Articolo
13 giu 2017

E’ partita la prima crociera su battello da Locarno a Venezia

di Roberto Lentini

Sabato 10 giugno è partita dalla città ticinese la prima crociera turistica lungo l’idrovia che attraversa due Stati, 4 regioni italiane (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto), 12 province e 171 comuni del Nord Italia. Il sogno della via d’acqua che collega la Svizzera al mar Adriatico è diventato realtà e il primo viaggio durerà nove giorni per arrivare a Venezia sabato 17 maggio in occasione della conferenza internazionale dell’Unesco dedicata alle vie d’acqua. Su un percorso di circa 700 km la crociera è partita dalla cittadina svizzera di Locarno il percorso scende poi dal Lago Maggiore fino ad Arona e Sesto Calende, per poi proseguire sul fiume Ticino fino alle dighe del Panperduto in località di Somma Lombardo (nelle vicinanze dell’aeroporto della Malpensa). Dalla suggestiva diga ottocentesca del Panperduto, nel cuore del Parco del Ticino, passerà poi nel Naviglio Grande fino alla Darsena di Milano e del Canale Villoresi. Dalla Darsena di Milano il percorso proseguirà verso Pavia sul Naviglio Pavese per poi rientrare sul fiume Ticino, sboccando infine sul fiume Po e passando da Piacenza, Cremona e Ferrara per arrivare nella laguna veneta e sfociare nel mare Adriatico a Venezia. La costruzione del sistema di canali del Naviglio Grande risale al 1200. Realizzato in origine per irrigare i campi agricoli, funzione che ricopre ancora oggi, fu in seguito trasformato per permettere il trasporto su acqua da e verso Milano. Questa via d’acqua, naturale e edificata, testimonia l’importante ruolo storico di collegamento e di via di trasporto che oggi viene valorizzato e riscoperto grazie a iniziative promosse dal Canton Ticino, della Lombardia e del Piemonte.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Airbus inizia l’assemblaggio del primo Beluga XL

di Roberto Lentini

E' già iniziato l’assemblaggio del primo Beluga XL, la nuova generazione di aereo da trasporto del costruttore europeo Airbus, derivato dalla versatile linea dei grandi A330 widebody. Rispetto alla precedente generazione, il nuovo Beluga XL garantirà una capacità di carico del 30% in più e permetterà al costruttore europeo di imbarcare due ali complete dei suoi A350, che potranno così essere trasportate dai siti di produzione a quelli di assemblaggio senza troppi problemi.  Non è il velivolo in grado di trasportare i carichi più pesanti, ma è quello che ha il piano di carico più grande: 37,70 metri di lunghezza e 7,10 metri di diametro. L'entrata in servizio è prevista per il 2019 e si prevedono 5 esemplari, come per il suo predecessore. Ma Airbus non è l'unica a costruire aerei di grandi dimensioni. L’americana Boeing ha i suoi aerei da carico speciali, i Dreamlifiter, B747-400 modificati con un’ulteriore gobba costruiti appositamente per permettere il trasporto dei componenti dei B787. Questi aerei si possono spesso vedere nell'aeroporto di Taranto-Grottaglie, dove, negli adiacenti stabilimenti di Leonardo-Finmeccanica, si costruiscono le fusoliere dei Dreamliner.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Napoli, da oggi in vigore le nuove tariffe per ANM

di mobilita

A partire da oggi lunedì 12 giugno 2017 il costo del biglietto di corsa semplice del trasporto pubblico ANM (azienda napoletana mobilità) passa da un euro a 1,10 mentre il ticket settimanale costerà 15,70 euro. I vecchi titoli di viaggio acquistati prima del 12 giugno potranno ancora essere utilizzati fino ad esaurimento scorte. I nuovi titoli di viaggio saranno disponibili nelle rivendite autorizzate e nelle macchinette emettitrici delle stazioni Anm. Si prevedono in futuro anche ulteriori aumenti per arrivare gradualmente entro il 2019 ad un biglietto di corsa semplice di 1,30. Nell’ottica del contrasto al’evasione, anche le sanzioni subiscono una variazione e saranno applicate, a partire sempre dal 12 giugno, come evidenziato di seguito nel prospetto pubblicato nella sezione tariffe e sanzioni del sito web ANM:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Trenitalia, Sciopero nazionale il 15 e 16 giugno 2017

