Articolo
05 gen 2019

ROMA METRO C | Interventi di consolidamento per la Chiesa di Santo Stefano Rotondo

di mobilita

Nell’ambito dei lavori della Linea C tratta T3, lo studio di interazione Linea – Monumenti ha portato alla messa in opera di interventi di presidio strutturali e geotecnici definitivi anche per la chiesa di Santo Stefano Rotondo. La Chiesa di Santo Stefano Rotondo (V sec. d.C.), situata in cima alla collina del Celio lungo via di Santo Stefano Rotondo, interagisce infatti con lo scavo delle gallerie in costruzione della Linea C. Sebbene le possibili ripercussioni sulla struttura siano estremamente limitate data la rilevante profondità delle gallerie di linea rispetto al piano delle fondazioni della Chiesa, in considerazione dei contenuti artistici, dello stato conservativo che caratterizza le strutture si è ritenuto necessario realizzare alcuni interventi strutturali di salvaguardia e miglioramento sismico della chiesa, sia a carattere definitivo, che a carattere temporaneo. Gli interventi di consolidamento delle strutture, eseguiti preliminarmente alla realizzazione delle gallerie di linea, hanno riguardato il consolidamento delle strutture murarie dei tamburi della rotonda interna e del deambulacro, l’intervento di consolidamento delle travi lignee principali del sottotetto e il consolidamento della porzione residua del muro del terzo anello attraverso contrafforti in acciaio corten.   Le operazioni di restauro di affreschi e mosaici sono consistite nel ripristino della coesione superficiale, mediante iniezioni di miscela consolidante e stuccature.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 gen 2019

Ferrovie siciliane, la neve causa disagi alla circolazione: niente treni sulla PA-CT

di mobilita

Il peggioramento, nella notte, delle condizioni meteorologiche, ha reso problematica la circolazione ferroviaria in Sicilia. AGGIORNAMENTO ORE 15 In graduale miglioramento, dopo gli interventi dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), anche la circolazione ferroviaria in Sicilia. Riattivate, con limitazioni di velocità a causa della presenza di neve, le linee Palermo Catania e Palermo-Agrigento. Per garantire la regolarità della circolazione, Trenitalia (Gruppo FS Italiane) ha limitato la percorrenza di alcuni treni regionali, aggiungendo ad altri fermate straordinarie. Ancora interrotta, invece, la Gela-Canicattì-Caltanissetta. A causa della contemporanea impraticabilità delle strade extraurbane, non è stato possibile attivare un servizio sostitutivo con autobus. Sempre attivo il numero verde gratuito 800 89 20 21. FS Italiane invita i viaggiatori a tenersi informati sulla situazione della circolazione dei treni anche attraverso i canali di informazione del Gruppo, visitando trenitalia.com, rfi.it, ascoltando FSNews Radio, o collegandosi a @fsnews.it, il profilo Twitter di FS. AGGIORNAMENTO ORE 8 Per le intense nevicate in atto, sulla linea Palermo Catania la circolazione è sospesa fra Caltanissetta e Lercara Diramazione, mentre è ripresa alle 9.00 fra Catania e Caltanissetta. La percorrenza dei treni è limitata fra queste due stazioni. Al momento è interrotta anche la Gela-Canicattì-Caltanissetta. A causa della contemporanea impraticabilità delle strade extraurbane, che rende difficoltoso anche l'intervento dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), non è stato possibile attivare un servizio sostitutivo con autobus. Traffico rallentato, invece, sulla Palermo-Agrigento, con ritardi fino a 40 minuti. Soppressi, in mattinata, due treni regionali. Attivato il numero verde gratuito 800 89 20 21. FS Italiane invita i viaggiatori a tenersi informati sulla situazione della circolazione dei treni anche attraverso i canali di informazione del Gruppo, visitando trenitalia.com, rfi.it, ascoltando FSNews Radio, o collegandosi a @fsnews_it, il profilo Twitter di FS.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 dic 2018

