Articolo
11 apr 2019

REGIONE SICILIANA | Si completa il sistema dei Parchi archeologici

di mobilita

Si completa, dopo diciannove anni, il sistema dei Parchi archeologici in Sicilia previsto dalla legge regionale 20 del 2000. Firmati i decreti per l'istituzione delle ultime otto strutture: Gela; Catania e Valle dell'Aci; Isole Eolie; Tindari; Himera, Solunto e Monte Iato; Kamarina e Cava D'Ispica; Siracusa, Eloro e Villa del Tellaro; Lilibeo. Previsto, inoltre, l'accorpamento di "Morgantina e Villa Romana del Casale" e di "Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria". Il progetto dei Parchi, fra gli obiettivi prioritari del governo regionale, era stato ideato e curato, fin nei minimi dettagli, dal compianto assessore Sebastiano Tusa, che aveva peraltro proposto degli accorpamenti minimi per impedire che alcuni siti archeologici finissero nell'abbandono a causa di esigue entrate dovute a un minore afflusso di visitatori. E sempre Tusa aveva firmato i decreti per l'istituzione del Parco archeologico della Villa Romana del Casale e, il 7 marzo scorso, del Parco archeologico di Leontinoi, con quello che fu il suo ultimo atto amministrativo. «Dopo quasi un ventennio - evidenzia il governatore Musumeci - il mio Governo dà attuazione completa alla legge siciliana sui Parchi archeologici. Con questi decreti si dà protagonismo alle realtà locali, si responsabilizzano le classi dirigenti e si consente la tanto auspicata loro autonomia finanziaria». L'istituzione dei Parchi archeologici - che sono complessivamente 14 - ha come effetto che i proventi dei biglietti di ingresso restino nelle casse degli enti stessi e, quindi, con la possibilità di essere impiegati per la conservazione e la valorizzazione dei siti archeologici. Risorse, dunque, che rimangono sui territori, tutti rappresentati nei Comitati tecnico-scientifici da parte dei sindaci dei Comuni interessati. E' chiaro che all'interno dei Parchi potranno essere promosse iniziative finalizzate ad attrarre nuovi visitatori per non mummificare luoghi per troppo tempo fuori dai circuiti ufficiali dei beni culturali". Con l'istituzione degli otto nuovi Parchi, e l'aggregazione di Pantelleria al Parco di Selinunte e di Morgantina al Parco della Villa del Casale, si conclude l'attuazione del sistema dei Parchi archeologici, una delle mission più significative del Governo Musumeci. PARCHI GIA' ESISTENTI: 1) Parco archeologico di Agrigento 2) Parco archeologico di Naxos e Taormina 3) Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa (a cui si accorpa Pantelleria) PARCHI ISTITUITI DAL GOVERNO MUSUMECI: 1) Parco archeologico di Segesta 2) Parco archeologico della Villa Romana del Casale (a cui si accorpa Morgantina) 3) Parco archeologico di Leontinoi 4) Parco archeologico di Tindari 5) Parco archeologico di Gela 6) Parco archeologico di Catania e Valle dell'Aci 7) Parco archeologico delle Isole Eolie 8) Parco archeologico di Himera, Solunto e Monte Jato 9) Parco archeologico di Kamarina e Cava D'Ispica 10) Parco archeologico di Siracusa, Eloro e Villa del Tellaro 11) Parco archeologico di Lilibeo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mar 2019