di mobilita

Ferrovie dello Stato Italiane comunica che alcune sigle sindacali autonome, in adesione ad uno sciopero generale, hanno proclamato uno sciopero nazionale del personale addetto al trasporto ferroviario del Gruppo FS, ad esclusione di Piemonte e Valle D’Aosta, dalle 21.00 di giovedì 15 giugno alle 21.00 di venerdì 16 giugno 2017. Per i treni regionali saranno garantiti i servizi essenziali previsti in caso di sciopero nei giorni feriali dalle ore 6:00 alle ore 9:00 e dalle ore 18:00 alle ore 21:00. Le Frecce circoleranno regolarmente.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2017

Linea Ionica, chiude la tratta tra Sibari e Catanzaro Lido per i lavori di potenziamento

di mobilita

Al via domenica 11 giugno gli interventi di potenziamento infrastrutturale della linea Ionica. I cantieri saranno operativi tra Sibari e Catanzaro Lido, fino al 9 settembre, per consentire a Rete Ferroviaria Italiana di eseguire importanti lavori di rinnovo lungo oltre 60 km di linea. Il programma prevede interventi a scambi e binari che saranno in grado di innalzare i limiti di velocità del tracciato, specialmente in corrispondenza delle stazioni, e incrementarne gli standard di affidabilità e sicurezza. Inoltre, saranno realizzati lavori di consolidamento e adeguamento nella galleria Cutro, tra Isola Capo Rizzuto e Cutro. L’investimento economico è di circa 40 milioni di euro e si inserisce nel più ampio progetto di potenziamento complessivo che verrà sviluppato nei prossimi anni, da Rocca Imperiale sino a Reggio Calabria, per migliorare l’ esperienza di viaggio sia in termini di tempi di percorrenza sia di accessibilità al servizio. Per l’intera durata dei lavori sarà sospesa la circolazione dei treni. Per garantire la mobilità, Trenitalia Regionale Calabria, in accordo con il competente assessorato regionale, associazioni di pendolari e consumatori, attiverà servizi sostitutivi con bus programmati in numero maggiore rispetto alle corse dei treni per ridurre le differenze create dai diversi tempi di viaggio tra le due modalità di trasporto. Le informazioni di dettaglio sui provvedimenti, con l’elenco completo dei treni interessati, orari e punti di fermata dei bus, sono disponibili in questo link

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Trenitalia Regionale Puglia: dall’11 giugno in vigore il nuovo orario

