Articolo
29 giu 2020

Altre 38 Frecce arricchiscono l’offerta estiva di Trenitalia

di mobilita

Luglio, per chi sceglie il treno per muoversi, s’inaugura con il ritorno sui binari di altre Frecce Trenitalia sospese per l’emergenza Covid. In tutto 38 corse in più, introdotte nell'offerta ferroviaria estiva tra domenica 28 giugno e domenica 5 luglio, che comprendono  il Frecciarossa Trieste-Roma, l'Udine-Milano, il Perugia-Torino e il Genova-Milano-Venezia, oltre al Frecciargento fra Vicenza e Roma. Dal 28 giugno prende il via anche il prolungamento a Sapri, nel fine settimana, del Milano-Napoli con fermate nel Cilento. Queste novità di inizio luglio, con il ritorno di collegamenti tanto attesi come i Frecciarossa Perugia-Torino e Genova-Venezia, insieme al Roma-Trieste con fermata a Trieste Airport, concomitante con il progressivo ritorno all’operatività dell’aeroporto giuliano, e la reintroduzione di tutti i 108 InterCity Giorno e Notte sono un segnale di normalizzazione e di ripartenza dell’intero sistema di mobilità ferroviaria nazionale. Un altro deciso passo che arriva dopo altre iniziative adottate per stimolare l’interesse di tanti nuovi potenziali viaggiatori con scelte forti e inedite che stanno riscuotendo grande attenzione. Come far costeggiare al Frecciarossa 1000 il litorale tirrenico di Liguria  Toscana e Lazio con  un  Milano-Roma versione balneare e inserire in orario le due coppie di Frecciarossa con 12 vetture tra Torino e Reggio Calabria, in un testa-coda della Penisola che, percorsa l’intera linea AV, non si arresta fino allo Stretto di Messina. Del resto, come è stato più volte ribadito nelle ultime settimane dai vertici sia di FS Italiane sia di Trenitalia, l’offerta ferroviaria estiva è parte integrante di un nuovo piano di sviluppo del turismo nazionale, volto alla riscoperta - nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria - di mete e itinerari di assoluto interesse e richiamo.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
04 giu 2020

Triplicati i passeggeri su Frecce e Intercity

di mobilita

Da 8mila a 22mila in un giorno. Sono quasi triplicati dalla scorsa settimana i passeggeri di Frecce e Intercity. In tanti hanno deciso di raggiungere in treno amici e parenti lontani nel primo giorno di libertà di movimento tra regioni. A loro disposizione un’offerta di corse nazionali Trenitalia più che raddoppiata, passata da 58 a 128 treni, trai quali il nuovo Frecciarossa Torino – Reggio Calabria arrivato a destinazione in perfetto orario. Su 26 treni si è raggiunto il sold out, che vale comunque soltanto il 50% dei posti offerti dalla capienza massima di ciascun treno. L’altra metà resta infatti vuota e invendibile, per distanziare le persone, come richiesto dagli attuali protocolli di sicurezza.  E comunque, a fine giornata, mediamente un posto su due, anche di quelli in vendita, è rimasto vuoto. Insomma, siamo ancora ben lontani dai tempi pre-Covid, anche se i segnali positivi, soprattutto in vista della prossima estate, non mancano e vanno coltivati. Stazioni quindi oggi molto più animate delle settimane passate, ma con un movimento sempre tranquillo e ordinato di viaggiatori che si sono lasciati sottoporre ai controlli del termoscanner prima di accedere all’area partenze delle principali stazioni AV italiane e salire su treni ad Alta Velocità e Intercity.  Il controllo preventivo,  che impone lo stop a chi ha una temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi, si aggiunge alle tante misure messe in campo dalle società del Gruppo FS per tutelare la salute di viaggiatori e personale. Anche sui regionali l’affluenza ha fatto un balzo in avanti del 32% rispetto alle medie della scorsa settimana. Alle 17 i passeggeri erano oltre 300mila, a fine giornata se ne attendono almeno 450mila sulle oltre 4600 corse disponibili. I numeri sono in costante crescita, e lasciano ben sperare, ma valgono ancora poco meno di un terzo rispetto a quelli realizzati in tempi migliori, a scuole aperte. Anche qui il vincolo del distanziamento è sempre stato rispettato con un indice di riempimento medio del 35%, calcolato sui posti realmente utilizzabili, ossia sempre la metà di quelli esistenti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mag 2020