FIRENZE | Sabato 30 marzo la grande mobilitazione globale di Earth Hour

di mobilita

Earth Hour è la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzioni e imprese in una comune volontà di garantire al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico. Dalle 20.30 alle 21.30 avverrà lo spegnimento simbolico delle luci di Palazzo Vecchio, Torre di Arnolfo, Ponte Vecchio, Abbazia di San Miniato al Monte, Statua del David al piazzale Michelangelo, Duomo, Basilica di Santa Croce, Palazzo Sacrati Strozzi e Palazzo Medici Riccardi. Un’altra iniziativa serale è in programma all'Osservatorio Astrofisico di Arcetri dove si potrà osservare la volta celeste, sotto la guida degli astronomi  in collaborazione con l’ Associazione Astronomica Amici di Arcetri. Inoltre sarà possibile sperimentare un saggio temporaneo del clima del futuro dentro la Bolla; si tratta di una struttura pneumatica che simula le variazioni della temperatura dovute al riscaldamento globale previste per l’anno 2030. Allestimento a cura di Legambiente e del Collettivo Pomaio. La prenotazione è obbligatoria; occorre comunicare (entro e non oltre  il 28 marzo) il nominativo dei partecipanti e un recapito telefonico all’indirizzo sportelloecoequo@comune.fi.it Una mail di conferma comunicherà l'orario di entrata assegnato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2019

CROCIERISTICA A VENEZIA | La nuova stagione si apre nel rispetto sulle emissioni “Venice Blue Flag”

di mobilita

In attesa della firma ufficiale dell’accordo volontario Venice Blue Flag 2019, la cui sottoscrizione è prevista per il prossimo 3 aprile a Ca’ Farsetti, le compagnie di navigazione che operano nel settore della crocieristica a Venezia continueranno a rispettare le prescrizioni in vigore finalizzate al miglioramento dell’eco-sostenibilità del comparto e riguardanti la qualità dei carburanti e le norme di gestione delle macchine. Si ritiene utile ricordare che le limitazioni autoimposte dai firmatari dell’accordo Venice Blue Flag 2018 si applicheranno anche ai transiti previsti negli ultimi giorni di marzo e nei primi giorni di aprile, periodo corrispondente all’apertura della nuova stagione crocieristica, e interesseranno sia le navi da crociera sia i rimorchiatori impegnati nelle fasi di ormeggio, navigazione e manovra all’interno della laguna. L’accordo è stato proposto per la prima volta nel 2007 e ratificato da Autorità di Sistema Portuale, Comune di Venezia e compagnie armatrici con diversi aggiornamenti negli anni successivi fino ad oggi. Si tratta di una sperimentazione che è rimasta unica nel settore a livello nazionale fino all’anno scorso – quando il Porto di Civitavecchia ha favorito la firma di un accordo simile ma con limiti superiori a quelli in vigore nello scalo lagunare – e che dimostra la volontà degli operatori di individuare un profilo di operatività che sia il più possibile rispettoso della fragilità dell’ecosistema lagunare e attento alla qualità della vita dei residenti nel centro storico di Venezia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2019

