Articolo
12 giu 2021

PIEMONTE | Potenziamento infrastrutturale e tecnologico tra Aosta e Ivrea

di mobilita

Manutenzione all’infrastruttura, upgrading tecnologico, eliminazione di tre passaggi a livello. Sono gli interventi previsti tra Aosta e Ivrea, sulla linea Aosta – Chivasso, dal 19 giugno al 4 luglio. Un investimento – quello del Gruppo FS attraverso Rete Ferroviaria Italiana – che vale 11 milioni di euro. IL PIANO INTERVENTI DI RFI Diversi cantieri di RFI saranno attivi lungo la linea. In particolare verranno realizzati interventi di upgrading tecnologico che miglioreranno i sistemi automatici già presenti sulla linea a supporto della circolazione, saranno sostituiti 8 scambi in varie località della tratta, rinnovati 12 chilometri di linea con la sostituzione di binari e traversine oltre all’eliminazione di tre passaggi e livello nel Comune di Strambino e la manutenzione straordinaria all’impianto di illuminazione nelle stazioni di Hone Bard e Verres. I SERVIZI SOSTITUTIVI CON BUS Per consentire gli interventi la tratta tra Ivrea e Aosta sarà chiusa al traffico e i treni regionali, previsti in circolazione dal 19 giugno al 4 luglio, saranno sostituiti con bus dall’impresa ferroviaria in accordo con la Regione Valle d’Aosta, mentre i collegamenti da e per Torino faranno capolinea nella stazione di Ivrea. I cantieri saranno preceduti da una fase di attività propedeutiche, che si svolgeranno in orario notturno, dall’11 al 17 giugno, per le quali sarà necessario cancellare e sostituire con bus due treni regionali nella tratta Aosta – Ivrea. LE NOTTI  5 – 16 LUGLIO IL COMPLETAMENTO DEI LAVORI Una terza e ultima fase prevede lavori di completamento che si svolgeranno dal 5 al 16 luglio, in orario notturno, con sei treni che saranno autosostituiti nella tratta Aosta-Ivrea fino all’11 luglio. Dal 12 al 16 luglio i treni sostituiti con bus scenderanno a due.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2021

SICILIA | Linee ferroviarie Palermo-Catania-Siracusa e Catania-Caltagirone: interventi di potenziamento infrastrutturale

di mobilita

Cantieri al lavoro da domenica 13 giugno, fra Bicocca e Catenanuova (linea Catania-Palermo), Bicocca e Augusta (linea Catania-Siracusa) e sulla linea Catania-Caltagirone. Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) eseguirà sulla linea Catania-Palermo interventi connessi al raddoppio dei binari, fino al 26 settembre; sulla Catania-Siracusa, interventi di manutenzione impianti e consolidamento dell’infrastruttura, fino al 31 luglio; sulla Catania-Caltagirone, interventi di rinnovo del binario e risanamento della massicciata, fino al 31 luglio. Per garantire l’operatività dei cantieri, la circolazione ferroviaria sarà sospesa e i treni sostituiti con autobus. Il nuovo tracciato della tratta ferroviaria Bicocca-Catenanuova, lungo circa 38 chilometri, permetterà ai treni di viaggiare a una velocità massima di 200 km/h. I lavori stanno riguardando la nuova sede ferroviaria, l’armamento, gli impianti di segnalamento e telecomunicazione, le sottostazioni elettriche, il rinnovo della stazione di Bicocca e la realizzazione della nuova stazione di Motta Sant’Anastasia. Inoltre, saranno realizzate anche tutte le opere civili, stradali e idrauliche e relativi impianti tecnologici, oltre agli interventi di mitigazione ambientale. Lo stato di avanzamento dell’opera e’, oggi, circa al 40 per cento di sviluppo  sul tratto della Bicocca-Catenanuova e si prevede di aprire la prima tratta, lunga 6 km, già alla fine di settembre 2021.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 mag 2021

FIRENZE | Sottoattraversamento ferroviario, a che punto siamo?