Trenitalia, aumenta l’offerta di Frecce e InterCity sulla linea adriatica

di mobilita

Più Frecce ed InterCity in circolazione sulla Linea Adriatica dal 3 Giugno. Due i Frecciargento in più: il FA 8802 in partenza da Ancona alle 5,20 con arrivo a Milano alle 9,15 e il FA 8825 in partenza dalla città della Madonnina alle 18,50 con arrivo ad Ancona alle 22,39. Quattro invece i Frecciabianca: FB 8803 Milano (7,35) – Bari (15,27), FB 8815 Venezia (14,52) – Lecce (23,45), FB 8816 Lecce (7,06) – Venezia (16,08) e FB 8830 Bari (16,30) – Milano (00,30). Queste sei Frecce vanno ad aggiungersi ai quattro Frecciabianca già oggi in circolazione sulla Linea Adriatica, dove sempre dal 3 giugno torneranno a circolare anche quattro InterCity in più, che portano così a sei il loro numero complessivo. Trenitalia (Gruppo FS Italiane) incrementa in questo modo il numero di treni a disposizione dal secondo step della Fase 2 dell’emergenza sanitaria iniziato il 18 maggio. L’offerta di Trenitalia – che a livello nazionale da inizio giugno prevede 74 Frecce e 48 InterCity sulle principali direttrici del Paese - cresce con un numero di collegamenti congruo alla richiesta di mobilità di questo periodo, tenendo conto della disponibilità di posti al 50% per il sistema di prenotazione “a scacchiera” che garantisce il rispetto del distanziamento sociale. I biglietti per tutta la nuova offerta commerciale dei treni a media e lunga percorrenza sono già da oggi disponibili sui sistemi di vendita di Trenitalia, la cui priorità è la tutela della salute delle persone nel massimo rispetto delle disposizioni vigenti. I passeggeri possono così iniziare a organizzare i loro spostamenti in treno per motivi di lavoro, ma anche per quelli di svago e turismo nella prossima stagione estiva, fondamentali per rilanciare il turismo nazionale e quello di prossimità, in particolare nelle località di medie e piccole dimensioni ad alta attrattività culturale e paesaggistica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2020

Arriva il biglietto nominativo per Frecce e Intercity

di mobilita

L’avvio della Fase 2 porta alcune novità a tutela della salute di chi viaggerà in treno. Oltre a mascherine obbligatorie, la raccomandazione di guanti monouso, dispenser per frequenti igienizzazioni delle mani e distanziamento, una tra le principali riguarda l’introduzione del biglietto elettronico nominativo sia per le Frecce sia per gli Intercity, per i quali la prenotazione diventa obbligatoria. L’iniziativa, nel pieno rispetto degli obblighi di protezione dei dati personali, garantirà un maggior livello di sicurezza sanitaria consentendo, ad esempio, di essere avvisati nel caso in cui si sia condiviso il viaggio con un passeggero risultato successivamente positivo al virus. A bordo di Frecce e Intercity è confermato il sistema di prenotazione dei posti “a scacchiera”, con una riduzione del 50% della capienza massima, così da poter consentire il distanziamento sociale richiesto dalle norme di profilassi. Con la graduale riapertura delle attività produttive e commerciali, dal 4 maggio l'offerta dei servizi di trasporto regionale e, progressivamente, anche nazionale, conoscerà un aumento in una misura coerente a soddisfare la domanda di mobilità stimata dalla commissione governativa. Nel trasporto regionale l’aumento delle corse punta a far sì che le presenze a bordo siano tali da consentire il distanziamento interpersonale, che verrà agevolato dall’indicazione delle sedute da lasciare libere e dalle indicazioni sui comportamenti individuali da tenere durante e alla fine del viaggio, fornite con tutti gli strumenti a disposizione (monitor, diffusori audio, locandine). Il personale segnalerà i comportamenti difformi dalle norme alle Forze dell’Ordine affinché queste condizioni vengano rispettate, fermo restando che sarà indispensabile la collaborazione e il senso di responsabilità di tutti i viaggiatori perché le misure adottate abbiano successo. Il Gruppo FS, con Trenitalia e le sue altre società, fin dalle prime fasi dell’emergenza coronavirus aveva messo in atto incisive misure di prevenzione e controllo che si sono sempre più affinate, dai kit protettivi per il personale all’installazione dei dispenser con gel igienizzante sui treni e nelle stazioni, dalla dotazione di termoscanner alle iniziative da adottare in presenza di casi sospetti, dagli incentivi a usare i canali commerciali per l’acquisto dei biglietti e per le informazioni a una campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulle norme di prevenzione, fino a cicli sempre più intensi di pulizia e sanificazione di tutte le aree di lavoro, sosta e viaggio. Un capitolo a parte riguarda le stazioni dove saranno approntati percorsi a senso unico per separare i flussi in entrata e uscita, distribuendo le persone in modo tale da evitare assembramenti e proseguendo con i controlli scrupolosi ai gate di accesso e uscita. Il modo migliore per tutelare la propria e altrui salute, nelle varie fasi del viaggio, consiste  nel rispetto delle norme e prescrizioni di sicurezza impartite anche se, inevitabilmente, porteranno a modificare le consuete abitudini, così com’è successo per la spesa al supermercato e per tante altre attività quotidiane. È un piccolo sacrificio, ma necessario per il bene di tutti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2019

