Articolo
19 giu 2017

Troppo smog? Ci pensa la bicicletta!

di Cristina Betti

Per cercare di superare il problema del troppo smog delle metropoli, è stata progettata una bicicletta dotata di ionizzatore. Usare la bicicletta al posto della macchina è già di per sé un ottimo modo di contenere lo smog delle città, ma lo Studio Roosegaarde del designer olandese Dan Roosegaarde, è andato oltre: all'interno del progetto Smog Free in cui si punta a ridurre l'inquinamento delle metropoli (in cui è coinvolto anche il governo cinese) è stata ideata una bici dotata di purificatore d'aria, in grado di funzionare grazie al movimento dei pedali. L'idea di per sé è molto semplice e richiama il funzionamento degli ionizzatori: le polveri presenti nell'aria vengono filtrate dall'apparecchio che è montato sul manubrio, al suo interno esse vengono caricate elettrostaticamente, in uesto modo precipitano e l'aria che ne esce risulta così purificata. La bicicletta, battezzata Smog FreeBycicle, è però ancora un modello sperimentale, ma già si pone nell'ottica di diventare un mezzo sicuramente necessario a livello delle grandi città mondiali, accompagnando anche il crescente servizio di bike sharing e affini. Obiettivo finale è quello di creare una cittadinanza di "spazzini dell'aria" a cui viene chiesto soltanto di pedalare per il tragitto casa-lavoro. Come detto, soprattutto la Cina è interessata ad investire su questo prodotto, specialmente a Pechino, città in cui la bicicletta è molto diffusa fra le abitudini della popolazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Firenze come Shanghai: arriva il bike-sharing “alla cinese”

di Alessandra Santoni

A Firenze sta arrivando il bike-sharing a flusso libero: ovvero senza stazioni fisse. Per spiegarci meglio, questo servizio non necessita di stazioni fisse per il ritiro e la riconsegna delle biciclette, che potranno essere lasciate ovunque consentito (quindi alle apposite rallestriere, che si spera miglioreranno e soprattutto aumenteranno per questa occasione) e individuate attraverso sistemi di posizionamento Gps e smartphone; inoltre questo permette di usare la bici senza vincoli di prenotazione o luogo di sosta, con una diffusione territoriale più estesa e più capillare rispetto al bike sharing a postazione fissa. Il sistema di gestione sarà completamente automatizzato per l'utente, che potrà visualizzare le biciclette disponibili, prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo, bloccarle al termine e pagare (un po' come Car2Go o Enjoy), ma anche segnalare guasti, malfunzionamenti o comportamenti scorretti da parte di altri utenti, tutto tramite un'apposita app. Il numero di biciclette previste per la prima fase va da mille a ottomila: Si tratta di un atto importante - ha commentato l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti - che modifica il tradizionale bike-sharing con le stazioni fisse in un modello "free flow" come l'attuale car-sharing, il quale ha riscosso molto successo fra la cittadinanza. In questo modo inoltre prevediamo di arrivare a dotare la città di un servizio più capillare, che prevede fino a 8000 bicilette rispetto al precedente progetto che in 65 stazioni poteva contenere 975 mezzi. E' un grande passo avanti verso la mobilità ciclabile in città e soprattutto nel centro storico.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 giu 2017

TreGo: e la tua bici si trasforma in cargo!

di Cristina Betti

TreGo è un carrello a due ruote che permette alla tua bici di trasformarsi in pochi secondi in una cargo-bike. Ofir Yadan di Tel Aviv ha avuto l'idea nel 2012 come progetto per una tesi di laurea denominato S-cargo, in poco tempo il suo progetto si è sviluppato fino ad arrivare alla forma attuale, presente attualmente in una campagna di lancio su kick-starter. L'inventore, industrial designer oltre che appassionato ciclista, punta da sempre all'idea che la bicicletta non debba essere limitata a particolari esigenze di trasporto; per questo ha pensato a TreGo, che può essere utilizzato sia come semplice carrello che come accessorio da applicare alla bicicletta. Tutto questo è reso possibile grazie alla tecnologia del Fast-connector, un componente da applicare alla forcella della bici che consente di poter fissare il carrello senza l’utilizzo di attrezzi e con poco spreco di tempo. Il carrello, realizzato completamente in alluminio leggero, dotato di ruote inclinabili ed un efficace sistema di freni a disco idraulici, è inoltre pieghevole, permettendone così l'utilizzo per il trasporto a mano. L'esperienza di bici è così completa: senza compromettere l'esperienza di guida (molto facile anche con il carrello, come si vede dal video più sotto), si ottiene un uso più completo del mezzo a due ruote più diffuso del mondo. https://youtu.be/E-TKgK0MrXY  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 mag 2017

