Articolo
11 ott 2019

REGIONE CAMPANIA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Campania. Lo scenario di sviluppo dei servizi commerciali nel quinquennio 2019 – 2023 vede un incremento dei collegamenti periferici rispetto al nodo di Napoli C.le. In accordo con l’Accordo Quadro stipulato nel 2016 con RFI ove è stato previsto un incremento di offerta di circa il 5% nel corso di validità dell’Accordo. Nello specifico incrementi di frequenza si avranno: Sull’asse costiero Napoli - Salerno - Reggio Calabria, con più servizi su Salerno/Sapri e su Cosenza Sull’asse Napoli - Foggia, con più servizi su Avellino e su Caserta Sull’asse Battipaglia - Potenza con più servizi su Potenza/Buccino Sull’asse Caserta - Salerno, con più servizi su Salerno e su Mercato S. Severino L’offerta di trasporto è orientata a dare una maggiore interconnessione alla rete per creare nuove centralità regionali. L’obiettivo di secondo livello è quello di riuscire ad ottimizzare l’utilizzo della rete infrastrutturale, evitando concentrazioni sul nodo di Napoli. Per quanto riguarda il completamento della rete AV, a seguito dell’attivazione della stazione Afragola AV e deli confortanti dati di frequentazione della stessa, pur in assenza di sistemi di trasporto a suo servizio, va affiancata la realizzazione della Variante di Cancello che ha proprio il fine di interconnettere il sistema AV al sistema regionale più capillare. Il piano stazioni In Campania sono presenti complessivamente 125 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 46 stazioni medio/grandi presenti sul territorio campano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 – 2023 Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Napoli Nell’ambito del progetto sono previsti interventi mirati al potenziamento infrastrutturale e tecnologico degli impianti del nodo di Napoli e delle linee afferenti. Sono già stati realizzati interventi di estensione del sistema di telecomando SCC sulle tratte Capua- Caserta, Villa Literno-Aversa - Napoli C.le e Salerno – Battipaglia. I prossimi interventi riguarderanno le tratte Napoli S.G.B.- Nocera - Salerno (via Cava de’ Tirreni) e Sparanise-Capua. Inoltre, sono stati già implementati i nuovi apparati ACC di Santa Maria Capua Vetere e Pontecagnano. Verrà poi realizzato un nuovo apparato ACC presso l’impianto di Capua. Ulteriori prossimi interventi riguarderanno: Upgrade del regime di circolazione sulla tratta Pozzuoli - Napoli S. Giovanni Barra con contestuale implementazione della tecnologia innovativa ERTMS HD Potenziamento del PRG di Salerno che prevedrà anche l’upgrade tecnologico dell’apparato centrale Upgrade del sistema IaP per il Passante ferroviario di Napoli e le tratte antenna Attraverso questa azione di piano saranno create le condizioni per rendere più regolare la circolazione ferroviaria nel nodo di Napoli, garantendo possibilità di un ulteriore sviluppo del trasporto regionale e metropolitano. Upgrading e potenziamento tecnologico itinerario Napoli - Bari - Lecce/Taranto Gli interventi sono finalizzati al miglioramento della regolarità dell’impianto di Napoli C.le attraverso interventi tecnologici e modifiche al PRG. In particolare gli interventi risultano: La realizzazione di un nuovo ACC per la gestione della circolazione nella stazione con postazione al Posto Centrale di Napoli Realizzazione nel Posto Centrale di Napoli di un sistema di supervisione della stazione per la regolazione automatica della circolazione Interventi di adeguamento dei locali tecnologici del Posto Centrale di Napoli Raddoppio del binario di collegamento tra IDP e Napoli C.le Le suddette opere permetteranno di migliorare la qualità dei servizi, la gestione della circolazione e l’affidabilità dell’infrastruttura nell’ambito del nodo. Upgrading infrastrutturale e tecnologico e completamento adeguamento prestazionale Direttrice centrale e Direttrice Tirrenica Nord (corridoio TEN-T Scandinavia - Mediterraneo porti Tirreno) Il progetto prevede l’upgrading tecnologico degli impianti di linea e di stazione (ACCM), l’upgrading del sistema di distanziamento della linea (banalizzazione) e interventi puntuali di PRG negli impianti finalizzati alla velocizzazione degli itinerari e all’aumento della capacità di stazione, rinnovo IaP nonché interventi di accessibilità. Il completamento degli interventi verrà realizzato entro il 2024, con attivazioni intermedie già a partire dal 2019 Elettrificazione, velocizzazione e ammodernamento linee Salerno - Mercato S.S. - Avellino - Benevento e tratta Mercato S.S. - Codola - Sarno Le linee Salerno - Mercato