Articolo
17 giu 2020

In video conferenza l’incontro tra Aicalf e la ministra Paola De Micheli per la crescita del traffico aereo italiano

di mobilita

Un mercato aereo in grado di ripartire dopo l’emergenza Covid19 con regole, anche contrattuali, uguali per tutti per favorire la libera concorrenza e gli investimenti nel nostro Paese, e un nuovo piano nazionale aeroporti che porti alla garanzia di collegamenti efficienti in tutta la penisola. Sono alcuni dei concetti affermati dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli nel corso dell’incontro in video conferenza con i rappresentanti delle compagnie aeree low fares operanti in Italia, riunite nella nuova associazione Aicalf: Ryanair, Vueling, Volotea, Easyjet, Norwegian e Blueair. La Ministra ha ricordato le azioni adottate dal Governo per far fronte all’emergenza sanitaria anche nel settore aereo, in particolare per il rimpatrio dei connazionali, e le linee guida sulla sicurezza dei passeggeri, e ha illustrato le ragioni della scelta di costituire una nuova società pubblica per Alitalia, segnata da una forte discontinuità col passato. “Conosco bene i numeri e il ruolo delle vostre compagnie – ha spiegato – e quanto abbiano aiutato la crescita del turismo nel nostro Paese attraverso importanti investimenti, conosco altresì quante siano le risorse che avete legittimamente ottenuto dalle Regioni e dalle società aeroportuali nel corso degli anni. La strategia industriale che abbiamo elaborato nelle linee guida per la nuova Alitalia non si sovrappone alla vostra perché la nuova compagnia pubblica giocherà in un campo internazionale, senza entrare in competizione con le low fares”. La Ministra ha evidenziato che nessuna delle misure di sostegno al settore aereo nazionale inserite nel Decreto Rilancio sia stata pensata per danneggiare il mondo “low cost”. ‘’Nessuna norma vuole limitare la sana concorrenza tra compagnie di cui beneficiano i cittadini, ma solo garantire regole e condizioni uguali per tutti. Abbiamo stanziato risorse – ha ricordato - a compensazione di perdite per il lockdown e rimpatri dei nostri connazionali, del mantenimento della continuità territoriale e delle conseguenze dell’adozione di norme di sicurezza e distanziamento sociale molto severe solo in Italia”. “L’introduzione dell’obbligo di adeguamento ai minimi retributivi del contratto nazionale del settore – ha aggiunto - non è una norma che abbiamo immaginato contro le low fares, ma a favore dei lavoratori, a fronte di una condizione di reddito e di lavoro che è complessivamente peggiorata a causa della crisi”. Infine la Ministra De Micheli ha invitato i rappresentanti delle compagnie a partecipare al tavolo per la definizione del nuovo piano nazionale aeroporti. “Insieme alle Regioni e alle società aeroportuali lavoriamo – ha concluso – per garantire collegamenti efficienti in tutto il Paese, anche attraverso l’adeguamento strutturale dei nostri scali. L’altro passaggio fondamentale è la definizione di un nuovo modello di norme che ci renda un mercato pienamente regolato, dove ognuno possa giocare il suo ruolo a parità di condizioni, e ci permetta di rilanciare gli investimenti”. I rappresentanti di Blue Air, easyJet, Norwegian, Ryanair, Volotea e Vueling – le sei compagnie che fanno parte dell’associazione, che rappresentano oltre il 50% del traffico aereo italiano di corto raggio e che impiegano oltre 6.000 dipendenti – hanno nuovamente espresso forti preoccupazioni in merito all’attuale testo del Decreto Rilancio che prevede investimenti per oltre 3,5 miliardi di euro per Alitalia – rispetto ai 3 miliardi previsti per il comparto sanitario – e che, senza interventi per l’intero settore del trasporto aereo nel suo complesso, rischia di mettere in crisi milioni di posti di lavoro, la competitività del mercato e l’offerta rivolta ai cittadini”, afferma AICALF in un comunicato. Di conseguenza, volendo davvero supportare la ripresa del Paese, la ripartenza del turismo e rilanciare il settore del trasporto aereo in Italia, AICALF ha presentato nuovamente al Governo le proprie proposte per modificare le distorsioni e gli aspetti discriminatori attualmente presenti nel DL Rilancio: estendere la possibilità di accedere al Fondo di ristoro per il trasporto aereo a tutti i vettori con licenza europea stabiliti in Italia, riconoscere pienamente la validità dei contratti aziendali già stipulati dai vettori aerei con le organizzazioni sindacali più rappresentative e sospendere l’imposta comunale sui passeggeri per supportare l’auspicato incremento del traffico aereo verso le diverse regioni italiane. Le proposte sono ora all’attenzione della Ministra De Micheli e saranno la base di un prossimo incontro che dovrebbe svolgersi entro una decina di giorni. “Se la ministra ha sottolineato, durante la riunione, quanto le compagnie low cost siano state fondamentali per lo sviluppo economico e per il turismo italiani nel tempo, tutti i vettori aderenti ad AICALF hanno confermato la loro volontà di continuare a investire nel Bel Paese per garantire, già da questa estate, il ritorno di viaggiatori e turisti lungo la penisola, a condizione che i livelli di competitività del mercato rimangano, senza distorsioni, quelli costruiti negli anni”, conclude l’Associazione. TI POTREBBE INTERESSARE: Decolla la nuova Associazione Italiana Compagnie Aeree Low Fares