Giornate FAI di Primavera

di mobilita

«Qui tutto mi sembra un idillio, l’uomo si sente come nella capitale del mondo», scriveva Richard Wagner nel 1880 soggiornando a Villa Doria d’Angri, sulla collina di Posillipo a Napoli. Questo è soltanto uno degli oltre 1.100 luoghi aperti in 430 città italiane per le Giornate FAI di Primavera, sabato 23 e domenica 24 marzo. Luoghi solitamente mai accessibili o poco conosciuti, che conservano storie che meritano di essere scoperte. Dimore nobiliari, castelli, campanili, aree archeologiche, navi, musei e borghi particolari. Questa impresa del FAI richiama e riunisce ogni anno migliaia di persone nel segno dell’amore per il patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico del Belpaese, oltre a rappresentare un’occasione importante di raccolta fondi a sostegno delle attività del Fondo Ambiente Italiano. A Roma si aprono le porte di Palazzo della Consulta, sede della Corte Costituzionale dal 1955, e di Palazzo della Rovere o dei Penitenzieri, oggi sede dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, che al piano nobile custodisce il Soffitto dei semidei, capolavoro del Pinturicchio. A Milano si possono visitare i saloni del Palazzo della Banca d’Italia, ricchi di opere e arredi, A Torino la Passeggiata del re, all’interno di Palazzo Reale, diventa per due giorni interamente accessibile. Nel porto di La Spezia mostra tutto il suo valore Nave Italia, brigantino di 61 metri simbolo dell’impegno sociale della Marina Militare. Poi ci sono Palazzo Donn’Anna a Napoli (ingresso riservato agli iscritti al FAI), splendida residenza di viceré edificata a metà del ’600 per volere di Donna Anna Carafa, e la vicina Villa Doria d’Angri, sede di rappresentanza dell’Università Parthenope, che avendo ospitato più volte il compositore tedesco Richard Wagner ha una sala in suo onore.   Due i siti da scoprire a Matera, Capitale europea della cultura, il percorso Sassi e set e il Centro Geodesia Spaziale. Lo stadio Artemio Franchi di Firenze, il Museo a cielo aperto Maria Lai di Ulassai (NU) e il Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Infine, grazie al progetto FAI ponte tra culture, si promuovono luoghi per favorire l’integrazione e la connessione tra i popoli. Tra questi, il borgo medievale di Badolato, nel catanzarese, simbolo della convivenza virtuosa di differenti etnie, balcone naturale sullo Ionio. Definito paese dell’accoglienza nel 1997, in seguito all’approdo sulla sua costa di una nave di migranti curdi, il suo progetto pilota di ospitalità e solidarietà ha ridato vita a una comunità morente ottenendo un ammirevole sviluppo turistico e culturale. Tra le numerose iniziative del FAI, il censimento I luoghi del cuore quest’anno ha raccolto oltre due milioni e 200mila voti. Una straordinaria mappatura che lega le persone ai territori ma anche una dimostrazione di impegno civico: al primo posto quest’anno il Monte Pisano, Calci e Vicopisano (PI), zona colpita da un disastroso incendio a settembre scorso e scelto dalla maggioranza anche per lanciare un grido di dolore. Saranno infatti necessari decenni per una piena rinaturalizzazione dell’area. Visita il sito del Fondo Ambiente Italiano

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mar 2019

FIRENZE | Lunedi 25 marzo inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno

di mobilita

Lunedi 25 marzo ci sarà l'inaugurazione del restauro della Fontana del Nettuno, uno dei simboli di Firenze e meraviglia di piazza Signoria. Il restauro delle statue di bronzo, a cura di Ires e Nicola Salvioli Restuari, si è reso necessario perché le opere erano particolarmente deteriorate da acqua e agenti atmosferici e fa parte del più ampio progetto di recupero del complesso, iniziato nel febbraio 2017 e dal costo di 1,5 milioni di euro arrivati dalla maison Salvatore Ferragamo tramite Art Bonus. Proprio in questi giorni è stato riposizionata la statua in bronzo raffigurante Glauco (dio marino figlio di Nettuno).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2019