Trenitalia, nel nuovo orario invernale salgono a 300 le fermate Frecce nell’area metropolitana di Milano

di mobilita

Maggiore copertura dell’area metropolitana di Milano in tutte le ore della giornata, favorendo più capillarità di collegamenti, grazie alle 128 fermate Frecciarossa in più: 43 nuove fermate a Milano Rogoredo, 30 a Rho-Fiera Milano e 12 a Milano Porta Garibaldi che portano ad oltre 300 le fermate complessive nel nodo di Milano. Confermate le 104 corse Frecciarossa che uniscono Roma e Milano. Un’offerta dalle 5 del mattino alla mezzanotte, orari in cui sono previsti gli ultimi arrivi nelle due più grandi metropoli del Paese. Di questi sono 57 i Frecciarossa che uniscono Colosseo e Madonnina in circa tre ore con unica fermata a Rogoredo o a Bologna Centrale. A questi viene aggiunto un Frecciarossa con fermata anche a Reggio Emilia AV. Gli altri 46 Frecciarossa, che completano l’offerta sulla rotta Roma – Milano, offrono un servizio su misura per ogni esigenza di spostamento collegando anche le altre città del Sistema AV/AC: Torino, Bologna, Reggio Emilia AV, Firenze, Napoli e Salerno. Aumenta la scelta per viaggiare fra Milano e Venezia. Sono 48 i Frecciarossa che collegano le due città compresi i due nuovi collegamenti da Milano Centrale la nuova corsa Frecciarossa 9719 è prevista alle 10.15 con fermate intermedie a Brescia (a. 10.51 – p. 10.53), Peschiera del Garda (a. 11.12 – p. 11.14), Verona Porta Nuova (a. 11.28 – p. 11.30), Vicenza (a. 11.55 – p. 11.57), Padova (a. 12.14 – p. 12.16), Venezia Mestre (a. 12.30 – p. 12.32) e arrivo a Venezia Santa Lucia alle 12.42. Da Venezia Santa Lucia la partenza del nuovo Frecciarossa 9736 è prevista alle 13:48 con fermate intermedie a Venezia Mestre (a. 13.58 – p. 14.00), Padova (a. 14.14 – p. 14.16), Vicenza (a. 14.32 – p. 14.34), Verona Porta Nuova (a. 15.00 – p. 15.02), Desenzano del Garda-Sirmione (a. 15.21 – p. 15.23), Brescia (a. 15.37 – p. 15.39) e arrivo a Milano Centrale alle 16.15. Confermati anche i due collegamenti Frecciarossa sulla rotta Genova – Milano – Venezia. La coppia di treni di andata e ritorno collega il Capoluogo ligure alla città lagunare fermando a Milano, Brescia, Verona, Vicenza e Padova. Tra le novità dell’orario invernale di Trenitalia, progressivamente a partire da dicembre 2019 e gennaio 2020, i collegamenti Frecciarossa post-cena da Torino a Milano nei fine settimana e Milano – Bologna il mercoledì e giovedì. (Il Frecciarossa 9671 partirà nelle giornate di venerdì, sabato e domenica da Torino Porta Nuova alle 23.00 in direzione Milano Centrale con arrivo alle 00.02 e fermata intermedie a Torino Porta Susa (p. 23.10) e Rho-Fiera Milano (a. pag. 2 23.49 – p. 23.51). In direzione opposta il 9668, provenendo da Napoli Centrale (p. 18.30), partirà da Milano Centrale alle 23.05 verso Torino Porta Nuova (a. 0.12) fermando anche a Rho Fiera (a. 23.15 – p. 23.17) e Torino Porta Susa (a. 00.01). Nelle giornate di mercoledì e giovedì, invece, il Frecciarossa 9673 partirà da Milano Centrale alle 22.40, fermando a Milano Rogoredo (p. 22.50) e Reggio Emilia AV (a. 23.27 – p. 23.29) per arrivare a Bologna Centrale alle 23.54). Inoltre, nell’ambito delle azioni per lo sviluppo del turismo, nel fine settimana saranno attivi collegamenti per Oulx e Bardonecchia da Milano per soddisfare la domanda di viaggiatori amanti della montagna. In dettaglio il Frecciarossa 9348: parte da Milano Rogoredo (a. 10.55 – p. 10.57), Milano Porta Garibaldi (a. 11.12 – p. 11.15), Rho Fiera Milano (a. 11.27 – p. 11.29), Torino Porta Susa (a. 12.08 – p. 12.10), Oulx (a. 13.12 – p. 13.14) e arrivo a Bardonecchia alle 13.25. Il Frecciarossa 9349 parte da Bardonecchia alle 14.40 con fermate intermedie a Oulx (a. 14.49 – p. 14.51), Torino Porta Susa (a. 15.48 – p. 15.50), Rho Fiera Milano (a. 16.31 – p. 16.33), Milano Porta Garibaldi (a. 16.45 – p. 16.48), Milano Rogoredo (a. 17.02 – p. 17.04). Nuovo collegamento diretto fra Milano e Bolzano con fermate a Trento, Rovereto, Verona, Peschiera Del Garda e Brescia. I nuovi collegamenti nel dettaglio prevedono: partenza del Frecciarossa 9721/9720 da Bolzano alle 8.45 con fermate intermedie a Trento (a. 9.17 – p. 9.19), Rovereto (a. 9.32 – p. 9.34), Verona Porta Nuova (a. 10.20 – p. 10.32), Peschiera del Garda (10.46 – 10.48), Brescia (a. 11.07 – p. 11.09) e arrivo a Milano Centrale alle 11.45. Il Frecciarossa 9741/9746 parte da Milano Centrale alle 15.45 con fermate intermedie a Brescia (a. 16:21 – p. 16:23), Peschiera del Garda (a. 16.42 – p. 16.44), Verona Porta Nuova (a. 16.58 – p. 17.20), Rovereto (a. 18.01 – p. 18:03), Trento (a. 18.15 – p. 18.17) e arrivo a Bolzano 18.48.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 giu 2019