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mag 2020

Decolla la nuova Associazione Italiana Compagnie Aeree Low Fares

di mobilita

Blue Air, easyJet, Norwegian, Ryanair, Volotea e Vueling, che rappresentano piú del 50% del traffico aereo italiano di corto raggio, hanno annunciato oggi di avere formato la nuova Associazione Italiana delle Compagnie Aeree Low Fares, per rappresentare gli interessi delle compagnie aeree low cost nell’ambito delle relazioni con le autorità governative italiane e gli altri interlocutori istituzionali. A fronte della crisi dovuta al Covid-19 – si legge nel comunicato che ne annuncia la costituzione - l’Associazione é impegnata a offrire posti di lavoro e crescita economica e a ripristinare collegamenti e flussi turistici in tutta Italia nell’immediato futuro, al fine di sostenere una rapida ripartenza dell'economia italiana. L’Associazione nasce in sostanza con l’obiettivo ambizioso di concorrere a ripristinare la competitività del trasporto aereo italiano, assicurando a cittadini e imprese i collegamenti aerei e la costante disponibilità di accesso a tariffe aeree a basso costo. Un vero e proprio manifesto, in cui le compagnie associate richiamano l’impegno ad applicare contratti di lavoro di diritto italiano al proprio personale di volo, i benefici dovuti alla liberalizzazione dell'aviazione negli anni '90 con tariffe sostanzialmente più basse e alla concorrenza che ha portato a triplicare il volume dei passeggeri in Italia dal 1997. In appendice, pure senza nominare Alitalia, l’invito rivolto dalla neonata Associazione Italiana delle Compagnie Aeree Low Fares al Governo italiano a non agire su base discriminatoria, proteggendo il settore del trasporto aereo nel suo insieme e non una singola compagnia, e a sospendere l’imposta comunale sui passeggeri per consentire la ripresa del traffico, in particolare verso le regioni italiane, dopo il lockdown.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 apr 2020

Norwegian, quattro delle sue controllate in Scandinavia hanno dichiarato bancarotta