ROMA | Oltre 425 milioni di euro per potenziare e ammodernare le metro A e B

di mobilita

Oltre 425 milioni di euro per potenziare e ammodernare le metro A e B. È quanto prevede lo schema della convenzione tra Roma Capitale e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, approvato dalla Giunta capitolina. Nello specifico le risorse sono così suddivise: oltre 134 milioni di euro per la fornitura di 14 treni per le due linee; circa 184 milioni per banchine di galleria, impianti anti-incendio e interventi di adeguamento dell’alimentazione elettrica; 66 milioni per la manutenzione straordinaria del materiale rotabile; 36 milioni per il rinnovo del materiale rotabile sulla tratta Anagnina-Ottaviano; circa 5 milioni di euro per un sistema di controllo del traffico treni e pannelli per le informazioni agli utenti. “Un pacchetto di risorse per dare nuova linfa al trasporto pubblico locale, un altro passo in avanti per rinnovare le metropolitane di Roma Capitale, che scontano un gap manutentivo decennale”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Fondi che saranno utilizzati per ammodernare l’infrastruttura delle metro e per mettere in circolazione nuovi treni a servizio di tutti”. “Con questo atto completiamo il lavoro promosso da quest’amministrazione in collaborazione con il MIT”, aggiunge l’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo. “Operazioni necessarie che hanno messo assieme una squadra di lavoro coesa e unita per definire i progetti più urgenti, una vero piano di rinnovamento portato avanti per rispondere alle richieste dei cittadini”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

BARI | Approvato il progetto esecutivo del parco urbano nell’area dell’ex Gasometro

di mobilita

Oggi è stato approvato il progetto esecutivo del parco urbano che cambierà, completamente, il volto dell’area dell’ex Gasometro, nel quartiere Libertà. Lunedì 31 gennaio sarà pubblicato il bando per l’affidamento dei lavori che trasformeranno l’attuale terreno incolto di 15.640 metri quadri in un grande parco. Ci saranno aree dedicate al running, ai pattini e allo skate, al parkour, al fitness, una zona ludica ed una interamente dedicata ai cani, un anfiteatro e tutto ciò che renderà questo parco il posto perfetto per il tempo libero in città. Un progetto nato anche grazie al percorso di ascolto realizzato negli scorsi mesi dall’amministrazione con i residenti del quartiere.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

FIRENZE | In dirittura di arrivo i lavori del parcheggio scambiatore di viale XI Agosto

di mobilita

Sarà pronto per l’avvio della linea 2 il parcheggio scambiatore in viale XI Agosto, nell’area del check point dei bus turistici. Inizialmente potrà contare su 250 posti in attesa della realizzazione da parte di Firenze Parcheggi della struttura multipiano da 1.400 posti. I lavori di adeguamento del parcheggio sono infatti via di ultimazione da parte di SAS che sarà incaricata della gestione. Intanto la giunta comunale ha recentemente approvato le modalità e le tariffe per il suo utilizzo finalizzate al suo uso come struttura di interscambio tra il mezzo privato e quello pubblico, ovvero la tramvia. Quindi nella fascia oraria di servizio della linea 2, dalle 5 alle 2 (considerando l’orario allungato del finesettimana), la sosta costerà 1 euro per 10 ore consecutive poi scatterà la tariffa di 4 euro l’ora frazionabile a 30 minuti. Previsto anche un abbonamento mensile da 20 euro che consente la sosta per 12 ore consecutive, oltre le quali verrà applicata la tariffa da 4 euro l’ora sempre frazionabile. Per scoraggiare l’utilizzo improprio, per esempio da parte dei passeggeri dell’aeroporto Vespucci che hanno a disposizione le aree sosta specifiche o da chi vuole lasciare l’auto per lunghi periodi, nella fascia oraria dalle 2 alle 5 il costo sarà di 4 euro l’ora frazionabile ai 30 minuti della seconda ora. Nella prima fase è poi previsto un periodo di gratuità per la sosta di 10 ore consecutive: per i residenti nel Comune di Firenze si tratta dei primi sei mesi dall’entrata in funzione, per gli altri il primo mese. Oltre le 10 ore in entrambi i casi scatterà la tariffa di 4 euro l’ora frazionabile ai 30 minuti. Sempre rimanendo in zona, la giunta comunale ha dato il via libera anche ad alcuni interventi di riorganizzazione della viabilità collegati alla linea 2. In particolare sarà realizzato un nuovo attraversamento pedonale semaforizzato in corrispondenza della fermata tramviaria ipogea di viale Guidoni. Questo consentirà di attraversare il viale in sicurezza e collegherà la tramvia con la fermata del bus in via Santoni. In quest’ultima strada sono previsti anche interventi di manutenzione di carreggiata e marciapiedi.  Fonte foto di copertina: Nove da Firenze