S.S. - Avellino - Benevento (77 km) e la tratta Mercato S.S. - Codola - Sarno, linee a semplice binario non elettrificate, servono, come principali poli attrattivi, i tre capoluoghi di provincia, l’Università degli Studi di Fisciano e l’area industriale di Pianodardine - Pratola Serra. L’intervento prevede l’elettrificazione delle linee, la velocizzazione dei tracciati, con istituzione del rango C, l’adeguamento del sistema di controllo della circolazione e la soppressione di numerosi passaggi a livello. Attraverso questa azione di Piano sarà possibile ottenere l’aumento della velocità commerciale nonché il miglioramento delle prestazioni per il traffico merci. In prima fase verrà attivata l’elettrificazione delle tratte Salerno – Mercato S.S., Avellino – Benevento e Mercato S.S. – Codola – Sarno. In seconda fase verranno attivati gli interventi infrastrutturali sulle medesime tratte. In terza fase è prevista la soppressione dei passaggi a livello. Nodo complesso di Pompei In prossimità dell’area archeologica di Pompei vi è l’intersezione tra i collegamenti ferroviari Napoli - Salerno, gestito da Rfi, e Napoli - Sorrento gestito dall’EAV. L’intervento consiste nella realizzazione di una nuova località di servizio in prossimità dell’area in cui le due linee esistenti si intersecano. Nel contempo sono previste la realizzazione di interventi atti a favorire lo scambio intermodale tra i servizi ferroviari e quelli su gomma. Attraverso questa azione di Piano sarà possibile creare le condizioni per favorire l’interscambio tra la rete ferroviaria nazionale e le altre modalità di trasporto, garantendo anche un aumento dell’accessibilità alla costiera sorrentina. Azioni di piano Oltre il 2023 Upgrading infrastrutturale e tecnologico nodo di Napoli Nell’ambito del progetto sono previsti interventi mirati al potenziamento infrastrutturale e tecnologico degli impianti del nodo di Napoli e delle linee afferenti. Sono già stati realizzati interventi di estensione del sistema di telecomando SCC sulle tratte Capua- Caserta, Villa Literno-Aversa - Napoli C.le e Salerno – Battipaglia. I prossimi interventi riguarderanno le tratte Napoli S.G.B.- Nocera - Salerno (via Cava de’ Tirreni) e Sparanise-Capua. Inoltre, sono stati già implementati i nuovi apparati ACC di Santa Maria Capua Vetere e Pontecagnano. Verrà poi realizzato un nuovo apparato ACC presso l’impianto di Capua. Ulteriori prossimi interventi riguarderanno: Upgrade del regime di circolazione sulla tratta Pozzuoli - Napoli S. Giovanni Barra con contestuale implementazione della tecnologia innovativa ERTMS HD Potenziamento del PRG di Salerno che prevedrà anche l’upgrade tecnologico dell’apparato centrale Upgrade del sistema IaP per il Passante ferroviario di Napoli e le tratte antenna Attraverso questa azione di piano saranno create le condizioni per rendere più regolare la circolazione ferroviaria nel nodo di Napoli, garantendo possibilità di un ulteriore sviluppo del trasporto regionale e metropolitano. Upgrading infrastrutturale e tecnologico e completamento adeguamento prestazionale Direttrice centrale e Direttrice Tirrenica Nord (corridoio TEN-T Scandinavia - Mediterraneo porti Tirreno) Il progetto prevede l’upgrading tecnologico degli impianti di linea e di stazione (ACCM), l’upgrading del sistema di distanziamento della linea (banalizzazione) e interventi puntuali di PRG negli impianti finalizzati alla velocizzazione degli itinerari e all’aumento della capacità di stazione, rinnovo IaP nonché interventi di accessibilità. Il completamento degli interventi verrà realizzato entro il 2024, con attivazioni intermedie già a partire dal 2019. Completamento metropolitana di Salerno: tratta stadio Arechi - Pontecagnano Aeroporto Il prolungamento della linea metropolitana Salerno-Arechi fino all’aeroporto di Pontecagnano, si inserisce in un’ottica di incremento dell’accessibilità ai servizi ferroviari metropolitani, a servizio dei comuni dell’area a sud di Salerno, con l’obiettivo di migliorare anche i collegamenti da/per l’Aeroporto. Sono previsti i seguenti interventi: Estensione dell’attuale linea Salerno – Arechi per circa 9 km, in affiancamento alla linea RFI Salerno – Battipaglia, fino alla nuova stazione a servizio dell’aeroporto di Pontecagnano. Realizzazione di 3 nuove località di servizio, compresa la futura stazione a servizio dell’aeroporto; Nella futura stazione a servizio dell’aeroporto nonchè nell’attuale stazione di Pontecagnano, interscambio tra la nuova linea Salerno - Arechi – Pontecagnano Aeroporto e la linea Salerno – Battipaglia; Realizzazione di un innovativo sistema IaP sulla linea Salerno – Arechi nonché sulla nuova tratta Arechi- Pontecagnano Aeroporto.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 ott 2019