di mobilita

Norwegian ha comunicato che quattro delle sue controllate in Scandinavia hanno gettato la spugna e dichiarato bancarotta. “A causa della continua diffusione del Coronavirus (COVID-19), la maggior parte dei paesi ha sconsigliato o vietato i viaggi non essenziali. La chiusura dei confini e le restrizioni hanno effettivamente fermato l’intero settore aereo. Di conseguenza, quasi tutte le operazioni di volo di Norwegian sono state annullate, mentre i costi per gli air crew rimangono. I piloti e i cabin crew in Scandinavia sono impiegati in sussidiarie di Norwegian Group. Sfortunatamente, nonostante le misure che la compagnia ha già adottato per ridurre i costi, il Board di queste società non ha altra scelta che fare domanda per la bancarotta. Le decisioni in merito alla denuncia di fallimento nelle quattro crew subsidiaries sono state prese dalle rispettive commissioni lunedì 20 aprile 2020”. “L’impatto che il Coronavirus ha avuto sul settore aereo non ha precedenti. Abbiamo fatto tutto il possibile per evitare di prendere questa decisione di ultima istanza e abbiamo chiesto l’accesso al sostegno del governo sia in Svezia che in Danimarca ”, ha affermato il CEO di Norwegian, Jacob Schram. “I nostri piloti e cabin crew sono al centro della nostra attività e hanno svolto un lavoro fantastico per molti anni. È straziante che le nostre Swedish and Danish pilot and cabin crew subsidiaries siano ora costrette a presentare istanza di fallimento e mi dispiace davvero per le conseguenze che ciò avrà per i nostri colleghi. Stiamo lavorando tutto il giorno per superare questa crisi e tornare come una Norwegian più forte, con l’obiettivo di riportare il maggior numero possibile di colleghi in aria”, ha detto Schram. “In Norvegia esistono opportunità di congedo efficienti, il che significa che il governo paga tutti i costi relativi ai salari per tutta la durata del periodo di congedo. Sfortunatamente, non esiste una copertura equivalente nei programmi in Svezia o Danimarca. Nonostante le misure che la compagnia ha già adottato, insieme alla mancanza di un significativo sostegno finanziario da parte dei governi svedese e danese, non abbiamo scelta. Il Board delle seguenti società di Norwegian Group, lunedì 20 aprile, ha deciso di presentare istanza di fallimento: Norwegian Pilot Services Sweden AB; Norwegian Pilot Services Denmark ApS; Norwegian Cabin Services Denmark ApS; Norwegian Air Resources Denmark LH ApS. A causa della straordinaria situazione (forza maggiore), Norwegian ha anche notificato a OSM Aviation di aver annullato i crew provision agreements con diverse delle sue OSM Aviation subsidiaries. Queste compagnie hanno crew basati in Spagna, Regno Unito, Finlandia, Svezia e Stati Uniti”, comunica Norwegian. Le azioni di cui sopra interesseranno 1.571 piloti e 3.134 cabin crew. Circa 700 piloti e 1.300 cabin crew basati in Norvegia, Francia e Italia non sono interessati. Il processo di presentazione delle domande di fallimento da parte delle sussidiarie è ora gestito dai tribunali fallimentari e dai fiduciari nei rispettivi paesi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mar 2020

Coronavirus, si fermano le navi crociera

di mobilita

A causa della decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di sospendere le crociere per 30 giorni. a seguito delle ripetute trasmissioni di Coronavirus tra i passeggeri, molte compagnie, tra cui Carnival, Royal Caribbean, Norwegian e Princess Cruises, hanno deciso lo stop delle crociere in uscita per almeno trenta giorni. Royal Caribbean Cruises Ltd. prevede di riprenderle dall'11 aprile 2020, Costa Crociere annuncia che sospenderà volontariamente le operazioni globali delle sue navi sino al 3 aprile. MSC Crociere ha deciso di fermare temporaneamente tutte le proprie crociere negli Stati Uniti per 45 giorni, fino al 30 aprile mentre, dal 10 marzo, è ferma al porto di Genova MSC Opera. Stessa decisione anche per Disney Cruise Line e Viking Line che hanno sospeso temporaneamente le proprie crociere        

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2019

AEROPORTO FIUMICINO | Norwegian annuncia l’avvio di due nuove rotte per Denver e Chicago per l’estate 2020

