Articolo
22 mar 2019

Smart road, primo ok per autorizzazione alla guida autonoma su strada

di mobilita

L’Osservatorio tecnico di supporto per le Smart Road del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato oggi, all’unanimità, parere positivo alla prima domanda di autorizzazione alla sperimentazione di veicoli a guida autonoma su strade pubbliche. Il parere odierno costituisce un fondamentale tassello del percorso di autorizzazione alla guida autonoma su strada, previsto dal DM 70/2018, avviando, ufficialmente, in Italia la sperimentazione. Con un primo chiaro obiettivo: migliorare la mobilità urbana nella prospettiva di un futuro sempre più tecnologico, salvaguardando la sicurezza stradale, a tutela e beneficio della collettività. Il parere favorevole espresso all’unanimità dai membri dell’Osservatorio è anche un importante segnale dell’estrema attenzione che il Governo e questo Ministero hanno nei confronti dell’innovazione tecnologica e in particolare sul tema della guida autonoma e connessa. L’auspicio è, ora, che la prima approvazione di oggi sia di impulso alla presentazione a breve di nuove domande di sperimentazione, che verranno attentamente analizzate dall’Osservatorio e dalla DG Motorizzazione concentrandosi in particolar modo sul rispetto massimo della sicurezza, consentendo al contempo lo sviluppo di attività innovative in grado di generare investimenti e sviluppo. L’avvio della sperimentazione è inoltre un primo importantissimo passo per la valutazione degli impatti relativi a scenari che vedono una sempre crescente percentuale di veicoli automatici, in grado di mitigare gli errori umani con l’obiettivo di ridurre drasticamente il numero di morti e feriti sulle strade.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2019

Il tour italiano di Aptis, l’autobus elettrico al 100% di Alstom, parte da Firenze

di mobilita

Aptis, il bus 100% elettrico da Alstom, arriva in Italia per essere presentato al pubblico italiano, dopo Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Germania.  Il tour italiano di Aptis inizierà da Firenze, dove è stato presentato oggi nella splendida cornice della Basilica di Santa Maria Novella. Partirà quindi per un tour di prova in sei città italiane da marzo a maggio. Dario Nardella Sindaco di Firenze, Vincenzo Ceccarelli Consigliere per i Trasporti della Regione Toscana, Michele Viale Amministratore delegato di Alstom in Italia e Stefano Bonora Amministratore delegato di ATAF Gestioni, società del gruppo Busitalia, partner tecnico del tour di Firenze, erano presenti al conferenza di lancio e ha preso parte al viaggio panoramico attraverso il centro città a bordo di Aptis " Siamo orgogliosi di iniziare il tour italiano di Aptis da Firenze, una città attenta alla mobilità sostenibile. Aptis è un autobus elettrico ispirato al mondo dei tram e consente ai passeggeri di sperimentare un comfort unico a bordo. Speriamo che gli abitanti e i turisti di Firenze abbiano l'opportunità di apprezzare questo innovativo e-bus, che circolerà gratuitamente nelle strade della città "- ha affermato Michele Viale, Amministratore Delegato di Alstom in Italia. Aptis sarà in servizio passeggeri nel capoluogo toscano, a titolo gratuito, per 13 giorni e sarà gestito in collaborazione con ATAF. Coprirà 7 diversi circuiti, dal centro alla periferia. I passeggeri potranno esprimere il loro apprezzamento per l'esperienza di viaggio votando a bordo e sui social media con selfie e messaggi per Aptis sull'account Twitter: @Aptis_Alstom. Dal momento che il prototipo è stato presentato a marzo 2017, più di 40.000 chilometri sono stati coperti in condizioni operative reali da quattro veicoli di prova in Europa. Queste prove hanno permesso di testare le caratteristiche di Aptis, ispirate al tram, in un nuovo contesto, le sue prestazioni di inserimento, la sua capacità di autonomia e il suo sistema di assistenza alla guida. Aptis, un autobus ispirato al mondo del tram, offre un'esperienza di comfort unica per i passeggeri. I pianali ribassati in tutto il veicolo e le ampie porte doppie consentono flussi fluidi dei passeggeri e un facile accesso a sedie a rotelle e passeggini. Le finestre panoramiche sul lato anteriore e posteriore del bus forniscono il 20% di superfici vetrate in più rispetto a un autobus convenzionale, oltre a un'area lounge sul retro. Aptis ha vinto il premio Innovation alla fiera Busworld nel 2017. Alstom ha appena ricevuto il primissimo ordine per 12 Aptis, ciascuno lungo 12 metri e dotato di tre porte, dalla compagnia di trasporti di Strasburgo CTS in Francia. Ti potrebbero interessare: Primo successo commerciale per Aptis di Alstom a Strasburgo FIRENZE | Partirà il 22 marzo il tour di prova del bus elettrico Alstom-Aptis

