Articolo
03 apr 2019

SHARE NOW espande la sua flotta elettrica

di mobilita

SHARE NOW, leader mondiale nel campo del carsharing free-floating, punta sempre più sull’elettrificazione della propria flotta. Il numero di veicoli a zero emissioni presenti nelle location europee vedrà, infatti, una forte crescita nel corso dell’anno, fino a raggiungere quota 4.000 vetture. Entro la fine del 2019, si stima che il 25% dei veicoli messi a disposizione in Europa dall’azienda, nata dalla recente fusione di car2go e DriveNow, sarà elettrico. Il numero di veicoli elettrici in Europa è attualmente pari al 20% della flotta totale Attualmente, circa 3.200 delle 15.420 vetture SHARE NOW sono 100% elettriche. Questo numero corrisponde a più del 20% della flotta, disponibile in undici Paesi europei. Per fare un confronto: in Europa, nel 2018, la quota di veicoli elettrici immatricolati corrispondeva all’1.3% sul totale del venduto e si parla solo del 0,3% per l’Italia. Il piano di espansione previsto invece entro il terzo trimestre dell’anno, porterà il numero dei veicoli elettrici di SHARE NOW a quota 4.000, ovvero oltre il 25% del totale della flotta europea. In arrivo dunque, entro l’estate, 800 nuove smart EQ che si aggiungeranno all’attuale flotta di SHARE NOW. Oggi sono quattro le città europee in cui il servizio opera esclusivamente con 2.100 smart elettriche: Madrid con 850 vetture, Amsterdam con 350, Stoccarda con 500 e Parigi, ultima location lanciata a gennaio, con 400 auto elettriche. In altre dodici città europee, invece, la flotta è mista: a Berlino, Amburgo, Monaco, Bruxelles, Helsinki, Copenaghen, Lisbona, Londra, Milano, Colonia, Düsseldorf e Vienna, SHARE NOW mette infatti a disposizione diversi modelli di BMW i3. Cresce il numero di veicoli elettrici a Londra, Amburgo e Milano Il numero dei modelli elettrici BMW i3 introdotti nella flotta SHARE NOW è in continuo aumento. A febbraio, ad esempio, Londra ha accolto 130 nuove BMW i3. La quantità di auto elettriche nella capitale inglese è salita dunque a 180 unità. Sono, inoltre, in atto piani per aumentare significativamente il numero di BMW i3 disponibili ad Amburgo e per introdurre per la prima volta modelli di smart EQ a Milano. Già 12.000 viaggi elettrici al giorno Ogni giorno, in Europa, i veicoli elettrici di SHARE NOW vengono utilizzati circa 12.000 volte. Solo nel 2018, gli utenti hanno percorso 29 milioni di chilometri a bordo dei mezzi a zero emissione, per un totale di 121 milioni di chilometri puramente elettrici. Ciò dimostra quanto sia alta la domanda di carsharing elettrico da parte dei cittadini e degli utilizzatori. Già oggi, nelle venti location europee di SHARE NOW, un viaggio su cinque è elettrico e con l’espansione della flotta questa tendenza aumenterà ulteriormente.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
14 feb 2018

SEGRATE | Arriva il carsharing a flusso libero di car2go

di mobilita

Il carsharing arriva anche a Segrate. Il servizio a flusso libero sarà offerto dalla società car2go che a Milano conta oltre 170.000 clienti.  Da oggi, mercoledì 14 febbraio, è possibile raggiungere la città di Segrate al volante di una delle 800 vetture Smart a due e quattro posti. L’area di parcheggio è situata tra via Primo Maggio e via XXV Aprile, nella zona adiacente al municipio. Il rilascio delle vetture car2go nell’area di Segrate è consentito esclusivamente sulle strisce bianche. Per terminare il noleggio, è previsto un supplemento di 4,90 euro da aggiungere al costo totale del viaggio, che è di 24 centesimi al minuto per il modello di Smart Fortwo e di 26 centesimi per la Smart Forfour. Il supplemento non è invece previsto per chi inizierà il noleggio da Segrate. Il servizio è già presente anche all'ospedale San Raffaele e a Linate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 nov 2017

car2go pubblica il Libro Bianco sul carsharing a guida autonoma ed elettrico

di mobilita

car2go lavora costantemente per prepararsi al futuro del carsharing che sarà autonomo e completamente elettrico. In occasione del Web Summit di Lisbona, la conferenza sulla tecnologia più importante al mondo, l’azienda, leader internazionale nel campo del carsharing a flusso libero, ha diffuso un Libro Bianco che illustra i cinque requisiti essenziali per la futura gestione di flotte a guida autonoma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2017