Tutte le novità delle Frecce con il nuovo orario estivo

di mobilita

Più capillarità nelle aree urbane, maggiore personalizzazione dell’offerta e dinamicità per soddisfare la domanda turistica estiva. Insieme alle connessioni per unire il treno alle altre modalità di trasporto che permettono facili spostamenti per viaggiatori e turisti stranieri. Trasversali a tutte le novità dell’orario estivo 2019 di Trenitalia sono la qualità in termini di comfort, puntualità e assistenza e la digitalizzazione per favorire maggiore semplificazione e connettività di tutti i passeggeri, grazie anche all’installazione del wi-fi Fast a bordo dei Frecciarossa 1000 e Frecciargento ETR 700. Frecce, InterCity, EuroCity, Euronight e FRECCIALink: è il network Trenitalia, composto dam 437 treni al giorno, arricchito con ulteriori 190 nuove fermate, che connette nell’estate 2019 più di 240 stazioni delle principali città italiane. Sono 289 Frecce (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca), 108 InterCity (giorno e notte) e fino a 36 FRECCIALink, a cui si aggiungono 32 EuroCity e otto Euronight, che uniscono l’Italia all’Europa da domenica 9 giugno, giorno del nuovo orario estivo 2019 di Trenitalia. Frecciarossa, più frequenza e copertura territoriale: 32 nuove fermate negli hub di Milano, Medio-Padana e Napoli; 104 Frecciarossa tra Roma e Milano Una maggiore copertura delle principali aree del Paese in tutte le ore della giornata, favorendo più capillarità di collegamenti su tutto il territorio, grazie alle trentadue fermate Frecciarossa in più: 14 a Milano Rogoredo (totale 52), 8 a Reggio Emilia AV (totale 41) e 10 a Napoli Afragola (totale 33), che portano a 427 le fermate complessive delle Frecce nei nodi ferroviari metropolitani di Milano (246), area Medio padana (61 di cui 41 Reggio Emilia AV più 20 Reggio Emilia) e Napoli (120). Confermate le 104 corse Frecciarossa che uniscono Roma e Milano. Un’offerta dalle 5.00 del mattino alla mezzanotte, orari in cui sono previsti gli ultimi arrivi nelle due più grandi metropoli del Paese. Di questi sono 56 i Frecciarossa che uniscono Colosseo e Madonnina in circa tre ore, senza fermate intermedie o con solo fermata a Bologna Centrale. A questi se ne aggiungono altri due con fermata solo a Reggio Emilia AV. Gli altri 46 Frecciarossa, che completano l’offerta sulla rotta Roma – Milano e diventano 49 nella giornata di picco massimo del venerdì, offrono un servizio su misura per ogni esigenza di spostamento collegando anche le altre città del Sistema AV: Torino, Bologna, Reggio Emilia AV, Firenze, Napoli e Salerno. 46 Frecce per la costa adriatica nei week end estivi: con due Frecciarossa in più Milano – Ancona e due nuovi Frecciargento Bolzano – Ancona L’offerta Trenitalia per l’estate 2019 diventa ancora più dinamica con collegamenti e servizi dedicati a soddisfare la domanda turistica estiva nel Belpaese. Due Frecciarossa in più il sabato e la domenica fino al 15 settembre tra Milano e Ancona. E il sabato e la domenica, sempre fino al 15 settembre, due nuovi Frecciargento che avvicinano la montagna al mare, collegando Bolzano e Ancona. Le quattro Frecce si aggiungono ai sei Frecciarossa, 16 Frecciargento e 20 Frecciabianca e portano così a 46 le Frecce che collegano la costa adriatica al resto d’Italia. Per tutta l’estate, previste inoltre, sei fermate Frecciarossa in più a Riccione, di cui quattro nel fine settimana. Grazie alle Frecce in servizio sulla costa adriatica, tra Milano e Riccione il viaggio si riduce a due ore e nove minuti, tra il Capoluogo lombardo e Ancona a tre ore e due minuti e tra Milano e Bari a sei ore e 45 minuti. La nuova rotta Frecciargento permette di raggiungere Ancona da Bolzano in quattro ore e 40 minuti. Ma non è tutto perché anche i piemontesi possono raggiungere velocemente la costa adriatica: da Torino a Rimini bastano tre ore e 18 minuti e da Torino a Ancona quattro ore e 13 minuti. Due Frecciarossa uniscono Chiusi-Chianciano Terme al sistema AV: più vicine Siena, Val di Chiana, Val d’Orcia, Amiata e Trasimeno Due Frecciarossa, fino