Articolo
04 nov 2020

ROMA | Attivate le prime due Macchine self-service Emettitrici Biglietti per l’acquisto dei titoli con carte contactless

di Fabio Nicolosi

Attive le prime due MEB con POS per l’acquisto dei titoli con carte contactless Attive da oggi nelle stazioni metro Termini (MA) e Barberini le prime due MEB (Macchine self-service Emettitrici Biglietti) che consentono l’acquisto dei titoli di viaggio Atac con carte elettroniche di credito/debito. È possibile acquistare i biglietti anche con carte contactless, riducendo così al minimo il contatto fisico, in linea con le raccomandazioni per limitare il rischio di contagio da Covid. L’aggiornamento tecnologico per l’attivazione dei pagamenti elettronici sulle macchine self-service proseguirà nei prossimi mesi. Entro marzo 2021 avremo almeno 60 MEB in grado di accettare pagamenti elettronici, posizionate nelle stazioni metro con maggior afflusso di passeggeri. Sarà facile riconoscerle, grazie alla nuova veste grafica caratterizzata dal color oro. Dal prossimo anno, inoltre, grazie all’acquisto di nuove macchine automatiche denominate MET, il viaggiatore potrà beneficiare non solo dei pagamenti elettronici, ma anche di nuovi servizi, quali ad esempio la ricarica del proprio abbonamento o l’utilizzo del lettore QR-code. Le nuove MET, inoltre, erogheranno unicamente i nuovi biglietti a microchip. Non più usa e getta, ma ricaricabili e maggiormente ecosostenibili: un ulteriore passo verso la trasformazione digitale nel rispetto dell’ambiente. L’aggiornamento delle MEB e l’acquisto delle nuove macchine emettitrici MET, rientrano nel processo di adeguamento tecnologico e di incentivazione dei pagamenti digitali che l’azienda ha avviato da alcuni anni e che a breve vedrà anche l’adozione, da parte di Atac, del sistema nazionale PagoPA al quale si stanno adeguando tutte le pubbliche amministrazioni e le società che erogano servizi pubblici. L’utilizzo dei nuovi POS installati sulle MEB è estremamente facile. Il sistema infatti riconosce in automatico la modalità di pagamento scelta dall’utente. Per l’acquisto con carta di credito basterà selezionare la tipologia e la quantità di titoli di viaggio da acquistare e, successivamente, posizionare la carta di credito davanti al lettore contactless. Il POS è dotato anche di slot per l’inserimento di carte di pagamento non contactless. L’acquisto è sicuro e consentito a tutti i titolari di carta di credito/debito dei principali circuiti di pagamento elettronico (Visa, Mastercard, Maestro, Visa, VPay e Bancomat).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 ott 2020

ROMA | Deserta la gara per la fornitura di 20 nuovi treni per la metropolitana

di mobilita

E' andata deserta la gara, pubblicata il 31 ottobre 2019,  per la fornitura di 20 nuovi treni per il potenziamento del servizio sulle linee A e B della metropolitana di Roma per un importo complessivo di 169.169.953 euro. L’accordo quadro prevedeva la fornitura di n. 15 treni sulla Linea B-B1 e n.5 treni sulla Linea  A della Metropolitana di Roma. Unica partecipante ammessa alla gara, lo scorso13 gennaio, era stata la Construcciones y Auxiliar de Ferrocarriles S.A. (CAF), già costruttrice di due commesse di treni moderni nel 1999 e nel 2012. La Caf non ha però confermato l’offerta presentata in sede di gara, pertanto la gara è stata dichiarata deserta, TI POTREBBE INTERESSARE: ROMA | Pubblicato il bando per l’acquisto di 20 nuovi treni destinati alle metro A e B

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mag 2020

ROMA | Metro A: venerdì 15 maggio riapre totalmente la fermata Barberini

di Fabio Nicolosi

Domani, 15 maggio, la stazione Barberini della metro A riaprirà anche in ingresso passeggeri. Nella stazione saranno in funzione quattro scale mobili sulle sei presenti, due per l'ingresso e due per l'uscita. Ricordiamo che, come per tutte le altre stazioni, anche a Barberini i viaggiatori dovranno rispettare le nuove regole di viaggio previste dalla Fase 2 che prevedono l’obbligo di indossare una mascherina che copra naso e bocca; il rispetto della distanza sociale di 1 metro; il divieto di utilizzo dei posti a sedere contrassegnati da apposita segnaletica. Nelle stazioni i flussi di accesso e uscita sono separati; sulla banchina di attesa treni prendete posto in base alle indicazioni sul pavimento. Prima di salire a bordo, lasciate uscire gli altri passeggeri. Gli accessi ai treni e nelle stazioni della metropolitana e delle ferrovie, potranno essere temporaneamente limitati in base all'affluenza. Rispettate una eventuale attesa al di fuori della stazione seguendo le indicazioni del personale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 feb 2020