ROMA | Domenica 24 marzo primo appuntamento di #VIALIBERA

di mobilita

Torna domenica 24 marzo #VIALIBERA, circuito ciclo-pedonale di 15 chilometri che per un’intera giornata, dalle 10 alle 18, sarà dedicato a pedoni e ciclisti. È la terza edizione della manifestazione e coincide con la quinta domenica ecologica. #VIALIBERA si replicherà in altre tre date: 28 aprile, 12 maggio e 16 giugno 2019, con orario ampliato fino alle 19. L’Amministrazione ha poi previsto l’estensione dell’iniziativa per la domenica inclusa nella Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, a settembre 2019. La rete ciclopedonale, off-limits per auto e scooter, attraverserà tutta la città. Tra le strade interessate: via Cola di Rienzo, via Tiburtina (San Lorenzo), via dei Fori Imperiali e largo Corrado Ricci, via del Corso, via XX Settembre, piazza Venezia, viale Manzoni, via Labicana e via Veneto. Il progetto è promosso da Roma Capitale, coordinato dall'Assessorato alla Città in Movimento con gli Assessorati Sport-Politiche Giovanili-Grandi Eventi, Crescita Culturale, Sostenibilità Ambientale, Sviluppo economico-Turismo-Lavoro, Persona-Scuola-Comunità solidale. Collaborano Municipi e Polizia Locale. Roma Servizi per la Mobilità e Zètema curano l’organizzazione della giornata. “Dopo il successo delle prime due edizioni rinnoviamo un’iniziativa importante che vogliamo rendere un appuntamento fisso per i cittadini, da lasciare in eredità alla Capitale”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Un’occasione per vivere la città e la strada in modo sostenibile, coinvolgendo tutte le realtà del territorio, associazioni e comitati, esercizi commerciali e soggetti istituzionali come musei, biblioteche e scuole situate lungo il percorso”. “Anche questa volta i cittadini potranno riappropriarsi degli spazi sotto casa e prendere parte a eventi culturali, iniziative di quartiere e attività ludico-ricreative”, aggiunge l’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo. “Una giornata di festa per promuovere un diverso approccio alla mobilità e un nuovo uso della strada”. Roma Capitale e la Consulta Cittadina per la Sicurezza Stradale invitano gli enti privi di scopo di lucro, gli organismi associativi, i comitati e i cittadini – attivi nella promozione della mobilità dolce e sostenibile e nei settori artistico-culturale e dello sport – a proporre idee e progetti per valorizzare l’iniziativa. Saranno coinvolti direttamente, come ha preannunciato la Sindaca, negozi, musei, gallerie d’arte, palazzi storici e altre realtà lungo il percorso, con attività mirate o già programmate. Chi contribuirà a valorizzare la giornata con iniziative specifiche, o aderirà con attività ed eventi già in programma, sarà rappresentato nel programma #VIALIBERA in aggiornamento continuo sul portale di Roma Mobilità, dove sono disponibili tra l’altro tutte le informazioni su viabilità e trasporto pubblico, la mappa e le indicazioni di dettaglio sugli itinerari.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2019