di mobilita

Con l'entrata in vigore del nuovo orario, la Regione Puglia, in linea con il Piano Triennale dei servizi e con il Piano Regionale dei Trasporti, d’intesa con Trenitalia, intende avviare il processo di efficientamento  dei servizi offerti, nel rispetto della normativa nazionale ed europea vigente, di incremento della qualità e quantità dei servizi a domanda elevata, di aumento dei ricavi da traffico e di contenimento dei costi operativi al fine di realizzare un’offerta di servizi più idonea ed efficace ed aderente alla domanda. La revisione dei servizi, in collaborazione con RFI, ha portato a una prima proposta di orario cadenzato sulla direttrice Adriatica, cioè un sistema che scandisce partenze e arrivi dei treni nelle stazioni delle linee metropolitane (Mola di Bari– Molfetta) e suburbane (Fasano – Barletta) a un ritmo tendenzialmente costante, con orari fissi e facili da memorizzare: gli stessi minuti di ogni ora nonché a una velocizzazione dei servizi regionali di lunga percorrenza: Foggia – Bari e Lecce - Bari Chi vorrà sperimentare il servizio ferroviario regionale potrà avvalersi dall’11 giugno di collegamenti che, da Foggia a Bari, impiegheranno da un’ora e 16 minuti (treni veloci) a un’ ora e 50 minuti per servire tutte le località attraversate e, da Lecce a Bari, da un’ora e 37 minuti (treni veloci) a 2 ore e 3 minuti per servire tutte le località attraversate. Il treno sfida dunque l’auto privata che non risulta essere più competitiva. Basti pensare ai tempi di viaggio di 1h e 40 tra Foggia e Bari e 1h e 58 tra Lecce e Bari. L’esigenza è quella di migliorare l’offerta ferroviaria in termini di flessibilità, frequenza e integrazione  con gli altri mezzi di trasporto collettivo ferro/gomma, verso un riequilibrio modale del mezzo collettivo rispetto al mezzo privato . Il tutto nell’ottica di integrare tutti i servizi di trasporto collettivo in linea con le direttive europee. Nonostante alcuni vincoli legati a necessità di circolazione e altri di natura infrastrutturale, il nuovo modello rappresenta già un punto di svolta per incrementare la frequenza delle corse nelle aree urbane e suburbane e la velocità nei collegamenti tra centri più distanti, oltre che per realizzare una rete di servizi regionali – ferro e gomma – sempre più integrati tra loro e con le corse a lunga percorrenza, Frecce e Intercity, di Trenitalia. Servizi regionali Tra Foggia e Bari trentasette collegamenti al giorno rappresentano un’offerta competitiva rispetto all’auto, sia in termini di tempi di percorrenza sia di costi (9,10 euro il costo del biglietto regionale contro i 24 euro di pedaggio e carburante se si sceglie l’auto). Tra Lecce e Bari trentanove collegamenti quotidiani rappresentano un’offerta altrettanto competitiva sia in termini di percorrenza che di costi (10,50 euro il costo del biglietto regionale contro i 16,75 euro se si sceglie l’auto).* Servizi metropolitani e suburbani Mola di Bari – Molfetta e Fasano-Barletta Ventiquattro collegamenti al giorno tra Mola di Bari e Molfetta e ventisei tra Fasano e Barletta ad orari cadenzati saranno a servizio dell’area metropolitana e suburbana e fungeranno come servizi di interscambio con i collegamenti regionali veloci nelle stazioni di Mola di Bari, Molfetta, Fasano e Barletta. Treni estivi sulla linea Foggia – Manfredonia Gli orari estivi sulla Foggia Manfredonia sono stati rimodulati per soddisfare i flussi turistici con coincidenze anche con i regionali da e per Bari. Nuovo collegamento veloce per Taranto E’ previsto un nuovo collegamento veloce tra Taranto e Bari e il prolungamento su Taranto di una coppia di collegamenti  esistenti tra Bari e Gioia del Colle. Gli orari dei primi treni del mattino da Taranto sono stati distanziati per distribuire meglio il flusso pendolare su Bari. Viaggiare in treno conviene Un primo importante risultato è l’accordo commerciale che consente dal primo giugno ai  clienti in possesso di un biglietto di corsa semplice; abbonamento settimanale, mensile e annuale a tariffa regionale Puglia che raggiungono Torre Quetta durante il periodo estivo, di usufruire di uno sconto del 10% sulla consumazione nei chioschi del lido o sul noleggio di ombrellone e lettini. Per tutti i clienti possessori di un abbonamento settimanale a tariffa regionale inoltre è previsto uno sconto del 10% sulla sosta/parcheggio camper e/o roulotte. Dal prossimo primo ottobre al 30 aprile 2018 la sosta auto per l’intera giornata a 1,00 € per tutti i clienti possessori di abbonamenti settimanali/mensili/annuali a tariffa regionale Puglia di Trenitalia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Car2go atterra a Fiumicino