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

PORTO NAPOLI | Continuano a crescere i traffici marittimi nei porti della Campania

di mobilita

Mentre si sta per chiudere l’anno, i porti dell’Autorità di Sistema del Mar Tirreno centrale continuano a crescere, come dimostrano i dati aggiornati a novembre del 2018. Il Bollettino Mensile della Adsp evidenzia una crescita molto robusta del traffico crocieristico, pari sino a novembre 2018 al 15,4% rispetto ai primi 11 mesi dell’anno precedente, con una dinamica sostanzialmente analoga di aumento sia a Napoli (+ 15,3%) sia a Salerno (+17%). Il traffico passeggeri locali e traghetti conferma una sua dinamica positiva, con un incremento dell’1,8% rispetto all’anno precedente: maggiore risulta la crescita dei traghetti, con il +5,7%. Positivo risulta anche l’andamento del traffico commerciale. Il numero dei contenitori cresce del 5,4%, in questo caso con una dinamica differenza tra i due principali porti: Napoli registra un incremento del 13%, mentre Salerno una flessione del 2,9%. Con oltre 950.000 teus a fine novembre, è ormai a portata di mano il traguardo storico del milione di contenitori per l’intera Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centrale. Le rinfuse liquide registrano un aumento del 4,4%, mentre le rinfuse solide crescono del 5,9%. Le Autostrade del Mare continuano a registrare una riduzione della forbice negativa che si era registrata nei primi mesi dell’anno, ed a novembre segnano una flessione del 4,5%. “Si sta chiudendo un anno molto positivo per i porti della Campania – ha dichiarato il Presidente della Adsp Pietro Spirito – sotto il profilo del dinamismo di mercato. Gli operatori hanno lavorato con grande determinazione ed efficacia al servizio dello sviluppo turistico e produttivo per il nostro territorio. Il 2019 sarà l’anno nel quale completeremo, in primavera, il dragaggio del porto di Napoli e cominceremo, a novembre, il dragaggio del porto di Salerno. Stiamo ponendo le condizioni per consolidare lo sviluppo dei traffici marittimi, realizzando quei potenziamenti infrastrutturali attesi da tempo, che potranno offrire nuove opportunità per consolidare il ruolo competitivo dei nostri scali. Continueremo, in una logica di cooperazione tra pubblico e privato, ad operare per il miglioramento della connettività marittima della Campania e del Mezzogiorno. Con il 2019 diventerà anche operativa la zona economica speciale della Campania, incentrata sui porti di Napoli, Salerno e Castellammare. Anche questa iniziativa servirà a renderci più forti, attraendo investimenti industriale che sono la condizione per far crescere il volume degli scambi. Ospiteremo poi nella prima metà di luglio le Universiadi nel porto di Napoli, e questa sarà certamente una vetrina internazionale importante per lo sviluppo turistico dei nostri porti e della nostra regione”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