di mobilita

Norwegian annuncia l’avvio di due nuove rotte da Roma Fiumicino alla volta di Denver in Colorado e Chicago in Illinois per l’estate 2020. Da martedì 31 marzo, la compagnia collegherà la capitale italiana al Colorado tre volte alla settimana, con tariffe a partire da 209,90 euro, tasse incluse. Inoltre, da mercoledì 3 giugno sarà possibile decollare verso l’Illinois 4 volte alla settimana con tariffe a partire da 189,90 euro. I biglietti sono in vendita a partire da oggi, martedì 12 novembre. Si rafforza, così, l’offerta verso gli Stati Uniti di Norwegian che, per l’estate 2020, scende in pista a Roma con 6 collegamenti transatlantici – New York JFK, Los Angeles, San Francisco/Oakland, Boston, Denver e Chicago – per un’offerta totale di 460.000 biglietti in vendita, pari al 36% in più rispetto allo stesso periodo del 2019. “È con grande entusiasmo che annunciamo due nuove rotte da Roma che ci permetteranno di offrire, nel 2020, un bouquet di destinazioni davvero importante verso gli Stati Uniti. Durante la prossima estate non ci sarà che l’imbarazzo della scelta per gli amanti sia della West Coast sia della East Coast. Con i nostri collegamenti sarà ancora più facile, infatti, raggiungere alcune tra le più affascinanti città americane con voli comodi e diretti a tariffe davvero competitive”, afferma Amanda Bonanni, Sales Manager di Norwegian in Italia. “Accogliamo con grande soddisfazione questo progresso di Norwegian. Lo sviluppo annunciato consentirà di aggiungere Denver all’ampio network di destinazioni Intercontinentali servite direttamente da Roma. Inoltre, favorirà l’ampliamento e la differenziazione dell’offerta verso il Nord America che, nei primi 10 mesi dell’anno, ha già superato la soglia record di 3 milioni di passeggeri traportati, segnando una crescita del 8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e confermandosi, quindi, come primo mercato di lungo raggio da Roma”, aggiunge Federico Scriboni, Head of Airline Traffic Development di Aeroporti di Roma. Le due nuove rotte, che insieme prevedono più di 100.000 biglietti in vendita, permetteranno ai passeggeri in partenza da Roma di raggiungere velocemente il Colorado e l’Illinois, senza fare scalo in altri hub. Inoltre, durante la summer 2020 verranno potenziati ulteriormente i collegamenti verso gli USA con un’offerta complessiva di 460.000 biglietti, il 36% in più rispetto alla summer 2019.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 apr 2019

Norwegian inaugura il nuovo volo da Roma Fiumicino a Boston

di mobilita

Norwegian ha inaugurato domenica 31 marzo il suo nuovo volo dall’aeroporto di Roma Fiumicino per Boston. La compagnia aerea, attiva presso lo scalo dal 2007, per la prossima stagione estiva scende in pista a Fiumicino con un’offerta totale di 802.000 biglietti, pari ad un incremento del 5.1% rispetto ai 763.000 biglietti del 2018. Grazie alla nuova rotta alla volta di Boston, che si affianca ai collegamenti Norwegian per New York/Newark, Los Angeles e San Francisco/Oakland, crescono del 61% i posti in vendita sulle rotte intercontinentali dalla Capitale. Confermate, infine, le 5 rotte verso il Nord Europa: Oslo, Bergen, Stoccolma, Copenaghen e Helsinki. Per festeggiare il decollo del primo volo della nuova rotta verso Boston, è stata organizzata una speciale cerimonia di inaugurazione al Leonardo da Vinci alla presenza di Alfons Claver, Head of Communications and Public Affairs di Norwegian, Amanda Bonanni, Sales Executive di Norwegian in Italia e di Federico Scriboni, Head of Airline Traffic Development di ADR. “Crediamo fermamente nelle potenzialità di Roma Fiumicino e, proprio per questo, arricchiamo il nostro portfolio di rotte intercontinentali verso gli Stati Uniti, lanciando un nuovo collegamento verso Boston – ha dichiarato Amanda Bonanni, Sales Executive di Norwegian in Italia -. Grazie al nuovo volo, che prevede 4 frequenze settimanali per un totale di 69.000 biglietti, i viaggiatori in partenza da Roma potranno raggiungere ancora più comodamente Boston, senza nessuno scalo intermedio. Siamo certi che la nuova rotta saprà conquistare i nostri passeggeri. Non va, infine, dimenticato che sono stati potenziati anche i collegamenti verso le altre destinazioni statunitensi raggiungibili da Roma a bordo della nostra flotta: New York, con 146.000 biglietti in vendita, registra un +25%, Los Angeles +24% con 69.000 posti in vendita e San Francisco/Oakland +42% con 52.000 biglietti”. “Siamo lieti di celebrare l’avvio di questo nuovo collegamento transatlantico da parte di Norwegian. Gli Stati Uniti si sono confermati nel 2018 uno dei mercati intercontinentali più dinamici da e per Fiumicino, registrando una crescita complessiva di oltre il 15% e superando i 2,5 milioni di passeggeri imbarcati su voli diretti. Auspichiamo quindi che l’avvio di questo nuovo collegamento per Boston, oltre a stimolare nuova domanda, consentirà anche di intercettare un crescente numero di passeggeri che attualmente volano facendo transito in altri scali intermedi” - ha dichiarato Federico Scriboni, Head of Airline Traffic Development di ADR. Il nuovo collegamento per Boston sarà disponibile 4 giorni a settimana, ogni lunedì, mercoledì, venerdì e domenica. Durante la stagione estiva 2019 sarà possibile decollare, con voli senza scalo intermedio, da Roma Fiumicino verso 9 destinazioni: oltre alla novità Boston, si vola anche alla volta di Copenaghen, Stoccolma, Oslo, Helsinki, Bergen, New York/Newark, San Francisco/Oakland, Los Angeles per un totale di oltre 802.000 biglietti in vendita. A livello nazionale Norwegian offre un totale di 1.300.000 biglietti (in crescita dell’1.5% rispetto allo scorso anno), operando 29 rotte da 8 aeroporti. I collegamenti con maggiore volume di biglietti in vendita sono tutti e 3 in partenza da Roma: verso Copenaghen (156.000 biglietti), New York/Newark (146.000) e Oslo (118.000).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 nov 2018