MILANO | Da lunedì 25 febbraio attiva la ZTL anti inquinamento

di mobilita

 Da lunedì 25 febbraio sarà attiva Area B che vieta l'ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e alle moto a due tempi Euro 0, 1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:30 alle ore 19:30, esclusi i festivi. Milano cambia aria e accende la ZTL più grande d’Italia che delinea, all’interno del perimetro urbano, circa il 72% dell’intero territorio comunale, un’area a basse emissioni inquinanti. Si tratta del primo provvedimento di queste dimensioni in Europa: regole certe, progressive e graduali per abbattere le polveri inquinanti e migliorare la qualità urbana a Milano. Dopo quello del 25 febbraio il secondo step di Area B sarà il 1° ottobre 2019 con lo stop ai diesel Euro 4, già vietati dal 2017 in Area C. Seguiranno gli altri divieti progressivi per classi di veicoli immatricolati persona e merci a step successivi fino al 2030, quando a Milano saranno vietati tutti i veicoli diesel. Sono 187 i varchi, tutte le strade di ingresso in città, 15 dei quali già dotati di telecamere collegate a un sistema informatico sviluppato che consente anche di registrarsi e verificare se la propria auto può entrare in Area B, tenere il conto degli accessi ancora possibili del pacchetto di 50 a disposizione di ogni automobilista e svolgere tutte le pratiche relative alla ztl. Per informazioni è anche aperto al pubblico un infopoint dedicato nel mezzanino della stazione Duomo della linea rossa della metropolitana. Gli orari di apertura del servizio sono dalle 8:30 alle 15:30 dal lunedì al venerdì con 16 sportelli a disposizione per qualsiasi informazione relativa al provvedimento. Tutte le pratiche possono sempre essere fatte on line attraverso le pagine web del Comune e di Atm. Area B copre un’area di quasi 1.400.000 abitanti, ovvero il 97,6% della popolazione residente a Milano, ma interessa tutti coloro che ogni giorno entrano in città a bordo di un veicolo a motore, vietando in modo graduale e progressivo quelli più inquinanti per migliorare la qualità dell'aria in città. A partire dall’introduzione di Area B, tra il 2019 e il 2026, le emissioni atmosferiche da traffico si ridurranno complessivamente di circa 25 tonnellate di PM10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto: nel primo caso si tratterà di un’accelerazione immediata con già il 14% di emissioni in meno nel 2019 (-24% nel 2020 e -21% nel 2021); nel caso dell’ossido di azoto il calo maggiore si presenterà tra il 2023 e il 2026 con -11% ogni anno, ma già dal 2019 e gli anni successivi il NOx diminuirà del 5% ogni anno. FACILITAZIONI Al fine di consentire a tutti di adeguarsi alle nuove regole e senza penalizzare l’uso occasionale dell’auto vi saranno alcune facilitazioni per particolari tipologie di veicolo, anche a seconda dell’utilizzo. In particolare nei primi dodici mesi di attuazione del provvedimento tutti avranno cinquanta giorni di libera circolazione anche non consecutivi. Al primo accesso l’automobilista riceverà via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento invitandolo a mettersi in regola ma anche ad iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili. Dal secondo anno di entrata in vigore di Area B i residenti a Milano e le imprese della città avranno 25 giorni all’anno di libera circolazione anche non consecutivi, previa registrazione al sistema on line, tutti gli altri cinque giorni. Solo all’esaurimento dei giorni di libera circolazione scatterà la sanzione. INCENTIVI In totale, tra il 2017 e il 2019, il Comune di Milano mette a disposizione 32 milioni di euro per aiutare i milanesi a combattere l’inquinamento, cambiando i vecchi veicoli inquinanti, scegliere modalità di mobilità più sostenibili e migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, sono 8 i milioni dedicati alla mobilità e 24 quelli per l’efficientamento energetico. Per i veicoli immatricolati persone e merci, taxi e ncc sono e saranno attivati quattro bandi per un totale di circa 7 milioni di euro di contributi per la rottamazione di diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 immatricolati merci e loro sostituzione con veicoli meno inquinanti, e per quelli immatricolati persona anche per acquisto di scooter, biciclette a pedalata assistita e/o pieghevoli, cargo bike e abbonamenti annuali Atm. Il Comune ha invece concluso i bandi sull’acquisto dei FAP, con i quali in questi due anni ha dato 1.370.800 euro di contributi per 474 veicoli merci. Questi contributi, destinati a migliorare la qualità dei veicoli circolanti, si aggiungono ai 25 milioni di euro che il Comune ha già messo a disposizione dei privati per il rinnovo delle caldaie e dei sistemi di coibentazione degli edifici residenziali. In totale un ingente investimento di 32 milioni di euro. PER INFORMARSI Per conoscere nei dettagli la disciplina di Area B e informarsi sui calendari dei divieti, si può consultare www.comune.milano.it/areab dove sono presenti informazione utili, atti e normativa di riferimento. Anche da qui sarà possibile accedere al portale  https://areab.atm.it  (consigliato l’utilizzo del browser Chrome) dove è possibile, previa registrazione, verificare e controllare gli accessi effettuati e richiedere la deroga: consente quindi di gestire le targhe dei propri veicoli attraverso una registrazione di campi obbligatori. Inoltre l'infopoint dedicato nel mezzanino della stazione Duomo della linea rossa della metropolitana aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 15:30.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2019