REGIONE SARDEGNA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Sardegna I criteri principali del progetto di revisione dei servizi, contenuti nella bozza di Accordo Quadro in fase di condivisione tra Regione Sardegna e RFI si focalizzano sia sulla velocizzazione dei servizi a lungo raggio che sull’incremento e sulla specializzazione dei servizi più capillari. L’immissione di nuovo materiale rotabile accompagnato da importanti lavori di potenziamento, con l’istituzione del rango P sulla rete, consentirà di prevedere servizi più performanti in termini qualitativi e quantitativi. Sarà pertanto possibile velocizzare i collegamenti di estremità (Cagliari - Olbia/Sassari) nel rispetto di una più efficace integrazione dei servizi nelle località individuate per gli opportuni interscambi tra servizi lenti e veloci (adduzione/distribuzione). Verranno potenziati i collegamenti extraurbani per Oristano, integrandoli con la rimanente offerta e si registrerà un incremento dell’utilizzo della fermata di Elmas Aeroporto per garantire, da Cagliari, una frequenza di 15’ a sostegno della mobilità turistica e di business. Il piano stazioni In Sardegna sono presenti complessivamente 41 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 9 stazioni medio/grandi presenti nella regione per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 - 2023 Upgrading infrastrutturale e tecnologico rete sarda 1° fase Il progetto prevede l’upgrade tecnologico dall’attuale sistema di protezione della marcia del treno (SSC - Sistema Supporto Condotta) al più performante SCMT (Sistema Controllo Marcia Treno) sulle linee a nord di San Gavino. Questo intervento, insieme ad altri interventi tecnologici diffusi, consentirà di attivare il rango P sull’intera tratta, al fine di sfruttare le caratteristiche dei nuovi treni CAF acquistati da Regione Autonoma Sardegna. Nel progetto sono anche previsti interventi propedeutici all’arretramento della stazione di Olbia. Velocizzazione impianti ferroviari rete sarda Il progetto prevede la modifica del piano del ferro delle stazioni di Villamassargia, Decimomannu, Siliqua, Oristano, Macomer, Chilivani e Iglesias, con la velocizzazione degli itinerari percorsi in deviata da 30 km/h a 60 km/h. Sono previsti inoltri interventi per rendere possibili i movimenti contemporanei tra treni. Molti interventi sono stati già realizzati, per il 2020 si prevede il completamento dell’intero progetto. Upgrading infrastrutturale e tecnologico rete sarda 2° fase Il progetto prevede: Interventi puntuali di rettifiche di tracciato e piccole varianti nella tratta Oristano - Golfo Aranci e Ozieri Chilivani - Porto Torres Upgrade tecnologico dall’attuale sistema di protezione della marcia del treno (SSC - Sistema Supporto Condotta) al più performante SCMT (Sistema Controllo Marcia Treno) sulla linea Cagliari - San Gavino Upgrade tecnologico del sistema di distanziamento e del sistema di gestione della circolazione sulla tratta Cagliari - San Gavino Soppressione di alcuni passaggi a livello Azioni di piano oltre il 2023 San Gavino - Sassari - Olbia Il progetto prevede la realizzazione di due varianti di tracciato nei pressi delle località di Bauladu e Bonorva. La variante di tracciato di Bonorva - Torralba si innesterà al km 180+700 della linea Oristano - Ozieri Chilivani, subito a valle della stazione di Bonorva lato sud e al km 190+500 lato nord. L’attuale tracciato costeggia il monte Martis, per una lunghezza di circa 10 km, mentre la variante di tracciato di 5,5 km lo attraverserà, garantendo una riduzione di percorso di circa 5 km. La velocità di rango C dell’attuale tracciato è di 85 km/h, mentre quella del nuovo tratto sarà di 160 km/h. La variante di tracciato di Bauladu si innesterà al km 108+400 della linea Oristano - Ozieri Chilivani lato sud eal km 118+000 lato nord ed ha una lunghezza di 7 km, di cui 3,3 in galleria. Il progetto prevede anche la realizzazione della nuova stazione di Bauladu perché l’attuale insiste sul tracciato da dismettere. La velocità di rango C dell’attuale tracciato è di 85 km/h, mentre quella del nuovo tratto sarà di 160 km/h.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ott 2019