di Luca Ricci

Con i suoi 6km in sotterranea il progetto di sottoattraversamento ferroviario di Firenze rappresenta una delle opere più importanti in fase di realizzazione nella nostra Repubblica. Il suo completamento permetterà in un colpo solo sia la riduzione dei tempi di percorrenza dell'alta velocità sull'asse Nord/Sud, che l'aumento dell'offerta regionale di treni, attraverso il liberamento dei binari di superficie nel nodo fiorentino. In dettaglio, sono 8 milioni / anno i viaggiatori dell'alta velocità che beneficeranno di un vantaggio di 15 minuti, evitando l'attestazione a Santa Maria Novella. Per quanto riguarda l'aumento dell'offerta di treni locale, si parla di 2 treni l'ora in più sulla direttrice per Prato e sulla direttrice Empoli. Un aumento di frequenza che potrebbe finalmente portare a una soglia critica che permetta un maggiore uso dei servizi ferroviari locali anche per gli spostamenti cittadini, sullo stile della S-Bahn delle città tedesche. Allo stato attuale, i cantieri sono stati aperti. 100 lavoratori, tra operai e ingegneri, hanno già preso servizio nei cantieri situati in via Circondaria. Nei prossimi mesi, questo numero è destinato ad aumentare. Proprio in questi giorni sono state avviate alcune operazioni preliminari per il completamento della vicina stazione Forster (Belfiore AV), che con la sua copertura diverrà un importante elemento nello skyline di Firenze Nord. Per quanto riguarda il tunnel si dovrà invece attendere ancora del tempo per vedere la fresa, già presente nel cantiere di Campo di Marte, iniziare lo scavo. Il vecchio progetto è stato ampiamente modificato e rivisto e dunque per alcune parti vi sono diverse autorizzazioni ancora da richiedere, dunque lo scavo vero e proprio partirà non prima della fine di quest'anno. Contestualmente con l'inizio dei cantieri, è stato aperto in via Circondaria un info point in cui cittadini e cittadine potranno scoprire qualche informazione in più su quest'opera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2021

MATERA | Il nuovo collegamento ferroviario Ferrandina – Matera La Martella pronto entro ottobre 2026

di mobilita

L'AD di RFI, Vera Fiorani, anche nella sua funzione di Commissario Straordinario per la realizzazione della nuova linea Ferrandina – Matera La Martella, ha presentato alle Commissioni Ambiente e Trasporti alla Camera dei Deputati il progetto di collegamento ferroviario della città di Matera all’infrastruttura ferroviaria nazionale attraverso la realizzazione di una nuova linea elettrificata di 20 km a semplice binario che si allaccia alla stazione di Ferrandina sulla linea Potenza - Metaponto.   Le opere consistono nell’adeguamento e completamento delle opere civili fino ad ora realizzate, nell’attrezzaggio tecnologico della linea e della stazione di Matera La Martella e nella realizzazione di una lunetta a nord di Ferrandina per garantire il collegamento diretto verso Potenza (“Lunetta Ferrandina”). Il progetto consentirà di istituire relazioni ferroviarie di lunga percorrenza per collegare Matera con il sistema AV e potenziare l’offerta di trasporto pubblico locale sul territorio in termini di frequenza e qualità. Gli obiettivi principali del progetto sono: dotare la città di Matera di un collegamento alla rete ferroviaria nazionale; istituire relazioni ferroviarie passeggeri lunga percorrenza per il collegamento di Matera con il sistema Alta Velocità; potenziare l’offerta di trasporto pubblico locale sul territorio in termini di frequenza (maggiori relazioni) e qualità (maggiore velocità) Con un precedente investimento sono state realizzate gran parte delle opere civili. La Progettazione Definitiva degli interventi, compresi gli adeguamenti delle opere esistenti (viadotti) alle Norme Tecniche di Costruzione (NTC) vigenti, è stata completata. Ricevuto parere del CSLLPP ottobre 2020 Concluso aggiornamento del PD per recepire parere del CSLLP gennaio 2021 Avvio procedura VIA febbraio 2021 Avvio procedimento autorizzativo (DPR 383/94) maggio 2021 Parere Tavolo Tecnico CSLLPP-ANSF-MIT per opere esistenti: luglio 2021 Rilascio deroga STI SRT da parte di ANSF per (galleria Miglionico): ottobre 2021 Avvio attività negoziali aprile 2022 Inizio lavori luglio 2023 Ultimazione lavori ottobre 2026