PORTO LIVORNO | Piattaforma Europa, avanti con le dighe e i dragaggi

di mobilita

È stato firmato il contratto con il quale l’Autorità di Sistema Portuale affida al raggruppamento temporaneo di progettisti F&M Ingegneria S.p.A./HASKONING-DHV Nederland B.V./HS Marine S.r.l./G&T S.r.l l’incarico di progettazione preliminare e definitiva delle opere marittime e di difesa e dei dragaggi previsti nella prima fase di attuazione della Piattaforma Europa. La commessa, che comprende anche lo studio di impatto ambientale e la valutazione di incidenza ambientale, è un altro passo in avanti verso la realizzazione dell’opera di espansone a mare dello scalo labronico ed è un tassello che va ad aggiungersi al quadro complessivo delle iniziative intraprese dalla Port Authoirty per assicurare un futuro al porto di Livorno. La Piattaforma comprenderà un unico grande canale largo 350 metri - la Darsena Europa - sulle cui sponde si affacceranno due vasti terrapieni larghi 650 e 450 metri dove potranno attraccare portacontainer con capacità fino a 12.000 e 18.000 teus.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

MILANO | Approvato il progetto esecutivo della metrotranvia nel quartiere Adriano

di mobilita

È stata raggiunta una tappa importante nella realizzazione delle opere di mobilità che riguardano il Quartiere Adriano: approvato il progetto esecutivo del prolungamento della metrotranvia 7 da via Anassagora al Quartiere Adriano con entrata in servizio nel 2021. “Stiamo rispettando i tempi di realizzazione del prolungamento – dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità – anche come previsto dalla convenzione del progetto periferie con il Governo. La metrotranvia entrerà in servizio nel 2021. E in questi giorni abbiamo anche realizzato una castellana in via Tremelloni per mettere in sicurezza l’attraversamento pedonale a vantaggio degli abitanti del quartiere”. Per quanto riguarda l’esecutivo approvato, si tratta di 1,5 chilometri di prolungamento che corre sui binari e che rientrano nel disegno della metrotranvia interperiferica nord Certosa Fs - Bovisa FN - Ca’ Granda - Bicocca - Precotto - Adriano - Cascina Gobba M2 e rappresentano una prima tratta funzionale rispetto all’ulteriore prolungamento della linea fino alla stazione M2 di Cascina Gobba per il quale è in corso di realizzazione il progetto di fattibilità tecnico-economica. Nel progetto esecutivo della metrotranvia sono compresi anche gli incroci Tremelloni / Anassagora / PonteNuovo, Tremelloni / Gassman e la realizzazione della ciclabile. Il costo è di oltre 15,8 milioni di euro dei quali 7,9 milioni sono finanziati dallo Stato attraverso il bando periferie e 7,9 milioni di euro direttamente dall’Aministrazione. Il progetto comprende inoltre la realizzazione della rotonda Tremelloni / Anassagora con parcheggio e passaggio della metrotranvia. Per queste opere è previsto l’affidamento di gara e l’avvio dei lavori tra fine 2019 e inizio 2020 e quindi termine lavori, come da cronoprogramma, a fine 2021. È stato approvato anche l’esecutivo dei lavori di bonifica dell’area Tremelloni / Anassagora. Il costo dell’opera è di 3,4 milioni di euro, interamente a carico del Comune di Milano. Prosegue l’iter anche del progetto di prolungamento della metrotranvia dal quartiere Adriano verso Cascina Gobba M2. Contestualmente a questi lavori sarà realizzata una strada a una corsia per senso di marcia e un percorso ciclopedonale che collegherà l’incrocio Adriano/Vipiteno con lo svincolo di Cascina Gobba / Padova / Palmanova / Strada statale 11 senza passare da piazza Costantino, nel centro storico di Crescenzago. A seguito dell’incontro pubblico che si è svolto nell’autunno di quest’anno proprio al quartiere Adriano, si è scelto di indirizzare la progettazione sull’itinerario incrocio Adriano / Vipiteno, attraversamento delle vie Trasimeno e S. Mamete, sovrappasso della Martesana e di via Idro, attraversamento di via Padova a sud della rotonda di via Padova, a nord dell’interscambio con la rampa della tangenziale, affiancamento di via Rizzoli fino alla passerella ciclopedonale sul Lambro in prossimità della stazione M2 Cascina Gobba. Per semplificare la mobilità degli abitanti del quartiere nei giorni scorsi il reparto strade del Comune di Milano ha realizzato una castellana per proteggere l’attraversamento pedonale in via Tremelloni tra le vie Gassman e Tognazzi per il collegamento tra i due parchi, con anche funzioni di limitazione della velocità. Per le prime settimane del 2019 è previsto anche lo spostamento del mercato, attualmente decentrato in via Trasimeno, in via Adriano. Tra fine dicembre e inizio gennaio sarà collocata la segnaletica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2018