REGIONE TOSCANA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Toscana. Il Piano di sviluppo dei servizi commerciali nel quinquennio 2015 - 2020, in coerenza con quanto previsto nell’Accordo Quadro siglato tra RFI e Regione Toscana, prevede una serie articolata di azioni, quali: Il rafforzamento delle funzioni di collegamento tra i bacini di Empoli, Pistoia e Firenze mediante servizi di tipo capillare La velocizzazione dei servizi lungo le relazioni Viareggio - Firenze, Pisa - Firenze Il miglioramento delle funzioni di connessione e distribuzione urbana sull’itinerario di Cintura Esaminando nel dettaglio gli upgrade infrastrutturali previsti ed i relativi benefici commerciali si evidenziano: Il sottoattraversamento dei servizi AV/AC nel nodo di Firenze Il raddoppio della linea Pistoia - Montecatini Il nuovo PRG della stazione di Empoli Il Raddoppio della tratta Empoli - Granaiolo Il potenziamento della tratta FI Rifredi - FI SMN (non finanziato) Che consentiranno: L’incremento di frequenza a 30’ dei servizi suburbani Montevarchi - Prato nella tratta Firenze CM - Prato L’incremento di frequenza a 30’ dei servizi suburbani Firenze - Montecatini Il potenziamento della relazione Siena - Empoli con velocizzazione dei servizi extraurbani Siena - Firenze Il potenziamento della relazione suburbana Firenze SMN - Empoli Il piano stazioni In Toscana sono presenti complessivamente 176 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 57 stazioni medio/grandi presenti sul territorio toscano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 - 2023 Potenziamento linea Pistoia - Lucca Il progetto prevede il raddoppio, per fasi funzionali, della linea regionale Firenze - Lucca nelle tratte Pistoia - Montecatini Terme, Pescia - Lucca e Montecatini Terme - Pescia, nonché la realizzazione di opere sostitutive per l’eliminazione dei passaggi a livello. La prima fase funzionale consiste nel raddoppio della tratta Pistoia - Montecatini Terme e prevede la realizzazione di una nuova galleria a doppio binario “Variante di Serravalle”, la trasformazione in fermata di Serravalle e l’adeguamento del piano del ferro delle stazioni di Pistoia e Montecatini Terme. La seconda fase consiste nel raddoppio della linea in totale affiancamento nella tratta Pescia - Lucca, con trasformazione in fermata delle stazioni di Montecarlo e Tassignano. La fase di regime, in corso di consolidamento con gli Enti Locali, prevede il completamento del raddoppio nella tratta Montecatini Terme - Pescia con trasformazione in fermata della stazione di Borgo a Buggiano. Potenziamento tecnologico Nodo di Firenze Il programma comprende interventi di upgrading tecnologico degli impianti del Nodo di Firenze e delle linee afferenti per conseguire, in sinergia con gli interventi di upgrade infrastrutturale, benefici in termini di capacità e regolarità del nodo e garantire a regime i volumi di traffico in linea con gli Accordi sottoscritti con gli EE.LL. Gli interventi prevedono in prima fase il rinnovo degli apparati delle stazioni di Firenze SMN, Firenze CM, PM Rovezzano, Firenze Rifredi, Firenze Statuto ed attivazione di un Apparato Multistazione di Nodo con gestione della circolazione effettuata presso un unico Posto Centrale ubicato a Firenze CM. Il progetto prevede altresì l’upgrade del sistema di supervisione del traffico. In termini infrastrutturali sono previsti interventi puntuali al piano del ferro. In seconda fase è previsto l’attrezzaggio di tutto il Nodo con il sistema di distanziamento ad alta densità e a standard europeo di interoperabilità (HD ERTMS) che consentirà a regime la programmazione di treni a seguito o con percorsi interferenti ogni 3’ tra Firenze Rifredi, Firenze SMN e Firenze Statuto e ogni 4’ tra Firenze CM e PM Rovezzano. La terza fase del progetto prevede una serie di interventi infrastrutturali e tecnologici in linea con quanto già realizzato in prima e seconda fase, con l’obiettivo di completare il rinnovo tecnologico del Nodo. Nello specifico è previsto il rinnovo degli apparati delle stazioni di FI Cascine, Bivio/PC Renai, Bivio/PC Samminiatello e l’attivazione di un Apparato Multistazione con gestione della circolazione della linea Firenze Rifredi - Empoli effettuata dal Posto Centrale di Firenze Campo di Marte. In tali impianti sono previsti, altresì, interventi puntuali di modifica al piano del ferro, nonché l’adeguamento del sistema di distanziamento nella Firenze - Empoli. In terza fase è previsto, inoltre, l’adeguamento del sistema di distanziamento nella tratta Firenze Castello - Prato e l’inserimento della stessa tratta nell’ambito dell’Apparato Multistazione del Nodo di Firenze ai fini della gestione della circolazione. Come previsto dall’Accordo Quadro stipulato con la Regione Toscana, verrà realizzata una nuova fermata in ambito