BOLOGNA | In corso sostituzione dei punti luce in altre 240 strade

di mobilita

Bologna continua a brillare di nuova luce e diventa ancora più efficiente, pulita, intelligente, sicura: nel 2019 si completeranno i lavori di rinnovo della pubblica illuminazione previsti dal contratto con Enel Sole, con la sostituzione degli ultimi 5.050 punti luce e 120 chilometri di cavi in 14 zone della città. Saranno dunque ancora di più le strade illuminate meglio, nel segno del risparmio energetico ma anche della tutela della sicurezza dei cittadini. Gli interventi sono sviluppati all’interno del contratto di fornitura dell’energia e gestione della pubblica illuminazione che il Comune di Bologna, per 9 anni a partire dal 2013, ha con Enel Sole. Il contratto prevede oltre 25,7 milioni di euro di investimenti del gestore per la riqualificazione energetica e l’adeguamento normativo e tecnologico dell’intera rete, a cui si sommano oltre 7,6 milioni di euro di investimenti diretti del Comune di Bologna. I lavori eseguiti nel 2018 La riqualificazione consiste nel passaggio dalla rete in serie a quella in derivazione con la sostituzione di 1.000 chilometri di cavi e 60 vecchie cabine elettriche con 300 nuovi quadri smart che permettono il controllo punto per punto di ogni singolo corpo illuminante: accensione, spegnimento, regolazione e verifica del corretto funzionamento. A ciò si aggiunge il ricambio completo di tutte le lanterne dei 5.100 semafori presenti in città e dei circa 33.000 corpi illuminanti (su un totale di circa 45.000), con lampade a tecnologia led. Questi interventi consentiranno un risparmio finale di circa 10 milioni di kWh ogni anno e una riduzione di emissioni in atmosfera di 8.000 tonnellate CO2 l’anno. Sono oltre 240 strade dove stanno arrivando i nuovi punti luce. Queste sono le principali: Quartiere Borgo Panigale-Reno Cabina Bertocchi – principali vie: Battindarno, Bertocchi, Giotto Cabina Ducati – principali vie: Cavalieri Ducati, Alcide De Gasperi, Boiardo Cabina Borgo Panigale – principali vie: Persicetana, Del Carroccio, Martin Luther King Cabina Vivaio – principali vie: Tassoni, Marco Emilio Lepido. Quartiere Navile Cabina Lazzaretto – principali vie: Bertitalia, Zanardi, Terracini, Agucchi Quartiere Porto-Saragozza Cabina Dall'Olio – principali vie: Certosa, Emilia Ponente, Pasubio, Sabotino, Saffi Quartiere San Donato-San Vitale Cabina Michelino – principali vie: Viale Europa, Michelino, Ondina Valla Cabina Menarini – principali vie: Calamosco, Cadriano, Viadagola Cabina Savena – principali vie: Giovanni II Bentivoglio, Marescotti Cabina Guelfa – principali vie: Vighi, degli Stradelli Guelfi, Canova Quartiere Savena Cabina Tambroni – principali vie: Borghi Mamo, Marchetti, Murri Cabina Giovanni XXIII – principali vie: Roma, Cavina, Genova, Firenze Quartiere Santo Stefano Cabina San Mamolo – principali vie: Bellombra, Codivilla, San Mamolo Cabina Marconi – principali vie: Alberti, Mezzofanti, Oriani, Tambroni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 feb 2019

REGIONE SICILIANA | Si lavora al piano territoriale regionale

di mobilita

Si è insediato il comitato tecnico-scientifico che individuerà le linee guida utili alla stesura del Piano territoriale regionale, strumento per la programmazione delle risorse e la pianificazione urbanistica delle Città metropolitane, dei Consorzi dei Comuni e dei singoli Comuni. I criteri generali del Piano - che sarà disponibile entro l’anno e che é composto da una parte strutturale e da una strategica - sono fissati dal Dipartimento regionale dell’Urbanistica. ‘Il governo intende avvalersi nel più breve tempo possibile, e per la prima volta - commenta il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci - di uno strumento indispensabile, in grado di assicurare la massima coerenza tra i valori ambientali, gli aspetti paesaggistici di tutte le pianificazioni di settore, al fine di raggiungere una sintonia tra i vari strumenti urbanistici che presiedono uno sviluppo ordinato del territorio’. L’obiettivo é quello di una perfetta sinergia del Ptr con la pianificazione strategica di sviluppo socio-economico della Regione, con il documento di programmazione economico-finanziaria e con il Piano territoriale paesaggistico regionale. Il Ptr - che farà una sintesi delle prescrizioni di tutela, conservazione e valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente, integrando il Piano paesaggistico, quello di assetto idrogeologico e dei Trasporti - riguarderà gli elementi costitutivi del territorio, con particolare riferimento alle caratteristiche naturali, culturali, paesaggistico-ambientali, geologiche, rurali, antropiche e storico-archeologiche. Inoltre, lo strumento di pianificazione fisserà i carichi insediativi ammissibili nei centri urbani, permetterà di individuare i principali poli di sviluppo turistico, industriale e commerciale, oltre alla zone di preservazione e salvaguardia ambientale, e gli indirizzi generali per il riassetto del territorio ai fini della prevenzione dei rischi geologici, idrogeologici e sismici. Il comitato tecnico - di cui fanno parte Grazia Adorni, Maurizio Carta, Paolo La Greca, Francesco Martinico, Donato Messina, Salvatore Sacco, Annamaria Stellino, Giuseppe Vitale - e che si riunisce presso l’assessorato Territorio e ambiente guidato da Toto Cordaro - si confronterà con le autorità competenti, con gli enti locali e con le associazioni di settore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 feb 2019

