Articolo
29 mag 2019

Fondazione FS: in treno storico alla Valle dell’Alcantara in Sicilia

di mobilita

Domenica 2 giugno, in occasione della Festa delle Repubblica, appuntamento con il Treno dei dolci e dei gelati delle aree ioniche ed etnee che consentirà di vivere una intera giornata a contatto con la natura, tra escursioni e laboratori del gusto. Si arricchisce così il programma dei Treni storici del Gusto in Sicilia organizzati dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020. La partenza del treno storico, composto da locomotiva elettrica e carrozze del tipo 59 e centoporte, è prevista alle 7:50 dalla stazione di Siracusa e fermerà ad Augusta (8:12), Lentini (8:35), Catania C.le (9:06), Acireale (9:20) con arrivo ad Alcantara alle 9:50. Dalla stazione di Alcantara l’itinerario prosegue in bus, seguendo un percorso affascinante, parallelo al corso dell’omonimo fiume, fino a Francavilla di Sicilia, cittadina di origine normanna, dove è in programma una visita guidata al nucleo storico, il quartiere medievale del Contarado e i ruderi del Castello. Altra tappa sarà il Convento e la Chiesa dei Cappuccini – dove si svolgerà il laboratorio del gusto – che ospita una ricca collezione di opere d’arte, e poi ancora la Chiesa Madre e la Chiesa dell’Annunziata. La seconda tappa del viaggio prevede l’attraversamento di parte del Parco Fluviale dell’Alcantara, all’interno del Parco dei Nebrodi. I laboratori del gusto curati da Slow Food prevedono una breve descrizione dei prodotti tipici della zona, fra cui la noce di Motta Camastra e l’olio della DOP Valdemone. La degustazione prevede Mastrazzoli tipici di Motta Camastra, biscotti di farina, miele e cannella e dolcetti all’arancia della valle dell’Alcantara. I biglietti per viaggiare a bordo del treno storici, al costo di 20 euro per gli adulti e 10 euro per i ragazzi di età inferiore ai 12 anni, si possono acquistare su tutti i canali di vendita Trenitalia (biglietterie, self service e sito internet trenitalia.com). Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mag 2019

REGIONE SICILIANA | Fondazione FS, il treno dei prodotti della terra nelle aree interne