al 15 settembre, collegano Chiusi-Chianciano Terme alle principali città italiane servite dall’alta velocità. Le nuove fermate sono la risposta alla crescente domanda di mobilità turistica nel periodo estivo. L’obiettivo è infatti soddisfare la domanda stagionale turistica verso le aree di Chiusi, Siena e le sue Terre, Val di Chiana, Val d’Orcia, Amiata e Trasimeno, conosciute come le antiche terre degli Etruschi. Ciò è possibile anche grazie alle migliori connessioni di primo e ultimo miglio con il territorio fra Chiusi e Siena, consentendo un facile interscambio modale treno autobus. In Laguna con il Frecciarossa: confermate le 48 corse Milano – Venezia Confermati i 48 Frecciarossa tra Milano e Venezia. I turisti possono raggiungere la Laguna da Milano Centrale in Frecciarossa con partenze dalle 6.15 del mattino e ultimo arrivo previsto a Venezia Santa Lucia alle 23.13. Confermati anche i due collegamenti Frecciarossa sulla rotta Genova – Milano – Venezia. La coppia di treni di andata e ritorno collega il Capoluogo ligure alla città lagunare fermando a Milano, Brescia, Verona, Vicenza e Padova. Sei Frecce connettono Fiumicino Aeroporto a Venezia, Padova, Bologna, Firenze, Genova, La Spezia, Pisa e Roma; quattro Frecciarossa arrivano a Trieste Airport Il nuovo orario estivo 2019 di Trenitalia è fortemente incentrato anche sulle connessioni fra le porte di accesso del Paese: stazioni, aeroporti e porti. Confermate le quattro corse giornaliere Frecciarossa che connettono l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino con Venezia. Due collegamenti Frecciargento uniscono il Ponente ligure (Genova e La Spezia) e la Toscana (Pisa e Firenze) a Fiumicino Aeroporto e viceversa. In 4 ore e 32 minuti si può viaggiare in Frecciargento tra Fiumicino Aeroporto e Genova Piazza Principe. Tra Fiumicino Aeroporto e Pisa Centrale in due ore e 42 minuti e tra Fiumicino Aeroporto e Firenze Campo di Marte in solo un’ora e 54 minuti. Per potenziare la connessione del sistema aeroportuale italiano con quello alta velocità, quattro Frecciarossa della rotta Torino Trieste fermano nella stazione di Trieste Airport, portando a 10 le fermate Frecce giornaliere nello scalo aeroportuale triestino. Frecciarossa nel Cilento, fermate a: Agropoli, Vallo della Lucania, Centola/Palinuro/Marina di Camerota, Pisciotta/Palinuro e Sapri Il Frecciarossa unisce nel fine settimana il Cilento al resto d’Italia fino al 13 ottobre. Infatti venerdì, sabato e domenica il Frecciarossa 9517 in partenza da Milano Centrale alle 7.20 arriva a Sapri alle 14.14. Nello stesso periodo, la corsa Frecciarossa 9590 per il Nord è prevista da Sapri alle 14.52 con arrivo a Milano Centrale alle 21.50. Al mare in Frecciargento: sei corse connettono Roma e il resto d’Italia a Calabria e Sicilia (treno+nave Blu Jet); nuove fermate a Maratea Sono 52 i Frecciargento al giorno che collegano la Capitale con alcune delle principali città del Nord e del Sud Italia. Proprio al Sud dal 9 giugno, nel fine settimana e fino al 15 settembre, sono previste due nuove corse Frecciargento che fanno salire a sei i collegamenti tra Roma e Reggio Calabria, con la fermata aggiuntiva a Maratea per due corse, il sabato e la domenica. Il nuovo Frecciargento previsto nel periodo estivo parte sabato e domenica da Roma Termini alle 6.25 e arriva a Reggio Calabria Centrale alle 12.40. Il Frecciargento verso Nord parte da Reggio Calabria Centrale alle 16.00 e arriva a Roma alle 21.55, garantendo così il proseguimento dei viaggi verso Nord. Le Frecce Reggio Calabria – Roma sono in connessione anche con la Sicilia grazie ai collegamenti Blu Jet, la società di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) che svolge il servizio di traghettamento con navi veloci tra Villa San Giovanni e Messina. Roma e Messina sono collegate in cinque ore e 12 minuti con la soluzione Freccia più nave. Confermati i 10 collegamenti Frecciargento tra Roma e Bari, di cui due diretti senza fermate intermedie: da Roma verso Bari (venerdì e domenica) e da Bari in direzione Roma (sabato e lunedì). Due