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
11 mar 2019

Le grandi stazioni ferroviarie più connesse con le nuove strutture TLC

di mobilita

Stazioni ferroviarie più connesse grazie al sistema di ultima generazione Distributed Antenna System (DAS). E' l’obiettivo del progetto avviato dal Gruppo FS Italiane con INWIT, società controllata da TIM, per realizzare un sistema di infrastrutture di telecomunicazioni (TLC) che ottimizza la ricezione dei segnali degli operatori di telefonia mobile e potenzia la connessione a internet di smartphone, tablet e PC. Il progetto coinvolge le stazioni ferroviarie gestite da GrandiStazioni Rail, società del Gruppo FS Italiane, che negli ultimi anni sono diventate veri e propri luoghi di incontro e socializzazione nel centro delle città: Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella, Napoli Centrale, Roma Termini, Roma Tiburtina, Torino Porta Nuova, Venezia Mestre, Venezia Santa Lucia e Verona Porta Nuova. “Questa iniziativa proietta il Gruppo FS Italiane nel futuro e conferma il nostro impegno nel cercare soluzioni tecnologiche all’avanguardia” ha dichiarato Alessandro La Rocca, Direttore Innovazione e Sistemi informativi di FS Italiane. “L’installazione del sistema di antenne DAS nelle stazioni migliorerà l’utilizzo dismartphone e PC che sfruttano le tecnologie di trasmissione 2G, 3G, 4G e 4G+. Abbiamo accolto con interesse questa partnership per prepararci all’introduzione della tecnologia di trasmissione dati 5G che permetterà di realizzare applicazioni sempre più innovative. Il Gruppo FS Italiane è al lavoro per progettare nuovi servizi per le persone che viaggiano e che ogni giorno frequentano le stazioni ferroviarie. Continueremo a sostenere lo sviluppo della tecnologia 5G”. “La partnership tra il Gruppo FS Italiane e INWIT permetterà a viaggiatori e visitatori delle più grandi stazioni ferroviarie italiane di essere collegati con i propri dispositivi sempre al meglio – ha sottolineato Giovanni Ferigo, Amministratore Delegato di INWIT – Stiamo rispondendo alla continua richiesta di connettività mobile realizzando in tutta Italia impianti, come il sistema DAS, per migliorare la copertura degli operatori in siti outdoor e indoor particolarmente frequentati anche guardando al futuro della nuova tecnologica 5G. Grazie alle micro antenne collocate in stazioni, aeroporti, ospedali, centri commerciali, stadi e aree cittadine con forte concentrazione di persone, garantiremo una ricezione del segnale degli operatori sempre di altissima qualità e la possibilità di fruire di servizi innovativi ovunque”. La realizzazione del sistema DAS, composto da micro antenne indoor e outdoor, permette un notevole miglioramento della ricezione del segnale e della cosiddetta customer experience per i sistemi di telefonia mobile attualmente in uso con tecnologie 2G, 3G, 4G e 4G+. Le infrastrutture DAS rendono le stesse stazioni ferroviarie 5G ready, predisposte cioè per l’introduzione dell’innovativa tecnologia che gli operatori mobili, già nel corso di quest’anno, utilizzeranno in Italia. Il sistema DAS prevede una centralina elettronica che riceve il segnale via cavo in fibra ottica degli operatori mobili e lo rilancia con una potenza e una stabilità del segnale radio che non sarebbe possibile unicamente con le grandi antenne al di fuori della stazione.  Una serie di micro antenne, distribuite capillarmente in tutte le aree delle stazioni, consente telefonate senza disturbi o perdita di linea e incrementa la capacità delle connessioni ad elevata velocità per tutte le attività che ormai fanno parte della nostra vita quotidiana. Le micro antenne sono strumenti fondamentali per il corretto funzionamento della tecnologia 5G che necessita di un segnale costante e potente, non solo per permettere di ricevere e inviare documenti e contenuti video in tempi più brevi rispetto ad oggi, ma anche per supportare tutte le innovazioni che riguardano l’Internet Of Things (IoT).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mar 2019