di mobilita

Il treno dei prodotti della terra nelle aree interne partirà il 2 giugno da Porto Empedocle con tappe di sosta a Racalmuto e Caltanissetta con locomotiva diesel d’epoca e carrozze degli anni ’30 “Centoporte”  Il treno conduce dalle coste mediterranee fino alle aree interne dell’altopiano dello zolfo tra Caltanissetta e Agrigento, con i suoi giacimenti ora in disuso testimoni di una storia dello zolfo siciliano iniziata in età romana e ora conclusa. E’ un patrimonio di storia, tradizioni, manufatti che è stato protagonista degli itinerari dei viaggiatori stranieri del ‘700 e ‘800 o dei racconti letterari e teatrali, e che resta in attesa di un suo recupero. Sono terre di vocazione agricola con prevalenti coltivazioni di grani siciliani e sono numerose le feste che in questi centri propiziano la protezione dei raccolti. A Caltanissetta la Madonna degli Angeli, agghindata di fave e di spighe, gira per i campi per dare la sua benedizione, e nella processione della festa di Maria SS. del Monte di Racalmuto (“a festa sbampà”) muli con sacchi di frumento accompagnano il fercolo della Madonna trainata da buoi. Permane in questi luoghi una tradizione di feste rurali legate ai prodotti del territorio e ad una cucina povera, con produzioni a base di paste lievite (pizza aragunisa di Aragona, fuate di Caltanissetta e San Cataldo,‘mbriulate di Racalmuto e Aragona) ripiene di verdure, formaggi e talvolta carni che utilizzano prodotti di eccellenza come il pomodoro siccagno della Valle del Bilici, la cipolla paglina di Castrofilippo, i capperi di Villarosa, le robiole di capra girgentana. E’ anche un viaggio letterario alla scoperta della Sicilia che parte da Porto Empedocle, la “Vigata” di Camilleri, e da Agrigento narrata da Pirandello, per giungere a Racalmuto, “l’isola nell’isola” o la “Regalpietra” raccontata da Leonardo Sciascia. Qui è la Fondazione Sciascia, meta irrinunciabile per entrare nel mondo dello scrittore, con i ritratti di scrittori, i libri della sua biblioteca privata, gli articoli, la corrispondenza letteraria dello scrittore con il mondo intellettuale europeo. In piazza Repubblica è il Teatro Comunale Regina Margherita con due ordini di palchi e loggione. A Racalmuto ha creato i suoi capolavori il pittore Pietro D’Asaro, detto il Monocolo di Racalmuto, o si è realizzata la storia affascinante di Fra Diego la Matina nascosto nelle grotte fuori dal paese per sfuggire alle accuse di eresia e infine ucciso sul rogo dall’Inquisizione, personaggio celebrato dai cunti siciliani e raccontato da Sciascia in Morte dell’Inquisitore. L’itinerario letterario si conclude a Caltanissetta, nei luoghi dello scrittore Rosso di S. Secondo, ma anche tappa di scoperta del prezioso patrimonio storico artistico della città, della celebrata tradizione della Settimana Santa in Sicilia, dell’ottimo  torrone nisseno. E anche qui un teatro, il Regina Margherita, è testimone del prezioso patrimonio di piccoli teatri ottocenteschi che popolano la Sicilia. Espressione di un’arte di qualità con le decorazioni in bianco e oro della sala, i suoi tre ordini di palchi e l’ampio loggione e con la bella rappresentazione pittorica di segni zodiacali e figure allegoriche nella volta. ___________________________ Il laboratorio del gusto si svolge presso l’area espositiva dell’Associazione Giovedì Santo di Caltanissetta, posta a 300 metri dalla stazione di arrivo del treno. Una visita guidata al museo mostrerà le cosiddette Vare, o Misteri: 16 gruppi scultorei tardo ottocenteschi in cartapesta, a grandezza naturale, che riproducono i momenti della Passione di Cristo nella più imponente delle processioni della Settimana Santa nissena. Dopo una breve descrizione dei prodotti tipici e dei Presidi dei territori attraversati dal treno (la cipolla paglierina di Castrofilippo, i formaggi di capra girgentana, la cuddrireddra di Delia…) e delle tradizioni legate ai prodotti della terra, è prevista una degustazione di “turruni nisseno” (prodotto inserito nell’Arca del Gusto) nella sua forma più tradizionale. Il torrone proposto è realizzato attraverso una lenta e laboriosa preparazione che prevede la cottura del miele per 8/9 ore e l’utilizzo di mandorle del territorio, con l’aggiunta di altri due prodotti di Presidio Slow Food : il pistacchio verde di Bronte e il miele di ape nera sicula. Il Laboratorio del Gusto è curato da Slow Food Sicilia. Info, orari, fermate, tariffe e modalità di acquisto dei biglietti su Fondazione FS

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2019

Torna in Sicilia, dopo 9 anni, la Locomotiva a Vapore 685

di mobilita

Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati dei treni storici: i prossimi 10, 11 e 12 maggio sulla linea Catania-Caltagirone arriverà la “regina”, la Locomotiva a Vapore 685 del Deposito Locomotive di Pistoia. L’evento è organizzato dalla Fondazione FS su richiesta della Regione Siciliana che ha fortemente caldeggiato l’evento. Le locomotive a vapore del gruppo 685 sono state locomotive con tender delle FS per treni viaggiatori diretti e direttissimi di rodiggio 1-3-1 o 1C1, costruite in 391 unità in cinque serie, a vapore surriscaldato e a semplice espansione e dotate di un motore a quattro cilindri. I treni storici viaggeranno in occasione della Fiera Mediterranea del cavallo, importante manifestazione promossa dalla Regione Siciliana, che ha l’obiettivo di rilanciare alcune razze autoctone italiane e dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, nonché promuovere il territorio, soprattutto i suoi itinerari “minori”, quelli al di fuori delle guide ufficiali. La manifestazione si articolerà in iniziative di carattere sportivo, ludico e culturale. Per l’occasione, la Fondazione FS per ognuno dei tre giorni organizzerà ben due treni storici: oltre al treno a vapore con carrozze Corbellini, viaggerà anche un secondo treno a trazione diesel con vetture del tipo 45000. Venerdì 10, il treno a vapore da Catania a Scordia partirà alle 9:02, quello a trazione diesel alle 8.10. Sabato 11, sia il treno a vapore sia quello a trazione diesel partiranno da Catania alle 9:40, con arrivo a Scordia alle 10:40. Domenica 12, invece, i treni storici percorreranno l’itinerario Catania-Militello: il treno a vapore partirà alle 8:55, quello a trazione Diesel alle 9:40. Giunti a destinazione, i passeggeri potranno usufruire di servizi navetta per raggiungere i luoghi dove si svolgerà la manifestazione. I biglietti per viaggiare a bordo dei due treni storici, al costo di 20 euro per gli adulti e 10 euro per i ragazzi di età inferiore ai 12 anni saranno commercializzati dalla Regione Siciliana. Per info è disponibile l’indirizzo trenistorici@fondazionefs.it. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2019