di Roberto Lentini

Car2go arriva anche all'aeroporto di Roma-Fiumicino. Da oggi ci saranno infatti 20 parcheggi riservati presso il Terminal 1. Per individuarli bisogna seguire le indicazioni per gli "Arrivi" e poi dirigersi verso la terrazza del parking B. Una volta arrivati davanti l’entrata del parcheggio, la sbarra si alzerà automaticamente senza dover ritirare ticket o utilizzare card specifiche. Il costo aggiuntivo del servizio car2go a Fiumicino è di 9.90€. La tariffa standard di noleggio è di 24 centesimi al minuto.   "Car2go ha lanciato il servizio a Roma a marzo 2014 come primo operatore di carsharing a flusso libero- ha affermato Horacio Reartes, Location Manager car2go Roma - e oggi siamo felici di annunciare la partnership con l’Aeroporto di Fiumicino che si aggiunge, a gran richiesta, agli aeroporti di Milano Linate, Firenze Amerigo Vespucci e Torino Sandro Pertini, dove il nostro servizio è già attivo. Con l’arrivo a Fiumicino siamo, infatti, in grado di garantire ai nostri clienti un servizio di mobilità ancora più efficiente, completo e in linea con le attuali esigenze di mercato. - ha aggiunto Reartes - Car2go non è un competitor, ma un perfetto complemento alle altre forme di mobilità disponibili in città.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Enjoy manda in pensione gli scooter

di mobilita

Dal 1 luglio non sarà più possibile noleggiare gli scooter Enjoy a Catania, Milano e Roma. La decisione non è legata a fattori di sicurezza o di furti ma semplicemente perchè non hanno avuto riscontro nella clientela che hanno preferito di gran lunga l'auto. Sicuramente hanno influito il maggior costo di noleggio rispetto all'auto e al fatto che questi scooter, Piaggio Mp3, se da un lato le dimensioni garantiscono maggiore sicurezza, dall'altro ne hanno limitato l'uso solo a chi già utilizza moto o scooter di tali dimensioni.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2017

Enac, dal “Rapporto e Bilancio sociale 2016″ positivo il trend di crescita del traffico aereo

