Articolo
15 mar 2019

FIRENZE | Lunedi 25 marzo inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno

di mobilita

Lunedi 25 marzo ci sarà l'inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno, uno dei simboli di Firenze e meraviglia di piazza Signoria. Il restauro delle statue di bronzo, a cura di Ires e Nicola Salvioli Restuari, si è reso necessario perché le opere erano particolarmente deteriorate da acqua e agenti atmosferici e fa parte del più ampio progetto di recupero del complesso, iniziato nel febbraio 2017 e dal costo di 1,5 milioni di euro arrivati dalla maison Salvatore Ferragamo tramite Art Bonus. Proprio in questi giorni è stato riposizionata la statua in bronzo raffigurante Glauco (dio marino figlio di Nettuno).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2019

ROMA | Domenica 24 marzo primo appuntamento di #VIALIBERA

di mobilita

Torna domenica 24 marzo #VIALIBERA, circuito ciclo-pedonale di 15 chilometri che per un’intera giornata, dalle 10 alle 18, sarà dedicato a pedoni e ciclisti. È la terza edizione della manifestazione e coincide con la quinta domenica ecologica. #VIALIBERA si replicherà in altre tre date: 28 aprile, 12 maggio e 16 giugno 2019, con orario ampliato fino alle 19. L’Amministrazione ha poi previsto l’estensione dell’iniziativa per la domenica inclusa nella Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, a settembre 2019. La rete ciclopedonale, off-limits per auto e scooter, attraverserà tutta la città. Tra le strade interessate: via Cola di Rienzo, via Tiburtina (San Lorenzo), via dei Fori Imperiali e largo Corrado Ricci, via del Corso, via XX Settembre, piazza Venezia, viale Manzoni, via Labicana e via Veneto. Il progetto è promosso da Roma Capitale, coordinato dall'Assessorato alla Città in Movimento con gli Assessorati Sport-Politiche Giovanili-Grandi Eventi, Crescita Culturale, Sostenibilità Ambientale, Sviluppo economico-Turismo-Lavoro, Persona-Scuola-Comunità solidale. Collaborano Municipi e Polizia Locale. Roma Servizi per la Mobilità e Zètema curano l’organizzazione della giornata. “Dopo il successo delle prime due edizioni rinnoviamo un’iniziativa importante che vogliamo rendere un appuntamento fisso per i cittadini, da lasciare in eredità alla Capitale”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Un’occasione per vivere la città e la strada in modo sostenibile, coinvolgendo tutte le realtà del territorio, associazioni e comitati, esercizi commerciali e soggetti istituzionali come musei, biblioteche e scuole situate lungo il percorso”. “Anche questa volta i cittadini potranno riappropriarsi degli spazi sotto casa e prendere parte a eventi culturali, iniziative di quartiere e attività ludico-ricreative”, aggiunge l’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo. “Una giornata di festa per promuovere un diverso approccio alla mobilità e un nuovo uso della strada”. Roma Capitale e la Consulta Cittadina per la Sicurezza Stradale invitano gli enti privi di scopo di lucro, gli organismi associativi, i comitati e i cittadini – attivi nella promozione della mobilità dolce e sostenibile e nei settori artistico-culturale e dello sport – a proporre idee e progetti per valorizzare l’iniziativa. Saranno coinvolti direttamente, come ha preannunciato la Sindaca, negozi, musei, gallerie d’arte, palazzi storici e altre realtà lungo il percorso, con attività mirate o già programmate. Chi contribuirà a valorizzare la giornata con iniziative specifiche, o aderirà con attività ed eventi già in programma, sarà rappresentato nel programma #VIALIBERA in aggiornamento continuo sul portale di Roma Mobilità, dove sono disponibili tra l’altro tutte le informazioni su viabilità e trasporto pubblico, la mappa e le indicazioni di dettaglio sugli itinerari.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2019