Primo successo commerciale per Aptis di Alstom a Strasburgo

di mobilita

Alstom ha ricevuto il primissimo ordine per il suo autobus 100% elettrico, Aptis, della compagnia di trasporti di Strasburgo CTS (Communauté des Transports Strasbourgeois).  Si tratta di un contratto per 12 Aptis, ciascuno lungo 12 metri e dotato di tre porte. Questi autobus Aptis saranno i primi autobus elettrici a rafforzare la flotta di veicoli della CTS. Grazie al suo design innovativo, Aptis offre un'esperienza passeggeri senza rivali. Il suo sistema di ormeggio per un perfetto allineamento con la pavimentazione, il pavimento completamente ribassato e completamente piatto e le ampie porte doppie consentono una facile circolazione e un comodo imbarco per le persone con mobilità ridotta e carrozzine. Dotata di ampie finestre a bovindo per tutta la sua lunghezza, Aptis offre il 25% in più di superfici vetrate rispetto a un autobus standard e una zona salotto posteriore con vista panoramica sulla città. "Siamo molto orgogliosi di aver ricevuto questo primo ordine per Aptis, la nostra soluzione di mobilità elettrica al 100%: Aptis è progettato dai team Alstom presso il sito di Hangenbieten in Alsazia e siamo lieti della fiducia dimostrata in noi dalla CTS", afferma Jean -Baptiste Eyméoud, Presidente di Alstom in Francia. I veicoli richiesti da Strasburgo sono progettati per una ricarica lenta, di notte nel deposito. Aptis è anche disponibile per la ricarica alla fine di ogni linea quando necessario, utilizzando soluzioni di ricarica a terra (SRS) o ricarica dall'alto (pantografo inverso). Aptis è stato progettato pensando a un costo totale ottimizzato. Ciò è possibile grazie a costi di manutenzione e operativi ridotti e una durata maggiore rispetto a quella di un bus standard. Per le autorità locali, quindi, l'obiettivo è di avere un costo totale equivalente a quello degli attuali autobus diesel standard. A partire da settembre 2018, Aptis fa anche riferimento al CATP, l'ufficio centrale francese per gli appalti per il trasporto pubblico, nella sua offerta di autobus elettrici destinata all'acquisto pubblico da parte delle autorità locali. Questo riferimento consente alle autorità membro di ordinare i veicoli Aptis direttamente e semplicemente dal CATP, evitando procedure lunghe e costose. Dal momento che il prototipo è stato presentato a marzo 2017, oltre 40.000 chilometri sono stati coperti in condizioni operative reali da quattro veicoli di prova in Francia e in Europa. Queste prove hanno permesso di testare le caratteristiche di Aptis, ispirate al tram, in un nuovo contesto, le sue prestazioni di inserimento, la sua capacità di autonomia e il suo sistema di assistenza alla guida. Aptis ha vinto il premio Innovation alla fiera Busworld nel 2017. Ha anche ricevuto il certificato ufficiale Origine France Garantie nel gennaio 2019; questo certificato garantisce che oltre il 60% del valore aggiunto di Aptis è il francese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mar 2019