Oceania Cruises elimina milioni di bottiglie di plastica all’anno attraverso una nuova partnership

di mobilita

Oceania Cruises ha annunciato un'iniziativa di sostenibilità innovativa per eliminare milioni di bottiglie di plastica all'anno attraverso una nuova partnership con Vero Water.  Questa pionieristica iniziativa verde è il nuovo aspetto dei miglioramenti del marchio Oceania NEXT e del più ampio programma ambientale Sail & Sustain dell'azienda. "Con l'introduzione di Vero Water nell'esperienza Oceania Cruises, non stiamo solo compiendo un enorme passo in avanti in termini ambientali, stiamo fornendo ai nostri ospiti il ​​gold standard di acqua naturale e frizzante", ha dichiarato Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises.  Come parte della sua iniziativa Oceania NEXT , le navi della linea saranno equipaggiate con gli acclamati sistemi di distillazione di acqua distillata e spumante di Vero Water a partire da aprile. L'installazione dei sistemi Vero Water alla fine eliminerà circa tre milioni di bottiglie di plastica all'anno. The Who's Who del mondo dell'ospitalità Vero Water, è il principale fornitore mondiale di sistemi di distillazione dell'acqua di alta qualità e viene utilizzato in tutto il mondo da marchi di lusso come Ritz Carlton, JW Marriott, Kimpton, MGM Hotels & Resorts, Hyatt, Fisher Island Club, Sea Island e alla crème de la crème di ristoranti tra cui Saba New Orleans, vincitrice del James Beard Award, Eleven Madison Park, Meadowood a Napa Valley, Farmhouse Inn, Saison, Tribeca Grill, Blue Hill e troppi altri per nominare . L'approccio ecologico di Vero Water all'acqua distillata di grande gusto utilizza bottiglie di vetro lavabili in lavastoviglie che possono essere riutilizzate più e più volte, eliminando fino a tre milioni di bottiglie di plastica all'anno. Il sistema di purificazione proprietario di Vero Water che utilizza la Nano-Filtrazione e cinque strati separati di filtri offre un'acqua deliziosa, croccante e perfettamente refrigerata. Il servizio Vero Water Onboard e Ashore Vero Water sarà implementato in due fasi nel corso del prossimo anno. La fase 1 si concentra sull'implementazione del servizio idrico a bordo di suite, cabine, ristoranti, lounge e bar che inizierà ad aprile e dovrebbe essere completato entro la metà di giugno. La fase due sposerà il servizio Vero Water con l'esperienza dell'ospite a terra. A tutti gli ospiti verrà fornita la propria bottiglia Vero Water riutilizzabile che potranno conservare e portare a casa. Questa fase di introduzione dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2019. Programma di attuazione  Riviera - 2 aprile 2019 Marina - 19 aprile 2019 Regata - 1 maggio 2019 Sirena - 19 maggio 2019 Nautica - 30 maggio 2019 Insegne - 19 giugno 2019

Leggi tutto    Commenti 0