MILANO | Da lunedì 25 febbraio attiva la ZTL anti inquinamento

di mobilita

 Da lunedì 25 febbraio sarà attiva Area B che vieta l'ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e alle moto a due tempi Euro 0, 1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:30 alle ore 19:30, esclusi i festivi. Milano cambia aria e accende la ZTL più grande d’Italia che delinea, all’interno del perimetro urbano, circa il 72% dell’intero territorio comunale, un’area a basse emissioni inquinanti. Si tratta del primo provvedimento di queste dimensioni in Europa: regole certe, progressive e graduali per abbattere le polveri inquinanti e migliorare la qualità urbana a Milano. Dopo quello del 25 febbraio il secondo step di Area B sarà il 1° ottobre 2019 con lo stop ai diesel Euro 4, già vietati dal 2017 in Area C. Seguiranno gli altri divieti progressivi per classi di veicoli immatricolati persona e merci a step successivi fino al 2030, quando a Milano saranno vietati tutti i veicoli diesel. Sono 187 i varchi, tutte le strade di ingresso in città, 15 dei quali già dotati di telecamere collegate a un sistema informatico sviluppato che consente anche di registrarsi e verificare se la propria auto può entrare in Area B, tenere il conto degli accessi ancora possibili del pacchetto di 50 a disposizione di ogni automobilista e svolgere tutte le pratiche relative alla ztl. Per informazioni è anche aperto al pubblico un infopoint dedicato nel mezzanino della stazione Duomo della linea rossa della metropolitana. Gli orari di apertura del servizio sono dalle 8:30 alle 15:30 dal lunedì al venerdì con 16 sportelli a disposizione per qualsiasi informazione relativa al provvedimento. Tutte le pratiche possono sempre essere fatte on line attraverso le pagine web del Comune e di Atm. Area B copre un’area di quasi 1.400.000 abitanti, ovvero il 97,6% della popolazione residente a Milano, ma interessa tutti coloro che ogni giorno entrano in città a bordo di un veicolo a motore, vietando in modo graduale e progressivo quelli più inquinanti per migliorare la qualità dell'aria in città. A partire dall’introduzione di Area B, tra il 2019 e il 2026, le emissioni atmosferiche da traffico si ridurranno complessivamente di circa 25 tonnellate di PM10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto: nel primo caso si tratterà di un’accelerazione immediata con già il 14% di emissioni in meno nel 2019 (-24% nel 2020 e -21% nel 2021); nel caso dell’ossido di azoto il calo maggiore si presenterà tra il 2023 e il 2026 con -11% ogni anno, ma già dal 2019 e gli anni successivi il NOx diminuirà del 5% ogni anno. FACILITAZIONI Al fine di consentire a tutti di adeguarsi alle nuove regole e senza penalizzare l’uso occasionale dell’auto vi saranno alcune facilitazioni per particolari tipologie di veicolo, anche a seconda dell’utilizzo. In particolare nei primi dodici mesi di attuazione del provvedimento tutti avranno cinquanta giorni di libera circolazione anche non consecutivi. Al primo accesso l’automobilista riceverà via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento invitandolo a mettersi in regola ma anche ad iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili. Dal secondo anno di entrata in vigore di Area B i residenti a Milano e le imprese della città avranno 25 giorni all’anno di libera circolazione anche non consecutivi, previa registrazione al sistema on line, tutti gli altri cinque giorni. Solo all’esaurimento dei giorni di libera circolazione scatterà la sanzione. INCENTIVI In totale, tra il 2017 e il 2019, il Comune di Milano mette a disposizione 32 milioni di euro per aiutare i milanesi a combattere l’inquinamento, cambiando i vecchi veicoli inquinanti, scegliere modalità di mobilità più sostenibili e migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, sono 8 i milioni dedicati alla mobilità e 24 quelli per l’efficientamento energetico. Per i veicoli immatricolati persone e merci, taxi e ncc sono e saranno attivati quattro bandi per un totale di circa 7 milioni di euro di contributi per la rottamazione di diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 immatricolati merci e loro sostituzione con veicoli meno inquinanti, e per quelli immatricolati persona anche per acquisto di scooter, biciclette a pedalata assistita e/o pieghevoli, cargo bike e abbonamenti annuali Atm. Il Comune ha invece concluso i bandi sull’acquisto dei FAP, con i quali in questi due anni ha dato 1.370.800 euro di contributi per 474 veicoli merci. Questi contributi, destinati a migliorare la qualità dei veicoli circolanti, si aggiungono ai 25 milioni di euro che il Comune ha già messo a disposizione dei privati per il rinnovo delle caldaie e dei sistemi di coibentazione degli edifici residenziali. In totale un ingente investimento di 32 milioni di euro. PER INFORMARSI Per conoscere nei dettagli la disciplina di Area B e informarsi sui calendari dei divieti, si può consultare www.comune.milano.it/areab dove sono presenti informazione utili, atti e normativa di riferimento. Anche da qui sarà possibile accedere al portale  https://areab.atm.it  (consigliato l’utilizzo del browser Chrome) dove è possibile, previa registrazione, verificare e controllare gli accessi effettuati e richiedere la deroga: consente quindi di gestire le targhe dei propri veicoli attraverso una registrazione di campi obbligatori. Inoltre l'infopoint dedicato nel mezzanino della stazione Duomo della linea rossa della metropolitana aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 15:30.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2019