ROMA | Metro B, dal 2 marzo i lavori per l’interscambio con la C. Fino al 6 agosto stop alle 21 tra Castro Pretorio e Laurentina

di Fabio Nicolosi

Dal 2 marzo 2020 scatta la seconda fase della riprogrammazione del servizio della linea B per consentire lo svolgimento dei lavori che porteranno alla realizzazione dell’interscambio tra le linee B e C della metropolitana, nel nodo Colosseo-Fori imperiali. Si tratta di variazioni del servizio indispensabili per la prosecuzione dei lavori della tratta San Giovanni-Fori Imperiali della linea C della metropolitana. Lavori al termine dei quali sarà possibile disporre del primo nodo di scambio tra le linee metropolitane B e C. LA RIPROGRAMMAZIONE DEL SERVIZIO DELLA LINEA B DELLA METROPOLITANA La riprogrammazione del servizio sarà in vigore dal 2 marzo al 6 agosto mentre la terza fase, conclusiva dei lavori, sarà a giugno 2021. Per ridurre al minimo i disagi all’utenza, il servizio della metro B sarà riprogrammato esclusivamente nelle ore serali e in 9 fine settimana. Il servizio della linea B della metropolitana sarà regolare e, inoltre, potenziato durante eventi come il campionato europeo di Calcio Uefa 2020; il Primo Maggio e in concomitanza con alcuni eventi musicali in programma. I DETTAGLI 1. Dal 2 marzo al 6 agosto, l’ultima corsa nella tratta Castro Pretorio-Laurentina sarà alle 21 ora in cui partiranno gli ultimi treni che effettuano le corse complete dai capolinea Ionio/Rebibbia-Laurentina e viceversa. A partire dalle 21 sarà attiva la linea di bus sostitutivi denominata MB mentre proseguirà regolarmente il servizio nella tratta Castro Pretorio-Rebibbia e Castro Pretorio-Ionio. 2. Nei fine settimana 14/15 marzo; 21/22 marzo; 18/19 aprile; 2/3 maggio; 9/10 maggio; 23/24 maggio; 6/7 giugno; 27/28 giugno; 25/26 luglio, la circolazione nella tratta Castro Pretorio-Laurentina, sarà interrotta per l’intera giornata e i treni sostituiti dalla linea bus MB. 3. Nelle giornate 4 e 5 aprile; il Primo maggio; dall’11 al 21 giugno e nelle giornate 4, 5, 11, 12, 18 e 19 luglio, la circolazione sulla linea B della metropolitana sarà regolare con potenziamenti durante gli eventi che saranno via via comunicati ALTRE NOTIZIE UTILI PER CHI SI SPOSTA LUNGO IL PERCORSO DELLA METRO B – IL servizio sostitutivo dei bus segue lo stesso orario della linea B della metropolitana. – Dalla domenica al giovedì prima e ultima corsa alle ore 5.30 e alle ore 23.30. – Al venerdì e al sabato prima e ultima corsa alle ore 5.30 e alle ore 1.30. – Le ultime corse della linea sostitutiva MB che giungono al capolinea di Castro Pretorio dopo le 23.30 proseguono lungo il resto del percorso di metro B sino a Rebibbia e a Ionio. – Nei giorni festivi, per la pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali, il servizio sostitutivo segue il percorso alternativi. – Oltre al servizio sostitutivo sono numerose le alternative per chi normalmente utilizza la metro B. – La tratta Laurentina-Eur Magliana è servita anche dalla linea bus 31 mentre la tratta Eur Fermi-Eur Magliana anche dalle linee 771 e 780. – Dall’Eur, inoltre, si può raggiungere direttamente Termini o il Centro con le linee 714 e 30. – Le stazioni Piramide, San Paolo ed Eur Magliana continueranno ad essere servite dalla ferrovia regionale Roma-Lido. – La tratta Piramide-Castro Pretorio è servita anche dalla linea 75 che effettua capolinea in piazza Indipendenza. – Per raggiungere direttamente la metro A senza passare da Termini si può utilizzare anche il tram 3 da Piramide, Circo Massimo e Colosseo per le stazioni Manzoni e San Giovanni. – La linea tram 3 può essere utilizzata anche da Piramide, Circo Massimo e Colosseo per raggiungere la stazione metro B Policlinico da dove è attiva la metro B. -Tra Piramide e Tiburtina, con lo stesso biglietto valido in metro possono essere utilizzati i treni delle ferrovie regionali FL.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2020