Norwegian annuncia l’avvio della nuova rotta Roma Fiumicino – Boston per l’estate 2019

di mobilita

Norwegian annuncia l’avvio della nuova rotta Roma Fiumicino – Boston per l’estate 2019. Da domenica 31 marzo, il vettore collegherà la capitale italiana al Massachusetts quattro volte alla settimana, ogni lunedì, mercoledì, venerdì e domenica, con tariffe a partire da 189,90 euro, tasse incluse. I biglietti sono in vendita a partire da oggi, mercoledì 28 novembre. Durante la stagione estiva 2019 sarà quindi possibile decollare a bordo degli aeromobili Norwegian da Roma Fiumicino verso 4 destinazioni negli Stati Uniti: New York/Newark, Los Angeles, San Francisco/Oakland e Boston. “Siamo molto felici di annunciare il nuovo collegamento da Roma Fiumicino verso Boston, che si aggiunge ai voli intercontinentali verso la Grande Mela e la California – ha dichiarato Amanda Bonanni, Sales Executive di Norwegian in Italia-. Dalla prossima estate sarà possibile volare low cost, a bordo dei nostri aeromobili, anche alla volta del Massachusetts, con un’offerta ancora più ampia da e per la capitale”. La nuova rotta, che prevede oltre 70.000 biglietti in vendita, farà la gioia di tutti i passeggeri che vogliono raggiungere velocemente e senza scalo il Massachusetts: basti pensare che, negli ultimi 12 mesi, solo 23.200 dei 56.600 passeggeri decollati da Roma verso Boston, si sono imbarcati su un volo diretto, mentre gli altri viaggiatori hanno fatto scalo a Londra, Francoforte, Dublino o in una città americana. Infine, a riprova della grande attrattiva di Boston per il mercato europeo, sia leisure sia business, il nuovo collegamento sarà disponibile anche da Madrid”. In aggiunta al lancio della nuova rotta, durante la summer 2019, verranno potenziati ulteriormente i collegamenti verso gli USA con un’offerta complessiva di 341.000 biglietti, il 59% in più rispetto alla summer 2018. La rotta per New York/Newark (frequenza 7/7) prevede unincremento del +17% nel volume di posti in vendita, pari a 146.500 biglietti. Cresce anche la rotta Roma-Los Angeles: le frequenze settimanali passeranno da 3 a 4 (tutti i lunedì, mercoledì, venerdì e sabato) per un totale di 70.800 posti (+33%). Potenziata, infine, anche la rotta da Fiumicino verso San Francisco/Oakland che passa da 2 a 3 frequenze settimanali: il collegamento – disponibile ogni martedì, giovedì e sabato – prevede 53.100 biglietti in vendita, pari a un incremento del 50% rispetto alla summer 2018. Ma le novità per la prossima stagione estiva non sono finite qui! Norwegian, infatti, ha annunciato l’avvio del volo diretto Londra – Rio de Janeiro: grazie ai collegamenti “Worldwide by Easyjet”, tutti gli italiani che vogliono raggiungere la spiaggia di Ipanema, potranno volare a Londra con EasyJet e, dopo un breve stop-over, ripartire imbarcandosi a bordo di uno degli aeromobili Norwegian con destinazione Rio, acquistando un unico biglietto. Quella verso il Brasile è la seconda rotta Norwegian verso il Sud America, che si aggiunge alla Londra Gatwick-Buenos Aires.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 ott 2018