Trasporto condiviso, la classifica delle 28 capitali europee: Parigi in testa

di ospite

Negli ultimi anni la diffidenza verso sistemi di trasporto condiviso è diminuita, dando così vita a nuovi servizi che vengono incontro alla richiesta sempre crescente, come ha già sottolineato un precedente studio sull’aumento del carsharing in Italia. Un’ultima ricerca in ordine di arrivo quella condotta da Shopalike, che ha comparato i servizi di car, bike e scooter sharing in 28 capitali Europee. Come è stata condotta la ricerca I dati sono stati raccolti dai siti web ufficiali delle capitali, escludendo quindi servizi come BlaBlaCar, Bilpool, Thevoltapp, CarPoolWorld, Autolevi, CarAmico o Carsharing.ie, così come le classiche compagnie di noleggio, durante giugno-luglio 2017. Nelle città che offrono più di un di una tariffa, sono state sommate il numero dei veicoli e il prezzo medio per ora. In più, è stato preso in considerazione il prezzo più basso (tariffa dal lun-ven) per bicicletta/auto/scooter presente nell'offerta, e solo l'utilizzo privato (non quello business). Il tutto calcolato poi con un sistema di punteggi che ha dato vita alla classifica. Parigi migliore città Parigi, nella classifica generale, è risultata la migliore. Offre infatti tutti e tre i tipi di servizi (car, bike e scooter) ad un prezzo vantaggioso, con una sufficiente disponibilità di mezzi ogni mille abitanti.  A seguire Bruxelles e Berlino. Bruxelles è infatti particolarmente conveniente per quanto riguarda il bike sharing, così come Berlino (a sorpresa) con gli scooter, con uno dei prezzi più bassi della classifica. Amsterdam, una delle prime capitali a introdurre servizi di sharing mobility, si posiziona sesta dopo Varsavia e Vienna. Roma: mancanza di bike sharing La capitale italiana non riesce a scalare la classifica. A penalizzare Roma sopratutto la mancanza di una rete di bike sharing organizzata.  Conformazione urbana e problemi di sicurezza hanno infatti impedito alla città di offrire ai suoi cittadini una rete di piste ciclabili sufficientemente estesa. Tuttavia, Roma se la cava meglio per quanto riguarda lo scooter sharing. Servizio relativamente nuovo rispetto ai precedenti, ma che nella capitale italiana, così abituata a usarli come mezzo di trasporto, sembra aver preso piede più facilmente. Roma infatti, in questo caso, guadagna un discreto quarto posto. (articolo a cura di Shopalike)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 ago 2017

Bolzano, sostegno al Carsharing, approvate le linee guida

di mobilita

Contributi per spese di investimento e di esercizio sino ad un massimo del 75% dei costi ammessi. La Provincia Autonoma di Bolzano si muove in maniera concreta per sostenere il carsharing, ovvero quel servizio che permette agli utenti di utilizzare un veicolo su prenotazione noleggiandolo per un periodo di tempo breve, e pagando in ragione dell'utilizzo effettuato. Ieri è arrivato il via libera ai criteri per la concessione di contributi a soggetti pubblici e privati (i dettagli su scadenze e condizioni seguiranno a breve) in un settore che, anche in Alto Adige, sta prendendo sempre più piede. "Il Carsharing - sottolinea l'assessore Florian Mussner - rappresenta un'interessante opzione di mobilità sostenibile, e l'impegno della Provincia si muove nella direzione di sostenere non solo le infrastrutture pubbliche come bus e treni, ma anche quei comportamenti e quegli stili di vita che aiutano a diffondere una cultura positiva da questo punto di vista. La possibilità di utilizzare un solo veicolo da parte di più persone, infatti, contribuisce a ridurre la mole di traffico e il problema dei parcheggi, e ad abbattere l'inquinamento". Oltre che per le persone private, però, il carsharing rappresenta un'opzione estremamente vantaggiosa dal punto di vista economico anche per le piccole e medie imprese. "La stessa amministrazione provinciale - prosegue Mussner - fa ricorso al carsharing per i viaggi di servizio. In futuro, inoltre, il sistema dovrà sempre più essere orientato all'utilizzo di auto elettriche". Gli incentivi per il carsharing prevedono che i contributi possano essere destinati ad aziende che garantiscono una diffusione capillare del servizio su tutto il territorio provinciale, con stazioni in almeno cinque città e altri tre comuni sopra i 5mila abitanti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Car2go atterra a Fiumicino