ROMA METRO C | Ecco come sarà la Stazione Amba Aradam

di mobilita

La stazione Amba Aradam della linea C di Roma, la cui apertura è prevista per il 2024, prende forma. Sarà una stazione museo ma, a differenza della stazione San Giovanni, binari e museo saranno ben separati. Il progetto, elaborato dall’Arch. Paolo Desideri (Studio ABDR), prevede una stazione lunga 120 metri e si sviluppata su cinque livelli interrati per una profondità di 30 metri. Sono previsti tre accessi superficiali, posizionati in punti di effettiva concentrazione dell’utenza locale, ma anche di possibile attrazione nel tessuto urbano circostante: il primo, su Via dei Laterani, atto a servire i flussi di utenza verso l’ospedale, l’INPS e la Basilica di San Giovanni, ed è costituito da una scala fissa e due scale mobili; il secondo, sempre su Via dei Laterani ma sul marciapiede opposto al primo accesso, ed è costituito da una sola scala fissa; il terzo, a servizio delle vaste aree residenziali poste a sud-est della stazione, è ubicato su via Farsalo ed è costituito da una scala fissa e una scala mobile. Tre gruppi di tornelli, due per l’entrata ed uno per l’uscita, immetteranno nell’area controllata da cui si accede ai livelli sottostanti fino ai treni in banchina mediante due gruppi-scale unidirezionali, ciascuno formato da una scala fissa e da due scale mobili. Dopo i tornelli è prevista una passerella che permetterà di camminare sospesi sopra ai resti della caserma romana e ci sarà anche una teca in vetro in cui saranno collocati gli oggetti trovati durante gli scavi. Lo schema tipologico funzionale della Stazione è a banchina centrale, avente dimensioni di 110 m di lunghezza, per una larghezza di 4,0 m. Il museo ospiterà invece i resti di una caserma-castra databile alla prima metà del II sec. d.C., probabilmente risalente all’epoca dell’imperatore Adriano, un lungo corridoio centrale in cui si aprono 39 ambienti di cui 25 quadrangolari, alcuni dei quali conservano i pavimenti in mosaico a disegno geometrico con tessere bianco-nero e, alle pareti, intonaci semplicemente affrescati.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 feb 2020

ROMA | A breve la delibera per avviare l’iter per la realizzazione della metro D

di mobilita

Buone notizie per la metro D. Secondo l'assessore alla Mobilità Pietro Calabrese a breve verrà presentata in Giunta la delibera per avviare l'iter per la realizzazione della metro D. Potranno quindi avviarsi i sondaggi archeologici e geologici, propedeutici per la redazione del progetto preliminare. "Non posso dire di più perchè gli uffici sono ancora al lavoro, ma il nostro obiettivo comunque è attuare quello che abbiamo scritto nel Pums: completare la metro C e realizzare la metro D". ha affermato l'assessore Pietro Calabrese. Il progetto della linea D, elaborato nel  2006, caratterizzata dal colore giallo, dovrebbe collegare il centro storico della città coi quartieri settentrionali di Salario, Monte Sacro e Monte Sacro Alto, e con quelli meridionali di Trastevere, Ostiense, Portuense ed EUR lungo un tracciato di 20,4  km con 22 stazioni. Partendo dal capolinea meridionale di piazzale dell’Agricoltura (EUR), a EUR Magliana ci sara l’intersezione con la linea B e la ferrovia Roma-Lido e alla stazione di Trastevere con le linee ferroviarie FL1, FL3 e FL5. Attraversato l’intero rione Trastevere e superato il Tevere all’altezza dell’isola Tiberina, la linea prevede nel centro storico tre fermate: una a piazza Venezia, dove intersecherà la linea C, un’altra a piazza di San Silvestro e una terza a piazza di Spagna, dove  intersecherà la linea A. Il percorso proseguirà in direzione nord-est sino a piazzale Jonio, intersezione con la linea B1, e al capolinea di via Ugo Ojetti (Monte Sacro Alto). TI POTREBBERO INTERESSARE: ROMA METRO D | Buone notizie per la nuova linea metro? ROMA | Arriva il parere favorevole della Commissione Mobilità per la linea metro D “