AEROPORTO FIUMICINO | Norwegian annuncia l’avvio di due nuove rotte alla volta di Tel Aviv e Reykjavik

di mobilita

Dal 28 ottobre, il vettore collegherà Roma Fiumicino a Israele tutti i giorni ed all’Islanda due volte alla settimana con partenza il giovedì e la domenica. Le rotte saranno operative tutto l’anno. I nuovi collegamenti andranno ad arricchire ulteriormente l'offerta di Norwegian di destinazioni da e per Roma Fiumicino, rendendo ancora più comodi gli spostamenti verso Israele e aprendo le porte dell’Islanda ai passeggeri romani. Allo stesso tempo, ci auguriamo che queste nuove rotte possano incrementare il flusso di turisti incoming verso Roma, desiderosi di scoprire questa splendida città e il suo patrimonio storico e culturale. Con la nuova rotta Roma Fiumicino – Tel Aviv, Norwegian metterà a disposizione un totale di 135.870 posti durante il primo anno di operazioni. Tre volte alla settimana, i passeggeri dei voli da e per Tel Aviv potranno approfittare anche delle connessioni tra Roma Fiumicino e New York/Newark, volando così tra Israele e gli Stati Uniti attraverso l’hub romano (martedì, giovedì e domenica Tel Aviv – Roma Fiumicino – New York/Newark; lunedì, mercoledì e sabato in direzione opposta). Con i nuovi voli verso Reykjavik, invece, Norwegian è l’unica compagnia che collegherà in modo diretto Roma con l’Islanda, mettendo a disposizione più di 38.700 posti durante il primo anno di operazioni. Durante la stagione invernale 2018/2019 sarà possibile raggiungere da Roma Fiumicino, a bordo della flotta di Boeing 737-800 Norwegian, ben 7 destinazioni a corto raggio: oltre alle novità Tel Aviv e Reykjavik, si continuerà a volare su Copenaghen, Stoccolma, Oslo, Helsinki e Tenerife Sud.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 mag 2018

Norwegian costretta a posticipare all’estate 2019 la rotta Milano – Los Angeles

di mobilita

Norwegian è spiacente di informare i suoi passeggeri che, a causa del perdurare di una problematica tecnica ai motori Rolls Royce, la compagnia si vede costretta a posticipare l'avvio della sua rotta Milano Malpensa - Los Angeles all'estate 2019. Nonostante le ottime performance raggiunte dal punto di vista commerciale dalla rotta, Norwegian è costretta a posticiparne l'avvio a causa di una problematica tecnica legata a uno specifico motore Rolls Royce - Trent 1000 ('Package C') - di cui sono dotati alcuni dei suoi Boeing 787 Dreamliner, con cui vengono operati i collegamenti intercontinentali della compagnia. Come altri vettori che operano con Boeing 787 Dreamliner dotati di questa specifica tipologia di motore, anche Norwegian ha dovuto procedere con le ispezioni dei motori stessi, come da Prescrizione di Aeronavigabilità EASA (Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea). Ulteriori informazioni in proposito sono disponibili suil sito di Rolls Royce: www.rolls-royce.com. Le tempistiche e la durata di queste ispezioni obbligatorie sfortunatamente costringono Norwegian a lasciare a terra alcuni aeromobili e ciò non permette alla compagnia di operare la rotta Milano Malpensa -Los Angeles nell'estate 2018, come programmato. La sicurezza dei passeggeri e degli equipaggi è la principale priorità di Norwegian che segue e mette in pratica tutte le direttive sulla sicurezza emanate dalle autorità del settore aviation. "Siamo profondamente delusi da Rolls Royce e Boeing perché sia noi sia i nostri passeggeri ci aspettiamo che i nuovi aerei siano operativi come previsto - ha dichiarato Norwegian. - Sebbene le problematiche tecniche e le loro cause non siano direttamente riconducibili a Norwegian, la compagnia si scusa sinceramente con i passeggeri per i disagi causati. Siamo consapevoli che questa situazione sia spiacevole e faremo tutto il possibile per minimizzare i disagi per i nostri passeggeri, assistendoli con opzioni di ri-prenotazione o con un completo rimborso". Le rotte in partenza da Roma Fiumicino verso gli Stati Uniti continueranno ad essere operative, così come il resto delle rotte a corto-raggio dall'Italia. Norwegian è presente in Italia in 8 aeroporti (Roma Fiumicino, Catania, Milano Malpensa, Olbia, Palermo, Pisa, Venezia e Verona) da cui è possibile raggiungere 26 città europee e 3 destinazioni in America (New York - Newark, Los Angeles e San Francisco - Oakland). Norwegian ha trasportato 1,16 milioni di passeggeri in Italia nel 2017, pari a +23,6% rispetto all'anno precedente.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 feb 2018