Una locomotiva intelligente per abbattere le emissioni

di Andrea Baio

La General Electric ha iniziato a produrre locomotive "ecologiche" che sono in grado di abbattere le emissioni sin del 70%. Come è possibile? In tutte le nuove locomotive vengono installati 30 sensori digitali che le trasformano in cervelli computerizzati. I sensori trasmettono in tempo reale dati critici sulle performance, in modo che gli ingegneri possano diagnosticare eventuali problemi e ottimizzare i tempi di manutenzione. Una soluzione sicuramente interessante per tutti quei territori vasti, come gli USA ad esempio, dove l'elettrificazione delle linee ferroviarie è molto difficile a causa degli altri costi dovuti al lungo chilometraggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 mag 2017

BlaBlaCar festeggia i primi 5 anni del carpooling in Italia

di Fabio Nicolosi

BlaBlaCar, la piattaforma per i viaggi in auto condivisi, festeggia i suoi 5 anni in Italia e rivela per la prima volta l’entità della sua community: sono 2,5 milioni gli utenti della piattaforma nel nostro Paese. Nella popolazione internet tra i 20 e i 34 anni, il 17% degli italiani fa parte della community di BlaBlaCar; e tra i 35 e i 44 anni è l’8% degli italiani a scegliere il carpooling. Dal 2012 a oggi, sulla piattaforma di BlaBlaCar sono stati offerti 1,5 miliardi di chilometri: quasi 25.000 volte la circonferenza della terra e oltre 270.000 il Giro d’Italia 2017. 5 anni di viaggi condivisi BlaBlaCar nasce in Francia nel 2006 e arriva in Italia nel 2012, in una fase in cui in molti ripensano ai propri consumi: nel gennaio 2012 i pedaggi autostradali aumentano in media del 3,1%, e in agosto il prezzo della benzina supera il record dei 2 euro al litro. L’idea del carpooling inizia a attrarre gli automobilisti: a pochi giorni dal lancio della piattaforma in Italia c’è già chi offre i posti disponibili a bordo per tratte lunghe come Messina-Torino, Bari-Genova e Benevento-Venezia. Sfidando i pregiudizi relativi al viaggio con ‘sconosciuti’ BlaBlaCar costruisce la sua community: a decretare il successo della piattaforma sono soprattutto i pendolari settimanali che ogni weekend fanno rientro in famiglia dalla città in cui studiano o lavorano. È il caso di Nicola M., 27 anni, genovese che nel 2014 si è trasferito a Milano per lavoro e dopo la prima settimana in città si è iscritto a BlaBlaCar per poter tornare in Liguria il più spesso possibile; o quello di Flavia F., 48 anni, infermiera a Milano e pendolare per amore che si mette in auto verso Rimini per raggiungere la compagna ogni volta che le è possibile: Flavia è la donna italiana con più feedback sulla piattaforma, quasi 500, seguita in classifica da Claudia G., 39 anni, insegnante tra Cagliari e Sassari. Ci sono poi viaggiatori come Paolo S., 34 anni, che da Pisa gira l’Italia in BlaBlaCar proprio dal 2012, o Stefano M., 30 anni, per cui la Milano-Palermo in carpooling è un’abitudine in ogni occasione di vacanza. E il carpooling in Italia viene apprezzato anche per il suo aspetto social: Arianna T., 34 anni, e Pierfranca M., 47, dopo un viaggio in BlaBlaCar si sono ritrovate spesso e hanno frequentato insieme corsi professionali; e Luisa V., 38 anni, grazie a un suo passaggero ha incontrato il cagnolino che avrebbe poi adottato. Oggi sulla piattaforma le tre tratte più popolari sono la Milano-Genova, la Milano-Padova e la Roma-Napoli, ma i viaggi offerti nel Paese coprono tragitti medi di 340 km e la spesa media per un posto in auto si aggira attorno ai 18 euro. Per questo fine settimana sulla piattaforma si registra anche un certo movimento verso Cardiff, meta a cui puntano i tifosi della Juventus e del Real Madrid in vista della finale della UEFA Champions League: da Torino, Vercelli, Modena e Milano c’è chi offre posti in auto verso il Galles; e lo stesso succede da Madrid. Il costo medio di un passaggio da Torino a Cardiff (1.489 km, 16 ore di viaggio stimate) su BlaBlaCar è di 89,50€. I regali per la community da parte di BlaBlaCar non si esauriscono nella settimana del suo compleanno ma continuano per tutta l’estate. Il prossimo arriverà a ridosso delle partenze estive, quando i conducenti più attivi della piattaforma riceveranno una sorpresa pensata da Hasbro Gaming per far divertire in auto tutti i loro compagni di viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mag 2017