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
09 feb 2020

La prima metropolitana d’Italia compie 65 anni

di mobilita

Alle ore 10 del 9 febbraio 1955 il primo convoglio inaugurale MR101 partì dalla stazione Termini in direzione del quartiere Esposizione (attuale EUR). Progettata e iniziata a costruire durante il Fascismo, si sarebbe dovuta chiamare Ferrovia dell’E42. Nasceva infatti per collegare la stazione Termini con il nascente complesso urbanistico E42, ideato per ospitare l’Esposizione Universale di Roma del 1942. Acquisì l’attuale denominazione di Linea B solamente nel febbraio del 1980, a seguito dell’apertura della linea A. La Metro B, col il suo tracciato di 11,3 Km da Termini a Laurentina (ex scalo merci dell’Esposizione), è stata la prima metropolitana in Italia. All'apertura della linea entrarono in servizio i treni serie MR 100 e successivamente gli MR 200, utilizzati anche sulla ferrovia Roma-Lido, attiva dall’agosto 1924. Nel 1982 iniziarono i lavori del prolungamento della linea B oltre Termini, lungo l’asse della via Tiburtina. Conclusi i lavori alla fine degli anni Ottanta, il prolungamento fra Termini e Rebibbia venne inaugurato l’8 dicembre 1990, portando la lunghezza di tracciato della linea B a 19 km circa. La tratta B1, Bologna-Conca d'Oro, è entrato in funzione il 13 giugno 2012, mentre il restante tragitto fino a Jonio è stato aperto al pubblico il 21 aprile 2015.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 dic 2019

ROMA METRO C | Avanti con opera, “talpe” arriveranno a piazza Venezia

di mobilita

Il cantiere per la realizzazione della linea metro C prosegue e arriverà a piazza Venezia. Grazie al dialogo e alla costante collaborazione tra Roma Capitale e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la scorsa settimana il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha approvato la modifica del perimetro della tratta T3 della linea C per portare le gallerie a ridosso del corpo della futura “stazione Venezia”, come previsto dal progetto presentato a luglio scorso da Roma Capitale. Scongiurato l’interramento ai Fori Imperiali, le due TBM (le cosiddette “talpe”) continueranno a scavare le gallerie di linea in direzione piazza Venezia. L’impegno di proseguire la realizzazione della terza linea metropolitana è stato ribadito oggi durante la visita al cantiere della metro C dalla sindaca Virginia Raggi e dalla ministra Paola De Micheli. Al sopralluogo erano presenti anche l’assessore alla Città in Movimento Pietro Calabrese, il presidente della Commissione Mobilità Enrico Stefàno, il rappresentante legale di Roma Metropolitane Giovanni Mottura e l’amministratore delegato di Metro C ScpA Fabrizio Di Paola. “L’opera infrastrutturale più importante della città va avanti”, dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Sono già iniziati i carotaggi in via dei Fori Imperiali, da metà gennaio partiranno anche le indagini in piazza Venezia. Indagini fondamentali che ci permetteranno di stimare correttamente tempi e costi. Entro la prossima estate completeremo il progetto definitivo della stazione Venezia. Cambiamo passo: per la prima volta avremo stime precise per evitare sprechi. Vogliamo dare ai cittadini una nuova metro funzionale e ben fatta”. “Continua lo scavo delle gallerie delle due TBM”, prosegue l’assessore Pietro Calabrese. “Oggi siamo scesi nel cantiere per vedere da vicino come stanno proseguendo i lavori. L’obiettivo è accelerare la realizzazione e dare finalmente ai cittadini un’infrastruttura fondamentale di mobilità pubblica. Nel 2021 inaugureremo il pozzo di via Sannio, con la nuova croce di scambio tra i binari che permetterà di migliorare il servizio sulla tratta già aperta”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 ago 2019