di mobilita

Il Presidente dell’ENAC Vito Riggio e il Direttore Generale Alessio Quaranta hanno presentato il Rapporto e Bilancio Sociale 2016 sulle attività svolte dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile nell’anno di riferimento. La presentazione è stata ospitata, come di consueto, dal Senato della Repubblica, sede di Palazzo Giustiniani, con l’apertura dei lavori affidata al Presidente del Senato Pietro Grasso, seguito dall’intervento del Presidente Vito Riggio, e con la presenza del Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini. La relazione di sintesi è stata presentata dal Direttore Generale Alessio Quaranta, che ha tracciato anche i principali contenuti del volume "Aeroporti: le nuove infrastrutture - Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani", pubblicazione che riepiloga e illustra, attraverso dati e gallerie fotografiche, gli investimenti sui principali scali nazionali dal 2000 con proiezioni sul futuro a medio e a lungo termine. Come per l’anno precedente, positivo il trend di crescita del traffico aereo che nel corso del 2016 ha ulteriormente consolidato la ripresa del settore: sono stati 164.368.109 i passeggeri transitati negli aeroporti nazionali con un aumento del 4,8% rispetto al 2015. L’Italia ha chiuso il 2016 con tassi di crescita rispetto al 2015 pari al 4,8% in termini di passeggeri e addirittura del 6,1% in termini di cargo. Ciò evidenzia due elementi degni di nota. Il primo, fondamentale, è che, nonostante la perdurante fase di crisi economica che stiamo attraversando e nonostante il crescente timore per i continui attacchi terroristici che l’Europa sta subendo da un po’ di tempo, il traffico aereo in Italia continua a crescere. Il secondo dato significativo è che il traffico aereo in Italia non solo aumenta, ma gli incrementi risultano in linea sia con le previsioni ICAO, sia con gli incrementi medi fatti registrare in Europa, che si sono attestati al 5,1% per il traffico passeggeri e al 4,1% per il settore cargo. Nel 2016 sugli aeroporti italiani sono transitati complessivamente 164.368.109 passeggeri rispetto ai 156.965.253 del 2015 (+4,8%). I movimenti complessivi sono stati 1.332.388, segnando un incremento del 2,4% rispetto all’anno precedente. Dato, quest’ultimo, che conferma, altresì, un migliore utilizzo delle infrastrutture aeroportuali nonché una maggiore redditività e un efficientamento dei voli stessi in termini di riempimento medio degli aeromobili (load factor). I volumi di cargo (merce e posta) trasportati sono stati pari a 998.856 tonnellate, rispetto ai 941.107 del 2015. Questi ultimi hanno fatto registrare un aumento significativo, pari al 6,1%, superiore, come detto anche alla media europea, ferma al 4,1%. Dato anch’esso estremamente positivo per l’import/export in termini di contribuzione alla bilancia commerciale del Paese, e per le ricadute economiche, dirette, indirette e dell’indotto. Con riferimento ai principali scali europei, secondo la graduatoria europea elaborata da ACI Europe l’unico aeroporto che ha fatto registrare una crescita significativa è stato lo scalo di Amsterdam Schiphol con (+9.2%), che potrebbe aver beneficiato anche della riduzione del traffico dell’hub di Istanbul-Ataturk (-2,1%), sceso in quinta posizione con 60 milioni di passeggeri. Roma Fiumicino (+3,3%) si è piazzato al 10° posto, dietro Monaco (+3,1%) e davanti a Mosca (+7,6%), mentre Francoforte (-0,4%) ha mantenuto la sua quarta posizione. Da segnalare che il traffico di Fiumicino è caratterizzato da una predominante connotazione internazionale, pari al 70% del totale. Medesima considerazione può essere estesa anche a Venezia Tessera (86,3%), Milano Malpensa (86,1%), Bologna (75%) e Bergamo (72%), benché il primo posto in questa particolare graduatoria spetti proprio a Ciampino con ben il 95,5%. Sotto il profilo dei collegamenti nazionali, la Catania - Fiumicino si conferma la tratta che catalizza il maggior numero di passeggeri con 1.038.945 passeggeri e la Fiumicino - Catania con 1.008.295, seguita dalla Palermo - Fiumicino con 798.736 e dalla Fiumicino - Palermo con 797.862. Al quinto posto si attesta la Milano Linate - Roma Fiumicino con 597.974 passeggeri. Nella graduatoria totale del traffico complessivo, nazionale e internazionale, per compagnie aeree, il vettore irlandese Ryanair si è confermato, anche nel 2016, al primo posto con 32.615.348 passeggeri, facendo registrare un incremento del 9,8% rispetto al 2015. Segue Alitalia con 23.106.354 (+0,5%), terza Easyjet con 14.335.531 (-0,2%), quarta Vueling Airlines con 5.601919 (+11,3%), quinta Deutsche Lufthansa con 4.287.095 (-1,1%). Prendendo in esame il solo traffico nazionale, Alitalia si conferma, invece, con 12.778.924, al primo posto in questa graduatoria, seguita da Ryanair con 10.460.364 e Easyjet con 2.614.815. Il 2016 evidenzia una ripartizione della quota di mercato di traffico aereo complessivo (nazionale e internazionale) sostanzialmente in equilibrio tra vettori tradizionali (50,5%) e vettori low cost (49,5%). Il dato più interessante è tuttavia rappresentato dalla crescita costante che ha caratterizzato il segmento low cost negli ultimi 10 anni. Basti pensare che la quota di traffico del settore low cost nel 2004 si attestava solo al 6,2% e nel 2005 al 17,9% e oggi ammonta a circa la metà del traffico complessivo (49,5%). Nel 2016 la crescita dei vettori low cost rispetto al 2015 è stata pari al +7% a fronte di una crescita dei vettori tradizionali del 2,5% a testimonianza, ancora una volta, del fenomeno di crescita inarrestabile che sta caratterizzando il “business model” delle low cost in alcuni Paesi europei, tra cui l’Italia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2017