Al via la stagione dei treni storici in Sicilia

di mobilita

Parte ufficialmente la stagione dei treni storici e turistici in Sicilia. Due gli appuntamenti nel prossimo fine settimana, i primi del ricco programma organizzato e promosso dall’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana con la collaborazione della Fondazione FS e Slow Food. Sabato 27 aprile, dalla stazione di Siracusa partirà alle 9:15 il Treno degli agrumi e del miele degli Iblei. L’itinerario turistico, articolato in due giorni – con pernottamento – prevede il viaggio in treno storico fino a Noto, da dove si proseguirà in bus verso mete suggestive: l’Oasi di Vendicari, il borgo di Marzamemi, la spettacolare Isola delle Correnti e il caratteristico centro storico di Ispica, gioiello del barocco siciliano. Il treno di ritorno per Siracusa partirà dalla stazione di Ispica domenica 28 aprile alle 18:00 con arrivo alle 18:50. Non mancheranno gli attesissimi laboratori del gusto curati da Slow Food. Domenica 28 aprile, da Palermo ad Aragona Caldare viaggerà il Treno dei pani votivi e dei formaggi dell’agrigentino. Il programma prevede una giornata di escursioni in due caratteristici centri della Valle del Platani, ovvero Sant’Angelo Muxaro e San Biagio Platani dove si svolgeranno diversi laboratori del gusto a cura di Slow Food. Per maggiori dettagli sugli itinerari turistici è a disposizione il sito web visitsicily.info I biglietti per viaggiare a bordo del Treno degli agrumi e del miele degli Iblei e del Treno dei pani votivi e dei formaggi dell’agrigentino sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 dic 2018

Fondazione FS: da Messina a Ortigia con i treni storici

di mobilita

Il meraviglioso 2018 dei treni storici in Sicilia si chiuderà con un nuovo imperdibile appuntamento in programma per domenica 30 dicembre 2018. La Fondazione FS, con la collaborazione del Comune di Siracusa, di Slow Food, dell'Associazione Ferrovie Siciliane e di altri importanti enti, ha organizzato un bellissimo treno storico da Messina con destinazione Siracusa composto da carrozze degli anni '30 "Centoporte" con locomotiva elettrica in livrea d'epoca. Il programma prevede partenza dalla stazione di Messina C.le alle ore 9.00 con fermate intermedie per servizio viaggiatori a Taormina (9.46), Acireale (10.13), Catania (10.31), Lentini (10.53) e arrivo programmato a Siracusa alle 11.40. I passeggeri del treno storico raggiungeranno il centro storico di Ortigia attraverso un servizio navetta con bus riservati. Il programma prevede, inclusa nel costo del biglietto, la partecipazione (12.00) al concerto natalizio presso il Teatro Comunale, a seguire (13.00) degustazioni e show cooking presso l'Antico mercato di Ortigia, quindi (15.15) visita guidata dell'isola di Ortigia. Alle 17.00 trasferimento con bus riservati alla stazione di Siracusa. Il treno di ritorno per Messina Centrale partirà infatti alle 17.30 con arrivo programmato nel capoluogo peloritano alle 20.10. Il costo dei biglietti è di 20 euro (andata e ritorno) da Messina, Taormina, Acireale e Catania; 10 euro (andata e ritorno) da Lentini (ragazzi da 4 a 12 anni - 50%, bambini 0-4 anni gratis se accompagnati da genitori e senza diritto al posto a sedere sul treno). Sarà possibile acquistare i biglietti on line sul sito Internet www.trenitalia.com oppure presso qualsiasi biglietteria delle stazioni FS o in agenzia di viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 nov 2018