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2020

UMBRIA | Al via attivazione del secondo binario tra Spoleto e Campello

di mobilita

Primo passo per il raddoppio della tratta Spoleto - Campello. Al via il potenziamento infrastrutturale della linea Foligno - Orte con l'attivazione del nuovo binario tra Spoleto e Campello sul Clitunno. L'intervento consentirà l'eliminazione di ben quattro passaggi a livello grazie allo spostamento del tracciato ferroviario sulla nuova sede che, correndo parzialmente in galleria, vedrà anche ridursi l'impatto dell'esercizio della linea sulle aree abitate della località San Giacomo. Le attività, eseguite da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), si svolgeranno dalle 23 di oggi (lunedì 28 dicembre) fino alle prime ore del mattino di mercoledì 30 dicembre. La circolazione ferroviaria sarà interrotta e tutti i treni saranno sostituiti da autobus tra le stazioni di Foligno e Spoleto. I bus partiranno dai piazzali antistanti le stazioni e il loro orario potrà variare in base al traffico stradale. I nuovi orari in vigore martedì 29 dicembre sono consultabili sul sito Infomobilità dell'impresa ferroviaria (Linea Roma - Orte - Ancona: traffico riprogrammato martedì 29 dicembre per lavori di potenziamento). Durante i lavori saranno impegnati circa 120 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte appaltatrici e 15 mezzi d'opera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 ott 2020

Inaugurati i lavori sull’Alta Velocità FS tra Brescia Est e Verona

di mobilita

Una cerimonia per inaugurare i lavori dell’alta velocità ferroviaria tra Brescia Est e Verona. Si è svolta oggi, lunedì 5 ottobre, nel cantiere del consorzio CEPAV di Lonato del Garda. Insieme all’amministratore delegato di FS Italiane, Gianfranco Battisti, la ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola de Micheli, a sottolineare l’importanza dell’opera e il suo particolare significato nell’attuale contesto economico del Paese. A dare il via ai lavori l’assemblaggio ad hoc di Martina, la gigantesca fresa del diametro di 10 metri incaricata di realizzare la Galleria Lonato,  un tunnel di circa 8 chilometri che sottoattraversa  l’autostrada A4 per riemergere ad est, in affiancamento all’autostrada stessa. Quella che si va a realizzare è “Un'opera del valore di 3,4 miliardi di euro che cambierà il sistema di collegamento del nord Italia: permetterà la crescita del PIL e dell’occupazione e segnerà il kick off delle Olimpiadi MilanoCortina 2026 – ha dichiarato Gianfranco Battisti, sottolineando che è un’ulteriore - occasione per riaffermare il nostro ruolo di eccellenza nel mondo". Sulla stessa linea la ministra De Micheli “Abbiamo una grande fortuna: avere una azienda statale che ha la capacità realizzativa che nessuno degli stati Europei può vantare. Il Governo deve sostenere il lavoro delle grandi opere in cantiere da Ferrovie dello Stato”. E ha proseguito: La tratta Brescia-Verona servira' ai passeggeri, ma anche per aumentare la competizione dell'area con piu' alta concentrazione industriale d'Europa. Non credo che il Covid ci abbia cambiato a sufficienza. Pero' ci sono cose che la pandemia ci ha insegnato: la prima e' che noi siamo in grado di tenere aperti i cantieri in sicurezza e portare avanti i lavori senza intoppi". La nuova Brescia Est - Verona è uno dei tasselli del Core Corridor Mediterraneo che collegherà i porti del sud della Penisola iberica con il confine ucraino, passando per il sud della Francia, l’Italia Settentrionale e la Slovenia, con una sezione in Croazia. Si svilupperà per lo più in affiancamento all’autostrada A4 Milano – Venezia e all’attuale linea ferroviaria, con un tracciato di circa 48 km, compresi i 2,2 km dell’interconnessione “Verona Merci” di collegamento con l’asse ferroviario Verona – Brennero, attraversando 11 comuni nelle province di Brescia, Verona e Mantova. L’opera è stata commissionata da Rete Ferroviaria Italiana, mentre l’Alta Sorveglianza e la Direzione Lavori sono state affidate a Italferr. Entrambe le società sono parte del Gruppo FS Italiane. Il completamento della linea Milano - Verona, di cui è già in esercizio dal 2007 il tratto Milano - Treviglio e dal 2016 la tratta Treviglio - Brescia realizzata anch’essa da Cepav due, permetterà di ridurre le interferenze tra i diversi flussi di trasporto, rendendo più fluida la circolazione e aumentando la capacità di traffico nei  nodi ferroviari di Brescia e Verona, con benefici sulla regolarità e sulla puntualità sia dei servizi a lunga percorrenza sia di quelli regionali nonché del trasporto merci. Alla cerimonia, svoltasi nel cantiere di Lonato del Garda (BS), hanno partecipato oltre alla ministra Paola De Micheli, e all’Amministratore Delegato di FS Italiane Gianfranco Battisti, gli assessori di Veneto e Lombardia, Elisa De Berti e Claudia Terzi, i sindaci dei Comuni attraversati dalla linea. Presenti, tra gli altri, i vertici delle società operative di Ferrovie dello Stato: Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RFI, e Aldo Isi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Italferr.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 apr 2020