di Roberto Lentini

Car2go arriva anche all'aeroporto di Roma-Fiumicino. Da oggi ci saranno infatti 20 parcheggi riservati presso il Terminal 1. Per individuarli bisogna seguire le indicazioni per gli "Arrivi" e poi dirigersi verso la terrazza del parking B. Una volta arrivati davanti l’entrata del parcheggio, la sbarra si alzerà automaticamente senza dover ritirare ticket o utilizzare card specifiche. Il costo aggiuntivo del servizio car2go a Fiumicino è di 9.90€. La tariffa standard di noleggio è di 24 centesimi al minuto.   "Car2go ha lanciato il servizio a Roma a marzo 2014 come primo operatore di carsharing a flusso libero- ha affermato Horacio Reartes, Location Manager car2go Roma - e oggi siamo felici di annunciare la partnership con l’Aeroporto di Fiumicino che si aggiunge, a gran richiesta, agli aeroporti di Milano Linate, Firenze Amerigo Vespucci e Torino Sandro Pertini, dove il nostro servizio è già attivo. Con l’arrivo a Fiumicino siamo, infatti, in grado di garantire ai nostri clienti un servizio di mobilità ancora più efficiente, completo e in linea con le attuali esigenze di mercato. - ha aggiunto Reartes - Car2go non è un competitor, ma un perfetto complemento alle altre forme di mobilità disponibili in città.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 mag 2017

BlaBlaCar festeggia i primi 5 anni del carpooling in Italia

di Fabio Nicolosi

BlaBlaCar, la piattaforma per i viaggi in auto condivisi, festeggia i suoi 5 anni in Italia e rivela per la prima volta l’entità della sua community: sono 2,5 milioni gli utenti della piattaforma nel nostro Paese. Nella popolazione internet tra i 20 e i 34 anni, il 17% degli italiani fa parte della community di BlaBlaCar; e tra i 35 e i 44 anni è l’8% degli italiani a scegliere il carpooling. Dal 2012 a oggi, sulla piattaforma di BlaBlaCar sono stati offerti 1,5 miliardi di chilometri: quasi 25.000 volte la circonferenza della terra e oltre 270.000 il Giro d’Italia 2017. 5 anni di viaggi condivisi BlaBlaCar nasce in Francia nel 2006 e arriva in Italia nel 2012, in una fase in cui in molti ripensano ai propri consumi: nel gennaio 2012 i pedaggi autostradali aumentano in media del 3,1%, e in agosto il prezzo della benzina supera il record dei 2 euro al litro. L’idea del carpooling inizia a attrarre gli automobilisti: a pochi giorni dal lancio della piattaforma in Italia c’è già chi offre i posti disponibili a bordo per tratte lunghe come Messina-Torino, Bari-Genova e Benevento-Venezia. Sfidando i pregiudizi relativi al viaggio con ‘sconosciuti’ BlaBlaCar costruisce la sua community: a decretare il successo della piattaforma sono soprattutto i pendolari settimanali che ogni weekend fanno rientro in famiglia dalla città in cui studiano o lavorano. È il caso di Nicola M., 27 anni, genovese che nel 2014 si è trasferito a Milano per lavoro e dopo la prima settimana in città si è iscritto a BlaBlaCar per poter tornare in Liguria il più spesso possibile; o quello di Flavia F., 48 anni, infermiera a Milano e pendolare per amore che si mette in auto verso Rimini per raggiungere la compagna ogni volta che le è possibile: Flavia è la donna italiana con più feedback sulla piattaforma, quasi 500, seguita in classifica da Claudia G., 39 anni, insegnante tra Cagliari e Sassari. Ci sono poi viaggiatori come Paolo S., 34 anni, che da Pisa gira l’Italia in BlaBlaCar proprio dal 2012, o Stefano M., 30 anni, per cui la Milano-Palermo in carpooling è un’abitudine in ogni occasione di vacanza. E il carpooling in Italia viene apprezzato anche per il suo aspetto social: Arianna T., 34 anni, e Pierfranca M., 47, dopo un viaggio in BlaBlaCar si sono ritrovate spesso e hanno frequentato insieme corsi professionali; e Luisa V., 38 anni, grazie a un suo passaggero ha incontrato il cagnolino che avrebbe poi adottato. Oggi sulla piattaforma le tre tratte più popolari sono la Milano-Genova, la Milano-Padova e la Roma-Napoli, ma i viaggi offerti nel Paese coprono tragitti medi di 340 km e la spesa media per un posto in auto si aggira attorno ai 18 euro. Per questo fine settimana sulla piattaforma si registra anche un certo movimento verso Cardiff, meta a cui puntano i tifosi della Juventus e del Real Madrid in vista della finale della UEFA Champions League: da Torino, Vercelli, Modena e Milano c’è chi offre posti in auto verso il Galles; e lo stesso succede da Madrid. Il costo medio di un passaggio da Torino a Cardiff (1.489 km, 16 ore di viaggio stimate) su BlaBlaCar è di 89,50€. I regali per la community da parte di BlaBlaCar non si esauriscono nella settimana del suo compleanno ma continuano per tutta l’estate. Il prossimo arriverà a ridosso delle partenze estive, quando i conducenti più attivi della piattaforma riceveranno una sorpresa pensata da Hasbro Gaming per far divertire in auto tutti i loro compagni di viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 set 2015