NAPOLI | Domenica 25 novembre torna l’Archeotreno il convoglio d’epoca di Fondazione FS

di mobilita

Domenica 25 novembre torna l’Archeotreno, il convoglio d’epoca di Fondazione FS che da Napoli conduce ai siti archeologici di Pompei e Paestum. Penultimo appuntamento dell’anno per viaggiare sul treno storico che, ogni quarta domenica del mese, trasporta centinaia di turisti verso i due Parchi Archeologici, patrimonio dell’UNESCO, tra i più conosciuti e visitati nel mondo. Le carrozze Centoporte, trainate da locomotiva E646, lasceranno la stazione di Napoli C.le alle 10:10 per raggiungere la prima fermata, Pompei, alle 10:51. Il treno storico attenderà i passeggeri che, al ritorno dalla visita agli Scavi, ripartiranno alle 15:05 per giungere alla stazione di Paestum alle 16:00 e recarsi al sito dove gli antichi templi romani li accoglieranno con il loro fascino, immutato nel tempo. Il ritorno è previsto alle 17:42, con arrivo a Napoli alle 19:30 circa. A bordo treno potranno essere acquistati, a tariffa ridotta, i voucher per l’accesso ai due Parchi Archeologici con ingresso prioritario. I biglietti sono in vendita su tutti i canali Trenitalia, oppure direttamente a bordo treno, senza alcuna maggiorazione, in relazione alla effettiva disponibilità di posti. Il prezzo per l’andata e ritorno è di 20 euro per gli adulti e di 10 euro per i ragazzi. I bambini (fino a 4 anni non compiuti) accompagnati da un adulto pagante, viaggiano gratis, senza garanzia di posto a sedere.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 ott 2018

Fondazione FS: da Licata alla Valle dei Templi con i treni del gusto

di mobilita

Domenica 28 ottobre il Treno delle dolcezze di convento e dei pani sacri viaggerà tra Licata, Canicattì e la Valle dei Templi di Agrigento. La partenza del treno è programmata dalla stazione di Licata alle 9:15 con fermate intermedie nelle stazioni di Campobello/Ravanusa (9:47), Canicattì (10:08), Racalmuto (10:30), Grotte (10:34) Aragona Caldare (10:47), Agrigento Bassa (11:05) e arrivo a Tempio Vulcano alle 11:15. Nel cuore del parco archeologico, in programma una sosta di 2 ore per consentire ai passeggeri di partecipare al laboratorio del gusto di Slow Food ed eventualmente visitare l’area del Giardino della Kolymbetra. Alle 13:15 il treno partirà alla volta di Agrigento Centrale dove si effettuerà una sosta per il pranzo. Alle 15:00 partirà un bus per Porto Empedocle, dove sarà possibile visitare l’ottocentesca stazione ferroviaria o il centro cittadino. Alle 16:50 il bus riporterà i passeggeri del treno storico ad Agrigento Centrale, da dove, alle 17:30, partirà il treno di ritorno per Licata. I biglietti per viaggiare a bordo del treno storico sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Il titolo di viaggio comprende anche la partecipazione ai laboratori del gusto di Slow Food e alle visite guidate. Proseguono così gli appuntamenti con i treni storici del gusto promossi dall’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana con la collaborazione della Fondazione FS e Slow Food.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2018