MILANO | La logistica dell’ultimo miglio diventa green

di mobilita

Milano sempre più attenta all'ambiente e alla sostenibilità, anche nella logistica. Prende avvio oggi, sino a dicembre 2020, la sperimentazione del primo servizio di logistica e consegna a domicilio interamente realizzato con mezzi green.   Saranno infatti nove i furgoni totalmente elettrici, oltre a due bici cargo a pedalata assistita, che si occuperanno della logistica dell’ultimo miglio per i clienti degli undici punti vendita della GDO presenti nell’area compresa tra Porta Romana e Vettabbia, zone già inserite nel progetto europeo "Sharing cities". A presentare il nuovo servizio l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive con delega alle Smart city Cristina Tajani, affiancata dagli sviluppatori del servizio, nel corso di un incontro presso gli spazi di Talent Garden Calabiana, in via Calabiana, nel cuore del quartiere pilota della sperimentazione dell’iniziativa. “Oggi diamo avvio ad una piccola rivoluzione nel complesso mondo della logistica e nel contempo ampliamo le azioni dell’Amministrazione per migliorare la qualità dell’aria in città”. Cosi l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive con delega alle Smart city Cristina Tajani, che prosegue: “Si tratta di un progetto che rientra nella più ampia strategia del Comune per fare di questa zona il primo quartiere cittadino a basso consumo energetico rispondendo ad una delle più importanti sfide del nostro tempo: quella del clima. Un sfida resa possibile grazie ai contributi messi a disposizione dall’Europa che siamo stati capaci di intercettare e impiegare”. Gli undici mezzi utilizzati copriranno una area di circa venti chilometri quadrati e serviranno circa 2.000 clienti per un totale di circa 50.000 consegne annue, adempiendo alla distribuzione a domicilio degli ordini, effettuati online o direttamente presso i punti vendita, con una particolare attenzione alle esigenze delle persone anziane e di quelle con disabilità. L’alimentazione totalmente elettrica dei mezzi consentirà una autonomia di circa 70 ore di viaggio oltre a un risparmio di circa 22 tonnellate di Co2 annue immesse nell’atmosfera, contribuendo di fatto a migliorare la qualità dell’aria nella zona. Il servizio di logistica “green” è sviluppato da For-services, che si è aggiudicata il bando indetto dal Consorzio Poliedra – Politecnico di Milano, responsabile della misura nell’ambito del progetto Sharing Cities di cui il Comune di Milano è partner. For-services nasce nel 2010 con l’obiettivo di offrire servizi logistici per la soluzione di processi per loro natura complessi e di non facile gestione, grazie ad un approccio innovativo ed altamente tecnologico. Una realtà imprenditoriale che, oltre all’esperienza maturata nella logistica, vanta una capacità di digitalizzazione in grado di personalizzare i suoi applicativi rispetto ad ogni esigenza del cliente. Nello specifico, For-Services è il primo operatore di logistica a fornire i dati al Comune di Milano in tempo reale, attraverso l'integrazione dei propri sistemi informativi con la Piattaforma di interoperabilità tramite API aperte, in coerenza con gli obiettivi del progetto Sharing Cities e con la più ampia strategia del Comune sull'acquisizione di dati utili alla migliore gestione e pianificazione della Città di Milano. “Sharing cities” è un progetto europeo, avviato nel 2016, che oltre a Milano, coinvolge Londra (capofila), Lisbona e tre città follower (Bordeaux, Burgas e Varsavia) con l’obiettivo di adottare un approccio innovativo per rispondere ad alcune delle principali sfide climatiche: abbattere le emissioni di carbonio di edifici e mezzi di trasporto e migliorare la qualità dell’aria. Il progetto, del valore complessivo di 24 milioni di euro, ha consentito all’Amministrazione comunale e al partenariato locale di intercettare risorse europee per circa 8,6 milioni di euro in cinque anni. Queste somme stanno consentendo, tra l’altro, la riqualificazione di cinque edifici di proprietà privata e un edificio pubblico (il complesso di via San Bernardo 29 a Chiaravalle) per un totale di quasi 30mila metri quadrati di unità residenziali. Inoltre si stanno sviluppando sistemi di gestione energetica integrata e l'installazione su tutta l'area di lampioni intelligenti dotati di antenne wi-fi e sensori di vario tipo nonché la progettazione sperimentale del primo car sharing di condominio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mar 2019