nuove fermate Frecciargento a Barletta: sono la risposta alla crescente domanda di servizi di trasporto dall’area Nord della Puglia verso Roma. Il collegamento da Roma verso Bari viene effettuato tutti i giorni, tranne il sabato. Quello da Bari verso Roma tutti i giorni, tranne la domenica. Inoltre, per favorire le partenze estive fino al 15 settembre, previste quattro fermate in più a Monopoli e due a Ostuni. Fermate estive Frecciabianca: Riccione, Cattolica, Senigallia, Vasto, Fasano, Orbetello, Agropoli–Castellabate, Vallo della Lucania e Scalea Trentasei Frecciabianca completano il network delle Frecce. Confermata l’offerta Frecciabianca su tutte le direttrici: 12 treni collegano Roma con Genova sulla rotta Tirrenica Nord dove sono previste fermate in più a Orbetello, 18 i Frecciabianca che collegano Milano e Venezia alla direttrice adriatica con fermate estive a Riccione, Cattolica, Senigallia, Giulianova, Vasto, Monopoli, Fasano e Ostuni. Confermati infine i quattro Frecciabianca che uniscono Roma alla Calabria con fermate aggiuntive per l’estate a Agropoli-Castellabate, Vallo della Lucania e Scalea. Collegamenti InterCity e InterCity Notte: in vacanza con più relax Integrano l’offerta delle Frecce 108 collegamenti al giorno InterCity (88) e InterCity Notte (20), che raggiungono più di 200 città e mete turistiche d’Italia. Rotte internazionali Confermati i 48 collegamenti giornalieri con Francia, Svizzera, Germania e Austria. Previsti collegamenti EuroCity da Milano per Zurigo, Basilea, Ginevra e Lucerna in Svizzera e fino a Francoforte in Germania; da Venezia a Zurigo e Ginevra. Da Milano a Zurigo ci si può spostare in tre ore e 40 minuti e da Milano a Ginevra in tre ore e 58 minuti. Trenitalia offre anche la possibilità di viaggiare di notte e guadagnare così un giorno di vacanza con gli EuroNight che uniscono l’Italia a Vienna, Salisburgo e Monaco. Confermato anche il network Thello sulla rotta Venezia – Milano – Digione – Parigi in treno notte e sulla Milano – Genova – Nizza – Marsiglia con treni diurni, opportunità in più per raggiungere Cannes, Antibes e le località balneari della Costa Azzurra. FRECCIALink per l’estate: Sorrento, Pompei, Salento, Piombino, Cecina, Val Gardena e Val di Fassa, Cortina e Campiglio più vicine Sono 52 le nuove fermate FRECCIALink per raggiungere città d’arte, località di mare o di montagna con il servizio integrato treno+bus di Trenitalia. Il FRECCIALink arriva a Pompei e Sorrento (quattro corse sabato e domenica da/per Napoli Centrale in connessione con i Frecciarossa da/per Roma, Bologna, Milano), Santa Maria di Leuca, Torre San Giovanni/Marina di Ugento, Otranto (due corse sabato e domenica da/per Lecce in connessione con i Frecciargento da/per Roma), Gallipoli (quattro corse sabato e domenica per Lecce in connessione con i Frecciargento da/per Roma), Piombino e Cecina (quattro corse al giorno venerdì, sabato e domenica in connessione con Frecciargento da/per Bologna, Milano e Venezia). Riattivati per le vacanze estive anche i FRECCIALink per le località di montagna tra il 29 giugno e il primo settembre: Cortina d’Ampezzo (due corse, fermate a Tai di Cadore e San Vito di Cadore), Madonna di Campiglio (due corse, con fermata a Pinzolo), Val Gardena (due corse, con fermate a Selva di Val Gardena, Santa Cristina, Ortisei) e Val di Fassa (due corse con fermate a Canazei, Vigo di Fassa, Moena). Un unico biglietto di viaggio, integrato Freccia più bus, permette alle prestigiose località italiane di connettersi al network Frecce di Trenitalia. Da Roma basteranno cinque ore e 49 minuti per arrivare a Ortisei, sei ore e 10 minuti per Madonna di Campiglio e sei ore e 31 minuti a Canazei. Da Milano a Cortina D’Ampezzo cinque ore e nove minuti. Si amplia così il network FRECCIALink, che apre al turismo estivo e offre nuove corse speciali da e per località balneari e di montagna conosciute in tutto il mondo. Confermati i collegamenti con Siena, Perugia, Assisi, Matera, Potenza, Cosenza e Catanzaro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 mar 2019