MILANO | Un bando per progettare hub intermodale, passerella e connessione ciclopedonale fra i quartieri Lorenteggio e Ronchetto sul Naviglio

di mobilita

Individuare un progetto innovativo, ambientale e dalla forte identità architettonica in grado di collegare Lorenteggio e Ronchetto sul Naviglio, massimizzando così per entrambi i quartieri i benefici legati all’apertura della stazione San Cristoforo della M4. Con questo obiettivo il Comune di Milano e M4 S.p.A. lanciano il concorso internazionale di progettazione “ATTRA\VERSO San Cristoforo”. Il bando, rivolto ad architetti ed ingegneri che potranno partecipare singolarmente o in gruppo, richiede di realizzare il progetto di fattibilità tecnica: per la realizzazione della passerella ciclopedonale di collegamento tra i quartieri Lorenteggio e Ronchetto sul Naviglio, che si estenderà dal confine nord dell’area verde di Piazza Tirana all’hub intermodale Ronchetto. Il progetto dovrà comprendere tutte le rampe e i collegamenti verticali, il sistema di illuminazione e dei parapetti, l’ingresso al sottopasso della stazione M4 e la connessione pedonale tra questo e il piano campagna. Lo sviluppo progettuale dei livelli successivi sarà affidato dalla società concessionaria M4 Spa al vincitore del concorso. per la realizzazione dell’hub intermodale nell’area situata tra via Lodovico il Moro e via Guido Martinelli. per la realizzazione del collegamento ciclopedonale a raso tra via Martinelli e il confine sud della futura area di interscambio, a ridosso della viabilità di progetto Enna-Chiodi. Qualora venisse valutata la necessità di procedere con lo sviluppo progettuale dei livelli successivi dell’hub intermodale e della passerella ciclopedonale, l’incarico potrà essere affidato dal Comune al vincitore. La proposta dovrà dimostrare la compatibilità tra i tempi di realizzazione della passerella e quelli per l’apertura della stazione metropolitana M4 di S. Cristoforo nel 2023, prevedendo quindi un massimo di 18 mesi di lavorazione. Il costo complessivo delle opere è fissato in euro 13.947.000,00, di cui 12 milioni per la passerella ciclopedonale tra Lorenteggio e Ronchetto (importo che trova copertura nel quadro economico per la realizzazione della M4) e i restanti 1.947.000 euro per gli altri due interventi (a carico del Comune). Ai concorrenti sarà inoltre richiesto di presentare le linee guida per la riconfigurazione dell’area di Piazza Tirana nell’area che si estende dalla Stazione FS di San Cristoforo al confine nord dell’area verde e dell’area di interscambio che si svilupperà a sud di via Martinelli. "La passerella ciclopedonale collega il quartiere Giambellino-Lorenteggio ai Navigli e al Parco Sud - dichiarano gli assessori alla Mobilità Marco Granelli e all'Urbanistica Pierfrancesco Maran -. È strategica per i quartieri che si trovano all'estremità Ovest della nuova linea metropolitana perché consente agli abitanti del quartiere Ronchetto sul Naviglio e di Buccinasco e Corsico di accedere velocemente e agevolmente alla M4. Vogliamo un progetto di alta qualità, attraverso un concorso pubblico che deve svolgersi in modo da rispettare le tempistiche di M4”.  La procedura di concorso, che si svolgerà attraverso la piattaforma telematica Concorrimi.it (www.sancristoforo.concorrimi.it) sviluppata dall’Ordine degli Architetti di Milano insieme al Comune di Milano e all’Ordine degli Ingegneri, è articolata in unico grado finalizzato a individuare la migliore proposta progettuale tra quelle presentate entro il 3 aprile 2019. “Questo nuovo concorso, che vede nuovamente insieme il Comune di Milano e Concorrimi – afferma Paolo Mazzoleni, presidente dell’Ordine Architetti Milano -è un ulteriore, importante passo nel difficile percorso di riportare il progetto e il merito al centro dei processi di rigenerazione della città, oggi sempre più articolati. Percorsi complessi, che però contribuiscono al miglioramento della qualità della vita, della mobilità e dell’ambiente cittadino, come recentemente testimoniato”. Sei i criteri di valutazione per la selezione della proposta vincitrice: qualità urbana, intesa come capacità di integrarsi nel contesto esistente con particolare attenzione al rapporto col naviglio; qualità funzionale (comodità di fruizione anche in relazione al parcheggio di interscambio); qualità ambientale (ridotto impatto sul suolo, sostenibilità, valorizzazione delle connessioni ecologiche, resilienza, con particolare attenzione alla biodiversità); qualità architettonica (riconoscibilità e identità degli interventi da un punto di vista compositivo e architettonico); fattibilità e durabilità (qualità dei materiali e delle tecnologie costruttive scelte, modalità esecutiva, sostenibilità economica, manutenzione); qualità delle linee guida per la riconfigurazione dell’area di Piazza Tirana e dell’area di interscambio che si svilupperà a sud di via Martinelli. La commissione giudicatrice sarà composta da 5 esperti di diverse aree e specializzazioni: Architetto/Paesaggista, Pianificatore Territoriale, Ingegnere civile e Ambientale. Le proposte progettuali saranno sottoposte alla Commissione in forma anonima, in modo da garantire totale imparzialità nella valutazione. Il vincitore del concorso riceverà un premio di 40 mila euro. Il secondo classificato un premio di 13 mila euro, il terzo di 10 mila euro, e a ciascuno dei successivi sette partecipanti riceverà un rimborso spese di 5 mila euro. I premi e i rimborsi spese saranno a carico del progetto M4.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2018

