Articolo
02 mar 2020

Ryanair riduce i voli a causa del virus Covid-19

di Roberto Lentini

Oggi Ryanair ha notificato ai passeggeri che stava riducendo il suo programma di voli a corto raggio (principalmente da e verso l'Italia) fino al 25% per un periodo di 3 settimane dal 17 marzo al mercoledì 8 aprile, in risposta al Covid- 19 Virus. Durante la scorsa settimana, Ryanair ha registrato un calo significativo delle prenotazioni durante quel periodo di fine marzo / inizio aprile, in risposta al virus Covid-19. Vi è stato anche un significativo aumento delle mancate esibizioni di passeggeri sui voli, in particolare da e all'interno dell'Italia. Ryanair non si aspetta che queste cancellazioni abbiano un impatto materiale sull'orientamento dell'anno corrente (fine marzo 2020), ma è troppo presto per ipotizzare quale impatto avrà l'epidemia di Covid-19 sui guadagni dell'esercizio 21. Ryanair continuerà a monitorare attentamente le prenotazioni e continuerà a flettere i suoi programmi in risposta a questa situazione in via di sviluppo. Ryanair sta lavorando a stretto contatto con le autorità competenti e sta seguendo tutte le linee guida fornite dall'OMS e dall'AESA per garantire la salute e il benessere delle nostre persone e dei nostri clienti. Una riunione di azione quotidiana di Covid-19 in tutte le aree della compagnia aerea è stata avviata dal lunedì 24 febbraio e si sta concentrando sul mantenimento dell'efficienza operativa e sul risparmio sui costi per far fronte all'attuale recessione negli affari causata dal virus Covid-19, tra cui; Il programma a rotazione si interrompe quando i modelli di prenotazione cambiano Assegnazione delle ferie annuali e / o delle ferie non retribuite ai piloti e all'equipaggio di cabina Reclutamento, promozione e blocco dei pagamenti in tutta la rete Collaborare con fornitori di terze parti per ridurre i costi. Ryanair rimane una delle compagnie aeree più forti del settore con 4 miliardi di euro in contanti in bilancio, costi unitari leader del settore, il 90% della flotta è di proprietà ed è priva di debiti. Prevediamo che questo virus Covid-19 comporterà ulteriori guasti alle compagnie aeree dell'UE nelle prossime settimane. Michael O’Leary, CEO del gruppo Ryanair, ha dichiarato: "In questo momento il nostro obiettivo è quello di ridurre al minimo qualsiasi rischio per le nostre persone e i nostri passeggeri. Mentre siamo pesantemente prenotati nelle prossime due settimane, c'è stato un notevole calo delle prenotazioni in avanti verso la fine di marzo, all'inizio di aprile. È logico potare selettivamente il nostro programma da e verso quegli aeroporti in cui i viaggi sono stati maggiormente colpiti l'epidemia di Covid-19. Questo è un momento di calma. Faremo dei tagli ragionevoli ai nostri programmi nelle prossime settimane per riflettere le prenotazioni più deboli e cambiare i modelli di viaggio. Tutti i clienti interessati saranno avvisati di eventuali cambiamenti di programma con almeno 14 giorni di anticipo. Mentre l'80% delle persone che contraggono Covid-19 soffre solo di sintomi lievi, il rischio di infezione può essere significativamente ridotto mediante frequenti lavaggi delle mani con acqua e sapone. Continueremo a rispettare pienamente le linee guida dei governi nazionali, dell'OMS e dell'AESA, in quanto vengono periodicamente aggiornate. Aggiorneremo il mercato a tempo debito su eventuali sviluppi significativi "

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2019

Ecco quando il treno ti fa arrivare prima dell’aereo

di mobilita

La piattaforma e app di viaggio Omio ha messo a confronto le diverse tipologie di trasporto disponibili in alcune delle tratte europee più frequentate. È percezione comune che prendere un volo sia il modo più veloce per viaggiare e giungere a destinazione, muovendosi da un punto A a un punto B. In effetti non c'è dubbio che volare sia un modo rapido ed efficiente per spostarsi, ma non bisogna dimenticare che gli aerei hanno anche un impatto significativo sull'ambiente e che, quando si osserva il tempo di percorrenza complessivo, viaggiare in aereo non è sempre così veloce come sembra. Si pensi solo al tempo perso in fila al check-in o ai controlli di sicurezza, nonché ai tempi per aspettare il bagaglio o il proprio turno al gate. La classifica si basa sulle 100 tratte più popolari in treno, autobus e aereo e tiene conto del viaggio dall'inizio alla fine, compresi i tempi di attesa, quelli per i controlli di sicurezza ecc. Ecco qui un riassunto di quanto tempo si risparmia e di quanto si aiuta la natura, quando si sceglie di viaggiare sui binari per le tratte qui di seguito: Anche l'autobus rappresenta una scelta valida: la tratta Roma-Napoli su strada è quella che consente di risparmiare più tempo in assoluto a livello europeo (oltre un'ora) e 22 kg di CO₂ (68% in meno), seguita da Parigi-Bruxelles e Vienna-Budapest, dove il treno impiega rispettivamente 66 e 57 minuti in meno rispetto all'aereo, mentre i kg di CO₂ risparmiati sono 30 (67%) e 25 (69%).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2019

