Articolo
16 mar 2017

Test positivo per il primo treno ad idrogeno Alstom

di Fabio Nicolosi

Alstom ha eseguito con successo il primo test a 80 km/h del primo treno al mondo a celle a combustibile, Coradia iLint, sulla propria pista di prova a Salzgitter, Bassa Sassonia (Germania). Una vasta campagna di prove sarà condotta in Germania e Repubblica Ceca nei prossimi mesi, prima che Coradia iLint esegua il suo primo test con passeggeri. I test che si stanno svolgendo da quattro settimane mirano a confermare la stabilità del sistema di approvvigionamento energetico basato sulla interazione coordinata tra l'unità, la pila a combustibile e la batteria del veicolo. La frenatura è attualmente testato per verificare l'interfaccia fra il pneumatico ed il freno elettrico. Il Coradia iLint è il primo treno passeggeri a pianale ribassato in tutto il mondo alimentato da una cella a combustibile a idrogeno, il che genera energia elettrica per la trazione. Questo treno a emissioni zero è silenziosa ed emette solo vapore e condensa. Coradia iLint è speciale per la sua combinazione di diversi elementi innovativi: una conversione di energia pulita, di accumulo di energia flessibili nelle batterie, e una gestione intelligente della potenza di trazione e di energia disponibile. Sulla base di punta Coradia Lint treno diesel di Alstom, Coradia iLint è particolarmente adatto per il funzionamento su reti non elettrificate. Esso consente il funzionamento del treno sostenibile, pur mantenendo elevate prestazioni del treno. "Questo test è una pietra miliare significativa nella tutela dell'ambiente e l'innovazione tecnica. Con il Coradia iLint e la sua tecnologia delle celle a combustibile, Alstom è il primo produttore ferrovia ad offrire un'alternativa a emissioni zero per i treni di trasporto di massa. Oggi il nostro nuovo sistema di trazione, finora dimostrato con successo sull'anello di prova, viene utilizzato su un treno per la prima volta - un passo importante verso una mobilità più pulita in Europa ", ha detto Didier Pfleger, Vice Presidente di Alstom Germania e Austria. Le prove dinamiche vengono eseguite a Salzgitter a 80 km/h a Velim (Repubblica Ceca) fino a 140 km/h, la velocità massima del Coradia iLint. Ai fini delle prove, una stazione mobile è stato costruita a Salzgitter per pompare idrogeno gassoso nel serbatoio in pressione del Coradia iLint. L'idrogeno usato per l'esecuzione del test è il sottoprodotto di un processo industriale, che è ragionevolmente riutilizzato come prodotto di scarto. A lungo termine, Alstom ha l'intenzione di sostenere la produzione di idrogeno derivato da energia eolica. Il veicolo ha già completato con successo il processo di messa in statica. Tutte le funzioni elettriche e pneumatiche dei treni sono stati testati e verificati da fermo. TÜV Süd ha certificato la sicurezza della batteria, il sistema serbatoio a pressione e la cella a combustibile per le fasi di prova provenienti. Il Coradia iLint è stato progettato da squadra Alstom in Germania presso il sito di Salzgitter, centro di eccellenza per i treni regionali e in particolare in Francia a Tarbes, centro di eccellenza per sistemi di trazione e Ornans per i motori. Questo progetto beneficia del sostegno del ministero tedesco dei Trasporti e Digital infrastrutture. Alstom ha già firmato lettere di intenti per 60 treni con gli stati tedeschi della Bassa Sassonia, Nord Reno-Westfalia, Baden-Württemberg e la tela di iuta associazione trasporti 'Rhein-Main-Verkehrsverbund'.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2016