urbano a servizio della linea Firenze – Pisa e quindi dei flussi di traffico da Siena, Empoli, Pisa, Livorno, La Spezia e Pontremoli. La fermata, grazie all’interscambio con la nuova linea tramviaria 2 Piazza dell’Unità – Aeroporto Peretola, creerà un collegamento rapido per l’aeroporto di Firenze ubicato a circa 5 km dal centro città. Potenziamento linee Faentina e Valdisieve Il potenziamento infrastrutturale e tecnologico prevede una serie di interventi a beneficio della regolarità del servizio e dell’accessibilità ferroviaria sulle linee Faentina e Valdisieve. Sono previsti in particolare: interventi finalizzati alla gestione della linea e all’ottimizzazione dei flussi di traffico riguardanti le stazioni di Borgo S. Lorenzo, Contea Londa, Vicchio e Rufina; interventi sulla viabilità e/o realizzazione di nuove opere per l’eliminazione di sette passaggi a livello nei comuni di Borgo S. Lorenzo, Dicomano; Rufina, Vicchio; interventi di miglioramento dell’accessibilità e riqualificazione delle stazioni/fermata. Azioni di piano oltre il 2023 Potenziamento linea Empoli - Siena La tratta tra Granaiolo ed Empoli attualmente è una linea a semplice binario, non elettrificata e con modesti valori di velocità dovuti alla presenza di curve molto strette. Il raddoppio del tratto di linea tra Granaiolo ed Empoli si propone come un ulteriore passo per il completamento del raddoppio della linea Empoli - Siena, al fine di incrementare i servizi metropolitani e la regolarità di esercizio della linea, nonché per velocizzare la relazione Firenze - Siena. L’intervento in una prima fase prevede inoltre: La predisposizione della sede all’elettrificazione L’eliminazione di tutti i passaggi a livello pubblici e privati di linea e stazione La rifunzionalizzazione dell’impianto di Empoli Nuovi apparati per la gestione della circolazione a Empoli e Granaiolo e gestione dal Posto Centrale di Firenze CM Nell’ambito di una seconda fase funzionale è prevista, infine, l’elettrificazione dell’intera linea Empoli - Siena.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 ott 2019

REGIONE CALABRIA | Lo scenario futuro dell’infrastruttura ferroviaria definita dal MIT e RFI

di mobilita

Continuiamo la serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Qui i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Calabria. Lo scenario di sviluppo dei servizi commerciali nel quinquennio 2017 - 2021 prevede la razionalizzazione dei collegamenti a garanzia della qualità del servizio di trasporto su ferro. In particolare è necessario intervenire ulteriormente a favore della specializzazione delle missioni (lente e veloci) incrementando e migliorando la qualità dell’integrazione tra i vari servizi regionali e a mercato ed evitando sovrapposizione di servizi oggi ancora esistente. A tal fine verrà ulteriormente ottimizzato l’orario nelle località di Lamezia T., Paola, Reggio Calabria, Melito, Sibari e Catanzaro Lido, in un percorso che veda coinvolto anche il segmento dei servizi a lunga percorrenza. I collegamenti regionali ivi presenti verranno ulteriormente ottimizzati al fne di poter garantire l’interscambio modale per soddisfare le esigenze manifestate dal territorio e terranno conto anche del nuovo assetto della navigazione per poter integrare gli orari dei treni del Continente con il nuovo servizio di navi veloci e la prosecuzione del viaggio in Sicilia. Il piano Stazioni In Calabria sono presenti complessivamente 98 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 18 stazioni medio/grandi presenti sul territorio calabro per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti defniti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i fnanziamenti disponibili. Villa S.Giovanni In linea con le azioni dei progetti Easy e Smart station, la stazione sarà coinvolta da interventi volti a incrementare la funzionalità ed il decoro, a potenziare l’informazione al pubblico, ad abbattere le barriere architettoniche ol- treché a migliorare l’accessibilità al treno. Azioni di piano 2019 - 2023 Metaponto - Sibari - Bivio S. Antonello opere prioritarie Il potenziamento della linea Metaponto - Sibari - Cosenza ha l’obiettivo di creare le condizioni per ridurre i tempi di percorrenza dei servizi tra Cosenza e Sibari e di incrementare i livelli prestazionali per il traffco merci in adduzione ai porti ed agli scali della regione Calabria. Il progetto prevede la realizzazione di opere suddivise per lotti indipendenti ed in parte già completati: potenziamento della linea di contatto da Castiglione C. a Trebisacce, messa a modulo merci 750 