EMILIA ROMAGNA | Al via in estate l’interramento a Ferrara della linea Ravenna-Codigoro

di mobilita

La Regione Emilia Romagna sblocca un’altra opera infrastrutturale. Grazie a 5 milioni di risorse regionali, in estate potrà partire il progetto di interramento, nel tratto urbano di Ferrara, della ferrovia Ferrara-Ravenna/Ferrara-Codigoro. Si tratta di un intervento del valore complessivo di oltre 61 milioni, della durata di 3 anni, che vede la partecipazione finanziaria, oltre che della Regione Emilia-Romagna, del Ministero delle Infrastrutture, del Comune di Ferrara e di Rfi. “Il progetto esecutivo è in fase di verifica- spiega l’assessore regionale alle Infrastrutture, Andrea Corsini-. L’obiettivo è potenziare l’itinerario Ravenna-Poggio Rusco e, quindi, i collegamenti tra il porto di Ravenna e il Brennero, valorizzando il ruolo dell’hub romagnolo nell’ambito dei traffici merci con la Germania e con tutta l’Europa. Altra finalità dell’intervento, non meno importante, è l’eliminazione dell’’effetto barriera’ creato oggi dai binari in città. Attraverso l’interramento della ferrovia oggi in superficie, si realizza un’importante operazione di ricucitura urbana in una zona della città densamente popolata e vengono eliminati anche 2 passaggi a livello”. “Grazie a questo ultimo consistente tassello, frutto del lavoro congiunto degli assessorati al Bilancio e alle Infrastrutture e di Fer- sottolinea l’assessore al Bilancio, Paolo Calvano- riparte la realizzazione di un’opera fondamentale per le ferrovie regionali e che risolverà importanti problemi di viabilità nella città di Ferrara. Inoltre, l’avvio di un cantiere da oltre 60 milioni di euro, in un periodo così difficile, potrà essere certamente di impulso anche per l’economia locale e regionale”. L’intervento, nel dettaglio, costituisce il 2° stralcio di un progetto che prevede di collegare la linea RFI Ravenna-Ferrara con la Ferrara-Suzzara, la quale a Poggio Rusco si connette a sua volta con la direttrice Bologna Brennero. I lavori saranno realizzati da Fer, società della Regione Emilia-Romagna che gestisce le infrastrutture regionali e il contratto di servizio ferroviari per conto della Regione. Il progetto prevede la creazione di una galleria dall’innesto della bretella di collegamento con la linea per Suzzara, fino al quartiere Rivana, da cui partiranno le rampe di congiunzione con le linee per Ravenna e Codigoro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 gen 2020