Il primo treno a idrogeno del mondo correrà in Germania dal 2017

di Roberto Lentini

La Germania sarà il primo Paese al mondo ad inaugurare un treno passeggeri a idrogeno e a emissioni zero. Si chiamerà Coradia iLint ed è stato progettato, in soli due anni, dalla società francese Alstom. Entrerà in servizio sui binari della linea Buxtehude-Bremervörde-Bremerhaven-Cuxhaven, in Bassa Sassonia, già a partire da dicembre 2017. Nel cuore di Coradia iLint c’è la tecnologia ‘hydrail’, una combinazione di fuel cell a idrogeno, batterie e sistemi di stoccaggio in sostituzione al diesel power pack che permette una resa equivalente a quella dell’unità elettrica multipla. Sul tetto saranno posizionate delle celle a combustibile a idrogeno, ed inoltre saranno collocati dei punti di rifornimento lungo le linee ferroviarie, senza alcun bisogno di ulteriori interventi infrastrutturali o adeguamenti delle linee. Le sue uniche emissioni saranno vapore e acqua di condensa. Con un pieno, afferma la società, la nuova locomotiva potrà percorrere tra i 600 e gli 800 chilometri, raggiungendo una velocità massima di 140 km / h. Ancora non si conoscono i costi di questo nuovo treno ma secondo Die Welt  dovrebbero essere sensibilmente più alti rispetto ai treni tradizionali. Sarà comunque una straordinaria alternativa eco-friendly ai treni diesel ancora utilizzati in tutta la Germania, che sta suscitando l'interesse  di altri Länder come il Baden-Württemberg, l’Hessen e il Nordrhein-Westfalen, ma anche paesi come l’Olanda, la Danimarca e la Norvegia.  In Italia ci potrebbero essere interessanti possibilità di sviluppo considerando che ancora migliaia di chilometri di tratte non sono elettrificate ed il treno ad idrogeno potrebbe essere una valida alternativa al diesel.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 dic 2015

Italo lancia la campagna “Feste40”, fino al 40% di sconto

di Fabio Nicolosi

Ntv lancia la nuova promozione natalizia Feste40 che permette di viaggiare con il 40% di sconto. Il codice promozionale FESTE40 è tutto quello di cui si ha bisogno nel momento in cui si decide di comprare il biglietto. L’offerta è acquistabile tramite tutti i canali di vendita ed applicabile alla sola tariffa low cost. I biglietti scontati si potranno acquistare entro il 14 dicembre, per viaggiare dal 20 dicembre al 31 gennaio (25 dicembre escluso) in ambiente Smart, eXtraLarge e Prima.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 set 2015