BOLOGNA | In corso sostituzione dei punti luce in altre 240 strade

di mobilita

Bologna continua a brillare di nuova luce e diventa ancora più efficiente, pulita, intelligente, sicura: nel 2019 si completeranno i lavori di rinnovo della pubblica illuminazione previsti dal contratto con Enel Sole, con la sostituzione degli ultimi 5.050 punti luce e 120 chilometri di cavi in 14 zone della città. Saranno dunque ancora di più le strade illuminate meglio, nel segno del risparmio energetico ma anche della tutela della sicurezza dei cittadini. Gli interventi sono sviluppati all’interno del contratto di fornitura dell’energia e gestione della pubblica illuminazione che il Comune di Bologna, per 9 anni a partire dal 2013, ha con Enel Sole. Il contratto prevede oltre 25,7 milioni di euro di investimenti del gestore per la riqualificazione energetica e l’adeguamento normativo e tecnologico dell’intera rete, a cui si sommano oltre 7,6 milioni di euro di investimenti diretti del Comune di Bologna. I lavori eseguiti nel 2018 La riqualificazione consiste nel passaggio dalla rete in serie a quella in derivazione con la sostituzione di 1.000 chilometri di cavi e 60 vecchie cabine elettriche con 300 nuovi quadri smart che permettono il controllo punto per punto di ogni singolo corpo illuminante: accensione, spegnimento, regolazione e verifica del corretto funzionamento. A ciò si aggiunge il ricambio completo di tutte le lanterne dei 5.100 semafori presenti in città e dei circa 33.000 corpi illuminanti (su un totale di circa 45.000), con lampade a tecnologia led. Questi interventi consentiranno un risparmio finale di circa 10 milioni di kWh ogni anno e una riduzione di emissioni in atmosfera di 8.000 tonnellate CO2 l’anno. Sono oltre 240 strade dove stanno arrivando i nuovi punti luce. Queste sono le principali: Quartiere Borgo Panigale-Reno Cabina Bertocchi – principali vie: Battindarno, Bertocchi, Giotto Cabina Ducati – principali vie: Cavalieri Ducati, Alcide De Gasperi, Boiardo Cabina Borgo Panigale – principali vie: Persicetana, Del Carroccio, Martin Luther King Cabina Vivaio – principali vie: Tassoni, Marco Emilio Lepido. Quartiere Navile Cabina Lazzaretto – principali vie: Bertitalia, Zanardi, Terracini, Agucchi Quartiere Porto-Saragozza Cabina Dall'Olio – principali vie: Certosa, Emilia Ponente, Pasubio, Sabotino, Saffi Quartiere San Donato-San Vitale Cabina Michelino – principali vie: Viale Europa, Michelino, Ondina Valla Cabina Menarini – principali vie: Calamosco, Cadriano, Viadagola Cabina Savena – principali vie: Giovanni II Bentivoglio, Marescotti Cabina Guelfa – principali vie: Vighi, degli Stradelli Guelfi, Canova Quartiere Savena Cabina Tambroni – principali vie: Borghi Mamo, Marchetti, Murri Cabina Giovanni XXIII – principali vie: Roma, Cavina, Genova, Firenze Quartiere Santo Stefano Cabina San Mamolo – principali vie: Bellombra, Codivilla, San Mamolo Cabina Marconi – principali vie: Alberti, Mezzofanti, Oriani, Tambroni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 feb 2019