FIRENZE | Parte l’operazione rastrelliere pulite

di mobilita

Dopo il Quartiere 2 l’operazione “rastrelliere pulite” si sposta nel Quartiere 3. Due giorni del mese di marzo dedicati alla pulizia e agli interventi di manutenzione delle rastrelliere individuate sulla base di una ricognizione puntuale sul territorio. Si inizia mercoledì 6 marzo, poi il bis il 26 marzo. Per consentire la pulizia dell’area in cui sono collocate le rastrelliere e gli interventi di manutenzione sulle stesse, dovranno essere libere dalle biciclette. L’Amministrazione invita quindi i cittadini e sulla base della cartellonistica che sarà messa nelle strade interessate nei giorni precedenti a togliere il proprio mezzo. In caso contrario si procederà con la rimozione. In dettaglio ecco le strade interessate mercoledì 6 marzo dove saranno istituiti divieti di sosta puntuali in orario h24 con rimozione forzata in corrispondenza delle rastrelliere. Lungarno Ferrucci (da via di Rusciano verso piazza Ravenna), via Orsini (dal numero civico 52 a via di Rusciano), via di Ripoli (a cavallo dei numeri civici 18 e 26), piazza Ravenna (altezza numero civico 3 interno isola spartitraffico), via Niccolò da Uzzano (a cavallo numero civico 107), viale Giannotti (da piazza Gavinana al numero civico 1R), via Giovanni dalle Bande Nere (tra i numeri civici 37 e 39), via Salutati (a cavallo del numero civico 51), via Caponsacchi (tra i numeri civici 21 e 23), via Accolti (a cavallo del numero civico 1/A e tra i numeri civici 43 e 45). Per il 26 marzo i divieti saranno comunicati successivamente

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 feb 2019

Air France passa all’elettrico per i veicoli in pista con CarWatt

di mobilita

Air France sta cercando di migliorare continuamente l'esperienza del cliente riducendo al contempo l'impatto ambientale e migliorando le sue procedure, in particolare attraverso l'innovazione. Come parte del suo impegno e in linea con l'annuncio del governo del suo sostegno al settore delle batterie elettriche, Air France sta gradualmente iniziando a sostituire i motori diesel nei veicoli a nastro utilizzati per caricare e scaricare i bagagli sugli aerei sostituendoli con motori elettrici. Per sviluppare questo progetto collaborativo, Air France ha scelto di collaborare con CarWatt, una start-up francese che recupera le batterie agli ioni di litio usate dai singoli veicoli elettrici e le ricicla per dargli una nuova vita. Il primo prototipo operativo è appena entrato in servizio all'aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle e si sta valutando la conversione di 10 ulteriori veicoli da diesel a elettrici. Ecco i vantaggi di questa conversione: sostenere la transizione energia riducendo le emissioni di CO2 di 3 tonnellate all'anno, limitando emissioni di particelle fini e riducendo i livelli di rumore in aeroporto, migliorare le prestazioni operative , migliorando la sicurezza in fase di avvicinamento dell'aeromobile, garantire un miglior rendimento economico per ridurre obsolescenza pianificata estendendo la vita di questi veicoli e limitando i costi di manutenzione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 feb 2019

Le informazioni sulla viabilità stradale e ferroviaria tramite canali Telegram

di Fabio Nicolosi

Le giornate sono sempre ricche di impegni e muoversi in macchina spesso è la soluzione migliore per chi ha tanti appuntamenti da rispettare. Ma come evitare strade trafficate, incidenti, code? Abbiamo pensato noi ad una possibile soluzione. Sfruttando il feed RSS che il CCISS (Centro di Coordinamento delle Informazioni sulla Sicurezza Stradale) pubblica sul suo sito web, abbiamo creato dei canali telegram divisi per grandi città Poiché il feed non ha URL associati agli avvisi e IFTTT (app terza che permette l'automazione degli avvisi su Telegram) li richiede, è stato necessario rivedere il codice tramite l'aiuto dell'amico Andrea Borruso. Poiché spesso chi non usa il mezzo privato, usa la ferrovia per spostarsi, abbiamo integrato anche le informazioni sulla viabilità ferroviaria. Che aspettate ad iscrivervi ai canali Telegram? Palermo: https://t.me/mobilitapalermo Catania: https://t.me/trafficoemobilitacatania Roma: https://t.me/mobilitaroma Milano: https://t.me/mobilitamilano Genova: https://t.me/mobilitagenova Firenze: https://t.me/mobilitafirenze Torino: https://t.me/Trafficoeviabilitatorino Se volete includere altre città o avete suggerimenti per permettere di ottimizzare i canali siamo a completa disposizione.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
22 feb 2019