Fondazione FS: treno storico a vapore da Milano al Lago d’Iseo

di mobilita

Appuntamento speciale con il Sebino Express sabato 1 settembre. La Fondazione FS Italiane, per soddisfare le numerose richieste pervenute durante i mesi estivi, ha organizzato una corsa straordinaria in aggiunta a quelle già inserite in calendario. Il treno storico - trainato da una vaporiera Gr.740 - partirà alle ore 10 dal binario 10 della stazione di Milano Centrale. Previste due fermate intermedie a Bergamo alle ore 11.16 e a Palazzolo sull'Oglio alle ore 12.02. Da qui il convoglio imboccherà la linea storica che conduce fino alla stazione di Paratico - Sarnico a pochi metri dalle rive del Lago d'Iseo. Giunti a destinazione i viaggiatori avranno l'opportunità di partecipare a visite guidate del territorio - promosse dal Comune di Paratico - e di salire a bordo del battello che consente di raggiungere alcune caratteristiche località che si affacciano sul Lago d'Iseo, usufruendo di uno sconto del 20% esibendo il biglietto ferroviario al momento dell'acquisto di quello per il battello. Il treno ripartirà alle ore 16.50 dalla stazione di Paratico - Sarnico effettuando le medesime fermate dell'andata (Palazzolo sull'Oglio 17.34, Bergamo 18.12) per concludere la propria corsa a Milano Centrale alle 19.25. I biglietti di andata e ritorno - 20 euro adulti/10 euro ragazzi da Milano, 10 euro adulti/5 euro ragazzi da Bergamo e 5 euro adulti/2,50 euro ragazzi da Palazzolo sull'Oglio - potranno essere acquistati il giorno stesso dell'evento, presentandosi in anticipo al treno e rivolgendosi al personale della Fondazione FS Italiane, che regolerà l'accesso dei passeggeri in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Inviando una mail all'indirizzo di posta elettronica info@fondazionefs.it, e indicando nome e cognome dei partecipanti, sarà possibile prenotare in anticipo un posto a bordo treno. Per maggiori informazioni è disponibile il numero 3138719696.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2018

Fondazione FS Italiane, in treno “A tutto volume”: domenica 17 giugno da Siracusa a Ragusa

di mobilita

Domenica 17 giugno “In treno a tutto volume” inaugura la stagione dei treni storici e turistici di Fondazione FS Italiane in Sicilia. L’iniziativa, che si avvale del patrocinio dell’Assessorato al Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, prevede il viaggio con vetture d’epoca - carrozze “centoporte” degli anni ’20 - da Siracusa a Ragusa. La partenza è programmata alle 11.00 dalla stazione di Siracusa con arrivo a Ragusa alle 12.50. Il treno fermerà a Fontane Bianche (11.14), Noto (11.32), Ispica (11.53), Scicli (12.18) e Modica (12.29). Dalla stazione di Ragusa previsto il trasferimento a Ibla dove sarà possibile scegliere fra diversi itinerari con visita guidata del centro storico. Dalle 18.30 alle 21.00 si potrà partecipare agli incontri organizzati in occasione del IX Festival dei libri. A tutti i viaggiatori sarà dato un libro in omaggio, accompagnato da degustazioni di prodotti tipici del luogo. Il ritorno è programmato dalla stazione di Ragusa con partenza alle 21.30 e arrivo a Siracusa alle 23.20. Maggiori informazioni sul festival dei libri disponibili on line su atuttovolume.org. I biglietti per il treno storico si possono acquistare nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate, su trenitalia.com e con l’app Trenitalia per dispositivi mobili. Saranno in vendita anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in base alla disponibilità di posti a sedere.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2018

Riaperta stazione di Campo Lattaro, sulla Benevento – Bosco Redole

di mobilita

Dopo 5 anni la stazione di Campolattaro, sulla line Benevento - Bosco Redole, ha riaperto i cancelli.  Domenica 3 giugno, in occasione dell’arrivo del Sannio Express, treno storico della Fondazione FS che ha registrato un nuovo sold out, nel piazzale della piccola stazione del beneventano si è svolta una cerimonia alla presenza dei sindaci dei comuni limitrofi che, insieme ai viaggiatori, hanno festeggiato il ripristino della ferrovia fino a Campolattaro e Pontelandolfo. Domenica 10 giugno, invece, il treno d’epoca in partenza da Salerno alle 9.15, arriverà alle 10.51 a Benevento Arco Traiano dove sarà accolto dalle autorità locali e dallo staff della Confederazione Nazionale Artigianato di Benevento per una breve cerimonia d’inaugurazione della fermata, inserita stabilmente sull’itinerario. Proseguono, intanto, gli interventi di Rete Ferroviaria Italiana con l’obiettivo di riaprire già dall’ 1 luglio il tratto di linea tra Pontelandolfo e Morcone, e ripristinare l’intera linea entro la fine del 2018. I biglietti per viaggiare sul Sannio Express sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate, su trenitalia.com, e con l’app Trenitalia per dispositivi mobili. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web fondazionefs.it.

Leggi tutto    Commenti 0