m, velocizzazione itinerari, realizzazione sottopassaggio e marciapiede h55 nelle stazionidi Amendolara, Torano (già realizzata nel 2016) e, Rocca Imperiale, realizzazione di rettifche di tracciato per circa 10,5 km, trasformazione in fermata di Tarsia con realizzazione marciapiede h55 e soppressione dell’impianto di Cassano e di alcuni PL di linea. Upgrading e potenziamento tecnologico itinerario Salerno - Reggio Calabria e linee afferenti I lavori prevedono interventi fnalizzati all’istituzione del rango C di velocità anche sulla direttrice Jonica nella tratta Sibari - Crotone - Catanzaro Lido e sulla direttrice «trasversale» Lamezia Terme - Catanzaro Lido. È stato già sostituito il Sistema di Supporto alla Condotta con il più performante Sistema di Controllo Marcia Treno sulla tratta Catanzaro L. - Lamezia Terme C.le. Adeguamento e velocizzazione linea ferroviaria jonica - tratta Sibari - Melito Porto Salvo La linea jonica si estende per 394 km su un tracciato ferroviario prevalentemente non elettrifcato e a semplice binario. L’intervento consiste nella velocizzazione della tratta Sibari - Melito Porto Salvo (320 km circa) attraverso l’istituzione del rango C, la soppressione di alcuni passaggi a livello, la velocizzazione dei deviatoi nelle principali località di servizio sede di incrocio, il prolungamento o la realizzazione di sottopassi nelle stazioni di Montegior- dano, Villapiana, e, in prima fase, nelle stazioni di Rossano e Botricello, il ripristino del 4^ binario dell’impianto di Melito Porto Salvo e la riqualifcazione e rifunzionalizzazione delle principali stazioni. Attraverso questa azione di Piano saranno create le condizioni per ridurre i tempi di percorrenza e incrementare il livello di affdabilità e regolarità della linea. Potenziamento collegamento Lamezia Terme - Catanzaro Lido 1^ fase La linea a semplice binario non elettrifcata Lamezia Terme C.le - Catanzaro Lido si estende per 43,2 km tra le due località. Gli interventi previsti consistono nel potenziamento infrastrutturale e velocizzazione della tratta ferroviaria Lamezia Terme – Settingiano nonché nell’elettrifcazione dell’intera linea Lamezia Terme – Catanzaro L. ed, a seguire, nell’elettrifcazione della linea ionica nella tratta Sibari – Catanzaro L., con l’obiettivo di: incrementare le caratteristiche prestazionali della rete fnalizzate a garantire maggiori velocità di linea creare le condizioni per una riduzione dei tempi di percorrenza tra Lamezia C.le e Catanzaro Lido garantire un incremento dei livelli qualitativi del servizio creare le condizioni infrastrutturali per una rilettura del modello dei servizi per il trasporto pubblico locale creare le condizioni per favorire i collegamenti da/per l’aeroporto di Lamezia Foto di copertina: Andrea De Berti  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ott 2019

REGIONE SICILIA | Ecco lo scenario di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture

di mobilita

Con questo articolo iniziamo una serie di approfondimenti sul nuovo piano commerciale, redatto nel settembre 2019, in coerenza con la strategia di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria definita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Rete Ferroviaria Italiana adempie agli obblighi derivanti dall’art. 15 comma 5 del decreto legislativo 15 luglio 2015, n. 112 - Attuazione della direttiva 2012/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 novembre 2012, che istituisce uno spazio ferroviario europeo unico (Rifusione). Iniziamo con i progetti di sviluppo tecnologico e infrastrutturale messe in campo dal Gestore Infrastruttura per la Regione Sicilia. Lo scenario di sviluppo dei servizi commerciali nel quinquennio 2017 - 2021 è stato definito all’interno dell’Accordo Quadro che il Gestore e la Regione Sicilia hanno sottoscritto nel 2017. Particolare rilevanza è stata data all’opportunità di consentire collegamenti integrati e veloci dal continente tramite traghettamenti opportunamente calibrati alle esigenze di trasporto in arrivo/ partenza da Villa San Giovanni e Messina. La rivisitazione dei servizi consentirà peraltro di programmare le partenze da Messina per Palermo e Catania/Siracusa pressoché contemporaneamente per soddisfare le esigenze di integrazione con i traghettamenti e ridurre al minimo i tempi di attesa. Inoltre l’attivazione del raddoppio della tratta Palermo Brancaccio - Palermo Notarbartolo - Carini consentirà la programmazione di servizi metropolitani in partenza da Termini Imerese a servizio di tutte le fermate dell’hinterland palermitano, unitamente ad un potenziamento