FIRENZE | Approvata mozione per un bando noleggio dei monopattini elettrici

di mobilita

E' stata approvata oggi nelle Commissioni ambiente e sviluppo economico la mozione per dare il via al bando per individuare un soggetto che garantisca il noleggio dei monopattini elettrici anche a Firenze. "All'amministrazione la richiesta di attivarsi immediatamente per la pubblicazione del bando e di individuare le regole per la sua gestione, anche se nella mozione abbiamo già dato alcune linee guida a partire dalla selezione delle aree ove questi mezzi potranno essere utilizzati, non pensiamo certo che possano circolare dove la pericolosità non lo consente, ma su piste ciclabili, parchi urbani e aree pedonali non troviamo alcun problema, se ben regolamentato. Attenzione abbiamo prestato all'utilizzo dei dati sugli spostamenti e sui fruitori che, a differenza di quanto succede per gli altri sharing, dovrebbero rimanere anonimi e comunque in possesso del Comune e non essere venduti, così come la ricarica delle batterie pensiamo debba essere preferibilmente da fonti rinnovabili, e che il Comune insieme al futuro gestore possa condurre campagne di sensibilizzazione sul corretto uso del mezzo in termini di sicurezza e di rispetto della cittadinanza e della città."affermano i Consiglieri del gruppo Firenze Riparte a Sinistra, Adriana Alberici, Tommaso Grassi e Donella Verdi, insieme all'ex Consigliere Giacomo Trombi che ha portato avanti la proposta negli scorsi mesi. "Una innovazione che aiuterebbe la Città di Firenze ad essere meno inquinata, a velocizzare e rendere agevoli gli spostamenti della cittadinanza, a partire da quella più giovane, e che se si pensa come ogni monopattino potrà essere un'auto in meno sulla strada, a rendere più bella e vivibile la nostra Firenze". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 feb 2019

ROMA | Un itinerario ciclabile dalla Basilica di San Pietro alla Basilica di San Francesco d’Assisi

di mobilita

Roma Capitale, con deliberazione di Giunta, ha aderito al progetto di valorizzazione del cammino “Assisi-Roma – la Via dell’Acqua”, approvando un accordo di collaborazione inter-istituzionale con 21 Comuni del Lazio, Città Metropolitana di Roma Capitale e Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa, per la partecipazione al nuovo bando della regione Lazio nell’ambito delle disposizioni della legge regionale sulla “Mobilità nuova”. Il percorso ciclabile si sviluppa lungo i corsi d'acqua umbri e laziali, attraverso i Comuni, le riserve naturali e i siti archeologici che lo rendono unico al mondo. Una ciclovia di 250 chilometri da Roma ad Assisi, un "cammino" culturale, naturalistico, archeologico e religioso. Roma Capitale ha inoltre autorizzato il Dipartimento Mobilità e Trasporti a presentare altri tre progetti di piste ciclabili in adesione al bando regionale: Prolungamento della pista ciclopedonale Monte Ciocci da Via Vincenzo Chiarugi (S. Maria della Pietà) a via Giovanni Marinotti (Stazione S. Filippo Neri) Viadotto dei Presidenti Vitinia Tor de Cenci- Riserva Decima Malafede “Un unico percorso che unisca la nostra città ad Assisi. Roma aderisce al bando regionale per la promozione del territorio con l’obiettivo di creare un’altra ciclovia. Un’opportunità per estendere la rete di piste ciclabili che stiamo già realizzando per la nostra città”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Roma Capitale dimostra ancora una volta l’interesse a promuovere ogni forma di intervento a favore della mobilità sostenibile. Con l’adesione all’avviso regionale valorizziamo il territorio con particolare attenzione all’ambiente. Oltre alla ciclovia Vaticano-Assisi aggiungiamo all’elenco altri tre progetti per ampliare la mappa pensata per Roma”, dichiara l’assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo.

Leggi tutto    Commenti 0