Selezionati i 5 team finalisti per il progetto di rigenerazione urbana degli scali ferroviari di Milano Farini e Milano San Cristoforo

di mobilita

Selezionati i 5 team finalisti per la redazione del masterplan di trasformazione e rigenerazione urbana degli scali ferroviari di Milano Farini e Milano San Cristoforo. Si avvia così verso la seconda fase il concorso internazionale promosso da FS Sistemi Urbani e da COIMA SGR (leader in Italia nell’investimento, sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari per conto di investitori istituzionali). La Commissione, presieduta dall’esperto internazionale di architettura Dominique Perrault, composta tra gli altri da Carlo De Vito, Presidente di FS Sistemi Urbani, e Manfredi Catella, Presidente Coima, ha selezionato all’unanimità i gruppi internazionali BAUKUH (Italia), OMA (Paesi Bassi), ARUP (Italia), GRIMSHAW (Inghilterra), Kengo Kuma and Associates Europe (Francia) che, nelle diverse composizioni, manifestano tutti esperienza, qualità e competenza. Particolarmente impegnativo il lavoro della giuria, assistita dal Responsabile Unico del Concorso Leopoldo Freyrie, per l’elevato numero di candidature di team di qualità e spessore provenienti sia dall’Italia sia dall’estero. Nella seconda fase del concorso, che si svolgerà tra gennaio e marzo 2019,  i 5 team finalisti dovranno elaborare la proposta progettuale. Ad aprile 2019 sarà proclamato il vincitore. I 5 team finalisti sono: BAUKUH, OMA, ARUP, GRIMSHAW, Kengo Kuma and Associates Europe.

Leggi tutto    Commenti 0