dei servizi da/per l’aeroporto di Punta Raisi con l’obiettivo di conseguire percorrenze di estremità inferiori ai 40’ per un reale shift modale dalla gomma al ferro. Oggetto di velocizzazione, incremento e strutturazione cadenzata saranno in generale tutti i servizi principali, con particolare attenzione alla linea Messina - Catania - Siracusa ed ai collegamenti Palermo - Catania e Siracusa - Modica - Canicattì - Caltanissetta. Piano Stazioni In Sicilia sono presenti complessivamente 160 Località di Servizio attive per servizio viaggiatori. RFI, con il piano di attuazione dei progetti “Easy Station” e “Smart Station”, entro il 2026 prevede di trasformare ed adeguare 24 stazioni medio/grandi presenti sul territorio siciliano per renderle più accessibili e confortevoli ai viaggiatori caratterizzandole con uno standard architettonico unico (brand) e funzionale. Nell’ambito degli interventi previsti dal progetto Easy Station, RFI adotterà inoltre misure adeguate per garantire l’accesso in stazione alle persone con disabilità ed alle persone a mobilità ridotta secondo i requisiti definiti dalla normativa europea (STI PMR), coerentemente con la programmazione ed i finanziamenti disponibili. Azioni di piano 2019 - 2023 Velocizzazione Catania - Siracusa 1^ fase Gli interventi si inquadrano nel programma di velocizzazione del collegamento tra Catania e Siracusa. Le attività, che si concentrano nella tratta di circa 49 km tra Bicocca ed Augusta, prevedono rettifiche di tracciato con consolidamento della sede ferroviaria ed interventi puntuali di miglioramento dell’accessibilità (sistemazione dei marciapiedi, sottopassi, pensiline e l’eliminazione delle barriere architettoniche) nella stazione Lentini (già realizzati). Ulteriori attività sono state completate durante i periodi di interruzione programmati nel corso del 2016 e del 2017, con la realizzazione della variante di tracciato tra Bicocca e Lentini, soppressione di PL a Bicocca e Lentini, potenziamento tecnologico della linea ed interventi di velocizzazione nelle stazione di Lentini Diramazione, Agnone, Brucoli. Nodo di Palermo Il progetto prevede il raddoppio della linea Palermo - Trapani nel tratto urbano Palermo C.le/Brancaccio - Carini, da cui prosegue il collegamento a doppio binario elettrificato per l’aeroporto Falcone - Borsellino. Come nuovi interventi, il progetto prevede, in differenti fasi di attivazione: Il raddoppio della tratta Orleans - Palermo Notarbartolo, con attivazione della nuova fermata «Giustizia» la realizzazione delle nuove fermate «Capaci», «Belgio» e «Lazio» nel tratto già raddoppiato compreso fra Palermo San Lorenzo Colli e Carini Tra gli interventi già attivati nell’ambito del progetto risultano l’upgrade tecnologico della stazione di Palermo C.le, il raddoppio Palermo San Lorenzo Colli - Carini - Piraineto, il raddoppio Brancaccio - ex Bivio Oreto – Palazzo Reale/Orleans, le nuove fermate di Guadagna, Maredolce, Lolli. Ammodernamento e velocizzazione itinerari Palermo - Catania - Messina, Messina - Palermo e Messina - Siracusa Le linee Palermo - Messina, Messina - Catania - Siracusa e Palermo - Catania rappresentano le principali direttrici della rete ferroviaria siciliana. Gli interventi prevedono la velocizzazione dei principali impianti sede di incrocio attraverso la sostituzione di deviatoi, la realizzazione di tronchini di indipendenza e la realizzazione di sottopassi di stazione. Nel contempo sono previsti interventi di adeguamento dei marciapiedi agli standard per garantire l’accessibilità ai servizi e interventi finalizzati alla realizzazione di nuovi apparati telecomandabili. Attraverso questa azione di Piano sarà possibile garantire collegamenti più rapidi e regolari tra i principali capoluoghi della Sicilia. Collegamento ferroviario aeroporto di Catania Fontanarossa Il progetto prevede la realizzazione di collegamenti con l’aeroporto di Catania Fontanarossa, con interventi da realizzare per fasi in coerenza con i futuri sviluppi del terminal. In prima fase è prevista la realizzazione di una nuova fermata sulla linea Catania - Palermo a servizio dell’attuale terminal aeroportuale, in seconda fase, per l’interscambio con la linea ferroviaria circumetnea. La nuova fermata ricade tra gli impianti di Catania Acquicella e Bicocca della linea Messina - Siracusa, in un tratto di linea già a doppio binario. Ripristino linea Palermo - Trapani via Milo La linea Palermo - Trapani via Milo risulta temporaneamente sospesa all’esercizio dal 2013. L’intervento consiste nell’eliminazione dei diffusi cedimenti localizzati nei tratti