Venerdì 8 marzo sciopero del personale del Gruppo Ferrovie dello Stato, Frecce regolari

di mobilita

Dalla mezzanotte alle  21.00 di venerdì 8 marzo 2019 è stato indetto uno sciopero nazionale del personale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. Per quanto riguarda i treni regionali saranno garantiti i servizi essenziali previsti in caso di sciopero nei giorni feriali dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00, consultabili su trenitalia.com. Sarà inoltre garantito il servizio Leonardo Express fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino. Le Frecce circoleranno regolarmente.   

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 dic 2018

Linea Milano – Bologna, dieci anni di Alta Velocità

di mobilita

La linea Alta Velocità/Alta Capacità Milano – Bologna compie dieci anni. Dal 13 dicembre 2008 l’alta velocità è entrata a pieno titolo nella vita quotidiana di milioni di cittadini e questo nuovo modo di viaggiare ha accompagnato e sviluppato anche una nuova concezione, più moderna e ambiziosa, di comunità. Questa importante opera infrastrutturale ha infatti permesso di ridurre le distanze fra le città e, soprattutto, di avvicinare tra loro le persone, che nelle città vivono e lavorano. Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane racconta i primi dieci anni di questa importante opera infrastrutturale, realizzata con il contributo di tutti i ferrovieri, con una Campagna istituzionale multimediale, teaser dei dieci anni del Sistema Alta Velocità Torino – Salerno che ricorrerà nel 2019, da oggi in onda sulle principali emittenti TV nazionali e sulla stampa quotidiana e periodica. Un successo del made in Italy, preso ad esempio in tutto il mondo, come testimoniano i 350 milioni di persone che hanno viaggiato a bordo delle Frecce AV di Trenitalia. Flotta AV che ha nel Frecciarossa 1000 il treno di punta. Un treno sicuro, ecologico, e costruito per correre su tutte le reti alta velocità d’Europa, anche in versione doppia con più posti e maggior comfort per le persone in viaggio. La linea AV/AC Milano – Bologna è inserita nel Sistema AV/AC Torino – Milano – Bologna – Firenze – Roma – Napoli – Salerno, la più importante opera infrastrutturale e tecnologica, insieme all’autostrada A1, realizzata in Italia nel Dopoguerra, conclusa il 5 dicembre 2009, che ha cambiato lo stile di vita di milioni di italiani e la storia del Paese. L’Alta Velocità italiana ha offerto una nuova esperienza di viaggio con alta qualità grazie alle possibilità offerte dalla rete, all’alta tecnologia costruttiva dei treni (comfort e ergonomia) e ai molti servizi offerti a bordo e in stazione. Come dimostrano gli indici di soddisfazione dei clienti. Il successo di tutti i servizi pensati e offerti alle persone che viaggiano con l’Alta Velocità è un’esperienza preziosa da cui partire per migliorare i servizi del trasporto regionale, con lo stesso entusiasmo e la stessa passione. Il viaggio è e sempre sarà un bel viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2018