Alitalia lancia il volo diretto Roma-Nuova Delhi

di Roberto Lentini

Alitalia torna in India. Dal 29 ottobre, dopo 9 anni di assenza, la Compagnia italiana lancerà un collegamento diretto giornaliero fra Roma e Nuova Delhi. La nuova rotta, che si aggiunge a quella per le Maldive anch’essa prevista per fine ottobre, prevede un collegamento quotidiano per tutta la stagione invernale, fino al 24 marzo 2018. In questo modo, Alitalia intende rispondere alla forte richiesta di voli diretti fra i due Paesi: l’Italia, infatti, è la seconda nazione europea, dopo la  Gran Bretagna, per numero di visitatori dall’India e – secondo gli ultimi dati Istat disponibili – nel 2015 oltre 426.000 viaggiatori indiani sono arrivati in Italia, facendo registrare una crescita del 49,7% rispetto all’anno precedente. Il volo diretto Roma-Nuova Delhi rappresenta anche un’importante opportunità per rafforzare i rapporti commerciali tra l’Italia e l’India, una fra le economie più dinamiche al mondo e meta, lo scorso aprile, di un’importante missione imprenditoriale italiana. Con un interscambio di 7,5 miliardi di euro nel 2016, l’Italia è il quinto partner economico dell’India fra i Paesi dell’Ue e ha grandi potenzialità di crescita. Il nuovo volo Roma-Nuova Delhi partirà da Roma Fiumicino tutti i giorni alle ore 14.40. L’arrivo a Nuova Delhi alle ore 2.40 locali del giorno successivo consente ai viaggiatori di proseguire verso tutte le principali città dell’India – tra cui Mumbai, Calcutta, Chennai, Jaipur e Bangalore – e verso diverse destinazioni internazionali come il Nepal, la Tailandia o Singapore, grazie agli accordi commerciali in corso con Jet Airways e con altre compagnie aeree indiane. Da Nuova Delhi il volo Alitalia partirà tutti i giorni alle 4.40 locali (fascia oraria molto trafficata in India) per atterrare a Roma Fiumicino alle ore 9.00. Con questi orari, i passeggeri in arrivo dall’India possono proseguire, attraverso comode coincidenze dall’hub Alitalia di Roma Fiumicino, verso 39 destinazioni in Italia, in Europa, in Nord Africa e nelle Americhe, tra cui, ad esempio, quattro destinazioni negli USA – New York, Boston, Miami e Los Angeles –, oltre a L’Avana. Sulla Roma-Nuova Delhi voleranno aerei Airbus A330 che dispongono di 250 posti a sedere divisi in tre classi di servizio: Business, Premium Economy ed Economy. A bordo i passeggeri Alitalia troveranno allestimenti di cabina completamente rinnovati, il servizio di connettività Wi-Fi per telefonate, internet ed email e, in Business Class, poltrone che si reclinano fino a diventare un comodo letto. Sarà inoltre disponibile il servizio “Dine Anytime”, il nuovo modello di ristorazione che consente ai passeggeri di business di decidere quando consumare il pasto a bordo. I viaggiatori di Premium Economy troveranno servizi dedicati. Anche in classe Economy Alitalia assicura il massimo comfort ai suoi passeggeri. Alitalia serve l’India anche grazie al codeshare sui voli di Etihad Airways e di Jet Airways, via Abu Dhabi, per Mumbai, Bangalore, Cochin e Nuova Delhi.

Leggi tutto    Commenti 0