ROMA | Metro B, dal 9 settembre lavori serali e ultima corsa alle 21

di mobilita

Dal 9 settembre il servizio della linea B della metropolitana sarà riprogrammato per consentire lo svolgimento dei lavori che porteranno alla realizzazione dell'interscambio tra le linee B e C della metropolitana nel nodo Colosseo-Fori imperiali. Si tratta di  variazioni del servizio indispensabili per la prosecuzione dei lavori della tratta San Giovanni-Fori Imperiali della linea C della metropolitana. Lavori al termine dei quali sarà possibile disporre del primo nodo di scambio tra le linee metropolitane B e C. La riprogrammazione del servizio della linea B del metrò è organizzata in tre fasi: la prima partirà il 9 settembre e si concluderà il 7 dicembre 2019; la seconda scatterà a febbraio del 2020 e la terza a giugno 2021. Per ridurre al minimo i disagi all´utenza, nella prima fase, il servizio della metro B sarà riprogrammato esclusivamente nelle ore serali e in cinque fine settimana dei mesi di settembre e di ottobre. Ecco i dettagli della prima fase: Dal 9 settembre al 7 dicembre, tutti i giorni, l´ultima corsa nella tratta Castro Pretorio-Laurentina sarà alle ore 21,00 ora in cui partiranno gli ultimi treni che effettuano le corse complete dai capolinea: Ionio/Rebibbia-Laurentina e viceversa. A partire dalle 21,00 sarà attiva la linea di bus sostitutivi denominata MB. Il servizio nella tratta Castro Pretorio-Rebibbia e Castro Pretorio-Ionio resterà regolare. Nei fine settimana 21-22, 28-29 settembre e 5-6, 12-13, 26-27 ottobre, la circolazione nella tratta Castro Pretorio-Laurentina sarà interrotta per l'intera giornata e i treni sostituiti dalla linea bus MB. Nelle fasce orarie e nelle giornate in cui si svolgono i lavori, non cambia  il servizio sulle tratte Castro Pretorio-Rebibbia e Castro Pretorio-Ionio. Resterà regolare con orario invariato: dalla domenica al giovedì 5.30-23.30; venerdì e sabato, prime corse alle 5.30 del mattino e ultime all'1.30 di notte. ALTRE NOTIZIE UTILI PER CHI SI SPOSTA LUNGO IL PERCORSO DELLA METRO B Il servizio sostitutivo dei bus segue lo stesso orario della linea B della metropolitana. Dalla domenica al giovedì prima e ultima corsa alle ore 5.30 e alle ore 23.30. Al venerdì e al sabato prima e ultima corsa sono rispettivamente alle 5.30 del mattino e all'1.30 di notte. Le ultime corse della linea sostitutiva MB che giungono al capolinea di Castro Pretorio dopo le 23.30 proseguono lungo il resto del percorso della metro B sino a Rebibbia e a Ionio. Nei giorni festivi, per la pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali, il servizio sostitutivo segue percorso alternativi. Oltre al servizio sostitutivo sono numerose le alternative per chi normalmente utilizza la metro B. La tratta Laurentina-Eur Magliana è servita anche dalla linea bus 31 mentre la tratta  Eur Fermi-Eur Magliana anche dalle linee 771 e 780. Dall' Eur, inoltre si può raggiungere direttamente Termini o il Centro con le linee 714 e 30. Le stazioni Piramide, San Paolo ed Eur Magliana continueranno ad essere servite dalla ferrovia regionale Roma-Lido. La tratta Piramide-Castro Pretorio è servita anche dalla linea 75 che effettua capolinea in piazza Indipendenza. Per raggiungere direttamente la metro A senza passare da Termini si può utilizzare anche il tram 3 da Piramide, Circo Massimo e Colosseo per le stazioni Manzoni e San Giovanni. La linea tram 3 può essere utilizzata anche da Piramide, Circo Massimo e Colosseo per raggiungere la stazione metro B Policlinico da dove è attiva la metro B. Tra Piramide e Tiburtina, con lo stesso biglietto valido in metro possono essere utilizzati i treni delle ferrovie regionali FL.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 feb 2018

METROPOLITANA ROMA LINEA C | Commissione mobilità nei cantieri di via Sannio e Amba Aradam/Ipponio

di Roberto Lentini

Questa mattina l’assessore alla Mobilità Linda Meleo, il presidente della Commissione Mobilità Enrico Stefàno e tutti membri della Commissione, hanno  effettuato un sopralluogo nei cantieri di via Sannio e di via dell’Amba Aradam. Durante il sopralluogo l'assessore Meleo ha affermato che le operazioni di scavo della TBM per  i tunnel tra la stazione della linea C di San Giovanni e le future stazioni di Ipponio-Amba Aradam e Colosseo inizieranno i primi giorni di marzo. La prima TBM, che si trova nel pozzo di scavo di via Sannio, impiegherà circa tre mesi per arrivare nella stazione di Ipponio. Subito dopo partirà la seconda talpa che impiegherà sempre tre mesi.  Si presume che possano arrivare al Colosseo tra circa 12 mesi e consentire l'apertura della tratta entro il 2022. "È importante che finalmente le talpe inizino a scavare verso il centro della città - ha commentato il presidente della Commissione Mobilità Enrico Stefàno - anche se ora è prematuro parlare di tempi, di quanto ci metteranno". Durante la visita del cantiere Ipponio-Amba Aradam, è stato presentato il progetto della Sovrintendenza  per collegare le mura Aureliane alla futura stazione di Ipponio-Amba Aradam.  

Leggi tutto    Commenti 0