è previsto un confronto tra l’azienda e il Comune di Bologna per definire una roadmap verso l’avvio del collegamento veloce tra la stazione centrale e l’aeroporto Marconi. Tra l’altro, si condivideranno le decisioni prese per la prevenzione della diffusione del coronavirus, che tengono conto delle più recenti novità introdotte nella regolamentazione nazionale del trasporto pubblico. Tali ultime variazioni implicano anche alcune modifiche al software di controllo del sistema che devono essere provate e certificate per l'avvio del people mover. Sono previsti anche alcuni ulteriori giorni di esercizio simulato e alcune manutenzioni ordinarie prima della partenza effettiva. Marconi Express Spa continuerà a tenere aggiornati gli interessati attraverso il proprio sito web

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2020

FIRENZE | Finanziato il prolungamento della linea 3 tramviaria

di mobilita

Via libera dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti al progetto di estensione del sistema tramviario di Firenze che, in tre anni di lavori, consentirà di ampliare di sei chilometri circa l'attuale linea 3 con la nuova tratta Piazza della Libertà - Campo di Marte - Rovezzano. Si tratta di un investimento di 249 milioni di euro che sarà oggetto della prossima Conferenza Unificata per il raggiungimento della relativa intesa e che si aggiunge al finanziamento erogato a dicembre 2019 pari a 200,62 milioni di euro per la linea 3.2.1 Piazza della Libertà - Bagno a Ripoli. Nello specifico, il finanziamento riguarderà anche l'acquisto di 14 nuove vetture e l'istituzione di 15 nuove fermate che saranno servite con una frequenza media di 5 minuti di percorrenza. Offrirà una risposta, in termini di servizio di trasporto locale, a ben 12 milioni di passeggeri previsti in più all'anno. In particolare, servirà ad incentivare l'utilizzo del mezzo pubblico per i 9mila passeggeri al giorno che sono previsti nelle ore di punta negli spostamenti per scuola e lavoro e ad alleggerire il traffico privato, grazie al potenziamento del collegamento tra il centro di Firenze e i centri abitati limitrofi e con l'aeroporto di Peretola. L'obiettivo è di contribuire allo sviluppo ulteriore di un sistema integrato di trasporto intermodale nell'area metropolitana fiorentina attraverso l'interconnessione di ferrovia, tramvia, autobus, strade, autostrade e parcheggi di scambio. Allo stesso tempo quello di ridurre, per quanto possibile, l'utilizzo del mezzo privato a favore dei mezzi pubblici e della mobilità sostenibile, in continuità con il successo delle linee già attivate.

Leggi tutto    Commenti 0