Air Italy, niente code con il Fast Track

di mobilita

 In previsione dell'alto traffico di turisti atteso per le vacanze, Air Italy velocizza i passaggi aeroportuali per i propri passeggeri. Air Italy si afferma come prima compagnia aerea italiana ad introdurre l'acquisto del servizio Fast Track direttamente sul proprio sito web, risparmiando così ai propri passeggeri ancora più tempo in aeroporto e rendendo più confortevole l'attesa della prossima partenza per le vacanze. L'iniziativa arriva inoltre in tempo per offrire ai viaggiatori milanesi un po' di sollievo e una migliore esperienza aeroportuale a seguito del previsto aumento di traffico dell'aeroporto di Malpensa durante la chiusura per tre mesi dell'aeroporto di Linate, a partire dal prossimo 27 luglio. "Continuiamo a crescere ed espandere la nostra rete e ci dedichiamo contemporaneamente alla ricerca di nuovi modi per migliorare e ottimizzare l'esperienza di viaggio dei nostri passeggeri", ha dichiarato Rossen Dimitrov, Chief Operating Officer di Air Italy. "La possibilità di acquistare il servizio Fast Track sul nostro sito web che offriamo ai nostri clienti, risponde a questo obiettivo e rende la loro esperienza di viaggio sempre più fluida". Il servizio Fast Track è ora acquistabile sul sito web di Air Italy durante il regolare flusso di prenotazione dei biglietti aerei, al prezzo di 9 euro e acquistandolo i passeggeri potranno usufruire di una coda dedicata al controllo di sicurezza, che raggiungendo più rapidamente il gate di partenza. Air Italy include questo servizio nell'ambito dei pacchetti Fly Pass Silver card (200 euro) e Fly Pass Gold card (500 euro), oppure attraverso il programma Frequent Flyer @MyAirItalyClub tramite il riscatto di punti Avios. Acquistare il Fast Track pass di Air Italy è semplice: basta cliccare su “Servizi on line” nella sezione “Prima del volo”, dove sono disponibili anche i link per prenotare il posto a bordo, effettuare il web check-in e acquistare il servizio d’imbarco prioritario. Si potrà inoltre scegliere di usufruire del servizio Fast Track anche in un secondo momento, senza alcun limite di tempo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 lug 2017

Perché gli aerei sono “lenti”?

di Alessandro Gori

Se si guardano i dati i voli di linea di oggi sono molto più lenti di quelli di cinquantanni fa. La motivazione è molto semplice: ridurre i costi. Il costo che incide di più sui bilanci delle compagnie aeree è quello del carburante, che surclassa ampiamente il costo dei veicoli, della manutenzione o del personale. Questo spiega facilmente tutto l'impegno che stanno mettendo le compagnie aeree nel trovare alternative,  come abbiamo già trattato in un altro articolo. Non solo, ridurre la velocità di crociera è ideale anche perché si utilizzano al meglio motori turbofan invece dei turbojet, più performanti ma caratterizzati da consumi molto più sostenuti e, conseguentemente, dal maggior impatto ambientale. Il video che trovate qua sotto spiega nel dettaglio come operano le compagnie per ridurre il piu possibile i costi del carburante. Buona visione!    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 mar 2017