L’Italia, una nazione con poche città virtuose sulle due ruote, tutte al centro nord…

di Giulio Di Chiara

Una nazione a due velocità anche sulle due ruote non motorizzate. Se alcuni centri medio piccoli riescono ad affermare la propria virtuosità in tema di ciclabilità, il resto d'Italia ancora arranca e non riesce nel complesso ad incrementare il numero di utenti che si muove pedalando. In particolare, il top italiano è rappresentato da Pesaro e Bolzano, dove un cittadino su tre utilizza giornalmente la bicicletta per i propri spostamenti. "Il comune altoatesino ha collegato tra loro, formando una sorta di grande anello ciclabile, tutte le zone scolastiche, sportive e ricreative cittadine. La città di Pesaro ha realizzato la Bicipolitana, una metropolitana di superficie che alla fine del 2016 conta ben 85 chilometri di percorsi ciclabili e la rete, visto il successo, continua a estendersi. " Occorre specificare che questi comuni non hanno soltanto investito sulle infrastrutture, ma hanno parallelamente attivato politiche di pedonalizzazioni e riduzione degli spazi destinati alle auto. Tornando in Italia, Cremona, Rimini, Pisa, Padova, Novara, Forlì, Ravenna, Reggio Emilia, Treviso e Ferrara seguono alle prime della classe, con una media del 15% di utilizzo delle biciclette. E le grandi città? Milano si attesta al 6%, mentre Roma rimane ancora molto indietro, con cinque utenti su mille in sella per le strade della capitale. A livello nazionale un dato salta all'occhio: nel 2008 soltanto il 3,6% degli abitanti utilizzava le due ruote. 7 anni dopo la percentuale rimane immutata. I dati riportati sono tratti da A Bi Ci - 1° Rapporto sull’economia della bici in Italia e sulla ciclabilità nelle città - realizzato da Legambiente in collaborazione con VeloLove e GRAB+ .

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mag 2017

nCycle, la bici che dialoga con i nostri dispositivi elettronici

di Cristina Betti

Il 14 maggio è stata la giornata nazionale della bicicletta: dopo quasi duecento anni di vita, in che cosa si evolverà il mezzo a due ruote più diffuso del mondo? La bicicletta sta diventando un mezzo sempre più futuristico e tecnologico, e l'azienda New Cast Service di Carpi ce lo dimostra con la sua nCycle: una bici "digital oriented" che è già arrivata anche in Italia. Ideata dall'architetto albanese Marin Myftiu, e prodotta dall’italianissima New Cast Service di Carpi, promette una rivoluzione nel mondo delle e-bike: è elettrica, facile da trasportare e in grado di comunicare con i nostri dispositivi.  Ls "bici del futuro" è stata studiata per avere un design di grande impatto, ma non per essere soltanto bella. All'interno del suo telaio, fatto in carbonio leggerissimo, è stata integrata una batteria in grado di gestire l’elettronica del mezzo e con un’autonomia di circa 90 km. Inoltre un display olografico è stato posizionato sulla canna, permettendo così ad nCycle di comunicare con il nostro smartphone e tablet, che potremo portare con noi, e quindi ricaricare, durante le nostre pedalate. Anche la sicurezza non è stata tralasciata: il manubrio, dotato di luci al led e altoparlanti bluetooth, può trasformarsi in un lucchetto, permettendoci quindi di lasciare a casa le catene. In alternativa, la bici può essere piegata in due, per poter essere trasportata e riposta in luoghi più sicuri. “Quello che vogliamo veramente raggiungere con nCycle – afferma il team di nCycle – è creare una nuova icona sociale” E considerando il successo ottenuto all'Eurobike, forse questo mezzo, la primi bici elettrica pieghevole e digital-oriented prodotta in Italia, potrebbe riuscirci.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mag 2017