Mobilità sostenibile: stazioni ferroviarie più bike friendly

di Fabio Nicolosi

In occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile è stato sottoscritto a Roma un Protocollo d’Intesa fra la Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus (FIAB) e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane). L’accordo prevede la realizzazione di stalli (pavimentati e anche coperti) riservati al parcheggio di biciclette; l’installazione nelle scale dei sottopassaggi pedonali di sistemi (scivoli, ascensori dimensionati) per facilitare salita e discesa dei viaggiatori, senza bici in spalla; l’utilizzo di locali non più funzionali alle attività ferroviarie per noleggio e manutenzione delle due ruote; la creazione di aree dedicate al bike sharing nei piazzali antistanti le stazioni ferroviarie, nelle città in cui il servizio è operativo; e infine l’installazione di segnaletica fissa e variabile dedicata. Opere per le quali saranno presentati progetti ad hoc al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e che saranno realizzate in parte con i fondi già a disposizione di RFI e in parte con i finanziamenti pubblici destinati alla mobilità sostenibile. Gli interventi sono così suddivisi tra le stazioni del territorio nazionale: Liguria (27), Lombardia (26), Toscana (21), Lazio (17), Emilia Romagna (16), Puglia (14), Piemonte (11), Marche (8), Calabria (7), Veneto (6), Campania (5), Sicilia (5), Friuli Venezia Giulia (4), Sardegna (4), Umbria (3), Abruzzo (2) e Basilicata (2). Per Giulietta Pagliaccio, Presidente FIAB: “L’accordo siglato oggi con RFI dà concretezza a un articolato programma di collaborazione con il mondo del trasporto su rotaia che, attraverso la convenzione stipulata a inizio anno con Trenitalia, ad esempio, ci vede già impegnati al tavolo di lavoro misto e permanente nato per elaborare e promuovere iniziative a favore dello sviluppo dell’intermodalità fra bicicletta e treno. Il progetto 500 stazioni – ha continuato la Presidente – prevede, infatti, un adeguamento delle stazioni ferroviarie con interventi e strutture che consentano l’accesso con la bici e facilitino l’intermodalità tra due mezzi di trasporto sostenibili”. “La convenzione con FIAB – sottolinea Maurizio Gentile, AD RFI – rientra in un più ampio progetto di “mobilità dolce” per la quale RFI è impegnata nello sviluppo di progetti che favoriscano sempre più l’integrazione fra bicicletta e treno. Il nostro obiettivo – conclude Gentile – è attrezzare le stazioni italiane per consentire l’integrazione modale, grazie alla quale i passeggeri partendo in bici dalla propria abitazione trovino un primo punto di sosta in stazione, per facilitare l’utilizzo del treno per arrivare a destinazione. Il Protocollo d’Intesa con FIAB è un ulteriore tassello, assieme ai percorsi ciclopedonali adiacenti ai binari, di questo processo virtuoso ed ecosostenibile”. Con il progetto 500 stazioni di Rete Ferroviaria Italiana, si vuole trasformare e adeguare 500 stazioni medio/piccole per renderle più funzionali ai servizi chiesti dai clienti; caratterizzarle con uno standard architettonico unico (brand), definito e sempre facilmente individuabile; e migliorarne l’accessibilità anche alle persone a ridotta mobilità. Interesserà gli scali utilizzati da quasi l’80% dei viaggiatori del trasporto pubblico locale. Nel 2015 RFI ha avviato i primi lavori, per un investimento economico complessivo di circa 80 milioni di euro, con l’obiettivo di migliorare l’accesso e l’uscita dai treni, con l’innalzamento dei marciapiedi a 55 cm dal piano binari; potenziare l’informazione al pubblico sonora e visiva; abbattere le barriere architettoniche; curare gli spazi della stazione. Il progetto 500 stazioni prevede inoltre il miglioramento e l’ampliamento dei servizi commerciali, insieme a una rinnovata e particolare attenzione alla soddisfazione del cliente per la pulizia e il decoro degli impianti, i cui parametri saranno misurati e rilevati da Istituti demoscopici terzi, solo sulla base della “qualità percepita dal cliente”. Infine, le 500 stazioni rientrano anche nel “Progetto di risparmio energetico e mantenimento degli standard illuminotecnici”, ovvero l’introduzione massiva in questi scali ferroviari della tecnologia LED per l’illuminazione, con evidenti benefici sia in termini di attenzione all’ambiente sia di migliori performance anche per la sicurezza (security) dei clienti. Le stazioni del circuito sono spesso di pregio, anche dal punto di vista architettonico, e provengono da un passato in cui il servizio ferroviario veniva garantito con un numero di operatori e spazi dedicati di molto superiori a quelli necessari oggi, grazie alle tecnologie di ultima generazione installate per la gestione e il controllo a distanza del traffico ferroviario. Ecco alcune regole da rispettare:  l’ingresso e l’uscita dalla stazione con bicicletta al seguito deve avvenire attraverso gli appositi varchi  conduzione a mano delle biciclette negli ambienti della stazione e non in sella;  l’ingresso negli ambienti ferroviari delle persone con bicicletta al seguito è consentito solo ai viaggiatori muniti di regolare titolo di viaggio;  obbligatorio l’utilizzo degli stalli dedicati per il parcheggio delle biciclette, che non possono essere lasciate all’interno della stazione;  in caso di scale dei sottopassaggi, le biciclette devono essere trasportate attraverso scivoli e ascensori. In assenza, la bicicletta deve essere trasportata a spalla;  ogni persona può portare con sé una sola bicicletta;  i viaggiatori devono comunque attenersi ad eventuali istruzioni fornite dal personale ferroviario o dalla Polizia Ferroviaria;  in caso di emergenza, le biciclette non devono essere da intralcio per le altre persone;  chi transita in stazione con la bici è responsabile della custodia della stessa;  la violazione del regolamento è punita ai sensi dell’art. 20.3 del DPR 753/80. Regole che devono essere rispettate in tutti gli scali del network nazionale.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
22 lug 2015

TRATTA AGRIGENTO – PALERMO | Il sogno di portarla ad un’ora e quaranta minuti presto realtà?