Norwegian ha inaugurato il primo volo intercontinentale dall’aeroporto di Roma Fiumicino

di mobilita

Norwegian ha inaugurato oggi il suo primo volo intercontinentale dall'aeroporto di Roma Fiumicino alla volta dell'aeroporto di San Francisco - Oakland. La compagnia aerea è attiva a Fiumicino dal 2007 e nel 2017 ha trasportato 763.000 passeggeri (+18% rispetto all'anno precedente), inaugurando a novembre i nuovi voli diretti per New York Newark e Los Angeles. A partire da oggi, tutti coloro che, per motivi professionali o per una semplice vacanza, desiderano raggiungere San Francisco, una delle città più cosmopolite al mondo, e la sua baia, avranno a disposizione 2 voli settimanali (martedì e venerdì) con tariffe a partire da 179,90 Euro, tasse incluse. Norwegian ha scelto Roma Fiumicino come sua base operativa in Italia, dove è presente con 2 nuovi aeromobili, Boeing 787 - 8 Dreamliner, per offrire anche alla clientela italiana un importante bouquet di destinazioni verso gli Stati Uniti: oltre alla nuova rotta per Oakland San Francisco, da novembre scorso sono, infatti, attivi i collegamenti verso New York - Newark (7 giorni su 7) e verso Los Angeles (3 alla settimana) e servizi di qualità offerti dall'aeroporto Leonardo da Vinci, primo nelle classifiche internazionali di Aci Europe, durante il 2017. Per festeggiare il decollo del primo volo sulla nuova rotta verso San Francisco, è stata organizzata al Leonardo da Vinci una speciale cerimonia che ha visto la partecipazione di Alfons Claver, Head of Communications and Public Affairs di Norwegian in Italia e di Federico Scriboni, Head of Air Traffic Development di Aeroporti di Roma. "Dopo New York e Los Angeles, con il lancio del nuovo volo per San Francisco, lo sviluppo internazionale verso il mercato statunitense si è arricchito di un altro importante tassello - ha commentato Claver, Head of Communications and Public Affairs di Norwegian in Italia. Grazie ai nostri voli comodi, veloci, diretti e con tariffe assolutamente low cost, i nostri passeggeri avranno l'opportunità di volare da Roma verso San Francisco e la sua bellissima baia. Allo stesso tempo, incrementeremo i flussi turistici incoming dagli USA verso la capitale, una destinazione rinomata a livello globale per il suo appeal turistico e per il suo fascino eterno". "Siamo onorati di essere insieme a Norwegian in questo giorno così importante che vede nuovamente l'Italia collegata direttamente a San Francisco" - ha dichiarato Fausto Palombelli, Chief Commercial Officer di ADR-. "Con una richiesta che supera i 150.000 passeggeri l'anno, San Francisco rappresenta la principale destinazione al mondo finora non servita con voli diretti da Roma. Diventa così la seconda destinazione diretta sulla West Coast statunitense dopo Los Angeles, e la 15esima servita con volo non stop per l'estate 2018 sul Nord America. Fiumicino continua a crescere sul lungo raggio che ha registrato nel 2017 un +9%. Roma risponde con Norwegian alle esigenze dei viaggiatori che potranno partire per la nuova destinazione diretta, usufruendo della qualità dei servizi della nuova area di imbarco E: 90.000 metri quadrati di comfort e offerta enogastronomica, intrattenimento e shopping dedicati ai passeggeri". I tre collegamenti verso gli Stati Uniti si aggiungono ai 7 operativi sul network della compagnia di breve e lungo raggio. Da Roma Fiumicino, grazie alla flotta Norwegian di Boeing 737-800 è infatti possibile decollare verso Copenaghen, Stoccolma, Oslo, Helsinki, Göteborg, Bergen e Tenerife.

Leggi tutto    Commenti 0