Aumentano i viaggiatori delle Frecce AV nel primo trimestre 2018

di mobilita

Aumentano i viaggiatori delle Frecce AV (+10%), che da gennaio a marzo 2018 arrivano a sfiorare i 10 milioni (9.760mila), l’intero comparto dei treni a percorrenza nazionale (Frecce e InterCity) raggiunge i 15,2 milioni di passeggeri (+4,1%) mentre registrano un’impennata gli acquisti sulle piattaforme digitali (+17%) e toccano i 7,5 milioni i soci CartaFreccia, con 200mila nuovi iscritti in tre mesi. I dati del primo trimestre 2018, confrontati con quelli dell’analogo periodo di un anno fa, confermano un trend positivo in particolare per i servizi ad Alta Velocità di Trenitalia che hanno allargato la copertura nelle fasce orarie estreme del mattino e della sera e il network delle città servite. I Frecciarossa sulla rotta Genova - Milano - Venezia in poche settimane dall’avvio delle prenotazioni hanno fatto registrare 75mila biglietti venduti, e i Perugia - Milano oltre 16.300 clienti. Apprezzamento si riscontra anche sulla fermata del Frecciarossa a forte propensione intermodale di Trieste Airport, che ha fatto segnare quota 1.700 clienti nei primi dieci giorni di attività, e sul collegamento Frecciarossa di Bolzano, introdotto a dicembre, su cui hanno viaggiato 130mila clienti, con tassi di riempimento fino al 70%. Buoni risultati per il Frecciargento tra Roma e Reggio Calabria che in un trimestre si attesta sulle 100mila prenotazioni, mentre è ormai a pieno regime il sistema integrato treno+autobus Freccialink, con 15mila passeggeri tra gennaio e marzo, un indice di soddisfazione molto elevato (98%), e un successo particolare per i collegamenti su Siena, Perugia e Matera oltre che per le destinazioni sciistiche di Cortina d’Ampezzo, Courmayeur, Madonna di Campiglio, Val Gardena, Val di Fassa. Nei primi tre mesi del 2018 i ticket acquistati sui canali online di Trenitalia hanno toccato i 15 milioni, con un aumento del 17% rispetto allo stesso trimestre 2017. L’App di Trenitalia ha raggiunto gli oltre 3 milioni di download, mentre i canali digitali hanno superato complessivamente i 70 milioni di contatti. Da metà gennaio, inoltre, il Frecciarossa è sempre più social, con una sua pagina ufficiale su Facebook. Numeri record anche per la CartaFRECCIA, la carta fedeltà dedicata ai clienti AV di Trenitalia, che nel trimestre 2018 ha aggiunto 200mila nuovi sociconfermandosi primo programma loyalty nel mondo travel, con un totale di 7,5 milioni di iscritti. Il portale di bordo dei Frecciarossa e Frecciargento è stato visitato da oltre 6 milioni di clienti, 12mila i contenuti fruiti quotidianamente, con film, cartoni animati per i passeggeri più piccoli e musica. L’edicola digitale, introdotta dal dicembre scorso, ha reso disponibili - senza limiti di classe e senza necessità di connessione dati con l’esterno durante il viaggio - riviste e quotidiani per un servizio che nel trimestre ha registrato la lettura di oltre 300mila giornali, tra cui La Freccia, il mensile dedicato ai clienti Trenitalia che nell’ultimo anno si è arricchito di firme e contenuti. I servizi di ristorazione hanno conosciuto l’introduzione della pasta espressa a bordo di alcuni Frecciarossa, un menu scelto dal 40% dei clienti che hanno pranzato o cenato in treno. Le indagini sul gradimento di questa novità evidenziano come il 98,4% dei clienti l’hanno giudicata interessante e accolta positivamente. Mentre i giudizi dei clienti sul viaggio nel suo complesso vedono il 93% di loro soddisfatti, con punte del 95% per il Frecciarossa. Infine, la customer experience è stata ampliata con alcuni servizi essenziali per il “primo e ultimo miglio”, grazie a partnership finalizzate a una mobilità sempre più integrata e multimodale, con mytaxi e City Sightseeing. Dopo l’integrazione nei sistemi di vendita di Trenitalia, sono stati oltre 25mila i voucher mytaxi distribuiti e oltre un migliaio quelli per i tour turistici con City Sightseeing.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

REGIONE FVG | Stanziati 3,1 milioni per treni con Milano e Roma

di mobilita

Il tema della mobilità su rotaia è cruciale per il Friuli Venezia Giulia, che si ritrova ad essere un punto nodale per i collegamenti con Austria e Slovenia.  La conferma di un impegno della Regione rivolto alla mobilità sostenibile dei cittadini è orientata anche al rafforzamento delle direttrici più importanti che collegano Trieste e Udine a Milano e Roma con le Frecce di Trenitalia. Proprio oggi, in una riunione di Giunta è stata deliberata la prenotazione fondi per un ammontare di 3.100.000 euro, finalizzati alla copertura integrale della proroga di un anno della convenzione stipulata dall'Amministrazione regionale con Trenitalia, in applicazione alla legge che autorizza la stessa Regione a sostenere gli oneri del miglioramento del servizio passeggeri di lunga percorrenza tra Trieste e Udine con Milano e Roma. A completare l'iter del provvedimento va ricordato l'atto integrativo del 2014 per lo svolgimento di ulteriori servizi di trasporto ferroviario sulla tratta Trieste/Mestre relativi alle relazioni di media e lunga percorrenza Trieste/Milano e Trieste/Roma. "In questi anni - ha sottolineato l'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, Mariagrazia Santoro - sono stati effettuati molti interventi, non solo sui contratti ma anche sulle infrastrutture e in particolare sul miglioramento delle linee". A tal riguardo Santoro ha ricordato l'apertura nei prossimi giorni del collegamento della tratta Sacile/Maniago che il prossimo anno sarà completata fino a Gemona. "L'obiettivo - ha concluso Santoro - è quello di garantire ai cittadini una possibilità di movimento sostenibile che veda il mezzo pubblico realmente e concretamente alternativo all'automobile". 

Leggi tutto    Commenti 0