In arrivo Boom: il jet per “pendolari” transatlantici

di Alessandra Santoni

Un volo dall'Italia a New York (mettendoci un qualche scalo nel mezzo) dura all'incirca 10 ore. Cosa saranno mai per andare dall'altra parte del mondo? Se poi voli di notte, ti fai una bella dormita e al tuo risveglio sei già nella Grande Mela, senza che tu ti sia accorto "quasi" di niente. Ecco, ora prova ad immaginare di metterci solo 3 ore. O, meglio ancora, prova a pensare di raggiungere l'Australia in 7 ore. Non è fantascienza, ma quello che riuscirà a fare Boom, un aereo lungo 52 metri, con una apertura alare di 18, e che potrà raggiungere una velocità di 2.2 Mach, ovvero ben 2716 km/h (oltre il doppio della velocità del suono) senza che i passeggeri neanche se ne accorgano. Dovremo ancora aspettare qualche anno per vederlo all'opera, ma dopo il flop del Concorde che dal 2003 è parcheggiato in un hangar per appagare solamente la curiosità dei visitatori, oggi si torna a parlare di jet supersonici. La start-up americana Boom Technology, finanziati da svariati fondi di investimento e anche da Richard Branson, patron di Virgin, ha raccolto un gruppo di "cervelli" dalla Nasa, Boeing, SpaceX, Lockheed Martin e Gulfstream per lavorare a questo progetto epocale. Erin Fisher, head of flight controls del progetto, ha anticipato che l'aereo avrà dai 42 ai 50 posti, e che il biglietto avrà lo stesso prezzo di un volo in lasse Business, 500 euro andata e ritorno nei voli transatlantici, anche se ovviamente la tariffa sarà scelta dalle singole compagnie. Il primo prototipo biposto uscirà, XB-1, uscirà entro la fine dell'anno e per il 2020 si prevede l'entrata in funzione del jet vero e proprio. Con Boom il termine 'pendolare' potrebbe ampliare notevolmente la sua accezione...  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 feb 2017

Vi siete mai chiesti perché gli aerei di solito sono bianchi? Ecco il motivo

di Fabio Nicolosi

Vi siete mai chiesti perché in genere gli aerei sono di colore bianco? La risposta è abbastanza semplice, anche se si devono soppesare sia gli aspetti più squisitamente di marketing che quelli dovuti ai costi di produzione e di manutenzione, e tenere conto anche delle esigenze dettate dalla sicurezza dei voli. Sicuramente un aereo tutto colorato può colpire subito l’attenzione, ma certamente un altro con un motivo sobrio avrà il vantaggio di essere facilmente riconoscibile, sia riguardo alla compagnia di volo che al paese di origine. Inoltre bisogna considerare che i pannelli di alluminio vengono prodotti con una speciale vernice verde che serve da protezione perché è un anti-corrosivo. Dunque c’è da rimuovere prima questo strato per poi procedere alla verniciatura. In seguito l’asciugatura avrà bisogno di almeno 12 ore. Tutta l’operazione potrebbe costare anche 200.000 dollari. E allora ecco perché la maggior parte delle compagnie si limita a inserire solo i loghi con qualche scritta. Se poi l’aeromobile ha un’avaria, una perdita d’olio o qualsiasi altro problema, il colore bianco facilita il controllo e il monitoraggio del veicolo. Infine la pittura aggiuntiva e le decalcomanie (le quali hanno un costo aggiuntivo) sono un peso in più per l’aereo e questo significa maggior consumo di carburante, a parità di condizioni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 feb 2017

Quali sono le compagnie low cost migliori d’Europa?

di Fabio Nicolosi

Con una nota di merito per “il comfort dei passeggeri” è Transavia a conquistare per il secondo anno consecutivo la vetta della classifica delle migliori low cost d’Europa di Flight Report, basata sulle valutazioni dei viaggiatori. Una classifica dai risvolti sorprendenti, perché sembra mostrare che l’essere al top del mercato low fare non significhi necessariamente conquistare i favori dei passeggeri. Perché quest’anno l’inarrestabile Ryanair scivola per la prima volta fuori dalla top ten figurando all’11esimo posto, rispetto al settimo della classifica 2016. Tornando al podio, la controllata di Air France, premiata dai viaggiatori con una valutazione di 7,75 punti su 10, è seguita dalla britannica Flybe per la capienza dei velivoli, e da airberlin per le soluzioni di pagamento. Fuori dal podio Il quarto posto è occupato da Norwegian, che, nonostante gli ambiziosi piani sul lungo raggio, nel Vecchio Continente perde due posizioni nell’indice di gradimento del pubblico. Dopo di lei Volotea ed Air Baltic, poco sopra la sufficienza. Seguono poi altri due leoni del low fare: easyjet, secondo i passeggeri comunque “più innovativa di altri attori più giovani del comparto”, ed Eurowings, il braccio low cost di Lufthansa, apprezzato per la "variegata offerta tariffaria". Chiudono la top ten la giovane Wow Air, e la spagnola Vueling, che cede una posizione, perché anche i viaggiatori meno sofisticati “vogliono i sedili reclinabili”.

Leggi tutto    Commenti 0