SHARE’NGO: il car sharing elettrico a Milano

di Alessandro Graziano

  Inaugurati la settimana scorsa i primi cinque SHARE’NGO POINTS all’interno delle Isole Digitali di Via Larga, Cadorna, Stazione Centrale, Sant’Agostino e Porta Venezia nei limiti della ZTL  di Milano chiamata zona C. SHARE'NGO è una piattaforma nazionale per lo sviluppo della mobilità elettrica e sostenibile ideata e gestita da CS GROUP che offre servizi di car sharing free floating a tariffe profilate nelle più grandi città italiane, car sharing dislocato nelle città italiane di medie dimensioni (SHARE ‘NGO POINT) e courtesy car per il settore turistico-alberghiero con la propria divisione SHARE’NGO RENTAL oppure in noleggio a lungo termine, in partnership con ELETTRONLT. Cosa sono le isole digitali? Sono dei parcheggi di quartiere da cui è possibile accedere al servizio di car sharing elettrico a chi arriva in città in treno e ai milanesi che non hanno un’auto propria o hanno meno dimestichezza con smartphone, app e prenotazioni via web. In queste cinque Isole Digitali (e da fine ottobre in tutte le 28 isole Digitali presenti nei quartieri della città) sarà possibile prelevare un’ Equomobile (crasi tra equità e automobile) anche senza prenotazione e con il solo utilizzo di una Card Apriporta che SHARE’NGO invia gratuitamente a tutti i propri iscritti.         L’Equomobile è di tutti, è amica dell’ambiente perché è elettrica, ma a ricaricarla, ci pensiamo sempre noi! Guidarla è facile come qualsiasi auto col cambio automatico. Il servizio è garantito 7 giorni su 7, tra le 8 e le 21, alle Isole ci sarà una disponibilità costante di almeno due macchine immediatamente utilizzabili, un progetto integrativo della modalità principale in free-floating con cui sono già disponibili le 300 auto del nuovo car sharing elettrico avviato lo scorso giugno in città Le colonnine sono utilizzabili anche per le proprie vetture private in modo da far diffondere ancor di più i veicoli elettrici e ibridi soprattutto nella zona a traffico limitano. info: https://www.equomobili.it/ http://www.sharengo.it/  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mag 2015

Arriva Share ‘nGo: il carsharing di Milano a tariffa personalizzata

di Andrea Baio

Che Milano sia una città particolarmente attiva in fatto di carsharing, è dimostrato dai dati eccellenti di servizi ormai consolidati come Car2Go, e dalla presenza di ben 7 società che operano nel settore all'interno del capoluogo lombardo. Debutta adesso un servizio carsharing a dir poco originale, che personalizza la tariffa di utilizzo a seconda delle abitudini dell'utente: Share 'nGo. La logica è quella di far pagare sempre meno all'utente che viaggia sempre di più in carsharing. Il profilo del cliente può essere tracciato compilando un questionario apposito su equomobili.it, per essere poi vagliato dall'azienda sulla base dell'attendibilità delle risposte fornite. Basta inserire nome, mail e in pochi "passaggi" (scusando il gioco di parole) si potrà usufruire della propria tariffa agevolata, che avrà durata 1 anno. Sarà inoltre utilizzata una logica di premialità per chi smette di utilizzare il mezzo privato, e per chi svolge lavori di pubblica utilità. La tariffa variabile può scendere sino a 10 centesimi al minuto per utilizzi intensivi del servizio, mentre quella fissa sarà di 28 centesimi al minuto. La flotta è composta da 100 quadricicli elettrici, modello ZD1, dotati di batteria a ioni di litio, luci LED e navigatore satellitare, ed un’autonomia di 120 km,  raggiungendo una velocità massima di 80 km/h. Tra i vantaggi di Share 'nGo c'è anche la possibilità di parcheggiare gratuitamente su strisce blu e gialle, ed accedere liberamente alla zona C di Milano. Per le donne invece, sarà possibile utilizzare gratuitamente il servizio dall'una alle sei del mattino. La quota di iscrizione è di 10 euro, e viene formalizzata con la consegna della Share 'nGo card. Inoltre, per incentivare il servizio, i primi 500 minuti di guida saranno gratuiti. Fa piacere vedere come sempre più aziende green competano sul mercato. Iniziative private come questa, possono fare da incentivo verso una mobilità sempre più sostenibile, soprattutto nei contesti urbani, ormai giunti al collasso - sia per inquinamento, che tempi di attraversamento.

Leggi tutto    Commenti 0