in rilevato e nella modifica alla geometria del tracciato e alle opere di difesa dell’infrastruttura ferroviaria. Al fine di consentire il potenziamento della linea è previsto l’adeguamento ai nuovi standard degli apparati tecnologici per la gestione degli impianti, nonché la velocizzazione degli incroci tra treni nelle stazioni. Attraverso questa azione di Piano sarà possibile migliorare il servizio di collegamento ferroviario tra le città di Palermo e Trapani garantendo minori tempi di percorrenza e maggiore accessibilità. Nuovo collegamento Palermo - Catania fasi prioritarie Il progetto si inserisce nel programma di realizzazione della nuova linea Alta Capacità Palermo - Catania - Messina con l’obiettivo di servire i principali nodi urbani dell’isola. Tale intervento interessa la tratta a semplice binario Fiumetorto - Bicocca e prevede: il raddoppio della tratta Bicocca - Catenanuova il raddoppio della tratta Fiumetorto – Lercara Diramazione un nuovo binario veloce su un tracciato in variante rispetto al binario storico nel tratto Lercara Diramazione - Caltanissetta Xirbi – Catenanuova, predisposto per il successivo raddoppio fra Lercara Diramazione e Vallelunga e fra Villarosa ed Enna / e, a completamento, l’adeguamento a STI e la soppressione dei Passaggi a Livello della linea storica che non sarà oggetto di variante. Azioni di piano oltre il 2023 Raddoppio Palermo - Messina tratta Fiumetorto - Castelbuono L’intero progetto prevede il raddoppio della tratta Fiumetorto - Castelbuono per una estensione di circa 32 km. Sono già state realizzate attivazioni parziali da Fiumetorto a Campofelice con la nuova fermata di Lascari. La prima fase del progetto prevede l’attivazione del doppio binario sulla tratta Fiumetorto - Ogliastrillo, nuova località di servizio poco prima della stazione di Cefalù. La prima fase dell’intervento è stata attivata a Dicembre 2017. La seconda fase prevede il raddoppio della rimanente parte di tracciato da Ogliastrillo a Castelbuono che si estenderà per circa 13 km, di cui 11 km in galleria, e vedrà la realizzazione della nuova fermata di Cefalù. Nuovo collegamento Palermo - Catania fasi prioritarie Il progetto si inserisce nel programma di realizzazione della nuova linea Alta Capacità Palermo - Catania - Messina con l’obiettivo di servire i principali nodi urbani dell’isola. Tale intervento interessa la tratta a semplice binario Fiumetorto - Bicocca e prevede: il raddoppio della tratta Bicocca - Catenanuova il raddoppio della tratta Fiumetorto – Lercara Diramazione un nuovo binario veloce su un tracciato in variante rispetto al binario storico nel tratto Lercara Diramazione - Caltanissetta Xirbi – Catenanuova, predisposto per il successivo raddoppio fra Lercara Diramazione e Vallelunga e fra Villarosa ed Enna / e, a completamento, l’adeguamento a STI e la soppressione dei Passaggi a Livello della linea storica che non sarà oggetto di variante. Linea Messina - Catania: raddoppio Giampilieri - Fiumefreddo Il progetto, che si inserisce nel programma di realizzazione della nuova linea Alta Capacità Palermo - Catania - Messina consiste nel raddoppio in variante della tratta Giampilieri - Fiumefreddo per un’estesa di circa 42 km, di cui gran parte in galleria. Il progetto, articolato in due fasi funzionali distinte, prevede in una prima fase il raddoppio della prima tratta Fiumefreddo - Letojanni, ed in seconda fase il raddoppio della tratta Letojanni - Giampilieri che completerà il raddoppio della linea Catania - Messina. Nell’ambito del progetto saranno realizzate le nuove località di servizio di Fiumefreddo e di Sant’Alessio - Santa Teresa, Alcantara, Taormina, Nizza - Alì e Itala - Scaletta. Sistemazione nodo di Catania Il nodo di Catania è oggetto di investimenti finalizzati al miglioramento dell’accessibilità al servizio, nell’ambito di un più ampio piano di riqualificazione e ricucitura urbana nel nodo. L’intervento consiste nell’interramento della stazione di Catania C.le e nella realizzazione di un nuovo tracciato a doppio binario (4,8 km circa), prevalentemente in galleria, tra quest’ultima e la stazione di Catania Acquicella, nonché nella realizzazione di due nuove fermate lungo il tracciato. In aggiunta è previsto l’interramento della linea ferroviaria lungo la tratta Catania Acquicella - Bicocca per consentire il prolungamento della pista del vicino aeroporto. Attraverso questa azione di Piano saranno create le condizioni per ottenere un miglioramento della regolarità della circolazione e del servizio metropolitano. Foto di copertina: Anthostav  

Leggi tutto    Commenti 1