NAPOLI | Stop ai treni della linea 2 per lavori

di mobilita

Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) realizzerà, nel prossimo fine settimana, interventi preparatori per demolizione e rinnovo della seconda passerella pedonale nella fermata Napoli Piazza Amedeo della Linea 2 metropolitana. I lavori, che saranno completati per fasi, consentiranno ai viaggiatori di utilizzare moderni sovrappassi per raggiungere più agevolmente i binari o l'uscita lungo percorsi non solo più gradevoli sotto l'aspetto visivo, ma anche più funzionali. Dopo gli interventi di rinnovo che hanno interessato anche l'impianto di illuminazione, ora dotato di lampade a LED ad alto rendimento e risparmio energetico, e gli spazi destinati alla prossima installazione di ascensori, oggi è stata aperta la passerella lato Mergellina che si presenta già con le nuove caratteristiche architettoniche. Sabato 11 e domenica 12 gennaio, dunque, non circoleranno treni fra Napoli Campi Flegrei e Napoli San Giovanni Barra che, nei giorni indicati, sarà capolinea per i collegamenti con Salerno, Castellammare di Stabia e Torre Annunziata Centrale. Un servizio di bus navetta sarà attivo tra San Giovanni Barra e Napoli Centrale. La stazione di Campi Flegrei sarà capolinea per i collegamenti con Pozzuoli, mentre alcuni treni da e per Caserta avranno origine o fine corsa a Napoli Centrale. Informazioni dettagliate sono disponibili nelle stazioni e su tutti i canali di vendita Trenitalia, aggiornati con le variazioni all'offerta commerciale

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 set 2019

Posticipata la riapertura della linea ferroviaria Messina-Palermo

di mobilita

Proseguono i lavori di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per il potenziamento infrastrutturale della galleria Montagnareale, sulla linea Messina-Palermo. Martedì 10 settembre si concluderà la fase principale dei lavori, avviata lo scorso 10 luglio, che ha comportato la sospensione del traffico ferroviario fra Gioiosa Marea e Patti. La particolarità e complessità delle lavorazioni in atto hanno reso necessario posticipare di due giorni - dall’8 al 10 settembre -  la chiusura del cantiere, operativo dalla sua apertura 7 giorni su 7 per 24 ore al giorno. Restano pertanto in vigore fino a tale data le attuali modifiche al programma di circolazione di treni regionali e media/lunga percorrenza. Informazioni di dettaglio (vedi locandina allegata) sono consultabili anche nelle stazioni e su rfi.it/sezione Infomobilità Confermata per domenica 8 settembre, come da programma, la riapertura della carreggiata in direzione Messina dell’autostrada A20, interrotta per consentire una parte dei lavori esterni alla galleria Montagnareale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2019

Stop ai treni sulla Palermo-Catania, Catania-Siracusa e Catania-Caltagirone

di mobilita

Cantieri al lavoro fra Bicocca e Catenanuova (linea Catania-Palermo), Bicocca e Augusta (linea Catania-Siracusa) e sulla linea Catania-Caltagirone, da domenica 9 giugno fino al 7 luglio. Nello specifico, Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sulla linea Catania-Palermo eseguirà interventi di raddoppio dei binari. Investimento 3 milioni di euro. Sulla Catania - Siracusa saranno realizzate opere propedeutiche all'innalzamento della velocità della linea e delle sue performance. Investimento circa 2 milioni di euro. Infine, sulla Catania-Caltagirone sarà risanata la massicciata, a completamento delle opere di manutenzione straordinaria che a febbraio hanno consentito la riapertura della linea.

Leggi tutto    Commenti 0