REGIONE SICILIANA | Si lavora al piano territoriale regionale

di mobilita

Si è insediato il comitato tecnico-scientifico che individuerà le linee guida utili alla stesura del Piano territoriale regionale, strumento per la programmazione delle risorse e la pianificazione urbanistica delle Città metropolitane, dei Consorzi dei Comuni e dei singoli Comuni. I criteri generali del Piano - che sarà disponibile entro l’anno e che é composto da una parte strutturale e da una strategica - sono fissati dal Dipartimento regionale dell’Urbanistica. ‘Il governo intende avvalersi nel più breve tempo possibile, e per la prima volta - commenta il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci - di uno strumento indispensabile, in grado di assicurare la massima coerenza tra i valori ambientali, gli aspetti paesaggistici di tutte le pianificazioni di settore, al fine di raggiungere una sintonia tra i vari strumenti urbanistici che presiedono uno sviluppo ordinato del territorio’. L’obiettivo é quello di una perfetta sinergia del Ptr con la pianificazione strategica di sviluppo socio-economico della Regione, con il documento di programmazione economico-finanziaria e con il Piano territoriale paesaggistico regionale. Il Ptr - che farà una sintesi delle prescrizioni di tutela, conservazione e valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente, integrando il Piano paesaggistico, quello di assetto idrogeologico e dei Trasporti - riguarderà gli elementi costitutivi del territorio, con particolare riferimento alle caratteristiche naturali, culturali, paesaggistico-ambientali, geologiche, rurali, antropiche e storico-archeologiche. Inoltre, lo strumento di pianificazione fisserà i carichi insediativi ammissibili nei centri urbani, permetterà di individuare i principali poli di sviluppo turistico, industriale e commerciale, oltre alla zone di preservazione e salvaguardia ambientale, e gli indirizzi generali per il riassetto del territorio ai fini della prevenzione dei rischi geologici, idrogeologici e sismici. Il comitato tecnico - di cui fanno parte Grazia Adorni, Maurizio Carta, Paolo La Greca, Francesco Martinico, Donato Messina, Salvatore Sacco, Annamaria Stellino, Giuseppe Vitale - e che si riunisce presso l’assessorato Territorio e ambiente guidato da Toto Cordaro - si confronterà con le autorità competenti, con gli enti locali e con le associazioni di settore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 feb 2019

Oceania Cruises elimina milioni di bottiglie di plastica all’anno attraverso una nuova partnership