di Mauro Indelicato

La domanda è se già entro il 2015 si sbucherà o meno dalla parte opposta della galleria, quel che è certo però è che i lavori proseguono e le speranze di vedere in tempi celeri completata l'opera aumentano. Parliamo della nuova galleria ferroviaria in corso di realizzazione tra Castronovo di Sicilia e Roccapalumba; siamo quindi nella linea Agrigento - Palermo compresa tra Roccapalumba ed Aragona Caldare. Questo segmento di ferrovia dal 2008 sta subendo importanti lavori di ammodernamento volti a far scendere l'orario di percorribilità tra le due stazioni di testa ad un'ora e quaranta minuti, a fronte delle attuali due ore. Il progetto risale a circa 15 anni fa, con un finanziamento arrivato invece tra il 2005 ed il 2006; a fine 2008 il via ai lavori: se la rettifica di parte del tratto compresa tra Campofranco e Cammarata è stata completata in tempi rispettabili, l'opera più importante di questi lavori invece sta subendo notevoli criticità. Il riferimento è, per l'appunto, proprio alla galleria sopra citata, denominata 'Lercara', in quanto oltrepassa di fatto gran parte del territorio comunale di Lercara Friddi. Si tratta di una galleria naturale di circa 2.5 km, i cui lavori dovevano terminare tra il 2009 ed il 2010; prima il fallimento della ditta che aveva vinto l'appalto, in seguito problemi di natura tecnica importanti (in particolare, la presenza di un gas nella roccia altamente esplosivo), infine un ricorso al TAR del comune di Castronovo di Sicilia, hanno fatto in modo che la struttura ad oggi ancora non sia molto vicina alla sua inaugurazione. Ma la buona notizia comunque, è che si lavora speditamente; in ambienti ferroviari, alcune voci di corridoio sono molto ottimiste e parlano della fine dello scavo entro quest'anno, altre invece sono più caute e rinviano i brindisi al 2016. In ogni caso, dopo lo scavo, bisognerà procedere ai lavori di armamento ed all'esecuzione di altre opere il ché fa pensare che si perderà altro tempo prima dell'entrata in esercizio. Di certo però, rispetto al pessimismo di qualche anno fa, quando la galleria sembrava destinata ad essere l'ennesima incompiuta, ad oggi la situazione appare notevolmente migliorata. La galleria è un'opera fondamentale per abbassare i tempi di percorrenza tra Palermo ed Agrigento; essa infatti, dopo aver oltrepassato la dismessa stazione di Castronovo provenendo da Agrigento, permette alla linea di 'virare' verso destra e di sbucare direttamente sul tratto Roccapalumba - Xirbi della Palermo - Catania. In pratica, si taglierà il tratto compreso tra Lercara Bassa e Roccapalumba, il quale presenta problematiche molto importanti con ben tre punti di rallentamento per via delle frane e per via di un territorio che costringe la linea ad effettuare numerose curve. La galleria Lercara invece, vira dritta verso la Palermo - Catania e si congiungerà ad essa tramite una nuova stazione, quella di 'Lercara diramazione'; dunque, la stazione di Roccapalumba cesserà di essere di diramazione e la Palermo - Agrigento, poco dopo Cammarata, avrà un percorso più lineare e che andrà direttamente verso Fiumetorto e Termini Imerese. Un risparmio di almeno 15 minuti di tempo, a cui bisogna aggiungere altri minuti che verranno risparmiati grazie ai lavori già completati sul tratto Campofranco - Cammarata e grazie all'eliminazione di numerosi passaggi a livello; in tal modo, il sogno di abbattere la 'soglia psicologica' delle due ore tra Agrigento e Palermo potrà diventare realtà. La linea in questione è molto frequentata: tanti i treni che collegano le due città ogni giorno e spesso risultano pieni tra studenti, pendolari e turisti che dal capoluogo scendono a visitare i templi e la costa agrigentina. Grazie anche alle problematiche sulla SS 121 e sulla SS 189 che ha allungato a più di due ore e mezza il tempo di percorrenza con il gommato, la linea ferrata Agrigento - Palermo riscuote maggior successo: una volta terminati questi lavori, si spera entro il 2016 od al massimo nei primi mesi del 2017, finalmente sarà possibile raggiungere in poco più di un'ora e mezza il capoluogo siciliano dalla città dei templi.

Leggi tutto    Commenti 3