Articolo
31 mar 2020

NAPOLI | Porta Bellaria a Capodimonte, aggiudicata la gara lavori

di Antonio Somigliato

Con un post della pagina Facebook dell'Assessorato Urbanistica e Beni comuni del Comune di Napoli, ieri 30/03/2020 si è resa nota l'aggiudicazione della gara per i lavori di realizzazione di un ponte tra il Parco delle Colline di Napoli e quello di Capodimonte su "Porta Bellaria", uno degli accessi al secondo parco: indetta tra il 13/11 e il 18/12/2019, appalta a Hermitage Capodimonte S.p.A., la gara si è conclusa l'11/01/2020, secondo quanto reso noto il 27/03/2020 dall'appaltante; di seguito, il comunicato integrale di detto post. Porta Bellaria a Capodimonte aggiudicata la gara lavori È stata aggiudicata in via definitiva la gara lavori, indetta dalla Società Hermitage Capodimonte S.p.A., per la realizzazione di una nuova porta di accesso, che collegherà il Parco Metropolitano delle Colline di Napoli con il Parco di Capodimonte. Il progetto prevede la realizzazione nel Vallone S. Rocco, con accesso da via Miano, di un collegamento diretto tra il Parco delle Colline di Napoli e il Parco di Capodimonte, attraverso la realizzazione di un nuovo parco ad uso pubblico di circa 8.500 mq e di un ponte pedonale e ciclabile pubblico, a quota ribassata, in grado di garantire anche l'accessibilità all'istituto Hermitage, attualmente servito unicamente da Cupa delle Tozzole. Il progetto, effetto di un Accordo di Programma sottoscritto dalla Società Hermitage, finanziatrice dell'intervento, dalla Regione Campania, dall'Ente Parco Metropolitano delle Colline di Napoli e dal Comune di Napoli, ha un valore complessivo di €.2.244.646,08. «Si continua a lavorare - dichiara l'Assessore Piscopo - per essere pronti a ripartire, appena le condizioni lo consentiranno. Un momento certamente difficile, che vede in campo, insieme con le azioni necessarie e urgenti finalizzate al contenimento del contagio e al supporto della collettività tutta, anche i progetti di rigenerazione urbana. Il ponte Bellaria ne rappresenta un esempio. Si tratta di un nuovo parco attrezzato ad uso pubblico con piste ciclabili, che unirà il Parco di Capodimonte con il Parco delle Colline attraverso Porta Bellaria, e sarà fruibile da tutti i cittadini». Infine, uno schema che mostra l'area di intervento (riquadro in verde-giallino) scelta già il 12/06/2016, così come da Accordo di Programma citato nel su riportato post: l'area in questione si pone tra via Miano (strada principale in grigio) e il citato istituto "Hermitage" (l'edificio grande in alto nel centro-destra, col tetto rosso e a forma di 't' curva quasi-capovolta) nella parte più interna della cupa delle Tozzole (diramazioni stradali minori in grigio); si noti il rendering grafico del ponte di accesso al Parco delle Colline e dell'accesso su via Miano, nelle parti più vicine alla stessa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 nov 2019

ENNA | La visione multidisciplinare dell’accessibilita’ degli spazi urbani, 5 Dicembre

di mobilitaenna

Enna. Il prossimo 5 Dicembre 2019 si terrà ad Enna alta  presso i locali di Spazio per Enna-SPE la prima tappa del format " aperAIITivo " creato dall' AIIT (Associazione Italiana Ingegneri del Traffico e dei Trasporti) della sezione Sicilia. L'evento  ennese vuole porre attenzione su uno dei temi di grande valenza sotto il profilo sociale e dei trasporti  quale l'accessibilità di spazi come le piazze,le aree di sosta o i marciapiedi in cui  purtroppo ancora oggi molte barriere architettoniche  ne impediscono l'accesso . In ambito nazionale l'integrazione sociale della persona disabile  passa anche attraverso l'abbattimento delle suddette barriere. Dal punto di vista normativo nazionale  la legge 104/92 ciò viene precisato attraverso l'articolo 24 soffermandosi anche  sull'accessibilità degli spazi urbani, da realizzare attraverso percorsi adeguati, l'installazione di semafori acustici per non vedenti, e rimuovendo la segnaletica che possa ostacolare lo spostamento delle persone con handicap. Nel contempo si ritiene necessario sottolineare come la a percezione degli spazi e le scelte progettuali spesso influenzino e vengano influenzate dall'aspetto comportamentale degli utenti deboli della strada (pedoni e ciclisti ) definendo la qualità e la riconoscibilità dei luoghi stessi. L'evento prevederà pertanto un confronto multidisciplinare  sul tema dell'accessibilità degli spazi urbani ,declinato sotto il profilo ingegneristico ,architettonico e psicologico-psichiatrico . Saranno presenti docenti e ricercatori delle 4 Università siciliane ,esponenti degli ordini professionali della provincia di Enna . Tra i relatori interverrà il prof. Marko Rencelj dell'Università di Maribor (Slovenia) esperto di tematiche afferenti alla sicurezza degli utenti deboli della strada. Diversi relatori prenderanno la parola dalle 17:30 alle 19:30 dibattendo sul tema ,presentando dei video e dei progetti.  

Leggi tutto    Commenti 0