I droni come pali della luce “volanti”

di Andrea Baio

In un futuro non troppo lontano i droni potrebbero essere impiegati come illuminazione stradale mobile disponibile praticamente ovunque, e su richiesta. Queste "luci con le ali" sono state progettate per servire aree scarsamente illuminate e sopperire a diverse necessità. Uno degli impieghi più intelligenti sarà quello di reclutare una squadra di droni tramite app per illuminare la propria via durante la guida lungo strade al buio. Inviando una richiesta da smartphone ad esempio, sarà possibile essere geo-localizzati dal drone, che in tal modo raggiungerà la postazione richiesta e si organizzerà autonomamente. Direct Line ha sperimentato una prima squadra di droni in una città del Regno Unito scarsamente illuminata: Petworth. Oltre all'illuminazione stradale, i droni sono progettati per accompagnare le persone di ritorno a casa a piedi - ed evitare in tal modo situazioni di potenziale pericolo - o coadiuvare le operazioni di soccorso e recupero superstiti in luoghi dove avvengono incidenti ad esempio. Un'invenzione che potrebbe rendere le città del futuro ancora più smart.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2017

Mitigare gli sfregi urbani con la natura: l’esempio di “Oasi in Città” nel sorrentino

di Giulio Di Chiara

Le nostre città purtroppo contano molto spesso le cicatrici che l'uomo gli ha lasciato in eredità. Sfregi figli di cattiva progettazione, infrastrutture inutili, sovradimensionate o semplicemente fuori posto. Alle volte, l'occasione di un finanziamento a pioggia induce i nostri governatori a spendere il denaro entro i termini imposti pur di ottenere la paternità di "qualcosa",  a prescindere dalle esigenze del territorio. Per fortuna l'uomo stesso ogni tanto prova a metterci una pezza, mitigando i propri errori con attività compensative. E' successo nel comune di Sant'Agnello, nella costiera sorrentina. Il WWF in sinergia con l'amministrazione comunale ha infatti lavorato per due anni alla realizzazione di "Oasi in città", un'area urbana restituita alla collettività al di sopra di un mega parcheggio molto contestato. "quattromila metri quadrati con quasi 6.000 piante, di 70 specie arboree diverse, quasi tutte autoctone, che coprono un parcheggio interrato. Un rigoglioso angolo di macchia mediterranea dove la vegetazione e un lago hanno contribuito a creare un habitat subito "colonizzato" da upupe, occhiocotti e cinciarelle, che hanno già nidificato.L'Oasi in città è stata ideata e progettata dal WWF Terre del Tirreno." L'inaugurazione è avvenuta lo scorso 30 aprile e nei primi due giorni si sono registrati quasi 4.000 visitatori. Tra le attrattive dell'Oasi ci sono più aree tematiche: il prato selvatico, il giardino delle farfalle, la siepe,il bio-lago, la pinetina, il viale dei fruttiferi, il bosco ombroso, le piante officinali, la macchia mediterranea. Cittadini e turisti possono così immergersi in un parco che è anche aula didattica all’aperto, impreziosita da una ricca fauna presentata da una serie di cartelli illustrativi (fonte). Un esempio da seguire.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mag 2017

Navigare in autostrada? Si può. Ecco tutte le aree di servizio con il wi-fi gratuito

di Fabio Nicolosi

Come connnettersi con il Free Wi-Fi in Area di Servizio: Basta accendere il proprio dispositivo dotato di connettività Wi-Fi Scegliere la rete "Autostrade per l'Italia Free Wi-Fi" Avviare il browser Cliccare NAVIGA sulla pagina di benvenuto e iniziare a navigare liberamente. Si arricchisce quindi ulteriormente la gamma di servizi gratuiti offerti da Autostrade per l'Italia ai propri clienti in viaggio. All'interno delle aree di servizio è infatti possibile: restare aggiornati sulle informazioni di traffico in tempo reale, le previsioni meteo, i prezzi carburante più convenienti, gli itinerari di viaggio proposti da "Sei in un Paese meraviglioso"; scaricare la app MY WAY gratuita e geolocalizzata che ti accompagna in viaggio e al lavoro con informazioni real time sul traffico, il tutor e i servizi in autostrada; consultare le postazioni multimediali Hi point e le tv Infomoving per consultare le ultime notizie di viabilità e tanto altro. Ecco l'elenco delle aree di servizio in cui è disponibile la connessione wi-fi gratuita

Leggi tutto    Commenti 0