di mobilita

Oceania Cruises ha annunciato un'iniziativa di sostenibilità innovativa per eliminare milioni di bottiglie di plastica all'anno attraverso una nuova partnership con Vero Water.  Questa pionieristica iniziativa verde è il nuovo aspetto dei miglioramenti del marchio Oceania NEXT e del più ampio programma ambientale Sail & Sustain dell'azienda. "Con l'introduzione di Vero Water nell'esperienza Oceania Cruises, non stiamo solo compiendo un enorme passo in avanti in termini ambientali, stiamo fornendo ai nostri ospiti il ​​gold standard di acqua naturale e frizzante", ha dichiarato Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises.  Come parte della sua iniziativa Oceania NEXT , le navi della linea saranno equipaggiate con gli acclamati sistemi di distillazione di acqua distillata e spumante di Vero Water a partire da aprile. L'installazione dei sistemi Vero Water alla fine eliminerà circa tre milioni di bottiglie di plastica all'anno. The Who's Who del mondo dell'ospitalità Vero Water, è il principale fornitore mondiale di sistemi di distillazione dell'acqua di alta qualità e viene utilizzato in tutto il mondo da marchi di lusso come Ritz Carlton, JW Marriott, Kimpton, MGM Hotels & Resorts, Hyatt, Fisher Island Club, Sea Island e alla crème de la crème di ristoranti tra cui Saba New Orleans, vincitrice del James Beard Award, Eleven Madison Park, Meadowood a Napa Valley, Farmhouse Inn, Saison, Tribeca Grill, Blue Hill e troppi altri per nominare . L'approccio ecologico di Vero Water all'acqua distillata di grande gusto utilizza bottiglie di vetro lavabili in lavastoviglie che possono essere riutilizzate più e più volte, eliminando fino a tre milioni di bottiglie di plastica all'anno. Il sistema di purificazione proprietario di Vero Water che utilizza la Nano-Filtrazione e cinque strati separati di filtri offre un'acqua deliziosa, croccante e perfettamente refrigerata. Il servizio Vero Water Onboard e Ashore Vero Water sarà implementato in due fasi nel corso del prossimo anno. La fase 1 si concentra sull'implementazione del servizio idrico a bordo di suite, cabine, ristoranti, lounge e bar che inizierà ad aprile e dovrebbe essere completato entro la metà di giugno. La fase due sposerà il servizio Vero Water con l'esperienza dell'ospite a terra. A tutti gli ospiti verrà fornita la propria bottiglia Vero Water riutilizzabile che potranno conservare e portare a casa. Questa fase di introduzione dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2019. Programma di attuazione  Riviera - 2 aprile 2019 Marina - 19 aprile 2019 Regata - 1 maggio 2019 Sirena - 19 maggio 2019 Nautica - 30 maggio 2019 Insegne - 19 giugno 2019

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2019

ROMA | Al via le attività di scavo del Foro di Cesare

di mobilita

Al via le attivitò di scavo che porteranno alla luce l'ultima parte del Foro di Cesare Le attività, finanziate con un milione e 500mila euro donati dall’Accademia di Danimarca grazie alla Fondazione Carlsberg di Copenhagen (senza alcun onere di spesa a carico del Campidoglio) – il gesto di mecenatismo fu presentato il 26 ottobre 2017, in occasione della visita a Roma di Sua Maestà la Regina di Danimarca Margrethe II –, rientrano negli accordi stipulati in quello stesso anno tra la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e l’istituzione danese. La convenzione, che ha una durata di tre anni, eventualmente rinnovabile, ha avviato nella fase preliminare la realizzazione di un programma di ricerche, finalizzato alla conoscenza delle varie fasi del complesso e alla loro fruizione. Il programma prosegue ora con le attività propedeutiche all’ampliamento dell’area di scavo sul lato orientale, lungo Via dei Fori Imperiali. Seguirà la fase operativa con la realizzazione dello scavo archeologico, durante il quale saranno effettuate le indagini stratigrafiche, la numerazione e schedatura dei reperti, il rilevamento e la documentazione grafica e fotografica dei ritrovamenti e gli interventi di primo restauro su murature e materiali. Grazie al significativo apporto danese, al termine dello scavo sarà possibile apprezzare nella sua interezza il primo dei cinque Fori di età imperiale. Le parti già visibili – i lati occidentale e meridionale, occupati dai portici, e un ampio tratto di quello corto settentrionale, al cui centro rimangono i resti del Tempio di Venere Genitrice con le tre colonne della perìstasi rimontate nel 1933 – saranno integrate dal fianco oggi invisibile del tempio e dall’intero portico orientale della piazza, attualmente sepolto sotto la sede stradale di via dei Fori Imperiali e sotto i marciapiedi e le aiole che la fiancheggiano, nascondendo le connessioni e i passaggi verso gli altri due Fori contigui, quelli di Augusto e di Traiano. Lo scavo si innesta in un percorso di risistemazione dell’area promosso dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in accordo con il Parco Archeologico del Colosseo, come prima tappa di un più articolato e complessivo disegno che mira alla creazione di un rapporto armonico tra l’antico e la città moderna, restituendo leggibilità e continuità al racconto storico di cui la Roma contemporanea è il risultato.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 gen 2019

Ztl, Mit: accesso solo a elettriche, norma verrà cambiata

di mobilita

Rimane ferma intenzione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti modificare la norma della legge di Bilancio 2019 sull’accesso alle Zone a traffico limitato delle città, per far sì che il transito sia riferito alle sole vetture elettriche e non anche a quelle ibride. I tecnici del Mit hanno già approntato la modifica normativa necessaria che, per motivi puramente tecnici, non è potuta entrare nel decreto Semplificazioni. Il ritocco sarà comunque inserito nel primo provvedimento utile. Si ribadisce con forza, ad ogni modo, che la misura non consente in ogni caso l’accesso di mezzi di locomozione a due o quattro ruote nelle aree pedonali dove, come stabilito dall’articolo 3 del Codice della Strada, è interdetto l’accesso a qualsiasi mezzo a motore che non sia di soccorso o per il trasporto di persone disabili.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 gen 2019

MILANO | Arrivano a 17 le strade car free per la sicurezza delle scuole

di mobilita

Una nuova strada car free si è aggiunta a quelle già attive a Milano per la sicurezza dei bambini e delle bambine all’ingresso e all’uscita dalle scuole. Si tratta di via Quarenghi, nel Municipio 8, l’ultima in ordine di tempo ad essere stata attivata. Partite nel 2012 nelle vie Palermo, Casati e Rasori, le strade car free sono oggi 17, a cui si aggiungerà nelle prossime settimane via Salerno, per un totale di 9.000 alunni interessati e 2,8 km di strade chiuse al traffico dalle 8.15 alle 8.45 e dalle 16.15 alle 16.45, dal lunedì al venerdì, grazie all’ausilio degli agenti della Polizia locale. “Stiamo lavorando per l’attivazione dell’ultima strada car free con questa impostazione – dichiara l’assessore alla Mobilità Marco Granelli – con l’obiettivo di intervenire in futuro con meccanismi di chiusura automatica o strutturale, laddove possibile, e di mantenere questa tipologia solo in casi particolari dovuti a situazioni temporanee”. “Le strade car free – aggiunge la vicesindaco Anna Scavuzzo – ci permettono di aumentare la sicurezza dei più piccoli all’ingresso e all’uscita da scuola, richiedendo un impegno di Polizia locale meno oneroso e quindi più sostenibile”. L’esigenza di rendere car free il tratto di via Quarenghi tra via Kant e via Popper è nata dallo spostamento temporaneo degli studenti di via Brocchi, che ha portato sulla via un’affluenza di circa 900 studenti ogni giorno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 gen 2019

ROMA | Avviati i cantieri per rendere più sicuri i percorsi casa-scuola

di mobilita

Aperti nuovi cantieri in città volti a rendere più sicuri i percorsi casa-scuola per gli alunni delle elementari: un piano che rientra in un progetto più ampio per la sicurezza stradale. Sono quasi completati i lavori per mettere in sicurezza le fermate del bus su via di Settebagni e via Castelseprio nel quadrante nord della città, mentre si stanno allargando i marciapiedi davanti alla scuola di via Don Giustino Maria Russolillo, nel quartiere Fidene. I lavori riguardano nuovi marciapiedi, segnaletica stradale, pedane bus e scivoli per persone con disabilità. Il progetto, a cura di Roma Servizi per La Mobilità, riguarda 14 scuole primarie: da Portuense a via della Rustica, da via della Pisana a Vallerano, da Morena a Torre Angela. Operazioni che andranno di pari passo con l’informazione e l’educazione alla sicurezza stradale mediante i corsi di formazione per i più piccoli, già avviati nella maggioranza degli istituti interessati.

Leggi tutto    Commenti 0